1041–1056 di 1150 risultati

La fine del mondo a Breslavia

Nell’inverno del 1927 Breslavia rabbrividisce alla notizia di una serie di delitti che insanguinano la città. Nel giro di pochi giorni vengono rinvenuti i corpi di un musicista murato vivo, di un operaio fatto a pezzi e di un consigliere comunale impiccato con una corda di violino. Sul luogo del delitto, immancabilmente, si ritrova la pagina strappata di un calendario. Le indagini, di cui viene incaricato l’ispettore della polizia Eberhard Mock, sempre in coppia col solito Herbert Anwaldt, parrebbero evocare un antico passato. Ma Mock, oltre agli omicidi, ha varie gatte da pelare, specie da quando la giovane moglie lo ha lasciato scappando a Berlino.
**

La contessa libertina

Inghilterra, 1810 – Tornata in Inghilterra per conoscere i familiari del defunto marito, Miranda scopre di essere stata scambiata per la matrigna, una donna dalla dubbia reputazione nota come la Contessa Libertina e, risentita per la gelida accoglienza ricevuta, decide di non chiarire l’equivoco. Pur avvertendo una nota stonata in tutta la faccenda, Leo Fitzgibbon, Duca di Belford, progetta di sbarazzarsi della scomoda parente offrendole del denaro, ma Miranda non ci sta e si trasferisce a The Grange, la proprietà che il marito le ha lasciato in eredità. Presto però la vera natura di Miranda comincia a emergere e il duca, abitualmente freddo e compassato, si sente sempre più combattuto fra il prepotente desiderio di corteggiare l’enigmatica contessa e il dovere di proteggere la reputazione della famiglia.
**
### Sinossi
Inghilterra, 1810 – Tornata in Inghilterra per conoscere i familiari del defunto marito, Miranda scopre di essere stata scambiata per la matrigna, una donna dalla dubbia reputazione nota come la Contessa Libertina e, risentita per la gelida accoglienza ricevuta, decide di non chiarire l’equivoco. Pur avvertendo una nota stonata in tutta la faccenda, Leo Fitzgibbon, Duca di Belford, progetta di sbarazzarsi della scomoda parente offrendole del denaro, ma Miranda non ci sta e si trasferisce a The Grange, la proprietà che il marito le ha lasciato in eredità. Presto però la vera natura di Miranda comincia a emergere e il duca, abitualmente freddo e compassato, si sente sempre più combattuto fra il prepotente desiderio di corteggiare l’enigmatica contessa e il dovere di proteggere la reputazione della famiglia.

La Battaglia: Storia Di Waterloo

La battaglia: Storia di Waterloo by Alessandro Barbero
Uno straordinario libro scritto da uno degli intellettuali più interessanti d’Italia. Barbero, storico e romanziere, scrive romanzi che sono anche saggi storici. Franco CardiniSul campo di battaglia, in mezzo alle truppe: anche se la narrazione è dettagliata e i personaggi numerosi, non ci si stanca di leggere Barbero, che sa molto raccontare. Aurelio LepreLa prosa di Barbero avvince il lettore. Lucio VillariUna ricostruzione magistrale. Il rigore e il talento di Alessandro Barbero fanno di La battaglia un libro unico, che ci porta, come in un film, nel cuore dell’ultima battaglia di Napoleone. “Il Venerdì di Repubblica”

L’oumo ideale

Quattro amiche, durante la solita serata del venerdì al ristorante, compilano per gioco una lista ironica e alquanto osé dei requisiti pressoché irraggiungibili del loro uomo ideale: bello, fedele, divertente, ricco e, naturalmente, ben “dotato”. La mattina dopo quella lista scherzosa e imbarazzante viene pubblicata nella newsletter aziendale. E da qui rimbalza su Internet. E poi in TV. In meno di ventiquattr’ore, tutta l’America conosce i più segreti desideri delle quattro. Niente di male, se quei requisiti non pungessero sul vivo qualcuno che li interpreta come una provocazione diretta e personale. Qualcuno che comincia a compilare una propria lista, una lista di morte, in cima alla quale ci sono i nomi delle quattro amiche.
**

L’Ottava Nota

Intorno a un inquietante volume dai poteri magici gravita una setta rimasta occulta per oltre ottocento anni. Spetterà a una giovane archeologa e a un brillante storico ricomporre, tassello dopo tassello, un mosaico ricco di fascino. Rebecca Brandewyne tesse con maestria i fili della Storia insieme a quelli di un intreccio denso ed emozionante e si cala nell’animo dei suoi personaggi per risalire ai misteri e alle passioni primordiali che accompagnano l’origine dell’umanità.

