Visualizzazione di 31-60 di 626 risultati

Niente da dichiarare

E’ un racconto/diario di un viaggio dagli altipiani del Messico con le loro splendide rovine Maya alla foresta tropicale dell’Honduras, dal mare dei Caraibi al Guatemala. Mary viaggia da sola, senza affidarsi ad organizzate agenzie di viaggio, senza percorrere le vie ben note al turismo di massa. Sul suo percorso ci sono dunque autobus sgangherati, compagni di viaggio occasionali, ma anche bellissimi incontri, amicizie e amori.
**

Nati nemici

Tina la Rossa la chiamano, o addirittura Tizzone: la sua cascata di riccioli ramati, accompagnata a uno splendido personale ed a un carattere esuberante e passionale, ne fa l’oggetto di desiderio di numerosi uomini.
Il suo nome, in realtà, è Valentina Kennedy, e nelle sue vene scorre il più nobile sangue scozzese: proviene, infatti, da uno dei clan più potenti del XVI secolo e il suo lignaggio è pari, per grandezza, solo al suo ardente temperamento.
Lui è soprannominato l’Ariete Nero. Le donne sognano di essere strette al suo maschio petto e gli uomini gli ammirano l’incontestabile valore e l’enorme coraggio.
La supremazia di Black Ram Douglas è frutto del connubio tra le sue grandi doti di condottiero e l’appartenenza ad un nobile e antico casato, ed è una supremazia così evidente e riconosciuta che all’affascinante signore vengono perdonati senza difficoltà anche gli accesi scatti d’ira e lo smisurato orgoglio.
La Scozia del 1512 è una terra selvaggia e bellissima, coperta di foreste e verdi prati interrotti qua e là da piccoli villaggi e dagli imponenti e solitari manieri dei vari clan.
La sua naturale pace è disturbata solo dalle turbolente scorribande di rivalsa che le diverse casate mettono in atto ai danni le une delle altre, fino al momento in cui, l’Inghilterra, al confine meridionale, intensifica le azioni di disturbo, annunciando una vera e propria guerra.
L’illuminato sovrano scozzese realizza immediatamente che, per affrontare degnamente il potente nemico, è indispensabile innanzitutto mettere fine alle rivalità tra i clan.
E così, in nome della nuova politica di distensione, Tina la Rossa e l’Ariete Nero, accerrimi nemici, si ritrovano sposati in nome della ragion di stato.
Sarà un’unione turbolenta, che dovrà sopravvivere a numerose avventure e scansare insidie, anche mortali, tramate da rivali dichiarati, falsi amici, un’unione che sarà duramente messa alla prova da storiche faide familiari e rinnovate calunnie.
Eppure, nonostante tutte le difficoltà che si frappongono tra loro, i rancori e le incomprensioni reciproche, quest’uomo e questa donna sapranno dar vita ad una straordinaria storia d’amore che resterà nella nostra fantasia per molto tempo dopo aver chiuso il libro.

Marte in fuga

Casseia Majumdar è figlia di una delle famiglie più antiche e conservatrici della confederazione che colonizzò Marte. Ma la sua vita cambia per sempre dopo il coinvolgimento nella rivolta marziana del 2171. Quei brevi giorni di ardente idealismo hanno lasciato un sogno indelebile, e lo stesso vale per Charles Franklin, un brillante fisico che dedica la propria esistenza a ricerche sulla natura dello spazio e del tempo, sviluppando una teoria probabilistica dell’universo. Si tratta di studi sensazionali le cui implicazioni minacciano il precario equilibrio con la Terra, trasformata dai progressi della nanotecnologia… Infatti, la Terra non può permettere che la propria egemonia venga intaccata da un pianeta rivale forte e unificato, capace di portare alle estreme conseguenze le nuove scoperte di Franklin; il conflitto è aperto e l’escalation incontrollabile, pronta a sfociare in una lotta all’ultimo quartiere a base di virus di computer e di macchine da guerra autoreplicanti. Ma per gli uomini di Marte, pionieri di una nuova frontiera, non rimane che una soluzione radicale, definitiva: un atto di coraggio e di ribellione che nessuno mai avrebbe potuto non solo prevedere, ma neppure concepire… Se negli anni ’90 Marte è tornato protagonista della fantascienza, con Greg Bear il tema raggiunge vertici insuperati. Ricco di invenzioni, speculazioni e avventura dall’inizio alla fine, questo romanzo è uno splendido squarcio di storia futura, il più completo tentativo di scrivere una grandiosa epica marziana e, insieme, di proiettare l’immaginazione scientifica verso nuovi inesplorati orizzonti

