2273–2288 di 4132 risultati

Legami

Lo vorrai solo per te The Mastered Series Amery Hardwick, timida ragazza di provincia, è riuscita ad aprire un piccolo studio di grafica a Denver, in Colorado. Concentrata sulla nuova attività, ha poco tempo da dedicare alla sua vita privata. Quando una cara amica si iscrive a un corso di autodifesa, dopo aver subìto un’aggressione, Amery accetta di accompagnarla per esserle di sostegno. È così che conosce Ronin Black. L’affascinante proprietario del dojo si rivela così attratto da Amery da cominciare a prendersi cura della sua formazione sia in palestra che in privato. Sin dall’inizio, l’enigmatico Ronin cerca di spingere la ragazza oltre i propri limiti finché, incontro dopo incontro, Amery non diventa dipendente da lui e dal piacere che è capace di regalarle. Ma quando inizia a intuire che Ronin le sta nascondendo qualcosa, capisce che deve mettere in dubbio la fiducia che ha riposto in lui, anche se è un enorme sacrificio rinunciare al brivido che le dà sapersi in suo possesso… Il romanzo scandalo che sta facendo impazzire Spagna, Stati Uniti e Francia Certi legami non si possono spezzare facilmente… «La James racconta magistralmente la tensione sessuale tra i due protagonisti.» Publishers Weekly I lettori lo hanno scelto e hanno scritto: «Nessun altro autore mi ha fatto apprezzare l’arte del bondage come la James con questo libro.» Juliette «Questa non è una storia d’amore facile e i due protagonisti ti accompagnano nel loro mondo segreto. Ho amato ogni minuto di questa lettura.» Amanda «Che storia meravigliosa!!! Non slegatemi da questo libro.» JaneLorelei JamesAutrice besteller del «New York Times» e «USA Today», è famosa per i suoi romanzi erotici. Vive nella parte occidentale del South Dakota con la sua famiglia.

Lo vorrai solo per te The Mastered Series Amery Hardwick, timida ragazza di provincia, è riuscita ad aprire un piccolo studio di grafica a Denver, in Colorado. Concentrata sulla nuova attività, ha poco tempo da dedicare alla sua vita privata. Quando una cara amica si iscrive a un corso di autodifesa, dopo aver subìto un’aggressione, Amery accetta di accompagnarla per esserle di sostegno. È così che conosce Ronin Black. L’affascinante proprietario del dojo si rivela così attratto da Amery da cominciare a prendersi cura della sua formazione sia in palestra che in privato. Sin dall’inizio, l’enigmatico Ronin cerca di spingere la ragazza oltre i propri limiti finché, incontro dopo incontro, Amery non diventa dipendente da lui e dal piacere che è capace di regalarle. Ma quando inizia a intuire che Ronin le sta nascondendo qualcosa, capisce che deve mettere in dubbio la fiducia che ha riposto in lui, anche se è un enorme sacrificio rinunciare al brivido che le dà sapersi in suo possesso… Il romanzo scandalo che sta facendo impazzire Spagna, Stati Uniti e Francia Certi legami non si possono spezzare facilmente… «La James racconta magistralmente la tensione sessuale tra i due protagonisti.» Publishers Weekly I lettori lo hanno scelto e hanno scritto: «Nessun altro autore mi ha fatto apprezzare l’arte del bondage come la James con questo libro.» Juliette «Questa non è una storia d’amore facile e i due protagonisti ti accompagnano nel loro mondo segreto. Ho amato ogni minuto di questa lettura.» Amanda «Che storia meravigliosa!!! Non slegatemi da questo libro.» JaneLorelei JamesAutrice besteller del «New York Times» e «USA Today», è famosa per i suoi romanzi erotici. Vive nella parte occidentale del South Dakota con la sua famiglia.

Only registered users can download this free product.

Una lacrima color turchese

Il giorno di Natale, in uno sperduto paesino di montagna sommerso come ogni anno da una fitta coltre di neve, accade un fatto sconvolgente: mentre la gente si dispone a mettere da parte i rancori, cercando di essere più buona almeno per le festività, le statuine di Gesù Bambino scompaiono misteriosamente da tutti i presepi. Le prime ad accorgersene sono tre madri di famiglia che, indignate, accusano i figli del furto. Quando però si sparge la voce che l’inquietante fatto non ha colpito solo quel borgo ma addirittura il mondo intero, la rabbia cede il posto al panico. Cosa può nascondersi dietro a un evento così assurdo e angosciante? L’umanità ha disperatamente bisogno di risposte. Teologi e satanisti, esperti e millantatori si lanciano in teorie e ipotesi. Non si arrendono di fronte a nulla, l’importante è individuare un colpevole. Ma la ricerca sembra essere destinata a non avere fine. Eppure basterebbe sottrarsi alla frenesia e riflettere per un momento in silenzio per rendersi conto che quel mistero ci coinvolge tutti. Se solo avessimo il coraggio di guardare dentro ai nostri cuori e interrogare le nostre coscienze…
**
### Sinossi
Il giorno di Natale, in uno sperduto paesino di montagna sommerso come ogni anno da una fitta coltre di neve, accade un fatto sconvolgente: mentre la gente si dispone a mettere da parte i rancori, cercando di essere più buona almeno per le festività, le statuine di Gesù Bambino scompaiono misteriosamente da tutti i presepi. Le prime ad accorgersene sono tre madri di famiglia che, indignate, accusano i figli del furto. Quando però si sparge la voce che l’inquietante fatto non ha colpito solo quel borgo ma addirittura il mondo intero, la rabbia cede il posto al panico. Cosa può nascondersi dietro a un evento così assurdo e angosciante? L’umanità ha disperatamente bisogno di risposte. Teologi e satanisti, esperti e millantatori si lanciano in teorie e ipotesi. Non si arrendono di fronte a nulla, l’importante è individuare un colpevole. Ma la ricerca sembra essere destinata a non avere fine. Eppure basterebbe sottrarsi alla frenesia e riflettere per un momento in silenzio per rendersi conto che quel mistero ci coinvolge tutti. Se solo avessimo il coraggio di guardare dentro ai nostri cuori e interrogare le nostre coscienze…
### Dalla quarta di copertina
Finita la funzione, i fedeli uscirono sul sagrato invaso dalla neve. Cominciò così la ronda delle strette di mano e degli auguri e dei sorrisi compiaciuti. Il tutto condito dai “Buon Natale” di circostanza che fiorivano su bocche contorte da un’ipocrisia così palese che cadeva in basso, forando la neve come fiocchi di piombo. Dall’interno della chiesa, attraverso le porte aperte, il Bambin Gesù osservava. Se qualcuno fosse entrato per adorarlo, si sarebbe accorto che quel piccolo non rideva. 

