Visualizzazione di 7 risultati

Contagio e libertà

Quali sfide pone la pandemia alla democrazia? Quale conseguenze avrà sul rapporto tra cittadini e Stato, tra libertà e autorità? Quali concezioni della vita umana, del suo valore e della sua dignità si sono diffuse in questo periodo?
Di fronte ai rischi di diffusione del Covid 19 il mondo ha reagito in maniera diversa: alcuni paesi come il Brasile hanno lasciato agli individui libertà assoluta, come fossimo naufraghi su un’isola deserta come Robinson Crusoe, altri – come la Cina – hanno al contrario decretato l’assoluta dipendenza dell’individuo da regole stringenti imposte dall’autorità centrale. In Italia si è seguita una strada intermedia, che comportava l’uso della paura e delle sanzioni ma anche l’appello al senso di responsabilità dei cittadini attraverso ad esempio l’autocertificazione. Si è così applicata una concezione della libertà come vincolo sociale – propria della tradizione democratica – diversa da quella di libertà come non interferenza (degli altri individui o dello Stato) – propria della tradizione libertaria. Una strada rischiosa, perché in ogni momento si può perdere l’equilibrio tra il desiderio di sicurezza e l’esigenza di libertà: se il primo prevale comprimendo la seconda, si rischia di cedere all’autoritarismo.
L’unico antidoto a questo rischio è l’esercizio della cittadinanza critica e attiva, non solo nell’ambito della propria nazione. **

Contagio e libertà

Quali sfide pone la pandemia alla democrazia? Quale conseguenze avrà sul rapporto tra cittadini e Stato, tra libertà e autorità? Quali concezioni della vita umana, del suo valore e della sua dignità si sono diffuse in questo periodo?
Di fronte ai rischi di diffusione del Covid 19 il mondo ha reagito in maniera diversa: alcuni paesi come il Brasile hanno lasciato agli individui libertà assoluta, come fossimo naufraghi su un’isola deserta come Robinson Crusoe, altri – come la Cina – hanno al contrario decretato l’assoluta dipendenza dell’individuo da regole stringenti imposte dall’autorità centrale. In Italia si è seguita una strada intermedia, che comportava l’uso della paura e delle sanzioni ma anche l’appello al senso di responsabilità dei cittadini attraverso ad esempio l’autocertificazione. Si è così applicata una concezione della libertà come vincolo sociale – propria della tradizione democratica – diversa da quella di libertà come non interferenza (degli altri individui o dello Stato) – propria della tradizione libertaria. Una strada rischiosa, perché in ogni momento si può perdere l’equilibrio tra il desiderio di sicurezza e l’esigenza di libertà: se il primo prevale comprimendo la seconda, si rischia di cedere all’autoritarismo.
L’unico antidoto a questo rischio è l’esercizio della cittadinanza critica e attiva, non solo nell’ambito della propria nazione. **

Contagio e libertà

Quali sfide pone la pandemia alla democrazia? Quale conseguenze avrà sul rapporto tra cittadini e Stato, tra libertà e autorità? Quali concezioni della vita umana, del suo valore e della sua dignità si sono diffuse in questo periodo?
Di fronte ai rischi di diffusione del Covid 19 il mondo ha reagito in maniera diversa: alcuni paesi come il Brasile hanno lasciato agli individui libertà assoluta, come fossimo naufraghi su un’isola deserta come Robinson Crusoe, altri – come la Cina – hanno al contrario decretato l’assoluta dipendenza dell’individuo da regole stringenti imposte dall’autorità centrale. In Italia si è seguita una strada intermedia, che comportava l’uso della paura e delle sanzioni ma anche l’appello al senso di responsabilità dei cittadini attraverso ad esempio l’autocertificazione. Si è così applicata una concezione della libertà come vincolo sociale – propria della tradizione democratica – diversa da quella di libertà come non interferenza (degli altri individui o dello Stato) – propria della tradizione libertaria. Una strada rischiosa, perché in ogni momento si può perdere l’equilibrio tra il desiderio di sicurezza e l’esigenza di libertà: se il primo prevale comprimendo la seconda, si rischia di cedere all’autoritarismo.
L’unico antidoto a questo rischio è l’esercizio della cittadinanza critica e attiva, non solo nell’ambito della propria nazione. **