Lo sceicco del deserto

Sharif al Kader possiede il coraggio, l’arroganza e l’orgoglio di un vero principe del deserto tanto che, quando la sua promessa sposa fugge con Glen, un pilota australiano, la sua collera non ha limiti. Sharif rapisce perciò la sorella di Glen, Leah, che gli terrà compagnia nel suo letto al posto della mancata sposa. Imprigionata in una fortezza, la giovane combatte con tutte le sue forze l’arroganza e i reiterati assalti dello sceicco. Ma la voglia di arrendersi è così forte che alla fine la bella prigioniera deciderà di…

La sfida di Chanur

Unico superstite di un’astronave finita nelle grinfie dei perfidi Kif, Tully aveva colto al volo l’unica occasione che gli si era presentata: rifugiarsi a bordo de l’Orgoglio di Chanur, un’astronave della razza leonina degli Hani, comandata dalla coraggiosa Pyanfar. Così Pyanfar Chanur aveva conosciuto l’umano Tully e ciò significa l’inizio della più sfrenata e rischiosa avventura che Pyanfar e la sua astronave abbiano mai affrontato

La rete a maglie larghe

Nella cittadina di Maardam, il commissario Van Veeteren e la sua squadra sono alle prese con il caso di Jenek Mattias Mitter, un insegnante accusato della morte della moglie Eva. Risvegliatosi dopo una potente ubriacatura, Mitter ha trovato la moglie morta nella vasca da bagno: l’uomo – che versa in stato confusionale – continua a professarsi innocente. Nonostante la condanna del tribunale, il commissario Van Veeteren continua a nutrire forti dubbi sulla colpevolezza di Mitter. E infatti, pochi giorni dopo, Mitter viene assassinato nella sua cella. Iniziano così le indagini sulla vita passata di Eva, sul suo precedente matrimonio e sulla sua famiglia d’origine.

La pista di ghiaccio

Un noir. Un amore di perdizione, *à bout de souffle*, per una donna imprendibile e conturbante, una truffa e un crimine assurdi o futili; due balordi; l’inchiesta; e sotto tutto e tutti il gorgo risucchiante dell’incerto destino. Solo che su questi elementi strutturali del noir, tracciati con una intenzionale calligrafia a rendere più stridente e ironica la futilità dei moventi e l’inezia delle personalità in campo, interviene il tocco di Bolaño, con la sua vocazione a raccontare la vita di traverso usando la maschera dell’invenzione e del gioco intellettuali. Gli elementi del noir vengono smontati e rimontati seguendo un metodo che si potrebbe dire cubista, per il tentativo di presentare la vicenda in una sequenza di quadri ognuno mostrato con una specie di simultaneità di visione. La vicenda, partita dall’improbabile costruzione illegale di una pista di ghiaccio, è narrata da tre personaggi: un burocrate potente del sottomondo politico; un cileno, scrittore fallito che ha fatto fortuna e ama sensualmente la donna capricciosa che il burocrate ama spiritualmente; un messicano poeta, senza permesso di soggiorno, testimone casuale per seguire un amore da bassifondi. Ma lo schema non è quello classico delle diverse versioni della stessa vicenda. I tre mostrano, narrando i momenti della loro avventura, le varie e diverse sfaccettature dei fatti: una sola prospettiva le nasconderebbe, così come l’onniscienza del narratore in terza persona le priverebbe di ogni intensità esistenziale. Ne emergono in filigrana tutti i temi che fanno di Bolaño un ironico, malinconico poeta: l’amor tradito, le illusioni perdute. La fragilità del tutto. «Quello che è perso è perso», si conclude, nella voce di abissale e disarmante banalità di un narratore, la storia che sembrava piena di rumore e di furore.