Il giorno di Natale, in uno sperduto paesino di montagna sommerso come ogni anno da una fitta coltre di neve, accade un fatto sconvolgente: mentre la gente si dispone a mettere da parte i rancori, cercando di essere più buona almeno per le festività, le statuine di Gesù Bambino scompaiono misteriosamente da tutti i presepi. Le prime ad accorgersene sono tre madri di famiglia che, indignate, accusano i figli del furto. Quando però si sparge la voce che l’inquietante fatto non ha colpito solo quel borgo ma addirittura il mondo intero, la rabbia cede il posto al panico. Cosa può nascondersi dietro a un evento così assurdo e angosciante? L’umanità ha disperatamente bisogno di risposte. Teologi e satanisti, esperti e millantatori si lanciano in teorie e ipotesi. Non si arrendono di fronte a nulla, l’importante è individuare un colpevole. Ma la ricerca sembra essere destinata a non avere fine. Eppure basterebbe sottrarsi alla frenesia e riflettere per un momento in silenzio per rendersi conto che quel mistero ci coinvolge tutti. Se solo avessimo il coraggio di guardare dentro ai nostri cuori e interrogare le nostre coscienze…
**
### Sinossi
Il giorno di Natale, in uno sperduto paesino di montagna sommerso come ogni anno da una fitta coltre di neve, accade un fatto sconvolgente: mentre la gente si dispone a mettere da parte i rancori, cercando di essere più buona almeno per le festività, le statuine di Gesù Bambino scompaiono misteriosamente da tutti i presepi. Le prime ad accorgersene sono tre madri di famiglia che, indignate, accusano i figli del furto. Quando però si sparge la voce che l’inquietante fatto non ha colpito solo quel borgo ma addirittura il mondo intero, la rabbia cede il posto al panico. Cosa può nascondersi dietro a un evento così assurdo e angosciante? L’umanità ha disperatamente bisogno di risposte. Teologi e satanisti, esperti e millantatori si lanciano in teorie e ipotesi. Non si arrendono di fronte a nulla, l’importante è individuare un colpevole. Ma la ricerca sembra essere destinata a non avere fine. Eppure basterebbe sottrarsi alla frenesia e riflettere per un momento in silenzio per rendersi conto che quel mistero ci coinvolge tutti. Se solo avessimo il coraggio di guardare dentro ai nostri cuori e interrogare le nostre coscienze…
### Dalla quarta di copertina
Finita la funzione, i fedeli uscirono sul sagrato invaso dalla neve. Cominciò così la ronda delle strette di mano e degli auguri e dei sorrisi compiaciuti. Il tutto condito dai “Buon Natale” di circostanza che fiorivano su bocche contorte da un’ipocrisia così palese che cadeva in basso, forando la neve come fiocchi di piombo. Dall’interno della chiesa, attraverso le porte aperte, il Bambin Gesù osservava. Se qualcuno fosse entrato per adorarlo, si sarebbe accorto che quel piccolo non rideva. 

Only registered users can download this free product.

Lacci

Che cosa lasciamo, quando lasciamo qualcuno? Una casa, una famiglia, il passato, un’idea di futuro, la nostra peggiore fotografia impressa a fuoco negli occhi di chi abbiamo amato. Passiamo la vita a spaccare vasi e incollare cocci illudendoci di essere nuovi di zecca. E cerchiamo di non guardare troppo indietro, perché il tempo dei bilanci è un tempo vano, ridicolo e struggente. Domenico Starnone ha scritto un libro intensissimo e vero. Il racconto a tre voci delle forze sotterranee che tengono in vita i matrimoni anche dopo l’amore. «Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie». Si apre cosí la lettera che Vanda scrive al marito che se n’è andato di casa, lasciandola in preda a una tempesta di rabbia impotente e domande che non trovano risposta. Si sono sposati giovani all’inizio degli anni Sessanta, per desiderio di indipendenza, ma poi attorno a loro il mondo è cambiato, e ritrovarsi a trent’anni con una famiglia a carico è diventato un segno di arretratezza piú che di autonomia. Perciò adesso lui se ne sta a Roma, innamorato della grazia lieve di una sconosciuta con cui i giorni sono sempre gioiosi, e lei a Napoli con i figli, a misurare l’estensione del silenzio e il crescere dell’estraneità. Che cosa siamo disposti a sacrificare, pur di non sentirci in trappola? E che cosa perdiamo, quando scegliamo di tornare sui nostri passi? Perché niente è piú radicale dell’abbandono, ma niente è piú tenace di quei lacci invisibili che legano le persone le une alle altre. E a volte basta un gesto minimo per far riaffiorare quello che abbiamo provato a mettere da parte. Domenico Starnone ci regala una storia emozionante e fortissima, il racconto magistrale di una fuga, di un ritorno, di tutti i fallimenti, quelli che ci sembrano insuperabili e quelli che ci fanno compagnia per una vita intera.

Che cosa lasciamo, quando lasciamo qualcuno? Una casa, una famiglia, il passato, un’idea di futuro, la nostra peggiore fotografia impressa a fuoco negli occhi di chi abbiamo amato. Passiamo la vita a spaccare vasi e incollare cocci illudendoci di essere nuovi di zecca. E cerchiamo di non guardare troppo indietro, perché il tempo dei bilanci è un tempo vano, ridicolo e struggente. Domenico Starnone ha scritto un libro intensissimo e vero. Il racconto a tre voci delle forze sotterranee che tengono in vita i matrimoni anche dopo l’amore. «Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie». Si apre cosí la lettera che Vanda scrive al marito che se n’è andato di casa, lasciandola in preda a una tempesta di rabbia impotente e domande che non trovano risposta. Si sono sposati giovani all’inizio degli anni Sessanta, per desiderio di indipendenza, ma poi attorno a loro il mondo è cambiato, e ritrovarsi a trent’anni con una famiglia a carico è diventato un segno di arretratezza piú che di autonomia. Perciò adesso lui se ne sta a Roma, innamorato della grazia lieve di una sconosciuta con cui i giorni sono sempre gioiosi, e lei a Napoli con i figli, a misurare l’estensione del silenzio e il crescere dell’estraneità. Che cosa siamo disposti a sacrificare, pur di non sentirci in trappola? E che cosa perdiamo, quando scegliamo di tornare sui nostri passi? Perché niente è piú radicale dell’abbandono, ma niente è piú tenace di quei lacci invisibili che legano le persone le une alle altre. E a volte basta un gesto minimo per far riaffiorare quello che abbiamo provato a mettere da parte. Domenico Starnone ci regala una storia emozionante e fortissima, il racconto magistrale di una fuga, di un ritorno, di tutti i fallimenti, quelli che ci sembrano insuperabili e quelli che ci fanno compagnia per una vita intera.

