1025–1040 di 1150 risultati

Piacevolezza dell’olio. Il metodo per degustare

Dagli anni Ottanta, la cultura e la produzione dell’olio hanno registrato un boom senza precedenti: sono stati riconvertiti gli impianti industrializzati e valorizzate le colture artigianali al fine di rivalutare al massimo la qualità e la genuinità. E così, oggi, sulle tavole dei buongustai l’olio occupa un posto d’onore, e il consumatore accorto sceglie la marca e la provenienza con la stessa attenzione che di solito dedica alle etichette del vino. Luca Maroni ha fatto il punto sulle attuali conoscenze sull’olio e le espone in questo volume.
**

Nome in codice Red Rabbit

Jack Ryan è un professore di storia da poco congedato dai Marines e trasferitosi in Inghilterra per scrivere un libro. Dopo una serie di pericolosi incontri con una cellula dell’IRA, Ryan viene notato dai vertici della CIA e dei servizi britannici e ingaggiato per una collaborazione. Ben presto, però, si rende conto che da lui ci si attende qualcosa di più: sventare, per esempio, un complotto organizzato dai vertici del Cremlino per eliminare papa Giovanni Paolo II.
**

Nido di vipere

NIDO DI VIPERE
Sarah Jensen è una brillante operatrice della City che viene ingaggiata da Scotland Yard e dalla Banca d’Inghilterra per cercare di far luce su strani traffici finanziari in un grande istituto di credito. La pista conduce a tutta una serie di operazioni di insider trading, una truffa colossale che, grazie a sofisticati interventi sui cambi e sulle valute, frutta miliardi di dollari e coinvolge gli ambienti finanziari più esclusivi. Dietro, la “mano invisibile” della mafia con il suo infallibile corollario di paura e di sangue. Un gioco troppo grande per una donna sola… Un giallo in tempo reale come le puntate sui mercati telematici della finanza globale, che corre fino a diventare travolgente e non molla la presa finché l’intero mosaico non si è ricomposto agli occhi increduli del lettore.
LINDA DAVIS dopo aver lavorato come trader sulle piazze finanziarie di New York e Londra, nel 1992 ha lasciato il mondo della finanza e si è messa a scrìvere. Dopo Nido di vipere ha scritto II labirinto degli specchi, Nel mirino e Qualcosa di travolgente (tutti editi in Italia da II Sole 24 ORE).
I Gialli del Sole 24 ORE

Montmorency

Montmorency, raffinato gentiluomo dai modi ricercati. Scarper, ladro astuto e senza scrupoli. Abiti di sartoria e l’elegante suite di un albergo di lusso per il primo; sudici stracci da lavoro e una squallida stanza in una pensione di quart’ordine per il secondo. Due esistenze lontanissime, ma una sola persona a viverle. Perché il confine fra rispettabilità e bassifondi è molto più sottile di quello che immaginate.

Maisy Dobbs, investigatrice

Londra, primavera 1929. Dieci anni dopo l’armistizio che ha posto fine a una guerra cruenta, l’intraprendente Maisie Dobbs apre un’agenzia di investigazioni private. Un’occupazione insolita per una donna e un traguardo ambizioso per lei, raggiunto con determinazione e fatica ma anche con un pizzico di fortuna, considerate le umili origini. Figlia di un venditore ambulante, a tredici anni Maisie viene mandata a servizio presso Lady Rowan Compton, aristocratica di idee moderne che prende subito sotto la sua ala protettrice quella servetta intelligente e assetata di conoscenza affidandola al colto e cosmopolita Maurice Bianche, amico di famiglia e celebre investigatore privato e medico legale. Colpito dalla mente brillante e dalle doti intuitive della sorprendente ragazzina, questi impartisce a Maisie un’istruzione di prima qualità, dandole l’opportunità di accedere all’esclusivo Girton College di Cambridge e in seguito – dopo aver servito come infermiera volontaria in guerra – di lavorare con lui in qualità di assistente. “Ora Maisie è alle prese con il suo primo vero caso: una sospetta infedeltà, come teme Mr. Davenham nei riguardi della moglie Celia, che a volte sparisce di casa senza dire dove va o accampando vaghi pretesti. In realtà Maisie scopre che Celia non ha “riposto altrove i suoi affetti”, come suppone il marito: la sua destinazione è un piccolo cimitero fuori Londra, dove la donna si reca a versare lacrime su una tomba. La lapide reca scritto solo un nome: “Vincent”, seguito dalle parole “strappato a coloro che ti amano”. Nessun cognome, nessuna data di nascita: il fantomatico amante è in realtà un morto. L’esperienza nell’arte dell’investigazione a fianco di Bianche ha insegnato a Maisie che le coincidenze sono significative e la verità elusiva: quella storia presenta molti risvolti inquietanti, ancor più quando le indagini la conducono a una casa di riposo per reduci di guerra gravemente feriti e a un ex ufficiale orrendamente sfigurato, sulle tracce di uno sfuggente assassino. E Maisie dovrà anche confrontarsi con i dolorosi fantasmi di un passato che invano ha cercato di dimenticare…”

