1–16 di 1161 risultati

Sudditi. Manifesto contro la democrazia

Per la nostra cultura la democrazia è “il migliore dei sistemi possibili”, un valore così universale che l’Occidente si ritiene in dovere di esportare, anche con la forza, presso popolazioni che hanno storia, vissuti e istituzioni completamente diversi. Fini demolisce questa radicata convinzione. Il suo attacco però non segue le linee né della critica di sinistra, che addebita alla democrazia liberale di non aver realizzato l’uguaglianza sociale, né di destra che la bolla come governo dei mediocri. La “democrazia reale” è un regime di minoranze organizzate, di oligarchie politiche economiche e criminali che schiaccia e asservisce l’individuo, già frustrato e reso anonimo dal meccanismo produttivo di cui la democrazia è l’involucro legittimante. **

Peccati e sentimenti

Prima di cedere a un noioso matrimonio che le garantisca una vita senza scandali, lady Eleanor vuole un’ultima avventura. Chi meglio del più affascinante e chiacchierato libertino della città? Proprio quel Valentine Corbett che, colmo dell’ironia, è stato ingaggiato dal fratello maggiore di Eleanor per proteggerla dai cacciatori di dote. Ciò che Valentine non immagina, è di trovare in Eleanor una diligente allieva nell’arte che più di ogni altra conosce: l’amore.

Oriana Fallaci intervista sé stessa – L’Apocalisse

Autointervista di una donna che ha il coraggio di scrivere la verità sugli altri e su sé stessa. Temi: il cancro morale che divora l’Occidente e quello fisico che divora lei. L’antioccidentalismo, il filoislamismo, il parallelo tra l’Europa del 1938 e l’Eurabia d’oggi, il nuovo nazifascismo che avanza vestito da nazi-islamismo. In questa edizione, oltre ai numerosi inserti, ha aggiunto un post-scriptum: *L’Apocalisse*. Praticamente un nuovo libro (oltre 100 pagine) col quale, rifacendosi all’Apocalisse dell’evangelista Giovanni e sempre intervistando sé stessa, completa e conclude il suo lavoro.

Lo Sceicco Dei Desideri

I Barone hanno organizzato una vera e propria festa per accogliere Karen Rawlins, che da poco ha scoperto di appartenere alla ricca famiglia di Boston. Proprio durante il party in suo onore, Karen conosce lo sceicco Ash Saalem, dal fascino esotico e misterioso. Peccato che abbia deciso di dedicarsi alla carriera, senza più uomini possessivi che credano di poter decidere per lei. Karen, però non ha rinunciato ad avere un figlio e Ash le fa a tal proposito una proposta interessante. E altrettanto irresistibile.

Le città del domani

Metropoli reali trasfigurate nel racconto, fantasiose visioni di un futuro allucinato, trasalimenti surreali e post-apocalittici, in un’antologia estremamente densa e godile, curata da Peter Crowther, uno dei più autorevoli editor di fantascienza oggi in circolazione, già insignito del prestigioso Premio Hugo. Sono quattro le narrazioni ordinate in sequenza. S’incomincia con Paul Di Filippo, autore già impostosi con ‘Steampunk’. La sua è una città lineare, nella quale un’unica grande arteria separa letteralmente il paradiso dall’inferno. Grazie ad un’ambientazione che recupera atmosfere noir, pregne di jazz e bassifondi, utilizzando uno stile di scrittura controllato ma allo stesso tempo elegante, ricco di suggestive metafore, s’ibridano le influenze di matrice fantasy con i temi tipicamente propri della fantascienza speculativa. Crowther ci rende partecipi delle importanti evoluzioni di una scena letteraria assai vitale, da non trascurare per qualità ed intuizioni, tutti attributi altrettanto vividi pure nel secondo racconto, opera di China Miélville, accortamente ispirato dal ‘barocchismo intellettuale’ di Jorge Luis Borges. Splendido lo sviluppo della trama, con gli esseri ‘imago’, incarnazioni dei riflessi dietro la superficie degli specchi, che hanno invaso Londra, fra strade, piazze e stazioni fatiscenti della metropolitana: per gli umani l’unica soluzione possibile rimane la resa senza condizioni. Ancora pregevole, anche se eccessivamente frammentato, il racconto breve di Michael Moorcock, autore di ‘Madre Londra’ (e di tanta fantasy di pregio), attorcigliato un poco nei distopici paesaggi di una New York segnata dagli effetti dell’11 Settembre. Geoff Ryman, per finire, ci condurrà all’interno di un ospizio del futuro nel quale sono gli anziani a terrorizzare i giovani. Il riferimento alla città è vissuto in questi testi come un immaginifico scenario d’ambientazioni inconsuete solo trasversalmente traghettando più teorici approcci sulla natura degli agglomerati metropolitani.

