Visualizzazione di tutti i 13 risultati

Terra Alta: Premio Planeta 2019

Un crimen terrible sacude la apacible comarca de la Terra Alta: los propietarios de su mayor empresa, Gráficas Adell, aparecen asesinados tras haber sido sometidos a atroces torturas. Se encarga del caso Melchor Marín, un joven policía y lector voraz llegado desde Barcelona cuatro años atrás, con un oscuro pasado a cuestas que le ha convertido en una leyenda del cuerpo y que cree haber enterrado bajo su vida feliz como marido de la bibliotecaria del pueblo y padre de una niña llamada Cosette, igual que la hija de Jean Valjean, el protagonista de su novela favorita: Los miserables.
Partiendo de ese suceso, y a través de una narración trepidante y repleta de personajes memorables, esta novela se convierte en una lúcida reflexión sobre el valor de la ley, la posibilidad de la justicia y la legitimidad de la venganza, pero sobre todo en la epopeya de un hombre en busca de su lugar en el mundo. **
### Descrizione del libro
Él era un hombre justo, el mundo, no. Terra Alta, un thriller impactante.
### Sinossi
Un crimen terrible sacude la apacible comarca de la Terra Alta: los propietarios de su mayor empresa, Gráficas Adell, aparecen asesinados tras haber sido sometidos a atroces torturas. Se encarga del caso Melchor Marín, un joven policía y lector voraz llegado desde Barcelona cuatro años atrás, con un oscuro pasado a cuestas que le ha convertido en una leyenda del cuerpo y que cree haber enterrado bajo su vida feliz como marido de la bibliotecaria del pueblo y padre de una niña llamada Cosette, igual que la hija de Jean Valjean, el protagonista de su novela favorita: Los miserables.
Partiendo de ese suceso, y a través de una narración trepidante y repleta de personajes memorables, esta novela se convierte en una lúcida reflexión sobre el valor de la ley, la posibilidad de la justicia y la legitimidad de la venganza, pero sobre todo en la epopeya de un hombre en busca de su lugar en el mundo.

Un crimen terrible sacude la apacible comarca de la Terra Alta: los propietarios de su mayor empresa, Gráficas Adell, aparecen asesinados tras haber sido sometidos a atroces torturas. Se encarga del caso Melchor Marín, un joven policía y lector voraz llegado desde Barcelona cuatro años atrás, con un oscuro pasado a cuestas que le ha convertido en una leyenda del cuerpo y que cree haber enterrado bajo su vida feliz como marido de la bibliotecaria del pueblo y padre de una niña llamada Cosette, igual que la hija de Jean Valjean, el protagonista de su novela favorita: Los miserables.
Partiendo de ese suceso, y a través de una narración trepidante y repleta de personajes memorables, esta novela se convierte en una lúcida reflexión sobre el valor de la ley, la posibilidad de la justicia y la legitimidad de la venganza, pero sobre todo en la epopeya de un hombre en busca de su lugar en el mundo. **
### Descrizione del libro
Él era un hombre justo, el mundo, no. Terra Alta, un thriller impactante.
### Sinossi
Un crimen terrible sacude la apacible comarca de la Terra Alta: los propietarios de su mayor empresa, Gráficas Adell, aparecen asesinados tras haber sido sometidos a atroces torturas. Se encarga del caso Melchor Marín, un joven policía y lector voraz llegado desde Barcelona cuatro años atrás, con un oscuro pasado a cuestas que le ha convertido en una leyenda del cuerpo y que cree haber enterrado bajo su vida feliz como marido de la bibliotecaria del pueblo y padre de una niña llamada Cosette, igual que la hija de Jean Valjean, el protagonista de su novela favorita: Los miserables.
Partiendo de ese suceso, y a través de una narración trepidante y repleta de personajes memorables, esta novela se convierte en una lúcida reflexión sobre el valor de la ley, la posibilidad de la justicia y la legitimidad de la venganza, pero sobre todo en la epopeya de un hombre en busca de su lugar en el mundo.

Only registered users can download this free product.