Ma come hai ridotto questo paese

Michael Moore è l’incubo degli Stupid White Men di tutto il pianeta. E adesso è tornato più scatenato che mai con un obiettivo semplice e chiaro, per nulla ambizioso: far sloggiare l’uomo che si è intrufolato nella Casa Bianca grazie all’aiuto non proprio disinteressato dei suoi amici petrolieri. Ma nell’occhio del ciclone non c’è solo il povero George W.: gli tengono compagnia sulla graticola quei famelici megaboss delle multinazionali che hanno rubato miliardi dai risparmi e dalle pensioni dei loro dipendenti, quei legislatori che hanno fatto a pezzi le libertà civili americane in nome della “sicurezza della patria”, nonché quel certo cognato destrorso (d’accordo, a ognuno di noi ne è toccato almeno uno in sorte) che riesce, un anno dopo l’altro, a rovinare i pranzi di famiglia con le sue idiozie ripetute a vanvera.

Le voci di una passione

Londra, 1876. La giovane e seducente Olivia Moreland non smentisce la fama di eccentricità del suo nobile casato: studiosa di fenomeni psichici, è un’investigatrice dell’occulto, decisa a smascherare ciarlatani e falsi medium. Un giorno, nel corso di una movimentata seduta spiritica, la ragazza incontra l’affascinante conte di St. Leger che, in seguito, la invita nel maniero avito di Castelfosco. Con il suo aiuto, vuole infatti sottrarre la madre all’influenza di un’imbrogliona che pretende di metterla in contatto con Roderick, l’altro figlio morto da qualche tempo. Ma la presenza di Olivia al castello, e le palesi attenzioni del conte nei suoi confronti, scatenano la gelosia di Pamela, l’ipocrita e avida vedova di Roderick. A rendere l’atmosfera ancora più inquietante si aggiungono i sogni dei due giovani, nei quali, stranamente, compaiono gli stessi protagonisti, una coppia di amanti vissuti secoli prima in circostanze drammatiche…

Le spade incantate

Diana Paxson, Mercedes Lackley, Josepha Sherman e altre ventitré autrici, si sono unite per condurre i lettori in fantastici mondi dove una spada può valere più del suo peso in oro, dove Undrago possiede una magia che per lui è più una maledizione che un vantaggio, dove si consumano altre avventure nelle quali un incantesimo mal pronunciato o una freccia fuori bersaglio possono scatenare le forze del male nelle terre della magia.
**

Le nonne

Le nonne: due amiche, che hanno più confidenza tra loro che con i rispettivi mariti, alla loro scomparsa iniziano una relazione ciascuna con il figlio adolescente dell’altra che si protrae per anni. Poi decidono che i due giovani devono farsi una loro vita. I ragazzi si sposano, hanno dei figli ma il rapporto privilegiato continua… Victoria e gli Staveney: una ragazzina di colore, orfana e povera, ha una breve relazione con un ragazzo ricco, bianco, di famiglia liberale. All’insaputa del giovane, ha una figlia e quando la bambina ha sei anni, non potendo più mantenerla, si mette in contatto con gli Staveney che, felici di accoglierla, si rivolgono a Victoria con un atteggiamento tanto affettuoso e ”politicamente corretto” da risultare esilarante e terribile al tempo stesso. La giovane madre capisce che, per offrire a Victoria un futuro migliore, dovrà perderla. Ma ha forse delle alternative? Un figlio dell’amore: durante la Seconda guerra mondiale un soldato, dopo orribili settimane a bordo di una nave, sbarca a Cape Town per qualche giorno di riposo. Qui ha un breve e appassionato incontro con una giovane del luogo. Per tutta la vita lo accompagnerà la convinzione di aver concepito un figlio e di aver condotto un’esistenza sbagliata: non avrebbe dovuto rientrare in Inghilterra e farsi una famiglia ma restare o tornare in Sudafrica, a fianco di quella donna incontrata casualmente.

(source: Bol.com)

Le fauci dell’oscurità

La grande guerra per il controllo del continente derlavaiano continua a infuriare, ma le sorti sembrano essersi rovesciate grazie all’arroganza degli stessi conquistatori Algarviani e a due nuove magie dalla grande potenzialità. L’Habakkuk è una magica nave di ghiaccio usata per trasportare i mortali draghi del Lagoas e del Kuusamo sul continente, per sferrare un attacco al cuore di Algarve e a essa si affianca un potere ancora più oscuro che comincia a prendere forma in un dimenticato distretto nel sud del mondo… Ma il conflitto è ancora ben lontano dalla sua conclusione. I detestati Kauniani continuano a morire a migliaia perché gli Algarviani possano utilizzare la loro energia vitale… e per il solo crimine di essere Kauniani.