Only registered users can download this free product.

La Rosa dei Venti

Oltre diecimila copie scaricate dall’uscita (7 luglio 2014) ad oggi, grazie infinite!

Contiene tutti e tre i Volumi (Nel mio Mondo-L’oceano tra noi-Oltre).

Laureen Venier: ventidue anni, vive in Riviera del Brenta (Venezia) portando sulle spalle il peso della fabbrica di mobili ereditata dal padre, scomparso in un incidente dalle dinamiche poco chiare. Fabbrica gravata da una grossa ipoteca a causa di un prestito molto gravoso contratto con un misterioso amico.

Miguel De Marchi Duartes: ventinove anni, è il figlio naturale di uno spietato imprenditore, di origini italiane. Fino all’adolescenza, è cresciuto tra i rochos di Caracas, Venezuela. Alla morte del figlio legittimo, il padre lo riconosce per motivi di opportunità e lo strappa alla sua famiglia adottiva. Dovrà imparare tutto di quel nuovo mondo e ben presto il padre, verso il quale egli prova grosso rancore, lo metterà a capo di un impero.
Laureen si trova a chiedergli aiuto in un tentativo disperato per evitare che la fabbrica, ormai sull’orlo della rovina, venga rasa al suolo per fabbricarvi un ipermercato. Ignara crede di rivolgersi al segretario di De Marchi senior, ma…..

**

Oltre diecimila copie scaricate dall’uscita (7 luglio 2014) ad oggi, grazie infinite!

Contiene tutti e tre i Volumi (Nel mio Mondo-L’oceano tra noi-Oltre).

Laureen Venier: ventidue anni, vive in Riviera del Brenta (Venezia) portando sulle spalle il peso della fabbrica di mobili ereditata dal padre, scomparso in un incidente dalle dinamiche poco chiare. Fabbrica gravata da una grossa ipoteca a causa di un prestito molto gravoso contratto con un misterioso amico.

Miguel De Marchi Duartes: ventinove anni, è il figlio naturale di uno spietato imprenditore, di origini italiane. Fino all’adolescenza, è cresciuto tra i rochos di Caracas, Venezuela. Alla morte del figlio legittimo, il padre lo riconosce per motivi di opportunità e lo strappa alla sua famiglia adottiva. Dovrà imparare tutto di quel nuovo mondo e ben presto il padre, verso il quale egli prova grosso rancore, lo metterà a capo di un impero.
Laureen si trova a chiedergli aiuto in un tentativo disperato per evitare che la fabbrica, ormai sull’orlo della rovina, venga rasa al suolo per fabbricarvi un ipermercato. Ignara crede di rivolgersi al segretario di De Marchi senior, ma…..

**

Only registered users can download this free product.

La luce che muore

ll passato di un agente dell’FBI è un libro sempre aperto. Nella memoria di Brigid Quinn, ex agente dell’FBI esperta in reati sessuali, si agitano ricordi che vorrebbe cancellare per sempre: è per questo che ha deciso di lasciare il lavoro prima del tempo, sperando di non dover mai più vedere le cose che ha visto, e ha provato a rifarsi una vita a Tucson. Lì, apparentemente, la sua vita scorre tranquilla, con il marito, una coppia di carlini e la sensazione di essersi lasciata il peggio alle spalle. Ma per un’agente dell’FBI il passato non passa mai del tutto. E infatti, ben presto torna a bussare alla sua porta, nelle sembianze di Floyd Lynch, un uomo che si dichiara colpevole di un vecchio omicidio – quello che ha segnato per sempre la carriera, e la vita, di Brigid. Per lei potrebbe essere la fine del suo peggior incubo, ma l’agente che si occupa ora del caso, Laura Coleman, non crede alla confessione di Floyd. Brigid si trova così nuovamente coinvolta: non può tirarsi indietro, perché è disposta a qualsiasi cosa pur di scoprire la verità. Un debutto acclamatissimo, tradotto in undici lingue, finalista all’Edgar Award e al Macavity Award nella categoria miglior esordio, con una protagonista straordinaria: con La luce che muore Becky Masterman si afferma come una delle voci più originali e di maggior successo del thriller contemporaneo. «Un thriller rovente… La Masterman riesce a spiazzare il lettore in un modo straordinario.» The New York Times

ll passato di un agente dell’FBI è un libro sempre aperto. Nella memoria di Brigid Quinn, ex agente dell’FBI esperta in reati sessuali, si agitano ricordi che vorrebbe cancellare per sempre: è per questo che ha deciso di lasciare il lavoro prima del tempo, sperando di non dover mai più vedere le cose che ha visto, e ha provato a rifarsi una vita a Tucson. Lì, apparentemente, la sua vita scorre tranquilla, con il marito, una coppia di carlini e la sensazione di essersi lasciata il peggio alle spalle. Ma per un’agente dell’FBI il passato non passa mai del tutto. E infatti, ben presto torna a bussare alla sua porta, nelle sembianze di Floyd Lynch, un uomo che si dichiara colpevole di un vecchio omicidio – quello che ha segnato per sempre la carriera, e la vita, di Brigid. Per lei potrebbe essere la fine del suo peggior incubo, ma l’agente che si occupa ora del caso, Laura Coleman, non crede alla confessione di Floyd. Brigid si trova così nuovamente coinvolta: non può tirarsi indietro, perché è disposta a qualsiasi cosa pur di scoprire la verità. Un debutto acclamatissimo, tradotto in undici lingue, finalista all’Edgar Award e al Macavity Award nella categoria miglior esordio, con una protagonista straordinaria: con La luce che muore Becky Masterman si afferma come una delle voci più originali e di maggior successo del thriller contemporaneo. «Un thriller rovente… La Masterman riesce a spiazzare il lettore in un modo straordinario.» The New York Times

Only registered users can download this free product.

