241–256 di 4230 risultati

Broken Homes

My name is Peter Grant, and I am a keeper of the secret flame — whatever that is. Truth be told, there’s a lot I still don’t know. My superior Nightingale, previously the last of England’s wizardly governmental force, is trying to teach me proper schooling for a magician’s apprentice. But even he doesn’t have all the answers. Mostly I’m just a constable sworn to enforce the Queen’s Peace, with the occasional help from some unusual friends and a well-placed fire blast. With the new year, I have three main objectives, a) pass the detective exam so I can officially become a DC, b) work out what the hell my relationship with Lesley Mai, an old friend from the force and now fellow apprentice, is supposed to be, and most importantly, c) get through the year without destroying a major landmark. Two out of three isn’t bad, right? A mutilated body in Crawley means another murderer is on the loose. The prime suspect is one Robert Weil, who may either be a common serial killer or an associate of the twisted magician known as the Faceless Man — a man whose previous encounters I’ve barely survived. I’ve also got a case about a town planner going under a tube train and another about a stolen grimoire. But then I get word of something very odd happening in Elephant and Castle, on a housing estate designed by a nutter, built by charlatans, and inhabited by the truly desperate. If there’s a connection to the Crawley case, I’ll be entering some tricky waters of jurisdiction with the local river spirits. We have a prickly history, to say the least.

My name is Peter Grant, and I am a keeper of the secret flame — whatever that is. Truth be told, there’s a lot I still don’t know. My superior Nightingale, previously the last of England’s wizardly governmental force, is trying to teach me proper schooling for a magician’s apprentice. But even he doesn’t have all the answers. Mostly I’m just a constable sworn to enforce the Queen’s Peace, with the occasional help from some unusual friends and a well-placed fire blast. With the new year, I have three main objectives, a) pass the detective exam so I can officially become a DC, b) work out what the hell my relationship with Lesley Mai, an old friend from the force and now fellow apprentice, is supposed to be, and most importantly, c) get through the year without destroying a major landmark. Two out of three isn’t bad, right? A mutilated body in Crawley means another murderer is on the loose. The prime suspect is one Robert Weil, who may either be a common serial killer or an associate of the twisted magician known as the Faceless Man — a man whose previous encounters I’ve barely survived. I’ve also got a case about a town planner going under a tube train and another about a stolen grimoire. But then I get word of something very odd happening in Elephant and Castle, on a housing estate designed by a nutter, built by charlatans, and inhabited by the truly desperate. If there’s a connection to the Crawley case, I’ll be entering some tricky waters of jurisdiction with the local river spirits. We have a prickly history, to say the least.

Only registered users can download this free product.

Archie’s Accidental Kidnapping

Hounds of the Hunt: Book 1
NEXT BOOK: Pyro’s Accidental Shooting
Long nights hunting supernatural beings means little time for love in Adze’s life. He and his pack mates are what protects Melbourne, and Australia, from the things that go bump in the night—very real spirits and demons who prey on humans.
Every day Archie’s life is consumed by work as he desperately tries to pay back his student debt and a loan a boyfriend took out in his name. Tired and alone, he dreams of a future with someone to love and hold him through the night.
One fateful encounter with a nephilim gone bad changes both their worlds forever. Now Adze just has to convince his heart mate he didn’t actually kidnap him.

Please note: Archie’s Accidental Kidnapping has undergone extensive edits and rewrites since Toni is gearing up to continue the series. In addition, the series has been renamed so as not to confuse it with another.
The plot has changed, the world is different, 41,000 words were added, BUT the one thing that hasn’t changed is Archie and Adze.

