3585–3600 di 4230 risultati

La scienza delle nostre origini

Il cervello di una scimmia bipede di due milioni di anni fa aveva lobi frontali simili ai nostri, suggerendo che essa stava già sviluppando abilità cognitive di tipo umano. Una nuova specie scoperta in Indonesia, sopravvissuta fino a dodicimila anni fa, aveva meno di un metro di statura e il cervello più piccolo dell’australopiteca africana “Lucy”, ma sapeva costruire strumenti in pietra. Il DNA estratto dalla falange di una mano scoperta in Siberia, antica di quarantamila anni, indica l’esistenza di un’altra specie umana, diversa sia da noi che dai Neanderthal. Queste pagine sono dedicate a chi è curioso di conoscere i metodi scientifici più recenti che indagano sul passato profondo della nostra e di altre specie.
**

Il cervello di una scimmia bipede di due milioni di anni fa aveva lobi frontali simili ai nostri, suggerendo che essa stava già sviluppando abilità cognitive di tipo umano. Una nuova specie scoperta in Indonesia, sopravvissuta fino a dodicimila anni fa, aveva meno di un metro di statura e il cervello più piccolo dell’australopiteca africana “Lucy”, ma sapeva costruire strumenti in pietra. Il DNA estratto dalla falange di una mano scoperta in Siberia, antica di quarantamila anni, indica l’esistenza di un’altra specie umana, diversa sia da noi che dai Neanderthal. Queste pagine sono dedicate a chi è curioso di conoscere i metodi scientifici più recenti che indagano sul passato profondo della nostra e di altre specie.
**

Only registered users can download this free product.

La schiava dei Tudor

La schiava dei Tudor: Amore. Violenze. Passioni by Isabella Izzo
Dayla è poco più che una ragazzina quando il suo villaggio sulla costa dell’Africa Occidentale viene attaccato e messo a ferro e fuoco. I sopravvissuti al massacro sono ridotti in catene, percossi e condotti al mercato degli schiavi più vicino per essere messi all’asta come capi di bestiame e stipati nel ventre di quelle grosse navi dirette a nord. Il destino di Dayla sembra segnato: deve essere venduta a una ricca famiglia della nobiltà Tudor. Grazie al suo spirito fiero la ragazza riesce invece a fuggire e a rifugiarsi sotto falsa identità all’abbazia di Whitby, nell’Inghilterra del Nord. In quel luogo magico e pieno di speranze, tra mille ostacoli, continue sorprese e incontri che la cambiano per sempre, la vita di Dayla si trova inestricabilmente legata a quella di una terra dilaniata da lotte per la successione, complotti e scontri per la conquista del potere. Ma dove forse c’è ancora spazio per un amore puro e incontaminato…

La schiava dei Tudor: Amore. Violenze. Passioni by Isabella Izzo
Dayla è poco più che una ragazzina quando il suo villaggio sulla costa dell’Africa Occidentale viene attaccato e messo a ferro e fuoco. I sopravvissuti al massacro sono ridotti in catene, percossi e condotti al mercato degli schiavi più vicino per essere messi all’asta come capi di bestiame e stipati nel ventre di quelle grosse navi dirette a nord. Il destino di Dayla sembra segnato: deve essere venduta a una ricca famiglia della nobiltà Tudor. Grazie al suo spirito fiero la ragazza riesce invece a fuggire e a rifugiarsi sotto falsa identità all’abbazia di Whitby, nell’Inghilterra del Nord. In quel luogo magico e pieno di speranze, tra mille ostacoli, continue sorprese e incontri che la cambiano per sempre, la vita di Dayla si trova inestricabilmente legata a quella di una terra dilaniata da lotte per la successione, complotti e scontri per la conquista del potere. Ma dove forse c’è ancora spazio per un amore puro e incontaminato…

Only registered users can download this free product.

Scherzi del destino

Scegliere il dramma di Shakespeare fra quelli in programma per la stagione, individuare l’abito giusto – verde pistacchio, quest’anno, lucido, svasato e stretto in vita -, montare su un treno che porta lontano dalle zavorre domestiche, calare in un altro mondo, il mondo delle magiche permutazioni sul palcoscenico e della libertà intorno ad esso. E accogliere l’imprevisto che s’insinua in questo collaudato rituale, coltivarlo, affidargli un’anticipazione di nuova vita, addirittura, con la generosità e la risolutezza delle donne di Alice Munro, che sono poi le donne tutte. E restare a guardare, quasi con equanime curiosità, come il destino interviene a scherzare col fuoco che ci tiene vivi.
(source: Bol.com)

Scegliere il dramma di Shakespeare fra quelli in programma per la stagione, individuare l’abito giusto – verde pistacchio, quest’anno, lucido, svasato e stretto in vita -, montare su un treno che porta lontano dalle zavorre domestiche, calare in un altro mondo, il mondo delle magiche permutazioni sul palcoscenico e della libertà intorno ad esso. E accogliere l’imprevisto che s’insinua in questo collaudato rituale, coltivarlo, affidargli un’anticipazione di nuova vita, addirittura, con la generosità e la risolutezza delle donne di Alice Munro, che sono poi le donne tutte. E restare a guardare, quasi con equanime curiosità, come il destino interviene a scherzare col fuoco che ci tiene vivi.
(source: Bol.com)

Only registered users can download this free product.

