1889–1904 di 4132 risultati

La missione di fratello Cadfael

È l’anno del Signore 1143. Non lontano dall’abbazia di Shrewsbury, sulla riva del fiume Severn, si trova un campo di proprietà dei monaci. Mentre viene dissodato viene trovato il cadavere di una donna. Chi è? Come è morta? È stata uccisa? Le indagini dello sceriffo della contea, Hugh Beringar, lo porteranno dritto nel cuore dell’abbazia. Saranno l’intuito e l’intelligenza di fratello Cadfael a far emergere la verità dal ginepraio di menzogne e sospetti che sembrano soffocare Shrewsbury.
**

È l’anno del Signore 1143. Non lontano dall’abbazia di Shrewsbury, sulla riva del fiume Severn, si trova un campo di proprietà dei monaci. Mentre viene dissodato viene trovato il cadavere di una donna. Chi è? Come è morta? È stata uccisa? Le indagini dello sceriffo della contea, Hugh Beringar, lo porteranno dritto nel cuore dell’abbazia. Saranno l’intuito e l’intelligenza di fratello Cadfael a far emergere la verità dal ginepraio di menzogne e sospetti che sembrano soffocare Shrewsbury.
**

Only registered users can download this free product.

La miscela segreta di casa Olivares

Nel cuore di Palermo, sotto il grande appartamentodegli Olivares, batte il cuore di un drago fiammeggiante:è la macchina che tosta dalla mattina alla serail caffè, spandendo per le vie del quartiere un profumointenso fino allo stordimento.È tra le pareti della torrefazione che cresce Genziana,il più bel fiore tra i figli di Roberto Olivares, che hachiamato come lei la qualità più pregiata di caffè. Lavita scorre nell’abbondanza e nella certezza che il futuronon riservi sorprese perché Viola – sensuale e saggiamatriarca – sa prevederlo leggendo i fondi di caffè.Ma proprio quando Genziana si appresta alla fiorituradella giovinezza irrompe la guerra, e con essa lafame e la distruzione destinate a cambiare per semprele sorti della città. Improvvisamente Genziana siritrova sola, il grande drago sbuffante è costretto afermarsi. Palermo, intorno, è un immenso teatro dimacerie, una meravigliosa creatura ferita che devecapire come rinascere dalle proprie ceneri.«La tua fortuna saranno le femmine, la tua sicurezza ilcaffè» aveva detto Viola alla figlia scrutando il fondodella sua tazzina. Armata unicamente di queste parole,Genziana compie un lungo cammino, che la portalontano senza mai allontanarsi dai Quattro Mandamentidi Palermo. Una folla di personaggi umili macapaci di profonda umanità, l’incontro con una donnavenuta dal Nord, le attenzioni del mafioso Scintiniune,l’amore per Medoro: tutto sarà per lei lievito dicambiamento. Eppure, solo ascoltando il proprio respiroGenziana troverà quello che cerca. Solo tostandosi,come un chicco verde di caffè, e poi aprendo ilguscio potrà sprigionare il proprio aroma…Il destino della città e quello di una donna, l’incapacitàdella prima di plasmare la propria sorte a testaalta e il coraggio della seconda nel cercare la propriavia; la debolezza e l’orgoglio, il maschile e il femminile,l’arabica e la robusta: opposte polarità che percorronoil romanzo e che si saldano intorno all’appassionanteracconto della moderna invenzione dellamiscela, l’arte di mescolare caffè di origini diverse perottenere una bevanda armoniosa. Fedele alla sua terra,Giuseppina Torregrossa ne canta la bellezza, nonsi rassegna alle sue meschinità e ci regala una nuovaindimenticabile protagonista: fiera, mai scontata, vicinissimaal nostro sentire.

Nel cuore di Palermo, sotto il grande appartamentodegli Olivares, batte il cuore di un drago fiammeggiante:è la macchina che tosta dalla mattina alla serail caffè, spandendo per le vie del quartiere un profumointenso fino allo stordimento.È tra le pareti della torrefazione che cresce Genziana,il più bel fiore tra i figli di Roberto Olivares, che hachiamato come lei la qualità più pregiata di caffè. Lavita scorre nell’abbondanza e nella certezza che il futuronon riservi sorprese perché Viola – sensuale e saggiamatriarca – sa prevederlo leggendo i fondi di caffè.Ma proprio quando Genziana si appresta alla fiorituradella giovinezza irrompe la guerra, e con essa lafame e la distruzione destinate a cambiare per semprele sorti della città. Improvvisamente Genziana siritrova sola, il grande drago sbuffante è costretto afermarsi. Palermo, intorno, è un immenso teatro dimacerie, una meravigliosa creatura ferita che devecapire come rinascere dalle proprie ceneri.«La tua fortuna saranno le femmine, la tua sicurezza ilcaffè» aveva detto Viola alla figlia scrutando il fondodella sua tazzina. Armata unicamente di queste parole,Genziana compie un lungo cammino, che la portalontano senza mai allontanarsi dai Quattro Mandamentidi Palermo. Una folla di personaggi umili macapaci di profonda umanità, l’incontro con una donnavenuta dal Nord, le attenzioni del mafioso Scintiniune,l’amore per Medoro: tutto sarà per lei lievito dicambiamento. Eppure, solo ascoltando il proprio respiroGenziana troverà quello che cerca. Solo tostandosi,come un chicco verde di caffè, e poi aprendo ilguscio potrà sprigionare il proprio aroma…Il destino della città e quello di una donna, l’incapacitàdella prima di plasmare la propria sorte a testaalta e il coraggio della seconda nel cercare la propriavia; la debolezza e l’orgoglio, il maschile e il femminile,l’arabica e la robusta: opposte polarità che percorronoil romanzo e che si saldano intorno all’appassionanteracconto della moderna invenzione dellamiscela, l’arte di mescolare caffè di origini diverse perottenere una bevanda armoniosa. Fedele alla sua terra,Giuseppina Torregrossa ne canta la bellezza, nonsi rassegna alle sue meschinità e ci regala una nuovaindimenticabile protagonista: fiera, mai scontata, vicinissimaal nostro sentire.

