49–64 di 1765 risultati

Viva Las Vegas

Las Vegas, si sa, non dorme mai. Ma oggi nella città del peccato, nell’unico posto al mondo in cui tutto è possibile, nessuno fa caso ai tavoli verdi, alle palline delle roulette, ai jackpot delle slot machine, o ai pali per la lap-dance. Tutta l’attenzione è concentrata su 15 scrittori giovani e forti che si ritrovano qui per l’inaugurazione della casa editrice più cool della galassia. Puntare su di loro non è un azzardo. Racconti di Ivano Bariani, Giuseppe Bottero, Dario Buzzolan, Marco Candida, Gabriele Dadati, Danilo Deninotti, Giorgio Fontana, Chiara Gamberale, Elisa Genghini, Michele Governatori, Christian Mascheroni, Carlo Melina, Gianluca Mercadante, Gianluca Morozzi, Alessio Romano.

Un’educazione Libertina

È un uomo senza virtù, senza coscienza. Un libertino, un empio. Ride di tutto, non ha nulla a che fare con le convenzioni, ride della morale. I suoi costumi sono, è detto, abbastanza sconvenienti, le sue abitudini frivole, le sue inclinazioni per i piaceri non hanno limiti. Egli brama entrambi i sessi. Ci sono innumerevoli matrimoni distrutti per colpa sua, per il semplice gioco di seduzione, l’eccitazione della vittoria. È spudorato e cattivo, vagabondo e osceno. La sua reputazione lo precede. Le madri avvertono le loro figlie, per timore che vengano ingannate. Si sospetta che le donne si uccidano a vicenda per lui. Dopo averli portati all’estasi dell’amore, li disprezza improvvisamente, perché solo la voluttà lo inebria. Si sussurra che abbia fornicato con suore pervertite e abbia costretto molte altre donne a rinchiudersi in un convento. Ha deviato gli uomini dalle loro mogli, anche quelli che giurano di non essere sensibili a questi piaceri. «Oh, bisogna stare attenti, molto attenti al vizio». Parigi, 1760. Il giovane Gaspard lascia Quimper, in Bretagna, per la capitale. Qui sarà fatale l’incontro con il conte Étienne de V, che lo inizierà ai piaceri della carne. Ma, dopo l’abbandono dell’amante, Gaspard si ritroverà solo e dovrà trovare il modo di sopravvivere. Dalle sudice rive della Senna alle raffinatezze dei salotti parigini, Gaspard compirà una vertiginosa scalata sociale guidato solo e unicamente dai propri sordidi vizi. Scandaloso romanzo di formazione, Un’educazione libertina traccia l’ascesa e la caduta di un uomo reso schiavo dalla carne, dalla penna acuta e precisa dell’autore del sensazionale Regno animale. **
### Sinossi
È un uomo senza virtù, senza coscienza. Un libertino, un empio. Ride di tutto, non ha nulla a che fare con le convenzioni, ride della morale. I suoi costumi sono, è detto, abbastanza sconvenienti, le sue abitudini frivole, le sue inclinazioni per i piaceri non hanno limiti. Egli brama entrambi i sessi. Ci sono innumerevoli matrimoni distrutti per colpa sua, per il semplice gioco di seduzione, l’eccitazione della vittoria. È spudorato e cattivo, vagabondo e osceno. La sua reputazione lo precede. Le madri avvertono le loro figlie, per timore che vengano ingannate. Si sospetta che le donne si uccidano a vicenda per lui. Dopo averli portati all’estasi dell’amore, li disprezza improvvisamente, perché solo la voluttà lo inebria. Si sussurra che abbia fornicato con suore pervertite e abbia costretto molte altre donne a rinchiudersi in un convento. Ha deviato gli uomini dalle loro mogli, anche quelli che giurano di non essere sensibili a questi piaceri. «Oh, bisogna stare attenti, molto attenti al vizio». Parigi, 1760. Il giovane Gaspard lascia Quimper, in Bretagna, per la capitale. Qui sarà fatale l’incontro con il conte Étienne de V, che lo inizierà ai piaceri della carne. Ma, dopo l’abbandono dell’amante, Gaspard si ritroverà solo e dovrà trovare il modo di sopravvivere. Dalle sudice rive della Senna alle raffinatezze dei salotti parigini, Gaspard compirà una vertiginosa scalata sociale guidato solo e unicamente dai propri sordidi vizi. Scandaloso romanzo di formazione, Un’educazione libertina traccia l’ascesa e la caduta di un uomo reso schiavo dalla carne, dalla penna acuta e precisa dell’autore del sensazionale Regno animale.

