1–16 di 31 risultati

A Farewell to Arms

At 18, Ernest Hemingway was eager to fight in the Great War. Poor vision kept him out of the army, so he joined the ambulance corps instead and was sent to France. Then he transferred to Italy where he became the first American wounded in that country during World War I. Hemingway came out of the European battlefields with a medal for valor and a wealth of experience that he would, 10 years later, spin into literary gold with *A Farewell to Arms*. This is the story of Lieutenant Henry, an American, and Catherine Barkley, a British nurse. The two meet in Italy, and almost immediately Hemingway sets up the central tension of the novel: the tenuous nature of love in a time of war. During their first encounter, Catherine tells Henry about her fiancé of eight years who had been killed the year before in the Somme. Explaining why she hadn’t married him, she says she was afraid marriage would be bad for him, then admits:
> I wanted to do something for him. You see, I didn’t care about the other thing and he could have had it all. He could have had anything he wanted if I would have known. I would have married him or anything. I know all about it now. But then he wanted to go to war and I didn’t know. The two begin an affair, with Henry quite convinced that he “did not love Catherine Barkley nor had any idea of loving her. This was a game, like bridge, in which you said things instead of playing cards.” Soon enough, however, the game turns serious for both of them and ultimately Henry ends up deserting to be with Catherine. Hemingway was not known for either unbridled optimism or happy endings, and *A Farewell to Arms* , like his other novels ( *For Whom the Bell Tolls* , *The Sun Also Rises* , and *To Have and Have Not* ), offers neither. What it *does* provide is an unblinking portrayal of men and women behaving with grace under pressure, both physical and psychological, and somehow finding the courage to go on in the face of certain loss. *\–Alix Wilber*

At 18, Ernest Hemingway was eager to fight in the Great War. Poor vision kept him out of the army, so he joined the ambulance corps instead and was sent to France. Then he transferred to Italy where he became the first American wounded in that country during World War I. Hemingway came out of the European battlefields with a medal for valor and a wealth of experience that he would, 10 years later, spin into literary gold with *A Farewell to Arms*. This is the story of Lieutenant Henry, an American, and Catherine Barkley, a British nurse. The two meet in Italy, and almost immediately Hemingway sets up the central tension of the novel: the tenuous nature of love in a time of war. During their first encounter, Catherine tells Henry about her fiancé of eight years who had been killed the year before in the Somme. Explaining why she hadn’t married him, she says she was afraid marriage would be bad for him, then admits:
> I wanted to do something for him. You see, I didn’t care about the other thing and he could have had it all. He could have had anything he wanted if I would have known. I would have married him or anything. I know all about it now. But then he wanted to go to war and I didn’t know. The two begin an affair, with Henry quite convinced that he “did not love Catherine Barkley nor had any idea of loving her. This was a game, like bridge, in which you said things instead of playing cards.” Soon enough, however, the game turns serious for both of them and ultimately Henry ends up deserting to be with Catherine. Hemingway was not known for either unbridled optimism or happy endings, and *A Farewell to Arms* , like his other novels ( *For Whom the Bell Tolls* , *The Sun Also Rises* , and *To Have and Have Not* ), offers neither. What it *does* provide is an unblinking portrayal of men and women behaving with grace under pressure, both physical and psychological, and somehow finding the courage to go on in the face of certain loss. *\–Alix Wilber*

Only registered users can download this free product.

Islas a la deriva

Publicada por primera vez en 1970, nueve años después de la muerte del autor, *Islas a la deriva* cuenta la historia de un artista y aventurero, Thomas Hudson, cuya personalidad recuerda mucho a la del propio Hemingway. La novela arranca en 1930 con las experiencias del protagonista como pintor en la isla de Bimini, situada en plena corriente del Golfo, para detenerse en sus actividades antisubmarino cerca de la costa de Cuba durante la Segunda Guerra Mundial. En esta novela póstuma, cuyo manuscrito dejó en Cuba, encontramos lo mejor de la madurez de Hemingway. «Esta carta es para hablarle de un hombre joven que se llama Ernest Hemingway, que vive en París, escribe para la *Transatlantic Review* y tiene un brillante futuro… Yo trataría de encontrarlo enseguida. Él es el mejor.» Carta de FRANCIS SCOTT FITZGERALD a MAXWELL PERKINS, editor de CHARLES SCRIBNER’ SONS, 1924.