Hounds of the Hunt: Book 1
NEXT BOOK: Pyro’s Accidental Shooting
Long nights hunting supernatural beings means little time for love in Adze’s life. He and his pack mates are what protects Melbourne, and Australia, from the things that go bump in the night—very real spirits and demons who prey on humans.
Every day Archie’s life is consumed by work as he desperately tries to pay back his student debt and a loan a boyfriend took out in his name. Tired and alone, he dreams of a future with someone to love and hold him through the night.
One fateful encounter with a nephilim gone bad changes both their worlds forever. Now Adze just has to convince his heart mate he didn’t actually kidnap him.

Please note: Archie’s Accidental Kidnapping has undergone extensive edits and rewrites since Toni is gearing up to continue the series. In addition, the series has been renamed so as not to confuse it with another.
The plot has changed, the world is different, 41,000 words were added, BUT the one thing that hasn’t changed is Archie and Adze.

Only registered users can download this free product.

A Very Singular Guild

Twelve-year-old Ned Roach used to scavenge for scraps along the Thames riverbank. But the recent plague of child-eating bogles in London means that he’s now working as an apprentice to Alfred Bunce, the bogler.
Alongside Jem Barbary and (sometimes) Birdie McAdam, Ned must lure bogles out of their lairs so that Alfred can kill them. And this means spending a lot of time in the city’s murky underground waterways – especially when Alfred is hired by the London Sewers Office to stamp out a deadly infestation.
But times are changing. As magic and folklore give way to the machine age, Alfred begins to face an uncertain future – while Ned and his friends find themselves threatened by an enemy from their past who’s even more dangerous than the bogles.
Catherine Jinks captures the end of an era and the start of a technological revolution in her brilliant final instalment of the *City of Orphans* trilogy.

Twelve-year-old Ned Roach used to scavenge for scraps along the Thames riverbank. But the recent plague of child-eating bogles in London means that he’s now working as an apprentice to Alfred Bunce, the bogler.
Alongside Jem Barbary and (sometimes) Birdie McAdam, Ned must lure bogles out of their lairs so that Alfred can kill them. And this means spending a lot of time in the city’s murky underground waterways – especially when Alfred is hired by the London Sewers Office to stamp out a deadly infestation.
But times are changing. As magic and folklore give way to the machine age, Alfred begins to face an uncertain future – while Ned and his friends find themselves threatened by an enemy from their past who’s even more dangerous than the bogles.
Catherine Jinks captures the end of an era and the start of a technological revolution in her brilliant final instalment of the *City of Orphans* trilogy.

Only registered users can download this free product.

A Very Peculiar Plague

*’Bogles ain’t like pigeons. They don’t travel in flocks. So why is this corner o’ London crawling with ‘em?’*
Eleven-year-old Jem Barbary spent most of his early life picking pockets for a canny old crook named Sarah Pickles. Now she’s betrayed him, and Jem wants revenge. He also wants to work for bogler Alfred Bunce, who kills the child-eating monsters that lurk in the city’s cellars and sewers. But Alfred is keen to give up bogling, since he almost lost his last apprentice, Birdie.
When numerous children start disappearing around Newgate Prison, Alfred and Jem do join forces, waging an underground war. They even seek help from Birdie, dragging her away from the safe and comfortable home she’s found with Miss Edith Eames. Together they learn that there’s only one thing more terrifying than facing a whole plague of bogles – and that’s facing some of the sinister people from Jem’s past …

*’Bogles ain’t like pigeons. They don’t travel in flocks. So why is this corner o’ London crawling with ‘em?’*
Eleven-year-old Jem Barbary spent most of his early life picking pockets for a canny old crook named Sarah Pickles. Now she’s betrayed him, and Jem wants revenge. He also wants to work for bogler Alfred Bunce, who kills the child-eating monsters that lurk in the city’s cellars and sewers. But Alfred is keen to give up bogling, since he almost lost his last apprentice, Birdie.
When numerous children start disappearing around Newgate Prison, Alfred and Jem do join forces, waging an underground war. They even seek help from Birdie, dragging her away from the safe and comfortable home she’s found with Miss Edith Eames. Together they learn that there’s only one thing more terrifying than facing a whole plague of bogles – and that’s facing some of the sinister people from Jem’s past …

Only registered users can download this free product.

