913–928 di 1542 risultati

Cercasi Niki disperatamente

A volte è difficile capire una persona, anche se la conosci bene. Se poi è una ragazza, è veramente difficile. Se poi quella ragazza l’hai vista per soli cinque minuti, allora è veramente impossibile. Eppure sono sicuro che qualcosa su di lei l’ho capito. Nel romanzo “Scusa ma ti chiamo amore” l’ho chiamata Niki. Ma tu, chi sei veramente Niki? Ti ho cercata lungo le strade. Mi sono voltato ogni tanto inseguendo un sorriso nel vento, quel muoversi di capelli. Non eri tu. Ma non ho dubbi su quel ricordo. La tua risata. Quel giorno in via del Corso hai incrociato il mio sguardo per un attimo. Ecco. E quella storia che i tuoi occhi mi hanno raccontato non sono riuscito a dimenticarla. Mi piacerebbe saperne di più su di te e in queste nuove pagine ho provato ad attraversare un po’ tutta la tua vita. Solo una cosa. Se per caso ci ho preso… be’ fammelo sapere.

Cemento armato

Roma, 2007. Il Primario è un boss della nuova malavita palazzinaro, perfido, spietato, misterioso come un diamante nero. La sua esatta purezza nel compiere il male lo pone al di sopra degli altri, senza limiti e senza ritegno. Il Primario un giorno entra in contatto con Diego, ragazzo un po’ ingenuo e sognatore, ma capace di farsi rispettare e deciso a vivere la vita a modo suo. Da questo incontro, assieme casuale e fatale, nasce la sfida tra i due protagonisti. Da una parte Diego cercherà una giustizia impossibile per il male subito dalla donna che ama, e dall’altra il Primario cercherà la vendetta per il suo “onore” criminale. I due saranno destinati a inseguirsi a distanza, in un intreccio mozzafiato che li porterà a un confronto finale degno di un film western. “Cemento armato” è una grande storia che unisce alle atmosfere noir di una Roma contemporanea, violenta e malavitosa, l’amore tenero e romantico tra due ragazzi, Diego e Asia, stuprati dalla sfida del male. Il libro è stato pensato allo stesso tempo come film e come romanzo. Nel film che segna l’esordio alla regia di Marco Martani, Asia e Diego hanno i volti di Carolina Crescentini e Nicolas Vaporidis e il Primario gli occhi cerulei di Giorgio Paletti. E la macchina narrativa del libro è guidata da una stella del noir italiano come Sandrone Dazieri.
**

I casi dimenticati

È un’estate particolarmente torrida, a Cambridge, e Jackson Brodie, ex ispettore di polizia, ora investigatore privato, è come tanti altri vittima del caldo. Inoltre deve fare i conti con un terribile mal di denti e con una moglie che lo ha lasciato, portandosi via la figlia. Come se non bastasse, si ritrova a dover seguire diversi casi contemporaneamente, nessuno dei quali sembra promettere bene. Ciò che li accomuna è l’oggetto dell’investigazione: la ricerca di qualcuno. Una bambina scomparsa in circostanze misteriose più di trent’anni prima, l’assassino mai trovato di una ragazza vittima di un assurdo destino, la figlia di una presunta omicida di cui si sono perse le tracce. Seppure inizialmente scollegate, le vicende di queste tre storie finiscono per intersecarsi, in quella casualità che è tipica della vita, pur nelle sue forme più tragiche. Il lavoro di Brodie è reso ancora più faticoso dal fatto che eseguire le ricerche a lui commissionate significa riportare a galla i dolori del proprio passato. Anche lui, molti anni prima, ha dovuto cercare una persona cara, trovandola quando era ormai troppo tardi…

Il carcere

Nel 1935 Cesare Pavese viene condannato a tre anni di confino a Brancaleone Calabro per aver tentato di proteggere la donna amata, militante nel Pci. Il carcere, pubblicato solo nel 1948, nasce così da una storia di privata solitudine e riapre il problema del solipsismo intellettuale cui Pavese riconobbe, scrivendo dieci anni dopo La casa in collina, di essere ancora legato. L’esilio forzato in un luogo tanto diverso e lontano dal suo mondo piemontese d’origine è metà condanna metà alibi del suo volersi fuori dal mondo, del suo guardare la vita “come dalla finestra del carcere”. L’ingegnere, protagonista del romanzo, è un intellettuale che imputa a sé stesso più che al mondo la responsabilità della propria situazione, rifiutando di riconoscervi delle giustificazioni politiche in un periodo in cui maggiore era il consenso degli italiani al regime fascista, tra la guerra d’Abissinia e quella di Spagna. Il confino diventa atteggiamento, presa di posizione, un modo d’essere che Pavese aveva sempre considerato come costitutivo e insieme limitativo della propria esperienza.