El Monarca De Las Sombras

**Más de quince años después de la publicación de *Soldados de Salamina* , Javier Cercas regresa a la Guerra Civil con una novela más íntima y personal, que indaga en el pasado más incómodo de su familia.** **Ninguna familia escapa a su herencia.**
**Sobre los vencedores y los vencidos, y los secretos que todos callamos.** Esta es la novela que Javier Cercas se había estado preparando para escribir desde que quiso ser novelista. O desde antes. *El monarca de las sombras* narra la búsqueda del rastro perdido de un muchacho casi anónimo que peleó por una causa injusta y murió en el lado equivocado de la historia. Se llamaba Manuel Mena y en 1936, al estallar la guerra civil, se incorporó al ejército de Franco; dos años después murió combatiendo en la batalla del Ebro, y durante décadas se convirtió en el héroe oficial de su familia. Era tío abuelo de Javier Cercas, quien siempre se negó a indagar en su historia, hasta que se sintió obligado a hacerlo. El resultado de esa indagación es una novela absorbente, pletórica de acción, de humor y de emoción, que nos enfrenta a algunos de los temas esenciales de la narrativa de Cercas: la naturaleza radiante, poliédrica y misteriosa del heroísmo, la terca pervivencia de los muertos y la dificultad de hacerse cargo del pasado más incómodo. **Exploración a la vez local y universal, personal y colectiva, novela belicosamente antibelicista, *El monarca de las sombras* da una vuelta de tuerca inesperada y deslumbrante a la pregunta sobre la herencia de la guerra que Cercas abrió años atrás con *Soldados de Salamina*.** **Reseñas:**
«Con esta novela, Cercas se reafirma como uno de los grandes escritores europeos contemporáneos.»
Marco Belpoliti, *L’Espresso* «Un acto notable de historia personal: valiente, revelador e inquebrantablemente honesto.»
William Boyd «El viaje de Cercas tras las huellas de un Mena que quería ser el Aquiles de la Ilíada es la cumbre del conjunto de una obra fascinante.»
Alexandre Fillon, *Lire* «Un libro aún más radical, atrevido e importante que cualquier otro que el más grande escritor español contemporáneo haya intentado hasta ahora.»
Yann Perreau, *Les Inrockuptibles* «Un fascinante road trip por la memoria.»
Ar. S., *Le Monde, Des Livres* «Quizás porque nosotros no nos hemos tenido que enfrentar a un trauma moral nacional tan terrible, no hay nadie que escriba así en inglés: una humanidad comprometida alcanzando una sabiduría obtenida con grandes esfuerzos. Se trata de algo poderoso.»
David Mills, *Sunday Times* **

**Más de quince años después de la publicación de *Soldados de Salamina* , Javier Cercas regresa a la Guerra Civil con una novela más íntima y personal, que indaga en el pasado más incómodo de su familia.** **Ninguna familia escapa a su herencia.**
**Sobre los vencedores y los vencidos, y los secretos que todos callamos.** Esta es la novela que Javier Cercas se había estado preparando para escribir desde que quiso ser novelista. O desde antes. *El monarca de las sombras* narra la búsqueda del rastro perdido de un muchacho casi anónimo que peleó por una causa injusta y murió en el lado equivocado de la historia. Se llamaba Manuel Mena y en 1936, al estallar la guerra civil, se incorporó al ejército de Franco; dos años después murió combatiendo en la batalla del Ebro, y durante décadas se convirtió en el héroe oficial de su familia. Era tío abuelo de Javier Cercas, quien siempre se negó a indagar en su historia, hasta que se sintió obligado a hacerlo. El resultado de esa indagación es una novela absorbente, pletórica de acción, de humor y de emoción, que nos enfrenta a algunos de los temas esenciales de la narrativa de Cercas: la naturaleza radiante, poliédrica y misteriosa del heroísmo, la terca pervivencia de los muertos y la dificultad de hacerse cargo del pasado más incómodo. **Exploración a la vez local y universal, personal y colectiva, novela belicosamente antibelicista, *El monarca de las sombras* da una vuelta de tuerca inesperada y deslumbrante a la pregunta sobre la herencia de la guerra que Cercas abrió años atrás con *Soldados de Salamina*.** **Reseñas:**
«Con esta novela, Cercas se reafirma como uno de los grandes escritores europeos contemporáneos.»
Marco Belpoliti, *L’Espresso* «Un acto notable de historia personal: valiente, revelador e inquebrantablemente honesto.»
William Boyd «El viaje de Cercas tras las huellas de un Mena que quería ser el Aquiles de la Ilíada es la cumbre del conjunto de una obra fascinante.»
Alexandre Fillon, *Lire* «Un libro aún más radical, atrevido e importante que cualquier otro que el más grande escritor español contemporáneo haya intentado hasta ahora.»
Yann Perreau, *Les Inrockuptibles* «Un fascinante road trip por la memoria.»
Ar. S., *Le Monde, Des Livres* «Quizás porque nosotros no nos hemos tenido que enfrentar a un trauma moral nacional tan terrible, no hay nadie que escriba así en inglés: una humanidad comprometida alcanzando una sabiduría obtenida con grandes esfuerzos. Se trata de algo poderoso.»
David Mills, *Sunday Times* **

Only registered users can download this free product.

La donna del ritratto

« *Un narratore magistrale* »
**J.M. Coetzee** « *Cercas appartiene alla stirpe dei grandi scrittori* »
**Livres Hebdo** « *Una prosa limpida e chiara, che emoziona. Cercas ricorda Scott Fitzgerald e Faulkner* »
**The Independent** « *Uno scrittore di straordinario talento* »
**Roberto Bolaño** Quando, un pomeriggio di fine agosto,Tomás incontra Claudia, antico amore di gioventù, non sa ancora che la sua esistenza sta per prendere una svolta inaspettata. Questo semplice incontro casuale sembra infatti presentargli all’improvviso la donna della sua vita, ma rischia anche di farlo sprofondare in un incubo da commedia degli equivoci. Tutto viene messo in discussione: un matrimonio ormai esaurito, il precario posto di assistente di Letteratura all’università, gli amici di sempre… Da un giorno all’altro nulla è più come prima. Trascinato dagli eventi che si susseguono a ritmo vertiginoso, Tomás, il riflessivo professore, cercando quasi inconsapevole la sua stessa perdizione, insegue disperatamente un amore appena intuito, che si rivela come qualcosa di misterioso e inesorabile.