Only registered users can download this free product.

Mindspace – Un killer senza regole

Lavoravo per l’Ordine dei telepati, prima che mi buttassero fuori a calci per una questione di droga di cui io ero solo in parte responsabile. Adesso lavoro per la polizia, sono consulente della detective Isabella Cherabino, la aiuto a mandare criminali e assassini dietro le sbarre. Nessuno sa entrare come me nelle loro menti contorte, e questo fa di me il migliore negli interrogatori, ma non il più amato nel dipartimento. I poliziotti non si fidano dei telepati, e l’Ordine dei telepati non si fida di me. Ma io sono l’unico di cui tutti dovranno fidarsi, se vogliono trovare il colpevole della scia di morte che sta insanguinando Atlanta. Anche perché bisogna trovarlo in fretta: ho appena avuto una visione del futuro in cui il prossimo a morire sarò io.
Un thriller serrato e ironico, ambientato in un’America da distopia, in cui il fascino del potere della mente si unisce all’azione ad alto tasso di adrenalina.

Lavoravo per l’Ordine dei telepati, prima che mi buttassero fuori a calci per una questione di droga di cui io ero solo in parte responsabile. Adesso lavoro per la polizia, sono consulente della detective Isabella Cherabino, la aiuto a mandare criminali e assassini dietro le sbarre. Nessuno sa entrare come me nelle loro menti contorte, e questo fa di me il migliore negli interrogatori, ma non il più amato nel dipartimento. I poliziotti non si fidano dei telepati, e l’Ordine dei telepati non si fida di me. Ma io sono l’unico di cui tutti dovranno fidarsi, se vogliono trovare il colpevole della scia di morte che sta insanguinando Atlanta. Anche perché bisogna trovarlo in fretta: ho appena avuto una visione del futuro in cui il prossimo a morire sarò io.
Un thriller serrato e ironico, ambientato in un’America da distopia, in cui il fascino del potere della mente si unisce all’azione ad alto tasso di adrenalina.

Only registered users can download this free product.

Le meraviglie del Duemila

Toby Holker, un medico statunitense che detiene il segreto di una scoperta eccezionale, si ritrova, insieme al suo giovane e annoiato amico James Brandok, proiettato cento anni nel futuro, nel 2013. Lì incontrerà un mondo diverso, che evoluzione e tecnologia hanno modificato e stravolto. Attraverso un rocambolesco e lungo viaggio tra l’America, i ghiacci del Polo Nord e l’Europa, per terra, aria e mare, i due compagni scopriranno le meraviglie del futuro: macchine volanti, treni sotterranei, nuovi dispositivi tecnologici e mezzi di comunicazione, città sottomarine e tanto, tanto altro. “Edizioni DrawUp” propone ai propri lettori, con la Collana “Classici Young”, questo formidabile romanzo scientifico di Emilio Salgari, edito per la prima volta nel 1907 dalla “R. Bemporad & Figlio” di Firenze e considerato il testo più rilevante della “protofantascienza italiana”. Tra i lavori meno noti e ripubblicati del grande scrittore veronese, questo libro d’avventura rappresenta un connubio magistrale di narrativa d’intrattenimento e premonitoria: il lettore resterà a bocca aperta davanti alle intuizioni di Salgari, che dipinge, ma con cent’anni di anticipo, la nostra società attuale in maniera del tutto sorprendente per aderenza al reale mutamento del mondo e delle vicende umane. Aerei, metropolitane, radio e Tv, sommergibili, progresso tecnologico e scientifico, ma soprattutto evoluzione demografica, sociale e politica: vere e proprie profezie salgariane, che fanno di questo romanzo un’opera che non si può non aver letto.