Scelte difficili

«Ciascuno di noi si trova di fronte a scelte difficili, nella propria vita», scrive l’autrice all’inizio del suo personale resoconto degli anni vissuti al centro dei più importanti avvenimenti nel mondo. «Il senso della vita risiede proprio nel compiere simili scelte, e il modo in cui le affrontiamo definisce la nostra identità.» Dopo la sua corsa alle primarie del 2008, Hillary Rodham Clinton si accingeva a riprendere il suo posto di rappresentante dello Stato di New York nel Senato degli Stati Uniti. Con sua grande sorpresa, quello che fino a poco prima era stato il suo rivale, il neoeletto presidente Barack Obama, le offrì invece il ruolo di segretario di Stato. Questo libro è la cronaca di quei quattro storici e straordinari anni e delle scelte difficili con cui Hillary Rodham Clinton e i suoi collaboratori si sono confrontati. Il segretario Clinton e il presidente Obama hanno dovuto decidere come ricomporre alleanze incrinate, portare a conclusione due conflitti e far fronte a una crisi economica globale; insieme, hanno gestito i rapporti con un concorrente sempre più temibile, la Cina, le crescenti minacce dall’Iraq e dalla Corea del Nord, le rivoluzioni in tutto il Medio Oriente. Lungo il percorso hanno affrontato dilemmi tra i più spinosi della politica estera americana di tutti i tempi, in particolare la decisione di mettere in pericolo la vita dei propri soldati nelle zone più a rischio, dall’Afghanistan alla Libia, o nella caccia a Osama Bin Laden. Al termine del suo mandato, il segretario Clinton aveva visitato centododici Paesi, viaggiato per un milione e mezzo di chilometri e acquisito una visione davvero globale delle principali tendenze che andavano delineando il panorama del Ventunesimo secolo, dalla diseguaglianza economica ai mutamenti climatici, alla rivoluzione nei settori di energia, comunicazione e salute. Attingendo alle sue conversazioni con i leader politici e i massimi esperti mondiali, in “”Scelte difficili”” tratteggia la sua idea di ciò che servirebbe agli Stati Uniti per continuare a essere un Paese florido e competitivo in un mondo interdipendente. Si leva in un’accorata difesa dei diritti civili e di una piena partecipazione delle donne, dei giovani e della comunità LGBT alla vita della società. Testimone acuta di decenni di mutamenti sociali, distingue con sicurezza i cambiamenti sostanziali e duraturi dai fenomeni passeggeri e descrive con lucidità i progressi in atto, giorno dopo giorno, in ogni parte del mondo. I resoconti dei colloqui con i più alti rappresentanti della diplomazia mondiale fanno di “”Scelte difficili”” una vera e propria lezione magistrale sulle relazioni internazionali, nonché un’analisi efficace e unica di come impiegare al meglio lo smart power per garantire sicurezza e prosperità in un mondo in rapido mutamento… Un mondo in cui l’America rimane la nazione indispensabile.
**
### Sinossi
«Ciascuno di noi si trova di fronte a scelte difficili, nella propria vita», scrive l’autrice all’inizio del suo personale resoconto degli anni vissuti al centro dei più importanti avvenimenti nel mondo. «Il senso della vita risiede proprio nel compiere simili scelte, e il modo in cui le affrontiamo definisce la nostra identità.» Dopo la sua corsa alle primarie del 2008, Hillary Rodham Clinton si accingeva a riprendere il suo posto di rappresentante dello Stato di New York nel Senato degli Stati Uniti. Con sua grande sorpresa, quello che fino a poco prima era stato il suo rivale, il neoeletto presidente Barack Obama, le offrì invece il ruolo di segretario di Stato. Questo libro è la cronaca di quei quattro storici e straordinari anni e delle scelte difficili con cui Hillary Rodham Clinton e i suoi collaboratori si sono confrontati. Il segretario Clinton e il presidente Obama hanno dovuto decidere come ricomporre alleanze incrinate, portare a conclusione due conflitti e far fronte a una crisi economica globale; insieme, hanno gestito i rapporti con un concorrente sempre più temibile, la Cina, le crescenti minacce dall’Iraq e dalla Corea del Nord, le rivoluzioni in tutto il Medio Oriente. Lungo il percorso hanno affrontato dilemmi tra i più spinosi della politica estera americana di tutti i tempi, in particolare la decisione di mettere in pericolo la vita dei propri soldati nelle zone più a rischio, dall’Afghanistan alla Libia, o nella caccia a Osama Bin Laden. Al termine del suo mandato, il segretario Clinton aveva visitato centododici Paesi, viaggiato per un milione e mezzo di chilometri e acquisito una visione davvero globale delle principali tendenze che andavano delineando il panorama del Ventunesimo secolo, dalla diseguaglianza economica ai mutamenti climatici, alla rivoluzione nei settori di energia, comunicazione e salute. Attingendo alle sue conversazioni con i leader politici e i massimi esperti mondiali, in “”Scelte difficili”” tratteggia la sua idea di ciò che servirebbe agli Stati Uniti per continuare a essere un Paese florido e competitivo in un mondo interdipendente. Si leva in un’accorata difesa dei diritti civili e di una piena partecipazione delle donne, dei giovani e della comunità LGBT alla vita della società. Testimone acuta di decenni di mutamenti sociali, distingue con sicurezza i cambiamenti sostanziali e duraturi dai fenomeni passeggeri e descrive con lucidità i progressi in atto, giorno dopo giorno, in ogni parte del mondo. I resoconti dei colloqui con i più alti rappresentanti della diplomazia mondiale fanno di “”Scelte difficili”” una vera e propria lezione magistrale sulle relazioni internazionali, nonché un’analisi efficace e unica di come impiegare al meglio lo smart power per garantire sicurezza e prosperità in un mondo in rapido mutamento… Un mondo in cui l’America rimane la nazione indispensabile.

