2945–2960 di 3981 risultati

Ho dormito nella camera di Hitler. Viaggio di un ebreo americano alla scoperta della Germania

Sfrontato, sarcastico, impertinente, fustigatore corrosivo del politicamente corretto, del buonismo ad ogni costo, dei luoghi comuni di cui pare nutrirsi un paese alacremente impegnato a tacere sul passato… questo è Tuvia Tenenbom. Un provocatore stupefatto che percorre la Germania dei nostri giorni rovistando imperterrito nelle coscienze delle persone che incontra: giornalisti d’assalto e alti dirigenti, imam fondamentalisti e rabbini solitari, predicatori e taumaturghi, studenti e albergatori, radicali di sinistra, neonazisti, ambientalisti, gente comune, e così via. Partecipe e febbrile, Tenenbom entra ed esce di soppiatto dalle situazioni più disparate, registra e commenta tutto ciò che vede, scrivendo con vigore muscolare e caustico umorismo le sue impressioni. Le testimonianze, le storie che si intrecciano in queste pagine, e la voce che le racconta, basterebbero a fare di questo reportage un’esperienza unica su un paese di inquietante complessità. Il minimo che si può dire di questo libro è che leggerlo è molto più che viaggiare in quell’inestricabile groviglio di risentimento che ancora si annida nel cuore dell’Europa. Nessuno come Tenenbom lo ha fatto con tale brillante ironia.
**

Il guerriero di Roma. La battaglia dei lupi

263 a.C. Nel nord dell’Impero le tribù dei barbari sono sempre più audaci nelle loro incursioni e attaccano con una ferocia che Roma non ha mai conosciuto prima. La scelta dell’uomo incaricato di combattere e sconfiggere il nemico non può che cadere su Balista. Barbaro lui stesso, cresciuto tra i Romani e educato alla corte imperiale, diventato un generale di provato valore, esperto nelle strategie d’assedio, questa volta Balista sta per intraprendere la sua missione più rischiosa. Dovrà affrontare gli Eruli, i temibili e brutali “Lupi del Nord”, per cercare di guadagnare la loro alleanza e arginare i Goti. Durante il viaggio, però, il generale e i suoi uomini sembra non siano soli: qualcuno li sta facendo fuori uno a uno, lasciando una scia di corpi mutilati e terrore. Non ci sono tracce, non ci sono indizi: sembra che qualcosa di soprannaturale si stia accanendo con furia sulle truppe romane. Balista è lontano da casa, in una terra straniera, tra popolazioni potenzialmente ostili, ma forse la minaccia più grande proviene da chi gli è più vicino…
**