Yellow birds

Partiti a diciott’anni. Talmente impreparati, talmente ingenui da credere che insieme ce l’avrebbero fatta. Bartle è devastato dal senso di colpa. Per non avere impedito che Murphy morisse. Per non essere riuscito ad attenuare la brutalità e l’orrore della guerra. Ora che è tornato a casa, vede Murphy ovunque. Insieme alle altre immagini dell’Iraq: i cadaveri che bruciano nell’aria pungente del mattino, i proiettili che si conficcano nella sabbia, le acque del fiume che ha inghiottito il loro sogno. E il tormento per la promessa che non ha saputo mantenere non gli dà pace. “Il miglior romanzo che abbia letto sulla guerra: essenziale, incredibilmente preciso, perfetto. Probabilmente è il libro più triste che io abbia letto negli ultimi anni. Ma triste in modo importante. Dobbiamo essere tristi, profondamente tristi, per quel che abbiamo fatto in Iraq”. (Dave Eggers) **

Partiti a diciott’anni. Talmente impreparati, talmente ingenui da credere che insieme ce l’avrebbero fatta. Bartle è devastato dal senso di colpa. Per non avere impedito che Murphy morisse. Per non essere riuscito ad attenuare la brutalità e l’orrore della guerra. Ora che è tornato a casa, vede Murphy ovunque. Insieme alle altre immagini dell’Iraq: i cadaveri che bruciano nell’aria pungente del mattino, i proiettili che si conficcano nella sabbia, le acque del fiume che ha inghiottito il loro sogno. E il tormento per la promessa che non ha saputo mantenere non gli dà pace. “Il miglior romanzo che abbia letto sulla guerra: essenziale, incredibilmente preciso, perfetto. Probabilmente è il libro più triste che io abbia letto negli ultimi anni. Ma triste in modo importante. Dobbiamo essere tristi, profondamente tristi, per quel che abbiamo fatto in Iraq”. (Dave Eggers) **

Only registered users can download this free product.

Voli acrobatici e pattini a rotelle a Wink’s Phillips Station

La signora Sookie Poole di Point Clear, Alabama, ha appena accompagnato all’altare l’ultima delle sue figlie e si prepara a godersi un po’ di meritato riposo. Certo, c’è ancora l’anziana madre Lenore Simmons Krackenberry, con qualche momento di follia di troppo, da dover gestire, ma la vita sembra finalmente in discesa. Finché, un giorno, Sookie viene inaspettatamente a sapere qualcosa che mette in discussione tutto ciò che pensava di conoscere di se stessa, della sua famiglia e del suo futuro. Inizia così un viaggio di scoperta che la porta in California, nel Midwest, e persino indietro nel tempo, precisamente negli anni Quaranta, quando un’irrefrenabile donna di nome Fritzi rileva assieme alle sorelle la stazione di servizio del padre. La pompa di benzina gestita da sole ragazze, per di più in pattini a rotelle, riscuote un tale successo che i camionisti cominciano a modificare i loro itinerari pur di fermarsi alla leggendaria Wink’s Phillips 66. Ma questa sarà solo la prima di molte avventure in cui Fritzi, spirito libero e anticonformista, si getterà a capofitto nel corso della sua vita. E che insegneranno a Sookie che non è mai tardi per rompere gli schemi e reinventarsi davvero. Tra colpi di scena, risate e qualche lacrima, Fannie Flagg, con Voli acrobatici e pattini a rotelle a Wink’s Phillips Station, ci regala una storia indimenticabile, capace di snodarsi tra i decenni e le generazioni. Dove la realtà, pagina dopo pagina, segreto dopo segreto, si ridisegna nelle forme più inaspettate.