« *Un narratore magistrale* »
**J.M. Coetzee** « *Cercas appartiene alla stirpe dei grandi scrittori* »
**Livres Hebdo** « *Una prosa limpida e chiara, che emoziona. Cercas ricorda Scott Fitzgerald e Faulkner* »
**The Independent** « *Uno scrittore di straordinario talento* »
**Roberto Bolaño** Quando, un pomeriggio di fine agosto,Tomás incontra Claudia, antico amore di gioventù, non sa ancora che la sua esistenza sta per prendere una svolta inaspettata. Questo semplice incontro casuale sembra infatti presentargli all’improvviso la donna della sua vita, ma rischia anche di farlo sprofondare in un incubo da commedia degli equivoci. Tutto viene messo in discussione: un matrimonio ormai esaurito, il precario posto di assistente di Letteratura all’università, gli amici di sempre… Da un giorno all’altro nulla è più come prima. Trascinato dagli eventi che si susseguono a ritmo vertiginoso, Tomás, il riflessivo professore, cercando quasi inconsapevole la sua stessa perdizione, insegue disperatamente un amore appena intuito, che si rivela come qualcosa di misterioso e inesorabile.

Only registered users can download this free product.

La velocitat de la llum

Aquesta és la història d’una amistat, una amistat que comença el 1987, quan el narrador, un jove aspirant a novel·lista, viatja a una universitat del Mig Oest nord-americà i coneix a Rodney Falk, el seu company de despatx, un excombatent del Vietnam esquerp i inaccessible, iradament lúcid i corsecat pel secret del seu passat. Però aquesta és també la història d’una experiència radical en l’abisme indesxifrable del mal i la culpa, que el propi narrador només aconseguirà entendre i assumir anys més tard, com en una fulguració, quan conegui l’èxit i el que aquest té de corrupció insidiosa. A aquelles alçades la figura imprecisa de Rodney i la seva història devastadora acabaran imposant-se-li amb la força d’allò que és necessari, com un emblema de la seva pròpia història i tal vegada de la condició humana. Amb una escriptura d’enganyosa transparència i una trama que sense treva atrapa al lector, «La velocitat de la llum» indaga en la nostra il·limitada capacitat de fer mal, en la infinita estupidesa de la guerra i en la infinita estupidesa de l’èxit, però sobretot en el poder de la literatura per enfrontar-se a la realitat i exorcitzar els dimonis.

Aquesta és la història d’una amistat, una amistat que comença el 1987, quan el narrador, un jove aspirant a novel·lista, viatja a una universitat del Mig Oest nord-americà i coneix a Rodney Falk, el seu company de despatx, un excombatent del Vietnam esquerp i inaccessible, iradament lúcid i corsecat pel secret del seu passat. Però aquesta és també la història d’una experiència radical en l’abisme indesxifrable del mal i la culpa, que el propi narrador només aconseguirà entendre i assumir anys més tard, com en una fulguració, quan conegui l’èxit i el que aquest té de corrupció insidiosa. A aquelles alçades la figura imprecisa de Rodney i la seva història devastadora acabaran imposant-se-li amb la força d’allò que és necessari, com un emblema de la seva pròpia història i tal vegada de la condició humana. Amb una escriptura d’enganyosa transparència i una trama que sense treva atrapa al lector, «La velocitat de la llum» indaga en la nostra il·limitada capacitat de fer mal, en la infinita estupidesa de la guerra i en la infinita estupidesa de l’èxit, però sobretot en el poder de la literatura per enfrontar-se a la realitat i exorcitzar els dimonis.

Only registered users can download this free product.

Soldats de Salamina

Eren els darrers mesos de la Guerra Civil i les tropes republicanes es retiraven cap a França quan algú, enmig de la fugida desesperada, va decidir executar un grup de presos franquistes. Entre ells hi havia Rafael Sánchez Mazas, fundador i ideòleg de la Falange Española, potser un dels responsables directes del conflicte fratricida. Gràcies al soldat republicà anònim d’estranya mirada que li va perdonar la vida, a l’ajut d’uns pagesos de les rodalies i, probablement, a la seva bona estrella, Sánchez Mazas es va salvar fent vida de bosquerol, en companyia d’alguns desertors i durant uns mesos, fins a l’arribada dels nacionals. Aquesta història va córrer com la pólvora després de la guerra, qualsevol que hagués conegut Sánchez Mazas la sabia, perquè l’explicava a tothom. Molta gent es pensava que era mentida. I, de fet, encara hi ha qui ho pensa.

Eren els darrers mesos de la Guerra Civil i les tropes republicanes es retiraven cap a França quan algú, enmig de la fugida desesperada, va decidir executar un grup de presos franquistes. Entre ells hi havia Rafael Sánchez Mazas, fundador i ideòleg de la Falange Española, potser un dels responsables directes del conflicte fratricida. Gràcies al soldat republicà anònim d’estranya mirada que li va perdonar la vida, a l’ajut d’uns pagesos de les rodalies i, probablement, a la seva bona estrella, Sánchez Mazas es va salvar fent vida de bosquerol, en companyia d’alguns desertors i durant uns mesos, fins a l’arribada dels nacionals. Aquesta història va córrer com la pólvora després de la guerra, qualsevol que hagués conegut Sánchez Mazas la sabia, perquè l’explicava a tothom. Molta gent es pensava que era mentida. I, de fet, encara hi ha qui ho pensa.