Guerra sui mari. Il dominio su Roma

**La saga degli invincibili**
**Un autore da 900.000 copie**
**Ottaviano ha sconfitto e ucciso i cesaricidi Bruto e Cassio, ma la strada verso il potere assoluto è ancora lunga e piena di avversari. **
A minacciarlo ora è il fratello di Marco Antonio, aiutato dalla perfida cognata Fulvia. Il vincitore della battaglia di Filippi, intanto, è in Oriente e sta creando un regno autonomo con Cleopatra. A Perugia ha luogo lo scontro finale di una guerra civile che sta logorando la penisola. Ma Ottaviano e i suoi più stretti collaboratori, Agrippa e Mecenate, non fanno in tempo a gioire per la loro vittoria che già incombe una sfida ancora più sanguinosa e decisiva: quella per mare con Sesto Pompeo, il figlio di Pompeo Magno, diventato un abile pirata. La lunga campagna contro i pirati mette spesso Ottaviano di fronte alla prospettiva di una rovinosa sconfitta e addirittura della morte. Tutto sembra congiurare contro di lui: il suo nemico pare godere dell’aiuto degli dèi, l’opinione pubblica gli è contro, i soldati dubitano del loro comandante, la rivolta è dietro l’angolo. Solo Agrippa saprà dargli, ancora una volta, un aiuto decisivo per conservare l’eredità di Cesare.
**Un grande romanzo storico
Un autore da 900.000 copie**
«Frediani è un grande narratore di battaglie.»
**Corrado Augias**
«Intrighi, passioni, sesso e omicidi. Andrea Frediani è uno dei maestri del romanzo storico.»
**Il Messaggero**
«Frediani è abile nell’immergere il lettore dentro le battaglie, nell’accendere emozioni, nel ricostruire fin nei minimi particolari paesaggi e ambienti, nel portare i lettori in prima linea, fra scintillii di spade e atroci spargimenti di sangue.»
**Corriere della Sera**
**Andrea Frediani**
È nato a Roma nel 1963; consulente scientifico della rivista «Focus Wars», ha collaborato con numerose riviste specializzate. Con la Newton Compton ha pubblicato diversi saggi (tra cui *Le grandi battaglie di Roma antica*; *I grandi generali di Roma antica*; *I grandi condottieri che hanno cambiato la storia*; *Le grandi battaglie di Alessandro Magno*; *L’ultima battaglia dell’impero romano* e *Le grandi battaglie tra Greci e Romani*) e romanzi storici: *Jerusalem*; *Un eroe per l’impero romano*; la trilogia *Dictator *(*L’ombra di Cesare*, *Il nemico di Cesare* e* Il trionfo di Cesare*, quest’ultimo vincitore del Premio Selezione Bancarella 2011); *Marathon*; *La dinastia*; *Il tiranno di Roma*,* 300 guerrieri *e* 300 Nascita di un impero*. Sta scrivendo Gli invincibili, una quadrilogia dedicata ad Augusto, iniziata con la pubblicazione di *Alla conquista del potere*, *La battaglia della vendetta *e *Guerra sui mari. *Le sue opere sono state tradotte in sei lingue.

Il guardiano del faro

La settima indagine di Erica Falck e Patrik Hedström. In una notte d’inizio estate, un’auto percorre a gran velocità la strada che collega Stoccolma alla costa occidentale. La donna al volante ha le mani sporche di sangue. Insieme al figlio, Annie sta fuggendo verso Gråskär, nell’arcipelago di Fjällbacka. Quell’isola scabra, con il faro bianco e la vecchia casa del guardiano dove crescono le malvarose, appartiene alla sua famiglia, ed è l’unico posto in cui lei si sente al sicuro, lontano da tutto. La leggenda popolare vuole che lì si aggirino gli spiriti dei morti, ma questo non la turba, anzi, in quel luogo così solitario, dove il suo sguardo può spaziare solo su scogli e mare salato, ad Annie piace pensare che i fantasmi siano rimasti per farle compagnia. Intanto, a Fjällbacka, Erica Falck è totalmente assorbita dai suoi gemelli di pochi mesi, tanto più che Patrik, da poco rientrato in servizio, è alle prese con un’indagine piuttosto spinosa: il dirigente del settore finanze del comune è stato ucciso nel suo appartamento con un colpo di pistola alla nuca. Il movente dell’omicidio sfugge e la vittima, che poco prima di morire aveva fatto visita ad Annie all’isola degli spettri, sembra essere stato un uomo dai mille segreti. Sfidando un muro di silenzi, la polizia di Tanum scava nel suo passato e trova un collegamento con un’associazione di sostegno a donne maltrattate. Una pista che permetterà a Patrik, sostenuto dal calore di una famiglia solida e sempre più numerosa, di portare alla luce i mondi calpestati di persone a cui la parola casa desta soltanto il ricordo di cicatrici, deboli ombre che solo nell’amore per un figlio possono trovare la forza per continuare la loro fuga dal dolore che annienta ogni emozione, da caos e distruzione.

(source: Bol.com)

Il Grillo canta sempre al tramonto

Tre voci per cambiare. Un dialogo inaspettato che mette in campo esperienze e sensibilità diverse. La sfida è guardare là dove nessuno vuole arrivare, cambiare davvero le regole del gioco e fare della politica non l’arte del potere ma un modo di essere cittadini autentici, responsabili, attivi.
Nell’ideale passeggiata tra Atene e il Pireo, richiamandosi alla classicità degli Ateniesi che ci hanno tramandato un modello di democrazia, Dario Fo provoca i suoi interlocutori invitandoli a parlare dei traguardi che si prefigge il MoVimento, affrontando anche le polemiche e le critiche di questi ultimi mesi. Il lavoro, gli immigrati, l’euro, le tasse, una nuova spending review, le elezioni…
Per tutte le persone che vogliono saperne di più sul “comico” Grillo e sul misterioso Casaleggio, ecco un documento che fa vedere il MoVimento per quello che è. Basta leggere per farsi un’opinione.
(source: Bol.com)

