337–352 di 446 risultati

L’incubo

Greg Donner, un giovane scrittore, s’innamora di Ginny Winters, una bellissima giovane dal misterioso passato, ma lei è la Ginny Winters protagonista di un suo incubo ricorrente nello scenario agghiacciante e irreale di una Chicago deserta…

Incubo di strada

Kleber ha quarantaquattro anni, appesantiti dalle lunghe notti spese sulle strade di Parigi, immerso nell’orrore delle più violente forme del male. Vive per l’amore della sua vita, la giovane Elenya, una dolcissima bellezza dell’Est che ha strappato al marciapiede e a un protettore spietato. Oltre a lei, in un mondo di facce nemiche, Kleber ha solo Mark, l’amico d’infanzia che ha ceduto alla criminalità. Sono ventidue anni che Kleber combatte il crimine e da tempo ha detto addio a ogni possibilità di carriera.
Ogni notte è logorato da visioni di sangue, perché non è vero che i giusti possono dormire un sonno tranquillo: nel buio il male si rigenera e le tenebre dell’umanità non si disperdono mai. I suoi nervi sono tesi al limite, divorati dalla frustrazione e dalla stanchezza e, dopo l’ennesimo scontro, Kleber scaraventa a terra un collega sfogando la sua rabbia contro gli ingranaggi corrotti di una gerarchia ingiusta. In un attimo si ritrova sbattuto fuori dalla polizia.
E a quel punto è lui la preda, braccato dalla malavita. Senza la legge dalla sua parte è un facile bersaglio per i vecchi nemici che sanno qual è il suo punto debole: lei, l’angelo biondo che dorme al suo fianco, la donna che gli ha dato tutta se stessa, l’altra metà della sua anima.
Kleber cerca l’amore nelle viscere del male, sulle impronte del Sergente senza nome della serie della Factory: Raymond ha osservato la vita attraverso il vetro oscurato della violenza e in questo modo ha scritto i suoi noir. Non c’è salvezza, né redenzione, né possibilità di giustizia, ma combattere per un grande amore è quanto di più simile alla salvezza un uomo possa sperare.
In *Incubo di strada* troverete Derek Raymond, uno dei più crudi scrittori del Novecento, ferito, affamato d’amore e redenzione, curvo sotto il peso del dolore che lo divora, come un cancro.
Le pagine di questo romanzo sembrano intinte nel sangue delle vittime, sono l’addio di uno scrittore di noir alla vita, un addio che rivolge il suo sguardo non all’odio, non alla violenza, ma all’amore. E poco importa se la trama ha un intreccio sbiadito, se a tratti si frantuma, incoerente e paranoica come solo un vero incubo può essere. Conta l’atmosfera, l’amore trovato e perduto per sempre, spazzato via da una morte tragica e orribile, l’amicizia scandita dal vino e dal sangue sulla strada, il coraggio di ammettere una debolezza, che percorre il libro come una lama e consuma un po’ alla volta.
Incubo di strada risuona di malattia e pianto, è un testo coperto di lividi come un’anima tradita e lasciata ad agonizzare, come la tela dura e deformata di un quadro di Francis Bacon.
Derek Raymond ha lavorato sui colori cupi, sui corpi straziati, sulle promesse d’amore e con Incubo di strada ha voluto lasciare ai suoi lettori uno specchio spezzato che riflette, ancora oggi, i frammenti della sua anima perduta.

I GUARDIANI DEL MONDO

Se i nostri sono tempi turbolenti, se l’ordine mondiale è costantemente minacciato, se gli Stati Uniti si sentono investiti (ma è una loro antica fissazione) del ruolo di poliziotti del mondo, nel futuro prossimo avremo bisogno di risorse davvero speciali per fare in modo che il pianeta non esploda fra le nostre mani. E così ecco nascere l’IPF, un’agenzia internazionale che controlla gli armamenti di tutte le nazioni e tiene d’occhio i satelliti messi in orbita attorno alla Terra. Ma nemmeno l’IPF può fare molto se un terrorista deciso a tutto si appropria di cinque o sei testate nucleari: per casi di emergenza come questi bisogna chiamare i mercenari della pace, un corpo sceltissimo pronto a mettersi al servizio della giustizia. E se il loro nome vi sembro un po’ ambiguo, non pronunciatevi senza prima aver letto questo appassionante thriller del futuro, che riconferma Ben Bova come uno dei grandi ” realisti ” della fantascienza.
Copertina: Oscar CHICONI