Only registered users can download this free product.

Anatomia di un istante

Un romanziere come Javier Cercas vuole raccontare in forma di romanzo il tentativo di colpo di stato del 23 febbraio 1981 in Spagna. Scopre, però, che “per una volta la storia è stata coerente, simmetrica e geometrica, e non disordinata, casuale e imprevedibile”, che quella realtà possiede in sé “tutta la forza drammatica e il potenziale simbolico che esigiamo dalla letteratura”. E allora decide coraggiosamente di rinunciare, o forse di fingere di rinunciare, alla fiction per fare l'”anatomia di un istante” ed esporre i fatti: quelli che videro il colonnello Tejero entrare armi in pugno nel parlamento di Madrid. Ma i “nudi fatti” non sono per nulla semplici: sono anche la loro interpretazione e il loro racconto. Ciò che Cercas vede in quell’istante cruciale, mentre le pallottole dei golpisti fischiano nelle Cortes e i parlamentari cercano riparo sotto i banchi dell’emiciclo, sono tre uomini – il primo ministro Adolfo Suàrez, il tenente generale Gutiérrez Mellado e il segretario del partito comunista Santiago Carillo – simbolo di valori diversi e perfino opposti, che rimangono seduti ai loro posti a sfidare il golpe. Nel suo racconto, quel loro gesto dà senso alle rispettive traiettorie esistenziali, illuminando al contempo un’epoca, un Paese e il suo futuro.

Un romanziere come Javier Cercas vuole raccontare in forma di romanzo il tentativo di colpo di stato del 23 febbraio 1981 in Spagna. Scopre, però, che “per una volta la storia è stata coerente, simmetrica e geometrica, e non disordinata, casuale e imprevedibile”, che quella realtà possiede in sé “tutta la forza drammatica e il potenziale simbolico che esigiamo dalla letteratura”. E allora decide coraggiosamente di rinunciare, o forse di fingere di rinunciare, alla fiction per fare l'”anatomia di un istante” ed esporre i fatti: quelli che videro il colonnello Tejero entrare armi in pugno nel parlamento di Madrid. Ma i “nudi fatti” non sono per nulla semplici: sono anche la loro interpretazione e il loro racconto. Ciò che Cercas vede in quell’istante cruciale, mentre le pallottole dei golpisti fischiano nelle Cortes e i parlamentari cercano riparo sotto i banchi dell’emiciclo, sono tre uomini – il primo ministro Adolfo Suàrez, il tenente generale Gutiérrez Mellado e il segretario del partito comunista Santiago Carillo – simbolo di valori diversi e perfino opposti, che rimangono seduti ai loro posti a sfidare il golpe. Nel suo racconto, quel loro gesto dà senso alle rispettive traiettorie esistenziali, illuminando al contempo un’epoca, un Paese e il suo futuro.

Only registered users can download this free product.

Soldati di Salamina

«*Con le sue congetture, le sue zone d’ombra, l’illuminato intervento del caso, la perfetta simbiosi tra destino individuale e storico, Javier Cercas ha scritto un romanzo
indimenticabile.*»
**El País su Soldati di Salamina**
«*Un romanzo stupendo che indaga in modo originale la guerra civile spagnola.*»
**La Vanguardia su Soldati di Salamina**
«*Un caso letterario, ma non solo. Perché la storia che Cercas racconta (…) è un modo per riparare alle ingiustizie della storia, un canto teso e appassionato alla dignità e all’etica.*»
**Bruno Arpaia, Il Sole 24 Ore su Soldati di Salamina**
«*Uno dei più originali romanzi spagnoli dell’ultimo decennio.*»
**Il Venerdì di Repubblica su Soldati di Salamina**
Spagna, ultimi mesi della guerra civile. Durante la ritirata delle truppe repubblicane verso la frontiera francese, viene presa la decisione di fucilare un gruppo di prigionieri franchisti. Tra loro si trova Rafael Sánchez Mazas, fondatore e ideologo della Falange. Riuscito a scampare alla fucilazione di massa, Sánchez Mazas si nasconde in un bosco. Un miliziano lo raggiunge, lo riconosce, ma lo lascia fuggire, di fatto graziandolo. Nel 1944 un giornalista viene per caso a conoscenza di questa storia. La figura di Sánchez Mazas, scrittore e poeta, e il mistero del miliziano che gli fa la grazia della vita lo affascinano. È l’inizio un’avventura fatta di ricerca delle fonti, interviste a testimoni, momenti di sconforto, di speranza, di commozione… Con una perfetta simbiosi tra realtà e finzione, Javier Cercas intreccia cronaca e interpretazione dei fatti e, trascinando il lettore verso un finale emozionante, riconferma che la realtà è più sorprendente del romanzesco e che la Storia è fatta anche del sacrificio misconosciuto dei singoli.
«*Uno scrittore di infinito talento.*»
**Roberto Bolaño**
**
### Sinossi
«*Con le sue congetture, le sue zone d’ombra, l’illuminato intervento del caso, la perfetta simbiosi tra destino individuale e storico, Javier Cercas ha scritto un romanzo
indimenticabile.*»
**El País su Soldati di Salamina**
«*Un romanzo stupendo che indaga in modo originale la guerra civile spagnola.*»
**La Vanguardia su Soldati di Salamina**
«*Un caso letterario, ma non solo. Perché la storia che Cercas racconta (…) è un modo per riparare alle ingiustizie della storia, un canto teso e appassionato alla dignità e all’etica.*»
**Bruno Arpaia, Il Sole 24 Ore su Soldati di Salamina**
«*Uno dei più originali romanzi spagnoli dell’ultimo decennio.*»
**Il Venerdì di Repubblica su Soldati di Salamina**
Spagna, ultimi mesi della guerra civile. Durante la ritirata delle truppe repubblicane verso la frontiera francese, viene presa la decisione di fucilare un gruppo di prigionieri franchisti. Tra loro si trova Rafael Sánchez Mazas, fondatore e ideologo della Falange. Riuscito a scampare alla fucilazione di massa, Sánchez Mazas si nasconde in un bosco. Un miliziano lo raggiunge, lo riconosce, ma lo lascia fuggire, di fatto graziandolo. Nel 1944 un giornalista viene per caso a conoscenza di questa storia. La figura di Sánchez Mazas, scrittore e poeta, e il mistero del miliziano che gli fa la grazia della vita lo affascinano. È l’inizio un’avventura fatta di ricerca delle fonti, interviste a testimoni, momenti di sconforto, di speranza, di commozione… Con una perfetta simbiosi tra realtà e finzione, Javier Cercas intreccia cronaca e interpretazione dei fatti e, trascinando il lettore verso un finale emozionante, riconferma che la realtà è più sorprendente del romanzesco e che la Storia è fatta anche del sacrificio misconosciuto dei singoli.
«*Uno scrittore di infinito talento.*»
**Roberto Bolaño**