Toby Holker, un medico statunitense che detiene il segreto di una scoperta eccezionale, si ritrova, insieme al suo giovane e annoiato amico James Brandok, proiettato cento anni nel futuro, nel 2013. Lì incontrerà un mondo diverso, che evoluzione e tecnologia hanno modificato e stravolto. Attraverso un rocambolesco e lungo viaggio tra l’America, i ghiacci del Polo Nord e l’Europa, per terra, aria e mare, i due compagni scopriranno le meraviglie del futuro: macchine volanti, treni sotterranei, nuovi dispositivi tecnologici e mezzi di comunicazione, città sottomarine e tanto, tanto altro. “Edizioni DrawUp” propone ai propri lettori, con la Collana “Classici Young”, questo formidabile romanzo scientifico di Emilio Salgari, edito per la prima volta nel 1907 dalla “R. Bemporad & Figlio” di Firenze e considerato il testo più rilevante della “protofantascienza italiana”. Tra i lavori meno noti e ripubblicati del grande scrittore veronese, questo libro d’avventura rappresenta un connubio magistrale di narrativa d’intrattenimento e premonitoria: il lettore resterà a bocca aperta davanti alle intuizioni di Salgari, che dipinge, ma con cent’anni di anticipo, la nostra società attuale in maniera del tutto sorprendente per aderenza al reale mutamento del mondo e delle vicende umane. Aerei, metropolitane, radio e Tv, sommergibili, progresso tecnologico e scientifico, ma soprattutto evoluzione demografica, sociale e politica: vere e proprie profezie salgariane, che fanno di questo romanzo un’opera che non si può non aver letto.

Only registered users can download this free product.

Memorie di Adriano. Seguite da Taccuini di appunti

Giudicando la propria vita di uomo e l’opera politica, Adriano non ignora che Roma finirà un giorno per tramontare; e tuttavia il suo senso dell’umano, eredità che gli proviene dai Greci, lo sprona a pensare e servire sino alla fine. “Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo” afferma, personaggio che porta su di sé i problemi degli uomini di ogni tempo, alla ricerca di un accordo tra la felicità e il metodo, fra l’intelligenza e la volontà. I “Taccuini di appunti” dell’autrice (annotazioni di studio, lampi di autobiografia, ricordi, vicissitudini della scrittura) perfezionano la conoscenza di un’opera che fu pensata, composta, smarrita, corretta per quasi un trentennio.

Giudicando la propria vita di uomo e l’opera politica, Adriano non ignora che Roma finirà un giorno per tramontare; e tuttavia il suo senso dell’umano, eredità che gli proviene dai Greci, lo sprona a pensare e servire sino alla fine. “Mi sentivo responsabile della bellezza del mondo” afferma, personaggio che porta su di sé i problemi degli uomini di ogni tempo, alla ricerca di un accordo tra la felicità e il metodo, fra l’intelligenza e la volontà. I “Taccuini di appunti” dell’autrice (annotazioni di studio, lampi di autobiografia, ricordi, vicissitudini della scrittura) perfezionano la conoscenza di un’opera che fu pensata, composta, smarrita, corretta per quasi un trentennio.

Only registered users can download this free product.

Memorie del Presbiterio: Scene di provincia

Nel 1875 all’età di trentasei anni Emilio Praga moriva a Milano, lasciando un vuoto d’affetti nell’animo degli amici e un romanzo incompiuto dal titolo “Memorie del presbiterio”. È la storia di Emilio, un giovane ventenne con la valigia del pittore sulle spalle, che intraprende un cammino per montagne e convalli che lo porta in un piccolo paese delle Alpi, Sulzena, ospite del curato. La felicità di quella natura viva, brillante e profumata lascerà però il posto ad una difficile e sofferta scoperta del male, proprio in quei luoghi che lo fanno sentire così in armonia con se stesso, ma che si riveleranno saturi di corruzione e violenza. Fedele all’amico, “alla sua immaginazione ineguale, splendida a lampi, al suo sentimento profondo e malato, bizzarro e delicatissimo” Roberto Sacchetti concluderà l’opera e la darà alle stampe nel 1881: oggi Ellera Edizioni la presenta in versione digitale.

Nel 1875 all’età di trentasei anni Emilio Praga moriva a Milano, lasciando un vuoto d’affetti nell’animo degli amici e un romanzo incompiuto dal titolo “Memorie del presbiterio”. È la storia di Emilio, un giovane ventenne con la valigia del pittore sulle spalle, che intraprende un cammino per montagne e convalli che lo porta in un piccolo paese delle Alpi, Sulzena, ospite del curato. La felicità di quella natura viva, brillante e profumata lascerà però il posto ad una difficile e sofferta scoperta del male, proprio in quei luoghi che lo fanno sentire così in armonia con se stesso, ma che si riveleranno saturi di corruzione e violenza. Fedele all’amico, “alla sua immaginazione ineguale, splendida a lampi, al suo sentimento profondo e malato, bizzarro e delicatissimo” Roberto Sacchetti concluderà l’opera e la darà alle stampe nel 1881: oggi Ellera Edizioni la presenta in versione digitale.

Only registered users can download this free product.

