Visualizzazione di 1-30 di 5309 risultati

Vittime

Immergersi nell’insania che si annida dietro agli omicidi più brutali e sconcertanti è quello che lo psicologo Alex Delaware sa fare meglio. Ma era dai tempi di Jack lo Squartatore che non ci si trovava dinanzi a una scena del delitto così agghiacciante. Una donna, il ventre squarciato e intorno al collo, avvolti come un grottesco monile, gli intestini. Delaware e il tenente Milo Sturgis collaborano da tempo, ma stavolta sembrano non avere alcuna pista da seguire;e quando altri omicidi vengono compiuti seguendo lo stesso, atroce rituale, diventa evidente come tra le vittime manchi la minima connessione. Il solo indizio che l’assassino lascia dietro di sé è un pezzo di carta sul quale ha tracciato un punto interrogativo: un segno di scherno nei confronti della polizia o forse un’incongrua, disperata richiesta di aiuto. Nel tentativo di trovare una risposta, Delaware inizia a indagare su un vecchio istituto psichiatrico dove un tempo esisteva una speciale unità di cura: tra quelle mura potrebbe annidarsi una terribile verità, sepolta in un passato di disperazione e di violenza che non sarebbe mai dovuto riaffiorare.Vittime è il thriller più terrificante della serie bestseller dedicata ad Alex Delaware: un crime che lascia senza fiato grazie alla profonda conoscenza di Kellerman, esperto di psicologia clinica, dei meccanismi che conducono la mente verso la follia.

Richard Sorge: La più grande spia del XX Secolo

Richard Sorge è considerato la più grande spia del XX secolo perché nel 1933 crea a Tokyo un’efficientissima rete di spionaggio che per ben otto anni fornirà alla Centrale di Mosca notizie preziosissime. In particolare Sorge svela a Stalin, utilizzando la sua stupefacente penetrazione dell’Ambasciata del Terzo Reich, i due segreti più custoditi della seconda guerra mondiale: la data dell’invasione tedesca dell’URSS (ma non fu creduto!) e la decisione di Tokyo di non invadere l’Unione Sovietica, nonostante l’appartenenza del Giappone al Patto Tripartito. Questa volta Stalin, non avendo alternative di fronte al dilagare delle truppe tedesche, gli dà fiducia e fa spostare gran parte degli effettivi schierati in Siberia per contrastare una possibile aggressione giapponese e li concentra sul fronte occidentale, dove la valanga nazista viene fermata. Hitler ha virtualmente perso la guerra. La magnifica spia può vantarsi di aver salvato la “patria dei lavoratori”. Ma il suo eccezionale contributo alla vittoria verrà riconosciuto a Mosca solo vent’anni dopo gli avvenimenti. **

Guida alla lettura della Bibbia

Chiunque può riconoscere nel nostro tempo un lungo periodo di crisi che non è soltanto di ordine economico o politico, ma ha dimensioni totalitarie, inglobanti. L’arido tecnicismo dilagante, che sembra condizionare la nostra stessa visione della vita, rendendoci sempre più impermeabili al richiamo religioso, ha reso più acuto il senso della solitudine individuale e dell’incomunicabilità sociale. È del tutto normale che in una tale atmosfera anche il distacco fra il nostro mondo e il mondo della Bibbia, è andato fortemente accentuandosi. Analizzando più da vicino il fenomeno si può dire che attualmente l’interesse per la Bibbia, diventata quasi incomprensibile, si presenta ancora sotto l’aspetto di una graffiante curiosità, dovuta in gran parte alla “divulgazione delle grandi scoperte archeologiche, o come recrudescenza di antichi problemi su alcune pagine difficili della Bibbia”. Ma un tale distacco, ancorché allarmante, non significa che la Bibbia sia a sua volta diventata più lontana, irraggiungibile, estranea ai nostri interessi più immediati. La promessa evangelica “Io sarò con voi tutti i giorni, sino alla fine dell’età presente” non è venuta meno. Se questa è la verità che emerge dalla inquietante situazione attuale, anche la “distanza che oggi divide il mondo e il linguaggio della Bibbia dal nostro mondo e dal nostro linguaggio si trasforma in un (pressante) invito a ricercare la strada per una nuova familiarità con la Bibbia”.

