1–16 di 3203 risultati

Zic: Il misterioso caso del graffitaro scomparso.

È il 2008 quando un writer molto noto a Livorno scompare improvvisamente senza una ragione apparente. Di lui rimangono solo le sue irriverenti e pungenti scritte sui muri e i suoi quadri che hanno iniziato a destare l’interesse di qualche addetto ai lavori. Si indaga a tutto campo, giornali e televisioni si interessano del caso ma non si riesce a raggiungere una conclusione
provata. Si tratta di una burla o di un discutibile espediente di marketing? Molte ipotesi ma nessuna certezza. Sarà la ex fidanzata ucraina del writer, otto anni dopo, a richiedere l’intervento dell’agenzia Rea investigazioni e ogni tentativo di
dissuaderla per le scarsissime possibilità di successo visto l’eccessivo tempo trascorso, cade nel vuoto. L’investigatore si recherà a Livorno e condurrà un’indagine che lo porterà in rotta di collisione con malavitosi russi e nostrani, a stringere amicizia con una ex prostituta e con un ispettore di polizia, a incrociare la strada di un barbone e di un falsario balbuziente. In una città flagellata dal libeccio e accarezzata dal sole l’investigatore cercherà fra i canali, i vicoli e i quartieri della città labronica un indizio che possa fargli intravedere la verità che cerca.
L’autore
Franco Filiberto è nato in Calabria nel 1948. Per circa dieci anni è stato ufficiale presso la Brigata Paracadutisti Folgore a Pisa e Livorno. Attualmente vive e lavora a Pisa dove svolge l’attività di pubblicitario con il ruolo di art director.
Suoi racconti sono presenti in varie raccolte e antologie. Il suo thriller “Le ali sulla pelle” è stato premiato al “Festival Internazionale Giallo Garda 2015” e al “Holmes Awards 2016”. Nel 2016 ha pubblicato una raccolta di racconti gialli dal titolo “Di nuvole, brugole e altri misteri”, premiato al “Festival Internazionale Giallo Garda” nella categoria ebook. Nel 2017 ha pubblicato con Arpeggio Libero Editrice il thriller “La mossa del gambero” sequel di “Le ali sulla pelle”. Nel 2019 ha pubblicato con la Oakmond Publishing tre racconti gialli. Nel 2019 ha pubblicato “Via Roma 18. AAA Assassino cercasi”. **
### Sinossi
È il 2008 quando un writer molto noto a Livorno scompare improvvisamente senza una ragione apparente. Di lui rimangono solo le sue irriverenti e pungenti scritte sui muri e i suoi quadri che hanno iniziato a destare l’interesse di qualche addetto ai lavori. Si indaga a tutto campo, giornali e televisioni si interessano del caso ma non si riesce a raggiungere una conclusione
provata. Si tratta di una burla o di un discutibile espediente di marketing? Molte ipotesi ma nessuna certezza. Sarà la ex fidanzata ucraina del writer, otto anni dopo, a richiedere l’intervento dell’agenzia Rea investigazioni e ogni tentativo di
dissuaderla per le scarsissime possibilità di successo visto l’eccessivo tempo trascorso, cade nel vuoto. L’investigatore si recherà a Livorno e condurrà un’indagine che lo porterà in rotta di collisione con malavitosi russi e nostrani, a stringere amicizia con una ex prostituta e con un ispettore di polizia, a incrociare la strada di un barbone e di un falsario balbuziente. In una città flagellata dal libeccio e accarezzata dal sole l’investigatore cercherà fra i canali, i vicoli e i quartieri della città labronica un indizio che possa fargli intravedere la verità che cerca.
L’autore
Franco Filiberto è nato in Calabria nel 1948. Per circa dieci anni è stato ufficiale presso la Brigata Paracadutisti Folgore a Pisa e Livorno. Attualmente vive e lavora a Pisa dove svolge l’attività di pubblicitario con il ruolo di art director.
Suoi racconti sono presenti in varie raccolte e antologie. Il suo thriller “Le ali sulla pelle” è stato premiato al “Festival Internazionale Giallo Garda 2015” e al “Holmes Awards 2016”. Nel 2016 ha pubblicato una raccolta di racconti gialli dal titolo “Di nuvole, brugole e altri misteri”, premiato al “Festival Internazionale Giallo Garda” nella categoria ebook. Nel 2017 ha pubblicato con Arpeggio Libero Editrice il thriller “La mossa del gambero” sequel di “Le ali sulla pelle”. Nel 2019 ha pubblicato con la Oakmond Publishing tre racconti gialli. Nel 2019 ha pubblicato “Via Roma 18. AAA Assassino cercasi”.