La camera dello scirocco

Autunno del 1914. La Prima Guerra Mondiale è scoppiata da poche settimane; già il sangue scorre a fiumi dalla Francia alla Russia, eppure tra i civili regna ancora l’euforia. In questa atmosfera paradossale, dove mezza Europa si avvia allegramente verso l’abisso, la città di Praga è scossa da un bizzarro episodio di cronaca nera: il rapimento di una stella del teatro yiddish. Per affrontare e risolvere il caso, ecco ricostituirsi la coppia investigativa de “I misteri di Praga”: Solomon Meisl, medico ebreo di origini proletarie, e Karel Heida, giovane tenente di famiglia aristocratica. Ma il sequestro dell’attrice è solo il primo anello di una catena di enigmi delittuosi: la morte violenta di uno scultore omosessuale, l’assassinio di una fioraia ambulante, il suicidio di un capitano dell’esercito, la scomparsa di un maggiore degli ussari… Risoluti a vederci chiaro, Meisl e Heida si gettano a capofitto in un’inchiesta intricatissima che, partendo da Praga, a poco a poco si allarga ad altri territori dell’Impero Austro-Ungarico, fino a giungere a un luogo dove tutte le storie e tutti i destini troveranno il loro imprevedibile scioglimento: la camera dello scirocco…
**

Caduto

Dopo la storia dell’Arca, Maine affronta le origini e usa Adamo ed Eva e il terribile conflitto tra i loro due figli come spunto per il suo romanzo provocatorio e sensuale. Il romanzo si apre con Caino anziano e riflessivo e ripercorre il tempo all’indietro fino alla cacciata di Adamo ed Eva dal Giardino. È diviso in quattro parti, le prime due riguardano Caino, suo figlio e la terribile scelta di uccidere Abele, che lo trasformerà in un emarginato. La seconda metà invece riguarda il peccato originale, l’espulsione e il periodo immediatamente successivo. Una storia familiare in cui i personaggi sono vibranti e tridimensionali e l’energia che emanano è pura, grezza e rabbiosa.

Buonanotte baby

Kate Klein ha superato la fatidica soglia dei trenta ed è una casalinga pentita. Quando, sette anni prima, giornalista alle prime armi dal cuore infranto, ha incontrato Ben Borowitz, consulente politico dall’aria paterna e rassicurante, non ci ha pensato due volte a sposarlo e a trasferirsi nella cittadina di Upchurch, nel Connecticut. Ma adesso, con tre bambini piccoli, il giro vita che non ne vuol sapere di diminuire e il marito che la trascura, Kate non ne può più. Snobbata dalle altre madri, impeccabili nei loro abiti taglia 42, si sente terribilmente sola: New York, il lavoro e i vecchi amici le mancano più che mai. Finché un giorno la tranquillità della cittadina è sconvolta dal misterioso omicidio di Kitty Cavanaugh, una delle supermamme…

Bones

Tempe Brennan è in trasferta a Chicago: l’agente speciale Seeley Booth ha bisogno di lei per fare luce sul mistero di uno scheletro abbandonato con un messaggio di sfida sui gradini del palazzo dell’Fbi. Mentre appaiono altri scheletri, e Tempe scopre che le ossa che li compongono provengono da persone diverse, alla pista del serial killer se ne affianca un’altra. Conduce a un regolamento di conti all’interno della mafia di Chicago, e a una scia di delitti che risale a molti decenni prima. “Bones” è il primo romanzo di una nuova serie basata sull’omonimo telefilm.
**

Gli artigli degli angeli

Se potessimo conoscere la risposta alle grandi domande della vita, la nostra esistenza sarebbe forse diversa? Sarebbe migliore, più felice, più serena? E sarebbe più semplice morire, meno doloroso, meno struggente? Tre personaggi, le cui vicende si intrecciano in maniera apparentemente casuale ma indissolubile – Ian McGann, Jesse Chapman e Wyatt Leonard – non ne sono così sicuri. Hanno stretto un patto con un minaccioso personaggio dai mille volti che dice di essere la Morte, le cui risposte, arcane e caotiche, non sono valse ad altro che ad acuire il loro struggimento nei confronti della vita. Arlen Ford, giovane e bellissima diva del cinema, invece, è talmente stanca della sua esistenza che neanche il successo e gli sfarzi di Hollywood le procurano più alcuna gioia. Decide di ritirarsi in Austria, nella solitudine monacale di una villa sulle colline viennesi dove l’attende un incontro sconcertante e inaspettato con l’amore, un’esperienza meravigliosa e terribile che la condurrà paradossalmente a trovare la risposta che McGann, Chapman e Wyatt hanno sino a quel momento cercato invano. Un’accorata, enigmatica e provocatoria riflessione sulla morte, l’amicizia e l’amore. Un inno intenso e appassionato alla splendida fragilità degli esseri umani.

