1201–1216 di 1765 risultati

Il prezzo del velo: la guerra dell’islam contro le donne

II ritorno del velo non riguarda solo i paesi arabi ma tocca anche il cuore dell’Europa. Nella cosmopolita Sarajevo, per esempio, sempre più donne scelgono di portare il velo, ma anche nelle grandi metropoli occidentali esso compare con sempre maggiore visibilità. In Francia la questione è stata affrontata impedendo il suo uso nelle scuole e nei luoghi pubblici, come tutti gli altri segni di riconoscimento identitario e religioso. In Italia la risposta è affidata al cosiddetto “buon senso”, eludendo nei fatti il portato ideologico della questione. Quali questioni generali si celano dietro una scelta in apparenza personale? Il velo rappresenta simbolicamente l’oppressione della donna nel mondo islamico, quando è imposto come regola religiosa. Il ritorno del velo è dunque legato spesso a regimi teocratici oppure alla reislamizzazione di alcuni paesi. In questo caso si tratta di un velo “ortodosso” solo parzialmente legato alla tradizione locale. La reinvenzione dell’islam restituisce quel senso di appartenenza perso con il fallimento del nazionalismo arabo e quindi dichiara l’appartenenza a una comunità ampia che va oltre i confini dei singoli stati nazionali per investire anche l’Occidente.
**

I pirati dell’oceano rosso

Non hanno più denaro, hanno perduto i loro amici e rischiato di morire, ma i Bastardi Galantuomini non sono sconfìtti, sono anzi più uniti che mai. Così Jean Tannen e Locke Lamora, ruggiti dall’amata Camorr, vanno là dove li porta l’irresistibile richiamo del denaro e cioè nella città di Tal Verrar, al centro della quale sorge la più grande, la più ricca e la più sorvegliata casa da gioco dello Stato. Leggenda vuole che ci abbiano provato in molti, a entrare nel suo caveau, e che nessuno ne sia mai uscito vivo. Ma proprio quando Locke e Jean si apprestano a sfatare la leggenda, un sinistro personaggio appare come per magia e, senza troppe cerimonie, li recluta come spie per assicurare alla giustizia i pirati del famigerato Zamira Drakasha. Davvero un incarico ideale per quei due, che non distinguono la poppa dalla prua e si trovano sbalzati in mezzo ad abbordaggi e a duelli a fil di spada nonché costretti a trasformarsi in lupi di mare.
**

Il pilota del Danubio

Questa storia narra di un eroe che si scontra con un personaggio a tratti stereotipato del cattivo classico ma in realta la storia a un finale a sorpresa che svelera un enigma incredibile nel mezzo ci saranno peripezie ,azione e compi di scena per gli appassionati di Verne questo libro non puo mancare.
**
### Sinossi
Questa storia narra di un eroe che si scontra con un personaggio a tratti stereotipato del cattivo classico ma in realta la storia a un finale a sorpresa che svelera un enigma incredibile nel mezzo ci saranno peripezie ,azione e compi di scena per gli appassionati di Verne questo libro non puo mancare.

I pilastri della creazione

Jennsen è una ragazza che fugge dal giorno in cui è nata. Fugge con la madre dal demone che l’ha messa al mondo e che vuole vederla morta a tutti i costi: un demone dall’aspetto bellissimo, ma diabolico, Darken Rahl. Nemmeno la morte del sovrano del’ D’Hara, però, le porta sollievo: Darken Rahl infatti è stato ucciso dal suo stesso figlio, Richard, un uomo ancor più spietato e potente del padre, che ha sposato una donna altrettanto crudele, la Madre Depositaria. Riuscirà Jennsen a sfuggire alla presa di quel nuovo demone, quando sembra impossibile sfuggire al richiamo del suo stesso sangue?