«*Con le sue congetture, le sue zone d’ombra, l’illuminato intervento del caso, la perfetta simbiosi tra destino individuale e storico, Javier Cercas ha scritto un romanzo
indimenticabile.*»
**El País su Soldati di Salamina**
«*Un romanzo stupendo che indaga in modo originale la guerra civile spagnola.*»
**La Vanguardia su Soldati di Salamina**
«*Un caso letterario, ma non solo. Perché la storia che Cercas racconta (…) è un modo per riparare alle ingiustizie della storia, un canto teso e appassionato alla dignità e all’etica.*»
**Bruno Arpaia, Il Sole 24 Ore su Soldati di Salamina**
«*Uno dei più originali romanzi spagnoli dell’ultimo decennio.*»
**Il Venerdì di Repubblica su Soldati di Salamina**
Spagna, ultimi mesi della guerra civile. Durante la ritirata delle truppe repubblicane verso la frontiera francese, viene presa la decisione di fucilare un gruppo di prigionieri franchisti. Tra loro si trova Rafael Sánchez Mazas, fondatore e ideologo della Falange. Riuscito a scampare alla fucilazione di massa, Sánchez Mazas si nasconde in un bosco. Un miliziano lo raggiunge, lo riconosce, ma lo lascia fuggire, di fatto graziandolo. Nel 1944 un giornalista viene per caso a conoscenza di questa storia. La figura di Sánchez Mazas, scrittore e poeta, e il mistero del miliziano che gli fa la grazia della vita lo affascinano. È l’inizio un’avventura fatta di ricerca delle fonti, interviste a testimoni, momenti di sconforto, di speranza, di commozione… Con una perfetta simbiosi tra realtà e finzione, Javier Cercas intreccia cronaca e interpretazione dei fatti e, trascinando il lettore verso un finale emozionante, riconferma che la realtà è più sorprendente del romanzesco e che la Storia è fatta anche del sacrificio misconosciuto dei singoli.
«*Uno scrittore di infinito talento.*»
**Roberto Bolaño**
**
### Sinossi
«*Con le sue congetture, le sue zone d’ombra, l’illuminato intervento del caso, la perfetta simbiosi tra destino individuale e storico, Javier Cercas ha scritto un romanzo
indimenticabile.*»
**El País su Soldati di Salamina**
«*Un romanzo stupendo che indaga in modo originale la guerra civile spagnola.*»
**La Vanguardia su Soldati di Salamina**
«*Un caso letterario, ma non solo. Perché la storia che Cercas racconta (…) è un modo per riparare alle ingiustizie della storia, un canto teso e appassionato alla dignità e all’etica.*»
**Bruno Arpaia, Il Sole 24 Ore su Soldati di Salamina**
«*Uno dei più originali romanzi spagnoli dell’ultimo decennio.*»
**Il Venerdì di Repubblica su Soldati di Salamina**
Spagna, ultimi mesi della guerra civile. Durante la ritirata delle truppe repubblicane verso la frontiera francese, viene presa la decisione di fucilare un gruppo di prigionieri franchisti. Tra loro si trova Rafael Sánchez Mazas, fondatore e ideologo della Falange. Riuscito a scampare alla fucilazione di massa, Sánchez Mazas si nasconde in un bosco. Un miliziano lo raggiunge, lo riconosce, ma lo lascia fuggire, di fatto graziandolo. Nel 1944 un giornalista viene per caso a conoscenza di questa storia. La figura di Sánchez Mazas, scrittore e poeta, e il mistero del miliziano che gli fa la grazia della vita lo affascinano. È l’inizio un’avventura fatta di ricerca delle fonti, interviste a testimoni, momenti di sconforto, di speranza, di commozione… Con una perfetta simbiosi tra realtà e finzione, Javier Cercas intreccia cronaca e interpretazione dei fatti e, trascinando il lettore verso un finale emozionante, riconferma che la realtà è più sorprendente del romanzesco e che la Storia è fatta anche del sacrificio misconosciuto dei singoli.
«*Uno scrittore di infinito talento.*»
**Roberto Bolaño**