Il furore di Cthulhu

* Nel 1988 Lovecraft compie 98 anni… // Luigi COZZI
* Sovrimpressione // John REESE
tr. Daniela Galdo e Gianni Pilo
* La libreria // Nelson BOND
* Il barile di Amontillado // Edgar Allan POE
* La cripta // John JAKES
[seguito a: “Il barile di Amontillado” di E. A. POE (CZ)]
* La matricola // Philip José FARMER
* Fantasma // Oliver ONIONS
* Affittasi casa // Jean RAY
* In una stanza buia // Lord DUNSANY
* Il tumulo sul promontorio // Robert E. HOWARD
* La Miniera di Yuggoth // J[ohn] Ramsey CAMPBELL
* Brindisi dannato // Mack REYNOLDS
* Venerdì diciannove // Elisabeth Sanxay HOLDING
* La stanza perduta // Fitz-James O’BRIEN
* Beatrice // Angelo R. MAZZARESE
* Fra i respiri della notte // Bernardo CICCHETTI

La fabbrica del consenso

In un paese democratico l’indipendenza e la libertà di espressione dovrebbero essere le qualità portanti dei giornali e di tutti i media. la realtà è però un’altra: sono le forza politiche ed economiche a decidere quali notizie dovranno raggiungere il pubblico, e in che modo. Noam Chomsky e Edward S. Herman svelano come, grazie alla manipolazione delle notizie, l’opinione pubblica viene spinta a sostenere determinati interessi e punti di vista. La fabbrica del consenso offre un’analisi precisa su quanto siano veramente strumentalizzati i media statunitensi e fornisce la chiave per interpretarne i messaggi.

L’estate dell’ozono

“Estate dell’ozono”: una frase che significa poco o nulla per gli abitanti della Terra, sia quelli che vivono in superficie sia i coloni delle città sottomarine. Ma poi la cometa Sicara raggiunge il nostro pianeta e lo sfiora, e nonostante tutte le misure di sicurezza, una vasta pioggia di frammenti si abbatte sul nostro mondo. Conseguenza n. 1: gli impulsi elettromagnetici causati dalla catastrofe mettono fuori uso tutti i circuiti elettronici, e quindi i mezzi di comunicazione dell’umanità. Conseguenza n. 2: lo strato di ozono viene ionizzato e virtualmente distrutto, con il risultato che quasi tutta la vita di superficie è minacciata dai raggi ultravioletti del sole. Ora, “Estate dell’ozono” ha un terribile, preciso significato: dalla sua durata dipende l’esito della vita sulla Terra. Un grande romanzo che segna il ritorno insieme di due maestri della fantascienza, Frederik Pohl e Jack Williamson.
Copertina di Oscar Chichoni

Dentro le tenebre

Anne, neodivorziata, trascorre le sue notti guardando dalla finestra le case e le vie silenziose. Ma non tutti dormono: Mark Chaney, il suo fascinoso dirimpettaio rientra spesso all´alba, ed Anne inizia ad incuriosirsi. Ma anche lui ha notato quella vicina indiscreta, che potrebbe intralciare i suoi sanguinari progetti…

Delitto alla coppa del mondo

Brooklyn, stadio Kock di New York, La nazionale della Germania est e quella statunitense, miracolosamente arrivata in finale, si giocano all’ultimo sangue il titolo del Mondiale prossimo venturo. Per Marc Burr, giornalista sportivo col fiuto del detective, quella partita sarà più di un evento storico. Marc è sulle tracce del misterioso assassino che ha sfondato la testa al Presidente della lega calcio Gregor Ragusic e deve trovare la soluzione mentre in campo 22 uomini si battono col coltello tra i denti. Indiziati, sono tutti i giocatori americani dal capocannoniere Boris Vargas (in panchina) all’allenatore Luis “Grilho”, ex astro del calcio carioca e adesso protagonista a sorpresa della finale. Implicati sono anche il potente Steve Vanderhook, un paraplegico che con Ragusic ha portato l’America al Mondiale, e Dahiiah Norman, fidanzata dì Marc. Scandito come un cronometro di precisione dal leggendario Pelé che si cimenta qui come scrittore con l’aiuto di Herbert Resnicow, attraversato da colpi di scena e squarci di gioco che hanno l’immediatezza della radiocronaca, *Delitto alla Coppa del Mondo* è un thrilling insolito, tutto da vedere con gli occhi della fantasia.

