1–16 di 226 risultati

Giardino, cenere

Profumo di vaniglia e semi di papavero, un vassoio nichelato con sottili mezzelune lasciate dal fondo dei bicchieri, piccoli tram azzurri, gialli e verdi che si rincorrono tintinnando, il cancello di un parco dietro il quale spuntano cervi e cerve, «come ragazzini di buona famiglia di ritorno dalla lezione di piano». All’inizio di questo romanzo c’è un pullulare di sensazioni, una nube tattile, olfattiva, onirica, che si sposta in una cauta esplorazione del mondo, come l’occhio del bambino Andreas, il narratore. La parola «morte» trafigge questa nube, è un numero fatale stampato sul buio. E il bambino gioca con il sonno, gli tende agguati, in preparazione alla grande lotta con la morte. Aveva deciso di «assistere un giorno consapevolmente alla venuta della morte e così vincerla», e nell’attesa voleva sorprendere l’angelo del sonno. Intorno ad Andreas, vediamo la sorella Anna, che piange la sera perché il giorno è finito e non torna più; e la madre Marija, seduta davanti a una imponente macchina da cucire Singer di ghisa nera. E soprattutto vediamo, seppure soltanto in apparizioni imprevedibili e balzane, il padre Eduard Sam, ispettore delle ferrovie a riposo, ma in realtà *trickster* decaduto, che non dispone più di molti poteri, eppure è ancora aureolato di eventi prodigiosi e irrisori. Autore di un *Orario delle comunicazioni tranviarie, navali, ferroviarie e aeree* che, arricchendosi di edizione in edizione, si trasforma in opera interminabile, come una mappa che volesse coincidere con il territorio rappresentato, Eduard usa mostrarsi con bombetta e redingote imbrattata, e sfida l’iniquità del mondo dietro occhiali con montatura metallica, stringendo in pugno un bastone. Compreso della sua vocazione di mistificatore, non è mai se stesso, ma il nebbioso ricordo di qualcos’altro, e il giovane Andreas, fantasticatore selvaggio, percepisce in lui la compresenza di molte vite: «Ed eccolo, mio padre, seduto nel carro accanto a una giovane zingara dalle poppe rigonfie, maestoso come il principe di Galles o, se volete, come un croupier o come un *maître d’hôtel* (come un illusionista, come un impresario di circo, come un domatore di leoni, come una spia, come un antropologo, come un maggiordomo, come un contrabbandiere, come un missionario quacchero, come un sovrano che viaggi in incognito, come un ispettore scolastico, come un medico di campagna e, infine, come un commesso viaggiatore, rappresentante di una compagnia occidentale per la vendita dei rasoi di sicurezza)». Un giorno, in un raro momento di sobrietà, Eduard accenna al figlio il suo segreto: «Non è possibile, giovanotto mio, e questo ricordatelo per sempre, non è possibile recitare la parte della vittima per tutta la vita senza diventarlo alla fine davvero». La storia si incaricherà presto di avverare la profezia. In una continua osmosi di sensazione e visione, questo romanzo raggiunge una precisione evocativa che penetra nelle fibre della mente, in un modo che ricorda Bruno Schulz. Qui, come una splendida carovana di stracci e paccottiglia, ci sfila davanti il mondo saturo di esperienze dell’Europa centrale mentre sta per abbandonarsi alla morte, visto con gli occhi del bambino sognatore e ribelle che alla morte voleva dare scacco. *Giardino, cenere* è apparso per la prima volta nel 1975.