Meditazioni del Chisciotte

Con le meditazioni chisciottesche, Ortega indaga sulla peculiarità unica e irriducibile della vita umana, anche se il suo modo d’essere gli appare sotto forma di eroismo e tragedia, la cui espressione è affidata al romanzo. Dei molteplici approcci ermeneutici con cui è stata analizzata quest’opera unanimemente ritenuta fondamentale nell’evoluzione del pensiero orteghiano prediligiamo il significato filosofico con speciale riferimento al tema della vita circostanziale, che dev’essere salvata attraverso un rinnovato rapporto con la cultura, senza eludere la decisiva questione della verità, intesa come verità vitale e prospettiva. Benché incompiuto, da questo primo libro è possibile arguire uno schema sufficientemente organico, basato sull’insinuazione di una teoria metafisica del reale. Così il Proemio contiene la celebre definizione della vita come l’io interagente con la circostanza, con l’imperativo di salvezza di entrambi. La Meditazione preliminare sviluppa una critica della circostanza personale di Ortega e delle condizioni della Spagna del suo tempo. Infine, la Meditazione Prima delinea un’originale concezione del romanzo.
**

Con le meditazioni chisciottesche, Ortega indaga sulla peculiarità unica e irriducibile della vita umana, anche se il suo modo d’essere gli appare sotto forma di eroismo e tragedia, la cui espressione è affidata al romanzo. Dei molteplici approcci ermeneutici con cui è stata analizzata quest’opera unanimemente ritenuta fondamentale nell’evoluzione del pensiero orteghiano prediligiamo il significato filosofico con speciale riferimento al tema della vita circostanziale, che dev’essere salvata attraverso un rinnovato rapporto con la cultura, senza eludere la decisiva questione della verità, intesa come verità vitale e prospettiva. Benché incompiuto, da questo primo libro è possibile arguire uno schema sufficientemente organico, basato sull’insinuazione di una teoria metafisica del reale. Così il Proemio contiene la celebre definizione della vita come l’io interagente con la circostanza, con l’imperativo di salvezza di entrambi. La Meditazione preliminare sviluppa una critica della circostanza personale di Ortega e delle condizioni della Spagna del suo tempo. Infine, la Meditazione Prima delinea un’originale concezione del romanzo.
**

Only registered users can download this free product.

Maya

Gennaio 1998. A Taveuni, la piccola isola nell’arcipelago delle Figi attraversata dalla linea di cambiamento di data, si incontrano alcuni insoliti personaggi: Frank, biologo evoluzionista norvegese che si è separato dalla sua compagna dopo una tragedia familiare; Ana e José, una enigmatica coppia di spagnoli; John Spooke, scrittore inglese rimasto vedovo da poco. Sotto il cielo denso di buio e di mistero delle notti tropicali, nascono così appassionate conversazioni sul senso della vita, ma le strade di queste persone sono destinate ad incrociarsi di nuovo l’anno successivo in Spagna.

Gennaio 1998. A Taveuni, la piccola isola nell’arcipelago delle Figi attraversata dalla linea di cambiamento di data, si incontrano alcuni insoliti personaggi: Frank, biologo evoluzionista norvegese che si è separato dalla sua compagna dopo una tragedia familiare; Ana e José, una enigmatica coppia di spagnoli; John Spooke, scrittore inglese rimasto vedovo da poco. Sotto il cielo denso di buio e di mistero delle notti tropicali, nascono così appassionate conversazioni sul senso della vita, ma le strade di queste persone sono destinate ad incrociarsi di nuovo l’anno successivo in Spagna.

Only registered users can download this free product.

Un mattino d’ottobre. Un caso di Petri e Miceli

Brescia, 27 ottobre, ore 8.00: l’ingegner Rava lascia casa sua in auto. Ore 9.10: Giorgio Anselmi, autotrasportatore, mette in moto il suo furgone. Ore 9.15: la piccola Giulia, quattro anni, figlia di un noto avvocato e di una stimata pneumologa, col suo vestitino giallo, si avvia al parco sotto casa accompagnata da Santina, la baby sitter. Ore 9.47: la mamma di Giulia compone un numero di telefono. Il cellulare dell’ingegner Rava squilla all’improvviso, quanto basta per distrarlo e fargli mancare uno stop. Il furgone di Giorgio Anselmi arriva troppo veloce all’incrocio. Una carambola e, alla fine, un fagottino giallo informe resta sul marciapiede. E solo l’inizio. Due settimane dopo, l’ingegner Rava viene trovato morto, assassinato. Tre settimane dopo, Santina Vergottini sta passeggiando da sola, quando due colpi la raggiungono al torace. Quasi due mesi dopo, Letizia Strambi, pneumologa, in auto davanti a casa, si becca due pallottole in fronte. Un orrore inarrestabile, destinato a mietere altre vittime, apparentemente innocenti e slegate luna dall’altra. Una sfida ardua per l’ex giudice Petri e il commissario Miceli. La soluzione sembra sempre più lontana a mano a mano che ci si avvicina alla fine. Eppure era tutto chiaro, scritto fin dall’inizio.

