1–16 di 3511 risultati

Windows 10

Un manuale compatto ed essenziale che guida alla scoperta e all’utilizzo di Windows 10, il sistema operativo Microsoft più diffuso al mondo. Tutto quello che serve per partire con il piede giusto, scoprendo la nuova interfaccia e l’atteso ritorno del menu Start, per imparare a muoversi tra file e cartelle, scoprire gli strumenti per la produttività e l’intrattenimento e navigare in Rete in totale sicurezza. Un manuale dedicato a tutti quelli che desiderano cominciare a utilizzare il computer partendo dalle basi.

Una sostanza sottile

«Ciò che importa sono le relazioni, non c’è altro: come le cose e le persone si legano tra loro». A parlarsi, in questo romanzo, sono un padre e una figlia. E lo fanno come fosse la prima volta, esplorando, sospinti dall’audacia della maturità e della giovinezza, e da una familiarità prima sconosciuta, ora piú intima. Si incontrano in Provenza, un luogo per entrambi lontano ma da entrambi amato. Lui, benché distratto, si guarda alle spalle per consegnare la propria storia a lei, Irène, per dirle tutto quello che non ha mai saputo o immaginato. Ma il racconto di sé, inevitabilmente, non può prescindere da lacerazioni e rotture, da divisioni dell’anima che si esprimono in continue divagazioni e dubbi, dando vita a una narrazione che obbedisce alla circolarità e che fa i conti con i difetti della memoria. A lei, quindi, il compito di raccogliere il flusso dei ricordi, di ascoltarlo e sollecitarlo con domande sempre nuove, di allargare quella trama di cui è intessuta ogni esistenza facendo però attenzione a non aprirla troppo. E cosí, sullo sfondo delle bianche mura di Avignone e dei paesini sferzati dal vento, si dipana un’anamnesi che è anche sentimentale e filosofica: i viaggi, i romanzi, le donne, gli autori piú amati, gli affetti perduti, gli incontri fortuiti; e ancora e soprattutto le sconfitte patite nel corpo e nelle illusioni, quella dimensione liminare fra la vita e la morte a lungo indagata nel corso di una degenza in ospedale. Perché, se non si può rovesciare l’ovvio, non si può neanche dimenticare «quanto accade nella staticità, nell’impedimento, nella prigionia». Un romanzo dall’ampia struttura reticolare nelle cui maglie ci si perde e ritrova, e una scrittura che s’innalza e ridiscende come un brano musicale.

Ricordo quasi tutto

«Una grande famiglia è una famiglia disseminata, divisa, complicata, persa, ritrovata. L’albero genealogico segna rami che a volte non si sono mai toccati, e a volte si sono uniti indissolubilmente.» Fulco Ruffo di Calabria appartiene a una delle famiglie più antiche e blasonate d’Europa, che vanta fra i suoi membri re e regine, principi e principesse, cardinali ed eroi, come il nonno Fulco, asso dell’aviazione della Prima guerra mondiale e medaglia d’oro al valor militare. Con legittimo orgoglio ma anche con estrema spontaneità e semplicità, Fulco si racconta per la prima volta in una sorta di diario «geografico» che ripercorre la sua vita di nomade d’eccezione: l’infanzia torinese insieme ai fratelli Augusto, Imara, Umberto e Alessandro, sotto l’occhio vigile e affettuoso della «signorina Natalia», amica e complice; la Pasqua a Roma da nonna Luisa; le feste con i compagni di giochi, fra i quali Edoardo e Margherita Agnelli e i «rampolli» di casa Marone Cinzano, i Rivetti, i Nasi, i Vallarino Gancia; i collegi esclusivi a Moncalieri, Pallanza, Paderno del Grappa e Gressoney; le indimenticabili vacanze a Poveromo, in Versilia, nella accogliente e vissuta casa di famiglia, in compagnia di nonni, cugini e zii (fra cui Paola, futura regina dei Belgi) o a Sestriere. I viaggi per tutta l’Europa con la «banda Ruffo» (così zia Paola chiamava i nipoti) negli «anni feroci e fieri», in cui «non ci facemmo mancare niente», all’insegna della spensieratezza e degli amori passeggeri. Fino al trasferimento in Sudafrica, dove Fulco si reca per lavorare nella società del padre. Poi il ritorno in Italia, e quell’irrequieto peregrinare di città in città alla ricerca del luogo in cui riconoscersi e potersi fermare per sempre: Torino, Roma, Lecce, il Salento, con i suoi profumi e la sua ospitalità, di nuovo Roma… Queste pagine sincere e appassionate non mancano però di raccontare anche ricordi dolorosi: il difficile rapporto con il padre, fin dall’inizio così «distante» e presto del tutto assente, la paternità irrisolta, l’improvvisa quanto inaspettata fine del matrimonio con Melba. Mettendo a nudo, senza reticenze, la paura di sempre: non essere all’altezza delle aspettative. *Ricordo quasi tutto* è un personalissimo viaggio autobiografico, ma anche la sorprendente istantanea di un’Italia così bella da rendere davvero impossibile la scelta di un luogo dove fermarsi.