La signora Sookie Poole di Point Clear, Alabama, ha appena accompagnato all’altare l’ultima delle sue figlie e si prepara a godersi un po’ di meritato riposo. Certo, c’è ancora l’anziana madre Lenore Simmons Krackenberry, con qualche momento di follia di troppo, da dover gestire, ma la vita sembra finalmente in discesa. Finché, un giorno, Sookie viene inaspettatamente a sapere qualcosa che mette in discussione tutto ciò che pensava di conoscere di se stessa, della sua famiglia e del suo futuro. Inizia così un viaggio di scoperta che la porta in California, nel Midwest, e persino indietro nel tempo, precisamente negli anni Quaranta, quando un’irrefrenabile donna di nome Fritzi rileva assieme alle sorelle la stazione di servizio del padre. La pompa di benzina gestita da sole ragazze, per di più in pattini a rotelle, riscuote un tale successo che i camionisti cominciano a modificare i loro itinerari pur di fermarsi alla leggendaria Wink’s Phillips 66. Ma questa sarà solo la prima di molte avventure in cui Fritzi, spirito libero e anticonformista, si getterà a capofitto nel corso della sua vita. E che insegneranno a Sookie che non è mai tardi per rompere gli schemi e reinventarsi davvero. Tra colpi di scena, risate e qualche lacrima, Fannie Flagg, con Voli acrobatici e pattini a rotelle a Wink’s Phillips Station, ci regala una storia indimenticabile, capace di snodarsi tra i decenni e le generazioni. Dove la realtà, pagina dopo pagina, segreto dopo segreto, si ridisegna nelle forme più inaspettate.

Only registered users can download this free product.

Vendetta per vendetta – Morire a Kowloon

Avventura, azione, spionaggio, esotismo ed erotismo. Chance Renard, il Professionista. Agente di ventura, impegnato in ogni angolo del mondo in missioni impossibili contro nemici sempre più feroci, sempre più letali. Al suo fianco donne troppo belle e troppo pericolose. E una sola regola: nessuna regola. Ecco, a cadenza quadrimestrale, tutte le avventure del Professionista, a partire dalle origini e con romanzi inediti scritti appositamente per colmare le lacune nella storia di una vera leggenda di Segretissimo. VENDETTA PER VENDETTA In una base abbandonata delle Filippine un ex operativo della Delta Force si è impossessato di testate nucleari. Solo Chance Renard e Ivelda Verdugo possono fermarlo e recuperare gli ordigni. Mentre dal passato del Professionista riaffiorano le avventure del bisnonno Stéphane ai tempi delle Brigate del Tigre, ogni vendetta che si consuma è solo l’ultima di una catena senza fine. MORIRE A KOWLOON Nell’imminente ritorno di Hong Kong sotto il controllo della Cina Popolare, un intrigo che coinvolge i servizi segreti di mezzo mondo passa per il Medio Oriente e la Thailandia. All’origine di tutto c’è un nome che nessuno vorrebbe sentir pronunciare: Shaibat. Una leggenda della malavita internazionale. Un maledetto incubo che Chance credeva sepolto per sempre. E che qualcuno, ora, deve ricacciare all’inferno.

Avventura, azione, spionaggio, esotismo ed erotismo. Chance Renard, il Professionista. Agente di ventura, impegnato in ogni angolo del mondo in missioni impossibili contro nemici sempre più feroci, sempre più letali. Al suo fianco donne troppo belle e troppo pericolose. E una sola regola: nessuna regola. Ecco, a cadenza quadrimestrale, tutte le avventure del Professionista, a partire dalle origini e con romanzi inediti scritti appositamente per colmare le lacune nella storia di una vera leggenda di Segretissimo. VENDETTA PER VENDETTA In una base abbandonata delle Filippine un ex operativo della Delta Force si è impossessato di testate nucleari. Solo Chance Renard e Ivelda Verdugo possono fermarlo e recuperare gli ordigni. Mentre dal passato del Professionista riaffiorano le avventure del bisnonno Stéphane ai tempi delle Brigate del Tigre, ogni vendetta che si consuma è solo l’ultima di una catena senza fine. MORIRE A KOWLOON Nell’imminente ritorno di Hong Kong sotto il controllo della Cina Popolare, un intrigo che coinvolge i servizi segreti di mezzo mondo passa per il Medio Oriente e la Thailandia. All’origine di tutto c’è un nome che nessuno vorrebbe sentir pronunciare: Shaibat. Una leggenda della malavita internazionale. Un maledetto incubo che Chance credeva sepolto per sempre. E che qualcuno, ora, deve ricacciare all’inferno.