Voce di carne e di anima

**Ho avuto tante case e non ne ho abitata neanche una, ma la poesia, la fata migliore, mi fece una casa tutta per me, tutta per me.**
Tensione mistica e vocazione terrena, religione e follia, vitalità e scrittura. Per la prima volta viene raccolto in questo volume **un ricco, intenso compendio di alcuni dei libri più importanti** che la grande poetessa milanese ha affidato – negli ultimi dieci anni della sua vita – all’amico Arnoldo Mosca Mondadori, componendo un’originale sinfonia di «voci» di carne e di anima: da *Corpo d’amore* , con l’enigma di Gesù e del suo messaggio rivoluzionario, al *Poema della croce* , in cui si dipana il teatro della crocifissione; da *La carne degli angeli* , in cui si esprime il mistero delle presenze angeliche, al *Magnificat* , con al centro una Vergine Maria fragile e umanissima di fronte al mistero della divinità del figlio; dal *Cantico dei Vangeli* , in cui Pietro, Giovanni, Giuda, Pilato, Maria Maddalena intessono con Gesù un dialogo intenso, a Francesco, un monologo che è a un tempo confessione e preghiera; fino al bellissimo Eternamente vivo. Tutti testi che si sono sempre nutriti di un’enigmatica commistione di carnalità e trascendenza, scandendo con autenticità quasi crudele un’esistenza segnata dalla sofferenza. Nessun poeta assomiglia con altrettanta precisione alle sue opere come Alda Merini. Questa tensione «religiosa», e insieme terrena, spesso erotica, si è incarnata poeticamente in figure sacre via via diverse, voci bellissime e perfette, ora rarefatte ora sensuali, in cui la parola si sostanzia in versi, come scrisse Manganelli, «di una complessità tra minatoria e assurda, di straordinaria invenzione verbale e sintattica». Perché, come è scritto nella Nota introduttiva, Alda Merini «diventava» la voce di coloro che amava profondamente. **
### Sinossi
**Ho avuto tante case e non ne ho abitata neanche una, ma la poesia, la fata migliore, mi fece una casa tutta per me, tutta per me.**
Tensione mistica e vocazione terrena, religione e follia, vitalità e scrittura. Per la prima volta viene raccolto in questo volume **un ricco, intenso compendio di alcuni dei libri più importanti** che la grande poetessa milanese ha affidato – negli ultimi dieci anni della sua vita – all’amico Arnoldo Mosca Mondadori, componendo un’originale sinfonia di «voci» di carne e di anima: da *Corpo d’amore* , con l’enigma di Gesù e del suo messaggio rivoluzionario, al *Poema della croce* , in cui si dipana il teatro della crocifissione; da *La carne degli angeli* , in cui si esprime il mistero delle presenze angeliche, al *Magnificat* , con al centro una Vergine Maria fragile e umanissima di fronte al mistero della divinità del figlio; dal *Cantico dei Vangeli* , in cui Pietro, Giovanni, Giuda, Pilato, Maria Maddalena intessono con Gesù un dialogo intenso, a Francesco, un monologo che è a un tempo confessione e preghiera; fino al bellissimo Eternamente vivo. Tutti testi che si sono sempre nutriti di un’enigmatica commistione di carnalità e trascendenza, scandendo con autenticità quasi crudele un’esistenza segnata dalla sofferenza. Nessun poeta assomiglia con altrettanta precisione alle sue opere come Alda Merini. Questa tensione «religiosa», e insieme terrena, spesso erotica, si è incarnata poeticamente in figure sacre via via diverse, voci bellissime e perfette, ora rarefatte ora sensuali, in cui la parola si sostanzia in versi, come scrisse Manganelli, «di una complessità tra minatoria e assurda, di straordinaria invenzione verbale e sintattica». Perché, come è scritto nella Nota introduttiva, Alda Merini «diventava» la voce di coloro che amava profondamente.