Personal – Edizione Italiana

« *Reacher mi cattura dalla prima pagina fino all’ultima. Tra gli scrittori di thriller, Lee Child per me è il numero 1.* »
**Ken Follett**
« *I suoi romanzi sono davvero straordinari.* »
**Stephen King**
« *Il miglior autore contemporaneo di narrativa crime.* »
**Haruki Murakami**
« *Dà un nuovo significato al concetto di page-tuner.* »
**Michael Connelly**
« *Lee Child ci sa fare con le parole. Sono un suo fan.* »
**James Patterson**
**Le avventure di Jack Reacher – vol. 19**
« *Puoi lasciare l’esercito, ma l’esercito non lascia te. Non sempre. Non completamente.* »
E infatti **Jack Reacher** deve tornare in servizio, richiamato dal dipartimento di Stato e dalla CIA. Qualcuno ha colpito il presidente francese mentre teneva un discorso a Parigi. Un solo colpo, sparato con estrema precisione da una distanza eccezionalmente lunga, un colpo che sarebbe stato letale se non l’avessero fermato le barriere protettive. E il proiettile… è americano. Quanti cecchini sono in grado di fare fuoco da quasi un chilometro con una tale sicurezza? Pochissimi, e tra loro c’è di certo John Kott, una vecchia conoscenza di Reacher, che quindici anni prima lo ha mandato in galera. Ora Kott è libero e, con il G8 in corso, non è affatto una buona notizia…
La strada che Jack Reacher ha di fronte è disseminata di scelte difficili, spietati mafiosi, ex mercenari e soprattutto nessuna possibilità di chiedere aiuto. Ad affiancarlo nella sua caccia c’è Casey Nice, una giovanissima ma brillante (oltre che affascinante) analista. Ma entrare in azione con una donna al proprio fianco riporta Reacher all’ultima, drammatica occasione in cui ha lavorato in coppia, e alla fine tragica della sua partner. Non può permettere che accada di nuovo. Questa volta non può commettere nessun errore. È una questione personale…
**La serie di Jack Reacher:**  
*Zona pericolosa *
*Destinazione inferno *
*Trappola mortale *
*Via di fuga *
*Colpo secco *
*A prova di killer *
*La vittima designata *
*Il nemico *
*Jack Reacher – La prova decisiva*
*Identità sconosciuta – Un’avventura di Jack Reacher*
*Un passo di troppo *
*Vendetta a freddo *
*Niente da perdere *
*I dodici segni *
*L’ora decisiva *
*Una ragione per morire *
*La verità non basta *
*Il ricercato *
*Punto di non ritorno *
*Personal *
*Prova a fermarmi *
*Non sfidarmi *

Obama Il Grande

Da uno dei massimi esperti in Italia di storia americana un libro controcorrente su Barack Obama, il «grande presidente» che ha rinnovato la politica estera degli Stati Uniti e ha affrontato le diseguaglianze tra ricchi e poveri. Mentre Obama si appresta a lasciare la Casa Bianca, Massimo Teodori traccia un primo bilancio del suo operato, rispondendo ad alcuni interrogativi: ha portato l’America alla decadenza o ha rinnovato il Paese più ricco e potente del mondo? Ha combattuto il terrorismo o ha favorito, con l’isolazionismo, l’avanzata dell’Isis? Ha affrontato il razzismo o non è riuscito a ridurre le tensioni che agitano la società americana? È stato dalla parte dei ricchi di Wall Street o del ceto medio di Main Street? In breve: la sua presidenza è stata un successo o un fallimento? La seconda parte del volume contiene una guida indispensabile per tutti coloro che vogliono comprendere la macchina della democrazia statunitense e farsi un’idea di come si svolgeranno le presidenziali del 2016, dalle primarie alle convenzioni nazionali, fino all’elezione popolare dell’8 novembre.