Khomeini, De Sade e io

“Cosa c’è in me di così spaventoso da volerlo coprire? Che cos’ho che non va?” È il 1983, e Abnousse ha sei anni quando per la prima volta si ribella ai guardiani della Rivoluzione spogliandosi e correndo nuda per il cortile della sua scuola a Teheran. Per suo padre, un intellettuale liberale che ha scelto di crescerla incoraggiando la sua ostinazione, l’esilio è l’unica via d’uscita: “Non si può fare granché quando si è prigionieri. Bisogna liberarsi. è impossibile negoziare la propria libertà. La si sceglie e la si prende”. A Parigi, però, Abnousse scopre che la libertà è profondamente diversa da come se l’era sognata, e questa volta è con la letteratura che sceglie di combattere i “signori della morale”: è nei libri infatti che scopre un mondo unico, dove uomini e donne sono uguali, dove a forza di letture, dibattiti, dubbi ed esperienze, le eroine possono vivere la vita quale dev’essere, liberata da pregiudizi, paure e convenzioni. Può la semplice lettura di un romanzo diventare un atto politico? Sì, se come ha scritto Nabokov “la curiosità è insubordinazione allo stato puro”. Dalle parole trasformate in carne degli scrittori libertini ai Versi Satanici, da Colette a Victor Hugo, da Simone De Beauvoir a Madonna, questo è uno straordinario libro sui libri, una storia di resistenza contro l’oppressione, un’appassionata rivendicazione del diritto alla libertà. “La prima parola che pronunciò l’angelo Gabriele di fronte a Maometto che lo ascoltava era: Leggi. In nome del Signore, leggi. Limpido. Ho fatto come mi è stato detto, ma ho intenzionalmente sbagliato libro.”

“Cosa c’è in me di così spaventoso da volerlo coprire? Che cos’ho che non va?” È il 1983, e Abnousse ha sei anni quando per la prima volta si ribella ai guardiani della Rivoluzione spogliandosi e correndo nuda per il cortile della sua scuola a Teheran. Per suo padre, un intellettuale liberale che ha scelto di crescerla incoraggiando la sua ostinazione, l’esilio è l’unica via d’uscita: “Non si può fare granché quando si è prigionieri. Bisogna liberarsi. è impossibile negoziare la propria libertà. La si sceglie e la si prende”. A Parigi, però, Abnousse scopre che la libertà è profondamente diversa da come se l’era sognata, e questa volta è con la letteratura che sceglie di combattere i “signori della morale”: è nei libri infatti che scopre un mondo unico, dove uomini e donne sono uguali, dove a forza di letture, dibattiti, dubbi ed esperienze, le eroine possono vivere la vita quale dev’essere, liberata da pregiudizi, paure e convenzioni. Può la semplice lettura di un romanzo diventare un atto politico? Sì, se come ha scritto Nabokov “la curiosità è insubordinazione allo stato puro”. Dalle parole trasformate in carne degli scrittori libertini ai Versi Satanici, da Colette a Victor Hugo, da Simone De Beauvoir a Madonna, questo è uno straordinario libro sui libri, una storia di resistenza contro l’oppressione, un’appassionata rivendicazione del diritto alla libertà. “La prima parola che pronunciò l’angelo Gabriele di fronte a Maometto che lo ascoltava era: Leggi. In nome del Signore, leggi. Limpido. Ho fatto come mi è stato detto, ma ho intenzionalmente sbagliato libro.”

Only registered users can download this free product.

Katrin In Missione

Dopo essere stata promossa ad agente di primo livello (vedi Katrin l’Inizio), Katrin viene impegnata, dall’Organizzazione, nelle sue due prime, pericolose, missioni.
Tra una missione e l’altra, però, conoscerà un ragazzo, Christian, che le farà provare, per la prima volta, il più bello dei sentimenti: l’amore…

CONTIENE SCENE ESPLICITE, CONSIGLIATO AD UN PUBBLICO ADULTO.
(source: Bol.com)

Dopo essere stata promossa ad agente di primo livello (vedi Katrin l’Inizio), Katrin viene impegnata, dall’Organizzazione, nelle sue due prime, pericolose, missioni.
Tra una missione e l’altra, però, conoscerà un ragazzo, Christian, che le farà provare, per la prima volta, il più bello dei sentimenti: l’amore…

CONTIENE SCENE ESPLICITE, CONSIGLIATO AD UN PUBBLICO ADULTO.
(source: Bol.com)

Only registered users can download this free product.

John Lennon

L’8 dicembre 1980 John Lennon viene ucciso da un colpo di pistola esploso da uno squilibrato di fronte al Dakota Building, la sua residenza newyorkese. Trent’anni dopo, il ricordo del Beatle più amato, complesso e controverso è più vivo che mai. Frutto di decine di interviste, la biografia di Larry Kane che strinse amicizia con Lennon durante i tour americani di cui i Fab Four furono protagonisti a metà degli anni Sessanta – costituisce un ritratto sincero e documentato dell’autore di molte delle canzoni più memorabili della storia della musica pop. Dal genio pieno di dubbi al marito affettuoso, dal generoso filantropo al “guerriero della pace”, le mille sfaccettature del Lennon uomo e personaggio pubblico vengono analizzate a fondo, restituendoci un’immagine mai così completa della sua leggenda, dagli esordi alla tragica fine. Proprio come sarebbe piaciuto a John, una stella che, racconta oggi Yoko Ono, “non voleva essere adorata dai fan: voleva che i fan sapessero di cosa era fatta”.

L’8 dicembre 1980 John Lennon viene ucciso da un colpo di pistola esploso da uno squilibrato di fronte al Dakota Building, la sua residenza newyorkese. Trent’anni dopo, il ricordo del Beatle più amato, complesso e controverso è più vivo che mai. Frutto di decine di interviste, la biografia di Larry Kane che strinse amicizia con Lennon durante i tour americani di cui i Fab Four furono protagonisti a metà degli anni Sessanta – costituisce un ritratto sincero e documentato dell’autore di molte delle canzoni più memorabili della storia della musica pop. Dal genio pieno di dubbi al marito affettuoso, dal generoso filantropo al “guerriero della pace”, le mille sfaccettature del Lennon uomo e personaggio pubblico vengono analizzate a fondo, restituendoci un’immagine mai così completa della sua leggenda, dagli esordi alla tragica fine. Proprio come sarebbe piaciuto a John, una stella che, racconta oggi Yoko Ono, “non voleva essere adorata dai fan: voleva che i fan sapessero di cosa era fatta”.

