97–112 di 1150 risultati

El desafío

Australia, finales del siglo XIX. Alexander Kinross —un escocés que ha enterrado sus humildes orígenes tras amasar una enorme fortuna en EEUU y Australia— pide la mano de la joven Elizabeth Drummond. Con apenas dieciséis años, ésta se ve obligada a dejar su Escocia natal para casarse con un completo desconocido. Ni la brillantez ni el dinero ni la insistencia de Kinross logran que la muchacha sea feliz en su matrimonio. Elizabeth se siente prisionera en la mansión que su marido posee en una zona remota del país y en la que su única compañía son los sirvientes de origen chino que trabajan para ellos. La tensión entre los miembros de la pareja es creciente: la joven desprecia y teme a Kinross, que no oculta su relación extramatrimonial con otra mujer. Sin embargo, lejos de aceptar la situación, Elizabeth intentará encontrar su lugar en esas extrañas tierras. Con el nacimiento de la Australia moderna como trasfondo, Colleen McCullough retrata la vida de un matrimonio destinado al fracaso desde su inicio, y las consiguientes historias de amor que se generan fuera del mismo, en una novela que posee la misma intensidad sentimental que El pájaro espino, la obra que la hizo mundialmente famosa.

De limpios y tragones están llenos los panteones

El espíritu de Criselda, una niña muy glotona, ha venido a visitar el altar de “día de muertos” de su antigua casa convertida en fragancia, y engulle plácidamente todo lo que en vida saboreaba su pequeño paladar. ¿Cuál es la misteriosa historia de esta niña? Este y otros personajes se reúnen en el ingenioso tomo de cuentos que te harán entrar en una atmósfera escalofriante. ¿Eres de los que disfrutan los relatos de misterio y terror? Pués prepárate a gozar momentos intensos con las historias de Doña Mica, una abuela muy sabia que acostumbraba compartir sus vivencias con sus nietos en las veladas familiares.

Con la rienda suelta

ROMÁN LARA, EL PROTAGONISTA de «Con la rienda suelta» de Josefina Estrada, es un hombre surgido de nuestra realidad, aunque pareciera por momentos un personaje de Revueltas o de Quevedo. Producto de una sociedad donde el éxito se mide a través de la búsqueda del placer, debe —a sus 30 años— hacer un alto en el camino y un recuento de su historia. Testigo de su transcurrir en el mundo, Josefina Estrada deja que su protagonista se explaye en la narración de su vida. La violencia y la búsqueda del placer en la drogadicción o en el goce físico se convierten entonces en el motivo de cada acto de este hombre. Su libertad, comprendemos, es la bandera de su propia marginación. El deseo de destacar entre sus momentáneos compañeros de aventura provoca el vértigo de sus acciones, donde llegar al límite, más allá del límite o a la aniquilación, incluso, son las caras del volado que decide cada movimiento de éste, como tantos otros hombres o mujeres de nuestra sociedad. Estrada, al dejar hablar a este exgranadero, exrecluso, exchavo banda, nos permite comprender el gran vacío que la sociedad provoca en todos sus intersticios. Al hacer a un lado algunos valores, no hemos permitido que otros más nobles los suplan. O, quizá, Román sólo es el espejo de todo lo que somos, y su historia nos estremece, como si en el lugar de su rostro, estuviera el de cada uno de nosotros. En definitiva, Josefina Estrada nos da un atisbo que escandalizará a las buenas conciencias. Porque esta historia carece de desenlace, está abierta al tiempo de las urbes, en toda ciudad de nuestro país o de América Latina. Con este libro, Josefina Estrada obtuvo el «Premio Nacional de Testimonio Chihuahua 2003», convocado por CONACULTA-INBA y el Gobierno del estado de Chihuahua a través del Instituto Chihuahuense de Cultura. Los jurados fueron: Óscar de la Borbolla, Mauricio Montiel Figueiras y Emiliano Pérez Cruz.

