Visualizzazione di tutti i 7 risultati

Gone Girl: A Novel

Marriage can be a real killer.
One of the most critically acclaimed suspense writers of our time, *New York Times* bestseller Gillian Flynn takes that statement to its darkest place in this unputdownable masterpiece about a marriage gone terribly, terribly wrong. The *Chicago Tribune* proclaimed that her work “draws you in and keeps you reading with the force of a pure but nasty addiction.” *Gone Girl* ’s toxic mix of sharp-edged wit and deliciously chilling prose creates a nerve-fraying thriller that confounds you at every turn.
On a warm summer morning in North Carthage, Missouri, it is Nick and Amy Dunne’s fifth wedding anniversary. Presents are being wrapped and reservations are being made when Nick’s clever and beautiful wife disappears from their rented McMansion on the Mississippi River. Husband-of-the-Year Nick isn’t doing himself any favors with cringe-worthy daydreams about the slope and shape of his wife’s head, but passages from Amy’s diary reveal the alpha-girl perfectionist could have put anyone dangerously on edge **.** Under mounting pressure from the police and the media—as well as Amy’s fiercely doting parents—the town golden boy parades an endless series of lies, deceits, and inappropriate behavior. Nick is oddly evasive, and he’s definitely bitter—but is he really a killer?
As the cops close in, every couple in town is soon wondering how well they know the one that they love. With his twin sister, Margo, at his side, Nick stands by his innocence. Trouble is, if Nick didn’t do it, where is that beautiful wife? And what was in that silvery gift box hidden in the back of her bedroom closet?
With her razor-sharp writing and trademark psychological insight, Gillian Flynn delivers a fast-paced, devilishly dark, and ingeniously plotted thriller that confirms her status as one of the hottest writers around.
### Amazon.com Review
Amazon Best Books of the Month, June 2012: On their fifth wedding anniversary, Nick’s wife Amy disappears. There are signs of struggle in the house, and Nick quickly becomes the prime suspect. It doesn’t help that Nick hasn’t been completely honest with the police, and, as Amy’s case drags out for weeks, more and more vilifying evidence appears against him–but Nick maintains his innocence. Alternating points of view between Nick and Amy, Gillian Flynn creates an untrustworthy world that changes from chapter to chapter. Calling *Gone Girl* a psychological thriller is an understatement. As revelation after revelation unfolds, it becomes clear that the truth does not exist in the middle of Nick and Amy’s points of view; it is far darker, more twisted, and creepier than you can imagine. *Gone Girl* is masterfully plotted, and the suspense doesn’t waver for a single page. It’s one of those books you will feel the need to discuss as soon as you finish it, because the ending doesn’t just come–it punches you in the gut. — *Caley Anderson*
#### From Author Gillian Flynn
You might say I specialize in difficult characters. Damaged, disturbed, or downright nasty. Personally, I love each and every one of the misfits, losers, and outcasts in my three novels. My supporting characters are meth tweakers, truck-stop strippers, backwoods grifters …
But it’s my narrators who are the real challenge.
In *Sharp Objects,* Camille Preaker is a mediocre journalist fresh from a stay at a psychiatric hospital. She’s an alcoholic. She’s got impulse issues. She’s also incredibly lonely. Her best friend is her boss. When she returns to her hometown to investigate a child murder, she parks down the street from her mother’s house “so as to seem less obtrusive.” She has no sense of whom to trust, and this leads to disaster.
Camille is cut off from the world but would rather not be. In *Dark Places,* narrator Libby Day is aggressively lonely. She cultivates her isolation. She lives off a trust fund established for her as a child when her family was massacred; she isn’t particularly grateful for it. She’s a liar, a manipulator, a kleptomaniac. “I have a meanness inside me, real as an organ,” she warns. “Draw a picture of my soul and it’d be a scribble with fangs.” If Camille is overly grateful when people want to befriend her, Libby’s first instinct is to kick them in their shins.
In those first two novels, I explored the geography of loneliness–and the devastation it can lead to. With *Gone Girl,* I wanted to go the opposite direction: what happens when two people intertwine their lives completely.I wanted to explore the geography of intimacy–and the devastation it can lead to. Marriage gone toxic.
*Gone Girl* opens on the occasion of Amy and Nick Dunne’s fifth wedding anniversary. (How romantic.) Amy disappears under very disturbing circumstances. (Less romantic.) Nick and Amy Dunne were the golden couple when they first began their courtship. Soul mates. They could complete each other’s sentences, guess each other’s reactions. They could push each other’s buttons. They are smart, charming, gorgeous, and also narcissistic, selfish, and cruel.
They complete each other–in a very dangerous way.
### Review
“Ice-pick-sharp… Spectacularly sneaky… Impressively cagey… “Gone Girl” is Ms. Flynn’s dazzling breakthrough. It is wily, mercurial, subtly layered and populated by characters so well imagined that they’re hard to part with — even if, as in Amy’s case, they are already departed. And if you have any doubts about whether Ms. Flynn measures up to Patricia Highsmith’s level of discreet malice, go back and look at the small details. Whatever you raced past on a first reading will look completely different the second time around.” –Janet Maslin, “New York Times
“”An ingenious and viperish thriller… It’s going to make Gillian Flynn a star… The first half of “Gone Girl” is a nimble, caustic riff on our Nancy Grace culture and the way in which ”The butler did it” has morphed into ”The husband did it.” The second half is the real stunner, though. Now I really am going to shut up before I spoil what instantly shifts into a great, breathless read. Even as “Gone Girl” grows truly twisted and wild, it says smart things about how tenuous power relations are between men and women, and how often couples are at the mercy of forces beyond their control. As if that weren’t enough, Flynn has created a genuinely creepy villain you don’t see coming. People love to talk about the banality of evil. You’re about to meet a maniac you could fall in love with. A” “–“Jeff Giles, “Entertainment Weekly