Tentazioni deliziose

Famosa a Parigi per i suoi piatti indimenticabili, Verity Durant è altrettanto impopolare a Londra per la sua scandalosa vita privata. Ma questa è l’ultima delle sorprese che attendono il suo nuovo datore di lavoro… Per Stuart Somerset – astro nascente della politica londinese -, l’affascinante Verity non è altro che una donna come tante, esattamente come il cibo è nient’altro che cibo, almeno finché non assaggia uno dei suoi piatti. C’è stata solo un’occasione in cui ha provato una sensazione così dirompente: la notte in cui ha incontrato una splendida sconosciuta che gli ha lasciato solo il ricordo di un’incredibile passione, per poi sfumare nel nulla. Da allora sono passati dieci anni, e quando Stuart incontra Verity, capisce che c’è solo una cosa che potrà finalmente saziare il suo appetito. Si tratterà solo di desiderio, di sete di vendetta, o anche del più delicato dei sentimenti? Il passato di Verity cela segreti che potrebbero separarli per sempre, proprio mentre loro cercano di assaporare il frutto delizioso dell’amore. **

Sognando te

Nell’Inghilterra dell’Ottocento Sara Fielding passa il tempo a creare storie che fanno sognare, nel sicuro rifugio di un cottage di campagna. La sua vita tranquilla viene sconvolta quando, spinta dalla curiosità, si avvicina al bellissimo Derek Craven, che è riuscito a riscattarsi dalla povertà estrema della sua infanzia e ora è il re della più prestigiosa casa da gioco londinese. Derek è diventato ricco, ma anche sospettoso, duro di cuore; e quando la dolce, innocente, beneducata Sara entra nel suo mondo pericoloso qualcosa cambia. Da ragazza timida e semplice, Sara si trasforma in una donna di gran fascino, mentre il cinico Derek impara a cedere alle lusinghe e alle promesse dell’amore…

Punizione

È un uomo duro il commissario Ewert Grens della polizia di Stoccolma, di ogni cosa fa sempre una questione personale. Come quando trova in coda per le denunce un uomo con un orecchio che sanguina e una pupilla più grande dell’altra. Sembra una faccenda di routine: la solita rissa fra ubriachi sul traghetto che fa la spola tra Svezia e Finlandia, e chi rimane a terra viene a sporgere denuncia in centrale. Ma per Grens diventa subito qualcosa di più: quello sguardo, il sangue dall’orecchio; come la sua Anni, che da venticinque anni vegeta in un ospedale da cui non uscirà mai. Per il commissario, e per i suoi collaboratori Sven Sundkvist e Mariana Hermansson, è l’inizio di un’indagine più complessa e delicata del solito. Perché l’aggressore, tale John Schwarz, in realtà non esiste, o meglio le sue impronte digitali corrispondono a quelle di un cittadino americano di nome John Meyer Frey, deceduto nel braccio della morte dell’Ohio per una grave patologia cardiaca mentre attendeva l’esecuzione. Frey, accusato del brutale omicidio della fidanzata, si era sempre proclamato innocente ma, né le prove indiziarie né la minore età, lo avevano salvato dalla condanna capitale. Possono essere la stessa persona? John Meyer Frey è, o è stato, davvero un assassino? Mentre Grens ricompone i frammenti di una storia incredibile, gli Stati Uniti, e con loro il padre della ragazza uccisa, reclamano quel prigioniero che rischia di trasformarsi in un micidiale sberleffo per il loro sistema penale.