Only registered users can download this free product.

Italiani voltagabbana

Fino all’autunno del 2013 Matteo Renzi era solo, attaccato più all’interno che all’esterno del suo partito. Nel giro di pochi mesi, molti dei suoi avversari hanno voltato gabbana, sono diventati renziani, e alcuni fanno parte della squadra di governo. Dopo la clamorosa vittoria del Pd alle elezioni europee del maggio 2014, un folto gruppo della classe dirigente del paese si è messo a disposizione del giovane presidente del Consiglio, sperando di conquistare un ruolo di primo piano. «Ma visto che da noi non cambiava niente, l’ondata di renzismo è improvvisamente cessata» racconta il premier nel lungo colloquio accordato a Bruno Vespa per questo libro. I voltagabbana sono una costante della storia nazionale. Dal Risorgimento, quando venivamo accusati di vincere le guerre con i soldati degli altri, alla prima guerra mondiale, di cui ricorre il centenario, quando in nome del «sacro egoismo» a un certo punto ci trovammo a combattere a fianco delle due fazioni opposte, per scegliere infine quella vincente, rivolgendo le armi anche contro i tedeschi, nostri alleati da trent’anni. Mussolini, che voltò gabbana come interventista prima della Grande Guerra, si alleò con Hitler nella seconda anche perché gli era rimasto il complesso del «tradimento» del 1915. Alla caduta del fascismo, i voltagabbana furono milioni, e Vespa narra con divertito stupore la storia di prestigiosi intellettuali e artisti diventati all’improvviso antifascisti dopo aver orgogliosamente inneggiato al Duce fino al 25 luglio. E sulla pagina vergognosa dell’8 settembre 1943 è ancora aperto il dibattito se gli italiani abbiano tradito i tedeschi o – secondo una versione più recente – se siano stati i tedeschi a tradire gli italiani. Nella Prima Repubblica i politici cambiavano spesso corrente (specie nella Dc) piuttosto che partito, ma i tradimenti più clamorosi furono senza dubbio quelli di molti dirigenti socialisti nei confronti di Craxi. Tuttavia, il trionfo dei voltagabbana si è avuto nella Seconda Repubblica e all’alba della Terza, quella che stiamo vivendo con la riforma costituzionale. Centinaia di parlamentari hanno cambiato casacca con sconcertante disinvoltura e diversi governi sono nati e caduti con il contributo decisivo dei «senza vergogna». Berlusconi e Prodi ne sono stati le vittime principali. Dopo essere stato via via abbandonato da Bossi, Fini e Casini, in queste pagine il Cavaliere accusa severamente Alfano, che si difende dall’accusa di «parricidio» e parla, semmai, di «figlicidio». A sua volta, il Senatùr è stato abbandonato da chi lo adorava e Beppe Grillo ha già avuto le sue molte delusioni. Nel libro, naturalmente, ampio spazio viene dedicato a Matteo Renzi, ai retroscena della sua ascesa al potere e al governo, e ai tanti che lo detestavano e ora lo amano. E ampio spazio viene dedicato alle donne: quelle che Renzi ha portato al governo, o a incarichi di grande potere, e a Francesca Pascale, che per la prima volta racconta nei dettagli la sua storia d’amore con il Cavaliere. In Italiani voltagabbana, Bruno Vespa dipinge con il consueto stile incalzante un affresco del costume nazionale, rileggendo la storia e la cronaca sotto un’angolazione umanissima, anche se assai poco lusinghiera.

Fino all’autunno del 2013 Matteo Renzi era solo, attaccato più all’interno che all’esterno del suo partito. Nel giro di pochi mesi, molti dei suoi avversari hanno voltato gabbana, sono diventati renziani, e alcuni fanno parte della squadra di governo. Dopo la clamorosa vittoria del Pd alle elezioni europee del maggio 2014, un folto gruppo della classe dirigente del paese si è messo a disposizione del giovane presidente del Consiglio, sperando di conquistare un ruolo di primo piano. «Ma visto che da noi non cambiava niente, l’ondata di renzismo è improvvisamente cessata» racconta il premier nel lungo colloquio accordato a Bruno Vespa per questo libro. I voltagabbana sono una costante della storia nazionale. Dal Risorgimento, quando venivamo accusati di vincere le guerre con i soldati degli altri, alla prima guerra mondiale, di cui ricorre il centenario, quando in nome del «sacro egoismo» a un certo punto ci trovammo a combattere a fianco delle due fazioni opposte, per scegliere infine quella vincente, rivolgendo le armi anche contro i tedeschi, nostri alleati da trent’anni. Mussolini, che voltò gabbana come interventista prima della Grande Guerra, si alleò con Hitler nella seconda anche perché gli era rimasto il complesso del «tradimento» del 1915. Alla caduta del fascismo, i voltagabbana furono milioni, e Vespa narra con divertito stupore la storia di prestigiosi intellettuali e artisti diventati all’improvviso antifascisti dopo aver orgogliosamente inneggiato al Duce fino al 25 luglio. E sulla pagina vergognosa dell’8 settembre 1943 è ancora aperto il dibattito se gli italiani abbiano tradito i tedeschi o – secondo una versione più recente – se siano stati i tedeschi a tradire gli italiani. Nella Prima Repubblica i politici cambiavano spesso corrente (specie nella Dc) piuttosto che partito, ma i tradimenti più clamorosi furono senza dubbio quelli di molti dirigenti socialisti nei confronti di Craxi. Tuttavia, il trionfo dei voltagabbana si è avuto nella Seconda Repubblica e all’alba della Terza, quella che stiamo vivendo con la riforma costituzionale. Centinaia di parlamentari hanno cambiato casacca con sconcertante disinvoltura e diversi governi sono nati e caduti con il contributo decisivo dei «senza vergogna». Berlusconi e Prodi ne sono stati le vittime principali. Dopo essere stato via via abbandonato da Bossi, Fini e Casini, in queste pagine il Cavaliere accusa severamente Alfano, che si difende dall’accusa di «parricidio» e parla, semmai, di «figlicidio». A sua volta, il Senatùr è stato abbandonato da chi lo adorava e Beppe Grillo ha già avuto le sue molte delusioni. Nel libro, naturalmente, ampio spazio viene dedicato a Matteo Renzi, ai retroscena della sua ascesa al potere e al governo, e ai tanti che lo detestavano e ora lo amano. E ampio spazio viene dedicato alle donne: quelle che Renzi ha portato al governo, o a incarichi di grande potere, e a Francesca Pascale, che per la prima volta racconta nei dettagli la sua storia d’amore con il Cavaliere. In Italiani voltagabbana, Bruno Vespa dipinge con il consueto stile incalzante un affresco del costume nazionale, rileggendo la storia e la cronaca sotto un’angolazione umanissima, anche se assai poco lusinghiera.

