833–848 di 3981 risultati

El enigma del convento

1814. Tras demostrar su fidelidad a Fernando VII en América combatiendo contra los independentistas, el general Goyeneche es llamado a la corte española para ayudar al monarca a combatir el movimiento liberal que pretende restaurar en España la Constitución de Cádiz. Pero en esos tiempos convulsos todos se mueven por el estrecho filo que separa la lealtad y la traición, y cualquiera puede ser acusado de conspirar contra el rey. Por ello, el general intentará recuperar unos papeles comprometedores que se encuentran escondidos en el Perú y que ponen en riesgo su persona, su prestigio y su patrimonio. Con un admirable dominio del suspense, Jorge Eduardo Benavides construye una gran novela de intriga que tiene como epicentro el convento de Santa Catalina, en Arequipa, cuyos muros custodian importantes documentos que pueden comprometer la vida de todos aquellos que aparecen en ellos. Sólo cuando el mal irrumpe en las tranquilas estancias del convento se hará indispensable mantener a salvo los secretos guardados durante siglos.

El día que se perdió la cordura

«A veces el destino nos pone a prueba para que sepamos que existe». Centro de Boston, 24 de diciembre, un hombre camina desnudo con la cabeza decapitada de una joven. El doctor Jenkins, director del centro psiquiátrico de la ciudad, y Stella Hyden, agente de perfiles del FBI, se adentrarán en una investigación que pondrá en juego sus vidas, su concepción de la cordura y que los llevará hasta unos sucesos fortuitos ocurridos en el misterioso pueblo de Salt Lake diecisiete años atrás. Con un estilo ágil lleno de referencias literarias —García Márquez, Auster, Orwell o Stephen King— e imágenes impactantes, Javier Castillo construye un «thriller» narrado a tres tiempos que explora los límites del ser humano y rompe los esquemas del género de suspense. Amor, odio, destino, extrañas prácticas, intriga y acción trepidante inundan las páginas de una novela que se ha convertido en todo un fenómeno editorial.

El amor que te mereces

Antonia es una escritora de novela negra. Tiene treinta años y vive en Boloña con un comisario de policía, de quien espera su primer hijo. Cuando descubre un secreto por mucho tiempo ocultado en el seno familiar por parte de su propia madre, emprende un inesperado viaje a Ferrara, una ciudad envuelta en misterios y silencios. Cree que allí hay una historia que contar. Sin embargo, pronto emergen las preguntas que se esconden no solo detrás de esos secretos, sino también tras un sendero más íntimo, un camino de emociones cruzadas. ¿Cómo puede ser el amor la fuerza más creativa y a la vez la más destructiva? ¿Qué estamos dispuestos a jugarnos? ¿El amor se merece?

Distancia de rescate

Esta novela, logra combinar el registro psicológico con la denuncia social y el relato fantástico, todo inmerso en un ambiente extraño, siniestro. La maestría de Samanta Schweblin se desarrolla justamente en esta línea, logrando crear una atmósfera desesperante (casi, podríamos decir, irrespirable) con un número limitado de elementos cotidianos y en apariencia banales. Lo monstruoso, lo trágico y lo irremediable está en lo trivial, en lo común de todos los días. Unas simples vacaciones en una casa de campo se convierten en una pesadilla que pone a prueba la tolerancia del lector. La muerte (o incluso algo peor) está al acecho, y la voluntad de las personas no puede hacer mucho para mantenerla lejos.

Delfos

Al oráculo y santuario del dios griego Apolo en Delfos se le conoce como “ómfalos”, el “centro” u “ombligo” del mundo durante más de mil años. Ciudadanos, gerifaltes y reyes acudían desde los lugares más remotos para consultar a la sacerdotisa del oráculo; para construir monumentos a los dioses en oro, mármol, bronce y piedra; y para participar en competiciones atléticas o musicales. Este libro nos adentra a partir de las evidencias arqueológicas e históricas en este extraordinario santuario y ciudad, desde su fundación hasta su reciente descubrimiento, para mostrar por qué Delfos fue durante siglos el lugar más importante del mundo antiguo. Michael Scott cubre la historia completa de Delfos, desde los vestigios arqueológicos y referencias literarias hasta su consolidación como lugar de culto para una amplia variedad de prácticas religiosas. Narra cómo Delfos se convirtió en lugar de disputa para griegos y romanos y almacén de riquezas saqueadas a ciudades y reyes rivales. Además, el libro incorpora una breve guía de los lugares más importantes y tesoros que los visitantes aún hoy pueden encontrar.