L’artiglio del Falco d’Argento

Per quattro lunghi giorni, Keli ha atteso il segno, la visione destinata a sancire il suo passaggio dall’adolescenza all’età adulta: ha tremato di fame, freddo e paura, sperando così di ricevere il suo nome di uomo e di comprendere la missione a lui assegnata nel mondo. L’unica breccia nel silenzio ostinato che gli dèi sembrano riservargli è l’apparizione di un falco d’argento, che ghermisce il braccio del ragazzo e, fissandolo coi suoi occhi nerissimi, gli affida un messaggio oscuro e inquietante: Sii un Artiglio per il tuo popolo.
**

L’amore non si arrende

Dana Evans, anchorwoman televisiva molto amata dal grande pubblico, è appena tornata da un difficile reportage a Sarajevo. L’incarico che dovrà ora svolgere a Washington sembrerebbe facile: intervistare Gary Winthrop, giovane e affascinante collezionista d’arte. Ma nella notte dopo il loro incontro l’uomo viene assassinato nel suo appartamento. Scioccata dalla notizia, viene a sapere che durante la sua permanenza all’estero l’intera, celebre famiglia Winthrop si è completamente estinta nel giro di un anno per una serie di tragici incidenti. Il suo fiuto da giornalista la avverte che cinque coincidenze sono davvero troppe. Ma quali oscuri interessi possono nascondersi dietro lo sterminio di persone che tutti definiscono integerrime e filantrope?
**

L’amante perfetto

La vita di Simon Frederick Cynster è perfetta. È ricco, affascinante e con un’invidiabile posizione sociale. L’unica cosa che gli manca è una moglie, che sia una lady ben educata di giorno e un’appassionata amante di notte. Resta sorpreso di trovare chi risponderebbe ai suoi desideri in Portia Ashford, che conosce fin da bambina. Ma la ragazza, per quanto bella e indipendente, non è affatto interessata al matrimonio. Inoltre detesta Simon, ricambiata, ormai da anni. Tuttavia, sarà un bacio ardente a rimescolare inaspettatamente le cose, proprio mentre un pericolo incombe sulla sua vita…

L’alba di una nuova era

Servendo il Pentagono e la Casa Bianca, per due decenni Philip James Corso ha operato in base alla logica militare che vede negli extraterrestri nemici ignoti e insidiosi. Questi maneggiò i materiali dell’UFO precipitato a Roswell e ne fece commissionare studi che portarono allo sviluppo di tecnologie oggi di uso comune. Ma le sue esperienze dirette lo hanno poi portato a considerare il potenziale incontro con i creatori delle Creature Extraterrestri come una chance di cambiamento per il futuro del genere umano. Probabilmente Philip Corso resterà l’unico alto ufficiale americano ad avere avuto il coraggio di rispondere a questa domanda. “L’Alba di una Nuova Era”, questo libro, che è il memoriale che scrisse di suo pugno, fino ad oggi inedito, ci lascia con una certezza: Corso è stato il solo a infrangere, in vita, il muro di segretezza sull’incidente di Roswell e sulle sue ricadute tecnologiche. Certamente convinto, come qualcuno ha detto, che la segretezza è deplorevole, ma necessaria.
**

Jarka Ruus

Sono passati vent’anni dal viaggio della nave volante Jerle Shannara. Adesso Grianne Ohmsford non si fa più chiamare Strega di Ilse e ha votato la sua vita al progresso delle Quattro Terre mediante lo sfruttamento delle conoscenze dei Druidi, che adesso presiede, e cerca da anni di arrivare a una pace duratura tra i Liberi e la Federazione. Non tutti, però, la pensano come lei. Sono molti i druidi convinti che il loro destino sia quello di dominare le altre razze. E qualcuno non si limita solo a parlare: Grianne, vittima di un tradimento, scompare senza lasciare traccia. Potrebbe essere l’inizio di una nuova era oscura, ma Tagwen, assistente di Grianne, è deciso a tutto pur di ritrovare la donna e preservare il potere del Druido Supremo. Anche a scendere nelle misteriose terre del Divieto, un mondo dove anticamente gli Elfi esiliarono tutte le creature del male.