La spada della verità: 5

Per salvare Richard dalla peste, Kahlan è stata costretta a richiamare dal Mondo Sotterraneo i tre Rintocchi. Vasi, Sentrosi e Reechani. Queste creature magiche possiedono un potere molto particolare, che permette loro di prosciugare la magia presente nella dimensione in cui sono state liberate. E così, a causa della loro presenza, i popoli delle Terre Centrali rischiano di perdere i propri poteri, e ciò non solo mette in pericolo la vita di tutti ma favorisce anche l’oscuro disegno di Jagang, il malvagio imperatore dell’Ordine Imperiale, dominato da un odio assoluto e irrefrenabile per la magia. **

La creatura del sottosuolo

Une nuit, d’étranges chevaliers surgis d’un autre monde envahissent la chambre de Peggy Sue pour la supplier de leur venir en aide. Ils sont confrontés à un terrible problème : la planète sur laquelle ils sont installés est un neuf ! Un neuf gigantesque flottant dans l’espace, et au cœur duquel se développe, tel un énorme poussin, une bête mystérieuse. Que se passera-t-il quand cet animal fabuleux décidera de narre, et fera du même coup exploser sa coquille ? Ce sera la fin du monde ! Peggy Sue et le chien bleu vont traverser l’espace pour essayer d’en savoir plus sur cette bête des souterrains qui, dit-on, enlève les enfants pour les dévorer. Ce sera le début d’une formidable aventure !

Il messia di Stoccolma

Lars Andemening è critico letterario nella redazione di un giornale a Stoccolma. Ha perso la famiglia nella Polonia occupata dai nazisti, è stato adottato da una coppia svedese e ha smarrito le sue origini. Si è dato un nome e si è convinto di essere il figlio di Bruno Schulz, il grande scrittore ucciso dai nazisti. A Stoccolma conduce una vita da escluso: pubblica le sue recensioni il lunedì (il giorno in cui non le legge nessuno perché parla sempre di autori troppo difficili), non partecipa ai pettegolezzi di redazione perché nel pomeriggio si ritira a casa, ha due divorzi alle spalle. Unica eccezione al suo isolamento è la frequentazione della signora Heidi Eklund, una profuga tedesca, proprietaria di una polverosa libreria. **

Dea D’Argento

*Sullo sfondo dell’Inghilterra dei primi anni dell’800, s’intreccia la storia di Lord Duncan, che, decidendo di sposare l’incantevole Iantha, sa di essersi assunto un compito assai arduo. La realtà però supera anche le sue peggiori aspettative.*
Inghilterra, 1807
Decidendo di sposare l’incantevole Iantha Kethley, una donna ferita nel corpo e nello spirito che ha messo involontariamente in una situazione compromettente, Rob Arm­strong, lord Duncan, sa bene di essersi assunto un compito assai arduo. Eppure, nonostante l’apparente freddezza della fanciulla e la sua incapacità di dimostrare affetto, intuisce in lei una forza d’animo non comune, un requisito che ben presto si rivela indispensabile sia nella loro vita coniugale, sia per affrontare i pericoli che continuano a minacciarla. Sensibile e generoso, Rob è determinato ad abbattere definitivamente la prigione di ghiaccio in cui Iantha ha rinchiuso le sue emozioni, ma conquistare il cuore della donna che ha imparato ad amare si rivela ben presto molto più complicato di quanto avesse immaginato.