Una Donna Oltre Le Apparenze

**Amori a Whitby** 3
*Inghilterra, 1872*
Che compito ingrato! Frances Webster non riesce proprio a credere che la sorella Lydia la stia costringendo a consegnare di persona un messaggio sconveniente ad Arthur Amberton. Oltretutto, giunta all’isolato casolare in cui lui abita, si ritrova davanti un uomo brusco e rude, ben diverso dal fascinoso ed elegante nobile che conosceva un tempo. La vita del resto ha cambiato molto anche lei: dopo un tragico incidente che le ha sfregiato il volto e ha minato la sua sicurezza, conduce infatti un’esistenza solitaria. Inaspettatamente, però, benché Arthur rifiuti le avances di Lydia, sembra accettare Frances senza riserve. Così, mentre l’amicizia tra loro rifiorisce e inizia a tingersi di tenerezza e passione, lei può solo sperare che il visconte riesca a vederla e amarla oltre le apparenze.

Trattato Delle Piccole Virtù

Viviamo un’epoca in cui l’«assolo» sembra prevalere decisamente sul «vivere corale». Sebbene si sia ormai affermata la necessità di prendersi cura dei beni comuni, risulta però impossibile tutelarli senza fare appello a quelle virtù che riducono le pretese del singolo a favore dell’armonia dell’insieme. Carlo Ossola ci accompagna in un viaggio che è anche un dialogo con alcuni maestri delle «piccole virtù», esponenti del pensiero e della letteratura: da Cicerone e Lucrezio ad Alessandro Manzoni e Victor Hugo, da Carlo Goldoni a Giacomo Leopardi, da Emily Dickinson a Wisława Szymborska, da T.S.Eliot a Georges Bernanos. Guida ideale lungo il percorso è il trattato settecentesco – che fa da appendice al volume – in cui Giovan Battista Roberti, compendiando secoli di civiltà europea, descrisse le «virtù sociali, utili a chiunque vive in società di altri viventi razionali». Nella consapevolezza che ricercare e praticare queste virtù non è altro se non, citando sant’Agostino, «scorgere in un fatto modesto i concetti comuni delle piccole come delle grandi realtà».

Tim Cook (Versione Italiana)

Dopo la morte di Steve Jobs, l’iconico fondatore di Apple, era difficile immaginare il suo successore: l’erede avrebbe dovuto reggere il confronto con uno dei più grandi imprenditori e creativi di tutti i tempi. E Tim Cook, timido e riservato braccio destro di Jobs, non sembrava all’altezza. Ma oggi le cose alla Apple non potrebbero andare meglio: il valore delle azioni è triplicato, e l’azienda di Cupertino è diventata la prima al mondo con una capitalizzazione da un trilione di dollari. Grazie a Cook, Apple si sta espandendo verso una produzione più green, politiche di rispetto della privacy e dell’ambiente, prodotti sempre più all’avanguardia, un’etica solida fatta di valori veri, che sono diventati parte integrante delle attività aziendali. Dalla crescita esponenziale delle vendite degli iPhone al successo della tecnologia indossabile con l’Apple Watch, all’incremento dei servizi, Cook sta conducendo la Mela verso una nuova era.
In questo libro Leander Kahney, editor e giornalista esperto di high-tech, ha avuto il via libera esclusivo di Apple per avere accesso a fonti interne dell’azienda, grazie alle quali ha potuto ricostruire un ritratto sincero di Tim Cook. Attraverso il racconto della storia inspirational del leader silenzioso, scopriamo chi è l’uomo che è riuscito a sostituire qualcuno di insostituibile.