Pianoforte vendesi

‘Secondo me, Vitali sorpassa con la sua levità Guareschi.’
‘Il suo è puro gioco narrativo con momenti di alto virtuosismo.’
Antonio D’Orrico, ‘La lettura – Corriere della Sera’

‘Un grande narratore che, come Piero Chiara e Mario Soldati, sa raccontare la profondità della superficie.’
Bruno Quaranta, ‘Tuttolibri’

‘La forza delle storie di Andrea Vitali nasce da una innata capacità di ascolto delle vicende della gente comune che egli trasforma in prodigiosa azione romanzesca.’
Fulvio Panzeri, ‘Avvenire’

È la notte dell’Epifania, sera di festa a Bellano. Dal treno scende ‘il Pianista’ – così chiamato per via delle sue mani lunghe e affusolate -, ladro di professione. Piove, fa freddo. Perlustrando le contrade nell’attesa della folla che assisterà alla processione dei Re Magi, il Pianista incappa in un cartello affisso su un vecchio portone: ‘Pianoforte vendesi’. Incuriosito, dopo aver saputo che l’appartamento è disabitato e visto che il tempo non migliora, rovinando così la festa e soprattutto trattenendo nelle loro case le sue possibili prede, decide di entrare…
Pianoforte vendesi è la storia di un ladro che deve scegliere tra le buone e le cattive azioni: il bianco e il nero, come i tasti del pianoforte. I gesti che si troverà a compiere rivelano un grande desiderio di riscattare la sua umanità. Sullo sfondo c’è un’intera collettività, un paese sospeso – per una notte – fra legalità e illegalità, fra lecito e illecito, fra comandamento etico e abitudine.
In questo romanzo breve e di straordinaria intensità, Andrea Vitali ci fa scoprire una Bellano inedita, notturna, forse un po’ magica. Tra le strade e nelle case si avverte ancora l’eco, e forse il respiro, di tutti coloro che lì hanno vissuto, gioito, sofferto, sognato, amato. Così, attraverso le atmosfere soffuse e le penombre di Pianoforte vendesi, Andrea Vitali rende omaggio alla sua città. Senza però dimenticare mai i guizzi folgoranti del suo umorismo.

(source: Bol.com)

Il piacere di uccidere

Una serie di omicidi irrisolti che ricalcano tristemente un medesimo schema sta facendo impazzire la polizia di Minneapolis, bloccata in una sorta di vicolo cieco. Il killer sembra prediligere belle ragazze, bionde, e di fuori città. E tutte appartenenti ad ambiti lavorativi che gravitano attorno al mondo dell’arte e della grafica pubblicitaria. Una di esse è l’unica nipote dell’agente Marshall, affranto collega e amico del detective Lucas Davenport, impegnato nelle indagini. Improvvisamente, la macabra scoperta di un cimitero che cela i resti delle sfortunate vittime dà impulso all’inchiesta e il cerchio si stringe attorno a un sospetto: l’elegante ed enigmatico professore di storia dell’arte James Qatar. Qual è il suo ambiguo rapporto con la disinibita Ellen Barstad? Che cosa nasconde così gelosamente nel suo computer? Come mai intrattiene rapporti con uno squinternato ricettattore? In una successione di colpi di scena, il serial killer, ormai braccato, comincia a commettere passi falsi ma non si trattiene dal lanciare un’estrema, delirante sfida…
**

Per nessun motivo

A volte basta poco a stravolgere gli equilibri di una vita. Per esempio un vecchio foglio ingiallito che cade per caso da un cassetto pieno di cianfrusaglie, riportando a galla una verità sepolta da venticinque anni. Una lettera nascosta per paura da una moglie gelosa, e capace in un sol colpo di strappare Antonio dalla quiete della sua casa di campagna e di trascinarlo su un treno per Parigi alla ricerca di un passato che credeva diverso. C’è un pezzo di vita, da qualche parte nella *plus belle ville du monde*, che qualcuno gli ha rubato e che nonostante tutto potrebbe essere l’inizio di un’esistenza nuova, di un futuro inimmaginabile. Antonio è convinto di poterselo riprendere, scontando una colpa che non sapeva di avere e definendo per sé una nuova identità di uomo. Ma non sarà facile come credeva e si troverà ad affrontare sentimenti pericolosi, pensieri inconfessabili. Perché gli occhi verdi di una bella donna diventeranno la promessa di un sogno proibito, la scintilla di un legame ambiguo di cui fino all’ultimo fingerà di non accorgersi. E chi gioca con il fuoco, si sa, prima o poi si scotta.
Sostenuto da una scrittura di straordinaria limpidezza, il nuovo romanzo di Marco Vichi è la storia di un amore impossibile ma non per questo meno desiderato, un gioco di seduzione che sembra voler beffare i protagonisti tingendosi di mistero.