Antes de que mueras

En Radcote, una pequeña población del bucólico condado de Warwickshire, corre una leyenda negra: varios jóvenes se han suicidado en poco tiempo. Las últimas muertes conocidas son un chico que pierde la vida en un extraño accidente de moto y un sin techo cuyo cadáver aparece en una cabaña del bosque, cerca de las antiguas vías del tren. Ambos dejaron una nota de suicidio. La inspectora de policía Lorraine Fisher acaba de llegar de Londres para pasar las vacaciones junto a su hermana Jo y su familia. Está convencida de que todas las muertes están relacionadas. Sus sospechas se afianzan cuando conoce a Gil, un joven autista que se comunica a través de sus dibujos y que esconde un terrible secreto… Lorraine se verá envuelta en la investigación cuando su sobrino, Freddie, un adolescente muy problemático, desaparece de forma repentina. Ahora la vida del chico está en sus manos…

Dylan Dog n. 329: …E lascia un bel cadavere

Il fulgore delle stelle dello spettacolo, rappresentate dall’impresario Maurice Forster, comincia all’improvviso a spegnersi. Le loro giornate sono funestate da un incessante susseguirsi di crisi depressive. E un misterioso, inquietante personaggio si insinua nei loro sogni. Per venire a capo dell’enigma, Dylan, ingaggiato da Forster, deve scoprire chi si cela dietro l’enigmatica figura.

Scapperò, tornerò e resterò per sempre

Amanda non accetta la morte della madre, parte, ogni cosa o persona che la circondano gliela ricordano. Lei stessa se si guarda allo specchio nota le somiglianze. Dopo cinque anni ritorna a casa, e il dolore, la perdita quel briciolo di mancanza d’amore la fanno chiudere in se stessa. Fino al giorno in cui i suoi occhi incrociano quelli di lui, Mark. Con lui prova una sensazione mai provata, che non è in grado di gestire, tra loro si intrometteranno delle persone che si riveleranno un forte elemento di squilibrio tra loro ma sopratutto per lei. Scapperà di nuovo, tornerà per il fratello, per l’amica e resterà solo dopo aver fatto chiarezza. Sarà il cuore e l’amore che prova per lui che la faranno restare per sempre.