Dance dance dance

###
È un giorno di marzo, al Dolphin Hotel di Sapporo, A. D. 1983. Alla radio suonano gli Human League. E poi Fleetwood Mac, Abba, Bee Gees, Eagles… Uno strano mondo, dove tutto – o quasi – si può comprare. Cosi, per chi non ha voluto, o saputo, cogliere l’attimo e tuffarsi nell’ingranaggio, le strade che rimangono sono tutte un po’ tortuose. Il protagonista, un giornalista freelance costretto dalle circostanze a improvvisarsi detective, si muove tra cadaveri veri e presunti attraverso una Tokyo iperrealistica e notturna, una Sapporo resa ovattata da una nevicata perenne e la tranquillità illusoria dell’antica cittadina di Hakone. Una giovane ragazza dotata di poteri paranormali lo accompagna nella sua ricerca. Ma troviamo anche una receptionist troppo nervosa, un attore dal fascino irresistibile, un poeta con un braccio solo; e un salotto, a Honolulu, dove sei scheletri guardano la televisione. Esiste un collegamento fra tutte queste cose, un senso anche per chi ha perso l’orientamento. L’unico modo per trovarlo è non avere troppa paura, e un passo dopo l’altro continuare a danzare.
**

Dance Dance Dance

Murakami Haruki in uniform edition Super ET, con le copertine di Noma Bar.

***

Il protagonista, un giornalista free lance costretto dalle circostanze ad improvvisarsi detective, si muove tra cadaveri veri e presunti attraverso una Tokyo iperrealistica e notturna, una Sapporo resa ovattata da una nevicata perenne e la tranquillità illusoria dell’antica cittadina di Hakone. Una giovane ragazza dotata di poteri paranormali, lo accompagna nella sua ricerca. Ma troviamo anche una receptionist troppo nervosa, un attore dal fascino irresistibile, un poeta con un braccio solo; e un salotto, a Honolulu, dove sei scheletri guardano la televisione.
Esiste un collegamento fra tutte queste cose, un senso anche per chi ha perso l’orientamento. L’unico modo per trovarlo è non avere troppa paura, e un passo dopo l’altro continuare a danzare.

(source: Bol.com)

Una culla in fondo al mare

Fiord ha quindici anni ed è una ragazza cupa e scontrosa, che di giorno fa la sguattera e di notte, dalla sua solitaria capanna, guarda con odio il mare in cui suo padre è annegato. Ma Fiord è anche una piccola strega capace di strani incantesimi, e sarà lei a rivelare l’inganno di una creatura del mare che, molto tempo prima, ha sostituito il legittimo erede al trono con un figlio suo, il malinconico Kir. Se a tutto ciò si aggiungono un giovane e potente mago, un drago color fiamma e un gioiello di incalcolabile valore, il risultato sarà una affascinante storia di magia la cui protagonista, però, è una ragazza autentica, che va in cerca di se stessa e che per la prima volta riflette sull’amore.

Corso di erboristeria applicata

L’erboristeria è una scienza antica, ma attualissima e si inquadra nella ricerca di una vita più sana e più vicina alla natura. Fonte di consigli, indicazioni e suggerimenti per quanti cercano un rimedio “dolce”, questo breve manuale illustra le caratteristiche delle erbe più importanti e il loro utilizzo.

La città delle ombre

Sopra i tetti di Londra, inaccessibile e invisibile a tutti, esiste una società segreta, sospesa fra il nostro mondo e un altro senza tempo governato da leggi proprie. Sospesi nel vuoto con un fantastico sistema di cavi e abili a dileguarsi in labirintici recessi, questi abitatori delle ombre si preparano a ingaggiare una battaglia per il dominio non solo del proprio mondo, ma anche di quello che sta sotto…dove tutti sono ignari, finché qualcuno che intuisce l’esistenza della città delle ombre che si estende lassù, comincia ad alzare lo sguardo con un brivido di terrore.

Chi ha usato questo letto

Queste sette storie erano gli ultimi che Carver ha scritto. Tra di loro è uno dei suoi più lunghi, ‘Errand’, in cui si immagina la morte di Cechov, un Carver scrittore enormemente ammirato e alla cui opera il proprio stato spesso paragonato. Questa bella storia suggerisce che il più grande dei moderni scrittori di racconti brevi poteva, l’anno prima della sua morte prematura, arrivare a scrivere libri più lunghi.