Checas de Madrid

Checas de Madrid es la historia de la labor de represión ejecutada por las autodenominadas fuerzas progresistas durante la República Española, con el respaldo directo de los aparatos del Estado y el apoyo o silencio de los que habían sido erigidos en referentes morales de la sociedad. El libro se divide en cuatro partes, la primera describe la creación del primer Estado totalitario de la Historia. La Segunda parte se centra en el establecimiento del sistema de checas de Madrid. La tercera parte relata la práctica del exterminio masivo y la respuesta de las legaciones diplomáticas a la política represiva del Frente Popular. Y la ultima describe la mutación que tuvo lugar en la represión practicada en la zona de España controlada por el Frente Popular una vez que los comunistas, con el apoyo de la URSS, comenzaron a apoderarse de los resortes del poder. Un libro polémico, riguroso y profusamente documentado que nos acerca a la realidad histórica de uno de los periodos revolucionarios más silenciados y sangrientos de la historia de España.

1610: Un reloj de sol en una tumba

La Europa continental disfruta de una breve paz después de años de guerra, pero Enrique IV de Francia planea invadir los principados alemanes. En Inglaterra, solo cinco años antes, los conspiradores han estado a punto de conseguir volar por los aires al rey Jaime I y su Parlamento. Las semillas de la guerra civil inglesa y la guerra de los Treinta Años se están plantando a la vista de todos.
Pero a Valentin Rochefort, duelista y espía al servicio del poderoso ministro de finanzas francés, le importa poco…, hasta que se ve arrastrado a los palacios resplandecientes, los callejones obscenos y los teatralismos asombrosos de la Francia renacentista y el Londres shakespeariano en una conjura mortal para matar al rey Jaime I. Este espadachín sin conciencia se verá atrapado entre la lealtad, el amor y el chantaje, entre reyes, reinas, políticos y rosacruces… y la mujer por la que, sin saberlo, ha cruzado tierras y mares.
Tras alcanzar fama mundial con la saga de Ash: la historia secreta, también publicada por La Factoría de Ideas, Mary Gentle regresa con una aventura trepidante que nos devuelve a uno de los momentos más decisivos de la Historia de Europa.

Manuale professionale di stretching

Lo stretching nella sua dimensione più completa, quale strumento di precisione per la cura del corpo, il miglioramento delle prestazioni fisiche, le terapia. Nel libro: i campi di applicazione dello stretching (terapia manuale, riabilitazione, allenamento sportivo), con molti esempi operativi; le tecniche dedicate agli ottanta muscoli principali del corpo; il programma di stretching mirato alle discipline sportive (calcio, pallacanestro, nuoto, sci, ciclismo) e alle discipline musicali (canto, chitarra, pianoforte, flauto, violino, arpa). Ogni sezione del libro è illustrata con schemi del muscolo interessato.

Il lato sinistro del cuore: (Quasi) Tutti i racconti

Attenzione a innamorarsi di una venere voodoo. E se un gatto perde la testa per te? Che cosa nascondono gli omissis 25? Per un piatto di garganelli al ragù della Linina, si può anche morire. E tra la storia inquieta del maresciallo Leonardi e le avventure di Cornelius, geniale detective-agente segreto vaticano, che fa un po’ di male per conto di Dio, chi scegliere?Il volume raccoglie il Lucarelli finora disperso in mille rivoli, il Lucarelli”breve”. Narrazioni che variano dal giallo al noir all’horror, ma caratterizzate da un’unica voce che ci trasporta in un mondo inquietante, o meglio ci rivela l’aspetto inquietante, ma anche comico, della realtà.

Parole dalla quiete

L’essenza del messaggio di Eckhart Tolle è facile da afferrare: se si entra in connessione con la quiete interiore, andando oltre la mente attiva ed oltre le emozioni, per scoprire grandi profondità di infinita pace, contentezza e serenità. Grazie al primo libro, “Il potere di Adesso”, il suo messaggio ha raggiunto milioni di persone in tutto il mondo. Ora, in questo nuovo volume, Tolle ci offre l’essenza del suo insegnamento in brevi, semplici frasi che ognuno può facilmente comprendere. “Parole dalla Quiete” è diviso in dieci capitoli, da “Al di là della mente pensante” a “La sofferenza & la fine della sofferenza”. Eckhart Tolle comprende i disagi spirituali del nostro tempo ed estrae l’essenza di tutte le tradizioni spirituali.