The Stars at War

**TWO NOVELS IN THE *NEW YORK TIMES* BEST-SELLING SERIES IN ONE VOLUME**
***Crusade* :**
Spacers call the warp point Charon’s Ferry.
No star ship has ever entered it and returned since a vengeful Orion task force pursued a doomed Terran colonization fleet into it in 2206.
Almost a century has passed. The fiery hatreds of a quarter-century of warfare between the Terran Federation and the Zheeerlikou’valkhannaieeee, the cat-like species humans called the “Orions,” have eased at least a little. The “Grand Alliance” forged by the need to fight side-by-side against the genocidal Rigelians remains, but there are those on either side who continue to hate, continue to distrust.
Now the strength of that war-forged alliance is about to be tested. For Charon’s Ferry is about to give up the secret of its dead. A ship has emerged from the deadly warp point at last. A ship which responds to the challenge of an Orion star ship using ancient human communications codes . . . then opens fire.
The holocaust of interstellar warfare has been ignited anew, in a bloody crusade to free Holy Mother Terra.
***In Death Ground* :**
In difficult ground, press on;
In encircled ground, devise stratagems;
In death ground, fight.
—Sun Tzu in The Art of War (circa 400 B.C.)
The more things change, the more they remain the same. Three thousand years after Sun Tszu wrote those words, in the time of the Fourth Interstellar War, the ancient advice still holds true.
The “Bugs” have overwhelming numbers, implacable purpose, and a strategy that’s mind-numbingly alien. They can’t be reasoned or negotiated with. They can’t even be communicated with. But what they want is terrifyingly clear. The sentient species in their path aren’t enemies to be conquered; they’re food sources to be consumed.
Totally oblivious to their own losses, rumbling onward like some invincible force of nature, their enormous fleets are as unstoppable as Juggernaut. Yet for the desperate Federation Navy and its enemies-turned-allies, the Orions, there is nowhere to go. Their battered, outnumbered ships are all that stand between the billions upon billions of defenseless civilians on the worlds behind them and an enemy from the darkest depths of nightmare, and there can be no retreat. But at least their options are clear.
As Sun Tzu said, in death ground, there is only one strategy:
**FIGHT**.
At the publisher’s request, this title is sold without DRM (Digital Rights Management).

The Shadow of Saganami

STUDENTS OF HONOR . . .
The Star Kingdom of Manticore is once again at war with the Republic of Haven after a stunning sneak attack. The graduating class from Saganami Island, the Royal Manticoran Navy’s academy, are going straight from the classroom to the blazing reality of all-out war.
Except for the midshipmen assigned to the heavy cruiser HMS Hexapuma, that is. They’re being assigned to the Talbott Cluster, an out of the way backwater, far from the battle front. The most they can look forward to is the capture of the occasional pirate cruiser and the boring duty of supporting the Cluster’s peaceful integration with the Star Kingdom at the freely expressed will of eighty percent of the Cluster’s citizens. With a captain who may have seen too much of war and a station commander who isn’t precisely noted for his brilliant and insightful command style, it isn’t exactly what the students of Honor Harrington, the “Salamander,” expected.
But things aren’t as simple — or tranquil — as they appear. The “pirates” they encounter aren’t what they seem, and the “peaceful integration” they expected turns into something very different. A powerful alliance of corrupt Solarian League bureaucrats and ruthless interstellar corporations is determined to prevent the Cluster’s annexation by the Star Kingdom . . . by any means necessary. Pirates, terrorists, genetic slavers, smuggled weapons, long-standing personal hatreds, and a vicious alliance of corporate greed, bureaucratic arrogance, and a corrupt local star nation with a powerful fleet, are all coming together, and only Hexapuma, her war-weary captain, and Honor Harrington’s students stand in the path.
They have only one thing to support and guide them: the tradition of Saganami. The tradition that sometimes a Queen’s officer’s duty is to face impossible odds . . . and die fighting.
At the publisher’s request, this title is sold without DRM (Digital Rights Management).

Strange but True

Beautifully written and charged with a sublime wit, the novel brings to vibrant life a cast of characters that no reader will forget.
After a mysterious fall from his New York City apartment, Philip Chase has moved back home with his mother, Charlene, a bitter woman who has never fully accepted the death of her younger son, Ronnie, five years earlier. Numb from watching too much television, rereading a tragic biography, and trading snipes with his mother, Philip is in stasis.
But everything changes late one windy February night when Ronnie’s high school girlfriend shows up on their doorstep. A sad young woman who still bears the scars of the accident that took Ronnie’s life on the night of their prom, Melissa has unexpectedly found hope. She is nine months pregnant. And the father, she claims, is Ronnie.
So begins this startling tale, which moves from one breathless surprise to another as Philip and his mother confront not only Melissa’s past but their own. Their desperate search for answers takes them on a poignant and emotional journey, ultimately placing them in the path of murder and revenge.
At once a moving story of redemption and a heart-stopping work of suspense, Strange but True confirms John Searles’s place among the most gifted voices of his generation. Beautifully written and charged with a sublime wit, the novel brings to vibrant life a cast of characters that no reader will forget.
Książka ma 336 stron.