15425–15440 di 74503 risultati

Orley farm

Il libro contiene 2 volumi indivisibili.
Lady Mason, splendida aristocratica di amabile superiorità, possiede a nome del figlio una ricca tenuta vicino Londra, Orley Farm, ereditata dal marito. Un sospetto scende su di lei, e ne offusca la preziosa reputazione sociale: aver falsificato il testamento, per assicurare al bravo figlio e a se stessa una vita all’altezza del loro buon merito. Il lettore, guidato da una voce narrante così vittorianamente presente e onnisciente, capisce subito che la bella e nobile Lady è formalmente colpevole. Infatti lo scopo del romanzo è scoprire come alla fine l’accusata potrà cavarsela: seguendo la trama dell’accusa e la strategia della difesa, il ruolo dei testimoni, gli effetti dell’ambiente, l’influenza del carattere dei protagonisti, l’anatomia delle loro intenzioni, il tutto analizzato con precisione accanita e appassionante. Questa la giustizia. L’amore, non meno importante, splende invece in una serie di storie che affiancano la causa legale: e sono storie di elevato sentire, trascinante passione e scandalo sociale. Al di sotto sia del linguaggio della giustizia sia del linguaggio dell’amore c’è la descrizione del dilemma morale tra la giustizia dell’ambiente comune e il sentimento sincero di ciascun animo nobile. E al di sotto ancora sta la volontà di allargare lo sguardo a tutta la prospettiva sociale, tessendo intorno alla vicenda principale mille e una situazioni, persone e destini minori. Con una nota di Remo Ceserani.
Descrizione del’autore:
Anthony Trollope (1815-1882), autore di quarantasette romanzi, dei grandi della letteratura inglese dell’Ottocento è il meno conosciuto in Italia, nonostante lo straordinario successo tra i lettori di lingua inglese e la fortuna più recente tra i critici. Questa casa editrice di Trollope ha pubblicato: Orley Farm (1999, 2013), Lady Anna (2003, 2011), Un’autobiografia (2008), La vita oggi (2010) e tutti i romanzi del «ciclo del Barsetshire»: L’amministratore (2003), Le torri di Barchester (2004), Il Dottor Thorne (2005), La Canonica di Framley (2001, 2006) e Le ultime cronache del Barset (2009).
**

Ombre: Racconti ispirati ai dipinti di Edward Hopper

Il *diner* più famoso d’America, con la sua vetrata piena di luce contro il buio della notte. Una sigaretta fumata di fronte a una finestra aperta, lasciando che il sole penetri nelle ossa.
Una coppia separata da una noia invincibile. Un cinema mezzo vuoto dove una donna aspetta l’uomo che ama. Edward Hopper immortalava frammenti di vita invitando chi guarda a immaginare il resto. Gli autori di questa antologia hanno dato loro respiro e ne è uscita una raccolta di testi – noir ma non solo – pieni di grazia e realismo, in cui a prendere corpo sono i personaggi dei dipinti. In tutti, come nei quadri che li ispirano, la scena americana svela il suo volto magico e oscuro, la sua struggente verità.