La morte dell’erba

Pubblicato per la prima volta nel 1956, La morte dell’erba è diventato da allora un classicoimperdibile della narrativa, superando di gran lunga i ristretti confini del genere e della fantascienza.
Il libro muove dalla descrizione dell’agiata esistenza londinese di John Custance e famiglia.
Ingegnere, John predilige i comfort della grande città, e tuttavia non disdegna di trascorrere lunghi soggiorni nella valle del Westmorland, dove suo fratello David sovrintende con cura alla sua fattoria. La campagna è, del resto, il luogo d’origine dei Custance, oltre che il mondo per eccellenza della «Englishness»: un universo flemmatico, rispettabile,
idilliaco, fatto di «campi fertili, cittadine tranquille e borghesi pasciuti, di cassette delle lettere, birre, partite di cricket, tè del pomeriggio e correttezza».
Un mondo che non batte ciglio dinanzi alle prime allarmanti notizie che giungono dall’Estremo Oriente. Un virus del riso altamente contagioso – chiamato Chung-Li – si sta diffondendo a macchia d’olio nella Cina comunista, distruggendo coltivazioni, causando carestia
e tumulti e mettendo a repentaglio la vita di milioni di persone.
La flemma e la correttezza inglesi si sciolgono, tuttavia, come neve al sole quando, alla quinta mutazione, il Chung-Li si mostra in grado di danneggiare ogni tipo di pianta appartenente alla famiglia delle graminacee, compresi grano, orzo, avena e segale, e dilaga ovunque in Europa, fino ad attraversare l’Atlantico e giungere in America.
A seguito della carestia, in Gran Bretagna il bestiame muore per la mancanza di foraggio, la popolazione aviaria e la fauna ittica si estinguono, e i campi diventano spogli e aridi. John decide allora di lasciare Londra e di dirigersi nel Westmorland insieme alla famiglia, nella fattoria nei cui campi David ha deciso con avvedutezza di piantare patate, resistenti al virus. L’Inghilterra meridionale, però, è preda di bande e saccheggiatori, e le città e i paesini sono divenuti roccaforti…
Nel 1999, sulla base di una ricerca condotta in Africa, è stato scoperto un fungo devastante, denominato Ug99, che uccide il grano bloccandone il nutrimento. A partire dal 2007 si è diffuso in Yemen e in Pakistan, e secondo l’Osservatorio di Ricerca Agricola degli Stati Uniti, rappresenta oggi «una minaccia globale senza precedenti al frumento e all’orzo». Come sovente accade, la letteratura, quando è intrisa di spirito del tempo, anticipa la realtà.
«L’opera con cui La morte dell’erba può essere paragonato non è un romanzo di fantascienza bensì Il Signore delle Mosche di William Golding».
Robert Macfarlane
Il Chung-Li, un virus asiatico
mutante, distrugge ogni vita
vegetale. Il mondo brucia.
Unica possibilità è abbandonare
le città, dove imperano violenza e saccheggi.
«La morte dell’erba devasta la terra che conosciamo… un’opera drammatica ed emozionante».
Daily Mail
«Avvincente! Di tutto il filone apocalittico,
questo è il romanzo più inquietante».
Financial Times **
### Sinossi
Pubblicato per la prima volta nel 1956, La morte dell’erba è diventato da allora un classicoimperdibile della narrativa, superando di gran lunga i ristretti confini del genere e della fantascienza.
Il libro muove dalla descrizione dell’agiata esistenza londinese di John Custance e famiglia.
Ingegnere, John predilige i comfort della grande città, e tuttavia non disdegna di trascorrere lunghi soggiorni nella valle del Westmorland, dove suo fratello David sovrintende con cura alla sua fattoria. La campagna è, del resto, il luogo d’origine dei Custance, oltre che il mondo per eccellenza della «Englishness»: un universo flemmatico, rispettabile,
idilliaco, fatto di «campi fertili, cittadine tranquille e borghesi pasciuti, di cassette delle lettere, birre, partite di cricket, tè del pomeriggio e correttezza».
Un mondo che non batte ciglio dinanzi alle prime allarmanti notizie che giungono dall’Estremo Oriente. Un virus del riso altamente contagioso – chiamato Chung-Li – si sta diffondendo a macchia d’olio nella Cina comunista, distruggendo coltivazioni, causando carestia
e tumulti e mettendo a repentaglio la vita di milioni di persone.
La flemma e la correttezza inglesi si sciolgono, tuttavia, come neve al sole quando, alla quinta mutazione, il Chung-Li si mostra in grado di danneggiare ogni tipo di pianta appartenente alla famiglia delle graminacee, compresi grano, orzo, avena e segale, e dilaga ovunque in Europa, fino ad attraversare l’Atlantico e giungere in America.
A seguito della carestia, in Gran Bretagna il bestiame muore per la mancanza di foraggio, la popolazione aviaria e la fauna ittica si estinguono, e i campi diventano spogli e aridi. John decide allora di lasciare Londra e di dirigersi nel Westmorland insieme alla famiglia, nella fattoria nei cui campi David ha deciso con avvedutezza di piantare patate, resistenti al virus. L’Inghilterra meridionale, però, è preda di bande e saccheggiatori, e le città e i paesini sono divenuti roccaforti…
Nel 1999, sulla base di una ricerca condotta in Africa, è stato scoperto un fungo devastante, denominato Ug99, che uccide il grano bloccandone il nutrimento. A partire dal 2007 si è diffuso in Yemen e in Pakistan, e secondo l’Osservatorio di Ricerca Agricola degli Stati Uniti, rappresenta oggi «una minaccia globale senza precedenti al frumento e all’orzo». Come sovente accade, la letteratura, quando è intrisa di spirito del tempo, anticipa la realtà.
«L’opera con cui La morte dell’erba può essere paragonato non è un romanzo di fantascienza bensì Il Signore delle Mosche di William Golding».
Robert Macfarlane
Il Chung-Li, un virus asiatico
mutante, distrugge ogni vita
vegetale. Il mondo brucia.
Unica possibilità è abbandonare
le città, dove imperano violenza e saccheggi.
«La morte dell’erba devasta la terra che conosciamo… un’opera drammatica ed emozionante».
Daily Mail
«Avvincente! Di tutto il filone apocalittico,
questo è il romanzo più inquietante».
Financial Times