Only registered users can download this free product.

The Program

Sloane sa perfettamente che nessuno deve vederla piangere. La minima debolezza, o il più piccolo scatto di nervi, potrebbero costarle la vita. In un attimo si ritroverebbe internata nel Programma, la cura ideata dal governo per prevenire l’epidemia di suicidi che sta dilagando fra gli adolescenti di tutto il mondo. E una volta dentro, Sloane dovrebbe dire addio ai propri ricordi… Perché è questo che fa il Programma: ti guarisce dalla depressione, resettandoti la memoria. Annullandoti. Così, Sloane ha imparato a seppellire dentro di sé tutte le emozioni. Non vuole farsi notare, non ora che suo fratello è morto e lei è considerata un soggetto a rischio. L’unica persona che la conosce davvero è James, il ragazzo che ama più di se stessa. È stato lui ad aiutarla nei momenti difficili, lui a farle credere che ci fosse ancora speranza. Ma, quando anche James si ammala, Sloane capisce di non poter più sfuggire al Programma. E si prepara a lottare. Per difendere i propri ricordi, a qualunque costo.  Per tutti i lettori che hanno amato *Divergent* di Veronica Roth, una grande storia d’amore in un’inquietante cornice distopica: il primo, indimenticabile capitolo di una nuova serie bestseller del «New York Times». “Sono i nostri ricordi a renderci ciò che siamo? Un romanzo avvincente che risponde a domande senza precedenti” – *Publishers Weekly* “Una storia romantica e adrenalinica in cui niente è come sembra” – *Booklist* **Altri titoli dell’autrice:** *The treatment, The recovery*

Sloane sa perfettamente che nessuno deve vederla piangere. La minima debolezza, o il più piccolo scatto di nervi, potrebbero costarle la vita. In un attimo si ritroverebbe internata nel Programma, la cura ideata dal governo per prevenire l’epidemia di suicidi che sta dilagando fra gli adolescenti di tutto il mondo. E una volta dentro, Sloane dovrebbe dire addio ai propri ricordi… Perché è questo che fa il Programma: ti guarisce dalla depressione, resettandoti la memoria. Annullandoti. Così, Sloane ha imparato a seppellire dentro di sé tutte le emozioni. Non vuole farsi notare, non ora che suo fratello è morto e lei è considerata un soggetto a rischio. L’unica persona che la conosce davvero è James, il ragazzo che ama più di se stessa. È stato lui ad aiutarla nei momenti difficili, lui a farle credere che ci fosse ancora speranza. Ma, quando anche James si ammala, Sloane capisce di non poter più sfuggire al Programma. E si prepara a lottare. Per difendere i propri ricordi, a qualunque costo.  Per tutti i lettori che hanno amato *Divergent* di Veronica Roth, una grande storia d’amore in un’inquietante cornice distopica: il primo, indimenticabile capitolo di una nuova serie bestseller del «New York Times». “Sono i nostri ricordi a renderci ciò che siamo? Un romanzo avvincente che risponde a domande senza precedenti” – *Publishers Weekly* “Una storia romantica e adrenalinica in cui niente è come sembra” – *Booklist* **Altri titoli dell’autrice:** *The treatment, The recovery*

Only registered users can download this free product.