I peccati dei Borgia

Quando Violante, giovane ebrea di Toledo, parte per l’Italia nel 1492, non può immaginare i magnifici eccessi di cui sarà presto testimone. Sola e inesperta, fa il suo ingresso come dama di compagnia in una delle corti più fastose d’Europa: quella splendida e misteriosa dei Borgia. Diventata prediletta della bellissima Lucrezia, che la tiene sempre con sé, e innamorata di suo fratello Cesare, che ne farà la propria amante, la fanciulla gode dell’ambiguo privilegio di veder nascere gli intrighi più perversi, le vendette più feroci, i rapporti più lussuriosi di una famiglia celebre per aver fatto del potere, e del peccato, il proprio credo. Compreso il patriarca, Rodrigo Borgia, alias papa Alessandro VI, che mentre allunga le mani su Roma non si fa mancare i favori della stupenda, e giovanissima, Giulia Farnese. Ma a palazzo, in realtà, nessuno è come appare. Se le lussuose stanze celano una Lucrezia ignota a chi la ritiene soltanto una donna volgare e depravata, e se i mormorii su Cesare non possono svelare l’anima dell’uomo a cui Violante ha dato il cuore, quest’ultima, dal canto suo, nasconde più di un segreto: un passato con troppi lati oscuri, e una missione inconfessata…
**

L’ora delle tenebre

Una nebbiosa mattina d’estate, nella remota isola di Öland, in Svezia, un bambino di quattro anni si avventura nell’impalpabile cortina di nebbia, alla scoperta del mondo oltre il giardino dei nonni materni. Venti anni dopo ancora nulla si sa di lui e della sua fine, fino al giorno in cui Julia, la madre, riceve una telefonata da suo padre. Il vecchio ha appena ricevuto un pacco. Al suo interno vi trova la scarpetta sdrucita del nipotino, scomparso tanti anni prima. Julia si farà forza e tornerà nell’isola del suo incancellabile lutto. Qui verrà a conoscenza di un’intricata storia che risale ai tempi della Seconda guerra mondiale e che ha per protagonista l’enigmatico e violento Nils Kant, il proprietario della cava oltre che di molti terreni della zona. Corre voce che da ragazzo avesse lasciato affogare il fratello minore e che fosse colpevole di diversi delitti rimasti irrisolti. Ma Nils risulta morto all’epoca della sparizione del piccolo Jens. Che cosa collega le due vicende? Julia non si darà pace finché insieme a suo padre non scoprirà l’imprevedibile e sconvolgente verità che riguarda l’oscuro passato dell’isola.

Opera di seduzione

Vic Savian è un aitante e ombroso drammaturgo di successo, che si divide tra la scintillante vita della scena culturale di Chicago e gli ampi spazi aperti del suo ranch, dove ama cavalcare libero e selvaggio come i puledri che alleva. La sua vicina di casa in un lussuoso residence di Chicago è la riservata Niall Chandler, tormentata da oscuri segreti familiari e da una tragedia che la tiene legata al passato. Sobria, responsabile e raffinata, non è il tipo di donna che andrebbe a letto con un estraneo, eppure… è proprio così che finisce il primo incontro tra Vic e Niall.
Tra i due divampa violenta la passione, disinibita e torrida. Niall ha bisogno di tornare a vivere e Vic risveglia i suoi sensi e il suo corpo con inventiva e ardore. Lui è un uomo tormentato e di poche parole che conosce la sensibilità solo sulla scena e nelle sue opere, ma nella vita reale ha paura di esporre i propri sentimenti e il proprio cuore.
Riusciranno Niall e Vic a liberarsi del passato ed esplorare le possibilità di un futuro felice insieme non solo a letto?