Libri e amori a Los Angeles

La protagonista, 35 anni, due divorzi alle spalle, single, vive a West Los Angeles. È una vera divoratrice di libri, maniacale e compulsiva: quando è in crisi sentimentale o è stressata dal lavoro, si chiude per giorni e giorni in casa senza mai uscire o rispondere al telefono e legge ininterrottamente. Quando analizza le ragioni della fine dei suoi matrimoni, quando cerca di decidere cosa fare della sua carriera di giornalista interrotta anni prima, insomma quando prova a dare un senso alla sua vita, Dora si ubriaca di letture. Durante una delle sue innumerevoli spedizioni in libreria si prende una cotta per un commesso. Fred è carino, spiritoso, brillante e romantico. E sembra quasi il protagonista di un romanzo oltre a essere, per Dora, la perfetta via di fuga da tutti i suoi problemi. In breve tempo tra i due sboccia l’amore, ma all’orizzonte si profilano delle complicazioni. Dora si trova costretta a fare scelte difficili. Deve decidere tra due uomini, entrambi affascinanti, tra una vita d’ozio e il lavoro, ma soprattutto tra la gioia delle parole scelte con cura di un libro e l’essenza caotica e disordinata delle persone reali e della vita vera.
**

La corsa più lunga. Obama vs McCain: due visioni, una nazione

La corsa alla Casa Bianca resta uno degli esercizi più alti, complessi (e spettacolari) della moderna democrazia. Questo volume ha due anime: da un lato Samples spiega le regole e i meccanismi delle elezioni (dalla creazione del candidato al suo posizionamento nello schieramento di partito, dalle primarie alle votazioni finali), dall’altro Simoni racconta l’America che in questi mesi è andata alle urne, gli interessi in competizione, e conclude con un’analisi approfondita della storia e del profilo politico dei due sfidanti.
**

L’impero: Traffici, storie e segreti dell’occulta e potente mafia dei Casalesi

Dopo l’esplosione dello scandalo delle discariche in Campania e la sentenza d’appello del processo Spartacus, i Casalesi sono balzati alla ribalta della cronaca. Come nel caso dei Corleonesi in Sicilia, il clan più potente e sanguinario della camorra non viene dalla città ma dalla campagna: il paese di Casal di Principe, in provincia di Caserta. E proprio un’alleanza organica con la mafia è all’origine del trionfo dei Casalesi, che incarnano lo spirito e i riti della vecchia camorra e insieme dimostrano una straordinaria capacità di adattarsi al presente. Fin dagli anni Ottanta hanno sviluppato un controllo paramilitare del territorio, esigono percentuali sulla vendita di droga, sulla prostituzione, sul gioco d’azzardo, esercitano estorsioni su ogni attività commerciale, si infiltrano in tutti gli appalti pubblici, governano gli investimenti immobiliari, diversificano le loro attività in settori che vanno dalle pompe funebri alla produzione di mozzarella di bufala fino al calcio, riciclano milioni di euro e si arricchiscono col business dei rifiuti tossici e delle discariche abusive, allargando sempre più la loro influenza in Italia e nel mondo; e tutto questo in mezzo a delitti eccellenti, lupare bianche, sanguinose guerre fra clan. Attraverso documenti, atti giudiziari, testimonianze, cronache giornalistiche e una serrata ricostruzione storica, Gigi Di Fiore, che dalle pagine del “Mattino” segue anche le vicende di quella “periferia della periferia dimenticata”, compone con L’impero il primo racconto complessivo di un’agghiacciante realtà criminale che ha superato i confini della cronaca nera ed è diventata un vero e proprio cancro sociale. **
### Sinossi
Dopo l’esplosione dello scandalo delle discariche in Campania e la sentenza d’appello del processo Spartacus, i Casalesi sono balzati alla ribalta della cronaca. Come nel caso dei Corleonesi in Sicilia, il clan più potente e sanguinario della camorra non viene dalla città ma dalla campagna: il paese di Casal di Principe, in provincia di Caserta. E proprio un’alleanza organica con la mafia è all’origine del trionfo dei Casalesi, che incarnano lo spirito e i riti della vecchia camorra e insieme dimostrano una straordinaria capacità di adattarsi al presente. Fin dagli anni Ottanta hanno sviluppato un controllo paramilitare del territorio, esigono percentuali sulla vendita di droga, sulla prostituzione, sul gioco d’azzardo, esercitano estorsioni su ogni attività commerciale, si infiltrano in tutti gli appalti pubblici, governano gli investimenti immobiliari, diversificano le loro attività in settori che vanno dalle pompe funebri alla produzione di mozzarella di bufala fino al calcio, riciclano milioni di euro e si arricchiscono col business dei rifiuti tossici e delle discariche abusive, allargando sempre più la loro influenza in Italia e nel mondo; e tutto questo in mezzo a delitti eccellenti, lupare bianche, sanguinose guerre fra clan. Attraverso documenti, atti giudiziari, testimonianze, cronache giornalistiche e una serrata ricostruzione storica, Gigi Di Fiore, che dalle pagine del “Mattino” segue anche le vicende di quella “periferia della periferia dimenticata”, compone con L’impero il primo racconto complessivo di un’agghiacciante realtà criminale che ha superato i confini della cronaca nera ed è diventata un vero e proprio cancro sociale.