«Ciascuno di noi si trova di fronte a scelte difficili, nella propria vita», scrive l’autrice all’inizio del suo personale resoconto degli anni vissuti al centro dei più importanti avvenimenti nel mondo. «Il senso della vita risiede proprio nel compiere simili scelte, e il modo in cui le affrontiamo definisce la nostra identità.» Dopo la sua corsa alle primarie del 2008, Hillary Rodham Clinton si accingeva a riprendere il suo posto di rappresentante dello Stato di New York nel Senato degli Stati Uniti. Con sua grande sorpresa, quello che fino a poco prima era stato il suo rivale, il neoeletto presidente Barack Obama, le offrì invece il ruolo di segretario di Stato. Questo libro è la cronaca di quei quattro storici e straordinari anni e delle scelte difficili con cui Hillary Rodham Clinton e i suoi collaboratori si sono confrontati. Il segretario Clinton e il presidente Obama hanno dovuto decidere come ricomporre alleanze incrinate, portare a conclusione due conflitti e far fronte a una crisi economica globale; insieme, hanno gestito i rapporti con un concorrente sempre più temibile, la Cina, le crescenti minacce dall’Iraq e dalla Corea del Nord, le rivoluzioni in tutto il Medio Oriente. Lungo il percorso hanno affrontato dilemmi tra i più spinosi della politica estera americana di tutti i tempi, in particolare la decisione di mettere in pericolo la vita dei propri soldati nelle zone più a rischio, dall’Afghanistan alla Libia, o nella caccia a Osama Bin Laden. Al termine del suo mandato, il segretario Clinton aveva visitato centododici Paesi, viaggiato per un milione e mezzo di chilometri e acquisito una visione davvero globale delle principali tendenze che andavano delineando il panorama del Ventunesimo secolo, dalla diseguaglianza economica ai mutamenti climatici, alla rivoluzione nei settori di energia, comunicazione e salute. Attingendo alle sue conversazioni con i leader politici e i massimi esperti mondiali, in “”Scelte difficili”” tratteggia la sua idea di ciò che servirebbe agli Stati Uniti per continuare a essere un Paese florido e competitivo in un mondo interdipendente. Si leva in un’accorata difesa dei diritti civili e di una piena partecipazione delle donne, dei giovani e della comunità LGBT alla vita della società. Testimone acuta di decenni di mutamenti sociali, distingue con sicurezza i cambiamenti sostanziali e duraturi dai fenomeni passeggeri e descrive con lucidità i progressi in atto, giorno dopo giorno, in ogni parte del mondo. I resoconti dei colloqui con i più alti rappresentanti della diplomazia mondiale fanno di “”Scelte difficili”” una vera e propria lezione magistrale sulle relazioni internazionali, nonché un’analisi efficace e unica di come impiegare al meglio lo smart power per garantire sicurezza e prosperità in un mondo in rapido mutamento… Un mondo in cui l’America rimane la nazione indispensabile.
**
### Sinossi
«Ciascuno di noi si trova di fronte a scelte difficili, nella propria vita», scrive l’autrice all’inizio del suo personale resoconto degli anni vissuti al centro dei più importanti avvenimenti nel mondo. «Il senso della vita risiede proprio nel compiere simili scelte, e il modo in cui le affrontiamo definisce la nostra identità.» Dopo la sua corsa alle primarie del 2008, Hillary Rodham Clinton si accingeva a riprendere il suo posto di rappresentante dello Stato di New York nel Senato degli Stati Uniti. Con sua grande sorpresa, quello che fino a poco prima era stato il suo rivale, il neoeletto presidente Barack Obama, le offrì invece il ruolo di segretario di Stato. Questo libro è la cronaca di quei quattro storici e straordinari anni e delle scelte difficili con cui Hillary Rodham Clinton e i suoi collaboratori si sono confrontati. Il segretario Clinton e il presidente Obama hanno dovuto decidere come ricomporre alleanze incrinate, portare a conclusione due conflitti e far fronte a una crisi economica globale; insieme, hanno gestito i rapporti con un concorrente sempre più temibile, la Cina, le crescenti minacce dall’Iraq e dalla Corea del Nord, le rivoluzioni in tutto il Medio Oriente. Lungo il percorso hanno affrontato dilemmi tra i più spinosi della politica estera americana di tutti i tempi, in particolare la decisione di mettere in pericolo la vita dei propri soldati nelle zone più a rischio, dall’Afghanistan alla Libia, o nella caccia a Osama Bin Laden. Al termine del suo mandato, il segretario Clinton aveva visitato centododici Paesi, viaggiato per un milione e mezzo di chilometri e acquisito una visione davvero globale delle principali tendenze che andavano delineando il panorama del Ventunesimo secolo, dalla diseguaglianza economica ai mutamenti climatici, alla rivoluzione nei settori di energia, comunicazione e salute. Attingendo alle sue conversazioni con i leader politici e i massimi esperti mondiali, in “”Scelte difficili”” tratteggia la sua idea di ciò che servirebbe agli Stati Uniti per continuare a essere un Paese florido e competitivo in un mondo interdipendente. Si leva in un’accorata difesa dei diritti civili e di una piena partecipazione delle donne, dei giovani e della comunità LGBT alla vita della società. Testimone acuta di decenni di mutamenti sociali, distingue con sicurezza i cambiamenti sostanziali e duraturi dai fenomeni passeggeri e descrive con lucidità i progressi in atto, giorno dopo giorno, in ogni parte del mondo. I resoconti dei colloqui con i più alti rappresentanti della diplomazia mondiale fanno di “”Scelte difficili”” una vera e propria lezione magistrale sulle relazioni internazionali, nonché un’analisi efficace e unica di come impiegare al meglio lo smart power per garantire sicurezza e prosperità in un mondo in rapido mutamento… Un mondo in cui l’America rimane la nazione indispensabile.

Only registered users can download this free product.

Lo sceicco dal cuore di ghiaccio

Alla morte del padre, lo sceicco di Tazkhan, la principessa Layla viene promessa in sposa al vecchio Hassan, che vuole impadronirsi del regno. Per sfuggire a questo ingrato destino, Layla decide di sfidare il deserto e le proprie paure e mettersi alla ricerca di Raz Al Zahki, legittimo erede al trono e acerrimo nemico della sua famiglia.
Raz si rende conto subito che la proposta della bella principessa è l’unico modo per entrare in possesso di ciò che è suo di diritto, in più resistere alla dolcezza di Layla si rivelerà impossibile anche per il temibile sceicco dal cuore di ghiaccio…

Alla morte del padre, lo sceicco di Tazkhan, la principessa Layla viene promessa in sposa al vecchio Hassan, che vuole impadronirsi del regno. Per sfuggire a questo ingrato destino, Layla decide di sfidare il deserto e le proprie paure e mettersi alla ricerca di Raz Al Zahki, legittimo erede al trono e acerrimo nemico della sua famiglia.
Raz si rende conto subito che la proposta della bella principessa è l’unico modo per entrare in possesso di ciò che è suo di diritto, in più resistere alla dolcezza di Layla si rivelerà impossibile anche per il temibile sceicco dal cuore di ghiaccio…

Only registered users can download this free product.

Le Scarpe Appese Al Cuore

Le scarpe appese al cuore by Ugo Riccarelli
Questo libro è la testimonianza di un tortuoso cammino di dolore e speranza: un incubo che inizia con un’asma da bambino e si conclude, dopo una lunga sofferenza, con un difficile trapianto di cuore e polmoni riuscito e il ritorno a casa. Ma, al di là della partecipata descrizione di una profonda esperienza personale, Le scarpe appese al cuore è soprattutto una riflessione sul senso della vita e della morte, un’opera che sa trarre da un fatto privato verità universali, narrate con uno stile impeccabile, quello della grande letteratura.

Le scarpe appese al cuore by Ugo Riccarelli
Questo libro è la testimonianza di un tortuoso cammino di dolore e speranza: un incubo che inizia con un’asma da bambino e si conclude, dopo una lunga sofferenza, con un difficile trapianto di cuore e polmoni riuscito e il ritorno a casa. Ma, al di là della partecipata descrizione di una profonda esperienza personale, Le scarpe appese al cuore è soprattutto una riflessione sul senso della vita e della morte, un’opera che sa trarre da un fatto privato verità universali, narrate con uno stile impeccabile, quello della grande letteratura.

Only registered users can download this free product.

SAS CI PROVA A CIPRO

Cipro, anni Ottanta. L’assassinio di un agente della CIA e di un informatore libanese fa sospettare ai servizi segreti americani l’esistenza di un complotto per uccidere il presidente Reagan. Malko Linge, il Principe delle Spie, si mette sulle tracce di un’arma proveniente dall’Est europeo e di una seducente collezionista, scoprendo che dietro il complotto c’è il colonnello Gheddafi, un vecchio nemico degli Stati Uniti. Gli assassini dovrebbero essere nascosti proprio sull’isola di Cipro, inquieta perla del Mediterraneo dove le spie stano bionde e affascinanti, oppure micidiali e pronte a uccidere…

Cipro, anni Ottanta. L’assassinio di un agente della CIA e di un informatore libanese fa sospettare ai servizi segreti americani l’esistenza di un complotto per uccidere il presidente Reagan. Malko Linge, il Principe delle Spie, si mette sulle tracce di un’arma proveniente dall’Est europeo e di una seducente collezionista, scoprendo che dietro il complotto c’è il colonnello Gheddafi, un vecchio nemico degli Stati Uniti. Gli assassini dovrebbero essere nascosti proprio sull’isola di Cipro, inquieta perla del Mediterraneo dove le spie stano bionde e affascinanti, oppure micidiali e pronte a uccidere…

Only registered users can download this free product.