Only registered users can download this free product.

Isis. Lo stato del terrore. Chi sono e cosa vogliono le milizie islamiche che minacciano il mondo

Le decapitazioni dei prigionieri. La pulizia etnico-religiosa nelle zone occupate dell’Iraq. La proclamazione di un Califfato. Queste sono le cose che i media hanno cominciato a raccontarci nell’estate 2014 sull’Isis, i pochi frammenti di un mosaico nuovo e terribile, a cui il mondo non era pronto. Queste milizie hanno conquistato un territorio più vasto del Texas nel cuore del Medio Oriente, hanno dissolto i confini dettati dal colonialismo occidentale un secolo fa, hanno costretto gli Usa a tornare a bombardare l’Iraq. Ma chi sono, da dove vengono, come hanno fatto a diventare così potenti, e fin dove possono arrivare? In questo libro Loretta Napoleoni, uno dei massimi esperti di terrorismo internazionale, offre al grande pubblico il ritratto dell’Isis, il cui stesso nome è mutato molte volte, a seconda delle diverse condizioni sul campo e nel sistema mediatico. Perché, scrive Napoleoni, “quel che distingue questa organizzazione da ogni altro gruppo armato che l’ha preceduta e quel che ne spiega l’enorme successo sono la sua modernità e il suo pragmatismo”. Questa nuova minaccia punta a un ambiziosissimo obiettivo: far nascere dalle ceneri dei conflitti mediorientali non un gruppo terroristico, ma un vero e proprio stato, con un suo territorio, una sua economia e un’enorme forza di attrazione per i musulmani fondamentalisti di tutto il mondo.
**

Le decapitazioni dei prigionieri. La pulizia etnico-religiosa nelle zone occupate dell’Iraq. La proclamazione di un Califfato. Queste sono le cose che i media hanno cominciato a raccontarci nell’estate 2014 sull’Isis, i pochi frammenti di un mosaico nuovo e terribile, a cui il mondo non era pronto. Queste milizie hanno conquistato un territorio più vasto del Texas nel cuore del Medio Oriente, hanno dissolto i confini dettati dal colonialismo occidentale un secolo fa, hanno costretto gli Usa a tornare a bombardare l’Iraq. Ma chi sono, da dove vengono, come hanno fatto a diventare così potenti, e fin dove possono arrivare? In questo libro Loretta Napoleoni, uno dei massimi esperti di terrorismo internazionale, offre al grande pubblico il ritratto dell’Isis, il cui stesso nome è mutato molte volte, a seconda delle diverse condizioni sul campo e nel sistema mediatico. Perché, scrive Napoleoni, “quel che distingue questa organizzazione da ogni altro gruppo armato che l’ha preceduta e quel che ne spiega l’enorme successo sono la sua modernità e il suo pragmatismo”. Questa nuova minaccia punta a un ambiziosissimo obiettivo: far nascere dalle ceneri dei conflitti mediorientali non un gruppo terroristico, ma un vero e proprio stato, con un suo territorio, una sua economia e un’enorme forza di attrazione per i musulmani fondamentalisti di tutto il mondo.
**

Only registered users can download this free product.

Io, te e le vite degli altri

«Un romanzo che comincia come una bellissima commedia parigina per diventare una favola urbana dei nostri giorni». Livres Hebdo «Fantastico Germain, il protagonista, il cavaliere senza macchia della metropolitana parigina… Un romanzo d’esordio molto rock’n roll, una vera perla che si legge con gioia». Le Démocrate «Per fortuna la vita (e il metrò) riservano delle uscite di sicurezza inattese. Un romanzo che racconta di quanto, a volte, è scomodo essere se stessi…» Biba A volte vorresti ribaltare il mondo. Spaccarlo, spegnerlo o incendiarlo. Vorresti urlare e invece taci, anche quando la vita è così ingiusta e stupida da far male. Eppure ci sono dei momenti in cui quella stessa vita offre inaspettatamente un piccolo, temporaneo sollievo. Apre uno squarcio, e le tue azioni diventano atti di giustizia. Laggiù punisci i prepotenti, gli indifferenti, i maleducati. Come un eroe invisibile. Germain vive in due mondi, con dolorosa intensità: in uno è un bravo ragazzo, serio e lavoratore, appassionato di musica, un po’ troppo introverso per colpa di una grave balbuzie che lo affligge dalla nascita, perfino innamorato; nell’altro, che assume le dimensioni tentacolari della metropolitana cittadina, si trasforma, giocando d’azzardo sul limite invisibile tra bene e male. Fino al giorno in cui incontra una ragazza che fa esattamente come lui… e all’improvviso, Germain è costretto a cambiare le regole del gioco. Io, te e la vita degli altri è un romanzo sulla forza delle intenzioni e sul potere della volontà; un inno alle piccole azioni che stravolgono la spietatezza e l’indifferenza del mondo. Un sorriso che nasce dall’amarezza e che trasforma in bene tutto ciò che incontra. Ambientato in una Parigi distratta e piena di emozioni, a metà tra Il favoloso mondo di Amélie e un musical, un romanzo forte e delicato, divertente e drammatico che racconta la versione di Germain su cosa significhi sentirsi normali, ci sorprende a sorridere e riflettere sui misteri e le verità nascoste in ciascuno di noi, ma soprattutto ci aiuta a capire che possiamo essere amati per quello che siamo e con tutti i nostri difetti.