Insolito e crudele

Mentre Ronnie Joe Waddell sta per salire sulla sedia elettrica, la dotoressa Kay Scarpeta sta preparando i materiali che saranno usati nell’autopsia. Ma questo non è tutto quello di cui Kay debba occuparsi. Poche ore prima è stato ritrovato un bambino di tredici anni col corpo orribilmente mutilato – un episodio di violenza sessuale che mostra inquietanti affinità con l’assassino per cui Waddell è stato condannato. Ma allora, chi è salito sulla sedia elettrica? Cosa lega questi due fatti? Chi è lo spietato assassino? E perché Kay è la principale sospettata? Questa volta neppure la scienza sembra in grado di fornirle la prova in grado di scagionarla…

La guerra degli ormoni. Il diario di Nick Twisp

Nick Twisp è un adolescente geniale e un po’ nerd, con una famiglia incasinata e un’ossessione per il sesso. Quando durante una vacanza conosce Sheeni, se ne innamora perdutamente. Pur di conquistarla è disposto a tutto, anche a commettere una serie di reati – incendio, furto d’auto, truffa, cambio di identità – trasformandosi, proprio lui, un ragazzo perbene, nel teenager più pericoloso d’America.
**

Il grande buio

Anche nella Londra degli anni novanta, sopravvivono tuttora, alcuni nascosti angoli d’epoca vittoriana, palazzi, teatri, osterie e scantinati fuori dal tempo, dove ancora pulsano la forza e lo splendore dell’Impero Britannico. Quando una serie di misteriosi e spettacolari omicidi inizia a falcidiare una delle più ricche e antiche famiglie della City di Londra, gli ispettori Bryant e May, della Sezione Crimini Speciali, si scoprono prigionieri di una impensabile rete di eventi, che pare aver origine proprio nel buio e misterioso passato della Londra vittoriana. Tra Sette di Occultisti e segreti di famiglia che si intrecciano con la storia economica delle maggiori corporazioni mercantili della vecchia Inghilterra, per i due detectives prende l’avvio una disperata lotta contro il tempo. Chi, dal buio più antico e profondo della città, sta organizzando lo sterminio di tutti i discendenti di )arnes M. Whitstable?
Inizia così l’ultimo sensazionale romanzo di Christopher Fowler, uno fra i nuovi e indiscussi maestri del thriller.

Fondazione anno zero

L’Impero Galattico rischia la rovina: al suo centro la città di Trantor, capitale e cuore dell’Impero percorso da venti di rivolta, vacilla. é l’ultima battaglia per Hari Sheldon, il creatore della Psicostoria, l’unico strumento scientifico in grado di prevedere il fututro ed eventualmente correggerlo. é l’ultima battaglia per il misterioso Demerzel, mitico robot umanoide che da ventimila anni agisce sotto svariate identità nella Galassia per aiutare il pacifico sviluppo del genere umano. Una battaglia in cui non si possono più commettere errori.
**

ENCICLOPEDIA ALIENA

Creature apparentemente inerti, che si limitano a nuotare nei grandi mari dove sono nate, reagiscono in modo tutto particolare alle stimolazioni nervose cui vengono sottoposte dagli scienziati: e si rivelano matematici prodigiosi (ma anche artisti prodigiosi) di cui sulla Terra non esiste l'uguale. Da questo spunto affascinante parte Gregory Benford per descrivere una strana cultura aliena. Ma non è che l'inizio: in queste storie, ognuna accompagnata da una postilla che l'autore ha scritto appositamente per questa edizione, il lettore troverà molto materiale sorprendente. Una vera e propria enciclopedia fantascientifica in cui, idealmente, A sta per Abitante di altri mondi, B per Biologia enigmatica, C per Creature bianche, D per Deserti dello spazio, E per Effetti relativistici e così via. Con una avvertenza: una volta tanto R non sta per Razzo ma per Rock, la musica di John Lennon cui uno di questi racconti rappresenta un omaggio. Ma ogni lettore potrà organizzare le sue letture come preferisce perchè il volume non è strutturato come un dizionario, ma come una normale antologia. L'ordine tematico, e alfabetico, dovremo costruirlo con la nostra immaginazione.

