Visualizzazione di 1-16 di 487 risultati

La principessa

Nel 1942, in piena guerra mondiale, la bella principessa di un piccolo paese d’Europa si reca negli USA per un accordo col governo. Al centro del negoziato, una preziosa sostanza assai utile ai fini bellici che il piccolo regno può fornire al gigante americano. Ma in USA, si perdono le tracce della principessa. Sparita. Rapita.
La ritrovano sulle coste della Florida, portata a riva dall’oceano dove si era buttata per sfuggire ai suoi rapitori… e accolta dalle forti braccia di J.T. Montgomery, un aitante ufficiale della marina americana.
L’incontro già eccezionale per le circostanze, diventa uno scontro per temperamento, non comune, dei due protagonisti. Aria, ostenta con orgoglio e arroganza il suo titolo, ma è segretamente affascinata dalla sbrigativa semplicità di JT. Lui a sua volta, scopre sotto la ben custodita riservatezza di lei, una donna di bruciante sensualità.
Per sfuggire ai nemici di Aria, i giovani fanno ritorno al regno di Lanconia: Aria in incognito interpreta alla perfezione la parte della giovane moglie americana. Ma se il loro audace piano riesce a smascherare i nemici della principessa, mette la giovane donna di fronte a una scelta vera: o il regno o l’amore.
La principessa nata per guidare il suo paese saprà accettare di vivere come ogni donna innamorata accanto all’uomo che il destino ha scelto per lei?

Da parte della principessa morta

Bosforo 1911: nel cuore dell’Impero ottomano, nel palazzo reale di Ortaköy, nasce la principessa Selma. Un’infanzia spensierata e felice nell’harem del palazzo dei merletti in un’atmosfera fiabesca che ricorda Le Mille e una notte, ma la guerra, il crollo dell’impero, e l’avvento della repubblica saranno per Selma l’inizio di un’odissea.

Pomeriggio di uno scrittore

**PREMIO NOBEL PER LA LETTERATURA 2019**
**«Quando uno scrittore sa raccontare con tanta grazia, il lettore non può fare a meno di credergli.»**
*Frankfurter Allgemeine Zeitung*
**«Il suo sguardo ha il potere di incantare.»**
*Die Welt*
Uno scrittore, reduce da un periodo di crisi, s’incammina per la città dopo un pomeriggio di lavoro. Attraversa strade e piazze, giunge alla periferia e rientra a casa quando l’oscurità è già calata. Che accada poco, in queste pagine, è pura apparenza: si tratta del resoconto di un viaggio attraverso il mondo intero. Lo scrittore racconta del suo scrivere e del prezzo che per questo deve pagare, della sua vita e del poco tempo che gli rimane dopo i momenti di più intenso lavoro: una leggera pigrizia, il piacere di girovagare, la distaccata percezione delle cose quotidiane e dei particolari più insignificanti. E tutto rientra nello scrivere: assieme a un dubbio costante, nei confronti di se stesso e degli altri. Sotto il sole pomeridiano, alla luce del crepuscolo e poi dell’oscurità notturna, Peter Handke percorre una lunga strada attraverso la città e attraverso se stesso, offrendo al lettore una profonda riflessione su una letteratura che si alimenta nel concreto rapporto con la realtà.

Antologia Internazionale di Fantascienza

Questa è la prima vera grande antologia che raccoglie opere di fantascienza scritte da autori di tutto II mondo. Un grande progetto ideato dalla World SF, l’associazione internazionale dei professionisti della fantascienza, e seguito con passione da Brian Aldiss e Sam J. Lundwall. Nel volume sono compresi racconti di autori di 26 paesi di tutti e cinque i continenti: dalla Cecoslovacchia al Brasile, dal Giappone alla Francia, dall’Australia alla Cina. La presenza di nomi prestigiosi quali Robert Sheckley, Bob Shaw, Bertram Chandler, Arkadi e Boris Strugatsky, Ion Hobana, e l’Italiano Lino Aldani, sì accompagna a quella non meno rilevante di altri autori già noti ai pubblico internazionale, ma ancora pressoché sconosciuti ai lettori italiani. Un’esperienza affascinante, un modo realmente originale per guardare alla fantascienza, attraverso gli esempi più stimolanti offerti da scrittori di culture, tradizioni, sensibilità diverse, ma uniti nei tentativo di confrontarsi con temi e aspetti di un genere letterario che non conosce frontiere: viaggi e paradossi temporali, cibernetica, esobiologia, antropologia, intelligenze aliene, mutanti, e altro ancora. Idee, stili e tendenze rappresentate in questo libro contribuiscono a tracciare una mappa dell’immaginario senza precedenti, la più vasta e multiforme che sia mai stata offerta da un’antologia di fantascienza.