Brescia, 27 ottobre, ore 8.00: l’ingegner Rava lascia casa sua in auto. Ore 9.10: Giorgio Anselmi, autotrasportatore, mette in moto il suo furgone. Ore 9.15: la piccola Giulia, quattro anni, figlia di un noto avvocato e di una stimata pneumologa, col suo vestitino giallo, si avvia al parco sotto casa accompagnata da Santina, la baby sitter. Ore 9.47: la mamma di Giulia compone un numero di telefono. Il cellulare dell’ingegner Rava squilla all’improvviso, quanto basta per distrarlo e fargli mancare uno stop. Il furgone di Giorgio Anselmi arriva troppo veloce all’incrocio. Una carambola e, alla fine, un fagottino giallo informe resta sul marciapiede. E solo l’inizio. Due settimane dopo, l’ingegner Rava viene trovato morto, assassinato. Tre settimane dopo, Santina Vergottini sta passeggiando da sola, quando due colpi la raggiungono al torace. Quasi due mesi dopo, Letizia Strambi, pneumologa, in auto davanti a casa, si becca due pallottole in fronte. Un orrore inarrestabile, destinato a mietere altre vittime, apparentemente innocenti e slegate luna dall’altra. Una sfida ardua per l’ex giudice Petri e il commissario Miceli. La soluzione sembra sempre più lontana a mano a mano che ci si avvicina alla fine. Eppure era tutto chiaro, scritto fin dall’inizio.

Only registered users can download this free product.

I marmocchi di Agnes

Rosso è morto da tre anni, e Agnes Browne continua a fare da madre, padre e arbitro a sette figli scatenati, i suoi adorabili marmocchi. Il primogenito Mark la aiuta a far quadrare il bilancio, e il francese Pierre le ricorda di essere una donna. Sembrerebbe tornato il sereno, in Larkin Court, ma Frankie, la pecora nera della famiglia, la deruba di tutti i suoi averi e fugge in Inghilterra, dove rimarrà intrappolato nella rete della droga. Agnes dovrà lasciare l’amato Jarro a seguito del piano di recupero del centro storico di Dublino e andrà a vivere nella periferica Finglas. Intanto, i figli crescono: Cathy, diventa donna e si fidanza con un poliziotto di Cork (sul cui mestiere Agnes nutre più di una riserva); Mark, si sposa, dopo aver evitato il fallimento della Wise & Co.; il balbuziente e poco dotato Simon ottiene un posto da inserviente in ospedale grazie a un provvidenziale quanto esilarante colloquio di lavoro; Rory, il figlio gay, subisce le angherie di un gruppo di skinhead, ma riesce a trovare la propria strada dedicandosi con successo al lavoro di parrucchiere e conquistando l’amore di un collega; infine Trevor, il più piccolo e il più tardo di tutti, si rivela un bambino prodigio, un artista in erba. Agnes saprà affrontare tutto questo con lo spirito e l’ironia che contraddistinguono le donne dell’Isola di Smeraldo. O’Carroll ci intrattiene con questa nuova puntata della trilogia, senza mai far mancare al lettore un sorriso o una risata liberatoria, nel più puro stile dei narratori irlandesi.
**

Rosso è morto da tre anni, e Agnes Browne continua a fare da madre, padre e arbitro a sette figli scatenati, i suoi adorabili marmocchi. Il primogenito Mark la aiuta a far quadrare il bilancio, e il francese Pierre le ricorda di essere una donna. Sembrerebbe tornato il sereno, in Larkin Court, ma Frankie, la pecora nera della famiglia, la deruba di tutti i suoi averi e fugge in Inghilterra, dove rimarrà intrappolato nella rete della droga. Agnes dovrà lasciare l’amato Jarro a seguito del piano di recupero del centro storico di Dublino e andrà a vivere nella periferica Finglas. Intanto, i figli crescono: Cathy, diventa donna e si fidanza con un poliziotto di Cork (sul cui mestiere Agnes nutre più di una riserva); Mark, si sposa, dopo aver evitato il fallimento della Wise & Co.; il balbuziente e poco dotato Simon ottiene un posto da inserviente in ospedale grazie a un provvidenziale quanto esilarante colloquio di lavoro; Rory, il figlio gay, subisce le angherie di un gruppo di skinhead, ma riesce a trovare la propria strada dedicandosi con successo al lavoro di parrucchiere e conquistando l’amore di un collega; infine Trevor, il più piccolo e il più tardo di tutti, si rivela un bambino prodigio, un artista in erba. Agnes saprà affrontare tutto questo con lo spirito e l’ironia che contraddistinguono le donne dell’Isola di Smeraldo. O’Carroll ci intrattiene con questa nuova puntata della trilogia, senza mai far mancare al lettore un sorriso o una risata liberatoria, nel più puro stile dei narratori irlandesi.
**

Only registered users can download this free product.

Mari stregati

Il giovane burattinaio John Chandagnac sta attraversando il Mar dei Caraibi alla ricerca di uno zio che non ha mai incontrato, apparentemente responsabile della morte di suo padre e ruggito con l’eredità di famiglia. Poco prima di giungere a destinazione, la nave su cui John e i suoi compagni di viaggio – la bellissima Beth Hurwood e suo padre Benjamin, un pensatore folle – sono imbarcati viene attaccata dai pirati che uccidono il capitano e costringono Chandagnac a unirsi alla loro ciurma. Chandagnac, ribattezzato Jack Shandy, scopre così la terrificante storia di Benjamin Hurwood e della sua defunta moglie, e soprattutto ciò che si nasconde dietro i piani dell’uomo per riportarla in vita. Jack dovrà cercare in ogni modo di frenare i folli propositi di Benjamin Hurwood, e potrà farlo solo assumendo il controllo della nave su cui viaggiano. E tra emozionanti e incredibili avventure, la sua strada incrocerà anche il cammino del celebre pirata Barbanera.