Agatha Raisin – Indovina Chi Viene a Cena?

Un’esilarante avvenura di Agatha Raisin
Agatha non ce la fa a stare con le mani in mano neanche quando le acque si calmano: per Natale, decide di organizzare una cena a casa sua ospitando tutti gli anziani di Carsely che negli ultimi anni hanno trascorso le feste in solitudine. Per non deluderli, e consapevole delle sue scarse doti culinarie, si affida a una società di catering, ma decide di preparare con le proprie mani almeno il dessert: un Christmas pudding, seppure in una versione “rivisitata” dai classici metodi sbrigativi di Agatha. Gli invitati abbracciano una rosa che va dall’adorabile al detestabile, passando per Len Leech, anziano sporcaccione incapace di tenere le mani al loro posto. E proprio Len finirà vittima della serata, ucciso dal dessert preparato da Agatha. O forse no?
Con questo racconto, Beaton smette i panni della giallista per regalarci una divertente commedia, che alla comicità sa però accompagnare anche teneri spunti su amicizia e solidarietà. **

Agatha Raisin – Indovina Chi Viene a Cena?

Un’esilarante avvenura di Agatha Raisin
Agatha non ce la fa a stare con le mani in mano neanche quando le acque si calmano: per Natale, decide di organizzare una cena a casa sua ospitando tutti gli anziani di Carsely che negli ultimi anni hanno trascorso le feste in solitudine. Per non deluderli, e consapevole delle sue scarse doti culinarie, si affida a una società di catering, ma decide di preparare con le proprie mani almeno il dessert: un Christmas pudding, seppure in una versione “rivisitata” dai classici metodi sbrigativi di Agatha. Gli invitati abbracciano una rosa che va dall’adorabile al detestabile, passando per Len Leech, anziano sporcaccione incapace di tenere le mani al loro posto. E proprio Len finirà vittima della serata, ucciso dal dessert preparato da Agatha. O forse no?
Con questo racconto, Beaton smette i panni della giallista per regalarci una divertente commedia, che alla comicità sa però accompagnare anche teneri spunti su amicizia e solidarietà. **

Tecniche della concentrazione interiore

Le discipline indicate in questo libro sono il risultato delle esperienze e delle sintesi di anni, ma soprattutto del contatto dell’autore con i portatori dell’insegnamento perenne: insegnamento espresso bensì dalla moderna Scienza dello Spirito ma tale che il suo mero apprendimento non è sufficiente a renderne attuale l’intimo contenuto. Tenuto conto di ciò, e data la precaria situazione della presente civiltà, l’autore si è regolato secondo la persuasione che talune discipline, sinora trasmesse solo oralmente, debbano oggi essere messe a disposizione anche del cercatore indipendente. Sarà questi che, ove muova da decisione assoluta e con purezza d’intenti, scoprirà la fonte stessa dell’insegnamento, giovandosi delle discipline contenute nel libro. **

Le inchieste di Maigret 46-50

Il volume contiene cinque inchieste del commissario Maigret: “Maigret e il ministro”, “Maigret e la giovane morta”, “Maigret prende un granchio”, “Maigret e il corpo senza testa” e “Maigret si diverte”. **