Thoreau

**Criticare l’utilità mercantile, disobbedire all’autorità: i due grandi insegnamenti di Thoreau.**
È ancora possibile distinguersi dai più e plasmare la propria vita secondo le proprie convinzioni? Si possono ignorare vie precostituite, norme sociali e religiose, giudizio degli altri, per costruire la propria esistenza in accordo con le proprie e più intime esigenze? Con i propri ideali?
La risposta di **Michel Onfray** è in questo breve e felice libro, in cui ci presenta – e ci indica come modello – la vita e le opere di **Henry David Thoreau** , ecologista *ante litteram* , apostolo della disobbedienza civile che avrà per continuatori Tolstoj, Gandhi, Martin Luther King, e soprattutto autore del celeberrimo *Walden. La vita nei boschi*.
La vita dello scrittore americano, percorsa istintivamente e intimamente dal desiderio di ritrovare una «relazione originale con l’universo», di eliminare tutto il superfluo dall’esistenza – all’insegna di un individualismo del tutto opposto all’egoismo cui viene comunemente equiparato – diviene così ispirazione esistenziale ma anche politica; in Thoreau il pensiero diventò azione e creò le condizioni di una vita autenticamente filosofica.
Se i grandi uomini e le personalità eccezionali sembrano essere davvero passati di moda in un’epoca di solitarie folle livorose, Onfray ci ricorda che è proprio la loro perenne inattualità a costituirne la forza, e soprattutto il valore di esempio duraturo.

Sviluppare in PHP 7 – II Edizione: Realizzare applicazioni web e API professionali

PHP è tra i linguaggi di programmazione più utilizzati al mondo per lo sviluppo di applicazioni web. Questa seconda edizione del manuale di Enrico Zimuel, esperto di fama internazionale, offre una revisione approfondita del libro con l’aggiunta di due capitoli sulle ultime novità delle versioni 7.3 e 7.4 del linguaggio e sull’utilizzo dei design pattern più utilizzati nei progetti PHP.
Il libro è adatto sia a chi vuole imparare a programmare in PHP a livello professionale e sia a chi lo utilizza già da qualche anno.
Il manuale parte dalle basi del linguaggio per arrivare allo sviluppo di applicazioni web basate su architetture MVC o middleware, utilizzando lo standard PSR-7. Vengono presentati i moderni strumenti di sviluppo, come l’utilizzo di composer, la gestione dei codici sorgenti tramite git, i test unitari con PHPUnit, il deploy di applicazioni tramite Deployer e Ansible, la gestione dei database MySQL e MongoDB, l’utilizzo di ORM come Doctrine.
Un intero capitolo è dedicato al tema dello sviluppo di web API con architetture REST, utilizzando un approccio middleware o tramite il progetto open source Apigility.
All’indirizzo www.sviluppareinphp7.it si possono scaricare i codici sorgenti presenti nel libro. **
### Sinossi
PHP è tra i linguaggi di programmazione più utilizzati al mondo per lo sviluppo di applicazioni web. Questa seconda edizione del manuale di Enrico Zimuel, esperto di fama internazionale, offre una revisione approfondita del libro con l’aggiunta di due capitoli sulle ultime novità delle versioni 7.3 e 7.4 del linguaggio e sull’utilizzo dei design pattern più utilizzati nei progetti PHP.
Il libro è adatto sia a chi vuole imparare a programmare in PHP a livello professionale e sia a chi lo utilizza già da qualche anno.
Il manuale parte dalle basi del linguaggio per arrivare allo sviluppo di applicazioni web basate su architetture MVC o middleware, utilizzando lo standard PSR-7. Vengono presentati i moderni strumenti di sviluppo, come l’utilizzo di composer, la gestione dei codici sorgenti tramite git, i test unitari con PHPUnit, il deploy di applicazioni tramite Deployer e Ansible, la gestione dei database MySQL e MongoDB, l’utilizzo di ORM come Doctrine.
Un intero capitolo è dedicato al tema dello sviluppo di web API con architetture REST, utilizzando un approccio middleware o tramite il progetto open source Apigility.
All’indirizzo www.sviluppareinphp7.it si possono scaricare i codici sorgenti presenti nel libro.