Fascino bollente

BASTION CLUB – Vol. 4. Christian Allardyce non ha mai dimenticato Lady Letitia, e quando lei gli chiede aiuto per smascherare l’assassino del marito accetta di mettersi al suo servizio. Nel giro di pochi giorni l’antica passione riaffiora: Christian assapora di nuovo la dolcezza di quelle labbra che non ha mai dimenticato, accarezza la pelle di velluto e le forme morbide che ha sognato nelle solitarie notti degli ultimi anni e capisce di essere ancora una volta prigioniero del fascino di Letitia. Lei, in apparenza, è immune dal desiderio che lo consuma, ma Christian ha in mente una strategia di seduzione…
Volumi della serie:
1) Tentazioni di una gentildonna
2) Tentazione segreta
3) Giochi di seduzione
4) Fascino bollente
5) Audace fantasia

Fabrizio De André in concerto

**A venti anni dalla scomparsa di “Faber”, il libro cult dei suoi concerti**
Questo volume è una rivelazione. Con passione, puntiglio, tenacia – passando per non poche difficoltà – gli autori hanno compiuto una rara indagine su Fabrizio De André in scena, partendo dalla sua proverbiale “paura del palcoscenico” per disegnare l’affresco esteso delle sue otto *tournées* e delle avventure buffe, strane, belle accadute in venti e più anni. Si parte dalla contestata esibizione alla Bussola del 1975 e dai primi concerti “militanti”, si passa alle scandalose nozze fra rock e canzone con la PFM e si approda a *Creuza de mä* e agli spettacoli sempre più sofisticati con la musica di *Le nuvole* e *Anime salve*. Fino all’ultima volta che Fabrizio scese da un palco, quel 24 agosto del 1998 a Saint-Vincent. Una ricerca basata sui resoconti “in diretta” dei media dell’epoca e sulle memorie dei musicisti che hanno accompagnato “Faber” in scena e dei molti che lo hanno incontrato, conosciuto, frequentato. Intervistati apposta per questo libro, offrono informazioni spesso inedite che rivelano sfaccettature sorprendenti dell’uomo e dell’artista. Un tesoro ricchissimo di date, scalette, storie, aneddoti, locandine, rari *memorabilia*. E soprattutto lui, Fabrizio, con i suoi lucidi ragionamenti sul fare musica, con i suoi slanci e le sue paure.