Autoritratto Di Un Reporter

“Credo che per fare del buon giornalismo si debba innanzitutto essere degli uomini buoni” Questo libro è una rara occasione per comprendere i ferri del mestiere di un grande reporter e il suo modo di utilizzarli dal punto di vista tecnico e morale. Uno strumento per conoscere la profonda, commovente dimensione etica di un uomo cresciuto nella miseria più nera che nel suo lavoro ha sempre messo al primo posto la comprensione e il rispetto per le sofferenze degli altri. Nella professionalità di Kapuściński agiscono infatti delle qualità molto speciali e al contempo durissime: un’empatia straordinaria e una vocazione professionale rara. Da un materiale di migliaia di pagine e oltre cento conversazioni, è stata ricavata una scelta, distribuita tematicamente in diverse sezioni: le origini di Kapuściński, le ragioni che lo hanno portato a scegliere la professione di reporter, il suo approccio alla materia, la sua visione del mestiere, il modo di scrivere, gli stili adottati, le tematiche dei singoli libri, la profonda trasformazione che è avvenuta più in generale nella sua professione…

All’alba del terzo giorno. Mary Lester e lo strano caso del rapimento in anteprima

“Dove andremo a finire se i teppisti si mettono ad annunciare le loro malefatte nei libri, prima di commetterli?” È la domanda che si pone Mary Lester leggendo “All’alba del terzo giorno”, un libro strano che racconta come un celebre cantante viene rapito durante il festival dei Vieilles Charrues a Carhaix. Il prefetto è preoccupato, il sindaco è preoccupato, il presidente del festival è preoccupato. Solo il commissario, di umore molto arzillo in assenza della moglie, vuol credere allo scherzo. Tuttavia manda Mary a indagare sul posto, eccola quindi immersa nel cuore del festival a scoprire un mondo nuovo, per lei sconosciuto, in cui gravitano personaggi molto inquietanti.

Introduzione a Lacan

Dai primi passi nel mondo della psichiatria alla scoperta della psicoanalisi freudiana, dalla frequentazione dei seminari di Kojève all’inserimento negli ambienti dello strutturalismo, dalla lettura di Heidegger all’amicizia con Merleau-Ponty, fino al confronto critico con Sartre e Ricœur, quello di Lacan si profila come un percorso teorico assolutamente originale, sempre in bilico tra la ricerca clinica e la speculazione filosofica.

Dire quasi la stessa cosa

Il libro nasce da una serie di conferenze e seminari sulla traduzione tenuti da Umberto Eco a Toronto, a Oxford e all’Università di Bologna negli ultimi anni e dell’intervento orale cerca di mantenere il tono di conversazione. I testi si propongono di agitare problemi teorici partendo da esperienze pratiche, quelle che l’autore ha fatto nel corso degli anni come correttore di traduzioni altrui, come traduttore in proprio e come autore tradotto che ha collaborato con i propri traduttori. La questione centrale è naturalmente che cosa voglia dire tradurre, e la risposta – ovvero la domanda di partenza – è che significhi “dire quasi la stessa cosa”. A prima vista sembra che il problema stia tutto in quel “quasi” ma, in effetti, molti sono gli interrogativi anche rispetto al “dire”, rispetto allo “stessa” e sosprattutto rispetto alla “cosa”. Dato un testo, che cosa di quel testo deve rendere il traduttore? La semplice superficie lessicale e sintattica? Troppo facile, ovvero troppo difficile, come si vedrà. **