Publicada por primera vez en 1970, nueve años después de la muerte del autor, *Islas a la deriva* cuenta la historia de un artista y aventurero, Thomas Hudson, cuya personalidad recuerda mucho a la del propio Hemingway. La novela arranca en 1930 con las experiencias del protagonista como pintor en la isla de Bimini, situada en plena corriente del Golfo, para detenerse en sus actividades antisubmarino cerca de la costa de Cuba durante la Segunda Guerra Mundial. En esta novela póstuma, cuyo manuscrito dejó en Cuba, encontramos lo mejor de la madurez de Hemingway. «Esta carta es para hablarle de un hombre joven que se llama Ernest Hemingway, que vive en París, escribe para la *Transatlantic Review* y tiene un brillante futuro… Yo trataría de encontrarlo enseguida. Él es el mejor.» Carta de FRANCIS SCOTT FITZGERALD a MAXWELL PERKINS, editor de CHARLES SCRIBNER’ SONS, 1924.

Only registered users can download this free product.

El viejo y el mar

*El viejo y el mar* ( *The Old Man and the Sea* ) es una novela escrita por Ernest Hemingway en 1951 en Cuba y publicada en 1952. Fue su último trabajo de ficción importante publicado en vida y posiblemente su obra más famosa.
Un viejo lobo de mar está pasando una racha de mala suerte: hace 84 días que no logra capturar un solo pez. Todos los habitantes del pueblo se burlan de él, excepto un niño, que le mira y ayuda. Ambos deciden que el día siguiente será bueno para la pesca del pez espada. Todavía es de noche cuando se levanta, prepara los aparejos y se lanza a la mar con su pequeña barca. En alta mar, el viejo pone diversas carnadas. De pronto, la línea comienza a moverse. El viejo no puede controlarla. Se trata de un gigantesco pez espada. Cuatro horas más tarde, el pez se sacude en la superficie del agua y arrastra a la barca. El viejo lo sostiene con el sedal enrollado alrededor del cuerpo. No hay tierra a la vista. Ahora, mar adentro, el viejo sostiene en su línea al pez más grande que jamás había visto.

*El viejo y el mar* ( *The Old Man and the Sea* ) es una novela escrita por Ernest Hemingway en 1951 en Cuba y publicada en 1952. Fue su último trabajo de ficción importante publicado en vida y posiblemente su obra más famosa.
Un viejo lobo de mar está pasando una racha de mala suerte: hace 84 días que no logra capturar un solo pez. Todos los habitantes del pueblo se burlan de él, excepto un niño, que le mira y ayuda. Ambos deciden que el día siguiente será bueno para la pesca del pez espada. Todavía es de noche cuando se levanta, prepara los aparejos y se lanza a la mar con su pequeña barca. En alta mar, el viejo pone diversas carnadas. De pronto, la línea comienza a moverse. El viejo no puede controlarla. Se trata de un gigantesco pez espada. Cuatro horas más tarde, el pez se sacude en la superficie del agua y arrastra a la barca. El viejo lo sostiene con el sedal enrollado alrededor del cuerpo. No hay tierra a la vista. Ahora, mar adentro, el viejo sostiene en su línea al pez más grande que jamás había visto.

Only registered users can download this free product.