Stranger things

ANTES DE LA NOCHE MÁS EXTRA DE SU VIDA. ANTES DE CONVERTIRSE EN MAD MAX. ANTES DE HAWKINS Y EL MUNDO AL REVÉS. Max Mayfield sabe que no encaja. Nunca parece decir lo correcto, no es cursi ni delicada como su madre pretende que sea, y lo que más le gusta son los videojuegos y andar en patineta. Además, desde que su madre se casó con Neil, y su hermanastro, Billy, entró en escena, su vida se ha complicado aún más. Ahora Max y su nueva familia viven en Hawkins, un lugar donde todo parece extraño. Pero Max está decidida a escapar. Su plan es ir a Los Ángeles y encontrarse con su padre. Sin embargo, Max parece estar haciendo nuevos amigos en Hawkins y tendrá que decidir si seguir adelante con lo planeado o enfrentarse al oscuro mundo del revés. Esta precuela de Stranger Things revela los aspectos más desconocidos de uno de los personajes favoritos de la exitosa serie de Netflix.

Storia Della Liberazione Sessuale

L’onda di ribellione che cinquant’anni fa ha investito l’Occidente ha avuto il merito di smantellare un sistema ipocrita e repressivo la cui doppia morale comportava per le donne un costo esorbitante: essere giudicate solo per la loro condotta sessuale, reale o supposta che fosse. Scoprendo il filo conduttore che lega processi apparentemente autonomi, Lucetta Scaraffia individua il passaggio epocale tra il declino del pudore e il trionfo del corpo quale protagonista della sfera sociale; smentisce le radici pseudoscientifiche della rivoluzione sessuale – in cui confluivano eugenetica, psicoanalisi e il «falso antropologico» che promuoveva il libero amore -; riconosce le ingerenze del mercato, culminate nella promessa di una «realizzazione sessuale» per tutti; da femminista cattolica, punta il dito contro gli errori della Chiesa, immaginandone il rinnovamento a partire dal ruolo centrale della donna. L’analisi ripercorre le vicende di guru e ideologi vari, figure come William Reich e Herbert Marcuse, il cui messaggio è stato edulcorato o distorto, evidenzia il peso delle inchieste sociologiche come il Rapporto Kinsey e di un immaginario affermatosi attraverso libri, musica e cinema, fino alle perplessità avanzate dallo stesso femminismo sulle ricadute della liberazione sessuale. Con sguardo critico maturato nell’esperienza di quei giorni e nelle scelte successive di donna, madre e storica, l’autrice pone interrogativi ineludibili: quanto ha influito sulla formazione dell’identità e della libertà interiore il nuovo modo di vivere e di pensare il sesso, nucleo centrale delle relazioni fra i generi e fra le generazioni? Si è raggiunta la felicità prospettata per le donne e gli uomini del nostro tempo? **