SAS Caccia in Afghanistan

Bush vuole la testa di Osama bin Laden, e il capo della CIA in Pakistan è convinto di poterlo stanare seguendo il mullah Abdullah, un fedelissimo del terrorista saudita. Ma qualcosa va storto e Abdullah viene assassinato davanti alla Moschea Rossa di Islamabad. Sarà quindi SAS a guidare il commando che dovrà rintracciare e uccidere Osama. SAS è una spia di razza, e normalmente le missioni difficili non lo impressionano più di tanto. Ma questa volta il suo viaggio potrebbe essere veramente senza ritorno…

Bush vuole la testa di Osama bin Laden, e il capo della CIA in Pakistan è convinto di poterlo stanare seguendo il mullah Abdullah, un fedelissimo del terrorista saudita. Ma qualcosa va storto e Abdullah viene assassinato davanti alla Moschea Rossa di Islamabad. Sarà quindi SAS a guidare il commando che dovrà rintracciare e uccidere Osama. SAS è una spia di razza, e normalmente le missioni difficili non lo impressionano più di tanto. Ma questa volta il suo viaggio potrebbe essere veramente senza ritorno…

Only registered users can download this free product.

Il sapore della felicità

Da bambine hanno condiviso tutto: giochi, segreti, speranze. Con gli anni sono diventate donne brillanti, sexy e indipendenti. E hanno fondato un’agenzia di wedding planning dove ognuna di loro dà il meglio di sé per garantire ai clienti un giorno indimenticabile e perfetto. E loro, per quanto ancora rimarranno single?Laurel crede fermamente nell’amore… E questo traspare dalle sue creazioni: delle splendide torte nuziali. Ma non le basta. Vorrebbe al suo fianco un uomo intelligente e pieno di carattere, proprio uno simile al fratello maggiore della sua amica Parker. Lui popola i suoi sogni da sempre, ma le sembra irraggiungibile. Se vorrà trasformare un momento di passione in una storia intramontabile, Laurel dovrà mettere a tacere i propri dubbi e riuscire a crederci fino in fondo.Una storia d’amore indimenticabile, che ci sussurra dolcemente tutto ciò che una donna vorrebbe sentirsi dire.

(source: Bol.com)

Da bambine hanno condiviso tutto: giochi, segreti, speranze. Con gli anni sono diventate donne brillanti, sexy e indipendenti. E hanno fondato un’agenzia di wedding planning dove ognuna di loro dà il meglio di sé per garantire ai clienti un giorno indimenticabile e perfetto. E loro, per quanto ancora rimarranno single?Laurel crede fermamente nell’amore… E questo traspare dalle sue creazioni: delle splendide torte nuziali. Ma non le basta. Vorrebbe al suo fianco un uomo intelligente e pieno di carattere, proprio uno simile al fratello maggiore della sua amica Parker. Lui popola i suoi sogni da sempre, ma le sembra irraggiungibile. Se vorrà trasformare un momento di passione in una storia intramontabile, Laurel dovrà mettere a tacere i propri dubbi e riuscire a crederci fino in fondo.Una storia d’amore indimenticabile, che ci sussurra dolcemente tutto ciò che una donna vorrebbe sentirsi dire.

(source: Bol.com)

Only registered users can download this free product.

Il sangue dei draghi

Nel volume conclusivo delle Cronache delle Giungle della Pioggia, i draghi e i loro custodi hanno finalmente raggiunto la leggendaria città di Kelsingra. Le creature magiche hanno imparato a usare le loro ali e stanno riconquistando i propri poteri. Anche gli umani stanno cambiando e approfondendo i rapporti con i draghi, ma nonostante abbiano perlustrato ogni strada e ogni edificio di Kelsingra, ancora non sono riusciti a trovare i pozzi d’Argento di cui le mitiche creature hanno bisogno per mantenersi in salute e sopravvivere. Con i nemici ai confini, gli umani devono assumersi il rischio di “camminare nella memoria”, immergendosi nei ricordi pericolosamente avvincenti degli Antichi, per scoprire gli indizi necessari alla loro sopravvivenza. E il tempo è essenziale, perché il leggendario drago blu Tintaglia, da tempo creduta morta, è tornata. Ferita in una battaglia con gli umani, si sta indebolendo e solo l’Argento nascosto può farla rivivere. Se Tintaglia muore, andranno persi per sempre i ricordi antichi che custodisce, una perdita devastante che causerebbe l’estinzione definitiva dei draghi. Nel frattempo, però, il pericolo incombe anche al di fuori della città, perché la guerra fra le magiche creature alate e coloro che vorrebbero distruggerle è ormai imminente…

(source: Bol.com)

Nel volume conclusivo delle Cronache delle Giungle della Pioggia, i draghi e i loro custodi hanno finalmente raggiunto la leggendaria città di Kelsingra. Le creature magiche hanno imparato a usare le loro ali e stanno riconquistando i propri poteri. Anche gli umani stanno cambiando e approfondendo i rapporti con i draghi, ma nonostante abbiano perlustrato ogni strada e ogni edificio di Kelsingra, ancora non sono riusciti a trovare i pozzi d’Argento di cui le mitiche creature hanno bisogno per mantenersi in salute e sopravvivere. Con i nemici ai confini, gli umani devono assumersi il rischio di “camminare nella memoria”, immergendosi nei ricordi pericolosamente avvincenti degli Antichi, per scoprire gli indizi necessari alla loro sopravvivenza. E il tempo è essenziale, perché il leggendario drago blu Tintaglia, da tempo creduta morta, è tornata. Ferita in una battaglia con gli umani, si sta indebolendo e solo l’Argento nascosto può farla rivivere. Se Tintaglia muore, andranno persi per sempre i ricordi antichi che custodisce, una perdita devastante che causerebbe l’estinzione definitiva dei draghi. Nel frattempo, però, il pericolo incombe anche al di fuori della città, perché la guerra fra le magiche creature alate e coloro che vorrebbero distruggerle è ormai imminente…

(source: Bol.com)

Only registered users can download this free product.