Incantesimo di fuoco

Mariette Danver ha finalmente trovato serenità e tranquillità accanto all’adorato Lord Derek Hawke. Ma il destino ha in serbo altre sorprese: allontanata brutalmente dall’uomo che ama, cade nelle mani di pericolosi pirati e rischia di finire in una casa di piacere sudamericana. Solo il suo fascino la salva da un destino d’ignominia.
**

In tenebris

Brooklyn, gennaio 2002: nel gelo della notte una donna nuda corre in mezzo al traffico. È stata picchiata, violentata, le è stato fatto lo scalpo. E fra le mani ha dei capelli femminili non suoi. A incaricarsi del caso sono in due: il duro, implacabile investigatore privato Joshua Brolin di Portland e Annabel O’Donnel, detective del 75° distretto. Una prima pista porta in un edificio abbandonato dove, oltre a vari corpi in stato di putrefazione, vengono ritrovate 67 foto di vittime con un codice a barre tatuato sul corpo. Su un muro, una frase in latino scritta col sangue di persone diverse: “Caliban nostro signore, in noi è la vita, perché la carne riluce nelle tenebre”.

In fuga nella notte

La loro bellezza è incantevole, il loro potere senza limiti, il loro destino l’amore.
Ombre inquietanti popolano i cupi boschi del Maine e dell’Irlanda, e il respiro della notte si fa più profondo, misterioso e pericolosamente attraente. Tanto da spingere Mary e Rachel a esplorare limiti invalicabili, realtà considerate leggenda. Custodi di antichi segreti, Michael e Donovan aiuteranno le due donne a orientarsi in un mondo nuovo, sconosciuto ed eccitante. Nessun uomo, prima, aveva risvegliato in loro sensazioni così sconvolgenti, un desiderio tanto implacabile. Nessun uomo, prima, le aveva invitate a fuggire con loro nell’oscurità della notte…

Il re delle volpi

Scampato al massacro del suo villaggio, Artiglio del Falco d’Argento, ultimo degli orosini, è stato addestrato da un misterioso ordine di maghi e spie, il Conclave delle Ombre, diventando, con gli anni, uno degli agenti più abili di quella società segreta, benché la sua unica ragione di vita rimanga la determinazione a vendicare la morte della sua famiglia e della sua gente. Così, dopo aver sconfitto il malvagio Raven e i suoi mercenari, Artiglio è ormai pronto per la missione più importante: raggiungere Roldem – dove è conosciuto come Tal Hawkins, vincitore del Torneo della Corte dei Maestri infiltrarsi nella corte di Opardum, e conquistare la fiducia del duca Kaspar, responsabile del genocidio degli orosini, per poi ucciderlo.
**

Il pirata di Mayfair

Londra, 1810
Decisa a dimenticare il suo primo, infelice matrimonio e a sposare un uomo rispettabile in grado di darle i figli che desidera, Alexandra Alastair compila una lista di possibili corteggiatori che possano garantirle un’unione agiata e senza imprevisti. Tra questi non può mancare il nome dell’affascinante vedovo che si è da poco trasferito nel palazzo accanto al suo, il Visconte Grayson Finley. Ma quando scopre che il gentiluomo è in realtà un temuto pirata per il quale nessuna sfida è troppo audace e nessun piacere troppo peccaminoso, Alexandra è costretta a scegliere se seguire le severe regole di comportamento della buona società o fidarsi del proprio istinto, che si tratti salvare il suo nuovo vicino dall’impiccagione, di fuggire da implacabili cacciatori di pirati o di smascherare pericolosi complotti.