Only registered users can download this free product.

Il punto cieco

Al centro dei suoi romanzi, osserva Javier Cercas, e di quelli che ammira, c’è sempre un punto cieco, un punto attraverso il quale, in teoria, non si vede nulla. Ma è proprio attraverso quel punto cieco che, in pratica, il romanzo vede o, potremmo dire, il silenzio parla. In questi libri (quelli che lo interessano) pulsa una domanda centrale, e l’intero romanzo consiste nella ricerca di una risposta che in realtà non esiste. O meglio, “la risposta è la ricerca stessa di una risposta, la domanda stessa, il libro stesso: una risposta essenzialmente ironica, equivoca, ambigua e contraddittoria, l’unico tipo di risposta che possa permettersi un romanzo”. Il romanzo, insomma, scrive l’autore dell'”Impostore”, è il genere delle domande; sta al lettore riempire i vuoti lasciati dallo scrittore con la propria sensibilità e le proprie informazioni. Questo è il cuore di un libro che spazia da Borges a Kafka, da Melville a Tomasi di Lampedusa, a Vargas Llosa, a Cervantes, offrendoci le intuizioni e le riflessioni di uno dei più geniali scrittori europei (e dei narratori più innovativi) sui meccanismi che governano il romanzo e sul suo carattere duplice ed elusivo.
**

Al centro dei suoi romanzi, osserva Javier Cercas, e di quelli che ammira, c’è sempre un punto cieco, un punto attraverso il quale, in teoria, non si vede nulla. Ma è proprio attraverso quel punto cieco che, in pratica, il romanzo vede o, potremmo dire, il silenzio parla. In questi libri (quelli che lo interessano) pulsa una domanda centrale, e l’intero romanzo consiste nella ricerca di una risposta che in realtà non esiste. O meglio, “la risposta è la ricerca stessa di una risposta, la domanda stessa, il libro stesso: una risposta essenzialmente ironica, equivoca, ambigua e contraddittoria, l’unico tipo di risposta che possa permettersi un romanzo”. Il romanzo, insomma, scrive l’autore dell'”Impostore”, è il genere delle domande; sta al lettore riempire i vuoti lasciati dallo scrittore con la propria sensibilità e le proprie informazioni. Questo è il cuore di un libro che spazia da Borges a Kafka, da Melville a Tomasi di Lampedusa, a Vargas Llosa, a Cervantes, offrendoci le intuizioni e le riflessioni di uno dei più geniali scrittori europei (e dei narratori più innovativi) sui meccanismi che governano il romanzo e sul suo carattere duplice ed elusivo.
**

Only registered users can download this free product.

Il movente

«Uno scrittore di infinito talento.» Roberto BolañoDove si trova il confine tra realtà e letteratura? Esiste? Si lascia attraversare nei due sensi? Possono formularsi così le domande che Javier Cercas sembra porsi in questo giallo sui generis. Il protagonista, uno scrittore di nome Álvaro, è impegnato con tenacia e dedizione a costruire l’opera letteraria definitiva. Per raggiungere il suo scopo, e cogliere con precisione la complessità del reale, non c’è niente di più facile che ispirarsi ai suoi condòmini: una giovane coppia di sposi con gravi problemi economici, un vecchio reazionario che partecipò alla guerra civile e una portinaia dagli appetiti incontenibili, fonte preziosa di aneddoti e informazioni. Ma il perfetto meccanismo narrativo di Álvaro comincia a vacillare quando le persone in carne e ossa si rivelano sempre più simili ai personaggi del suo romanzo, la cui trama si snoda intorno al destino tragico di uno di essi. Sospeso tra il serio e il grottesco, Il movente non è soltanto un sofisticato gioco intellettuale, ma anche un’indagine sul senso della letteratura, sui problemi della scrittura e della perdita di contatto con il reale. Come in uno specchio che distorce l’immagine riflessa, il protagonista rimane in bilico tra la fantasia e la propria vita, chiedendosi se sia davvero possibile scegliere.