Storia Dell’Italia Corrotta

Come mai la corruzione ha così lunga vita nella storia del nostro paese? Come mai resiste ad ogni epoca e ad ogni regime politico? Come mai in questo campo non si riesce a trovare niente di veramente dissuasivo, niente che provi ad estirparla nel costume, nel comportamento, nell’atteggiamento degli attori coinvolti? Come mai questo tratto di continuità nella storia d’Italia, questo elemento costante, capillare, quasi costitutivo del funzionamento delle istituzioni nel nostro paese, non si riesce ad interromperlo? Perché ciò che è accaduto nel passato continua ad accadere oggi? A queste domande, ricostruendo alcuni dei principali scandali dal 1861 ad oggi, provano a rispondere gli autori di Storia dell’Italia corrotta partendo dal presupposto che non c’è altro comportamento criminale che scardina di più la percezione dello Stato e ne distrugge credenza e legittimazione, al punto da definirlo “reato di corrosione e di fragilità di Stato”, perché commesso da rappresentanti dello Stato su funzioni e compiti dello Stato. La corruzione per gli autori “ha assunto nel corso della storia italiana essenzialmente il volto delle istituzioni”, non è dunque un problema della morale singola del cittadino ma della concezione dello Stato di una parte delle classi dirigenti del paese, che hanno reso l’abuso e la profittabilità del loro potere un fatto consuetudinario e diffuso, una normale modalità di esercitare la funzione politica, burocratica e imprenditoriale. Si potrebbe quasi parlare di “banalità” della corruzione in Italia. **
### Sinossi
Come mai la corruzione ha così lunga vita nella storia del nostro paese? Come mai resiste ad ogni epoca e ad ogni regime politico? Come mai in questo campo non si riesce a trovare niente di veramente dissuasivo, niente che provi ad estirparla nel costume, nel comportamento, nell’atteggiamento degli attori coinvolti? Come mai questo tratto di continuità nella storia d’Italia, questo elemento costante, capillare, quasi costitutivo del funzionamento delle istituzioni nel nostro paese, non si riesce ad interromperlo? Perché ciò che è accaduto nel passato continua ad accadere oggi? A queste domande, ricostruendo alcuni dei principali scandali dal 1861 ad oggi, provano a rispondere gli autori di Storia dell’Italia corrotta partendo dal presupposto che non c’è altro comportamento criminale che scardina di più la percezione dello Stato e ne distrugge credenza e legittimazione, al punto da definirlo “reato di corrosione e di fragilità di Stato”, perché commesso da rappresentanti dello Stato su funzioni e compiti dello Stato. La corruzione per gli autori “ha assunto nel corso della storia italiana essenzialmente il volto delle istituzioni”, non è dunque un problema della morale singola del cittadino ma della concezione dello Stato di una parte delle classi dirigenti del paese, che hanno reso l’abuso e la profittabilità del loro potere un fatto consuetudinario e diffuso, una normale modalità di esercitare la funzione politica, burocratica e imprenditoriale. Si potrebbe quasi parlare di “banalità” della corruzione in Italia.

Storia Del Rock in Italia

18 maggio 1957: al Palazzo del Ghiaccio di Milano va in scena il primo festival italiano di rock’n’roll. Tra i protagonisti, un imberbe Adriano Celentano, appena ribattezzato ‘il molleggiato’, ma pure Tony Renis, Baby Gate (poi conosciuta come Mina), Giorgio Gaber, Luigi Tenco ed Enzo Jannacci. Finalmente, musica e cultura rock esplodono anche in Italia! Nonostante il ritardo con cui viene assimilato, il rock conquista una fetta consistente di mercato discografico e diventa per milioni di giovani uno degli strumenti principali di comunicazione, condivisione e ribellione. Partendo dal 1957, questo libro racconta più di 60 anni di rock in Italia incrociando le vicende dei principali protagonisti, quelle di canzoni, dischi essenziali, concerti e festival, giornali, riviste specializzate e trasmissioni radio/tv con i principali avvenimenti del contesto storico-sociale che ne ha permesso sviluppo e successo. In oltre 350 pagine, ricche di illustrazioni a colori, l’opera passa così in rassegna l’Italia della ricostruzione, del boom economico e delle grandi contestazioni, con tutte le antinomie e le speranze che le hanno caratterizzate; per poi arrivare, attraverso i decenni, ai giorni nostri e mostrare come la cultura giovanile, di cui il rock è parte integrante, rappresenti sempre il cuneo fondamentale per scardinare vecchie idee e imporre nuove mode e filosofie. Non solo la storia del rock italiano, dunque, ma anche quella altrettanto affascinante di musica e cultura rock in Italia.

Segui Il Tuo Destino

Dentro ognuno di noi è tracciato il percorso che ci conduce alla nostra meta. Un cammino che si compie attraverso una continua metamorfosi. È una trasformazione che si svolge giorno dopo giorno dentro di noi, e di cui neppure ci accorgiamo. Svuotare la mente, accogliere i frutti della nostra immaginazione, che siano sogni o fantasie, non ascoltare nessuno, non farsi distrarre dai pensieri altrui ma semplicemente e pazientemente aspettare che i nostri fiori nascano dentro di noi: in poche parole, affidarsi alla vita (che “ne sa più di noi”) e seguire il proprio destino. È questo il modo per invertire la rotta, questa la strada dell’autoguarigione. “Più restiamo sulla nostra via, più rapidamente i disagi guariscono. Più ci avviciniamo alla nostra meta, più arrivano, improvvisi, veri e propri attacchi di felicità.”