Morire è un mestiere difficile

**Con questa odissea dolorosa e surreale Khaled Khalifa racconta di nuovo il presente siriano e ci mostra senza sconti la quotidianità di chi vive tra le macerie.**
Bulbul ha appena perso il padre, che giace in un ospedale di Damasco. L’ultima promessa che gli ha fatto è stata di seppellirlo accanto alla sorella nel suo paese natale, vicino ad Aleppo. Solo quattrocento chilometri, ma a separare le due città c’è un solco ben più profondo: Damasco infatti è sotto il controllo del regime di Assad, mentre Aleppo è nelle mani dei ribelli. Viaggiare dall’una all’altra con una salma si rivela presto un compito molto arduo, che Bulbul condivide con il fratello Huseyn e la sorella Fatima. Tra controlli, sbarramenti e minacce i tre ricostruiscono insieme il ricordo del padre e il loro legame, un appiglio di umanità tra i marosi della guerra.

Lezioni private: I casi di Elia Contini

L’investigatore Elia Contini è più abituato ai piccoli furti e agli animali smarriti che ai delitti da romanzo. Un giorno nel suo ufficio si presenta una gentile insegnante di scuola media. Il suo problema: ogni volta che esce da scuola si trova l’automobile con le gomme tagliate. Così Contini parte a caccia dei misteriosi vandali, ma non è tutto come sembra… Fra il sud della Svizzera e il nord dell’Italia, una storia ironica e tenera, con momenti di suspense e di introspezione psicologica.

La Politica Della Ruspa

Il declino politico di Berlusconi ha aperto scenari nuovi per la destra italiana che Matteo Salvini sembra aver colto al volo. Sotto la sua guida la Lega ha cambiato pelle, marginalizzando le non più spendibili rivendicazioni regionaliste ed egemonizzando il centrodestra con un populismo fortemente caratterizzato dai temi dell’identità e sovranità nazionale. Lo storytelling di Salvini è ridotto all’osso: pochi fronzoli per una comunicazione nuda e cruda, concetti chiari e ripetuti ossessivamente. Le vittime siamo noi non loro, spiega agli elettori parlando dei migranti. Il punto del resto non è la realtà o meno dei fatti, ma il successo della loro rappresentazione. Slogan come “prima gli italiani” o “aiutiamoli a casa loro” hanno però una genealogia precisa nello sviluppo del pensiero di estrema destra in Europa, che negli anni ha aggiornato vecchie ideologie impresentabili e dato voce a nuovi teorici, tra cui l’ispiratore della nouvelle droite Alain de Benoist e Aleksandr Dugin, il filosofo vicino a Putin. L’ascesa della “nuova” Lega si inserisce infatti nel più generale affermarsi delle destre populiste nel vecchio continente: da Alba Dorata in Grecia all’Ukip di Farage in Gran Bretagna, dalle formazioni xenofobe dei paesi scandinavi all’Ungheria di Viktor Orbàn. Storie diverse ma che condividono molte parole d’ordine e narrazioni. Questo libro inquadra l’ascesa di Salvini nel più complessivo fenomeno delle nuove destre europee, fornendo una cassetta degli attrezzi per smontare la ruspa e vedere come girano le rotelle degli ingranaggi.
*Se ne va in giro su e giù per l’Italia su una ruspa, a volte è vera a volte solo metaforica. Con il suo Caterpillar il leader leghista Matteo Salvini vuole abbattere i campi rom, spianare i centri d’accoglienza, spazzare via il governo Renzi e l’euro. Qualcosa non va? E allora ruspa! Tabula rasa, e chi se ne importa delle macerie. […] Nel serbatoio della sua ruspa Salvini può mettere tutto il risentimento sociale in circolazione, ben miscelato con le paure di chi vede il proprio mondo crollare e il futuro sempre più incerto. Tutto questo fa da carburante per la macchina leghista, mentre dal tubo di scappamento escono i gas tossici della microfisica dell’odio.*

La Forza Del Leone

Nel capolavoro surreale di Jonathan Carroll, cinque persone che vivono nella stessa cittandina del New England vanno a dormire una notte e si ritrovano tutte all’interno dello stesso sogno iperrealista. Alcune si conoscono, altre assolutamente no. Ma quando si svegliano cominciano lentamente a capire: tutti loro sono stati dei Meccanici dell’Universo, una sorta di riparatori cosmici pronti a riparare falle e a ristabilire l’ordine naturale nell’Universo. Ora, però, sono tutti quanti in pensione, sono diventati completamente umani e non ricordano praticamente nulla della loro “vita” precedente.Ma dovranno fare in fretta a recuperare la memoria, perché il Caos ha dei piani ben precisi – e per niente piacevoli – per le sorti dell’umanità. E loro sono gli unici che possono fermarlo.