«Uno scrittore di infinito talento.» Roberto BolañoDove si trova il confine tra realtà e letteratura? Esiste? Si lascia attraversare nei due sensi? Possono formularsi così le domande che Javier Cercas sembra porsi in questo giallo sui generis. Il protagonista, uno scrittore di nome Álvaro, è impegnato con tenacia e dedizione a costruire l’opera letteraria definitiva. Per raggiungere il suo scopo, e cogliere con precisione la complessità del reale, non c’è niente di più facile che ispirarsi ai suoi condòmini: una giovane coppia di sposi con gravi problemi economici, un vecchio reazionario che partecipò alla guerra civile e una portinaia dagli appetiti incontenibili, fonte preziosa di aneddoti e informazioni. Ma il perfetto meccanismo narrativo di Álvaro comincia a vacillare quando le persone in carne e ossa si rivelano sempre più simili ai personaggi del suo romanzo, la cui trama si snoda intorno al destino tragico di uno di essi. Sospeso tra il serio e il grottesco, Il movente non è soltanto un sofisticato gioco intellettuale, ma anche un’indagine sul senso della letteratura, sui problemi della scrittura e della perdita di contatto con il reale. Come in uno specchio che distorce l’immagine riflessa, il protagonista rimane in bilico tra la fantasia e la propria vita, chiedendosi se sia davvero possibile scegliere.

Only registered users can download this free product.

Il sovrano delle ombre

‘Un racconto impavido e commovente… una scrittura mossa, armoniosa, che irretisce’
**El Pais**

Nessuna famiglia sfugge al proprio passato
Il nuovo romanzo dell’autore di Soldati di Salamina

Dopo il successo dell’Impostore, Javier Cercas ritorna con un romanzo denso, coinvolgente, dolorosamente necessario.
Al centro, la breve vita di un ragazzo che nel 1936, all’inizio della guerra civile, si arruolò con l’esercito di Franco e due anni dopo fu ucciso nella battaglia dell’Ebro. Quel ragazzo, che aveva combattuto per una causa ingiusta ed era morto dal lato sbagliato della Storia, era il prozio materno di Javier Cercas, che oggi sente il dovere di capire il senso delle sue scelte per separare la verità dalla menzogna. Il risultato è un libro dal passo ipnotico, pieno di azione, emozione e ironia, che ci riporta ai temi fondamentali della narrativa di Cercas: la natura poliedrica e misteriosa dell’eroe, l’inevitabile ambiguità di ogni ricostruzione storica, la difficoltà di farsi carico del proprio passato, soprattutto se scomodo.
Indagine personale e collettiva, romanzo sulla guerra profondamente contrario alla guerra, Il sovrano delle ombre risponde in modo inaspettato e illuminante alle domande sollevate dall’autore oltre quindici anni fa con Soldati di Salamina.

(source: Bol.com)

‘Un racconto impavido e commovente… una scrittura mossa, armoniosa, che irretisce’
**El Pais**

Nessuna famiglia sfugge al proprio passato
Il nuovo romanzo dell’autore di Soldati di Salamina

Dopo il successo dell’Impostore, Javier Cercas ritorna con un romanzo denso, coinvolgente, dolorosamente necessario.
Al centro, la breve vita di un ragazzo che nel 1936, all’inizio della guerra civile, si arruolò con l’esercito di Franco e due anni dopo fu ucciso nella battaglia dell’Ebro. Quel ragazzo, che aveva combattuto per una causa ingiusta ed era morto dal lato sbagliato della Storia, era il prozio materno di Javier Cercas, che oggi sente il dovere di capire il senso delle sue scelte per separare la verità dalla menzogna. Il risultato è un libro dal passo ipnotico, pieno di azione, emozione e ironia, che ci riporta ai temi fondamentali della narrativa di Cercas: la natura poliedrica e misteriosa dell’eroe, l’inevitabile ambiguità di ogni ricostruzione storica, la difficoltà di farsi carico del proprio passato, soprattutto se scomodo.
Indagine personale e collettiva, romanzo sulla guerra profondamente contrario alla guerra, Il sovrano delle ombre risponde in modo inaspettato e illuminante alle domande sollevate dall’autore oltre quindici anni fa con Soldati di Salamina.

(source: Bol.com)

Only registered users can download this free product.

Il nuovo inquilino

«Uno scrittore di infinito talento.» Roberto BolañoDovrebbe essere una domenica come tutte le altre per Mario Rota, uomo metodico, ricercatore di fonologia presso l’Università del Midwest. Appena rientrato dalle vacanze estive ha ripreso l’abitudine del jogging, che pratica seguendo ogni mattina un identico percorso. Ma un cespuglio traditore e un salto poco atletico gli causano una brutta caduta, con tanto di caviglia slogata. Mentre rientra in casa, sudato e zoppicante, Mario si imbatte nella sua affittuaria che insiste nel presentargli un nuovo inquilino, Daniel Berkowickz. Da una prima impacciata conversazione, Mario apprende che il vicino sarà anche suo collega, anzi che si occupa della sua stessa materia. Nel giro di poche ore, ripresentandosi in Dipartimento con l’aiuto di una stampella, Mario scopre che Berkowickz si è già conquistato un posto di riguardo nel corpo docente e minaccia di sottrargli spazio e visibilità, e forse anche le attenzioni della sua ragazza…

«Uno scrittore di infinito talento.» Roberto BolañoDovrebbe essere una domenica come tutte le altre per Mario Rota, uomo metodico, ricercatore di fonologia presso l’Università del Midwest. Appena rientrato dalle vacanze estive ha ripreso l’abitudine del jogging, che pratica seguendo ogni mattina un identico percorso. Ma un cespuglio traditore e un salto poco atletico gli causano una brutta caduta, con tanto di caviglia slogata. Mentre rientra in casa, sudato e zoppicante, Mario si imbatte nella sua affittuaria che insiste nel presentargli un nuovo inquilino, Daniel Berkowickz. Da una prima impacciata conversazione, Mario apprende che il vicino sarà anche suo collega, anzi che si occupa della sua stessa materia. Nel giro di poche ore, ripresentandosi in Dipartimento con l’aiuto di una stampella, Mario scopre che Berkowickz si è già conquistato un posto di riguardo nel corpo docente e minaccia di sottrargli spazio e visibilità, e forse anche le attenzioni della sua ragazza…

Only registered users can download this free product.