Profumo di vaniglia e semi di papavero, un vassoio nichelato con sottili mezzelune lasciate dal fondo dei bicchieri, piccoli tram azzurri, gialli e verdi che si rincorrono tintinnando, il cancello di un parco dietro il quale spuntano cervi e cerve, «come ragazzini di buona famiglia di ritorno dalla lezione di piano». All’inizio di questo romanzo c’è un pullulare di sensazioni, una nube tattile, olfattiva, onirica, che si sposta in una cauta esplorazione del mondo, come l’occhio del bambino Andreas, il narratore. La parola «morte» trafigge questa nube, è un numero fatale stampato sul buio. E il bambino gioca con il sonno, gli tende agguati, in preparazione alla grande lotta con la morte. Aveva deciso di «assistere un giorno consapevolmente alla venuta della morte e così vincerla», e nell’attesa voleva sorprendere l’angelo del sonno. Intorno ad Andreas, vediamo la sorella Anna, che piange la sera perché il giorno è finito e non torna più; e la madre Marija, seduta davanti a una imponente macchina da cucire Singer di ghisa nera. E soprattutto vediamo, seppure soltanto in apparizioni imprevedibili e balzane, il padre Eduard Sam, ispettore delle ferrovie a riposo, ma in realtà *trickster* decaduto, che non dispone più di molti poteri, eppure è ancora aureolato di eventi prodigiosi e irrisori. Autore di un *Orario delle comunicazioni tranviarie, navali, ferroviarie e aeree* che, arricchendosi di edizione in edizione, si trasforma in opera interminabile, come una mappa che volesse coincidere con il territorio rappresentato, Eduard usa mostrarsi con bombetta e redingote imbrattata, e sfida l’iniquità del mondo dietro occhiali con montatura metallica, stringendo in pugno un bastone. Compreso della sua vocazione di mistificatore, non è mai se stesso, ma il nebbioso ricordo di qualcos’altro, e il giovane Andreas, fantasticatore selvaggio, percepisce in lui la compresenza di molte vite: «Ed eccolo, mio padre, seduto nel carro accanto a una giovane zingara dalle poppe rigonfie, maestoso come il principe di Galles o, se volete, come un croupier o come un *maître d’hôtel* (come un illusionista, come un impresario di circo, come un domatore di leoni, come una spia, come un antropologo, come un maggiordomo, come un contrabbandiere, come un missionario quacchero, come un sovrano che viaggi in incognito, come un ispettore scolastico, come un medico di campagna e, infine, come un commesso viaggiatore, rappresentante di una compagnia occidentale per la vendita dei rasoi di sicurezza)». Un giorno, in un raro momento di sobrietà, Eduard accenna al figlio il suo segreto: «Non è possibile, giovanotto mio, e questo ricordatelo per sempre, non è possibile recitare la parte della vittima per tutta la vita senza diventarlo alla fine davvero». La storia si incaricherà presto di avverare la profezia. In una continua osmosi di sensazione e visione, questo romanzo raggiunge una precisione evocativa che penetra nelle fibre della mente, in un modo che ricorda Bruno Schulz. Qui, come una splendida carovana di stracci e paccottiglia, ci sfila davanti il mondo saturo di esperienze dell’Europa centrale mentre sta per abbandonarsi alla morte, visto con gli occhi del bambino sognatore e ribelle che alla morte voleva dare scacco. *Giardino, cenere* è apparso per la prima volta nel 1975.

Only registered users can download this free product.

El gato de Cheshire

Escritas a lo largo de casi cincuenta años —entre 1926 y 1964— es natural que estas miniaturas manifiesten sucesivos manerismos literarios. Como las mezclé sin fijarme en sus fechas el lector no encontrará períodos sellados con tal o cual «ismo». De todos esos «ismos» el que menos aprecio, porque contraría mi carácter y mi actitud ante las letras, es el Superrealismo. Debí haber rechazado las incoherencias subconscientes que no alcancé a imaginar con lucidez y arte. Resultan todavía más oscuras por estar en prosa, forma que siempre hace esperar claridad. De haberlas soltado en versos licenciosos quizá impresionaran como poéticas. (E. A. I.)

Escritas a lo largo de casi cincuenta años —entre 1926 y 1964— es natural que estas miniaturas manifiesten sucesivos manerismos literarios. Como las mezclé sin fijarme en sus fechas el lector no encontrará períodos sellados con tal o cual «ismo». De todos esos «ismos» el que menos aprecio, porque contraría mi carácter y mi actitud ante las letras, es el Superrealismo. Debí haber rechazado las incoherencias subconscientes que no alcancé a imaginar con lucidez y arte. Resultan todavía más oscuras por estar en prosa, forma que siempre hace esperar claridad. De haberlas soltado en versos licenciosos quizá impresionaran como poéticas. (E. A. I.)

Only registered users can download this free product.

Dr. Bloodmoney

Siete años después del día de las bombas, Point Reyes puede considerarse un lugar bastante afortunado. Sus habitantes son razonablemente normales –excepto por la niña que lleva a su hermano siamés creciendo en su estómago–, su economía basada en el trueque parece funcionar y sus genios residentes pueden arreglar casi todo lo que se estropea. Pero esta situación puede irse al traste si los habitantes descubren que están protegiendo, sin saberlo, al hombre que provocó la tercera guerra mundial y la muerte de millones de personas por radiación nuclear.