«Un romanzo che comincia come una bellissima commedia parigina per diventare una favola urbana dei nostri giorni». Livres Hebdo «Fantastico Germain, il protagonista, il cavaliere senza macchia della metropolitana parigina… Un romanzo d’esordio molto rock’n roll, una vera perla che si legge con gioia». Le Démocrate «Per fortuna la vita (e il metrò) riservano delle uscite di sicurezza inattese. Un romanzo che racconta di quanto, a volte, è scomodo essere se stessi…» Biba A volte vorresti ribaltare il mondo. Spaccarlo, spegnerlo o incendiarlo. Vorresti urlare e invece taci, anche quando la vita è così ingiusta e stupida da far male. Eppure ci sono dei momenti in cui quella stessa vita offre inaspettatamente un piccolo, temporaneo sollievo. Apre uno squarcio, e le tue azioni diventano atti di giustizia. Laggiù punisci i prepotenti, gli indifferenti, i maleducati. Come un eroe invisibile. Germain vive in due mondi, con dolorosa intensità: in uno è un bravo ragazzo, serio e lavoratore, appassionato di musica, un po’ troppo introverso per colpa di una grave balbuzie che lo affligge dalla nascita, perfino innamorato; nell’altro, che assume le dimensioni tentacolari della metropolitana cittadina, si trasforma, giocando d’azzardo sul limite invisibile tra bene e male. Fino al giorno in cui incontra una ragazza che fa esattamente come lui… e all’improvviso, Germain è costretto a cambiare le regole del gioco. Io, te e la vita degli altri è un romanzo sulla forza delle intenzioni e sul potere della volontà; un inno alle piccole azioni che stravolgono la spietatezza e l’indifferenza del mondo. Un sorriso che nasce dall’amarezza e che trasforma in bene tutto ciò che incontra. Ambientato in una Parigi distratta e piena di emozioni, a metà tra Il favoloso mondo di Amélie e un musical, un romanzo forte e delicato, divertente e drammatico che racconta la versione di Germain su cosa significhi sentirsi normali, ci sorprende a sorridere e riflettere sui misteri e le verità nascoste in ciascuno di noi, ma soprattutto ci aiuta a capire che possiamo essere amati per quello che siamo e con tutti i nostri difetti.

Only registered users can download this free product.

Io sono Charlotte Simmons

Charlotte Simmons, bella e intelligente, ha vinto una borsa di studio e si ritrova catapultata dal paesino nelle montagne del North Carolina dove ha sempre vissuto nella prestigiosa Dupont University. Scoprirà presto che dietro la facciata di eccellenza culturale si agita un mondo corroso da una feroce competizione per il predominio, accademico, razziale, sociale, sessuale. La ragazza si sente lusingata quando scopre di essere stata “adottata” dai principali esponenti dell’élite studentesca. Entrare nelle loro grazie è per Charlotte una meravigliosa sorpresa, qualcosa che dà alla testa e rischia di farle tradire completamente i valori in cui è cresciuta, prima di arrivare a capire la grandezza del suo essere diversa e la forza che le dà la sua innocenza.

Charlotte Simmons, bella e intelligente, ha vinto una borsa di studio e si ritrova catapultata dal paesino nelle montagne del North Carolina dove ha sempre vissuto nella prestigiosa Dupont University. Scoprirà presto che dietro la facciata di eccellenza culturale si agita un mondo corroso da una feroce competizione per il predominio, accademico, razziale, sociale, sessuale. La ragazza si sente lusingata quando scopre di essere stata “adottata” dai principali esponenti dell’élite studentesca. Entrare nelle loro grazie è per Charlotte una meravigliosa sorpresa, qualcosa che dà alla testa e rischia di farle tradire completamente i valori in cui è cresciuta, prima di arrivare a capire la grandezza del suo essere diversa e la forza che le dà la sua innocenza.

Only registered users can download this free product.

Io che non vivo senza te

Unico A volte basta tenersi per mano per dirsi tutto Rowan Areno ha solo sedici anni, ma la vita l’ha già messa a dura prova. Solo pochi mesi fa era una normale ragazzina, che amava ridere e divertirsi con le amiche, poi suo padre – il suo forte, infallibile papà – si è suicidato, lasciando a lei e sua madre solo un mucchio di domande destinate a rimanere senza risposta. Sono passati alcuni mesi ormai da quel terribile giorno di maggio, ma Rowan non è ancora riuscita a fare davvero i conti con il trauma della perdita. Non capisce come suo padre abbia potuto scegliere di abbandonarla, come abbia potuto compiere un gesto così estremo. Rowan è a pezzi, ma proprio quando ormai ha perso la speranza, ritrova Eli, un ragazzo con cui aveva condiviso un’unica, magica serata prima che la sua vita andasse in rovina. Anche lui è stato ferito, anche lui ha perso qualcuno che amava. Rowan ed Eli insieme, tenendosi per mano, forse possono cercare di resistere, di rialzare la testa, di dare un senso al passato e lasciarselo alle spalle… Acclamata dalla critica e dai lettori, la storia d’amore che ha conquistato gli Stati Uniti «Ƞil libro più commovente ed emozionante che abbia mai letto. Ha toccato corde che neanche sapevo di avere.» Ashley «Scrittura meravigliosa, personaggi realistici e un modo unico e coinvolgente di descrivere il dolore: un romanzo che porterò nel cuore per molto, molto tempo.» Milli «Poetica, dolorosa, e piena di speranza.» AdrianaLaura Wiessè originaria del New Jersey e vive tra i boschi della Pennsylvania. I suoi libri sono stati acclamati dalla critica e selezionati per diversi prestigiosi premi, quali l’Ala Best Book for Young Adults e lo Yalsa Quick Picks. Io che non vivo senza te è il suo primo romanzo tradotto in Italia.