La verità di Agamennone

Autobiografia sentimentale e intellettuale, *La verità di Agamennone* è il libro di un eccezionale narratore che qui, in bilico tra saggio e racconto, sconfessa l’idea di un unico, granitico punto di vista sulla realtà per lasciare a chi legge l’onore e l’onere di comprenderla e decifrarla. Javier Cercas è convinto infatti che quando uno scrittore si mette all’opera, non debba mai dimenticare che esistono più verità. È in chiave soggettiva che vanno letti gli episodi raccontati.
Che siano diari di viaggi in Messico o in Estremadura, terra natale dello scrittore, «lettere» in difesa della dignità del romanzo o analisi accurate sulle radici del presente o sul nazionalismo; che si tratti di scene della vita quotidiana dell’autore a confronto con le reazioni del figlio nel museo del giocattolo, per esempio, o del suo ricordo del 23 febbraio 1981, giorno del tentato golpe in Spagna; che sia il commovente incontro con Manuela Vitini, il cui padre e i due fratelli hanno combattuto per la libertà durante la guerra civile e la resistenza, oppure l’affettuoso rimando ai suoi punti di riferimento ideali – Borges, Bioy Casares, Kafka –, o ancora l’intrigante racconto di epilogo da cui il libro prende il titolo, in tutti convivono con naturalezza quotidianità e letteratura, esperienza di vita e intellettuale.

Autobiografia sentimentale e intellettuale, *La verità di Agamennone* è il libro di un eccezionale narratore che qui, in bilico tra saggio e racconto, sconfessa l’idea di un unico, granitico punto di vista sulla realtà per lasciare a chi legge l’onore e l’onere di comprenderla e decifrarla. Javier Cercas è convinto infatti che quando uno scrittore si mette all’opera, non debba mai dimenticare che esistono più verità. È in chiave soggettiva che vanno letti gli episodi raccontati.
Che siano diari di viaggi in Messico o in Estremadura, terra natale dello scrittore, «lettere» in difesa della dignità del romanzo o analisi accurate sulle radici del presente o sul nazionalismo; che si tratti di scene della vita quotidiana dell’autore a confronto con le reazioni del figlio nel museo del giocattolo, per esempio, o del suo ricordo del 23 febbraio 1981, giorno del tentato golpe in Spagna; che sia il commovente incontro con Manuela Vitini, il cui padre e i due fratelli hanno combattuto per la libertà durante la guerra civile e la resistenza, oppure l’affettuoso rimando ai suoi punti di riferimento ideali – Borges, Bioy Casares, Kafka –, o ancora l’intrigante racconto di epilogo da cui il libro prende il titolo, in tutti convivono con naturalezza quotidianità e letteratura, esperienza di vita e intellettuale.

Only registered users can download this free product.

Cos’è un intellettuale

In occasione dell’intervista di Marco Belpoliti a Javier Cercas per l’uscita in Italia di *Il sovrano delle ombre*, lo scrittore spagnolo riflette sul ruolo dell’intellettuale oggi: «Come persona posso essere codardo, ragionevole, ma come scrittore non posso esserlo» dice Cercas. «Scrittore coraggioso è un pleonasmo. Scrittore codardo è un ossimoro.»
**
### Sinossi
In occasione dell’intervista di Marco Belpoliti a Javier Cercas per l’uscita in Italia di *Il sovrano delle ombre*, lo scrittore spagnolo riflette sul ruolo dell’intellettuale oggi: «Come persona posso essere codardo, ragionevole, ma come scrittore non posso esserlo» dice Cercas. «Scrittore coraggioso è un pleonasmo. Scrittore codardo è un ossimoro.»

In occasione dell’intervista di Marco Belpoliti a Javier Cercas per l’uscita in Italia di *Il sovrano delle ombre*, lo scrittore spagnolo riflette sul ruolo dell’intellettuale oggi: «Come persona posso essere codardo, ragionevole, ma come scrittore non posso esserlo» dice Cercas. «Scrittore coraggioso è un pleonasmo. Scrittore codardo è un ossimoro.»
**
### Sinossi
In occasione dell’intervista di Marco Belpoliti a Javier Cercas per l’uscita in Italia di *Il sovrano delle ombre*, lo scrittore spagnolo riflette sul ruolo dell’intellettuale oggi: «Come persona posso essere codardo, ragionevole, ma come scrittore non posso esserlo» dice Cercas. «Scrittore coraggioso è un pleonasmo. Scrittore codardo è un ossimoro.»

Only registered users can download this free product.