Il sangue degli Dei

*44 avanti Cristo.* L’anno dopo il quale nulla sarà più come prima. L’anno in cui, il quindici marzo, Giulio Cesare viene ucciso nel modo più vergognoso, proprio da quelli di cui si fidava di più. Quelli che adesso si considerano i “Liberatores” della patria. Ma, mentre gli assassini cercano rifugio nel senato, c’è un uomo per cui la vendetta è già iniziata: il figlio adottivo di Cesare, Ottaviano, che segnerà un’epoca nuova, e passerà alla storia come Cesare Augusto. Sarà lui, alleandosi con Marco Antonio, il suo grande rivale, a cercare la punizione per i traditori, e vendicare la morte di suo padre. Il suo odio si concentra su Bruto, l’amico d’infanzia di Cesare e fino a poco prima principale alleato, adesso leader dei cospiratori.
E mentre il popolo riempie le piazze di Roma, i Liberatores devono affrontare il loro destino. Alcuni sceglieranno la via della fuga, altri non riusciranno a scappare; a nessuno di loro il fato riserverà una morte naturale. E, per Bruto, la resa dei conti arriverà con la sanguinosa e terribile battaglia di Filippi.
Come in un film, **Conn Iggulden** usa il suo straordinario talento per raccontare con un ritmo irresistibile la grande, epica storia della morte di Cesare e di ciò che la seguì, dimostrandoci ancora una volta che la Storia è il più avvincente dei romanzi, e facendoci letteralmente rivivere l’odio, la vendetta, la ferocia, le passioni e il coraggio che animavano quei giorni.
**
### Recensione
**Praise for *The Blood of Gods***
** **
“The seasoned Iggulden adeptly brings all the intrigue and action of the era vividly to life, maintaining a historically authentic backdrop as he fictionalizes Octavian’s evolution from callow youth to Augustus, the bold and fearless architect of a new chapter in Roman history.”—***Booklist***

“Iggulden does fine work in his deft character studies of the principals and their various motives for alternately stirring up civil war or defending a new empire in the borning. . . . With such strong and willful people, you just know a clash is inevitable—and the best parts of this good novel are those of fierce battles such as Philippi, in scenes of ‘oil and splinters and floating bodies.’ Well-paced and well-written . . . better than much historical fiction about the ancient world.”—***Kirkus Reviews***
“Iggulden plunges you into the full fury of the action and leaves you gasping for more.”**—*The Northern Echo* (UK)**

“[A] clever and convincing narrative.”**—*The Sunday Times* (UK)**
**
Praise for Conn Iggulden’s Empire series**

“Dramatic historical fiction to keep adults turning pages like enthralled kids . . . [Iggulden] is a grand storyteller. . . . A spirited, entertaining read.”**—*USA Today***

“Exhilarating . . . Words like ‘brilliant,’ ‘sumptuous’ and ‘enchanting’ jostle to be used, but scarcely convey the way Iggulden brings the schoolbook tale to life, or the compelling depictions of battle, treachery and everyday detail in a precarious world well lost but vividly re-created.”**—*Los Angeles Times***

“What Robert Graves did for Claudius, Conn Iggulden now does for the most famous Roman emperor of them all—Julius Caesar.”**—William Bernhardt, author of *Criminal Intent***

“[Iggulden] excels at describing battle scenes both small-scale and epic.”**—*The Seattle Times***

“Utterly marvelous . . . Solid research and a real knack for character development bring [Julius Caesar] to life in a truly magical, electrifying way.”**—*The Telegram *(St. John’s, Newfoundland)**

“[Iggulden’s] expert plotting, supple prose and fast-paced action will keep readers riveted.”**—*Publishers Weekly***

“Vivid characters, stunning action, and unrelenting pace.”**—Bernard Cornwell, author of *1356***

“Epics don’t come any better than this.”**—*Evening Echo *(Cork, Ireland)**
### Sinossi
*44 avanti Cristo.* L’anno dopo il quale nulla sarà più come prima. L’anno in cui, il quindici marzo, Giulio Cesare viene ucciso nel modo più vergognoso, proprio da quelli di cui si fidava di più. Quelli che adesso si considerano i “Liberatores” della patria. Ma, mentre gli assassini cercano rifugio nel senato, c’è un uomo per cui la vendetta è già iniziata: il figlio adottivo di Cesare, Ottaviano, che segnerà un’epoca nuova, e passerà alla storia come Cesare Augusto. Sarà lui, alleandosi con Marco Antonio, il suo grande rivale, a cercare la punizione per i traditori, e vendicare la morte di suo padre. Il suo odio si concentra su Bruto, l’amico d’infanzia di Cesare e fino a poco prima principale alleato, adesso leader dei cospiratori.
E mentre il popolo riempie le piazze di Roma, i Liberatores devono affrontare il loro destino. Alcuni sceglieranno la via della fuga, altri non riusciranno a scappare; a nessuno di loro il fato riserverà una morte naturale. E, per Bruto, la resa dei conti arriverà con la sanguinosa e terribile battaglia di Filippi.
Come in un film, **Conn Iggulden** usa il suo straordinario talento per raccontare con un ritmo irresistibile la grande, epica storia della morte di Cesare e di ciò che la seguì, dimostrandoci ancora una volta che la Storia è il più avvincente dei romanzi, e facendoci letteralmente rivivere l’odio, la vendetta, la ferocia, le passioni e il coraggio che animavano quei giorni.

*44 avanti Cristo.* L’anno dopo il quale nulla sarà più come prima. L’anno in cui, il quindici marzo, Giulio Cesare viene ucciso nel modo più vergognoso, proprio da quelli di cui si fidava di più. Quelli che adesso si considerano i “Liberatores” della patria. Ma, mentre gli assassini cercano rifugio nel senato, c’è un uomo per cui la vendetta è già iniziata: il figlio adottivo di Cesare, Ottaviano, che segnerà un’epoca nuova, e passerà alla storia come Cesare Augusto. Sarà lui, alleandosi con Marco Antonio, il suo grande rivale, a cercare la punizione per i traditori, e vendicare la morte di suo padre. Il suo odio si concentra su Bruto, l’amico d’infanzia di Cesare e fino a poco prima principale alleato, adesso leader dei cospiratori.
E mentre il popolo riempie le piazze di Roma, i Liberatores devono affrontare il loro destino. Alcuni sceglieranno la via della fuga, altri non riusciranno a scappare; a nessuno di loro il fato riserverà una morte naturale. E, per Bruto, la resa dei conti arriverà con la sanguinosa e terribile battaglia di Filippi.
Come in un film, **Conn Iggulden** usa il suo straordinario talento per raccontare con un ritmo irresistibile la grande, epica storia della morte di Cesare e di ciò che la seguì, dimostrandoci ancora una volta che la Storia è il più avvincente dei romanzi, e facendoci letteralmente rivivere l’odio, la vendetta, la ferocia, le passioni e il coraggio che animavano quei giorni.
**
### Recensione
**Praise for *The Blood of Gods***
** **
“The seasoned Iggulden adeptly brings all the intrigue and action of the era vividly to life, maintaining a historically authentic backdrop as he fictionalizes Octavian’s evolution from callow youth to Augustus, the bold and fearless architect of a new chapter in Roman history.”—***Booklist***

