Visualizzazione di 241-270 di 626 risultati

Cave Canem

Cave canem, ”Attenti al cane”. Nelle ville patrizie dell’antica Roma era uso scriverlo all’ingresso dell’abitazione, e non sfugge all’abitudine anche la ricca dimora di Gneo Plauzio, mercante di origini plebee che, dopo aver fatto fortuna con il commercio del pesce, si è trasferito sulle rive del lago Averno. Ma in questo caso, forse, c’è davvero qualcosa a cui stare attenti. Lo scopre il senatore Publio Aurelio Stazio che, di ritorno a Roma dopo avere trascorso un periodo di vacanza a Baia, si ferma ospite di Plauzio. Appena arrivato, viene a sapere che proprio la notte precedente il figlio primogenito del padrone di casa, Attico, è morto, dopo essere scivolato nella vasca delle murene. Si mormora che sulla famiglia gravi un’oscura maledizione e che tre figli dovranno perire per opera di pesci, uccelli e insetti. E quando anche il fratello di Attico muore, trafitto da un becco appuntito, anche i più scettici iniziano a credere che quelle morti siano volute dal Fato. Certo non Aurelio Stazio, che conosce anche fin troppo bene la scaltrezza e la ferocia degli uomini.
(source: Bol.com)

Buchi neri e universi neonati e altri saggi

I saggi raccolti in questo volume costituiscono la “summa” delle più recenti posizioni di Hawking e introducono idee nuove e ipotesi ancora al vaglio della comunità della scienza (come il concetto di “tempo immaginario” e la sua funzione nella vita dell’universo), discutono la possibilità che proprio nei buchi neri stia racchiuso il segreto della nascita del cosmo, e offrono una panoramica degli sforzi della scienza contemporanea per raggiungere il suo obiettivo più ambito: l’elaborazione di un’unica teoria che dia ragione di tutti i fenomeni osservati nell’Universo, dalla vita delle galassie a quella delle particelle subatomiche.

Vita agra di un anarchico. Luciano Bianciardi a Milano

“Alla fine gli anni macinano coincidenze. Siamo a quarantanni dall’addio di Luciano Bianciardi al mondo. A quasi venti dalla prima edizione di questo libro che gli tolse la polvere della dimenticanza, restituì un posto ai suoi romanzi e luce al suo viaggio solitario, scoperto da migliaia di nuovi lettori, incantati dalla sua ironia, dalla sua rabbia, ma anche dalla sua eccentrica preveggenza. Con questa nuova edizione, Luciano torna a casa, più o meno dove tutto cominciò, casa editrice Feltrinelli appena nata, anno 1954, lui redattore fresco di Maremme e minatori, sceso da uno dei tanti treni che in quei mesi, in quegli anni, stavano portando le braccia e le teste che avrebbero fabbricato a Milano il miracolo economico. Era il tempo giovane del dopoguerra. Il futuro declinato per una volta al presente. Nascevano non solo i palazzi e le fabbriche dalle macerie. Ma anche le case editrici, i giornali, le agenzie di pubblicità e naturalmente la televisione, che in una decina di anni avrebbero svezzato l’italiano medio dandogli uno specchio, una lingua, quattro ruote, una cucina americana, e qualche volta persino una rotonda sul mare. Tutti (o quasi tutti) ne cantavano le lodi, tranne lui. Il provinciale, il guastafeste che di tante addizioni conteggiava quel che andava perduto, a cominciare dai sogni per una Italia diversa, un po’ più giusta, non arresa alla religione del conformismo, del guadagno, dell’arrivismo, del piccolo e del grande potere.”

Vieni qua, assassina

E’ la storia di Gianna, una bella libraia milanese che interrompe la preparazione del pranzo di Natale per andare ad ammazzare Roberto, l’aspirante scrittore che l’ha avuta come amante e che l’ha presa a modello per l’eroina del suo primo romanzo. Perché lo ha ucciso? Il lettore, che segue la vita di Gianna doppiata dalle fantasie e dai ricordi, lo scopre nell’ultima pagina del romanzo, quando anche la protagonista ne prende pienamente coscienza.