Buskashì. Viaggio dentro la guerra

Gino Strada, chirurgo di guerra e fondatore di Emergency, l’associazione umanitaria italiana per la cura e la riabilitazione delle vittime di guerra e delle mine antiuomo, racconta in questo libro la storia del viaggio in Afghanistan iniziato il 9 settembre 2001, due giorni prima dell’attentato terroristico di New York. L’autore firma questo diario di viaggio che è al tempo stesso una testimonianza della guerra che ha portato alla disfatta dei talebani, la conquista della capitale da parte dell’Alleanza del nord e la “liberazione” di Kabul. **

Il Nostro Primo, Solenne, Stranissimo Natale Senza Di Lei

I racconti di questo libro inseguono un passato che sbuca da tutte le parti per animarsi ancora, ma a modo suo. Tanto che la sorte comica di un tacchino e quella tragica di una madre morente possono stare davvero accanto, e davvero parlarsi. *Il nostro primo, solenne, stranissimo Natale senza di lei* è un libro attraversato a ogni riga da immagini e similitudini che sembrano derive e portano lontano. I personaggi che lo abitano sono teneri e grotteschi: ragazzi che si preparano alla vita, adulti che si preparano alla morte. Tra gli uni e gli altri, l’infinito campionario di un’umanità stralunata e fragile – parenti disillusi o smargiassi, finti educatori, infermiere e maratonete i cui gesti paiono prodigi – e l’altrettanto infinita costellazione di creature e oggetti eccentrici che dappertutto s’infiltrano, punzecchiano, provocano e molestano, sollevando quesiti e reclamando risposte con la forza della loro stessa incongrua presenza: parrucche ottocentesche che volano nei lavandini, automobili che sembrano anime in cerca di corpi, impasti per polpette che rappresentano il centro oscuro di un intero mondo, sacche di plasma in concerto, tacchini che non ne vogliono sapere di cuocersi, ratti che hanno una storia tragica ed eroica da raccontare…
Tutto contribuisce in queste pagine a illuminare, nello spazio rarefatto del ricordo di un uomo, l’universo delle ossessioni, degli entusiasmi irrefrenabili, delle miserie, delle brutture, degli slanci ideali e dell’ostinato attaccamento alla vita che appartiene a ognuno di noi.

Giap. L’archivio e la strada

Giap è il blog del collettivo di scrittori Wu Ming, autori di Q, 54 e svariati altri libri, collettivi e “solisti”. Ma non è solo un blog: è il crocevia di una libera comunità di scrittori, lettori e cantastorie. Giap dà voce a un ragionamento corale intorno all’arte del narrare, alla cultura di massa, ai comportamenti sociali, alle pratiche dell’agire politico, agli effetti dell’innovazione tecnologica.
Questo libro raccoglie i più significativi post pubblicati da Wu Ming tra il 2010 e il 2012. Divisi in sezioni tematiche, i materiali di “Giap. L’archivio e la strada” raccontano il passaggio tra due decadi, compongono le cronache dell’età del grande crack e del crash della democrazia, dell’austerity e della guerra al debito, mentre sull’altra sponda del Mediterraneo il vento sta girando. Tra saggi informali, appunti diseguali e note sparse, echi del passato e visioni del futuro, cinema e tv, letteratura e storia, si snoda una riflessione sullo statuto delle narrazioni, il lavoro culturale nell’epoca del touch screen, il “Che fare?” nella stagione dei social network, la natura della tecnica, l’ipnotico potere degli orologi e gli imprevisti granelli di sabbia che possono ancora incepparne i congegni. Di pagina in pagina, nelle pieghe di un’indagine che disseziona questo tempo, s’incontrano familisti amorali, sadici italiani e minatori cileni sepolti vivi, il dottor Balanzone e il dinamitardo Guy Fawkes, Pier Paolo Pasolini e Ugo Tognazzi, Michel Foucault e Vladimir Majakovskij, Henry Jenkins e Roberto Benigni, carbonari, colonialisti, fotografi visionari, pittori allucinati, rivoltosi e rivoluzionari.
Non un semplice greatest hits, ma la verifica collettiva d’un sapere pratico e trasformativo all’incrocio tra pixel, “C’era una volta” e selciato della via.