Le diete della salute

“Con il cibo si possono curare molti problemi di salute e addirittura intervenire su alcuni aspetti del carattere per diventare più sani, più belli e più felici.” Rosanna Lambertucci continua il suo appassionato percorso alla ricerca del benessere e lo dedica a tutti, proprio a tutti, perché non è mai troppo presto né troppo tardi per prendersi cura di se stessi. La scoperta contenuta nelle “Diete della salute” è che i cibi, se correttamente combinati, sono capaci di correggere inestetismi, mitigare disturbi vari e, non ultimo, migliorare il nostro carattere. Ciò che mangiamo, spiega la Lambertucci, influisce direttamente sull’umore. Un’alimentazione inappropriata può generare, per esempio, svogliatezza e cattiva disposizione verso gli altri perché le molecole dei cibi agiscono direttamente anche sul nostro stato d’animo. Imparare a sfruttare positivamente questi silenziosi meccanismi è la chiave d’accesso a un mondo di benessere. “Le diete della salute” è una guida per rimettersi in forma. Ma non è un rimettersi in forma fine a se stesso: è un salto di qualità nell’approccio al cibo e, più in generale, alla vita quotidiana. Perdere qualche chilo, ritrovare energie considerate sepolte, riscoprire la trascurata bellezza del proprio corpo, riuscire a godere della buona tavola senza esserne dipendenti, migliorare il proprio carattere diventa un irrinunciabile stile di vita, facile da mantenere nel tempo. **

I Racconti Della Kolyma

Cura e traduzione di Piero Sinatti
Questa antologia raccoglie parte degli ormai celebri Racconti della Kolyma di Varlam Šalamov, lo scrittore russo che ha descritto come nessun altro l’ultimo cerchio del Gulag staliniano: quell’immenso «Crematorio Bianco» che è la Kolyma, estremo Nord-est siberiano, immensa terra dell’oro e dei lager, dove lo scrittore ha vissuto diciassette anni come «nemico del popolo», condannato per «attività contro-rivoluzionaria trotskista». Il lettore troverà qui i fondamentali temi di Šalamov: l’inferno dei lager, segnato dallo sfruttamento estremo del lavoro, tipico del volontarismo staliniano; la ferocia; la solitudine; la disperazione; l’abbrutimento; la morte per fame, freddo, colpo alla nuca. Salvare la pelle alla Kolyma si può, ma solo di rado e per caso. Là crollano, prima del corpo, la mente e l’anima. A meno che non si sia capaci di resistere moralmente, di conservare dignità, memoria, parola. La prosa dello scrittore, con la sua frase essenziale, secca e rapida come deve essere «uno schiaffo allo stalinismo», è la sola in grado di rendere il senso e l’immagine di «quello che ogni uomo non dovrebbe vedere né sapere».
«I detenuti che avevano ricevuto la condanna volevano essere strappati dal carcere ed essere inviati nel lager. Là c’era il lavoro, l’aria sana della campagna, la liberazione prima della fine della pena, la corrispondenza, i pacchi da casa, un compenso in denaro. L’uomo spera sempre nel meglio.»
Varlam Šalamov
(1907-1982) fu arrestato una prima volta il 19 febbraio 1929 e condannato a tre anni di lavori forzati nella città di Višera, per aver divulgato opere di Trotski; il secondo arresto, il 12 gennaio 1937, gli costò cinque anni di lavori forzati nella Kolyma. Nel 1943 gli venne comminata una pena di dieci anni per “agitazione antisovietica”. Il clima e le malattie lo ridussero quasi in fin di vita. Rilasciato nel 1951, solo nel 1957 poté tornare a Mosca. Nel 1978 fu stampata a Londra la prima edizione integrale in russo dei racconti, che solo nel 1987 verrà divulgata anche in Russia. Nel 1981 Šalamov fu insignito del Premio della Libertà dalla sezione francese del Pen Club.