Causa di forza maggiore

Nell'esistenza di un individuo assolutamente normale irrompe l'imprevisto: uno sconosciuto sceso da una Jaguar suona alla porta di casa, chiede di fare una telefonata e viene colpito da infarto appena composto il numero. Un segno del destino? Un complotto? Una sfida? Baptiste Bordave non sta a porsi troppe domande e, ispirato anche da una vaga somiglianza con il defunto, si impadronisce dei documenti, dei soldi, della macchina e cambia vita per sempre. Romanzo d'amore? Storia di spionaggio? Manuale per estremisti dello champagne? Ancora una volta Amélie Nothomb sovverte tutte le regole del gioco letterario, e affascina i lettori con una vicenda avvincente ed eccentrica, in cui il culto per le bollicine dorate ha un ruolo fondamentale.

Black Moon: un bacio prima di morire

Riley Jenson è una donna sexy e molto determinata. Nelle sue vene scorre sangue di vampiro e l’istinto di un lupo mannaro la salva dalle insidie e dai guai. Riley non ha mai paura di dire la sua, né di confrontarsi con il pericolo. Neppure adesso che il suo compito è scovare un killer che si aggira nel patinato mondo dell’alta società di Melbourne, infierendo sulle sue vittime con inaudita ferocia. Ma c’è anche un altro assassino che si muove nell’ombra, una creatura inafferrabile, ossessionata dal passato. E le cose per Riley sono destinate a complicarsi: a una festa infatti incontra Quinn, la sua vecchia fiamma. Con lui ha vissuto momenti di bruciante passione ed è l’unico uomo su cui non ha assolutamente nessun controllo…

Affidabilità delle costruzioni meccaniche. Strumenti e metodi per l’affidabilità di un progetto

La crescente competitivit del mercato richiede ogni volta un progetto pi accurato dei componenti e sistemi meccanici, in modo da limitare utilizzo dei materiali e costi . Tuttavia viene sempre di pi richiesto, sia dal mercato che a livello normativo, che i componenti svolgano al meglio la loro funzione durante l intera vita del prodotto garantendo tanto la assenza d interruzioni di servizio come rotture o cedimenti che possano comportare un rischio a livello di sicurezza. In questo ambito il presente volume, rivolto a studenti della laurea magistrale ed ingegneri meccanici, intende fornire i metodi per impostare e valutare l affidabilit di un progetto sulla base di un ampia casistica di applicazioni. A partire dai richiami dei metodi statistici per descrivere le variabili ingegneristiche, il volume descrive i diversi approcci della statistica dei valori estremi con interessanti applicazioni ai carichi sulle strutture ed al controllo dei materiali. Viene quindi affrontata la progettazione affidabilistica dei componenti soggetti a sollecitazioni meccaniche, alla base del metodo agli stati limite, e confrontata con la progettazione tradizionale. Completano il quadro i concetti di analisi dei sistemi.

Testi gnostici

“L’albero della vita degli immortali, manifestato dal volere di Dio, è sito nella parte settentrionale del paradiso, per rendere immortali le anime dei santi, quelle che provengono dalle opere della povertà, allorché avverrà il termine dell’eòne. Il colore dell’albero della vita è come il sole; i suoi rami sono belli; le sue foglie sono come quelle del cipresso; il suo frutto è splendente come grappoli d’uva; la sua altezza raggiunge il ciclo. Vicino a esso si trova l’albero della gnosi, il quale ha la forza di Dio; il suo splendore è come la luna, quando è molto splendente; i suoi rami sono belli; le sue foglie sono come le foglie di fico; il suo frutto è come i buoni e magnifici datteri. Esso è sito nella parte settentrionale del paradiso per scuotere le anime dal sonno dei demoni, affinchè vengano dall’albero della vita, mangino del suo frutto, e condannino le potenze e i loro angeli.”