The sun also rises

SUMMARY: The quintessential novel of the Lost Generation, The Sun Also Rises is one of Ernest Hemingway’s masterpieces and a classic example of his spare but powerful writing style. A poignant look at the disillusionment and angst of the post-World War I generation, the novel introduces two of Hemingway’s most unforgettable characters: Jake Barnes and Lady Brett Ashley. The story follows the flamboyant Brett and the hapless Jake as they journey from the wild nightlife of 1920s Paris to the brutal bullfighting rings of Spain with a motley group of expatriates. It is an age of moral bankruptcy, spiritual dissolution, unrealized love, and vanishing illusions. First published in 1926, The Sun Also Rises helped to establish Hemingway as one of the greatest writers of the twentieth century

SUMMARY: The quintessential novel of the Lost Generation, The Sun Also Rises is one of Ernest Hemingway’s masterpieces and a classic example of his spare but powerful writing style. A poignant look at the disillusionment and angst of the post-World War I generation, the novel introduces two of Hemingway’s most unforgettable characters: Jake Barnes and Lady Brett Ashley. The story follows the flamboyant Brett and the hapless Jake as they journey from the wild nightlife of 1920s Paris to the brutal bullfighting rings of Spain with a motley group of expatriates. It is an age of moral bankruptcy, spiritual dissolution, unrealized love, and vanishing illusions. First published in 1926, The Sun Also Rises helped to establish Hemingway as one of the greatest writers of the twentieth century

Only registered users can download this free product.

The Old Man and the Sea

SUMMARY: This teaching guide includes focusing on the background of the novel, elements of the novel, vocabulary from the novel, plot synopsis and literary focus, reading guide questions, testing on the novel with answer key.

SUMMARY: This teaching guide includes focusing on the background of the novel, elements of the novel, vocabulary from the novel, plot synopsis and literary focus, reading guide questions, testing on the novel with answer key.

Only registered users can download this free product.

Per qui toquen les campanes

Robert Jordan, professor d’espanyol oriünd de Montana, lluita en el bàndol republicà com a especialista en explosius. Quan el general Golz li encarrega la destrucció d’un pont, vital per evitar la contraofensiva del bàndol nacional durant la batalla de Segòvia, coneix a Maria, una jove noia de la qual s’enamora i li retornarà l’amor a la vida.

Robert Jordan, professor d’espanyol oriünd de Montana, lluita en el bàndol republicà com a especialista en explosius. Quan el general Golz li encarrega la destrucció d’un pont, vital per evitar la contraofensiva del bàndol nacional durant la batalla de Segòvia, coneix a Maria, una jove noia de la qual s’enamora i li retornarà l’amor a la vida.

Only registered users can download this free product.

El vell i la mar

El vell es fa a la mar cada dia, amb obstinació, malgrat que durant setmanes senceres ha de tornar a port amb les mans buides. Les altres barques arriben plenes de pesca; la seva no. Però ell sap que allà, mar endins, l’espera el peix espasa més gros que hagi estat vist. I després d’una lluita aferrissada, a vida o mort, obtindrà el trofeu per la seva tossuderia encara que el mar sigui ple de taurons afamats i la costa estigui encara tan lluny… El vell tindrà el record de la lluita i la satisfacció de la victòria. A això, cap tauró no hi clavarà les dents. El vell i la mar, que va obtenir el premi Pulitzer i va ser la darrera obra publicada per l’autor abans d’obtenir el premi Nobel el 1954, és probablement el text més popular de Hemingway. Tot i la seva simplicitat i brevetat, s’erigeix com un cant a la grandesa de l’home encarnada en un vell pescador vençut.