L’Ombra del Serpente

***”Si dice che ciascuno abbia il proprio destino inciso nel nome. Per questo io non ho mai smesso di riscrivere il mio tra le pieghe del Tempo e del Mito.”***
Cairo, gennaio 2011. Nell’instabile scacchiere politico del suolo egiziano durante la primavera araba, il mondo assiste impotente alle immagini del fumo che si innalza dal Museo Archeologico. Ma il clamoroso furto perpetrato nelle sale che custodiscono i reperti di Tutankhamon nasconde un segreto più grande e temibile. Chi sono le misteriose pedine che si muovono in una scia di omicidi, disposte a tutto pur di entrare in possesso della rivelazione celata nel file JE60754?
Storia, avventura e thriller si mescolano in una vicenda che si snoda attraverso il tempo, dalla corte del tetrarca di Galilea Erode Antipa fino alla Costantinopoli del basileus Manuele II. Tra santi e peccatori – ora al seguito dei crociati di Sigismondo d’Ungheria, ora di mercanti di schiavi, cavalieri e spie – il racconto di un viaggio millenario intrapreso solo per amore. E per sete di vendetta.
(Seconda edizione)
*
“Trovata originale, magnificamente trasposta.”* Infiniti Mondi
*“L’ombra del Serpente” è un romanzo sorprendente. Nel senso stretto della parola: è una continua sorpresa per il lettore.”* Passione Lettura
*“La storia narrata è così approfondita e i dettagli così ben delineati che i periodi storici della narrazione si sono materializzati davanti ai miei occhi, man mano che procedevo con la lettura.”* Anakina blog
*”Leggere un libro come quello della Giustiniani è un incanto per la mente. Ricco di colpi di scena – ma anche dotato di storia, di poeticità e di significato – rende il mestiere della blogger ricco di soddisfazioni.”* Les Fleurs du mal blog
**ROMANZO SELEZIONATO DA “EXTRAVERGINE D’AUTORE – SELF PUBLISHING DI QUALITÀ SUPERIORE”** (www.extraverginedautore.it)
**
### Sinossi
***”Si dice che ciascuno abbia il proprio destino inciso nel nome. Per questo io non ho mai smesso di riscrivere il mio tra le pieghe del Tempo e del Mito.”***
Cairo, gennaio 2011. Nell’instabile scacchiere politico del suolo egiziano durante la primavera araba, il mondo assiste impotente alle immagini del fumo che si innalza dal Museo Archeologico. Ma il clamoroso furto perpetrato nelle sale che custodiscono i reperti di Tutankhamon nasconde un segreto più grande e temibile. Chi sono le misteriose pedine che si muovono in una scia di omicidi, disposte a tutto pur di entrare in possesso della rivelazione celata nel file JE60754?
Storia, avventura e thriller si mescolano in una vicenda che si snoda attraverso il tempo, dalla corte del tetrarca di Galilea Erode Antipa fino alla Costantinopoli del basileus Manuele II. Tra santi e peccatori – ora al seguito dei crociati di Sigismondo d’Ungheria, ora di mercanti di schiavi, cavalieri e spie – il racconto di un viaggio millenario intrapreso solo per amore. E per sete di vendetta.
(Seconda edizione)
*
“Trovata originale, magnificamente trasposta.”* Infiniti Mondi
*“L’ombra del Serpente” è un romanzo sorprendente. Nel senso stretto della parola: è una continua sorpresa per il lettore.”* Passione Lettura
*“La storia narrata è così approfondita e i dettagli così ben delineati che i periodi storici della narrazione si sono materializzati davanti ai miei occhi, man mano che procedevo con la lettura.”* Anakina blog
*”Leggere un libro come quello della Giustiniani è un incanto per la mente. Ricco di colpi di scena – ma anche dotato di storia, di poeticità e di significato – rende il mestiere della blogger ricco di soddisfazioni.”* Les Fleurs du mal blog
**ROMANZO SELEZIONATO DA “EXTRAVERGINE D’AUTORE – SELF PUBLISHING DI QUALITÀ SUPERIORE”** (www.extraverginedautore.it)
### L’autore
Isabel Giustiniani è un’appassionata di Storia innamorata di Bisanzio. Gestisce storiedistoria.com, sito dove si parla di narrativa storica, saggistica, personaggi ed eventi del passato. È autrice anche della raccolta di racconti “Kizil Elma. Storie di Costantinopoli”