Fisiologia medica

Guyton e Hall Fisiologia medica Fisiologia medica di Guyton e Hall è il testo di fisiologia più diffuso al mondo e uno dei preferiti dagli studenti di medicina per l’esposizione chiara dei principi di base della fisiologia e la grande attenzione dedicata agli aspetti clinici. Questa tredicesima edizione è stata completamente rivista da John E. Hall, collaboratore di Arthur C. Guyton per oltre 25 anni, e riporta i recenti progressi nella comprensione di molti processi fisiologici, soprattutto a livello molecolare. Le nozioni fondamentali della fisiologia sono state quindi integrate con le attuali scoperte sui meccanismi di omeostasi e sulle loro disfunzioni in caso di malattia. • Tutti i capitoli sono stati ampiamente rivisti e arricchiti da nuove illustrazioni a colori. • L’apprendimento è favorito dall’utilizzo di una veste grafica con due diversi corpi tipografici: il corpo grande sottolinea le nozioni fondamentali, mentre quello piccolo, su fondo colorato, evidenzia i richiami ai concetti anatomici, chimici e clinici. • La bibliografia a corredo di ciascun capitolo è stata interamente aggiornata, in modo che lo studente possa approfondire aspetti di interesse specifico. • Sul sito www.studenti33.it sono disponibili animazioni su vari processi fisiologici – come la trasmissione nervosa, i meccanismi di ventilazione polmonare, il ciclo cardiaco e il potenziale d’azione – che chiariscono i concetti presentati nel volume e ne facilitano l’apprendimento.

Dieci Pensieri Sulla Politica

Politica, democrazia, responsabilità, mito, opera, parola, male, occidente, comunità e violenza: sono parole chiave della tradizione filosofica e politica occidentale sulle quali Roberto Esposito sviluppa qui le proprie riflessioni. Ciascuno di questi termini forti viene sottoposto a un’attenta analisi volta a mostrarne la stratificazione di senso e a illustrarne l’attuale costellazione di significati. Grazie alla contaminazione fra linguaggi assai diversi – letteratura, estetica, teologia, filosofia, antropologia – e all’interrogazione di alcuni fra i maggiori pensatori del ‘900, da Heidegger a Bataille, da Weber ad Hannah Arendt, l’autore fornisce un contributo di grande finezza nel ridefinire la mappa concettuale della modernità.

A Cosa Serve La Cultura

Contributi di: Furio Colombo, Franco Fabbri, Robert Fisk, Carlos Fuentes, Giulio Giorello, Marc D. Hauser, Tom Holland, Sebastiano Maffettone, Norman Manea, Pier Aldo Rovatti, Peter Singer, Victor I. Stoichita, Salvatore Veca, Howard Zinn.

Tecniche della concentrazione interiore

Le discipline indicate in questo libro sono il risultato delle esperienze e delle sintesi di anni, ma soprattutto del contatto dell’autore con i portatori dell’insegnamento perenne: insegnamento espresso bensì dalla moderna Scienza dello Spirito ma tale che il suo mero apprendimento non è sufficiente a renderne attuale l’intimo contenuto. Tenuto conto di ciò, e data la precaria situazione della presente civiltà, l’autore si è regolato secondo la persuasione che talune discipline, sinora trasmesse solo oralmente, debbano oggi essere messe a disposizione anche del cercatore indipendente. Sarà questi che, ove muova da decisione assoluta e con purezza d’intenti, scoprirà la fonte stessa dell’insegnamento, giovandosi delle discipline contenute nel libro. **

Le inchieste di Maigret 46-50

Il volume contiene cinque inchieste del commissario Maigret: “Maigret e il ministro”, “Maigret e la giovane morta”, “Maigret prende un granchio”, “Maigret e il corpo senza testa” e “Maigret si diverte”. **

Le diete della salute

“Con il cibo si possono curare molti problemi di salute e addirittura intervenire su alcuni aspetti del carattere per diventare più sani, più belli e più felici.” Rosanna Lambertucci continua il suo appassionato percorso alla ricerca del benessere e lo dedica a tutti, proprio a tutti, perché non è mai troppo presto né troppo tardi per prendersi cura di se stessi. La scoperta contenuta nelle “Diete della salute” è che i cibi, se correttamente combinati, sono capaci di correggere inestetismi, mitigare disturbi vari e, non ultimo, migliorare il nostro carattere. Ciò che mangiamo, spiega la Lambertucci, influisce direttamente sull’umore. Un’alimentazione inappropriata può generare, per esempio, svogliatezza e cattiva disposizione verso gli altri perché le molecole dei cibi agiscono direttamente anche sul nostro stato d’animo. Imparare a sfruttare positivamente questi silenziosi meccanismi è la chiave d’accesso a un mondo di benessere. “Le diete della salute” è una guida per rimettersi in forma. Ma non è un rimettersi in forma fine a se stesso: è un salto di qualità nell’approccio al cibo e, più in generale, alla vita quotidiana. Perdere qualche chilo, ritrovare energie considerate sepolte, riscoprire la trascurata bellezza del proprio corpo, riuscire a godere della buona tavola senza esserne dipendenti, migliorare il proprio carattere diventa un irrinunciabile stile di vita, facile da mantenere nel tempo. **