Contagio e libertà

Quali sfide pone la pandemia alla democrazia? Quale conseguenze avrà sul rapporto tra cittadini e Stato, tra libertà e autorità? Quali concezioni della vita umana, del suo valore e della sua dignità si sono diffuse in questo periodo?
Di fronte ai rischi di diffusione del Covid 19 il mondo ha reagito in maniera diversa: alcuni paesi come il Brasile hanno lasciato agli individui libertà assoluta, come fossimo naufraghi su un’isola deserta come Robinson Crusoe, altri – come la Cina – hanno al contrario decretato l’assoluta dipendenza dell’individuo da regole stringenti imposte dall’autorità centrale. In Italia si è seguita una strada intermedia, che comportava l’uso della paura e delle sanzioni ma anche l’appello al senso di responsabilità dei cittadini attraverso ad esempio l’autocertificazione. Si è così applicata una concezione della libertà come vincolo sociale – propria della tradizione democratica – diversa da quella di libertà come non interferenza (degli altri individui o dello Stato) – propria della tradizione libertaria. Una strada rischiosa, perché in ogni momento si può perdere l’equilibrio tra il desiderio di sicurezza e l’esigenza di libertà: se il primo prevale comprimendo la seconda, si rischia di cedere all’autoritarismo.
L’unico antidoto a questo rischio è l’esercizio della cittadinanza critica e attiva, non solo nell’ambito della propria nazione. **

Contagio e libertà

Quali sfide pone la pandemia alla democrazia? Quale conseguenze avrà sul rapporto tra cittadini e Stato, tra libertà e autorità? Quali concezioni della vita umana, del suo valore e della sua dignità si sono diffuse in questo periodo?
Di fronte ai rischi di diffusione del Covid 19 il mondo ha reagito in maniera diversa: alcuni paesi come il Brasile hanno lasciato agli individui libertà assoluta, come fossimo naufraghi su un’isola deserta come Robinson Crusoe, altri – come la Cina – hanno al contrario decretato l’assoluta dipendenza dell’individuo da regole stringenti imposte dall’autorità centrale. In Italia si è seguita una strada intermedia, che comportava l’uso della paura e delle sanzioni ma anche l’appello al senso di responsabilità dei cittadini attraverso ad esempio l’autocertificazione. Si è così applicata una concezione della libertà come vincolo sociale – propria della tradizione democratica – diversa da quella di libertà come non interferenza (degli altri individui o dello Stato) – propria della tradizione libertaria. Una strada rischiosa, perché in ogni momento si può perdere l’equilibrio tra il desiderio di sicurezza e l’esigenza di libertà: se il primo prevale comprimendo la seconda, si rischia di cedere all’autoritarismo.
L’unico antidoto a questo rischio è l’esercizio della cittadinanza critica e attiva, non solo nell’ambito della propria nazione. **

Contagio e libertà

Quali sfide pone la pandemia alla democrazia? Quale conseguenze avrà sul rapporto tra cittadini e Stato, tra libertà e autorità? Quali concezioni della vita umana, del suo valore e della sua dignità si sono diffuse in questo periodo?
Di fronte ai rischi di diffusione del Covid 19 il mondo ha reagito in maniera diversa: alcuni paesi come il Brasile hanno lasciato agli individui libertà assoluta, come fossimo naufraghi su un’isola deserta come Robinson Crusoe, altri – come la Cina – hanno al contrario decretato l’assoluta dipendenza dell’individuo da regole stringenti imposte dall’autorità centrale. In Italia si è seguita una strada intermedia, che comportava l’uso della paura e delle sanzioni ma anche l’appello al senso di responsabilità dei cittadini attraverso ad esempio l’autocertificazione. Si è così applicata una concezione della libertà come vincolo sociale – propria della tradizione democratica – diversa da quella di libertà come non interferenza (degli altri individui o dello Stato) – propria della tradizione libertaria. Una strada rischiosa, perché in ogni momento si può perdere l’equilibrio tra il desiderio di sicurezza e l’esigenza di libertà: se il primo prevale comprimendo la seconda, si rischia di cedere all’autoritarismo.
L’unico antidoto a questo rischio è l’esercizio della cittadinanza critica e attiva, non solo nell’ambito della propria nazione. **

Contagio e libertà

Quali sfide pone la pandemia alla democrazia? Quale conseguenze avrà sul rapporto tra cittadini e Stato, tra libertà e autorità? Quali concezioni della vita umana, del suo valore e della sua dignità si sono diffuse in questo periodo?
Di fronte ai rischi di diffusione del Covid 19 il mondo ha reagito in maniera diversa: alcuni paesi come il Brasile hanno lasciato agli individui libertà assoluta, come fossimo naufraghi su un’isola deserta come Robinson Crusoe, altri – come la Cina – hanno al contrario decretato l’assoluta dipendenza dell’individuo da regole stringenti imposte dall’autorità centrale. In Italia si è seguita una strada intermedia, che comportava l’uso della paura e delle sanzioni ma anche l’appello al senso di responsabilità dei cittadini attraverso ad esempio l’autocertificazione. Si è così applicata una concezione della libertà come vincolo sociale – propria della tradizione democratica – diversa da quella di libertà come non interferenza (degli altri individui o dello Stato) – propria della tradizione libertaria. Una strada rischiosa, perché in ogni momento si può perdere l’equilibrio tra il desiderio di sicurezza e l’esigenza di libertà: se il primo prevale comprimendo la seconda, si rischia di cedere all’autoritarismo.
L’unico antidoto a questo rischio è l’esercizio della cittadinanza critica e attiva, non solo nell’ambito della propria nazione. **