1–16 di 307 risultati

Incorrupta

Maragda va a visitar a su amiga Brigitte Marais gravemente enferma. Está ingresada en un caserón antiguo de un apartado pueblo francés. Allí van a parar los enfermos terminales desahuciados por la medicina y en condiciones pésimas esperan su inevitable muerte. Desoyendo las recomendaciones de los encargados del centro Maradga visita a su amiga y la sorpresa es mayúscula: Brigitte parece un cadàver en descomposición pero está aún viva! En un susurro casi ininteligible le pronuncia un nombre: Beli Polack. Quien es ese hombre? Y que misteriosa enfermeda puede producir tales efectos nunca vistos?

Sharpe’s Enemy

ONLY ONE MAN STANDS BETWEEN NAPOLEON’S ARMY AND A BRITISH DEFEAT — MAJOR RICHARD SHARPE A band of renegades led by Sharpe’s vicious mortal enemy, Obadiah Hakeswill, holds a group of British and French women hostage in a strategic mountain pass. On the other side of the pass, Napoleon’s Grande Armee seeks to smash through and crush the British army in Portugal. Outnumbered and attacked from two sides, Sharpe must hold his ground or die in the attempt.

Le inchieste del commissario Ambrosio

Nulla faceva pensare a un delitto, e quindi il cadavere della donna, morta per un malore, è stato cremato, ridotto in cenere. Ma un alone di inquietudine circonda la vicenda di Virginia, e di tutti gli uomini che l’hanno amata. A partire dal padre, vecchio amico di famiglia Ambrosio, che due anni dopo la scomparsa della figlia si convince che ci sia qualcosa che non quadra, e chiede al commissario Giulio di indagare. Una ricerca difficile e soprattutto delicata, condotta in sordina, tra le persone che sono state vicine a Virginia, forse senza conoscerla mai davvero. E in una Milano prima oppressa dall’afa, poi spazzata da piogge interminabili, anche il poliziotto sembra subire il fascino di questa figura di donna vittima, probabilmente, di un omicidio, ma prima di tutto di se stessa e delle proprie insoddisfazioni.

Anima: anatomia di una nozione personificata

Apriamo questo libro: sulla sinistra troveremo 439 estratti da testi di Jung intorno all’Anima, sulla destra una sequenza di testi di Hillman che rispondono a Jung, ampliando il suo pensiero e talvolta contrapponendosi ad esso. È un gioco affascinante di canto e controcanto su una «nozione personificata» che è la «metafora radicale» della psicologia. Per Hillman, “Anima” è in certo modo il libro segreto, quello che innerva tutta la sua ricerca: «Guardandomi indietro, mi sembra che “Anima” sia stata alla base di tutto il mio lavoro». Ciò di cui si parla in questo libro è la fonte stessa della vita della psiche: «Il richiamo dell’anima è convincente; è una seduzione che porta alla fede psicologica, una fede nelle immagini e nel pensiero del cuore, che porta a un’animazione del mondo. Anima crea attaccamenti e legami. Ci fa innamorare. Non possiamo più rimanere osservatori distaccati che scrutano attraverso la lente».
La prima edizione di “Anima” è del 1985, ma una versione più breve era apparsa su «Spring 1973» e «Spring 1974». **
### Sinossi
Apriamo questo libro: sulla sinistra troveremo 439 estratti da testi di Jung intorno all’Anima, sulla destra una sequenza di testi di Hillman che rispondono a Jung, ampliando il suo pensiero e talvolta contrapponendosi ad esso. È un gioco affascinante di canto e controcanto su una «nozione personificata» che è la «metafora radicale» della psicologia. Per Hillman, “Anima” è in certo modo il libro segreto, quello che innerva tutta la sua ricerca: «Guardandomi indietro, mi sembra che “Anima” sia stata alla base di tutto il mio lavoro». Ciò di cui si parla in questo libro è la fonte stessa della vita della psiche: «Il richiamo dell’anima è convincente; è una seduzione che porta alla fede psicologica, una fede nelle immagini e nel pensiero del cuore, che porta a un’animazione del mondo. Anima crea attaccamenti e legami. Ci fa innamorare. Non possiamo più rimanere osservatori distaccati che scrutano attraverso la lente».
La prima edizione di “Anima” è del 1985, ma una versione più breve era apparsa su «Spring 1973» e «Spring 1974».

L’Ombra Del Nord

Dopo “Il rubino di fumo”, il secondo romanzo della trilogia di Sally Lockhart. Titolare di un ufficio di consulenza finanziaria nella Londra vittoriana, Sally si fa contagiare dalla passione investigativa dei suoi amici Frederick e Jim. La pista che Sally sta seguendo per conto di una cliente conduce alla stessa persona sulla quale stanno indagando anche i suoi amici, e non è un caso: Alex Bellmann non è solo smisuratamente ricco e potente, ma anche circondato da un sinistro alone di mistero. Cos’ha a che fare con il naufragio di una nave carica di esplosivi? Cosa si nasconde nella sua fabbrica modello dove anche l’ultimo manovale è superpagato e vincolato alla più stretta segretezza?