I Racconti Della Kolyma

Cura e traduzione di Piero Sinatti
Questa antologia raccoglie parte degli ormai celebri Racconti della Kolyma di Varlam Šalamov, lo scrittore russo che ha descritto come nessun altro l’ultimo cerchio del Gulag staliniano: quell’immenso «Crematorio Bianco» che è la Kolyma, estremo Nord-est siberiano, immensa terra dell’oro e dei lager, dove lo scrittore ha vissuto diciassette anni come «nemico del popolo», condannato per «attività contro-rivoluzionaria trotskista». Il lettore troverà qui i fondamentali temi di Šalamov: l’inferno dei lager, segnato dallo sfruttamento estremo del lavoro, tipico del volontarismo staliniano; la ferocia; la solitudine; la disperazione; l’abbrutimento; la morte per fame, freddo, colpo alla nuca. Salvare la pelle alla Kolyma si può, ma solo di rado e per caso. Là crollano, prima del corpo, la mente e l’anima. A meno che non si sia capaci di resistere moralmente, di conservare dignità, memoria, parola. La prosa dello scrittore, con la sua frase essenziale, secca e rapida come deve essere «uno schiaffo allo stalinismo», è la sola in grado di rendere il senso e l’immagine di «quello che ogni uomo non dovrebbe vedere né sapere».
«I detenuti che avevano ricevuto la condanna volevano essere strappati dal carcere ed essere inviati nel lager. Là c’era il lavoro, l’aria sana della campagna, la liberazione prima della fine della pena, la corrispondenza, i pacchi da casa, un compenso in denaro. L’uomo spera sempre nel meglio.»
Varlam Šalamov
(1907-1982) fu arrestato una prima volta il 19 febbraio 1929 e condannato a tre anni di lavori forzati nella città di Višera, per aver divulgato opere di Trotski; il secondo arresto, il 12 gennaio 1937, gli costò cinque anni di lavori forzati nella Kolyma. Nel 1943 gli venne comminata una pena di dieci anni per “agitazione antisovietica”. Il clima e le malattie lo ridussero quasi in fin di vita. Rilasciato nel 1951, solo nel 1957 poté tornare a Mosca. Nel 1978 fu stampata a Londra la prima edizione integrale in russo dei racconti, che solo nel 1987 verrà divulgata anche in Russia. Nel 1981 Šalamov fu insignito del Premio della Libertà dalla sezione francese del Pen Club.

Fisiologia medica

Guyton e Hall Fisiologia medica Fisiologia medica di Guyton e Hall è il testo di fisiologia più diffuso al mondo e uno dei preferiti dagli studenti di medicina per l’esposizione chiara dei principi di base della fisiologia e la grande attenzione dedicata agli aspetti clinici. Questa tredicesima edizione è stata completamente rivista da John E. Hall, collaboratore di Arthur C. Guyton per oltre 25 anni, e riporta i recenti progressi nella comprensione di molti processi fisiologici, soprattutto a livello molecolare. Le nozioni fondamentali della fisiologia sono state quindi integrate con le attuali scoperte sui meccanismi di omeostasi e sulle loro disfunzioni in caso di malattia. • Tutti i capitoli sono stati ampiamente rivisti e arricchiti da nuove illustrazioni a colori. • L’apprendimento è favorito dall’utilizzo di una veste grafica con due diversi corpi tipografici: il corpo grande sottolinea le nozioni fondamentali, mentre quello piccolo, su fondo colorato, evidenzia i richiami ai concetti anatomici, chimici e clinici. • La bibliografia a corredo di ciascun capitolo è stata interamente aggiornata, in modo che lo studente possa approfondire aspetti di interesse specifico. • Sul sito www.studenti33.it sono disponibili animazioni su vari processi fisiologici – come la trasmissione nervosa, i meccanismi di ventilazione polmonare, il ciclo cardiaco e il potenziale d’azione – che chiariscono i concetti presentati nel volume e ne facilitano l’apprendimento.