Ombre nere

Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi di ghiaccio s’avvicina all’auto della famiglia Mattarella ed esplode alcuni colpi d’arma da fuoco verso il guidatore. La moglie, seduta accanto al leader democristiano, assiste pietrificata. Piersanti Mattarella muore dopo un’inutile corsa all’ospedale. Chi è il killer? La vedova Mattarella lo ha visto bene in faccia e indica una somiglianza: per lei è Valerio Fioravanti, appartenente ai Nuclei armati rivoluzionari, frangia dell’estrema destra extraparlamentare. Falcone imbocca la pista nera e nel 1991 chiede il rinvio a giudizio per Fioravanti e Gilberto Cavallini. L’indagine scava nell’attività politica del Presidente della Regione e nell’opera di moralizzazione da lui intrapresa in Sicilia: una svolta che aveva dato fastidio a molti. Ma al processo a pagare con l’ergastolo sono solo i mafiosi della cupola di Cosa nostra, e nessuno dei killer verrà mai più individuato. Piersanti Mattarella, fratello maggiore dell’attuale presidente della Repubblica, era intenzionato a proporre nell’isola l’alleanza Dc-Pci, la stessa linea indicata da Aldo Moro. La direttrice politica dei due esponenti democristiani si interseca anche nel tragico epilogo: entrambi gli omicidi restano tutt’oggi segnati da troppe ombre. Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza “riaprono” il caso Mattarella, proponendo documenti d’archivio e nuove rivelazioni, partendo dalle indagini avviate dal giudice Giovanni Falcone, ucciso nel 1992 nella strage di Capaci; analizzando il ruolo della P2 e dell’eversione “nera”, passando dalle lotte intestine al vertice di Cosa nostra fino alle manovre ambigue di don Vito Ciancimino; vagliando l’ipotesi che Mattarella, proprio come Moro, sia caduto in una trappola di ispirazione atlantica scattata per impedire in Italia “aperture” politiche incompatibili con gli equilibri internazionali. **
### Sinossi
Domenica 6 gennaio 1980. Un giovane dagli occhi di ghiaccio s’avvicina all’auto della famiglia Mattarella ed esplode alcuni colpi d’arma da fuoco verso il guidatore. La moglie, seduta accanto al leader democristiano, assiste pietrificata. Piersanti Mattarella muore dopo un’inutile corsa all’ospedale. Chi è il killer? La vedova Mattarella lo ha visto bene in faccia e indica una somiglianza: per lei è Valerio Fioravanti, appartenente ai Nuclei armati rivoluzionari, frangia dell’estrema destra extraparlamentare. Falcone imbocca la pista nera e nel 1991 chiede il rinvio a giudizio per Fioravanti e Gilberto Cavallini. L’indagine scava nell’attività politica del Presidente della Regione e nell’opera di moralizzazione da lui intrapresa in Sicilia: una svolta che aveva dato fastidio a molti. Ma al processo a pagare con l’ergastolo sono solo i mafiosi della cupola di Cosa nostra, e nessuno dei killer verrà mai più individuato. Piersanti Mattarella, fratello maggiore dell’attuale presidente della Repubblica, era intenzionato a proporre nell’isola l’alleanza Dc-Pci, la stessa linea indicata da Aldo Moro. La direttrice politica dei due esponenti democristiani si interseca anche nel tragico epilogo: entrambi gli omicidi restano tutt’oggi segnati da troppe ombre. Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza “riaprono” il caso Mattarella, proponendo documenti d’archivio e nuove rivelazioni, partendo dalle indagini avviate dal giudice Giovanni Falcone, ucciso nel 1992 nella strage di Capaci; analizzando il ruolo della P2 e dell’eversione “nera”, passando dalle lotte intestine al vertice di Cosa nostra fino alle manovre ambigue di don Vito Ciancimino; vagliando l’ipotesi che Mattarella, proprio come Moro, sia caduto in una trappola di ispirazione atlantica scattata per impedire in Italia “aperture” politiche incompatibili con gli equilibri internazionali.