I Figli Di Ringworld (Ciclo Di Ringworld #4)

Ottantaquattro giorni dopo la lotta che lo ha visto quasi soccombere, Louis Wu si risveglia all’interno di un rianimatore. Il suo corpo però non è più quello di prima che si addormentasse, i muscoli e la pelle sono tornati a essere quelli di un giovane in forze. Ed è proprio una nuova forza ciò di cui ha bisogno per affrontare la resa dei conti in atto tra le compagini che si sfidano per mettere le mani sul Mondo ad Anello. I governi umani e Kzinti, ormai a conoscenza dei segreti di Ringworld, faranno di tutto per eliminare gli avversari, in un’escalation di violenza e distruzione che rischia di fare dell’universo un ammasso di cenere fumante. Louis Wu e i suoi compagni di viaggio sanno che in gioco c’è molto di più dell’esistenza di un mondo, per quanto straordinario. Spetta a loro intraprendere le azioni necessarie per far sì che il destino ineluttabile dell’Anello non si compia. Il capitolo conclusivo del Ciclo di Ringworld, una delle pietre miliari della fantascienza contemporanea.

Voglia di cucinare pane, pizze, focacce e torte salate. Anche senza glutine

Un volume davvero utile per chi desidera cimentarsi nella preparazione di tante ricette salate e riscoprire il piacere di fare il pane con le proprie mani e di cucinare senza alcuna difficoltà ottime pizze, saporite focacce e squisite torte salate. Piatti facili da preparare e ideali per una cena informale, un aperitivo sfizioso, un rinfresco o una merenda sana e appetitosa. Il manuale contempla una vasta gamma di ricette: dai pani più tradizionali ai prodotti da forno più originali, dalle pizze classiche della gastronomia italiana alle preparazioni salate più fantasiose, arricchite con tanti e nuovi ingredienti e in grado di solleticare anche i palati più esigenti. **

Tutti I Figli Di Dio Danzano

*Murakami Haruki in uniform edition Super ET, con le copertine di Noma Bar.*
* * *
Un uomo abbandonato dalla moglie parte per l’isola di Hokkaido, dove deve consegnare un pacco alla sorella di un collega. In una località di mare una ragazza stringe amicizia con un pittore che ha la passione di accendere falò in spiaggia. Un giovane vaga per la città pedinando un uomo a cui manca il lobo dell’orecchio, convinto sia il padre che non ha mai conosciuto. Una donna dopo un difficile divorzio si concede una vacanza a Bangkok e una vecchia le prevede un sogno. Un Ranocchio si introduce a sorpresa nella casa di un impiegato di banca per salvare la città di Tokyo. Tre amici, due giovani studenti e una ragazza. Tutti innamorati. Ma di chi, veramente?
Sullo sfondo di questi sei splendidi racconti ritroviamo ogni volta lo sconvolgente terremoto di Kobe del 1995, un grande trauma collettivo, conservato nella memoria.

Senza tregua

Ethan Blackstone ha un problema: ha tradito la fiducia di Brynne e lei ora l’ha lasciato. Ma lui non può vivere senza Brynne e non intende rassegnarsi: vuole tornare con la sua splendida ragazza americana. La passione fra di loro è esplosiva, ma i segreti che ognuno nasconde dentro di sé sono tali da impedire un futuro insieme… Ora, però, Brynne corre un pericolo mortale ed Ethan non può permettere che le succeda nulla, perché non può perdere anche solo la speranza di riconquistarla. Riuscirà a salvare Brynne da quel passato che la terrorizza e la tiene prigioniera? Riuscirà a sentire ancora il calore del suo abbraccio, la solidità della sua fiducia in lui? Ethan è disposto a tutto pur di riconquistare il cuore della donna che ama. Non avrà tregua finché non ci sarà riuscito. *Senza tregua* : la storia di quel che succede quando un uomo e una donna si arrendono a un amore così immenso da guarire le ferite del passato e riescono a conquistare una vita di pura, assoluta estasi.