El vell es fa a la mar cada dia, amb obstinació, malgrat que durant setmanes senceres ha de tornar a port amb les mans buides. Les altres barques arriben plenes de pesca; la seva no. Però ell sap que allà, mar endins, l’espera el peix espasa més gros que hagi estat vist. I després d’una lluita aferrissada, a vida o mort, obtindrà el trofeu per la seva tossuderia encara que el mar sigui ple de taurons afamats i la costa estigui encara tan lluny… El vell tindrà el record de la lluita i la satisfacció de la victòria. A això, cap tauró no hi clavarà les dents. El vell i la mar, que va obtenir el premi Pulitzer i va ser la darrera obra publicada per l’autor abans d’obtenir el premi Nobel el 1954, és probablement el text més popular de Hemingway. Tot i la seva simplicitat i brevetat, s’erigeix com un cant a la grandesa de l’home encarnada en un vell pescador vençut.

Only registered users can download this free product.

Vero all’alba

Scritto tra 1954 e 1956, dopo un safari di cinque mesi in Kenia, questo “romanzo autobiografico” rimase inedito fino al 1999, quando Patrick Hemingway, figlio del grande scrittore, lo ritrovò tra i fondi della Kennedy Library di Boston. Si ritrovano in queste pagine le magiche atmosfere dei capolavori hemingwayani, da Verdi colline d’Africa a Le nevi del Kilimangiaro: i lunghi tramonti africani, i ruggiti delle belve nella notte, il vento che scende dalle montagne e scuote le tende. Con la sua scrittura limpida ed essenziale l’autore ci racconta l’emozione della caccia e i rituali del safari, trasmettendoci la sua profonda fascinazione per il continente africano e per la sua cultura. Nell’attesa della preda Hemingway ricorda poi i giorni trascorsi a Parigi e in Spagna, riflettendo sull’arte e il mestiere di scrivere. Il risultato è un autoritratto di straordinaria importanza per capire la personalità e l’arte di un grande scrittore del Novecento.

Scritto tra 1954 e 1956, dopo un safari di cinque mesi in Kenia, questo “romanzo autobiografico” rimase inedito fino al 1999, quando Patrick Hemingway, figlio del grande scrittore, lo ritrovò tra i fondi della Kennedy Library di Boston. Si ritrovano in queste pagine le magiche atmosfere dei capolavori hemingwayani, da Verdi colline d’Africa a Le nevi del Kilimangiaro: i lunghi tramonti africani, i ruggiti delle belve nella notte, il vento che scende dalle montagne e scuote le tende. Con la sua scrittura limpida ed essenziale l’autore ci racconta l’emozione della caccia e i rituali del safari, trasmettendoci la sua profonda fascinazione per il continente africano e per la sua cultura. Nell’attesa della preda Hemingway ricorda poi i giorni trascorsi a Parigi e in Spagna, riflettendo sull’arte e il mestiere di scrivere. Il risultato è un autoritratto di straordinaria importanza per capire la personalità e l’arte di un grande scrittore del Novecento.

Only registered users can download this free product.

Verdi colline d’Africa (nuova edizione)

Oak Park, Illinois, 1899 – Ketchum, Idaho, 1961. Premio Nobel nel 1954, raggiunse la fama nel 1926 con Fiesta. Fra le sue opere: Addio alle armi (1929), Per chi suona la campana (1940), Di là dal fiume e tra gli alberi (1950), Il vecchio e il mare (1952).

Oak Park, Illinois, 1899 – Ketchum, Idaho, 1961. Premio Nobel nel 1954, raggiunse la fama nel 1926 con Fiesta. Fra le sue opere: Addio alle armi (1929), Per chi suona la campana (1940), Di là dal fiume e tra gli alberi (1950), Il vecchio e il mare (1952).

Only registered users can download this free product.

Il vecchio e il mare

###
Un vecchio pescatore cubano lotta contro un gigantesco pescespada, simbolo della fierezza e della libertà della natura.

###
Un vecchio pescatore cubano lotta contro un gigantesco pescespada, simbolo della fierezza e della libertà della natura.

Only registered users can download this free product.

Isole nella Corrente

La strana guerra di Thomas Hudson, pittore e grande chiacchierone, arruolato per pattugliare il mar dei Caraibi alla ricerca di sommergibili tedeschi. Una vicenda bellica vissuta forse più nei bar che sul mare. Un libro divertente sotto ogni aspetto. La cronaca scanzonata di un uomo in guerra con i tedeschi, con gli altri e con se stesso.