Grassi, dolci, salati

Alla fine degli anni Novanta, in America, le
grandi multinazionali del cibo pronto sono sotto
attacco: il dilagare epidemico dell’obesità le
chiama in causa come corresponsabili di quella
che è ormai una preoccupante emergenza sanitaria.
Che fare per evitare un disastroso crollo
di immagine (e quindi di profitti)?
Nella sua approfondita indagine, il premio
Pulitzer Michael Moss, giornalista investigativo
del ‘New York Times’, ricostruisce le
strategie dispiegate dai colossi dell’industria
alimentare per accreditarsi come partner affidabili
nelle campagne governative contro la
cattiva nutrizione. Moss analizza i vari tentativi
intrapresi dalle grandi aziende alimentari
per ridurre nei loro prodotti la cospicua presenza
di zucchero, sale e grassi, le sostanze incriminate.
Ma¿ ‘niente zucchero, niente grassi,
niente vendite’: percorrere strade virtuose
portava a questi risultati. Per vendere non è
possibile prescindere da una buona dose dei
tre ingredienti di elezione, perché lo zucchero,
oltre a addolcire, aggiunge volume e consistenza;
i grassi esaltano la sensazione al palato;
con poco sale, molti prodotti perdono la
loro ‘magia’. Per questo le società del settore
alimentare ne studiano e controllano l’utilizzo
in maniera sistematica e nei loro laboratori
gli scienziati calcolano il bliss point (il punto
di beatitudine), ossia ‘l’esatta quantità di zucchero,
grassi o sale che spedirà i consumatori
al settimo cielo’.
È ingenuo pensare che i colossi del settore intendano
comportarsi con particolare sensibilità
sociale: l’obiettivo della grande produzione è
unicamente quello di fare profitti e conquistare
nuove quote di mercato battendo i concorrenti.
Tale obiettivo è però raggiunto a un prezzo
che il consumatore non è cosciente di pagare,
creando cioè comportamenti compulsivi e
vere e proprie dipendenze alimentari. I clienti
fedeli vengono definiti dalle aziende ‘forti
utilizzatori’: un termine, osserva l’autore,
‘che evoca un’immagine di tossici alla ricerca
della loro dose’.
Se noi consumatori siamo schiavi di zucchero,
sale e grassi, che rendono irresistibili i cibi
pronti, i produttori stessi non possono rinunciare
alla loro presenza: in mano loro, ‘il sale,
lo zucchero e i grassi – non sono sostanze nutritive
quanto piuttosto armi, armi che certo
sfoderano per sconfiggere la concorrenza, ma
anche per indurci a tornare ancora per altri
acquisti’. Con buona pace delle conseguenze
per la nostra salute.
(source: Bol.com)

Una grande tragedia dimenticata

La vera storia delle Foibe Dimenticare ancora sarebbe una nuova tragedia Nel ricordo delle vittime di uno dei capitoli più sanguinosi della storia Ancora oggi – nonostante l’istituzione del Giorno del Ricordo, il 10 febbraio, e nonostante il dibattito che da anni imperversa su questo tema – il dramma delle Foibe resta sconosciuto ai più, quasi fosse una pagina rimossa della seconda guerra mondiale. Eppure, si stima che vi abbiano trovato la morte molte migliaia di persone, “cancellate” dalla memoria dei posteri proprio dalla barbara modalità con cui ebbero sommaria sepoltura. Ecco perché è importante ricordare le vicende di alcune di queste vittime, attraverso i diari e le testimonianze della metà del secolo scorso. In particolare, nel libro viene dato spazio alle storie delle cosiddette “infoibate”, come Norma Cossetto, Mafalda Codan e le sorelle Radecchi. Storie particolarmente significative perché raccontano di una doppia rimozione: il silenzio calato per decenni sulle Foibe e, prima ancora, il naturale riserbo che si imponeva alle vicende personali delle donne dell’epoca. Dopo oltre mezzo secolo una ricostruzione dovuta e rigorosa di questa tragedia rimossa dalla memoria collettiva italiana Tra i temi trattati nel libro: Gli anni Venti e Trenta: dal rogo del Narodni Dom al fascismo I campi di internamento e concentramento italiani L’occupazione tedesca I luoghi di detenzione slavi Che cosa sono le Foibe? Le vittime mute: le donne infoibate Le Foibe del 1943 e quelle del 1945 Quante furono le vittime? La ricerca della pace e la definizione dei confini Le Foibe nel dopoguerraGiuseppina Mellacenata a Roma nel 1957, di professione insegnante, è anche autrice di pièces teatrali, saggi, romanzi e racconti, soprattutto di tema storico.
(source: Bol.com)