Il giovane burattinaio John Chandagnac sta attraversando il Mar dei Caraibi alla ricerca di uno zio che non ha mai incontrato, apparentemente responsabile della morte di suo padre e ruggito con l’eredità di famiglia. Poco prima di giungere a destinazione, la nave su cui John e i suoi compagni di viaggio – la bellissima Beth Hurwood e suo padre Benjamin, un pensatore folle – sono imbarcati viene attaccata dai pirati che uccidono il capitano e costringono Chandagnac a unirsi alla loro ciurma. Chandagnac, ribattezzato Jack Shandy, scopre così la terrificante storia di Benjamin Hurwood e della sua defunta moglie, e soprattutto ciò che si nasconde dietro i piani dell’uomo per riportarla in vita. Jack dovrà cercare in ogni modo di frenare i folli propositi di Benjamin Hurwood, e potrà farlo solo assumendo il controllo della nave su cui viaggiano. E tra emozionanti e incredibili avventure, la sua strada incrocerà anche il cammino del celebre pirata Barbanera.

Only registered users can download this free product.

Mara e Dann

“Un romanzo di formazione, una fiaba crudele, il trionfo della morte medievale… avventurosissima storia vista attraverso gli occhi di una protagonista che attraversa tutte le tappe dell’orrore e dell’umiliazione per trovare la felicità.” Irene Bignardi Il Venerdì de la Repubblica Il clima della Terra è cambiato. Il Nord è coperto completamente dai ghiacci, e gli uomini si sono rifugiati al Sud, caldissimo e secco. Mara e Dann, due fratelli di sette e quattro anni, vivono in Africa, che ora si chiama Ifrik. Soli e dispersi, rapiti dalla propria famiglia, vengono accolti da una donna gentile e affettuosa, ma la loro nuova esistenza è difficoltosa: la fame, la sporcizia, il pericolo accompagnano costantemente la loro vita. L’aridità e il fuoco distruggono la casa adottiva, e i fratelli sono costretti a spostarsi, ad affrontare l’ignoto, a misurarsi in una serie di avventure che li condurrà in un mondo completamente diverso, dove iniziare a scoprire di nuovo la vita…

“Un romanzo di formazione, una fiaba crudele, il trionfo della morte medievale… avventurosissima storia vista attraverso gli occhi di una protagonista che attraversa tutte le tappe dell’orrore e dell’umiliazione per trovare la felicità.” Irene Bignardi Il Venerdì de la Repubblica Il clima della Terra è cambiato. Il Nord è coperto completamente dai ghiacci, e gli uomini si sono rifugiati al Sud, caldissimo e secco. Mara e Dann, due fratelli di sette e quattro anni, vivono in Africa, che ora si chiama Ifrik. Soli e dispersi, rapiti dalla propria famiglia, vengono accolti da una donna gentile e affettuosa, ma la loro nuova esistenza è difficoltosa: la fame, la sporcizia, il pericolo accompagnano costantemente la loro vita. L’aridità e il fuoco distruggono la casa adottiva, e i fratelli sono costretti a spostarsi, ad affrontare l’ignoto, a misurarsi in una serie di avventure che li condurrà in un mondo completamente diverso, dove iniziare a scoprire di nuovo la vita…

Only registered users can download this free product.

La mandorla

A diciassette anni Badra va in sposa al notaio Hmed, uno degli uomini piú importanti del suo villaggio, nel Marocco interno. Hmed ha quarant’anni e ha già ripudiato due donne che, secondo lui, non gli hanno saputo dare un figlio. Badra subisce ogni sorta di angherie del marito e della suocera, che la valutano soltanto per due cose: la verginità al momento del matrimonio e la sua capacità riproduttiva. La gravidanza non arriva e la famiglia si incattivisce finché lei decide una ribellione inaudita: scappa di casa, rischiando di essere uccisa e si rifugia clandestinamente a Tangeri. E qui scopre un mondo per lei inaspettato, fatto di gente piú libera, piú ricca, piú colta. La rieducazione del proprio corpo all’amore. La cognizione, via via piú sicura, che il proprio sesso (‘la mandorla’) è uno strumento di potere nel rapporto con gli uomini, ma anche una forma di identità individuale e di elevazione spirituale. La mandorla rappresenta un caso letterario unico. Si tratta di una ‘narrazione intima’, ed è insieme un romanzo e la testimonianza di una storia vera. L’autrice ha deciso di rompere un antico tabú, di violare la regola del silenzio sulla vita matrimoniale e sessuale delle donne arabe. Ne è nato un racconto erotico coinvolgente che è anche un coraggioso atto politico.
(source: Bol.com)