Peccati gloriosi

Cork. Ryan, quindici anni, pianista misconosciuto e piccolo spacciatore innamorato perso; suo padre Tony, rimasto vedovo con sei figli e un affetto per la bottiglia che lo spinge ai margini del mondo; Maureen, donna di mezza età torturata dalle colpe del passato e da un fantasma istantaneo che s’insedia nel suo presente; il figlio Jimmy, gangster col senso della famiglia; Robbie, tossico dai capelli rosso sporco che s’infila nella casa sbagliata per recuperare un piccolo oggetto religioso appartenuto alla sua donna, Georgie, prostituta in cerca di redenzione.
L’Irlanda di oggi è un posto complicato; Cork ancora di più. Sei vite intrecciate attorno a un delitto che ha un che di comico nel suo farsi; la rabbia e la disperazione di un mondo che cerca di darsi delle regole, per quanto storte, e continua a tradirle. Una voce nuova, sporca, irriverente, spietata, da una terra che ha dato al mondo grandi narratori.

Nel Silenzio Delle Nostre Parole

***** Vincitore Premio DeA Planeta 2019 ****** Non c’è morte che non presupponga una rinascita. Imparare a decifrarla può dare un senso a tutto ciò che resta. Persino alla cenere.* È quasi mezzanotte e una nebbia sottile avvolge la metropoli addormentata. In un palazzo di quattro piani, dentro un appartamento disabitato, un frigorifero va in cortocircuito. Le fiamme, lente e invisibili dall’esterno, iniziano a divorare ciò che trovano. Due piani più in alto, Alice scivola nel sonno mentre aspetta il ritorno di Matthias, il ragazzo che ama con una passione per lei nuova e del quale non è ancora riuscita a parlare a sua madre, che abita lontano e vorrebbe sapere tutto di lei. Anche Bastien, il figlio della signora che occupa un altro degli interni, da troppi mesi ormai avrebbe qualcosa di cruciale da rivelare alla madre, ma sa che potrebbe spezzarle il cuore e non trova il coraggio. È un altro tipo di coraggio quello che invece manca a Polina, ex ballerina classica, incapace di accettare il proprio corpo dopo la maternità, tantomeno il pianto incessante del suo bambino nella stanza accanto. Giù in strada, nel negozio di fronte, Hulya sta pensando proprio a lei, come capita sempre più spesso, senza averglielo mai confessato, ma con una voglia matta di farlo. Per tutti loro non c’è più tempo: un mostro di fuoco sta per stravolgere ogni prospettiva, costringendoli a scelte estreme per colmare quei silenzi, o per dare loro un nuovo significato. Con una straordinaria sensibilità e una scrittura che diventa più intensa a ogni pagina, Simona Sparaco indaga i momenti terribili in cui la vita e la morte si sfiorano diventando quasi la stessa cosa, e in cui le distanze che ci separano dagli altri vengono abbattute dall’amore più assoluto, quello che non conosce condizioni. «È impensabile smettere di leggere questo libro. […] L’ho amato immensamente.» – **Fabio Geda **«Il romanzo più maturo di un’autrice amatissima.» -** Michela Marzano **«Un romanzo corale che parla di vita. Il suo libro più bello.» -** Chiara Gamberale **«Questo libro vi farà del male. Ma poi vi farà più bene.» -** Rosaria Renna **«Un libro di rapporti umani che racconta un mondo ordinario in maniera straordinaria.» -** Marcello Fois * *«Il romanzo della Sparaco è denso di umanità, nella sua forma più contorta e complessa, quella che unisce i genitori a figli e i figli ai genitori. Ed è – cosa rara per la letteratura italiana – un romanzo europeo» – Antonio Polito,* Corriere della Sera* «Una storia ad alto tasso di commozione» – Eleonora Barbieri, *Il Giornale* «Simona Sparaco mette a frutto le solide basi da sceneggiatrice e convoca i suoi personaggi a uno a uno, con una scrittura lucida e carica d’emozione» – Francesca Frediani, *D di Repubblica* «Un libro cinematografico, europeo, che intreccia diverse storie in un tempo strettissimo, 15 ore dal ritmo thriller in cui i personaggi si confrontano con la vita e la morte e con i rapporti di parentela, soprattutto tra genitori e figli.» – Mauretta Capuano, *Ansa*