“An irresistible summer thriller with a twisting plot worthy of Alfred Hitchcock. Burrowing deep into the murkiest corners of the human psyche, this delectable summer read will give you the creeps and keep you on edge until the last page.” “–People” (four stars)
“[A] thoroughbred thriller about the nature of identity and the terrible secrets that can survive and thrive in even the most intimate relationships. “Gone Girl” begins as a whodunit, but by the end it will have you wondering whether there’s any such thing as a who at all.” “–“Lev Grossman, “Time”

Perduda

En Nick i l’Amy són a ulls de tothom la parella ideal: intel·ligents, atractius i divertits, mantenen una relació que és l’enveja dels seus amics. Malgrat que tots dos són devots fervents de Nova York, quan amb la crisi perden la seva feina com a escriptors, es traslladen a North Carthage, per tenir cura dels pares d’en Nick, que estan molt malalts. El dia del cinquè aniversari de la parella, l’Amy ha preparat una recerca del tresor per a ell, com cada any. Però a mig matí, en Nick rep la trucada d’un veí al bar que regenta amb la seva germana: l’Amy ha desaparegut i el menjador es ple de senyals de lluita. Comença la investigació de la policia mentre en diversos indrets de la zona segueixen ocultes les capses sorpresa de la recerca del tresor, que esperen per ser obertes.

Sulla pelle

Due bambine sono state rapite e assassinate. Avevano nove e dieci anni; quando sono state ritrovate, la loro bocca era aperta, come in un estremo gesto di stupore, e l’assassino aveva strappato loro tutti i denti. Spetta alla giovane reporter Camille seguire il caso per conto del giornale per cui lavora. Da quando se n’è andata da casa, otto anni prima, non ha quasi più parlato con i suoi familiari: né con la madre, bella e inavvicinabile come una bambola di porcellana, né con la sorellastra che conosce a malapena, una tredicenne precoce dal fascino misterioso e fatale. Ora, tornata nella dimora vittoriana di famiglia, Camille è perseguitata dai ricordi d’infanzia e da una tragedia che neppure un ricovero in un ospedale psichiatrico le ha permesso di dimenticare. Indagando sugli omicidi insieme al capo della polizia locale e a un agente speciale dell’FBI, Camille inizia a identificarsi sempre di più con le giovani vittime. Perché ha la sensazione di aver già vissuto sulla propria pelle i loro orrori? Incalzata dai suoi demoni, dovrà risolvere il puzzle del suo passato, prima che il ritorno forzato a casa si trasformi in un viaggio a senso unico verso l’inferno.
**

Un buon presagio

La incontriamo in un piovoso mattino d’aprile, nel bugigattolo dove legge l’aura a signore fragili di nervi, dispensando loro consigli e previsioni. Di lei non conosciamo il nome, sappiamo solo che è una giovane donna intraprendente, scaltra, cresciuta da una madre bizzarra e spesso assente, e che fin da bambina è stata abituata a vivere di espedienti, a escogitare ogni giorno un modo per tirare avanti. Quando nel piccolo locale entra Susan Burke, bionda, bella, occhi azzurri e ben vestita, da una analisi veloce la nostra “sensitiva” si convince che si tratta dell’ennesima signora benestante e infelice, in cerca di emozioni forti. In realtà Susan è lì per chiedere aiuto: nella vecchia casa dove vive con la famiglia si verificano fatti inquietanti. Fiutato l’affare, la truffatrice si propone per una “purificazione” dell’ambiente domestico a base di spargimenti di sale, erbe da bruciare e formule pseudomagiche. Nel varcare la soglia della sinistra casa vittoriana, però, si rende conto che qualcosa davvero non va, e l’incontro con il figliastro di Susan non fa che confermare le sue impressioni. Miles è un quindicenne indecifrabile, dal comportamento disturbato e violento, capace con le sue storie di creare nuove realtà. Ma sono davvero soltanto storie, le sue? In presenza di Miles nulla è come sembra, verità e invenzione si sovrappongono e si mescolano fino a confondersi.
**