A diciassette anni Badra va in sposa al notaio Hmed, uno degli uomini piú importanti del suo villaggio, nel Marocco interno. Hmed ha quarant’anni e ha già ripudiato due donne che, secondo lui, non gli hanno saputo dare un figlio. Badra subisce ogni sorta di angherie del marito e della suocera, che la valutano soltanto per due cose: la verginità al momento del matrimonio e la sua capacità riproduttiva. La gravidanza non arriva e la famiglia si incattivisce finché lei decide una ribellione inaudita: scappa di casa, rischiando di essere uccisa e si rifugia clandestinamente a Tangeri. E qui scopre un mondo per lei inaspettato, fatto di gente piú libera, piú ricca, piú colta. La rieducazione del proprio corpo all’amore. La cognizione, via via piú sicura, che il proprio sesso (‘la mandorla’) è uno strumento di potere nel rapporto con gli uomini, ma anche una forma di identità individuale e di elevazione spirituale. La mandorla rappresenta un caso letterario unico. Si tratta di una ‘narrazione intima’, ed è insieme un romanzo e la testimonianza di una storia vera. L’autrice ha deciso di rompere un antico tabú, di violare la regola del silenzio sulla vita matrimoniale e sessuale delle donne arabe. Ne è nato un racconto erotico coinvolgente che è anche un coraggioso atto politico.
(source: Bol.com)

Only registered users can download this free product.

Maledetta primavera

Romanzi così capitano una volta ogni dieci anni Un romanzo intenso e indimenticabile A Settimo Naviglio, un grigio paesino nella periferia di Milano, la gente si annoia. Eppure basta una piccola scintilla per incendiare tutto. A spezzare la monotonia è un vecchio conto in sospeso fra un trentacinquenne un po’ sfatto e una ragazzina strafottente. Carlotta è giovane, bella da mozzare il fiato, orgogliosa, e dolce con chi vuole lei. Ginevra, la sua amica del cuore, è ambiziosa e disposta a tutto pur di raggiungere i suoi scopi. Insieme, si sentono padrone del mondo e giocano col fuoco. Ma c’è Fabrizio Montagnèr, che sogna a occhi aperti e rompe il loro equilibrio. Tutti e tre sono legati da un oscuro segreto che costringe Ginevra ad abbassare lo sguardo di fronte alla sua migliore amica. Intanto uno strano sentimento inizia a pulsare tra Carlotta e Fabrizio. Un amore tenerissimo o uno spietato gioco al massacro? A rendere tutto più torbido, due fatti sanguinosi e crudeli e una verità che riaffiora impietosamente, fra desideri, ricordi e ossessioni. Tra storie d’amore indimenticabili e insane passioni, amicizie pericolose e crimini efferati, Maledetta primavera ci costringe a vedere le macerie del nostro Paese. Una società alla deriva in cui tutto è spettacolo. L’Italia morbosa nella quale anche un paesino miserabile può riscattarsi, diventando il palcoscenico del male. Un pezzetto di vita: beffardo, commovente e vero. Una battaglia tenera e crudele fra le scelte opposte della vita, fra l’estasi della vendetta e la malinconia del perdono, fra la ferocia e la dolcezza. Un esordio entusiasmante Il caso letterario più eclatante della storia del web Un successo deciso dai lettori «Da leggere tutto d’un fiato. Tanti personaggi ben delineati, riconducibili alla nostra realtà. Bravo Cammilli. Alla prossima storia.» «Senza neanche accorgertene sei avvolta dalla storia dei protagonisti. L’ho letto d’un fiato. Non scorderò Carlotta e Fabrizio. E soprattutto il finale.» «Un romanzo stupendo ma soprattutto vero! La realtà di oggi te la fa vedere, respirare, toccare. Personaggi indimenticabili e il finale… brividi! Da leggere subito.» «Maledetta primavera è il romanzo che strappa il velo a uno dei fatti più sanguinosi di oggi. E poi un amore, tagliente e incancellabile come un ricordo…»Paolo CammilliNato nel 1974 a Firenze, dove vive e lavora, è stato vittima di un gravissimo incidente che lo ha lasciato invalido al 50%. Superata questa terribile prova che la vita gli ha messo davanti, ha scritto Maledetta primavera, il suo libro d’esordio. È stato un caso letterario sul web, raggiungendo le prime posizioni nelle classifiche dei principali store online. Per questo romanzo ha ricevuto enormi consensi in rete ed è stato semifinalista al Premio Campiello. La sua pagina Facebook conta quasi 100.000 contatti.