La redenzione dell’Italia: Saggio sul “Principe” di Machiavelli

Niccolò Machiavelli ha scritto il Principe per disegnare, invocare e formare un redentore politico in grado, con l’aiuto di Dio, con la forza della profezia e quella delle armi, di liberare l’Italia dal dominio straniero. La sua opera più famosa, di cui ricorre quest’anno il cinquecentesimo anniversario della composizione, non contraddice affatto le idee repubblicane di Machiavelli ma ne costituisce la necessaria integrazione. Non è neppure, come molti autorevoli studiosi hanno ritenuto, il manifesto del realismo, né il testo che inaugura la moderna scienza della politica, né quello che proclama la dottrina dell’autonomia della politica dall’etica. È, invece, una splendida orazione sulla redenzione dell’Italia, scritta da un uomo che sapeva trovare la sua rinascita spirituale nel pensiero delle ‘grandi cose’. Questo è il significato del Principe, e in questo sta la sua attualità. Quando nessuno lo leggerà più, vorrà dire che è morta l’aspirazione alla grande politica che sa redimere i popoli, e che ci siamo rassegnati alla penosa politica dei mediocri politici. **
### Sinossi
Niccolò Machiavelli ha scritto il Principe per disegnare, invocare e formare un redentore politico in grado, con l’aiuto di Dio, con la forza della profezia e quella delle armi, di liberare l’Italia dal dominio straniero. La sua opera più famosa, di cui ricorre quest’anno il cinquecentesimo anniversario della composizione, non contraddice affatto le idee repubblicane di Machiavelli ma ne costituisce la necessaria integrazione. Non è neppure, come molti autorevoli studiosi hanno ritenuto, il manifesto del realismo, né il testo che inaugura la moderna scienza della politica, né quello che proclama la dottrina dell’autonomia della politica dall’etica. È, invece, una splendida orazione sulla redenzione dell’Italia, scritta da un uomo che sapeva trovare la sua rinascita spirituale nel pensiero delle ‘grandi cose’. Questo è il significato del Principe, e in questo sta la sua attualità. Quando nessuno lo leggerà più, vorrà dire che è morta l’aspirazione alla grande politica che sa redimere i popoli, e che ci siamo rassegnati alla penosa politica dei mediocri politici.

Niccolò Machiavelli ha scritto il Principe per disegnare, invocare e formare un redentore politico in grado, con l’aiuto di Dio, con la forza della profezia e quella delle armi, di liberare l’Italia dal dominio straniero. La sua opera più famosa, di cui ricorre quest’anno il cinquecentesimo anniversario della composizione, non contraddice affatto le idee repubblicane di Machiavelli ma ne costituisce la necessaria integrazione. Non è neppure, come molti autorevoli studiosi hanno ritenuto, il manifesto del realismo, né il testo che inaugura la moderna scienza della politica, né quello che proclama la dottrina dell’autonomia della politica dall’etica. È, invece, una splendida orazione sulla redenzione dell’Italia, scritta da un uomo che sapeva trovare la sua rinascita spirituale nel pensiero delle ‘grandi cose’. Questo è il significato del Principe, e in questo sta la sua attualità. Quando nessuno lo leggerà più, vorrà dire che è morta l’aspirazione alla grande politica che sa redimere i popoli, e che ci siamo rassegnati alla penosa politica dei mediocri politici. **
### Sinossi
Niccolò Machiavelli ha scritto il Principe per disegnare, invocare e formare un redentore politico in grado, con l’aiuto di Dio, con la forza della profezia e quella delle armi, di liberare l’Italia dal dominio straniero. La sua opera più famosa, di cui ricorre quest’anno il cinquecentesimo anniversario della composizione, non contraddice affatto le idee repubblicane di Machiavelli ma ne costituisce la necessaria integrazione. Non è neppure, come molti autorevoli studiosi hanno ritenuto, il manifesto del realismo, né il testo che inaugura la moderna scienza della politica, né quello che proclama la dottrina dell’autonomia della politica dall’etica. È, invece, una splendida orazione sulla redenzione dell’Italia, scritta da un uomo che sapeva trovare la sua rinascita spirituale nel pensiero delle ‘grandi cose’. Questo è il significato del Principe, e in questo sta la sua attualità. Quando nessuno lo leggerà più, vorrà dire che è morta l’aspirazione alla grande politica che sa redimere i popoli, e che ci siamo rassegnati alla penosa politica dei mediocri politici.