La strana guerra di Thomas Hudson, pittore e grande chiacchierone, arruolato per pattugliare il mar dei Caraibi alla ricerca di sommergibili tedeschi. Una vicenda bellica vissuta forse più nei bar che sul mare. Un libro divertente sotto ogni aspetto. La cronaca scanzonata di un uomo in guerra con i tedeschi, con gli altri e con se stesso.

Only registered users can download this free product.

Il giardino dell’Eden

In questo romanzo pubblicato postumo sono rappresentati un giovane scrittore di successo, la giovane donna affascinante e inquieta che ha sposato, la cui nevrosi scivola verso la follia, e “l’altra donna”. La Costa Azzurra dei ruggenti anni Venti fa da sfondo agli ambigui giochi erotici che si intrecciano fra i tre. E parallela alla vicenda che il protagonista vive, l’altra vicenda, che il protagonista scrive: un lungo safari in Africa, un difficile rapporto fra padre e figlio, un romanzo faticosamente portato avanti.
**

In questo romanzo pubblicato postumo sono rappresentati un giovane scrittore di successo, la giovane donna affascinante e inquieta che ha sposato, la cui nevrosi scivola verso la follia, e “l’altra donna”. La Costa Azzurra dei ruggenti anni Venti fa da sfondo agli ambigui giochi erotici che si intrecciano fra i tre. E parallela alla vicenda che il protagonista vive, l’altra vicenda, che il protagonista scrive: un lungo safari in Africa, un difficile rapporto fra padre e figlio, un romanzo faticosamente portato avanti.
**

Only registered users can download this free product.

Fiesta

Pubblicato nel 1926, Fiesta è il libro che ha consacrato il suo autore ventisettenne tra i più importanti scrittori americani di quella che Gertrude Stein definì la “generazione perduta”. Basato su una materia ampiamente autobiografica, il romanzo narra le vicende di un gruppo cosmopolita di giovani espatriati, con le loro burrascose inquietudini esistenziali e sentimentali. Tra notti insonni trascorse a discutere e sbronzarsi nei caffè di Montparnasse o nelle arene di Pamplona, i protagonisti ricercano incessantemente emozioni e sensazioni sempre più forti, che li stordiscano e allontanino quel senso del nulla così incombente sulla generazione di Hemingway nel periodo tra le due guerre. In queste pagine lo scrittore raggiunge uno stile già maturo, calibratissimo tra cronaca e poesia, asciutto, essenziale, con dialoghi esemplari per incisività ed eleganza, grazie al quale riesce a mettere a nudo l’anima dei suoi personaggi e a infondere loro la vita.

Pubblicato nel 1926, Fiesta è il libro che ha consacrato il suo autore ventisettenne tra i più importanti scrittori americani di quella che Gertrude Stein definì la “generazione perduta”. Basato su una materia ampiamente autobiografica, il romanzo narra le vicende di un gruppo cosmopolita di giovani espatriati, con le loro burrascose inquietudini esistenziali e sentimentali. Tra notti insonni trascorse a discutere e sbronzarsi nei caffè di Montparnasse o nelle arene di Pamplona, i protagonisti ricercano incessantemente emozioni e sensazioni sempre più forti, che li stordiscano e allontanino quel senso del nulla così incombente sulla generazione di Hemingway nel periodo tra le due guerre. In queste pagine lo scrittore raggiunge uno stile già maturo, calibratissimo tra cronaca e poesia, asciutto, essenziale, con dialoghi esemplari per incisività ed eleganza, grazie al quale riesce a mettere a nudo l’anima dei suoi personaggi e a infondere loro la vita.

Only registered users can download this free product.