Siete años después del día de las bombas, Point Reyes puede considerarse un lugar bastante afortunado. Sus habitantes son razonablemente normales –excepto por la niña que lleva a su hermano siamés creciendo en su estómago–, su economía basada en el trueque parece funcionar y sus genios residentes pueden arreglar casi todo lo que se estropea. Pero esta situación puede irse al traste si los habitantes descubren que están protegiendo, sin saberlo, al hombre que provocó la tercera guerra mundial y la muerte de millones de personas por radiación nuclear.

Only registered users can download this free product.

L’essere e il nulla

L 'essere e il nulla è il testo filosofico sartriano di più ampio respiro: in contrasto con una lunga tradizione speculativa, vi si conduce una ricerca dell'assoluto che rifiuta criticamente conclusioni positivo-edificanti, mentre fa luce su molteplici aspetti del consistere delle cose e dell'esistere degli uomini. A differenza dell'essere in sé. L'esistente non è mai quello che è: progettivo, instabile, la sua struttura è di perenne mancanza. L'indagine sartriana rivela le tensioni profonde dell'essere umano che, mentre vive una condizione di incompiutezza, nutre in permanenza l'aspirazione a superarla.

L 'essere e il nulla è il testo filosofico sartriano di più ampio respiro: in contrasto con una lunga tradizione speculativa, vi si conduce una ricerca dell'assoluto che rifiuta criticamente conclusioni positivo-edificanti, mentre fa luce su molteplici aspetti del consistere delle cose e dell'esistere degli uomini. A differenza dell'essere in sé. L'esistente non è mai quello che è: progettivo, instabile, la sua struttura è di perenne mancanza. L'indagine sartriana rivela le tensioni profonde dell'essere umano che, mentre vive una condizione di incompiutezza, nutre in permanenza l'aspirazione a superarla.

Only registered users can download this free product.

Il santo in guardia

Quando una spedizione di iridio necessaria per la produzione di armi e attrezzature alleate viene dirottata e messa sul mercato nero, Templari avvia un piano per recuperare le merci, supportato dai suoi contatti di intelligence statunitensi e con grande dispiacere del NYPD Ispettore Fernack. Ma quando uno dei suoi primi contatti viene assassinato, Templar si ritrova incastrato per il crimine.

Quando una spedizione di iridio necessaria per la produzione di armi e attrezzature alleate viene dirottata e messa sul mercato nero, Templari avvia un piano per recuperare le merci, supportato dai suoi contatti di intelligence statunitensi e con grande dispiacere del NYPD Ispettore Fernack. Ma quando uno dei suoi primi contatti viene assassinato, Templar si ritrova incastrato per il crimine.

Only registered users can download this free product.

Le tre stimmate di Palmer Eldritch

Scritto nel 1964 e pubblicato nel 1965 dalla Doubleday, Le tre stimmate di Palmer Eldritch è stato osannato come un grande romanzo psichedelico, una navigazione allucinata in un mondo surreale creato dalla droga e dominato dall’inquietante figura di un mostruoso imprenditore-spacciatore, non del tutto umano e forse strumento di un’oscura divinità. Ma dietro la storia di una delle più originali invasioni aliene mai raccontate si nascondono diversi livelli di lettura, dove la provocatoria meditazione teologica va a braccetto con la denuncia politica e sociale. Palmer Eldritch, produttore e spacciatore del Chew-Z, è forse un abominevole Cristo negativo, forse personificazione di una Tecnica che tutto vede, afferra e mastica; ma forse è solo una povera vittima, un uomo qualunque… **
### Sinossi
Scritto nel 1964 e pubblicato nel 1965 dalla Doubleday, Le tre stimmate di Palmer Eldritch è stato osannato come un grande romanzo psichedelico, una navigazione allucinata in un mondo surreale creato dalla droga e dominato dall’inquietante figura di un mostruoso imprenditore-spacciatore, non del tutto umano e forse strumento di un’oscura divinità. Ma dietro la storia di una delle più originali invasioni aliene mai raccontate si nascondono diversi livelli di lettura, dove la provocatoria meditazione teologica va a braccetto con la denuncia politica e sociale. Palmer Eldritch, produttore e spacciatore del Chew-Z, è forse un abominevole Cristo negativo, forse personificazione di una Tecnica che tutto vede, afferra e mastica; ma forse è solo una povera vittima, un uomo qualunque…