Only registered users can download this free product.

Il mattino

Il quinto volume dell’Edizione nazionale delle opere di Giuseppe Parini presenta i due poemetti che diedero al loro autore la fama e l’importanza meritata nella storia delle nostre lettere. L’assetto ormai stabile della valutazione storiografica dei testi, pubblicati direttamente dall’autore, sta alla base di questa nuova edizione critica (con ampio commento e ricca introduzione), che ha consentito, d’altra parte, la messa a punto di alcune questioni filologiche sollevate dalle ricerche più recenti. Dedicare a questi poemetti un volume specifico vuol dire anche promuoverne una conoscenza oggettiva e autonoma, nella dialettica evoluzione che lega un testo all’altro, una valutazione che si appelli ai caratteri della loro scrittura, così come furono recepiti dal pubblico del loro tempo, senza riguardo per ciò che sarebbe seguito. **

Il quinto volume dell’Edizione nazionale delle opere di Giuseppe Parini presenta i due poemetti che diedero al loro autore la fama e l’importanza meritata nella storia delle nostre lettere. L’assetto ormai stabile della valutazione storiografica dei testi, pubblicati direttamente dall’autore, sta alla base di questa nuova edizione critica (con ampio commento e ricca introduzione), che ha consentito, d’altra parte, la messa a punto di alcune questioni filologiche sollevate dalle ricerche più recenti. Dedicare a questi poemetti un volume specifico vuol dire anche promuoverne una conoscenza oggettiva e autonoma, nella dialettica evoluzione che lega un testo all’altro, una valutazione che si appelli ai caratteri della loro scrittura, così come furono recepiti dal pubblico del loro tempo, senza riguardo per ciò che sarebbe seguito. **

Only registered users can download this free product.

I crimini dell’economia: Una lettura criminologica del pensiero economico

Spesso gli economisti hanno visitato il campo della criminologia, allo scopo di comprendere la logica razionale che si nasconde dietro i reati. Quando gli economisti esaminano l’attività criminale danno per scontato che i rei vadano trattati come qualunque altro attore sociale che compia scelte razionali. In I crimini dell’economia, Vincenzo Ruggiero restituisce la visita, passando in rassegna una varietà di scuole del pensiero economico classico secondo una prospettiva criminologica. Ciascuna di queste scuole, secondo lui, giustifica quando non incoraggia i delitti che sono il risultato dell’iniziativa economica. Ruggiero analizza, tra gli altri, John Locke e la sua nozione di proprietà privata, il mercantilismo, i fisiocrati e Malthus, nonché le argomentazioni di David Ricardo, Adam Smith, Alfred Marshall, John Maynard Keynes e del neoliberismo. In ciascuno di questi quadri teorici rintraccia la potenziale giustificazione di differenti forme di “crimini dell’economia”. Il libro, che si rivolge a chiunque si interessi di teoria sociale, di criminologia, di economia, di filosofia e di politica, compie un vero e proprio riesame della storia del pensiero economico, considerandolo alla stregua di una disciplina che, mentre si sforza di guadagnarsi la reputazione di scienza, in realtà mira a rendere accettabile la sofferenza sociale che produce. **
### Sinossi
Spesso gli economisti hanno visitato il campo della criminologia, allo scopo di comprendere la logica razionale che si nasconde dietro i reati. Quando gli economisti esaminano l’attività criminale danno per scontato che i rei vadano trattati come qualunque altro attore sociale che compia scelte razionali. In I crimini dell’economia, Vincenzo Ruggiero restituisce la visita, passando in rassegna una varietà di scuole del pensiero economico classico secondo una prospettiva criminologica. Ciascuna di queste scuole, secondo lui, giustifica quando non incoraggia i delitti che sono il risultato dell’iniziativa economica. Ruggiero analizza, tra gli altri, John Locke e la sua nozione di proprietà privata, il mercantilismo, i fisiocrati e Malthus, nonché le argomentazioni di David Ricardo, Adam Smith, Alfred Marshall, John Maynard Keynes e del neoliberismo. In ciascuno di questi quadri teorici rintraccia la potenziale giustificazione di differenti forme di “crimini dell’economia”. Il libro, che si rivolge a chiunque si interessi di teoria sociale, di criminologia, di economia, di filosofia e di politica, compie un vero e proprio riesame della storia del pensiero economico, considerandolo alla stregua di una disciplina che, mentre si sforza di guadagnarsi la reputazione di scienza, in realtà mira a rendere accettabile la sofferenza sociale che produce.