L’Assedio

Un milione di migranti in Europa nel 2015: è giusto definirlo un assedio? O sarebbe più corretto parlare di «sindrome dell’assedio»? Massimo Franco racconta le ambiguità e le contraddizioni di questa «parola-matrioska» che porta in sé tanti significati diversi. L’immigrazione, secondo lui, è il riflesso di un assedio all’Unione Europea che ha avuto inizio qualche anno fa e che è condotto non solo da fuori ma anche dal suo interno. I migranti sarebbero quindi il sintomo e non la causa dello sconvolgimento in atto, gli acceleratori di cambiamenti e difficoltà cominciati ben prima. La tendenza, oggi, è quella di farne invece facili capri espiatori. In realtà, i profughi e i clandestini che arrivano da Siria, Iraq, Africa subsahariana e Maghreb sono gli ultimi assedianti, in ordine di tempo, dell’Europa. Nel passato recente, i colpi al mito del «Continente perfetto», alla sua stabilità, sono venuti proprio dagli Stati membri: dai nazionalismi cresciuti nelle pieghe della crisi economica e di antichi e nuovi pregiudizi. E nella loro scia è emerso un populismo che usa una migrazione epocale come pretesto per politiche sempre più autarchiche. Ne emerge una transizione caotica, per l’incapacità dei governi di prevederla e di coglierne i vantaggi, senza dimenticare che alcune crisi mediorientali sono state aggravate dagli errori strategici dell’Occidente. Lo stesso terrorismo dei «macellai» dello Stato islamico è infatti anche il prodotto di un dopoguerra in Iraq che Europa e Usa hanno sottovalutato e trascurato. Il ritorno dell’epoca dei muri nel Vecchio continente chiude il cerchio della paura dell’invasione conferendo una sorta di cupa fisicità alla «sindrome dell’assedio». Ma il ripiegamento di ciascuno nei propri confini minaccia di frenare l’economia e di favorire un’«industria della migrazione» sospesa tra legalità e illegalità. A trarne vantaggio saranno i tanti Donald Trump europei, euroscettici e xenofobi: sottoprodotti anche loro delle certezze perdute. Nel settembre 2015, il generale statunitense Martin Dempsey ha affermato che da mesi la Nato sta analizzando la grande migrazione e che questa durerà vent’anni: i tempi di un fenomeno strutturale. Il dilemma è: governare o subire i migranti? Fermarli, secondo Massimo Franco, sarà impossibile, senza una strategia collettiva dell’Occidente. Non sono i muri a proteggere l’identità europea. È più utile prendere atto della fine dell’eurocentrismo e ricalibrare l’analisi. La difesa miope di un’identità preziosa è la scorciatoia per smarrirla del tutto.