NORBY IL ROBOT STRAVAGANTE

Norby, lo stravagante robot pasticcione, dotato di imprevedibili poteri ma anche di tutti i difetti della natura umana, è buffo, patetico e simpatico come un orsacchiotto di peluche, anche se il suo corpo è un vecchio fustino da birra. Il robot, capace di viaggiare nello spazio, un giorno arriva, non si sa come, sulla Terra e viene “adottato” da Jeff Wells e da suo fratello Fargo. Una storia divertente in cui i buoni combattono contro i cattivi, per impedire la distruzione del nostro pianeta.

Los tipos duros no bailan

Esta brillante novela, tenebrosa y de fuerza sorprendente, narra la historia de Tim Madden, escritor fracasado adicto al «bourbon», los cigarrillos y las rubias casquivanas y adineradas en el escenario de arbustos y dunas de Provincetown, cargado de la crudeza y melancolía de la población fuera de temporada. Cuando se cumplen 24 días del abandono de su esposa, Tim Madden amanece con resaca, una acentuada excitación sexual y un nombre del pasado tatuado en rojo en el brazo. Apenas recuerda nada de la noche anterior. De pronto descubre que el asiento del acompañante de su Porsche está empapado de sangre y que, en un bosquecillo cercano, en un rincón semioculto de su escondrijo de marihuana, hay una cabeza rubia cercenada por el cuello. ¿Será Madden un asesino? La narración se centra en la violencia física, sexual y emocional mientras asistimos a los esfuerzos de Madden por reconstruir aquella espantosa noche. A raíz de la investigación, se perfilará retratada con fuerza una galería de personajes estrafalarios: ex boxeadores profesionales, adictos al sexo, médiums, timadores, policías, una antigua novia desencantada y el mismísimo padre de Madden, baluarte de la más estricta moral. En esta novela, un Normal Mailer en su mejor momento emprende una búsqueda implacable entre los recovecos y virtudes ocultas del americano moderno: rara vez se han explorado tan a fondo las paradojas del machismo y la homosexualidad.

Lady Halcón

«Lady Halcón» nos relata la historia de una maldición y cómo ésta persigue a sus protagonistas, impidiéndoles el derecho a ser felices. El argumento es sencillo y clarividente: el Obispo de Aquila se enamora de Isabeau pero descubre con dolor que ella ni lo ama ni lo amará nunca: es a el capitán de su guardia a quién ama. Lleno de despecho porque su deseo se ha visto truncado por esa loca pasión decide vengarse, pues no soporta ese enamoramiento. Lanza una maldición sobre ellos: un temible hechizo, aunque para ello debe aliarse a las fuerzas del mal y pactar con el diablo. Durante el día ella se metamorfosea en un bellísimo halcón, que el capitán cuida con recelo; pero al llegar la noche, la bella Isabeau camina seguida por un gran lobo, su capitán Navarre. Ambos están juntos pero nunca pueden verse ni siquiera rozarse.

La sangre del hijo

Una joven viuda lleva una vida mundana y apacible en Nueva York, hasta que recibe la noticia de que su único hijo ha muerto, perdido en el mar. Pero ella sostiene que está vivo. Renuncia a su trabajo, abandona a su amante, vende el departamento y viaja al África en busca de su hijo. Allí traba relación con un apuesto canadiense, con un hindú que se ha lanzado a recorrer el mundo en su yate, y con otros muchos curiosos personajes. Las aventuras se suceden en el Océano Índico hasta culminar en un violento desenlace.

La Ciudad de la Alegría

En La Ciudad de la Alegría se narran las vivencias de varios personajes en un slum (barrio de chabolas) de Calcuta. Paul Lambert es un cura católico francés cuya misión personal es ayudar a los más necesitados. Max Loeb un médico americano que llega a Calcuta cautivado por el trabajo de Lambert. Su historia se va mezclando con la de la familia Pal, con el cabeza de familia Hasari, que deben de migrar a Calcuta para ganarse la vida… La Ciudad de la Alegría es un canto a la esperanza y al amor dentro del sufrimiento y la miseria que se da en los barrios pobres de la India. Una increíble e inolvidable novela que ha cautivado a millones de lectores en todo el mundo.

Entre los latidos de la noche

2010 D.C. Sólo unos pocos seres humanos que habitan en las primitivas colonias en órbita en torno a la Tierra logran escapar de la Hecatombe Nuclear. Deben iniciar el éxodo en busca de nuevos mundos lejos de la Tierra destruida. 27698 D.C. A esos mundos llegan los inmortales, seres con extraños lazos con la vieja Tierra, que parecen vivir eternamente, que pueden recorrer años luz en sólo unos días, y que utilizan sus extraños poderes para controlar la existencia de los simples mortales. En el planeta Pentecostés, un pequeño grupo se prepara para encontrar a los inmortales y enfrentarse a ellos. Pero en la búsqueda deberán transformarse ellos mismos en inmortales y descubrir una nueva amenaza que se cierne no sólo sobre ellos mismos sino sobre toda la galaxia.