Scritto nel 1964 e pubblicato nel 1965 dalla Doubleday, Le tre stimmate di Palmer Eldritch è stato osannato come un grande romanzo psichedelico, una navigazione allucinata in un mondo surreale creato dalla droga e dominato dall’inquietante figura di un mostruoso imprenditore-spacciatore, non del tutto umano e forse strumento di un’oscura divinità. Ma dietro la storia di una delle più originali invasioni aliene mai raccontate si nascondono diversi livelli di lettura, dove la provocatoria meditazione teologica va a braccetto con la denuncia politica e sociale. Palmer Eldritch, produttore e spacciatore del Chew-Z, è forse un abominevole Cristo negativo, forse personificazione di una Tecnica che tutto vede, afferra e mastica; ma forse è solo una povera vittima, un uomo qualunque… **
### Sinossi
Scritto nel 1964 e pubblicato nel 1965 dalla Doubleday, Le tre stimmate di Palmer Eldritch è stato osannato come un grande romanzo psichedelico, una navigazione allucinata in un mondo surreale creato dalla droga e dominato dall’inquietante figura di un mostruoso imprenditore-spacciatore, non del tutto umano e forse strumento di un’oscura divinità. Ma dietro la storia di una delle più originali invasioni aliene mai raccontate si nascondono diversi livelli di lettura, dove la provocatoria meditazione teologica va a braccetto con la denuncia politica e sociale. Palmer Eldritch, produttore e spacciatore del Chew-Z, è forse un abominevole Cristo negativo, forse personificazione di una Tecnica che tutto vede, afferra e mastica; ma forse è solo una povera vittima, un uomo qualunque…

Only registered users can download this free product.

Le cose

Una giovane coppia parigina, Jérôme e Sylvie, fresca di studi universitari, vive in un mondo dove impera l’abbondanza consumistica. Di quanto i negozi di scarpe e di dischi, i salumieri e gli antiquari offrono di meglio, sanno apprezzare la finezza, il sapore, l’eccellenza. Hanno i gusti della borghesia raffinata, ma per mancanza di denaro sono sempre respinti verso il loro status sociale: “sempre un pochino troppo in giù”. La loro non è solo una ricerca di elevazione sociale, essi chiedono alle cose di operare in loro, per forza e magia, una metamorfosi: cercano di avere per essere. Sono due personaggi singolari ma allo stesso tempo comuni. Sono vittime di un consumismo che sembra innescare solo frustrazioni, frenesie e tensioni; ma Perec li racconta senza sarcasmo, con umorismo e distaccata ironia, perché rimane consapevole della forza estetica, emozionale, perfino erotica, che l’universo degli oggetti sa produrre su ognuno di noi. Prefazione di Andrea Canobbio.

Una giovane coppia parigina, Jérôme e Sylvie, fresca di studi universitari, vive in un mondo dove impera l’abbondanza consumistica. Di quanto i negozi di scarpe e di dischi, i salumieri e gli antiquari offrono di meglio, sanno apprezzare la finezza, il sapore, l’eccellenza. Hanno i gusti della borghesia raffinata, ma per mancanza di denaro sono sempre respinti verso il loro status sociale: “sempre un pochino troppo in giù”. La loro non è solo una ricerca di elevazione sociale, essi chiedono alle cose di operare in loro, per forza e magia, una metamorfosi: cercano di avere per essere. Sono due personaggi singolari ma allo stesso tempo comuni. Sono vittime di un consumismo che sembra innescare solo frustrazioni, frenesie e tensioni; ma Perec li racconta senza sarcasmo, con umorismo e distaccata ironia, perché rimane consapevole della forza estetica, emozionale, perfino erotica, che l’universo degli oggetti sa produrre su ognuno di noi. Prefazione di Andrea Canobbio.

Only registered users can download this free product.

