Visualizzazione del risultato

La ragazza di nome Giulio

“La ragazza di nome Giulio” apparve nel 1964, suscitando un certo scandalo. Il libro venne sequestrato per “aver gravemente offeso il comune senso del pudore” e l’autrice fu incriminata e condannata a sei mesi di reclusione. Nel successivo processo d’appello buona parte del mondo culturale e artistico sostenne Milena Milani che venne assolta e il libro fu dissequestrato