La grande congiura

Sarah Beaumont si reca a visitare una vecchia casa da ristrutturare e s’imbatte in un ritaglio ingiallito del Denver Express del 1892 e in un foglio protocollo strappato, con una lista scritta in una strana calligrafia, fitta di nomi e di eventi, alcuni famosissimi, come l’assassinio di Lincoln o l’affondamento del Lusitania, altri del tutto oscuri, eppure misteriosamente collegati fra loro. Incuriosita, Sarah indaga attraverso le reti informatiche e scopre altri legami sconcertanti, che la guidano in un edificio abbandonato in cui scova una piccola fabbrica ottocentesca, piena di antiquati macchinari. Fra questi, una tastiera che ricorda uno dei primi tentativi di costruire una rozza calcolatrice meccanica, ma i tasti recano simboli misteriosi…

I volatili del Beato Angelico

A metà degli anni Venti, Ortega y Gasset decretava «non è probabile che oggi si possa inventare un’avventura capace di interessare la nostra sensibilità superiore». Nel tempo da allora ad oggi, il posto dell’avventura nella letteratura, il suo lottare col vento piano e insinuante della sensibilità, è stato variamente controverso. E il fatto che a proposito di questi racconti Antonio Tabucchi parli di «ronzii che mi hanno accompagnato», «rumore di fondo», riguarda in qualche modo quel vento. Sono racconti interrotti, situazioni senza possibilità, avventure che ritornano su se stesse, quasi che, al loro prendere corpo, le vinca la persuasione a distrarsi, a perdersi dietro voci di sirene provenienti da altri particolari, da altre coincidenze ed equivoci. È esemplare tra tutti la Storia di una storia che non c’è, in cui una storia, un romanzo entra in una notte inquieta e in una strana casa sull’oceano: «in quella notte ricevetti molte storie. Portai con me il romanzo e lo affidai al vento. Non so se fu un tributo, un omaggio, un sacrificio o una penitenza».

Tempesta Di Passioni

Maggie Turner ha un passato triste alle spalle: un amore infelice con un marito violento e senza scrupoli. L’unica cosa bella che le è rimasta della loro unione è la figlia, Becky, che ora l’ex marito vuole portarle via per poter godere del vitalizio della piccola con la sua nuova fiamma. Maggie, per riordinare le idee, accetta l’invito della madrina a trasferirsi nella tenuta del figlio, Gabriel Coleman, suo vecchio e mai corrisposto amore. E non appena lo rivede, si rende conto che tutti quegli anni non hanno cancellato l’attrazione che provava per lui. Gabriel, da parte sua, è ben felice di poter aiutare Maggie, che da ragazzina innocente si è trasformata in una donna molto attraente e conturbante. Questa volta non se la lascerà sfuggire… visto che anche lei sembra non averlo dimenticato.

Scherzi del destino

Inghilterra, 1810 circa
Jason Kincaid, barone Radford, ha promesso che si sposerà, ma avendo già sofferto per amore in passato, non gli importa con chi. Così, quando gli amici gli propongono di sorteggiare un nome da una cerchia di candidate, Jason accetta. Il caso favorisce Caroline Hanscombe, che però manifesta un totale disinteresse per gli uomini e non intende fidanzarsi. In seguito alle insistenze della famiglia deve tuttavia cedere, e quando si presenta insieme alla zia alla dimora di Jason per approfondire la conoscenza, accade l’imprevedibile: Caroline si innamora follemente per la prima volta, ma non di Jason. E lui si ritrova faccia a faccia con la donna che un tempo gli ha spezzato il cuore, e che mai ha smesso di amare…

L’intrigo Wetware

Quando Rebel Elizabeth Mudlark si risveglia nei centro medico di una città orbitale nei pressi dell’asteroide Eros, non ricorda nulla del suo passato, mentre il suo volto ed il suo corpo sono quelli di un’estranea. Tuttavia, in un futuro sconvolgente dove l’applicazione dei sistemi “wetware” (ovvero le reti di neuroni che partecipano all’elaborazione dell’informazione in un organismo vivente) permettono a ciascuno di riprogrammare la propria personalità così come oggi si sostituisce il programma di un computer, il fatto non è poi così sorprendente. Ma rischia invece di diventare drammatico, dal momento che l’identità di Rebel è l’unica copia esistente di un nuovo modello di personalità artificiale… e per questa ragione ella si ritrova al centro di un colossale intrigo dove sono in gioco non solo enormi interessi commerciali, ambizioni politiche e destini individuali, ma qualcosa di assai più vitale…
È l’inizio di un’odissea mozzafiato attraverso una varietà di mondi naturali e artificiali del sistema solare, un coacervo di culture, habitat autosufficienti e tecnologicamente avanzatissimi, comunità bizzarre e devianti, ricreate in una cornice visionaria ed inventiva senza precedenti. Ma il destino di Rebel sembra puntare verso la Terra, ormai trasformata in un’immensa intelligenza artificiale che ha assorbito le menti dei singoli individui, un organismo in continua crescita e deciso ad estendere il suo dominio sull’intero sistema solare.
Michael Swanwick ci regala un’opera virtuosistica, dal ritmo incalzante, che per la ricchezza di concetti ed estrapolazioni offre una delle visioni più radicalmente innovative del nostro futuro.