Il sognatore d’armi

Nel ventunesimo secolo il mondo è diviso in due enormi blocchi militari, l’Ovest e l’Est, e il sogno della conquista del pianeta passa attraverso la costruzione di armi micidiali e perfette. A idearle per il Blocco Ovest è un medium, capace di cadere in trance, immergersi nell’Interspazio e disegnare congegni mai visti, tanto strani da apparire quasi fasulli. Il suo nome è Mr. Lars. Nel blocco Est, invece, un’altra sognatrice d’armi fornisce al suo paese i progetti di ordigni spaziali, satelliti spia, componenti elettronici miniaturizzati che sembrano quasi dei giocattoli. Il suo nome è Lilo Topchev. Lilo è pronta a tutto pur di eliminare i suoi possibili rivali e diventare l’unica sognatrice d’armi. Mai immaginerebbe, però, di incontrare quel Mr. Lars che da anni cerca di eliminare. Eppure è quanto sta per succedere, perché un pericolo inaudito minaccia l’intero pianeta: un satellite spia venuto da chissà dove osserva entrambi i blocchi e si prepara ad annientare la Terra. Solo i sognatori d’armi possono fare qualcosa per salvare l’umanità…

Nel ventunesimo secolo il mondo è diviso in due enormi blocchi militari, l’Ovest e l’Est, e il sogno della conquista del pianeta passa attraverso la costruzione di armi micidiali e perfette. A idearle per il Blocco Ovest è un medium, capace di cadere in trance, immergersi nell’Interspazio e disegnare congegni mai visti, tanto strani da apparire quasi fasulli. Il suo nome è Mr. Lars. Nel blocco Est, invece, un’altra sognatrice d’armi fornisce al suo paese i progetti di ordigni spaziali, satelliti spia, componenti elettronici miniaturizzati che sembrano quasi dei giocattoli. Il suo nome è Lilo Topchev. Lilo è pronta a tutto pur di eliminare i suoi possibili rivali e diventare l’unica sognatrice d’armi. Mai immaginerebbe, però, di incontrare quel Mr. Lars che da anni cerca di eliminare. Eppure è quanto sta per succedere, perché un pericolo inaudito minaccia l’intero pianeta: un satellite spia venuto da chissà dove osserva entrambi i blocchi e si prepara ad annientare la Terra. Solo i sognatori d’armi possono fare qualcosa per salvare l’umanità…

Only registered users can download this free product.

Earthworks

Out of Africa comes a dead man walking upon the water – a portent of the political adventures into which j Knowle Noland, ex-convict, ex-travellerand captain of the 80,000-ton freighter Trieste Star, is about to tumble headlong.
Choked, disease-ridden towns, robots and prison gangs tending the bare, poison drenched countryside are all characteristic of Knowle’s world; only in Africa is the soil still fertile and the people still relatively vital. On the coast of Africa, near Walvis Bay, Knowle runs his freighter aground; and there he meets Justine and the destructive destiny that purges him of guilt and frees him from hallucination.
Cover Illustration: Karel Thole

Out of Africa comes a dead man walking upon the water – a portent of the political adventures into which j Knowle Noland, ex-convict, ex-travellerand captain of the 80,000-ton freighter Trieste Star, is about to tumble headlong.
Choked, disease-ridden towns, robots and prison gangs tending the bare, poison drenched countryside are all characteristic of Knowle’s world; only in Africa is the soil still fertile and the people still relatively vital. On the coast of Africa, near Walvis Bay, Knowle runs his freighter aground; and there he meets Justine and the destructive destiny that purges him of guilt and frees him from hallucination.
Cover Illustration: Karel Thole

Only registered users can download this free product.

Angelica: la marchesa degli Angeli

Angelica de Sancé de Monteloup, figlia di un nobile decaduto del Poitou, vive la sua infanzia felice assieme a Nicola e a Valentino, suoi piccoli amici quando, ancora adolescente, è costretta a sposare Goffredo di Peyrac, un misterioso gentiluomo di Tolosa. Pur essendo sfigurato e zoppo, Goffredo è in realtà un uomo di scienza e di cultura, dall’animo generoso e nobile, che saprà conquistare, a poco a poco, il cuore di Angelica fino a quando…

Angelica de Sancé de Monteloup, figlia di un nobile decaduto del Poitou, vive la sua infanzia felice assieme a Nicola e a Valentino, suoi piccoli amici quando, ancora adolescente, è costretta a sposare Goffredo di Peyrac, un misterioso gentiluomo di Tolosa. Pur essendo sfigurato e zoppo, Goffredo è in realtà un uomo di scienza e di cultura, dall’animo generoso e nobile, che saprà conquistare, a poco a poco, il cuore di Angelica fino a quando…

Only registered users can download this free product.