Unico A volte basta tenersi per mano per dirsi tutto Rowan Areno ha solo sedici anni, ma la vita l’ha già messa a dura prova. Solo pochi mesi fa era una normale ragazzina, che amava ridere e divertirsi con le amiche, poi suo padre – il suo forte, infallibile papà – si è suicidato, lasciando a lei e sua madre solo un mucchio di domande destinate a rimanere senza risposta. Sono passati alcuni mesi ormai da quel terribile giorno di maggio, ma Rowan non è ancora riuscita a fare davvero i conti con il trauma della perdita. Non capisce come suo padre abbia potuto scegliere di abbandonarla, come abbia potuto compiere un gesto così estremo. Rowan è a pezzi, ma proprio quando ormai ha perso la speranza, ritrova Eli, un ragazzo con cui aveva condiviso un’unica, magica serata prima che la sua vita andasse in rovina. Anche lui è stato ferito, anche lui ha perso qualcuno che amava. Rowan ed Eli insieme, tenendosi per mano, forse possono cercare di resistere, di rialzare la testa, di dare un senso al passato e lasciarselo alle spalle… Acclamata dalla critica e dai lettori, la storia d’amore che ha conquistato gli Stati Uniti «Ƞil libro più commovente ed emozionante che abbia mai letto. Ha toccato corde che neanche sapevo di avere.» Ashley «Scrittura meravigliosa, personaggi realistici e un modo unico e coinvolgente di descrivere il dolore: un romanzo che porterò nel cuore per molto, molto tempo.» Milli «Poetica, dolorosa, e piena di speranza.» AdrianaLaura Wiessè originaria del New Jersey e vive tra i boschi della Pennsylvania. I suoi libri sono stati acclamati dalla critica e selezionati per diversi prestigiosi premi, quali l’Ala Best Book for Young Adults e lo Yalsa Quick Picks. Io che non vivo senza te è il suo primo romanzo tradotto in Italia.

Only registered users can download this free product.

L’intrusa

Farö, fine estate: la famiglia Kjellander ritorna sulla piccola isola dell’arcipelago di Gotland dopo aver trascorso alcune settimane di vacanza a Stoccolma. Quando Henrik e Malin rientrano in casa scoprono però che gli ultimi inquilini a cui è stata affittata se ne sono andati senza pulire né mettere in ordine, e anzi sembra abbiano imbrattato volontariamente e in maniera inquietante la loro abitazione. Un caso di vandalismo ben architettato che viene subito affidato al noto investigatore di Gotland, Fredrik Broman, di ritorno al lavoro dopo due anni di malattia e incaricato di svolgere le indagini. Da una prima ricerca si scopre che gli inquilini in realtà non sono mai stati nella casa dei Kjellander e che l’artefice del crimine ha facilmente utilizzato il nome di una coppia di anziani signori per il contratto d’affitto. Ma chi è a voler minacciare la tranquillità della giovane coppia? Le piste sono diverse, Broman prova a muoversi all’interno dei rapporti conflittuali e irrisolti della famiglia di Henrik, senza però trovare nessun movente di peso. Nel frattempo la minaccia continua a essere in agguato e si registrano nuovi episodi preoccupanti, nuovi avvertimenti, tutti indirizzati a Malin. Al volgere della stagione estiva e sugli scenari già autunnali di un paesaggio di grande bellezza, si consuma la vicenda dei Kjellander e della nuova indagine del commissario Broman, una storia di sangue che si avvita d’un colpo in un vortice di terrore.
**

Farö, fine estate: la famiglia Kjellander ritorna sulla piccola isola dell’arcipelago di Gotland dopo aver trascorso alcune settimane di vacanza a Stoccolma. Quando Henrik e Malin rientrano in casa scoprono però che gli ultimi inquilini a cui è stata affittata se ne sono andati senza pulire né mettere in ordine, e anzi sembra abbiano imbrattato volontariamente e in maniera inquietante la loro abitazione. Un caso di vandalismo ben architettato che viene subito affidato al noto investigatore di Gotland, Fredrik Broman, di ritorno al lavoro dopo due anni di malattia e incaricato di svolgere le indagini. Da una prima ricerca si scopre che gli inquilini in realtà non sono mai stati nella casa dei Kjellander e che l’artefice del crimine ha facilmente utilizzato il nome di una coppia di anziani signori per il contratto d’affitto. Ma chi è a voler minacciare la tranquillità della giovane coppia? Le piste sono diverse, Broman prova a muoversi all’interno dei rapporti conflittuali e irrisolti della famiglia di Henrik, senza però trovare nessun movente di peso. Nel frattempo la minaccia continua a essere in agguato e si registrano nuovi episodi preoccupanti, nuovi avvertimenti, tutti indirizzati a Malin. Al volgere della stagione estiva e sugli scenari già autunnali di un paesaggio di grande bellezza, si consuma la vicenda dei Kjellander e della nuova indagine del commissario Broman, una storia di sangue che si avvita d’un colpo in un vortice di terrore.
**

Only registered users can download this free product.

Introduzione a me stesso

L’arte dello scrivere, la genesi di un’opera e i “perché” di uno scrittore sono alcuni degli aspetti affrontati da Raffaele La Capria in questo speciale autoritratto narrativo nel quale sono stati raccolti testi che ruotano soprattutto intorno a un romanzo quale Ferito a morte. Di quel libro, vincitore del Premio Strega nel 1961, La Capria racconta la genesi, l’operazione letteraria messa in atto, il linguaggio, la costruzione, lo stile, l’intenzione deliberata di fare i conti con la rivoluzione formale del “romanzo come struttura simbolica” avvenuta nel Novecento. E così che, smascherando se stesso e la sua opera, lo scrittore proietta le luci di una profonda consapevolezza sulla capacità del linguaggio di irradiare energia, di mettere in atto contemporaneamente più significati, di diventare, al di là della trama e dei personaggi, il contenuto irrinunciabile della narrazione. Introduzione di Raffaele Manica.

L’arte dello scrivere, la genesi di un’opera e i “perché” di uno scrittore sono alcuni degli aspetti affrontati da Raffaele La Capria in questo speciale autoritratto narrativo nel quale sono stati raccolti testi che ruotano soprattutto intorno a un romanzo quale Ferito a morte. Di quel libro, vincitore del Premio Strega nel 1961, La Capria racconta la genesi, l’operazione letteraria messa in atto, il linguaggio, la costruzione, lo stile, l’intenzione deliberata di fare i conti con la rivoluzione formale del “romanzo come struttura simbolica” avvenuta nel Novecento. E così che, smascherando se stesso e la sua opera, lo scrittore proietta le luci di una profonda consapevolezza sulla capacità del linguaggio di irradiare energia, di mettere in atto contemporaneamente più significati, di diventare, al di là della trama e dei personaggi, il contenuto irrinunciabile della narrazione. Introduzione di Raffaele Manica.

Only registered users can download this free product.