Viaggio in America

Questo libro intende dare dell’America un’immagine poco convenzionale, rievocando personaggi piccoli e grandi, i protagonisti della politica e la gente comune alle prese con i problemi di tutti giorni, episodi che hanno fatto scandalo o destato scalpore, raccontando curiosità, contraddizioni, speranze, umori di un grande paese.
**

Il vecchio con gli stivali e altri racconti

"Il vecchio con gli stivali" è stato giudicato il più riuscito pamphlet di colore politico che il fascismo abbia ispirato; e in questa chiave è stato trasposto sullo schermo in un film di Luigi Zampa ("Anni difficili"), alla cui sceneggiatura collaborò lo stesso Brancati.
La ispirazione fondamentale è di satira politica; ed è la difesa dell'italiano qualunque contro le sopraffazioni e le retoriche della dittatura, alleata e complice naturale (si vedano i "consigli" che Aldo Piscitello riceve in famiglia!) di tutte le meschinità, le ipocrisie e le menzogne che allignano nei cuori umani.
Italiano qualunque ma non qualunquista; ché, anzi, proprio in una simile distinzione il racconto trova la sua risentita moralità. […]

Gli altri racconti che gli fanno corona arricchiscono il quadro nel senso del chiaroscuro: tipi e storie di disadattati, di vittime, in qualche modo, di un loro infelice amore per la vita.
Sta a sé la Singolare avventura di Francesco Maria, uno dei più freschi e spassosi racconti antidannunziani che si possono leggere; e il suo pregio consiste nella lievità di mano con cui l'autore (tranne forse che nell'ultima battuta) conduce la sua irriverente dissacrazione etnico-linguistica.
Si vorrebbe arrivare a dire che anche qui cristianamente lo scrittore condanna il peccato e ha simpatia per il peccatore, ha rispetto per l'umanità dei suoi personaggi anche nel pieno infuriare della caricatura. […]

L’urlo del colibrì

Una splendida villa circondata da un vasto giardino, immersa nella campagna inglese, lontana da ogni centro abitato. Un ricchissimo proprietario,che non l’ama e vi soggiorna soltanto pochi giorni l’anno.Fedele come una vestale, inflessibile custode della residenza è la misteriosa Eve Beck, giovane donna affascinante e sensuale, che trascorre la sua esistenza nella portineria della grande casa con la figlia, la piccola Liza. Eve non desidera vivere in nessun altro posto,non vuole avere contatti con nessuno, ed è lei stessa a insegnare alla figlia a leggere e a scrivere ,per evitarle qualsiasi rapporto con il mondo, che considera orribile… Poichè il passato della donna nasconde un terribile segreto. Madre e figlia vivono nel più totale isola mento, a parte la fugace presenza di un giardiniere, del postino, del lattaio. Un universo chiuso e ben protetto, che tuttavia non impedisce a Eve di avere qualche avventura amorosa e a Liza di conoscere qualcosa che esiste al di là dell’opprimente cortina difensiva che sua madre le ha steso attorno. Improvvisamente, l’atmosfera inquietante del’ambiente travolgerà la serenità forzata della loro vita.

Il tempio verde

Michael Keeton è scomparso insieme alla moglie nel bosco di Ryhope, dove si era avventurato in cerca della figlia Tallis. lmprovvisamente, dopo un anno, l’uomo riappare; ma per lui sono trascorsi solo un paio di giorni, perché tra le piante millenarie di Ryhope ha imboccato gli “hollowing”, sentieri capaci di trascinare il viandante in una differente dimensione spazio-temporale. Al suo rientro nel mondo “normale” incontra i coniugi Bradley, Alice e Richard, insieme al loro figlioletto Alex, un compagno di Tallis; e quando anche Alex viene attirato nel cuore senza tempo della foresta, è la volta di Richard di affrontare i misteri di Ryhope.
**

Le streghe di Karres

E’ sul pianeta Porlumma che il capitano Pausert incontra le streghe di Karres, tre angeliche creature dagli straordinari poteri mentali. Quando egli decide di prenderle sotto la sua tutela per riportarle su Karres, ignora che non saranno loro ad aver bisogno di lui, ma lui di loro. E in un universo così pieno di imprevisti tutto può succedere, anche ritrovarsi a fronteggiare le maligne creature di un altro universo che vorrebbero ridurre in schiavitù l’umanità.
**

Storia di Pipino nato vecchio e morto bambino

Una notte una pipa, ancora calda dopo una bella fumata, decide di trasmettere il suo tepore materno a una modesta statuirla soprammobile, rappresentante un vecchietto. E, per incanto, ecco la statuina animarsi: è nato Pipino, il minuscolo ometto protagonista di una dolce, surreale fiaba, il quale, anziché invecchiare, ringiovanisce, divenendo prima adulto, poi giovinetto, poi bambino, fino a morire serenamente nella culla. Ricche di delicata umanità e di garbato umorismo, le avventure di Pipino offrono al lettore la riscoperta di un piccolo tesoro della letteratura per l’infanzia. Giulio Gianelli, nato a Torino e morto a Roma nel 1914, rimase orfano in tenerissima età, e il rimpianto della madre troppo presto perduta segnò tutta la sua personalità. Educatore e insegnante, fu autore di poesie e novelle tutte dedicate al pubblico infantile.