Festa mobile

Il fantasma di Parigi, dove Hemingway soggiornò tra il 1921 e il 1928, accompagnò lo scrittore per tutta la vita, tornandogli prepotentemente alla mente soprattutto a partire dal 1957 quando, ormai malato, si fece urgente il bisogno di dedicare a quella città in cui era stato “molto povero e molto felice” il suo ultimo romanzo, rimasto incompiuto nella stesura finale e pubblicato postumo. Celebrazione della “vita intesa come una fiesta “, ricca ogni giorno di nuove esperienze e nuove illusioni, Festa mobile ci racconta di bistrò, marciapiedi, bevute, oppio, corse dei cavalli, campioni di ciclismo con tanto di baffi. Di snobismo letterario e sociale, di una fame che diventa scuola e disciplina, di cose pulite e cose meno pulite. Parigini, americani, e sopra tutto lei, Parigi. È un libro di ricordi, e molto di più: l’opera d’addio che dà l’estrema misura di un attaccamento insuperabile alla giovinezza, all’energia di vivere, agire ed esprimersi come scrittore.

Il fantasma di Parigi, dove Hemingway soggiornò tra il 1921 e il 1928, accompagnò lo scrittore per tutta la vita, tornandogli prepotentemente alla mente soprattutto a partire dal 1957 quando, ormai malato, si fece urgente il bisogno di dedicare a quella città in cui era stato “molto povero e molto felice” il suo ultimo romanzo, rimasto incompiuto nella stesura finale e pubblicato postumo. Celebrazione della “vita intesa come una fiesta “, ricca ogni giorno di nuove esperienze e nuove illusioni, Festa mobile ci racconta di bistrò, marciapiedi, bevute, oppio, corse dei cavalli, campioni di ciclismo con tanto di baffi. Di snobismo letterario e sociale, di una fame che diventa scuola e disciplina, di cose pulite e cose meno pulite. Parigini, americani, e sopra tutto lei, Parigi. È un libro di ricordi, e molto di più: l’opera d’addio che dà l’estrema misura di un attaccamento insuperabile alla giovinezza, all’energia di vivere, agire ed esprimersi come scrittore.

Only registered users can download this free product.

Di là dal fiume e tra gli alberi

In questo romanzo, come nelle altre opere di Hemingway, c’è tutto il suo autore. Le sovrapposizioni tra il protagonista e lo scrittore americano sono continue, né Hemingway cerca di limitarle. C’è tutto Hemigway nel colonnello Cantwell e tutto Cantwell è in Hemingway. Richard Cantwell è un colonnello della fanteria dell’esercito degli Stati Uniti d’America, retrocesso dal grado di generale. Ha 50 anni ed è malato di cuore. Dopo una vita passata a combattere, cacciare, bere, agire, il colonnello sente costante accanto a sé la presenza della morte ma tenta di esorcizzarla cercando di continuare come se nulla fosse, anzi cercando di vivere ancora più a fondo le sue passioni ed i suoi amori. Hemingway, partendo da queste premesse, ci porta a vivere le ultime ore del colonnello Cantwell.

In questo romanzo, come nelle altre opere di Hemingway, c’è tutto il suo autore. Le sovrapposizioni tra il protagonista e lo scrittore americano sono continue, né Hemingway cerca di limitarle. C’è tutto Hemigway nel colonnello Cantwell e tutto Cantwell è in Hemingway. Richard Cantwell è un colonnello della fanteria dell’esercito degli Stati Uniti d’America, retrocesso dal grado di generale. Ha 50 anni ed è malato di cuore. Dopo una vita passata a combattere, cacciare, bere, agire, il colonnello sente costante accanto a sé la presenza della morte ma tenta di esorcizzarla cercando di continuare come se nulla fosse, anzi cercando di vivere ancora più a fondo le sue passioni ed i suoi amori. Hemingway, partendo da queste premesse, ci porta a vivere le ultime ore del colonnello Cantwell.

Only registered users can download this free product.