Oltre il portale oscuro

Il vecchio orco sciamano Ner’zhul ha ripreso il controllo dell’Orda e ha riaperto il Portale Oscuro. Ancora una volta, i suoi brutali guerrieri hanno invaso Azeroth, assediando la Fortezza di Nethergarde, appena edificata. Da lì l’arcimago Khadgar e Turalyon, il comandante dell’Alleanza, guidano umani, elfi e nani nella lotta contro la nuova invasione. Ma altri problemi sorgono inquietanti. Khadgar viene a sapere di altre incursioni di orchi, molto più lontano. Il manipolo di feroci guerrieri è apparentemente spinto da un obiettivo diverso dalla semplice conquista. E, cosa ben peggiore, persino i draghi neri sono stati visti aiutare gli antichi nemici. Per opporsi alle oscure trame di Ner’zhul, l’Alleanza deve osare qualcosa mai osato prima… Riusciranno Khadgar e i suoi compagni a fermare il nefando sciamano in tempo per impedire la distruzione di entrambi i mondi? Consigliata la supervisione di un adulto.

Odd e il gigante di ghiaccio

Odd non è stato esattamente baciato dalla fortuna: ha perso il padre durante una spedizione in mare, è zoppo e come se non bastasse deve affrontare un inverno molto più lungo e freddo del solito. Ma Odd non perde mai il sorriso, e questo fa imbestialire ancora di più gli abitanti del villaggio vichingo, già provati dall’infinita attesa della primavera. A Odd non resta che rifugiarsi nel bosco, dove incontra un orso intrappolato nella cavità di un albero, una volpe e un’aquila: solo dopo aver liberato l’orso scoprirà che dietro le sembianze dei tre animali si nascondono gli dei Thor, Loki e Odino, trasformati in creature terrene e cacciati da un terribile gigante di ghiaccio, che con l’inganno è riuscito a entrare nella città degli dei. Odd si offrirà di aiutare le tre divinità a riprendersi la loro dimora, ma dovrà affrontare il gigante e riportare finalmente la primavera al villaggio.
Età di lettura: da 11 anni.

I nuovi imperi. La mappa geopolitica del XXI secolo

Coloro che avevano profetizzato la fine della storia e della geografia con la caduta del Muro di Berlino devono ripensare le loro teorie sulla base di una impressionante accelerazione delle dinamiche politiche, economiche e sociali che ha caratterizzato quest’ultimo ventennio. L’elemento territoriale, che gli analisti del villaggio globale volevano relegato agli atlanti del passato, torna ad affermarsi come discriminante nella competizione tra Stati. Una competizione per l’energia, il commercio, le nuove rotte di un mondo che ha fame di crescita e sete di petrolio. Chi sono gli attori di questa nuova competizione globale? Innanzitutto gli Stati Uniti d’America, ma negli ultimi anni la storia registra il ritorno ad una aggressività geostrategica della Russia, che nell’energia e nella proiezione politica trova due formidabili strumenti di affermazione. La Cina, campione di una crescita economica senza freni e di un dinamismo “geodemografico” senza precedenti, ben presto utilizzerà la capitalizzazione economica per alimentare le proprie ambizioni strategiche sull’Asia Maior, nuova frontiera delle relazioni internazionali. Ma a giocare un ruolo da protagonisti ci sono anche l’India, la più popolosa democrazia del mondo, laboratorio della nuova middle class globale, dell’innovazione tecnologica e dell’alta tecnologia.
**