Imparare ad amare

Gli altri hanno sempre deciso per Dareen, giovane top model. Ma quando la sua tirannica madre muore, lei decide di gettarsi tutto alle spalle e parte per il Tennessee, per rifugiarsi in una fattoria dove spera di ritrovare un’identità e, soprattutto, di crescere pensando con la propria testa. L’incontro con l’affascinante e sensibile Rip le fa però capire quanto sia ancora lunga la strada da percorrere: lui la tratta come una donna vera, non come una marionetta, ma, proprio per questo, Dareen comprende che essere adulti significa anche rischiare e, spesso, perdere. E amare Rip può voler dire tutto questo, come pure affrontare un passato che la ghermisce ancora alle spalle…

Prigioniera D’Amore

The magnificent legend of Steve and Ginny Morgan continues as their headstrong, ravishingly beautiful daughter, Laura, and Trent Challenger, the untamed rogue determined to possess her, defiantly resist the inevitable longings of their bodies and souls.
From ecstasy in Parisian boudoirs to endless nights of London pleasure and dark rituals in a castle in Spain, Laura and Trent are tossed from crest to crest of ever more molten desire — until at last they confront their destinies and surrender to the soaring splendor of a love beyond time…

Oltre la muraglia

Oltre la muraglia by Colin Thubron
Un paese a lungo considerato oscuro e inquietante, un passato fitto di contraddizioni: primo fra gli scrittori di viaggio occidentali, Colin Thubron ha esplorato alla vigilia dei tumulti di Tian’anmen questo territorio immenso, parlando con la gente comune e percorrendo senza un itinerario preciso quindicimila chilometri. Ha assorbito la quiete desolata di Pechino e la vitalità brutale di Shanghai, per ritrovare a Suzhou la bellezza della Cina antica. Ha attraversato regioni sterminate e ignote al turismo, dal fiume Mekong alle pendici dell’Himalaya, e poi fino all’estremità nordoccidentale della Grande Muraglia. Intimidito, sulle prime, dall’impenetrabilità dei cinesi, dalla loro «immagine pubblica di arida inespressività», è riuscito, grazie alle sue doti di umanità e di empatia, a svelarne l’essenza, in un mosaico di incontri memorabili: un’ex guardia rossa stupita dalla violenza del suo stesso passato, giovani donne sedotte dalla prospettiva di un futuro indipendente, monaci di santuari dimenticati, una grande ballerina costretta a badare ai maiali, contadini miserabili ma ospitali, professori imbevuti di una mentalità in estinzione. Non è un caso che questo libro sia ormai considerato un classico della letteratura di viaggio: la scrittura lirica e tesa di Thubron ci restituisce una Cina lontana dagli stereotipi, l’atmosfera malinconica e fiduciosa di un popolo che si sforza di guardare con rispetto alla propria storia, in vista di un cambiamento epocale.

Navi spaziali

IL CONDUCENTE DEL CARGO di Robert Chilson. Lei aveva preso un carico che doveva provvedere a mettere in orbita, ma nessuna l’aveva messa in guardia circa il fatto che i banditi spaziali potevano avere in mente un piano completamente differente per sistemare lei e il suo cargo… LA GUERRA DEI BOTTONI di Josefh Martino. Le rotte stellari erano ormai tutte controllate da armi compiuterizzate: in questo contesto altamente tecnologicizzato, era mai possibile trovare un qualche ruolo idoneo ad un semplice essere umano? L’ULTIMO SHUTTLE di Isaac Asimov. Lei era descritta nei libri di Storia come l’ultimo pilota di shuttle della Terra: ma era stata l’araldo della fine di un’epoca… o dell’inizio? TRA UNA NONTAGNA ED UN LUOGO DlFFICILE di Timothy Zahn. Avevano cercalo la maniera definitiva per potersi spostare da un astroporto all’altro attraverso lo spazio, ma ora, un disastro spaziale avrebbe potuto farli rientrare immediatamente sulla Terra… Prenotate il vostro viaggio sui pianeti e… oltre, con questi e gli altri affascinanti racconti che troverete al- l’interno di questo nuovo volume che vi trasporta ancora una volta in I MAGICI MONDI Dl ASIMOV.