Spirito ribelle

Inghlitera 1820
Tempi duri per le principesse, sopratutto se orfane! Lo sa bene la bellissima Alexandra, costretta a fuggire precipitosamente dal convento che la ospitava in Austria per scampare ai malintenzionati che vedono nel matrimonio con l’erede la strada più diretta per il trono. Ma la fuga non è certo un espediente sufficiente a fermare quegli individui senza scrupoli. Che fare allora? Per il tutore della giovane la risposta è una sola: maritarla a un gentiluomo inglese privo di ambizioni reali.
L’impresa non dovrebbe essere difficile, visto il successo che la fanciulla riscuote nel salotti della Londra aristocratica d’inizio ottocento. Ma gli eventi precipitano e Alexandra si ritrova sposata a forse l’unico giovane britannico che non ambiva affatto a tale privilegio: l’affascinante, determinato, brillante e insopportabile Colin. Coinvolto suo malgrado in un unione indesiderata, Colin giura a se stesso che quel matrimonio sarà solo di nome… finchè la sua tenera, dolce, intraprendente mogliettina si getterà a capofitto in un’indagine assai pericolosa, un vortice letale. La paura di perderla aprirà finalmente gli occhi dell’uomo sulla vera natura dei suoi sentimenti, rendendolo pronto a combattere contro il più subdolo dei nemici.

Spandau Phoenix

1941: Rudolph Hess, fanatico vice di Hitler, sbalordisce il mondo volando in Scozia per una missione di pace apparentemente folle. Catturato, viene poi condannato all’ergastolo che sconterà nel carcere di Spandau. 1987: Hess, che è ormai l’unico detenuto del carcere, muore per strangolamento (omicidio o suicidio?). Il carcere viene raso al suolo. E’ stata così scritta la parola fine sul più misterioso capitolo della Seconda guerra mondiale? Per un agente di polizia berlinese, che ha scoperto fra le macerie del carcere il diario del prigioniero Hess, la risposta è “No”. Inizia infatti un’operazione di spionaggio tra Germania, Inghilterra, Russia, Sudafrica e Israele, tutto al fine di risolvere l’inquietante enigma di Spandau Phoenix.

Sette sottane

Senza seguire un rigoroso ordine cronologico, la Vitti ci racconta la sua vita più autentica. Molti gli episodi comici narrati con grande allegria, la stessa che conosciamo sullo schermo. terra, i vasi, la cura delle malattie, la difesa dai parassiti ecc. esasperare i sensi di lui, in un’altalena di pathos, provocazione e malizie.

Senza rimorso

Veterano del Vietnam, John Kelly conduce un’esistenza apparentemente tranquilla vivendo sulla sua barca e dando lezioni di guida e di pesca ai turisti. Non dimentica però di essere stato una macchina di morte e distruzione nel Sud-est asiatico… Né lo dimentica il Pentagono, che ha in serbo una speciale missione per lui. Contemporaneamente, un’altra impresa si delinea per Kelly, e si interseca drammaticamente con la sua vita privata, ma lui – violento e spietato – sarà in grado di affrontarla con determinazione e abilità, compiendo la sua agghiacciante vendetta, freddamente ‘senza rimorso’.