Edda. Una tragedia italiana

Figlia amatissima del duce e innamorata moglie di Galeazzo Ciano, Edda è la protagonista di una tragedia: il padre ordinò l’uccisione del marito. Spinosa racconta una vicenda che ha in sé l’amore, l’odio, la morte, la vita nonostante tutto, sullo sfondo della seconda guerra mondiale.
**

Il dio del fiume

Dopo secoli di pace laboriosa, trascorsi al ritmo del Nilo, l’Egitto sta per essere attraversato da un altro fiume, di sangue e di morte. Un fiume le cui sorgenti sono sia nel falso Faraone, il Pretendente Rosso, che minaccia l’unità del regno e la maestà del vero sovrano Mamose, sia in un’orda di popoli selvaggi che, con l’ausilio di misteriose creature veloci come il vento, saccheggia il Paese e si sta pericolosamente avvicinando a Tebe. Cinto d’assedio da nemici spietati e minato all’interno da oscuri intrighi, l’Egitto affiderà il suo destino a coloro che accoglieranno il richiamo “del dio del fiume”, del grande Nilo.

DD. Deliri disarmati

Racconti dedicati ad oggetti strani e misteriosi: donnine a dondolo, giacche di formaggio, scarpe fatte di conchiglie, nasi di alcolizzati, pianoforti che gemono all’ora di cena, ghigliottine che decapitano solo gli innocenti. Altri, dedicati ad animali enigmatici: un dromedario senza padrone che dal deserto dello Higiaz arriva a Zurigo per addormentarsi sui binari del tram, ragni giganteschi vestiti con cappelli di paglia e occhiali scuri. Infine esseri umani: re e regine di pornolandia, prostitute cammioniste, ladri di slip e reggiseni.
**

Dal divino all’umano

L’autore argomenta metafisicamente come il fenomeno religioso sia riconducibile ad una espressione insieme intellettiva e volitiva della relazione tra “il principio” e la sua manifestazione, ossia tra la divinità e il mondo. Ogni religione si presenta come un “mito” riferentesi a un certo “archetipo”, e pertanto a tutti gli archetipi. Conseguentemente, tutti gli aspetti sono da ritenersi collegati tra loro. Così, buddhismo e cristianesimo si ispirano evidentemente allo stesso archetipo, pur non attingendo l’uno dall’altro, a prescindere dalla impossibilità storica di tale ipotesi. Analogamente, lo yin-yang taoistico simbolizza il rapporto tra l’assoluto e il contingente, Dio e il mondo, o Dio e l’uomo: la parte bianca rappresenta Dio, la nera l’uomo; il punto nero nel bianco è (“uomo in Dio”, il punto bianco nel nero è il “Dio umano”). Poiché gli archetipi di ordine trascendente sono anche quelli dell’ordine immanente, l’accettazione del messaggio religioso coincide con l’accettazione di ciò che siamo in noi stessi e al di là di noi: credere in Dio vuoi dire ridiventare ciò che realmente siamo.
**

Il cuore finto di DR

La storia si svolge in una Milano angosciante, a tratti riconoscibile, tra rassicuranti piante extraterrestri che cantano, “cacciatori” stupidi, un vecchio sognatore disilluso e un affare da molti, molti soldi. Si tratta di un romanzo di fantascienza che coinvolge per i sentimenti e i legami che si creano tra i personaggi, più che per i colpi di scena o per gli “effetti speciali”. Romanzo d’esordio di Nicoletta Vallorani, questo libro viene ripubblicato nella collana “Meteore” curata da Tecla Dozio.
**

Una confidenza di Maigret

Le cene a casa dei coniugi Pardon sono una delle pochissime occasioni mondane che Maigret e signora si concedono. Durante una di queste il dottor Pardon, medico condotto, riceve diverse telefonate che lo spingono a rimpiangere di aver scelto il mestiere di medico. Il commissario amico del medico, comincia un lungo racconto su un caso che lo ha portato agli stessi rimpianti.
Il caso Josset aveva avuto una fortissima attenzione presso i media parigini. Maigret si era mosso come al solito, cercando, nel suo personale interrogatorio nei confronti di Josset, di trovare ciò che non era presente sui verbali già scritti dai colleghi che avevano precedentemente interrogato l'indagato. I giornali, e qualche informatore degli stessi, tuonano contro Josset, indicandolo come l'autore del delitto. Il giudice Comelieu, eterno antagonista del metodo Maigret, fa pressioni sul commissario perché l'indagine si chiuda in fretta, per passare il caso alla procura, dove, Maigret lo sa già, finirà come tutti si aspettano. Il commissario rivive nel suo racconto i momenti di un'indagine che nei suoi pensieri (e molto probabilmente anche nei fatti) avrebbe potuto prendere un'altra piega.