La grande invenzione. Un’autobiografia

Un passato fastoso, un presente difficile, e una inesauribile riserva di sogni: è l’eredità che riceve alla nascita Pupi Avati, figlio di due mondi, la ricca borghesia urbana bolognese e l’arcaica tradizione contadina di Sasso Marconi. La galleria degli antenati è unica: la bisnonna Olimpia, asolaia emigrata in Brasile in cerca di fortuna con i tre figli piccoli, il nonno Carlo che trovò moglie grazie a venticinque bignè, gli zii materni che ogni anno portavano ai Savoia le ciliegie di Sasso Marconi, il nonno Giuseppe che chiese alla Madonnina del Paradiso una grazia “fatale”, i genitori protagonisti di una incredibile storia d’amore… Con questi presupposti, come stupirsi se la tua vita diventa un’unica grande avventura, dalla via Emilia a Cinecittà? Nella Bologna del dopoguerra si svolge l’educazione sentimentale di Pupi, un ragazzo timido ma un po’ mascalzone, un perdigiorno con una bruciante passione per il jazz, un rapporto complesso con le donne, un amore irreversibile per il cinema. Poi l’addio alla carriera da musicista, la parentesi come rappresentante di surgelati, i difficili esordi cinematografici, la Roma degli artisti, l’insolito lavoro con Pasolini, i pedinamenti per conoscere il maestro Fellini, i successi di pubblico e critica. “La grande invenzione” racconta tutto questo e molto altro ancora.
**

Gothica

“Un libro teso e appassionante sul tema dell’ingegneria genetica e delle sue implicazioni etiche”

Licia Troisi.

Chi è l’Angelo della Morte? Quali terribili segreti si celano dietro la sua comparsa a Gothica?
In una megalopoli di un possibile futuro, dominata dai membri dello Scisma e dal clero della Chiesa, Frederick Volk, presidente di una multinazionale dell’industria genetica, sta portando avanti un programma di manipolazioni genetiche su piante, animali e uomini. Sulle attività della Mimesis Corporation si addensano molti sospetti, ma occorre trovare le prove dei suoi abomini.
Muovendosi tra esperimenti di chimerismo e xenotrapianti, in una ragnatela di interessi che coinvolge anche chi dovrebbe esserne immune, HelenaWolff indaga sulle attività di Volk, fino all’ultimo, definitivo scontro.
A metà strada tra fantasy ed ecomafia, Gothica rappresenta una riuscita incursione in un territorio in cui la fantasia rappresenta un’inquietante anticipazione del nostro futuro.

“Questo era il vero aspetto di Gothica. Un’immensa metropoli della perdizione e del male, dove la voce della Chiesa si perdeva tra i clangori delle industrie e le cattedrali affogavano tra i miasmi della periferia.”
(source: Bol.com)