Spesso gli economisti hanno visitato il campo della criminologia, allo scopo di comprendere la logica razionale che si nasconde dietro i reati. Quando gli economisti esaminano l’attività criminale danno per scontato che i rei vadano trattati come qualunque altro attore sociale che compia scelte razionali. In I crimini dell’economia, Vincenzo Ruggiero restituisce la visita, passando in rassegna una varietà di scuole del pensiero economico classico secondo una prospettiva criminologica. Ciascuna di queste scuole, secondo lui, giustifica quando non incoraggia i delitti che sono il risultato dell’iniziativa economica. Ruggiero analizza, tra gli altri, John Locke e la sua nozione di proprietà privata, il mercantilismo, i fisiocrati e Malthus, nonché le argomentazioni di David Ricardo, Adam Smith, Alfred Marshall, John Maynard Keynes e del neoliberismo. In ciascuno di questi quadri teorici rintraccia la potenziale giustificazione di differenti forme di “crimini dell’economia”. Il libro, che si rivolge a chiunque si interessi di teoria sociale, di criminologia, di economia, di filosofia e di politica, compie un vero e proprio riesame della storia del pensiero economico, considerandolo alla stregua di una disciplina che, mentre si sforza di guadagnarsi la reputazione di scienza, in realtà mira a rendere accettabile la sofferenza sociale che produce. **
### Sinossi
Spesso gli economisti hanno visitato il campo della criminologia, allo scopo di comprendere la logica razionale che si nasconde dietro i reati. Quando gli economisti esaminano l’attività criminale danno per scontato che i rei vadano trattati come qualunque altro attore sociale che compia scelte razionali. In I crimini dell’economia, Vincenzo Ruggiero restituisce la visita, passando in rassegna una varietà di scuole del pensiero economico classico secondo una prospettiva criminologica. Ciascuna di queste scuole, secondo lui, giustifica quando non incoraggia i delitti che sono il risultato dell’iniziativa economica. Ruggiero analizza, tra gli altri, John Locke e la sua nozione di proprietà privata, il mercantilismo, i fisiocrati e Malthus, nonché le argomentazioni di David Ricardo, Adam Smith, Alfred Marshall, John Maynard Keynes e del neoliberismo. In ciascuno di questi quadri teorici rintraccia la potenziale giustificazione di differenti forme di “crimini dell’economia”. Il libro, che si rivolge a chiunque si interessi di teoria sociale, di criminologia, di economia, di filosofia e di politica, compie un vero e proprio riesame della storia del pensiero economico, considerandolo alla stregua di una disciplina che, mentre si sforza di guadagnarsi la reputazione di scienza, in realtà mira a rendere accettabile la sofferenza sociale che produce.

Only registered users can download this free product.