Dominic Flandry – Agente dell’impero terrestre

Poul Anderson è autore di due cicli tra i più famosi e affascinanti d tutte la fantascienza: quello di Nicholas van Rjin e dei mercanti delle stelle, e quello di Dominic Flandry, agente dell’impero terrestre.
Dopo aver presentato ai nostri lettori il primo di questi cicli, siamo orgogliosi di presentare ora anche il secondo, finalmente nella sua totalità. Composto di dodici storie (cinque romanzi, quattro romanzi brevi e tre racconti) ordinati in maniera cronologica.
Eccovi dunque le avventure di Dominic Flandry, ufficiale della Marina spaziale terrestre, agente segreto tra i più simpatici mai creati dalla fantasia di un autore di fantascienza. Amante del lusso e delle belle donne, dal temperamento più gallico e pigro che eroico, Dominic Flandry si batte per salvare il decadente impero terrestre dalla minaccia della nascente potenza merseiana e della Lunga Notte delle barbarie che sta per stendere la sua ombra inesorabile sulla declinante civiltà dell’uomo.Questi i romanzi contenuti in questo poderoso volume di più di 600 pagine.- Guardiamarina Flandry (Ensign Flandry, 1966)- Scacchiera Fra Le Stelle (Circus of Hell, 1970)- Mondi Ribelli (The Rebel Worlds, 1969)ed inoltre i racconti:- La Tigre Per La Coda (Tiger by the Tail, 1951)- Un Cordiale Nemico (Honorable Enemies, 1951)

Poul Anderson è autore di due cicli tra i più famosi e affascinanti d tutte la fantascienza: quello di Nicholas van Rjin e dei mercanti delle stelle, e quello di Dominic Flandry, agente dell’impero terrestre.
Dopo aver presentato ai nostri lettori il primo di questi cicli, siamo orgogliosi di presentare ora anche il secondo, finalmente nella sua totalità. Composto di dodici storie (cinque romanzi, quattro romanzi brevi e tre racconti) ordinati in maniera cronologica.
Eccovi dunque le avventure di Dominic Flandry, ufficiale della Marina spaziale terrestre, agente segreto tra i più simpatici mai creati dalla fantasia di un autore di fantascienza. Amante del lusso e delle belle donne, dal temperamento più gallico e pigro che eroico, Dominic Flandry si batte per salvare il decadente impero terrestre dalla minaccia della nascente potenza merseiana e della Lunga Notte delle barbarie che sta per stendere la sua ombra inesorabile sulla declinante civiltà dell’uomo.Questi i romanzi contenuti in questo poderoso volume di più di 600 pagine.- Guardiamarina Flandry (Ensign Flandry, 1966)- Scacchiera Fra Le Stelle (Circus of Hell, 1970)- Mondi Ribelli (The Rebel Worlds, 1969)ed inoltre i racconti:- La Tigre Per La Coda (Tiger by the Tail, 1951)- Un Cordiale Nemico (Honorable Enemies, 1951)

Only registered users can download this free product.

Planètes oubliées

Il y a 1000 ans, deux grands personnages ont eu peur de l’uniformisation du mode de vie des terriens et ont craint le déclin de la création sous toutes ses formes.Aussi ont-ils fait établir une dizaine de colonies livrées à elles mêmes, et spécialisées chacune dans un domaine.Les 1000 ans ont passé, les hommes régis par une machine, Bramir, reprennent connaissance de ce fait oublié et organisent une expédition vers ces mondes.Voici venu le temps des découvertes et des surprises ! Les hommes ont rendez-vous avec eux-mêmes.

Il y a 1000 ans, deux grands personnages ont eu peur de l’uniformisation du mode de vie des terriens et ont craint le déclin de la création sous toutes ses formes.Aussi ont-ils fait établir une dizaine de colonies livrées à elles mêmes, et spécialisées chacune dans un domaine.Les 1000 ans ont passé, les hommes régis par une machine, Bramir, reprennent connaissance de ce fait oublié et organisent une expédition vers ces mondes.Voici venu le temps des découvertes et des surprises ! Les hommes ont rendez-vous avec eux-mêmes.

Only registered users can download this free product.