Il gladiatore

Antica Roma, 65 a.C. – Sopravvissuto a parecchi feroci combattimenti nell’arena, Caio Gracco Valente accende le fantasie erotiche di moltissime donne. Ma essendo un gladiatore, è escluso a priori dai circoli più raffinati della società romana, e Giulia Antonia, nobile patrizia, sa bene che una fanciulla di buona famiglia non dovrebbe avere alcun contatto con un uomo che è poco più di uno schiavo. Eppure, il fascino pericoloso che Valente esercita su di lei l’attrae come una calamita.
Figlio di un nobile patrizio, Valente è stato catturato dai pirati e ridotto in schiavitù, e l’incontro con la dolce Giulia non fa che risvegliare in lui i ricordi di un passato ormai lontano e acuire il suo desiderio di riscatto. Ma l’unico modo per coronare quel tenero sogno d’amore e riconquistare l’onore e la libertà è combattere fino all’ultimo sangue nell’arena… e vincere!
**
### Sinossi
Antica Roma, 65 a.C. – Sopravvissuto a parecchi feroci combattimenti nell’arena, Caio Gracco Valente accende le fantasie erotiche di moltissime donne. Ma essendo un gladiatore, è escluso a priori dai circoli più raffinati della società romana, e Giulia Antonia, nobile patrizia, sa bene che una fanciulla di buona famiglia non dovrebbe avere alcun contatto con un uomo che è poco più di uno schiavo. Eppure, il fascino pericoloso che Valente esercita su di lei l’attrae come una calamita.
Figlio di un nobile patrizio, Valente è stato catturato dai pirati e ridotto in schiavitù, e l’incontro con la dolce Giulia non fa che risvegliare in lui i ricordi di un passato ormai lontano e acuire il suo desiderio di riscatto. Ma l’unico modo per coronare quel tenero sogno d’amore e riconquistare l’onore e la libertà è combattere fino all’ultimo sangue nell’arena… e vincere!

Giuda

“Questa è una storia che si svolge nell’inverno tra la fine del 1959 e l’inizio del 1960. Questa storia contiene un errore e della passione, un amore deluso e una questione di ordine religioso che qui rimane irrisolta. Non pochi edifici portavano ancora ben riconoscibili i segni della guerra che dieci anni prima aveva diviso la città. In sottofondo vi capiterà di udire la melodia lontana di una fisarmonica o le struggenti note di un’ocarina, sul far della sera, dietro un’imposta chiusa.”

Il giovane favoloso

Figura tra le più significative dell’Ottocento italiano, Giacomo Leopardi (1798-1837) ha ispirato “Il giovane favoloso”, il film diretto da Mario Martone che ricostruisce il percorso biografico e letterario del poeta basandosi sui suoi scritti. La chiave di lettura proposta dagli autori della sceneggiatura è lontana dall’immagine tradizionalmente trasmessa di Leopardi: non un poeta infelice perché ammalato, ma una personalità ribelle, ironica e socialmente spregiudicata che trasfigura la malinconia in potenza creativa e il cui pensiero si proietta ben oltre il secolo in cui è vissuto. Spinto dalla voglia di vivere e dall’ambizione letteraria a lasciare Recanati e la “dipinta gabbia” della biblioteca paterna, Giacomo non esita a provocare la rottura con l’amatissimo padre e con l’opprimente conformismo della sua epoca. Nel racconto sono presenti tutte le figure che hanno accompagnato gli anni della sua adolescenza e poi del suo peregrinare, da Firenze a Roma e infine a Napoli: i genitori, il fratello Carlo e la sorella Paolina, cui è legato da grande complicità; il letterato Pietro Giordani che per primo ne intuì la grandezza; Fanny Targioni Tozzetti, oggetto di una passione mai dichiarata; Antonio Ranieri, che l’ebbe compagno nella vita, e la sorella di quest’ultimo Paolina, che lo accudì fino a Torre del Greco, dove Leopardi compose il suo ultimo capolavoro, “La ginestra”.
**

Un gioiello raro (I Romanzi Classic)

Priscilla Wentworth è una gentildonna caduta in miseria e costretta dalle circostanze a prostituirsi in un bordello. Sir Gerald Stapleton è stato tradito dalle donne più importanti della sua vita e ora cerca solo il piacere fisico. Quando incontra Priss, si chiede come possa essere successo che un gioiello di grazia, bellezza ed eleganza come lei sia divenuta cortigiana. Nonostante il proponimento di non lasciarsi più coinvolgere in una relazione di cuore, quando lei ha bisogno di protezione Gerald la prende come amante fissa. Ne nasce un sentimento tanto forte quanto socialmente censurabile, per un amore che sembra non avere futuro…