El que tiene sed

«El que tiene sed» narra la vida, o parte de la vida, de Esteban Espósito, escritor alcohólico, lúcido y arruinado en la argentina de finales del siglo XX. Con gran lirismo y no menos humor —un humor corrosivo, trágico— Abelardo Castillo transforma la vida ebria de Espósito en una obra de arte supurante de dolor y de vida. Una novela hermosa que se acerca al infierno del alcoholismo con honestidad y crudeza

Youtube Business: Marketing Ed Editoria Con I Video Online

Lo scopo di questo libro e’ mostrarti i modi in cui si puo’ fare business con i video online e, in particolare, come e quanto puoi guadagnare grazie a YouTube. Non e’ un manuale approfondito, bensi’ un concentrato di idee sull’editoria e il marketing su YouTube. **

I rintocchi della Marangona

Venezia. Su uno dei ponti del sestiere di Cannaregio due ragazzine si scontrano: hanno entrambe un appuntamento da rispettare, sono di corsa, ma l’incontro diventa subito un’occasione per essere curiose l’una dell’altra, per scambiarsi opinioni, per raccontarsi chi sono. Eppure c’è qualcosa che le rende molto particolari. Sì, perché Mirtilla e Nina appartengono a due «tempi» diversi: Nina è nostra contemporanea, Mirtilla viene dalla seconda metà del Cinquecento ed è arrivata nella Venezia di oggi grazie a una piega dello spazio-tempo. Il colloquio è fitto: si parla di medicina, di relatività, di mostri, di uomini grandi e piccoli; si parla anche di moda (cosa sono quegli stivali colorati che porta Nina?), di cibo e naturalmente del presente e del futuro della città (non sa forse Mirtilla che sta nascendo un’opera faraonica pensata per difendere Venezia dall’acqua alta? No che non lo sa. Anche se non si stupisce affatto, visto che nel suo Cinquecento era stato ventilato un progetto per chiuderla dentro un giro di mura merlate). E che cos’è quell’enciclopedia «so tutto io» in cui Nina si specchia continuamente per avere informazioni? Ma Mirtilla deve andarsene, perché c’è qualcuno di là che è molto malato e se ne deve occupare. Nina a casa ha una scatola di antibiotici (potrà passare quella scatola la barriera del tempo?). Ai rintocchi di mezzanotte della campana di San Marco – la Marangona – si dovranno salutare (sanno che appartengono alla stessa città ma a mondi diversi) e sono tanto impazienti di reincontrarsi quanto rassegnate a perdersi per sempre. Che cosa riserva il destino alla loro amicizia? **
### Sinossi
Venezia. Su uno dei ponti del sestiere di Cannaregio due ragazzine si scontrano: hanno entrambe un appuntamento da rispettare, sono di corsa, ma l’incontro diventa subito un’occasione per essere curiose l’una dell’altra, per scambiarsi opinioni, per raccontarsi chi sono. Eppure c’è qualcosa che le rende molto particolari. Sì, perché Mirtilla e Nina appartengono a due «tempi» diversi: Nina è nostra contemporanea, Mirtilla viene dalla seconda metà del Cinquecento ed è arrivata nella Venezia di oggi grazie a una piega dello spazio-tempo. Il colloquio è fitto: si parla di medicina, di relatività, di mostri, di uomini grandi e piccoli; si parla anche di moda (cosa sono quegli stivali colorati che porta Nina?), di cibo e naturalmente del presente e del futuro della città (non sa forse Mirtilla che sta nascendo un’opera faraonica pensata per difendere Venezia dall’acqua alta? No che non lo sa. Anche se non si stupisce affatto, visto che nel suo Cinquecento era stato ventilato un progetto per chiuderla dentro un giro di mura merlate). E che cos’è quell’enciclopedia «so tutto io» in cui Nina si specchia continuamente per avere informazioni? Ma Mirtilla deve andarsene, perché c’è qualcuno di là che è molto malato e se ne deve occupare. Nina a casa ha una scatola di antibiotici (potrà passare quella scatola la barriera del tempo?). Ai rintocchi di mezzanotte della campana di San Marco – la Marangona – si dovranno salutare (sanno che appartengono alla stessa città ma a mondi diversi) e sono tanto impazienti di reincontrarsi quanto rassegnate a perdersi per sempre. Che cosa riserva il destino alla loro amicizia?

Un reloj hace tictac en Navidad. Sustancia de locura

Calificada como uno de los grandes talentos de la novela policiaca de todos los tiempos, Patricia Highsmith demostró —sobre todo en sus colecciones de relatos— que no necesita recurrir a los elementos propios de la literatura del género para alcanzar las más altas cimas de la llamada «psicología del horror». En «Un reloj hace tictac en Navidad» y «Sustancia de locura», la maestría narrativa de la autora arrastra al lector a un universo tan aparentemente anodino e inofensivo como el de la vida cotidiana, pero que pronto se revela preñado de las más feroces e inquietantes amenazas. Con mezcla de ironía y negra ternura, de humor y escalofrío, ambos relatos muestran cuánta crueldad y pobreza humana trenzan los destructores vínculos que unen a los miembros de los matrimonios aparentemente felices.