I cento regni di Darkover

###
Flagellata fra le eterne contese fra i Cento Regni, Darkover è in attesa della leggendaria figura in grado di porre fine alle divisioni e al potere incontrollato delle pietre matrici. Il volume, pubblicato in edizione maggiore da Nord, viene proposto in edizione tascabile da Tea.

Catastrofe – La vera storia di Chernobyl

Il 26 aprile 1986 un’esplosione nella centrale di Chernobyl causò il più grande disastro nucleare della storia, le cui conseguenze, ben lungi dall’essere accertate pienamente, possono, con il passare del tempo, causare più vittime di quante ne fece la seconda guerra mondiale. I dati per ora raccolti confermano che delle seicentomila persone coinvolte nelle operazioni di decontaminazione, buona parte ha riportato seri disturbi al sistema immunitario e che vaste zone di Russia, Bielorussia e Ucraina sono state rese inabitabili per migliaia di anni a venire. Spinto dalla volontà di far luce sull’intera, tragica vicenda, e avvalendosi anche di una nuova disponibilità dei testimoni e di un più libero accesso a documenti tenuti segreti fino al 1991, l’autore, Piers Paul Read, è rimasto diversi mesi nell’ex Unione Sovietica per radunare tutto il materiale necessario. Intervistando scienziati, esperti, sopravvissuti, Read ha potuto compilare questo resoconto agghiacciante e circostanziato, focalizzando la sua attenzione soprattutto sui costi umani di tale immane catastrofe. Una cronaca che rivela numerosi atti di coraggio, ma anche le menzogne, i sotterfugi e i tentativi delle autorità sovietiche di scaricare le responsabilità e coprire la gravità dell’accaduto. Un accurato lavoro di ricostruzione, che ripercorre le tappe del nucleare in Russia e le ripercussioni politiche dell’incidente – non ultima la caduta di Gorbaciov – in una narrazione epica e accurata, di straordinario impatto.

Il buio

Vigilia di Natale a Newcastle. Fervono i preparativi per la santa ricorrenza.Frenetico andirivieni nei negozi del centro: regali, tacchini, brindisi,cori, scambio d’auguri, generosità, altruismo d’obbligo… È lo Spirito del Natale – emanazione di santità a scadenza annuale. Il rituale celebrativo è al suo culmine quando tuoni e fulmini bombardano la città. La Tempesta si abbatte su Newcastle… e cala il Buio. Per l’ispettore Cardiff, un “perdente” al bivio tra la rassegnazione a una squallida solitudine e un risolutivo suicidio, il Natale si prospetta assai bizzarro: gli occupanti di un intero palazzo di uffici scompaiono in massa nel bel mezzo di allegri festini natalizi. A segnalarlo è un altro “perdente”, Alec Beaton, addetto alla manutenzione dell’edificio, ubriaco full-time. Sembra che ci sia rimasto soltanto lui li dentro… oltre a una mano segata via dal corpo di chissà chi. Non è lo scherzo di un mentecatto, né il delirio di un ubriacone. La polizia avvia le indagini di routine. Intanto,in altri punti della città,e persino a Londra, i festanti desaparesidos cominciano a riapparire sulla scena del reale. Ma sono cambiati… Il caso passa a una squadra speciale comandata dal misterioso Rohmer, un inquietante personaggio scortato da un’accolita di scienziati. L’Operazione Darkfall ha cosi inizio. Per Cardiff tutto ciò ha il sapore di una sfida. Con l’aiuto del balordo Jimmy Delvin, suo amico-nemico, tenterà di capire chi si celi dietro l’algida purezza ariana del biondo Rohmer. Insieme affronteranno la Tempesta e tenteranno di squarciare la nera cortina del Buio. Il Buio che oscura le menti, che stravolge le stesse cognizioni del Tempo e dello Spazio, il Buio che dissacra e distrugge…

Buchi neri e universi neonati

I saggi raccolti in questo volume costituiscono la “summa” delle più recenti posizioni di Hawking e introducono idee nuove e ipotesi ancora al vaglio della comunità della scienza (come il concetto di “tempo immaginario” e la sua funzione nella vita dell’universo), discutono la possibilità che proprio nei buchi neri stia racchiuso il segreto della nascita del cosmo, e offrono una panoramica degli sforzi della scienza contemporanea per raggiungere il suo obiettivo più ambito: l’elaborazione di un’unica teoria che dia ragione di tutti i fenomeni osservati nell’Universo, dalla vita delle galassie a quella delle particelle subatomiche.