Dieci Pensieri Sulla Politica

Politica, democrazia, responsabilità, mito, opera, parola, male, occidente, comunità e violenza: sono parole chiave della tradizione filosofica e politica occidentale sulle quali Roberto Esposito sviluppa qui le proprie riflessioni. Ciascuno di questi termini forti viene sottoposto a un’attenta analisi volta a mostrarne la stratificazione di senso e a illustrarne l’attuale costellazione di significati. Grazie alla contaminazione fra linguaggi assai diversi – letteratura, estetica, teologia, filosofia, antropologia – e all’interrogazione di alcuni fra i maggiori pensatori del ‘900, da Heidegger a Bataille, da Weber ad Hannah Arendt, l’autore fornisce un contributo di grande finezza nel ridefinire la mappa concettuale della modernità.

A Cosa Serve La Cultura

Contributi di: Furio Colombo, Franco Fabbri, Robert Fisk, Carlos Fuentes, Giulio Giorello, Marc D. Hauser, Tom Holland, Sebastiano Maffettone, Norman Manea, Pier Aldo Rovatti, Peter Singer, Victor I. Stoichita, Salvatore Veca, Howard Zinn.

Tecniche della concentrazione interiore

Le discipline indicate in questo libro sono il risultato delle esperienze e delle sintesi di anni, ma soprattutto del contatto dell’autore con i portatori dell’insegnamento perenne: insegnamento espresso bensì dalla moderna Scienza dello Spirito ma tale che il suo mero apprendimento non è sufficiente a renderne attuale l’intimo contenuto. Tenuto conto di ciò, e data la precaria situazione della presente civiltà, l’autore si è regolato secondo la persuasione che talune discipline, sinora trasmesse solo oralmente, debbano oggi essere messe a disposizione anche del cercatore indipendente. Sarà questi che, ove muova da decisione assoluta e con purezza d’intenti, scoprirà la fonte stessa dell’insegnamento, giovandosi delle discipline contenute nel libro. **

Tecniche della concentrazione interiore

Le discipline indicate in questo libro sono il risultato delle esperienze e delle sintesi di anni, ma soprattutto del contatto dell’autore con i portatori dell’insegnamento perenne: insegnamento espresso bensì dalla moderna Scienza dello Spirito ma tale che il suo mero apprendimento non è sufficiente a renderne attuale l’intimo contenuto. Tenuto conto di ciò, e data la precaria situazione della presente civiltà, l’autore si è regolato secondo la persuasione che talune discipline, sinora trasmesse solo oralmente, debbano oggi essere messe a disposizione anche del cercatore indipendente. Sarà questi che, ove muova da decisione assoluta e con purezza d’intenti, scoprirà la fonte stessa dell’insegnamento, giovandosi delle discipline contenute nel libro. **

A Cosa Serve La Cultura

Contributi di: Furio Colombo, Franco Fabbri, Robert Fisk, Carlos Fuentes, Giulio Giorello, Marc D. Hauser, Tom Holland, Sebastiano Maffettone, Norman Manea, Pier Aldo Rovatti, Peter Singer, Victor I. Stoichita, Salvatore Veca, Howard Zinn.

A Cosa Serve La Cultura

Contributi di: Furio Colombo, Franco Fabbri, Robert Fisk, Carlos Fuentes, Giulio Giorello, Marc D. Hauser, Tom Holland, Sebastiano Maffettone, Norman Manea, Pier Aldo Rovatti, Peter Singer, Victor I. Stoichita, Salvatore Veca, Howard Zinn.