(source: Bol.com)

Gioco sporco

Quando Elliot Mills, ex agente dell’FBI, è chiamato ad analizzare i resti della sua casa d’infanzia, distrutta da un incendio, capisce subito che si tratta di un atto doloso e che il bersaglio del piromane è suo padre Roland. Qualcuno vuole impedirgli di pubblicare un libro di memorie che potrebbe portare a galla scomode verità e per riuscirci è disposto a ricorrere persino all’omicidio. Elliot però è determinato ad assicurare il criminale alla giustizia, e se per farlo dovrà giocare sporco lo farà. Anche se questo significa mentire a Tucker e mettere a repentaglio non solo la propria vita, ma anche il fragile rapporto che hanno appena iniziato a ricostruire… ”Gioco sporco” è il seguito di ”Facile bersaglio”

(source: Bol.com)

Gideon A Rapporto

“Borgman è troppo importante”, continuano a ripetere a Gideon quelli di Scotland Yard.
“Lascia perdere, se no ti trovi degradato da un giorno all’altro. E’ troppo importante.”
Gideon è convinto che Borgman abbia ucciso sua moglie, quattro anni prima, ed è deciso a trascinarlo davanti ai giudici. Ma Londra è grande, e il comandante del Dipartimento Investigativo criminale non può permettersi il lusso di occuparsi solo di un omidicio commesso tanti anno prima. Perciò Gideon si trasforma in un giocoliere: in una mano si palleggia furti d’auto, morti violente, corse ippiche truccate, e chi più ne ha più ne metta, mentre con l’altra cerca di assestare il colpo definitivo al caso Borgman. Gideon non molla. E alla fine, importante o no, Borgman dovrà pentirsi di essersi trovato sulla sua strada.
J.J. Marric (pseudonimo di John Creasey) nasce a Southfields, in Gran Bretagna, nel 1908. Autore molto prolifico, frequenta tutti i generi ed eccelle nel filone del police procedural per il realismo degli ambienti e dei personaggi. È tra i fondatori della Crime Writers Association. Muore nel 1973.
**
### Sinossi
“Borgman è troppo importante”, continuano a ripetere a Gideon quelli di Scotland Yard.
“Lascia perdere, se no ti trovi degradato da un giorno all’altro. E’ troppo importante.”
Gideon è convinto che Borgman abbia ucciso sua moglie, quattro anni prima, ed è deciso a trascinarlo davanti ai giudici. Ma Londra è grande, e il comandante del Dipartimento Investigativo criminale non può permettersi il lusso di occuparsi solo di un omidicio commesso tanti anno prima. Perciò Gideon si trasforma in un giocoliere: in una mano si palleggia furti d’auto, morti violente, corse ippiche truccate, e chi più ne ha più ne metta, mentre con l’altra cerca di assestare il colpo definitivo al caso Borgman. Gideon non molla. E alla fine, importante o no, Borgman dovrà pentirsi di essersi trovato sulla sua strada.
J.J. Marric (pseudonimo di John Creasey) nasce a Southfields, in Gran Bretagna, nel 1908. Autore molto prolifico, frequenta tutti i generi ed eccelle nel filone del police procedural per il realismo degli ambienti e dei personaggi. È tra i fondatori della Crime Writers Association. Muore nel 1973.

Gestire lo stress For Dummies: Seconda edizione (Hoepli for Dummies)

Stanchi dello stress? Per cambiare vita, basta poco!
Ecco una guida affidabile per imparare ad affrontare lo stress nel fisico e nella mente.
Che si abbia problemi di cuore, al lavoro, in famiglia o di qualunque altro genere, Gestire lo stress For Dummies aiuterà a identificare i fattori scatenanti dello stress e ad affrontarli nel migliore dei modi.
**
### Sinossi
Stanchi dello stress? Per cambiare vita, basta poco!
Ecco una guida affidabile per imparare ad affrontare lo stress nel fisico e nella mente.
Che si abbia problemi di cuore, al lavoro, in famiglia o di qualunque altro genere, Gestire lo stress For Dummies aiuterà a identificare i fattori scatenanti dello stress e ad affrontarli nel migliore dei modi.