Il criminale

Una ragazza adolescente viene violentata e uccisa. Un padre volta le spalle a suo figlio, abbandonandolo. Un tycoon della stampa trasforma la giustizia in un carnevale grottesco. Un ragazzo terrorizzato fugge con un treno. Nel mondo contorto di Jim Thompson, tutti sono colpevoli, e i peggiori crimini restano impuniti.

Il canto dell’angelo nero

November 1302, and Sir Hugh Corbett, Edward I’s Keeper of the Secret Seal, together with his manservant, Ranulf, and messenger, Maltote, are sent to Mortlake Manor on the Norfolk coast to confront an evil rarely seen before. A man’s headless corpse, its head impaled on a pole, has been found on a beach and the pretty young wife of a local baker is discovered hanging from a gallows. The scene is set for more gruesome deaths and Corbett soon realises that the icy wastes of Norfolk, where the eerie song of the Dark Angel wind chills those that live in the small villages along the coast, are just as treacherous as the silken intrigue at the royal court or the violence of London’s fetid alleyways…

CSI Alaska. Dispersi

Tra le onde del mare in tempesta e i ghiacci dell’Alaska, un nuovo imperdibile thriller
Il ghiaccio può coprire ogni cosa?
Due membri dell’equipaggio del peschereccio Avilda sono scomparsi in circostanze misteriose nel mare di Bering. Con ogni probabilità sono morti. Ma senza aver recuperato i corpi, senza un possibile movente, senza prove, il procuratore distrettuale di Anchorage non può aprire un’indagine per omicidio.
Così, ancora una volta, alla sua ex collaboratrice, Kate Shugak, tocca lavorare sotto copertura, nei panni di una pescatrice di granchi, una delle professioni più pericolose in Alaska. Harry Gault, il capitano dell’Avilda, sostiene che i due uomini siano scesi a terra per fare rifornimento d’acqua e non siano più tornati. Ma affrontando mille rischi, Kate scoprirà che Gault sa molto più di quel che dice e che la sua versione non corrisponde affatto alla verità.
Un nuovo appassionante caso per Kate Shugak, tra le gelide atmosfere dell’estremo Nord, dove il ghiaccio è capace di coprire ogni prova.
La gelida Alaska si tinge di giallo.
Un grande thriller dalla vincitrice dell’Edgar Award.
«Narratrice di qualità, Dana Stabenow affida il ruolo di protagonista a una natura immensa e crudele ma ricca di magia e mistero.»
D di Repubblica
«La Stabenow offre una soddisfacente miscela di mistero e pericolo, bilanciata da un lato più leggero, un ritratto della cultura dei nativi d’Alaska.»
Publishers Weekly
«Un’autrice che si supera a ogni episodio.»
Washington Times
«Crudo, autentico, irresistibile.»
The Boston Globe
«Un’investigatrice in un villaggio sperduto dell’Alaska… Gli appassionati del genere poliziesco la ameranno.»
School Library Journal
Dana Stabenow
è nata e cresciuta in Alaska. Si è laureata alla University of Alaska e ha lavorato per la Trans-Alaska Pipeline fino al 1982, quando è diventata scrittrice a tempo pieno. Ha scritto numerosi thriller, soprattutto la serie di straordinario successo con protagonista la detective Kate Shugak. Giunta in patria al diciottesimo episodio, diventerà presto un serial TV. Il primo della serie, CSI Alaska. Il silenzio della neve, ha vinto il prestigioso Premio Edgar; le avventure di Kate continuano con gli episodi Primavera di ghiaccio e Dispersi, tutti pubblicati dalla Newton Compton.