La stanza dei delitti

Un piccolo museo privato di Londra è al centro della nuova indagine di Adam Dalgliesh. Ereditato da tre fratelli, il museo ospita oltre a una preziosa collezione di quadri, reperti relativi a famosi delitti avvenuti a cavallo delle due guerre mondiali, contenuti in un’unica stanza: “la stanza dei delitti”. Quando uno dei tre fratelli viene trovato carbonizzato nella sua auto, Dalgliesh scopre che costui si opponeva a tenere in vita il museo di famiglia e per questo è stato eliminato. Purtroppo questo è solo il primo di una serie di omicidi che nella loro escuzione richiamano quelli illustrati nella “stanza dei delitti”. Chi sta sfidando l’ispettore Dalgliesh? E qual è il movente di tanta ferocia?

La quinta incantatrice. Le cronache del sangue e della pietra

Tristan e Wigg, partono alla volta del Bosco delle Ombre, ove risiede Faegan, il mago solitario che può aiutarli a sciogliere il mistero della scomparsa di Shailiha. La principessa, rapita dalla Congrega, è stata trasformata in una perfida incantatrice, il cui sangue è necessario alle crudeli compagne per operare la mistica Comunione che dia loro il potere assoluto.
**

La quadriglia degli assassini

Benvenuti in un futuro dove alcune città storiche sono state ricostruite per il piacere dei turisti e degli assassini. Qui la gente trascorre le proprie vacanze in fittizie città del passato, popolate da comparse alle quali i turisti si mescolano per provare emozioni d’altri tempi. Un crimine atroce è stato commesso nella Londra virtuale del XIX secolo. Roberta Morgenstern, una strega che lavora per i servizi segreti, assistita dal giovane Clément Martineau, conduce un’indagine attraverso il tempo, in un turbine di epoche e di luoghi, dalla Parigi del Seicento al Messico degli Aztechi. Le piste portano al conte Palladio che sembra aver resuscitato quattro grandi criminali per intentare un processo al Diavolo e rinegoziare il suo patto di immortalità. Nella tradizione del romanzo d’avventura di Jules Verne, “La quadriglia degli assassini” è letteratura popolare di alto livello. Un formidabile intreccio tra horror e fantascienza, un romanzo avvincente che unisce la suspence del poliziesco con la magia del noir.

La pioggia di Wither

Un tempo erano estranei uniti soltanto dalle loro paure, evocate da un’entità diabolica che si chiamava Eizabeth Wither. La videro tornare a vivere la notte di Halloween nella storica città universitaria di Windale, Massachussets. Videro i loro sogni oscuri divenire realtà attraverso il terrore da lei scatenato. La videro morire schiacciata sotto tonnellate di pietra. Ma se Wither non c’è più e i loro incubi sono terminati, perché si svegliano ancora urlando? Wendy Ward, una studentessa universitaria col dono della magia bianca, sente che si sta preparando per Windale un cambiamento di tempo dalle conseguenze drammatiche. C’è nell’aria un nuovo gelo…

La Nascita Di Venere

Alessandra Cecchi non ha ancora compiuto quindici anni quando suo padre, un ricco mercante di stoffe, fa ritorno da un viaggio nel nord dell’Europa portando con sé un giovane pittore incaricato di affrescare la cappella del loro palazzo fiorentino. Figlia del Rinascimento, Alessandra è più incline agli studi che ai soliti doveri di una ragazza di buona famiglia. Inoltre, coltiva una passione per il disegno che poco si addice a una giovane donna. L’incontro con il pittore fiammingo accende in lei il desiderio di apprendere le tecniche della creazione artistica e, insieme, la curiosità nei confronti del ragazzo dai lunghi capelli scuri. Fra Alessandra e il pittore nasce un’intensa attrazione, avversata dalla madre della ragazza, che la sorveglia con sguardo d’aquila. Intanto Firenze assiste alla morte di Lorenzo de’ Medici e precipita in un baratro di caos e rovina: mentre l’esercito francese minaccia l’invasione, un frate domenicano di nome Girolamo Savonarola si scaglia contro il dilagare del vizio e profetizza terribili castighi. In un’atmosfera sempre più cupa, Alessandra è costretta a rinunciare ai sogni e ad accettare il matrimonio con un uomo maturo, colto e raffinato, Cristoforo Langella, che le promette una libertà non comune per una donna del suo tempo. Il destino, tuttavia, le riserverà nuove drammatiche prove.

(source: Bol.com)