L’Amore Bugiardo

Nick e Amy, giovani e brillanti, due metà di una coppia invidiabile, sono tornati nel Missouri dopo aver perso il lavoro e la casa a New York. Adattarsi alla vita di provincia e alle ristrettezze dopo un’esistenza piena di agio e spensieratezza è difficile per entrambi, soprattutto per la viziata, capricciosa Amy. Il giorno del loro quinto anniversario di matrimonio, con la casa piena di regali da scartare, Amy sparisce. Ben presto i sospetti della polizia ricadono su Nick, che non sembra il marito ideale che tutti pensavano: forse ha una relazione con una sua studentessa, è privo di alibi e non sa spiegare le tracce di sangue rimaste sul pavimento della cucina, così come numerosi altri dettagli. In più, il diario segreto tenuto da Amy con precisione maniacale sembra rivelare tutta una serie di violenze psicologiche e fisiche subite durante il matrimonio, ma sarà vero? Nick nega tutto, e per difendersi, avvia un’indagine parallela. Se, come giura, non ha ucciso Amy, allora lei dov’è? E perché? A chi dei due bisogna credere? Raccontato dalle due voci alternate di Nick e Amy, il thriller di Gillian Flynn è una straordinaria incursione nel lato oscuro del matrimonio costruita su una sequenza di colpi di scena mozzafiato. Con quasi due milioni di copie vendute in pochi mesi nei soli Stati Uniti, è diventato il caso editoriale dell’anno. In corso di pubblicazione in tutto il mondo, presto diventerà un film prodotto e interpretato da Reese Witherspoon nel ruolo dell’indimenticabile protagonista. Romanzo in anteprima digitale, a gennaio anche in libreria.

Dark places

**DALL’AUTRICE BESTSELLER DI L’AMORE BUGIARDO, UN NUOVO CAPOLAVORO DI SUSPENSE – ANCHE QUESTO APPRODATO SUL GRANDE SCHERMO, CON CHARLIZE THERON NELLA PARTE DELLA PROTAGONISTA.
** Libby aveva sette anni quando sua madre e le sue sorelle vennero brutalmente uccise. Fu lei, subito dopo, ad accusare il fratello Ben di essere l’autore della strage. Ventiquattro anni più tardi, Ben sconta la sua condanna e Libby, che non si è mai ripresa del tutto, vive grazie agli aiuti delle associazioni di beneficenza.
A cambiare le carte in tavola sarà il Kill Club, una società segreta di “feticisti del crimine”, i cui membri amano scavare nelle ragioni profonde e nei retroscena dei delitti più atroci. Convinti dell’innocenza di Ben, ora sono sulle tracce di Libby: vogliono che scagioni il fratello, che ripensi e riviva quei momenti e dia una “nuova versione” della storia. Libby è infastidita da quei fanatici che vogliono ficcare il naso nella sua memoria, ma i soldi che le offrono le servono. Così accetta di cominciare una dolorosa, e stupefacente, ricerca nei propri ricordi e nei luoghi più oscuri del suo passato. Fino a capire che la verità è molto più complicata di quanto sembri – in modi fino a quel momento inimmaginabili.
È impossibile leggere questo romanzo senza restare completamente avvinti, lasciandosi trascinare verso il suo sconvolgente finale.
**”Gillian Flynn è una scrittrice straordinaria.”Stephen King
“La provincia americana mostra il suo lato oscuro in questo romanzo che conferma il talento eccezionale di Gillian Flynn.” Daily Mail
“Una storia dal passo perfetto che racconta magistralmente la fallibilità della memoria.” The New Yorker**
(source: Bol.com)

Sharp Objects

Otto anni dopo essere andata via da Wind Gap, la cittadina soffocante in cui è nata e cresciuta, Camille Preaker lascia Chicago per tornare in quel minuscolo avamposto cattolico del Missouri battista, luogo sperso nel nulla, dove la gente si illude di sapere come stare al mondo. È il giornale per cui lavora a spedirla laggiù, in seguito alla scomparsa della piccola Natalie Keene. Caso che somiglia a quello di un’altra bambina svanita nel nulla poco tempo prima, ricomparsa il giorno dopo nel letto di un torrente, strangolata. Aveva solo nove anni. Anche il cadavere di Natalie viene rinvenuto ben presto e la comunità di Wind Gap deve arrendersi all’evidenza: la mano che si è abbattuta con brutale meticolosità sulle due bambine è la stessa. A rivelarlo è un unico, macabro dettaglio. Con caparbietà, Camille porta avanti la propria indagine sfidando le rigide norme sociali di una cittadina bigotta e pettegola, ma soprattutto è costretta ad affrontare la madre, una donna fredda e manipolatrice, ammirata dai vicini e temuta dentro casa, da cui era fuggita ancora ragazza. L’inchiesta si gonfia come un fiume in piena e Camille non è più in grado di tenere a freno i ricordi e il male che contengono.
**