IL MORSO DEL VAMPIRO

Elizabhet arriva a Penn Hills grazie ad un’offerta di lavoro come segretaria. Nasconde un orribile segreto è afflitta da una malattia che se la porterà via nel giro di pochi mesi. S’innamorerà del suo misterioso datore di lavoro Brandon Mac Allister. Anche Brandon nasconde un segreto: è un vampiro. E’ stato contagiato secoli prima ma ha rifiutato la sua natura, insieme con Ian, suo compagno, ha creato un siero per nutrirsi ed un veleno ad alta percentuale di aglio per aiutarsi nella lotta contro le creature delle tenebre. S’innamorerà di Elizabhet ma cercando di rifuggire questo amore. Elizabhet vincerà ogni sua resistenza. Emerald, la donna che lo ha trasformato con un morso, è tornata per vendicarsi. Ian, innamorato di Elizabhet, decide di tradirlo perchè con la sua morte avrebbe potuto conquistare il cuore della ragazza. Brandon sarà costretto a mordere Elizabhet per salvare entrambi. L’attacco finale di Emerald si concluderà con la sua sconfitta grazie anche ai poteri che Elizabhet scoprirà di possedere. L’amore trionferà. Sarà luce anche nelle tenebre. **
### Sinossi
Elizabhet arriva a Penn Hills grazie ad un’offerta di lavoro come segretaria. Nasconde un orribile segreto è afflitta da una malattia che se la porterà via nel giro di pochi mesi. S’innamorerà del suo misterioso datore di lavoro Brandon Mac Allister. Anche Brandon nasconde un segreto: è un vampiro. E’ stato contagiato secoli prima ma ha rifiutato la sua natura, insieme con Ian, suo compagno, ha creato un siero per nutrirsi ed un veleno ad alta percentuale di aglio per aiutarsi nella lotta contro le creature delle tenebre. S’innamorerà di Elizabhet ma cercando di rifuggire questo amore. Elizabhet vincerà ogni sua resistenza. Emerald, la donna che lo ha trasformato con un morso, è tornata per vendicarsi. Ian, innamorato di Elizabhet, decide di tradirlo perchè con la sua morte avrebbe potuto conquistare il cuore della ragazza. Brandon sarà costretto a mordere Elizabhet per salvare entrambi. L’attacco finale di Emerald si concluderà con la sua sconfitta grazie anche ai poteri che Elizabhet scoprirà di possedere. L’amore trionferà. Sarà luce anche nelle tenebre.

Il Macigno: Perché Il Debito Pubblico Ci Schiaccia E Come Si Fa a Liberarsene

Dopo il clamoroso successo conseguito con “La lista della spesa”, Carlo Cottarelli torna a illuminare i conti pubblici italiani, puntando l’attenzione sul debito: come si forma? Perché è così difficile ridurlo? Come mai è così importante per l’economia delle nazioni? Ci si può convivere e come?
Cottarelli ha avuto esperienza diretta di molte crisi generate dal debito pubblico, come quella italiana che portò alla caduta dell’ultimo governo Berlusconi e quella greca degli ultimi anni, e può quindi illustrare rischi e opportunità delle varie, possibili soluzioni del problema: da quella più combattiva (non ti pago!) a quella più ortodossa (l’austerità), fino al cauto ottimismo di una possibile via di buon senso, fatta di credibilità, crescita e attenzione al lungo periodo.

Il Gene Del Diavolo

È bastata una generazione di medici per mutare radicalmente la prospettiva sulle malattie genetiche. Un tempo erano accettate come una fatalità; oggi, in molti casi, possono essere governate, tanto che alcune di loro sono quasi sparite, come la talassemia, scomparsa da Cipro grazie a una decisione politica, o la malattia di Tay-Sachs, non più diffusa come un tempo tra gli ebrei ashkenaziti. Anche la fibrosi cisticasi è ridimensionata in alcune parti del mondo e dell’Italia.
La malattia genetica è come una «maledizione familiare», serpeggia tra le generazioni, scompare e ricompare. È cosa ben diversa da un’epidemia infettiva: mentre virus e batteri sono nemici esterni, visibili, identificabili, contro i quali è lecito, persino doveroso combattere, i geni non lo sono: la malattia genetica la porti dentro, è parte di te, è il diavolo in corpo.
L’intervento sanitario contro le malattie ereditarie ha una valenza sociale. È una questione antropologica prima ancora che medica, dal momento che non mira a guarire i malati, bensì a diminuire l’incidenza del male nelle generazioni future. Sono stati diversi i modelli di intervento per il controllo delle malattie genetiche: si trovano in contesti culturali differenti e hanno esiti e motivazioni diverse, ben descritte in questo libro. Oggi si torna a parlare di programmi «neo-eugenetici», ma ancora pesano le metafore che il «gene del diavolo» porta con sé, le stigmatizzazioni sociali e persino, in certi casi, l’identità etnica di intere popolazioni.