Nefertiti

Regina di leggendaria bellezza e sapienza, Nefertiti è scomparsa. Un evento che potrebbe scuotere la potenza del regno del faraone Akhenaton fino alle fondamenta, se il corpo della sposa regale venisse ritrovato. Il faraone affida il caso a Rahotep, uno dei migliori “indagatori di misteri” della sua corte, consapevole di trovarsi di fronte a una vicenda di straordinaria pericolosità. Gran parte del folto seguito regale, infatti, lo guarda con sospetto, se non con aperta ostilità. Tra ricevimenti e incontri con personaggi ambigui, sempre attento a guardarsi le spalle, un passo dopo l’altro, Rahotep si addentrerà in un labirinto di intrighi e sospetti che lo porterà alle soglie dell’Ombra, quel Regno dei Morti dove lo attende una sorpresa inimmaginabile. Un thriller storico ambientato in una delle epoche più favolose dell’antichità, in cui campeggia la figura affascinante della più famosa regina egiziana.
**

La Moglie Sbagliata

«*Un debutto eccellente. Un ritratto di famiglia straordinario.*»
**Publishers Weekly**
«*Energico, fresco e, sorprendentemente saggio, vista la giovane età dell’autore. Ogni pagina del romanzo meriterebbe di essere citata, ciascuna frase scoppietta di acume, colpisce i sensi del lettore con odori, luce, e calore.*»
**San Francisco Chronicle**
Rakesh Ahuja è seduto nella tenda matrimoniale e aspetta la futura sposa. L’ha vista solo una volta, quando è andato a incontrarla nella casa dei suoi genitori. Ma non appena la ragazza si accomoda accanto a lui, dietro le frange d’oro Rakesh scorge occhi diversi da quelli della donna che aveva scelto. Rakesh è come paralizzato, ma sa che ormai è tardi per tirarsi indietro, il disonore sarebbe troppo grande. I due girano intorno al fuoco rituale: ora sono marito e moglie e si dovranno amare.
Molti anni sono passati da quel giorno e, nonostante tutto, tredici figli si sono susseguiti uno dietro l’altro. Tredici bambini che combattono senza sosta per avere le attenzioni di un padre spesso assente. Un padre che si dedica con maggiore impegno alla sua carica di ministro dello Sviluppo urbano e alla costruzione dei cavalcavia che stanno invadendo New Delhi, piuttosto che allo sciame di ragazzini che lo insegue ogni mattina. L’unico per cui Rakesh è disposto a fare un’eccezione è Arjun,  il più grande, un sedicenne ribelle negli occhi del quale Rakesh rivede il fuoco di un amore segreto, un amore di cui nessuno più si ricorda, tranne lui.
**
### Sinossi
«*Un debutto eccellente. Un ritratto di famiglia straordinario.*»
**Publishers Weekly**
«*Energico, fresco e, sorprendentemente saggio, vista la giovane età dell’autore. Ogni pagina del romanzo meriterebbe di essere citata, ciascuna frase scoppietta di acume, colpisce i sensi del lettore con odori, luce, e calore.*»
**San Francisco Chronicle**
Rakesh Ahuja è seduto nella tenda matrimoniale e aspetta la futura sposa. L’ha vista solo una volta, quando è andato a incontrarla nella casa dei suoi genitori. Ma non appena la ragazza si accomoda accanto a lui, dietro le frange d’oro Rakesh scorge occhi diversi da quelli della donna che aveva scelto. Rakesh è come paralizzato, ma sa che ormai è tardi per tirarsi indietro, il disonore sarebbe troppo grande. I due girano intorno al fuoco rituale: ora sono marito e moglie e si dovranno amare.
Molti anni sono passati da quel giorno e, nonostante tutto, tredici figli si sono susseguiti uno dietro l’altro. Tredici bambini che combattono senza sosta per avere le attenzioni di un padre spesso assente. Un padre che si dedica con maggiore impegno alla sua carica di ministro dello Sviluppo urbano e alla costruzione dei cavalcavia che stanno invadendo New Delhi, piuttosto che allo sciame di ragazzini che lo insegue ogni mattina. L’unico per cui Rakesh è disposto a fare un’eccezione è Arjun,  il più grande, un sedicenne ribelle negli occhi del quale Rakesh rivede il fuoco di un amore segreto, un amore di cui nessuno più si ricorda, tranne lui.