Il senatore

Questo libro si legge come un romanzo, ma narra una storia vera. Nel 1971 Richard Burke, uno studente diciottenne affascinato dalla grandezza del mito Kennedy, si presentò all'ufficio di Ted, giovane e carismatico erede del prestigio di John e Robert. Iniziò come autista: e grazie alla sua dedizione salì i gradini della scala fino a divenire assistente personale del Senatore. Ciò che vide da quella distanza lo sgomentò. Credeva di essere giunto al cuore del mito americano, ma scoprì il volto del potere: un potere che significava anche sesso facile, alcol, tempeste familiari abilmente dissimulate, nevrosi segrete. Scoprì l'infelicità della moglie Joan, la gestione spregiudicata delle amicizie, gli scambi di favori. Accompagnò il Senatore nel cuore di alcuni dei luoghi più caldi del pianeta come la Russia di Breznev. Si immerse nel mondo sfavillante di Washington, con il suo contorno di coca, notti brave e corruzione. Continuò, nonostante tutto, a subire il fascino della straripante personalità di Kennedy. Ora, undici anni dopo la conclusione del rapporto, ha deciso di raccontare e ha trasformato i suoi ricordi in una storia appassionante: un libro scomodo e vero, un ritratto amaro che sintetizza in breve la vicenda di un uomo, di una famiglia, di un paese.

• Novembre 1991: Richard Burke, disgustato per l'esito del processo per stupro intentato contro il nipote di Ted Kennedy, decide di scrivere Il Senatore.
• Agosto 1992: la casa editrice Putnam, con cui Burke ha concordato di pubblicare il libro, rinuncia al progetto senza specificare il motivo della sua decisione.
• Settembre 1992: Il Senatore esce presso un altro editore, St. Martin's, ed entra istantaneamente nella classifica americana dei best-seller. Richard Burke riceve anonime minacce di morte.
• Febbraio 1993: Il Senatore esce in Italia.

In copertina: foto F.P.G. International Grafica di Alberto Savoia

La scialuppa

Sbatacchiati da un mare barbaro, quattro uomini scampati a un naufragio sono a bordo di una scialuppa e si preparano al peggio. La minuscola imbarcazione manda sinistri segni di cedimento. Il destino sembra giungere in soccorso quando d’un tratto, in lontananza, una pallida striscia di terra si staglia all’orizzonte. Una linea nera, poi una nera e una bianca: alberi e sabbia. Improvvisamente qualcuno appare sulla spiaggia, agitando le braccia. Ecco poi una folla raggrupparsi e sventolare qualcosa. Forse non tutto è perduto, ma la costa è ancora lontana. Le correnti, le onde e una crudele risacca respingono ogni tentativo di avvicinamento. Il Fato, beffardo, sembra prendersi gioco dei naufraghi…

Le Americhe

Le Americhe by Folco Quilici
Dall’Alaska alla Terra del Fuoco. Folco Quilici trascina lungo un itinerario ricco di sorprese, ripercorrendo la millenaria odissea delle avventurose genti che popolarono il Nuovo Continente: dai cacciatori siberiani penetrati nell’estremo nord ventimila anni fa, ai *vaqueros* delle pampas, dai cercatori d’oro ai pirati dei Caraibi, dai pellerossa trapiantati nei grattacieli alle antiche culture sudamericane che, in un amalgama di tradizioni e riti spesso segreti, sopravvivono ancora oggi. Quilici ripercorre il lungo viaggio che, dal 1957 ad oggi, l’ha portato a conoscere ogni paesaggio del continente: dai ghiacciai delle Cordigliere alle praterie, dai deserti fioriti ai fiumi più maestosi del mondo, alle coste dei due oceani che delle Americhe sono la cornice. E presenta nel volume il vero volto del continente e delle sue genti, così “vivo” e diverso dall’immagine deformata che offrono cinema, televisione e giornali.

87° distretto: l’assassino ha confessato

Di fronte al cadavere della moglie morta ammazzata, sotto gli occhi della polizia, un marito esclama: “Sono contento!” Gli agenti investigativi dell’87° Distretto si chiedono ovviamente il perché di quella frase e cominciano a sospettare che il marito non abbia detto la verità quando ha dichiarato di aver trovato la moglie già morta. Ma una pioggia di indizi devia i sospetti. Dagli indizi poi si passa alle prove, alle testimonianze, a un nome. Per finire con la confessione di un giovane tossicomane. Ma quelli dell’87° Distretto non sono convinti fino in fondo e quando addentano qualcosa sono restii a lasciare la presa. Per loro il caso non è affatto chiuso. E la vittoria finale avrà un amarissimo sapore.