Il Condominio Della Signora Lia

Una storia diversa, un’ambientazione inusuale e ristretta all’interno di un condominio, una potente intensità di passioni sfumate di intriganti toni erotici per un romanzo che invade il cuore e non lo lascerà più.
Durante il periodo natalizio, in una piccola cittadina italiana, fredda e innevata, in cui ancora aleggia il profumo dell’antico borgo d’altri tempi, la vita cambia per gli abitanti della palazzina dallo stile classico di proprietà dell’anziana Lia, regalando loro un Natale indimenticabile.
Incidenti notturni danno inizio alle vicende che avranno come protagonisti la saggia e dolce Lia, l’attraente donnaiolo Luca, l’ingenua e semplice Stella, l’affascinante pediatra Stefano, la mamma single Giulia, lo spensierato Gabriele, la donna in carriera Grazia, la malinconica Roberta, il duro poliziotto Alessio, l’imprenditore Leonardo, l’eterea Sara.
Equivoci e drammi sono narrati con estrema attenzione per emozioni e sentimenti, amori e passioni irrazionali sono insaporite da sfumature erotiche piacevoli, il ritmo della vita dei personaggi è scandito dagli eventi inaspettati che accadono nel condominio nel giro di pochi giorni.
L’autrice ha scritto anche: “Il Duca – The Northcliff Series”, romanzo storico rosa a sfumature erotiche, che ha venduto oltre 15.000 ebook e “La strada per Hopeful Ranch”, romanzo contemporaneo rosa, dove passione e realtà ne vanno un gioiello, dedicato “alle donne e agli uomini che hanno combattuto la guerra, quella contro il tumore al seno e quella con le armi”.
Profilo fb: “Emma Lee Bennett”
Gruppo lettrici su fb: “L’angolo di Emma Lee Bennett” **
### Sinossi
Una storia diversa, un’ambientazione inusuale e ristretta all’interno di un condominio, una potente intensità di passioni sfumate di intriganti toni erotici per un romanzo che invade il cuore e non lo lascerà più.
Durante il periodo natalizio, in una piccola cittadina italiana, fredda e innevata, in cui ancora aleggia il profumo dell’antico borgo d’altri tempi, la vita cambia per gli abitanti della palazzina dallo stile classico di proprietà dell’anziana Lia, regalando loro un Natale indimenticabile.
Incidenti notturni danno inizio alle vicende che avranno come protagonisti la saggia e dolce Lia, l’attraente donnaiolo Luca, l’ingenua e semplice Stella, l’affascinante pediatra Stefano, la mamma single Giulia, lo spensierato Gabriele, la donna in carriera Grazia, la malinconica Roberta, il duro poliziotto Alessio, l’imprenditore Leonardo, l’eterea Sara.
Equivoci e drammi sono narrati con estrema attenzione per emozioni e sentimenti, amori e passioni irrazionali sono insaporite da sfumature erotiche piacevoli, il ritmo della vita dei personaggi è scandito dagli eventi inaspettati che accadono nel condominio nel giro di pochi giorni.
L’autrice ha scritto anche: “Il Duca – The Northcliff Series”, romanzo storico rosa a sfumature erotiche, che ha venduto oltre 15.000 ebook e “La strada per Hopeful Ranch”, romanzo contemporaneo rosa, dove passione e realtà ne vanno un gioiello, dedicato “alle donne e agli uomini che hanno combattuto la guerra, quella contro il tumore al seno e quella con le armi”.
Profilo fb: “Emma Lee Bennett”
Gruppo lettrici su fb: “L’angolo di Emma Lee Bennett”

Il cervello in azione: Introduzione alle nuove scienze della mente

Le nuove scienze cognitive hanno ormai abbandonato la “metafora del computer”, secondo la quale la mente umana è paragonabile a un software la cui comprensione non richiede informazioni sull’hardware, il corpo. Viceversa, ci troviamo di fronte a un mosaico di proposte teoriche adottate in molteplici settori di ricerca – dalla psicologia sperimentale alla filosofia della mente – e accomunate dall’idea che la maggior parte dei processi cognitivi superiori avvenga mediante i sistemi di controllo del corpo agente. Una mappa chiara per orientarsi nel mondo della “embodied cognition”. **
### Sinossi
Le nuove scienze cognitive hanno ormai abbandonato la “metafora del computer”, secondo la quale la mente umana è paragonabile a un software la cui comprensione non richiede informazioni sull’hardware, il corpo. Viceversa, ci troviamo di fronte a un mosaico di proposte teoriche adottate in molteplici settori di ricerca – dalla psicologia sperimentale alla filosofia della mente – e accomunate dall’idea che la maggior parte dei processi cognitivi superiori avvenga mediante i sistemi di controllo del corpo agente. Una mappa chiara per orientarsi nel mondo della “embodied cognition”.