“Iggulden does fine work in his deft character studies of the principals and their various motives for alternately stirring up civil war or defending a new empire in the borning. . . . With such strong and willful people, you just know a clash is inevitable—and the best parts of this good novel are those of fierce battles such as Philippi, in scenes of ‘oil and splinters and floating bodies.’ Well-paced and well-written . . . better than much historical fiction about the ancient world.”—***Kirkus Reviews***
“Iggulden plunges you into the full fury of the action and leaves you gasping for more.”**—*The Northern Echo* (UK)**

“[A] clever and convincing narrative.”**—*The Sunday Times* (UK)**
**
Praise for Conn Iggulden’s Empire series**

“Dramatic historical fiction to keep adults turning pages like enthralled kids . . . [Iggulden] is a grand storyteller. . . . A spirited, entertaining read.”**—*USA Today***

“Exhilarating . . . Words like ‘brilliant,’ ‘sumptuous’ and ‘enchanting’ jostle to be used, but scarcely convey the way Iggulden brings the schoolbook tale to life, or the compelling depictions of battle, treachery and everyday detail in a precarious world well lost but vividly re-created.”**—*Los Angeles Times***

“What Robert Graves did for Claudius, Conn Iggulden now does for the most famous Roman emperor of them all—Julius Caesar.”**—William Bernhardt, author of *Criminal Intent***

“[Iggulden] excels at describing battle scenes both small-scale and epic.”**—*The Seattle Times***

“Utterly marvelous . . . Solid research and a real knack for character development bring [Julius Caesar] to life in a truly magical, electrifying way.”**—*The Telegram *(St. John’s, Newfoundland)**

“[Iggulden’s] expert plotting, supple prose and fast-paced action will keep readers riveted.”**—*Publishers Weekly***

“Vivid characters, stunning action, and unrelenting pace.”**—Bernard Cornwell, author of *1356***

“Epics don’t come any better than this.”**—*Evening Echo *(Cork, Ireland)**
### Sinossi
*44 avanti Cristo.* L’anno dopo il quale nulla sarà più come prima. L’anno in cui, il quindici marzo, Giulio Cesare viene ucciso nel modo più vergognoso, proprio da quelli di cui si fidava di più. Quelli che adesso si considerano i “Liberatores” della patria. Ma, mentre gli assassini cercano rifugio nel senato, c’è un uomo per cui la vendetta è già iniziata: il figlio adottivo di Cesare, Ottaviano, che segnerà un’epoca nuova, e passerà alla storia come Cesare Augusto. Sarà lui, alleandosi con Marco Antonio, il suo grande rivale, a cercare la punizione per i traditori, e vendicare la morte di suo padre. Il suo odio si concentra su Bruto, l’amico d’infanzia di Cesare e fino a poco prima principale alleato, adesso leader dei cospiratori.
E mentre il popolo riempie le piazze di Roma, i Liberatores devono affrontare il loro destino. Alcuni sceglieranno la via della fuga, altri non riusciranno a scappare; a nessuno di loro il fato riserverà una morte naturale. E, per Bruto, la resa dei conti arriverà con la sanguinosa e terribile battaglia di Filippi.
Come in un film, **Conn Iggulden** usa il suo straordinario talento per raccontare con un ritmo irresistibile la grande, epica storia della morte di Cesare e di ciò che la seguì, dimostrandoci ancora una volta che la Storia è il più avvincente dei romanzi, e facendoci letteralmente rivivere l’odio, la vendetta, la ferocia, le passioni e il coraggio che animavano quei giorni.

Only registered users can download this free product.

Sale, zucchero e caffè

Nonna Aida è l’ispiratrice di questo singolarissimo

libro di Bruno Vespa, radicalmente

diverso da tutti i suoi precedenti best seller.

Una nonna che faceva di nascosto provviste

di sale, zucchero e caffè per non lasciarsi sorprendere

da imprevedibili emergenze come

quelle della guerra, viziava il nipote prediletto,

ma lo ammoniva a frequentare soltanto

persone più brave e migliori di lui, contribuendo

in modo determinante alla sua

primissima formazione.

Nel ricordo di questa donna straordinaria,

Vespa racconta la storia d’Italia – dalle rovine

della guerra ai recenti sussulti imposti

alla politica dalla condanna di Berlusconi

– nella sua personalissima visione, prima

di spettatore e poi, fin da giovanissimo, di

testimone professionale di settant’anni di

vita nazionale. I sacrifici di un paese in ginocchio,

le ansie per la mamma maestra che

raggiungeva i paesini del Gran Sasso in bicicletta,

la morte prematura del padre, la rinascita

e il miracolo economico vissuti nel

microcosmo della provincia, l’emozione per

l’arrivo degli elettrodomestici e del televisore

in un’Italia che sembrava avviata alla crescita

infinita, il ruolo decisivo di una scuola in

cui l’autorità del sapere assicurava agli insegnanti

una posizione centrale nella società.

La prima giovinezza sacrificata a un giornalismo

troppo precoce, la diffidenza verso

Roma e, poi, l’abbandono sensuale al suo fascino

irresistibile. L’incredibile vicenda del

concorso alla Rai nel 1968 e, da quel momento,

la partecipazione da testimone-attore ai

principali avvenimenti della storia italiana,

dalla strage di piazza Fontana a oggi.

Vespa narra, senza reticenze e rivelando

molti retroscena, luci e ombre delle sue vicende

personali e professionali, il predominio

della politica in cui tutto cambia perché

nulla o poco cambi, la fragile e longeva continuità

della Prima Repubblica, la burrascosa

nascita e l’esaurirsi della Seconda – che ha

avuto in Berlusconi il protagonista assoluto e

controverso – sotto i colpi populisti di Beppe

Grillo e del Movimento 5 Stelle, fino all’ingovernabilità

sancita da un risultato elettorale

paralizzante e ai sacrifici (e ai compromessi)

richiesti dalla Grande Coalizione.

Gli incontri con i pontefici e tutti i capi di

Stato e di governo dell’ultimo cinquantennio

si alternano a quelli con persone semplici,

sofferenti e coraggiose che sono state la vera

colonna portante dell’Italia nei momenti più

difficili. Ma anche al racconto degli aspetti

divertenti e leggeri del mestiere di giornalista

televisivo, e delle ‘polemiche’ all’interno

di una famiglia in cui il ruolo del notissimo

conduttore è sempre stato giustamente ridimensionato

perché i figli non avessero una

visione distorta del suo ruolo nella società.