Scritti Autobiografici

Forse in nessun autore del Novecento il rapporto fra l’opera e la vita, il «vissuto» e il «poetato» è così stretto e, insieme, inafferrabile come in Walter Benjamin. La raccolta esaustiva di tutti i suoi testi di carattere autobiografico che questo libro propone (dai curricula vitae ai diari, dagli appunti di viaggio ai testi narrativi come Cronaca berlinese) è, per questo, tanto più indispensabile quanto più sembra lasciarci inappagati, quasi che il velo che l’autore ha inteso stendere sulla sua biografia s’infittisse nella misura esatta in cui egli prova a raccontarcela nei suoi più minuti particolari. Nel prologo a Infanzia berlinese, Benjamin ci informa che, richiamando alla memoria i suoi ricordi infantili, ha voluto servirsene come una vaccinazione contro la nostalgia. I tratti biografici si ritirano così nell’ombra e lasciano il posto alle «immagini in cui l’esperienza della grande città si sedimenta in un bambino della classe media». I ricordi più intimi e personali, i sogni, la ricorrente tentazione del suicidio, le amicizie, gli amori sono così lo specchio in cui si riflette il ritratto di un’intera epoca e di un’intera società. E forse da nessuna parte Benjamin ci ha lasciato il suo autoritratto come in un appunto della metà degli anni trenta: «Soluzione dell’enigma: perché non riconosco nessuno, perché confondo tra di loro le persone? Perché io stesso non voglio essere riconosciuto, perché io stesso voglio essere confuso con altri». Giorgio Agamben

Risveglio

**La mindfulness nella vita quotidiana**
Per decenni Jon Kabat-Zinn ha mostrato a un pubblico sempre più ampio i benefici tangibili della meditazione. Oggi, milioni di persone hanno inserito nella propria vita la meditazione di consapevolezza come routine quotidiana. Ma in cosa consiste la meditazione nella pratica? Come si svolge una sessione formale di meditazione? E come possiamo superare gli ostacoli dovuti all’epoca di perpetua distrazione in cui viviamo e che ci impediscono di inserire la pratica della meditazione nella vita di tutti i giorni?
Risveglio risponde con chiarezza a queste domande sempre più urgenti. Pubblicato in origine come parte di *Riprendere i sensi* , è stato ampliato e aggiornato da una nuova prefazione dell’autore.

Ribelle di mezzanotte

Honor Thomas non ricorda cos’è successo. Sa solo che quell’uomo l’ha salvata durante la sua rovinosa fuga. Un uomo all’apparenza scuro e minaccioso, eppure qualcosa le dice che non le farà del male. Anzi, risveglia in lei un desiderio che non ricordava di avere mai provato. Matt Walker, ex Seal, si è rifugiato sul monte Hood dopo le varie delusioni che hanno costellato la sua vita. Dovrebbe cominciare a lavorare per l’ASI, una delle società di sicurezza più importanti del paese, ma non è ancora pronto. La preoccupazione per il destino di Honor, però, riesce a smuovere il suo orgoglio sopito: è lui il solo che può proteggere quella bellissima donna scampata al pericolo, la cui sorte è indissolubilmente legata a quella della nazione.