I talismani di Shannara

Il giorno dello scontro finale si avvicina sempre più: le missioni sono state portate tutte a termine, Par ha trovato la Spada, anche se per qualche sconosciuto motivo non riesce ad utilizzarla, Walker è diventato il primo dei nuovi druidi, e Wren la Regina degli Elfi. Ma Rimmer Dall ed i suoi Ombrati sono sempre in aggguato, ed il Primo Cercatore non esiterà a mettere in difficoltà gli eredi di Shannara, mandando contro gli Elfi un esercito della Federazione e contro la loro regina una spia ombrata, costringendo Walker Boh a fronteggiare i Quattro Cavalieri, e separando Par e Coll Ohmsford, nel tentativo anche di metterli l’uno contro l’altro. I figli di Shannara dovranno fare appello a tutte le loro capacità per uscire vincitori da questo scontro mortale…

I demoni della luce

La dea-bambina Aphrael ha nascosto il Bhelliom, la pietra leggendaria: esso giace sul buio fondo dell’oceano così da non tentare più i mortali con i suoi prodigiosi poteri. Sparhawk, valoroso campione della regina, è investito della difficile missione di recuperare la rosa di zaffiro dal suo letto salmastro e servirsene per contrastare i diabolici piani con cui i nemici minacciano l’impero tamul e la sua stessa patria. Il viaggio del prode cavaliere, compiuto sotto la protezione della dea, si profila comunque denso di pericoli e insidie: Sparhawk e i suoi fedeli compagni devono difendere dalle forze del male la preziosa gemma poiché, se cadesse nelle mani degli avversar!, essi la utilizzerebbero per i loro malvagi, orribili scopi, devastando la terra. Intanto, dilagano in tutto l’impero i più temuti tra i mostri che terrorizzano quelle contrade: spaventose entità dai corpi incandescenti il cui solo tocco basta a liquefare le carni umane. Ben presto queste malefiche creature uscite dal mito circonderanno il coraggioso drappello… Con questo avvincente volume, il secondo della saga dei famuli, David Eddings prosegue la sua esaltante narrazione ambientata in grandiosi continenti e popolata da straordinari personaggi. Best-seller negli Stati Uniti e in Gran Bretagna, un romanzo che dipinge a tinte smaglianti le avventure di uomini e dei, streghe e guerrieri in un universo fantastico e multiforme dall’incantevole, irresistibile malia.

I Berseker uccidono

Berserker: macchina volante, programmata per distruggere qualsiasi forma di vita organica. Di Fabbricazione antichissima, i Berserker sono diventati da tempo l’incubo di tutte le rotte spaziali. Micidiali e onnipotenti sono ritornati… con un piano che non può fallire…

Farandola di cuori

Romanzo che appartiene alla produzione di Liala degli anni Trenta, “Farandola di cuori” racconta la storia di due donne, l’orfana Loredana e Bruna, la figlia del tutore di Loredana. Bruna è un’aviatrice provetta ed è innamorata del tenente Ottavio, tanto coraggioso in guerra e in volo, quanto vittima della morale corrente. Il legame tra i due giovani non avrà futuro proprio perchè Ottavio non riesce ad accettare il fatto di non essere il primo uomo di Bruna. Ecco che allora il bel tenente si accorge di Loredana, che, ignorando i motivi della separazione dell’amica dal giovane, preferisce allontanarsi. Solo quando Bruna, complice ancora il volo, conoscerà e sposerà Lionello, Loredana accetterà l’amore di Ottavio.

Effetti collaterali

Sherry è giovane, bella, sexy: rappresenta il sogno di ogni maschio, in particolare di Jonah, affermato uomo d’affari, che per il periodo estivo è suo vicino di casa. Fra i due c’è subito una magica alchimia, ma… Ma c’è un ma molto particolare che impedisce alla scintilla di trasformarsi in fuoco che tutto travolge e brucia. E per Jonah quel particolare è molto duro da accettare anche quando in palio c’è la felicità di due amanti. Come conciliare allora ragione e sentimento?

Complicità

E’ una corsa folle quella di Cameron Colley, una corsa per sfuggire a quella voce metallica che lo minaccia al telefono, la voce di un serial killer che ha già scelto la sua prossima vittima. Ma non serve correre per liberarsi del passato. E’ giunto il momento di riflettere per trovare, tra tutte le combinazioni, la password che gli permetterà di accedere alla mente del serial killer e giocare con lui l’ultima vera partita, quella mortale.
**

Come un angelo

Orfani e giovanissimi, Rosalind, Gavin, Nell e Kevin si incontrano alla fine degli anni Settanta e si promettono reciprocamente di essere come una famiglia: entrati nel mondo del lavoro, scalano rapidamente le vette del successo, ma a travolgere gli equilibri del gruppo arrivano due singolari e misteriosi individui…
**