Un diario a cuore aperto per conoscere meglio

i chiaroscuri di quello che – nonostante

tutto – rimane un grande paese, con il diritto

alla speranza.
(source: Bol.com)

Nonna Aida è l’ispiratrice di questo singolarissimo

libro di Bruno Vespa, radicalmente

diverso da tutti i suoi precedenti best seller.

Una nonna che faceva di nascosto provviste

di sale, zucchero e caffè per non lasciarsi sorprendere

da imprevedibili emergenze come

quelle della guerra, viziava il nipote prediletto,

ma lo ammoniva a frequentare soltanto

persone più brave e migliori di lui, contribuendo

in modo determinante alla sua

primissima formazione.

Nel ricordo di questa donna straordinaria,

Vespa racconta la storia d’Italia – dalle rovine

della guerra ai recenti sussulti imposti

alla politica dalla condanna di Berlusconi

– nella sua personalissima visione, prima

di spettatore e poi, fin da giovanissimo, di

testimone professionale di settant’anni di

vita nazionale. I sacrifici di un paese in ginocchio,

le ansie per la mamma maestra che

raggiungeva i paesini del Gran Sasso in bicicletta,

la morte prematura del padre, la rinascita

e il miracolo economico vissuti nel

microcosmo della provincia, l’emozione per

l’arrivo degli elettrodomestici e del televisore

in un’Italia che sembrava avviata alla crescita

infinita, il ruolo decisivo di una scuola in

cui l’autorità del sapere assicurava agli insegnanti

una posizione centrale nella società.

La prima giovinezza sacrificata a un giornalismo

troppo precoce, la diffidenza verso

Roma e, poi, l’abbandono sensuale al suo fascino

irresistibile. L’incredibile vicenda del

concorso alla Rai nel 1968 e, da quel momento,

la partecipazione da testimone-attore ai

principali avvenimenti della storia italiana,

dalla strage di piazza Fontana a oggi.

Vespa narra, senza reticenze e rivelando

molti retroscena, luci e ombre delle sue vicende

personali e professionali, il predominio

della politica in cui tutto cambia perché

nulla o poco cambi, la fragile e longeva continuità

della Prima Repubblica, la burrascosa

nascita e l’esaurirsi della Seconda – che ha

avuto in Berlusconi il protagonista assoluto e

controverso – sotto i colpi populisti di Beppe

Grillo e del Movimento 5 Stelle, fino all’ingovernabilità

sancita da un risultato elettorale

paralizzante e ai sacrifici (e ai compromessi)

richiesti dalla Grande Coalizione.

Gli incontri con i pontefici e tutti i capi di

Stato e di governo dell’ultimo cinquantennio

si alternano a quelli con persone semplici,

sofferenti e coraggiose che sono state la vera

colonna portante dell’Italia nei momenti più

difficili. Ma anche al racconto degli aspetti

divertenti e leggeri del mestiere di giornalista

televisivo, e delle ‘polemiche’ all’interno

di una famiglia in cui il ruolo del notissimo

conduttore è sempre stato giustamente ridimensionato

perché i figli non avessero una

visione distorta del suo ruolo nella società.

Un diario a cuore aperto per conoscere meglio

i chiaroscuri di quello che – nonostante

tutto – rimane un grande paese, con il diritto

alla speranza.
(source: Bol.com)

Only registered users can download this free product.

Il saccheggio

Si parla tanto di sprechi pubblici ma finora nessuno li aveva messi a disposizione di chi, inconsapevolmente e con troppi sacrifici, li finanzia. Solo nel 2012 lo Stato italiano ha affidato quasi 500mila incarichi di consulenza con un costo vicino ai 2 miliardi di euro. Il ricorso alle consulenze esterne è ormai prassi ovunque: nei ministeri – che hanno speso quasi 20 milioni di euro –, nelle regioni dove il dato ammonta a 152 milioni, nei comuni con ulteriori 420 milioni di euro generosamente elargiti ad amici e parenti e così per tutte le altre diramazioni della Cosa pubblica. Il saccheggio è la prima inchiesta sugli uomini che sussurrano al potere e di fatto detengono le chiavi del Paese. Sono loro che controllano i grandi progetti dello Stato, affidano appalti alle aziende private, guidano i vertici delle istituzioni. Il giornalista de ‘la Repubblica’, Daniele Autieri, firma un’inchiesta che farà tremare i Palazzi. Un sistema consolidato che parte da dentro le mura della presidenza del Consiglio guidata da Silvio Berlusconi – in cui proliferano gli incarichi affidati alle sorelle di presunte ex amanti del Cavaliere e ai fedelissimi di Mediaset – e si allarga alle assunzioni nei ministeri di ex soubrette e amici degli amici. Storie senza pudore, come quella della consulenza da 355.000 euro per redigere il piano di governo del comune di Colturano, un paesino di neanche duemila anime. Oppure la prezzolata prestazione per la sterilizzazione dei gatti randagi delle amministrazioni emiliane, gli incarichi per verificare la correttezza delle fatture emesse da Telecom Italia, la schiera dei mille consulenti del sindaco Gianni Alemanno o i collaboratori superpagati dell’ex ministro Corrado Passera: una vergogna italiana dove un esercito di uomini ha saputo districarsi tra le paludi dei partiti, schivando i grandi mutamenti e le rivoluzioni apparenti perché, come sapienti camaleonti, hanno appreso dalla natura l’arte della mimesi e la applicano per sopravvivere ai voltafaccia del potere.
(source: Bol.com)

Si parla tanto di sprechi pubblici ma finora nessuno li aveva messi a disposizione di chi, inconsapevolmente e con troppi sacrifici, li finanzia. Solo nel 2012 lo Stato italiano ha affidato quasi 500mila incarichi di consulenza con un costo vicino ai 2 miliardi di euro. Il ricorso alle consulenze esterne è ormai prassi ovunque: nei ministeri – che hanno speso quasi 20 milioni di euro –, nelle regioni dove il dato ammonta a 152 milioni, nei comuni con ulteriori 420 milioni di euro generosamente elargiti ad amici e parenti e così per tutte le altre diramazioni della Cosa pubblica. Il saccheggio è la prima inchiesta sugli uomini che sussurrano al potere e di fatto detengono le chiavi del Paese. Sono loro che controllano i grandi progetti dello Stato, affidano appalti alle aziende private, guidano i vertici delle istituzioni. Il giornalista de ‘la Repubblica’, Daniele Autieri, firma un’inchiesta che farà tremare i Palazzi. Un sistema consolidato che parte da dentro le mura della presidenza del Consiglio guidata da Silvio Berlusconi – in cui proliferano gli incarichi affidati alle sorelle di presunte ex amanti del Cavaliere e ai fedelissimi di Mediaset – e si allarga alle assunzioni nei ministeri di ex soubrette e amici degli amici. Storie senza pudore, come quella della consulenza da 355.000 euro per redigere il piano di governo del comune di Colturano, un paesino di neanche duemila anime. Oppure la prezzolata prestazione per la sterilizzazione dei gatti randagi delle amministrazioni emiliane, gli incarichi per verificare la correttezza delle fatture emesse da Telecom Italia, la schiera dei mille consulenti del sindaco Gianni Alemanno o i collaboratori superpagati dell’ex ministro Corrado Passera: una vergogna italiana dove un esercito di uomini ha saputo districarsi tra le paludi dei partiti, schivando i grandi mutamenti e le rivoluzioni apparenti perché, come sapienti camaleonti, hanno appreso dalla natura l’arte della mimesi e la applicano per sopravvivere ai voltafaccia del potere.
(source: Bol.com)

Only registered users can download this free product.