Romanzi così capitano una volta ogni dieci anni Un romanzo intenso e indimenticabile A Settimo Naviglio, un grigio paesino nella periferia di Milano, la gente si annoia. Eppure basta una piccola scintilla per incendiare tutto. A spezzare la monotonia è un vecchio conto in sospeso fra un trentacinquenne un po’ sfatto e una ragazzina strafottente. Carlotta è giovane, bella da mozzare il fiato, orgogliosa, e dolce con chi vuole lei. Ginevra, la sua amica del cuore, è ambiziosa e disposta a tutto pur di raggiungere i suoi scopi. Insieme, si sentono padrone del mondo e giocano col fuoco. Ma c’è Fabrizio Montagnèr, che sogna a occhi aperti e rompe il loro equilibrio. Tutti e tre sono legati da un oscuro segreto che costringe Ginevra ad abbassare lo sguardo di fronte alla sua migliore amica. Intanto uno strano sentimento inizia a pulsare tra Carlotta e Fabrizio. Un amore tenerissimo o uno spietato gioco al massacro? A rendere tutto più torbido, due fatti sanguinosi e crudeli e una verità che riaffiora impietosamente, fra desideri, ricordi e ossessioni. Tra storie d’amore indimenticabili e insane passioni, amicizie pericolose e crimini efferati, Maledetta primavera ci costringe a vedere le macerie del nostro Paese. Una società alla deriva in cui tutto è spettacolo. L’Italia morbosa nella quale anche un paesino miserabile può riscattarsi, diventando il palcoscenico del male. Un pezzetto di vita: beffardo, commovente e vero. Una battaglia tenera e crudele fra le scelte opposte della vita, fra l’estasi della vendetta e la malinconia del perdono, fra la ferocia e la dolcezza. Un esordio entusiasmante Il caso letterario più eclatante della storia del web Un successo deciso dai lettori «Da leggere tutto d’un fiato. Tanti personaggi ben delineati, riconducibili alla nostra realtà. Bravo Cammilli. Alla prossima storia.» «Senza neanche accorgertene sei avvolta dalla storia dei protagonisti. L’ho letto d’un fiato. Non scorderò Carlotta e Fabrizio. E soprattutto il finale.» «Un romanzo stupendo ma soprattutto vero! La realtà di oggi te la fa vedere, respirare, toccare. Personaggi indimenticabili e il finale… brividi! Da leggere subito.» «Maledetta primavera è il romanzo che strappa il velo a uno dei fatti più sanguinosi di oggi. E poi un amore, tagliente e incancellabile come un ricordo…»Paolo CammilliNato nel 1974 a Firenze, dove vive e lavora, è stato vittima di un gravissimo incidente che lo ha lasciato invalido al 50%. Superata questa terribile prova che la vita gli ha messo davanti, ha scritto Maledetta primavera, il suo libro d’esordio. È stato un caso letterario sul web, raggiungendo le prime posizioni nelle classifiche dei principali store online. Per questo romanzo ha ricevuto enormi consensi in rete ed è stato semifinalista al Premio Campiello. La sua pagina Facebook conta quasi 100.000 contatti.

Only registered users can download this free product.

La magia di un giorno imperfetto

Maxon ha sette anni, quattro mesi e diciotto giorni quando incontra per la prima volta Sunny. E sono tanto perfetti l’uno per l’altra, quanto entrambi imperfetti per il mondo là fuori. Vent’anni dopo sono sposati, Maxon è un ingegnere della NASA con i piedi molto poco per terra, e Sunny si occupa del figlio – un bambino che l’autismo ha rinchiuso in un mondo solo suo, dalle pareti lisce e inespugnabili. Eppure, Sunny e Maxon tutto sommato possono chiamare normale la loro vita: una bella casa, rapporti di buon vicinato, l’ordinarietà della routine quotidiana. Fino al giorno in cui Maxon parte per una missione nel posto più lontano che c’è: la luna. E il mondo di Sunny, rimasta sola con i pezzi sparsi della propria vita, comincia a sembrare meno luminoso. Ma è proprio quando le cose precipitano che si può imparare qualcosa di nuovo. Ad esempio, che la somma di tanti giorni imperfetti non è uguale a una vita imperfetta.L’esordio di Lydia Netzer è un libro speciale come i suoi indimenticabili protagonisti: persone come tutti noi, immersi nel mare della vita e in cerca del modo migliore per attraversarlo.

Maxon ha sette anni, quattro mesi e diciotto giorni quando incontra per la prima volta Sunny. E sono tanto perfetti l’uno per l’altra, quanto entrambi imperfetti per il mondo là fuori. Vent’anni dopo sono sposati, Maxon è un ingegnere della NASA con i piedi molto poco per terra, e Sunny si occupa del figlio – un bambino che l’autismo ha rinchiuso in un mondo solo suo, dalle pareti lisce e inespugnabili. Eppure, Sunny e Maxon tutto sommato possono chiamare normale la loro vita: una bella casa, rapporti di buon vicinato, l’ordinarietà della routine quotidiana. Fino al giorno in cui Maxon parte per una missione nel posto più lontano che c’è: la luna. E il mondo di Sunny, rimasta sola con i pezzi sparsi della propria vita, comincia a sembrare meno luminoso. Ma è proprio quando le cose precipitano che si può imparare qualcosa di nuovo. Ad esempio, che la somma di tanti giorni imperfetti non è uguale a una vita imperfetta.L’esordio di Lydia Netzer è un libro speciale come i suoi indimenticabili protagonisti: persone come tutti noi, immersi nel mare della vita e in cerca del modo migliore per attraversarlo.

Only registered users can download this free product.