Rapsodia Mediterranea

Decidere di lasciare stipendio, carriera, città per tentare di diventare un uomo libero. Ma libero di fare che? Per Simone Perotti, divenuto il simbolo della ricerca di “un’altra vita”, è la domanda più importante: che accade quando lasci tutto? Questo libro parla del “dopo”. Dopo le paure che precedono le grandi decisioni, dopo la scelta fatale. Dieci anni fa usciva *Adesso basta* , long seller che di questa scelta è diventato il manifesto. Oggi esce *Rapsodia mediterranea* , che racconta cos’è avvenuto nel frattempo. Dal 2013 al 2019 Perotti ha navigato a vela per quasi ventimila miglia per tutto il Mediterraneo, il Mar Nero, l’Atlantico portoghese, spagnolo e marocchino. Con un gruppo di persone appassionate, è salpato per cercare economie differenti, valori comuni, un’altra socialità, nel tentativo di vivere fuori tempo e fuori rotta rispetto a flussi turistici e luoghi tradizionali, alla ricerca di culture, storie, domande, risposte sul Mediterraneo, per conoscerlo e capirlo, per ricollegare la nostra vita alla sua natura originale. Perché non basta dire “cambio vita”, non basta per se stessi e non basta neanche per il pianeta. Bisogna individuare un nuovo modello, fuori da questo capitalismo e dalla società dei consumi: un “modello mediterraneo” adatto a noi, resiliente, semplice, fatto di spazi emotivi, esistenziali, di relazione, e di rispetto per il mare. *Rapsodia mediterranea* è un libro di formazione, tra romanzo d’avventura e cahier filosofico. Un tributo alle migliaia di persone che si sono appassionate alla vicenda di un uomo orgoglioso e coraggioso, che ha avuto la determinazione di “non tornare indietro”. La storia di un progetto sociale di navigazione e aggregazione, e l’affresco del Mediterraneo oggi, com’è diventato, come potrebbe essere in futuro, tra Georgia caucasica e Portogallo, tra Libano e Balcani, dal Maghreb, all’Anatolia, all’Europa. Soprattutto, questo è un grande libro di mare, visto, navigato e vissuto da testimone, nel solco del *Breviario* di Matvejevic¿. Alcuni uomini partono all’avventura. Altri cercano nuove idee. Pochi tentano di fare entrambe le cose, sulla stessa rotta. Questo libro è il resoconto appassionato e unico di questa confluenza. **
### Sinossi
Decidere di lasciare stipendio, carriera, città per tentare di diventare un uomo libero. Ma libero di fare che? Per Simone Perotti, divenuto il simbolo della ricerca di “un’altra vita”, è la domanda più importante: che accade quando lasci tutto? Questo libro parla del “dopo”. Dopo le paure che precedono le grandi decisioni, dopo la scelta fatale. Dieci anni fa usciva *Adesso basta* , long seller che di questa scelta è diventato il manifesto. Oggi esce *Rapsodia mediterranea* , che racconta cos’è avvenuto nel frattempo. Dal 2013 al 2019 Perotti ha navigato a vela per quasi ventimila miglia per tutto il Mediterraneo, il Mar Nero, l’Atlantico portoghese, spagnolo e marocchino. Con un gruppo di persone appassionate, è salpato per cercare economie differenti, valori comuni, un’altra socialità, nel tentativo di vivere fuori tempo e fuori rotta rispetto a flussi turistici e luoghi tradizionali, alla ricerca di culture, storie, domande, risposte sul Mediterraneo, per conoscerlo e capirlo, per ricollegare la nostra vita alla sua natura originale. Perché non basta dire “cambio vita”, non basta per se stessi e non basta neanche per il pianeta. Bisogna individuare un nuovo modello, fuori da questo capitalismo e dalla società dei consumi: un “modello mediterraneo” adatto a noi, resiliente, semplice, fatto di spazi emotivi, esistenziali, di relazione, e di rispetto per il mare. *Rapsodia mediterranea* è un libro di formazione, tra romanzo d’avventura e cahier filosofico. Un tributo alle migliaia di persone che si sono appassionate alla vicenda di un uomo orgoglioso e coraggioso, che ha avuto la determinazione di “non tornare indietro”. La storia di un progetto sociale di navigazione e aggregazione, e l’affresco del Mediterraneo oggi, com’è diventato, come potrebbe essere in futuro, tra Georgia caucasica e Portogallo, tra Libano e Balcani, dal Maghreb, all’Anatolia, all’Europa. Soprattutto, questo è un grande libro di mare, visto, navigato e vissuto da testimone, nel solco del *Breviario* di Matvejevic¿. Alcuni uomini partono all’avventura. Altri cercano nuove idee. Pochi tentano di fare entrambe le cose, sulla stessa rotta. Questo libro è il resoconto appassionato e unico di questa confluenza.