Il Rosso E Il Nero

Il rosso e il nero, sottotitolato Cronaca del 1830, è un romanzo dello scrittore francese Stendhal.
Il rosso e il nero pubblicato nel 1830, è il secondo romanzo di Stendhal, dopo Armance del 1826. La principale sorgente ispiratrice del romanzo è l’affaire Berthet, avvenuto nel 1827 presso il Tribunale di Corte d’Assise dell’Isère, il dipartimento di origine di Stendhal: il figlio di un maniscalco è giudicato e condannato a morte per aver assassinato la sua amante, moglie di un notaio di provincia. Il rosso e il nero riprende, sviluppa e arricchisce tale aneddoto, nel quale l’autore vede la manifestazione di un’energia popolare che la società conservatrice della Restaurazione reprime.
Il rosso e il nero è anche un romanzo realistico, avente come trama la struttura sociale della Francia della rivoluzione del 1830, le opposizioni tra Parigi e la Provincia, tra borghesia e nobiltà, tra gesuiti e giansenisti. Grazie alla sua grande capacità di rappresentare con realismo i rapporti tra i personaggi nonché i pensieri degli stessi, Stendhal traccia un realistico affresco della società reazionaria immediatamente post-napoleonica e fa riflettere sull’ipocrisia di fondo di cui si nutrono quotidianamente i rapporti umani.

Il rosso e il nero, sottotitolato Cronaca del 1830, è un romanzo dello scrittore francese Stendhal.
Il rosso e il nero pubblicato nel 1830, è il secondo romanzo di Stendhal, dopo Armance del 1826. La principale sorgente ispiratrice del romanzo è l’affaire Berthet, avvenuto nel 1827 presso il Tribunale di Corte d’Assise dell’Isère, il dipartimento di origine di Stendhal: il figlio di un maniscalco è giudicato e condannato a morte per aver assassinato la sua amante, moglie di un notaio di provincia. Il rosso e il nero riprende, sviluppa e arricchisce tale aneddoto, nel quale l’autore vede la manifestazione di un’energia popolare che la società conservatrice della Restaurazione reprime.
Il rosso e il nero è anche un romanzo realistico, avente come trama la struttura sociale della Francia della rivoluzione del 1830, le opposizioni tra Parigi e la Provincia, tra borghesia e nobiltà, tra gesuiti e giansenisti. Grazie alla sua grande capacità di rappresentare con realismo i rapporti tra i personaggi nonché i pensieri degli stessi, Stendhal traccia un realistico affresco della società reazionaria immediatamente post-napoleonica e fa riflettere sull’ipocrisia di fondo di cui si nutrono quotidianamente i rapporti umani.

Only registered users can download this free product.

Risveglio. Terra ignota: 1

È una limpida notte di luna piena, una notte di gioia e di festa, quando il Villaggio Alto subisce l’improvviso attacco di un manipolo di spietati cavalieri che portano morte e devastazione. In pochi sopravvivono: tra questi la giovane Ailis, mentre la sua migliore amica Vevisa viene rapita. Seguendo il folle proposito di vendicare la furia distruttrice che ha falcidiato il suo popolo e ritrovare Vevisa, Ailis, che è poco più di una bambina ma ha lo spirito audace e temerario di un guerriero, intraprende la sua lunga e perigliosa ricerca. Attraversando lande sconosciute e meravigliose conoscerà la schiavitù, la battaglia, le illusioni della magia e dell’amore, vedrà le molte facce della morte e capirà che senza questo iniziatico viaggio non avrebbe mai sollevato il velo sulle proprie arcane origini e sul proprio enigmatico destino: da lei potrebbe infatti dipendere l’equilibrio e il futuro stesso delle Terre Occidentali. Il primo volume di una saga che mescola fiaba, azione, epica cavalleresca e mito classico.
**

È una limpida notte di luna piena, una notte di gioia e di festa, quando il Villaggio Alto subisce l’improvviso attacco di un manipolo di spietati cavalieri che portano morte e devastazione. In pochi sopravvivono: tra questi la giovane Ailis, mentre la sua migliore amica Vevisa viene rapita. Seguendo il folle proposito di vendicare la furia distruttrice che ha falcidiato il suo popolo e ritrovare Vevisa, Ailis, che è poco più di una bambina ma ha lo spirito audace e temerario di un guerriero, intraprende la sua lunga e perigliosa ricerca. Attraversando lande sconosciute e meravigliose conoscerà la schiavitù, la battaglia, le illusioni della magia e dell’amore, vedrà le molte facce della morte e capirà che senza questo iniziatico viaggio non avrebbe mai sollevato il velo sulle proprie arcane origini e sul proprio enigmatico destino: da lei potrebbe infatti dipendere l’equilibrio e il futuro stesso delle Terre Occidentali. Il primo volume di una saga che mescola fiaba, azione, epica cavalleresca e mito classico.
**

Only registered users can download this free product.

Un Ristretto in Tazza Grande

Un giallo che non si legge…si divora! Tra le colline del Parco dei Colli Euganei, vicino a Padova, una serie di omicidi scuote alle fondamenta la tranquilla routine quotidiana dei soci del Golf Club Frassanelle. Ben presto si scatena una caccia all’uomo in cui si confondono preda e cacciatore. Un frenetico susseguirsi di eventi imprevedibili, raccontati con ironia e fatalismo, scandisce il ritmo che porterà protagonisti e lettori, come in una sequenza allo specchio, verso l’epilogo finale.
**

Un giallo che non si legge…si divora! Tra le colline del Parco dei Colli Euganei, vicino a Padova, una serie di omicidi scuote alle fondamenta la tranquilla routine quotidiana dei soci del Golf Club Frassanelle. Ben presto si scatena una caccia all’uomo in cui si confondono preda e cacciatore. Un frenetico susseguirsi di eventi imprevedibili, raccontati con ironia e fatalismo, scandisce il ritmo che porterà protagonisti e lettori, come in una sequenza allo specchio, verso l’epilogo finale.
**

Only registered users can download this free product.