Le zappeur de mondes

Les deux blocs ont remplacé la guerre froide par des spectacles truqués censés faire croire leurs populations en la supériorité de leurs armements. Pour cela, ils utilisent des créateurs de mode d’armement . Chacun a sa drogue spécifique destinée aux transes où ils trouvent leurs idées.
Mais Lars Powderdry, le concepteur de l’Ouest est las, cette tromperie qui assure sa célébrité le mine. Il se sent attiré par son homologue de l’autre bloc, la jeune Lilo Toptchev. Et un jour, les aliens débarquent, et on leur demande de concevoir des vrais armes pour sauver la Terre…

Les deux blocs ont remplacé la guerre froide par des spectacles truqués censés faire croire leurs populations en la supériorité de leurs armements. Pour cela, ils utilisent des créateurs de mode d’armement . Chacun a sa drogue spécifique destinée aux transes où ils trouvent leurs idées.
Mais Lars Powderdry, le concepteur de l’Ouest est las, cette tromperie qui assure sa célébrité le mine. Il se sent attiré par son homologue de l’autre bloc, la jeune Lilo Toptchev. Et un jour, les aliens débarquent, et on leur demande de concevoir des vrais armes pour sauver la Terre…

Only registered users can download this free product.

Le dieu venu du Centaure

Leo Bulero, pourvoyeur du D-Liss, une formidable drogue, règne sans partage sur les délires d’une humanité devenue presque folle. Aux télépathes clairvoyants ou aux colons misérables exilés sur mars, il dispense une fuite salvatrice. Tout se gâte cependant le jour où un certain Palmer Eldritch revient après dix ans d’exil au sein du système proxien. Il vient apporter aux hommes une autre drogue, véritable secret du bonheur. Comme il l’affirme lui-même, Dieu promet la vie éternelle, lui la dispense. Mais qui est vraiment Eldritch ? Un imposteur, un magicien fou, une nouvelle divinité ? Dans un monde où réalité et illusion n’ont plus de frontière, tout est possible…

Leo Bulero, pourvoyeur du D-Liss, une formidable drogue, règne sans partage sur les délires d’une humanité devenue presque folle. Aux télépathes clairvoyants ou aux colons misérables exilés sur mars, il dispense une fuite salvatrice. Tout se gâte cependant le jour où un certain Palmer Eldritch revient après dix ans d’exil au sein du système proxien. Il vient apporter aux hommes une autre drogue, véritable secret du bonheur. Comme il l’affirme lui-même, Dieu promet la vie éternelle, lui la dispense. Mais qui est vraiment Eldritch ? Un imposteur, un magicien fou, une nouvelle divinité ? Dans un monde où réalité et illusion n’ont plus de frontière, tout est possible…

Only registered users can download this free product.

Dune

Il n’y a pas, dans tout l’Empire, de planète plus inhospitalière que Dune. Partout des sables à perte de vue. Une seule richesse : l’épice de longue vie, née du désert, et que tout l’univers achète à n’importe quel prix. Richesse très convoitée : quand Leto Atréides reçoit Dune en fief, il flaire le piège. Il aura besoin des guerriers Fremen qui, réfugiés au fond du désert, se sont adaptés à une vie très dure en préservant leur liberté, leurs coutumes et leur foi mystique. Ils rêvent du prophète qui proclamera la guerre sainte et qui, à la tête des commandos de la mort, changera le cours de l’histoire. Cependant les Révérendes Mères du Bene Gesserit poursuivent leur programme millénaire de sélection génétique ; elles veulent créer un homme qui concrétisera tous les dons latents de l’espèce. Tout est fécond dans ce programme, y compris ses défaillances. Le Messie des Fremen est-il déjà né dans l’Empire ?

Il n’y a pas, dans tout l’Empire, de planète plus inhospitalière que Dune. Partout des sables à perte de vue. Une seule richesse : l’épice de longue vie, née du désert, et que tout l’univers achète à n’importe quel prix. Richesse très convoitée : quand Leto Atréides reçoit Dune en fief, il flaire le piège. Il aura besoin des guerriers Fremen qui, réfugiés au fond du désert, se sont adaptés à une vie très dure en préservant leur liberté, leurs coutumes et leur foi mystique. Ils rêvent du prophète qui proclamera la guerre sainte et qui, à la tête des commandos de la mort, changera le cours de l’histoire. Cependant les Révérendes Mères du Bene Gesserit poursuivent leur programme millénaire de sélection génétique ; elles veulent créer un homme qui concrétisera tous les dons latents de l’espèce. Tout est fécond dans ce programme, y compris ses défaillances. Le Messie des Fremen est-il déjà né dans l’Empire ?

Only registered users can download this free product.