L’armata perduta

401 a.C.: spossata da trent’anni di guerra tra Atene e Sparta, la Grecia è in ginocchio. Nel momento di più profonda crisi, il comandante Clearco arruola un esercito di mercenari greci: l’armata dei ”Diecimila”. Quale sia la sua missione non è chiaro. Si sa che dovrà addentrarsi in territori misteriosi e ostili, nel cuore dell’impero persiano; e si sa che è al soldo del principe Ciro, fratello del Gran Re Artaserse.
A raccontare la grande epopea dell’Anabasi di Senofonte – resoconto dell’incredibile marcia di quell’esercito di ritorno dall’odierno Iraq attraverso l’Armenia fino al Mar Nero – è una donna, Abira, una ragazza che abbandona il suo polveroso villaggio per seguire Xeno, il guerriero a cavallo che un giorno le è apparso con una promessa d’amore e di avventura nello sguardo. E il suo racconto grandioso ci mostrerà tutta la fierezza di diecimila indomiti guerrieri addestrati a superare qualsiasi prova e insieme il coraggio e la dolcezza di una donna innamorata, capace di sopportare qualunque sacrificio.
(source: Bol.com)

L’angelo delle ossa

L’investigatore privato Charlie “Bird” Parker, protagonista dei romanzi di Connolly, sa di non potere dare nulla per acquisito. C’è una ragazza sola, giovane, bella e soprattutto scomparsa; c’è suo cugino, Louis, che di Parker è il braccio destro. C’è l’indagine per ritrovare la ragazza; e ci sono New York, fosca e sulfurea, un’antica abbazia boema, la Francia, le tracce della Seconda guerra mondiale, pergamene e miti biblici. A un certo punto sembra che tutto stia diventando chiaro ma a scompaginare l’investigazione interviene, come una variabile impazzita, proprio il passato di Parker.

L’amico di Galileo

Roma 1611. Nella dimora del principe Federico Cesi si riuniscono i migliori intelletti dell’epoca. In gran segreto, perchè l’Inquisizione vigila. Sorveglia particolarmente Galileo con la sua nuova invenzione, il telescopio, e uno dei suoi amici, il tedesco Johann Schreck detto Terrentius, chirurgo, botanico e farmacista. La loro sete di conoscenza, mettendo in dubbio l’immutabilità delle cose e le leggi divine, li ha trasformati in nemici della Chiesa. Soprattutto Terrentius, che esegue autopsie clandestine per carpire i segreti dell’anatomia umana. Sfuggito ad un agguato dei soldati dell’Inquisizione, avendo saputo che in un lontano Paese, la Cina, sono gli intellettuali a detenere il potere, Terrentius decide di partire per potersi dedicare liberamente alla scienza e per confrontare le conoscenze occidentali con quelle orientali.

L’amante della Cina del nord

I protagonisti sono gli stessi dell'”Amante”: l’uomo cinese e la quindicenne bianca. Uguale lo sfondo: l’Indocina degli anni Trenta, con i suoi personaggi estenuanti, l’odore di pioggia e gelsomino, le strade brulicanti di cani, mendicanti, pazzi, le note del jazz. Ma la storia viene rivissuta, scavata, sviluppata, ingrandita, poiché in fondo essa costituisce la matrice di tutta l’opera della Duras. L’infanzia in Cocincina è riguardata con l’accanimento di chi vuole dire tutto: l’orgoglio, la povertà, l’avarizia, la crudeltà della vita coloniale per i degradati.
**

All’alba del terzo giorno. Mary Lester e lo strano caso del rapimento in anteprima. Le inchieste di Mary Lester

“Dove andremo a finire se i teppisti si mettono ad annunciare le loro malefatte nei libri, prima di commetterli?” È la domanda che si pone Mary Lester leggendo “All’alba del terzo giorno”, un libro strano che racconta come un celebre cantante viene rapito durante il festival dei Vieilles Charrues a Carhaix. Il prefetto è preoccupato, il sindaco è preoccupato, il presidente del festival è preoccupato. Solo il commissario, di umore molto arzillo in assenza della moglie, vuol credere allo scherzo. Tuttavia manda Mary a indagare sul posto, eccola quindi immersa nel cuore del festival a scoprire un mondo nuovo, per lei sconosciuto, in cui gravitano personaggi molto inquietanti.