Oltre e un cielo in più

Quarantasette anni, un bel lavoro, tanti interessi, eppure qualcosa non va. Di fronte a una quotidianità svuotata, si fa strada il desiderio di lasciare tutto e andare, senza tappe predefinite, per il puro gusto di viaggiare. Partire è un attimo per il giornalista Luca Sciortino, con solo un bagaglio leggero e la sua macchina fotografica, in **un lungo itinerario da Occidente a Oriente**. Quattro mesi e oltre diecimila chilometri, seguendo un’unica regola: niente aerei, per vedere come cambiano i paesaggi, le culture e i popoli dalla Scozia al Giappone. I tetti dorati di Budapest lasciano posto a un’Ucraina ferita dalla guerra; la sconfinata pianura russa si apre sulle montagne del Tien Shan, dove i cacciatori si affidano ancora alle aquile. «This is Asia», gli dicono, e ogni posto, così radicalmente diverso, sembra ripeterlo: il tempo si ferma nei giorni dorati della Siberia, nel sogno accarezzato di una vita altra; nella steppa mongola, fra pastori nomadi, prendono corpo le sue paure ataviche; la Cina, sotto la superficie scintillante, si rivela un mondo contadino e brutale.
In questo libro – corredato da bellissime foto – **Luca Sciortino** racconta l’essenza di Paesi sfuggenti, nei quali si è immerso con sincera curiosità per scoprirne la natura più vera, tagliata fuori da ogni guida turistica. E lungo la strada ritrova il senso profondo del viaggio: nell’incontro con realtà sconosciute, la sua stessa identità si sgretola e si ricostruisce, fino a restituirgli un altro sé e una nuova direzione. **
### Sinossi
Quarantasette anni, un bel lavoro, tanti interessi, eppure qualcosa non va. Di fronte a una quotidianità svuotata, si fa strada il desiderio di lasciare tutto e andare, senza tappe predefinite, per il puro gusto di viaggiare. Partire è un attimo per il giornalista Luca Sciortino, con solo un bagaglio leggero e la sua macchina fotografica, in **un lungo itinerario da Occidente a Oriente**. Quattro mesi e oltre diecimila chilometri, seguendo un’unica regola: niente aerei, per vedere come cambiano i paesaggi, le culture e i popoli dalla Scozia al Giappone. I tetti dorati di Budapest lasciano posto a un’Ucraina ferita dalla guerra; la sconfinata pianura russa si apre sulle montagne del Tien Shan, dove i cacciatori si affidano ancora alle aquile. «This is Asia», gli dicono, e ogni posto, così radicalmente diverso, sembra ripeterlo: il tempo si ferma nei giorni dorati della Siberia, nel sogno accarezzato di una vita altra; nella steppa mongola, fra pastori nomadi, prendono corpo le sue paure ataviche; la Cina, sotto la superficie scintillante, si rivela un mondo contadino e brutale.
In questo libro – corredato da bellissime foto – **Luca Sciortino** racconta l’essenza di Paesi sfuggenti, nei quali si è immerso con sincera curiosità per scoprirne la natura più vera, tagliata fuori da ogni guida turistica. E lungo la strada ritrova il senso profondo del viaggio: nell’incontro con realtà sconosciute, la sua stessa identità si sgretola e si ricostruisce, fino a restituirgli un altro sé e una nuova direzione.
### Dalla seconda/terza di copertina
LUCA SCIORTINO è uno scrittore, viaggiatore e giornalista. Ha ottenuto il dottorato in filosofia alla Open University ed è stato Research Fellow all’Università di Leeds, nel Regno Unito. Alterna il lavoro di giornalista per Panorama con quello di ricerca in filosofia della scienza. Pubblica fotoreportage di viaggio e racconti.

L’oltraggio

Eleonora non vede Corinne da quattro anni. Cosí, quando la sua amica d’infanzia la invita nella meravigliosa tenuta toscana di Bruges, dove vive insieme al suo compagno Alessandro, brillante uomo d’affari con la passione per il teatro, lei la raggiunge. Alessandro ha un fratello, Emanuele, molto diverso da lui. Uno è gentile e premuroso, l’altro è selvaggio e irruento, ma entrambi la catturano in un gioco ambiguo. Anche se desidera Alessandro, Eleonora rinuncia a lui per proteggere Corinne, come fa sin da quand’era piccola. Non riesce invece a sottrarsi alla violenta bellezza di Emanuele, che le rivela quanto possa essere eccitante perdere il controllo e lasciarsi sottomettere. Presto intuisce che i due uomini nascondono un segreto e decide di scoprirlo. Capire che cosa è successo nel loro passato è l’unico modo per curare la propria personale ferita. **
### Sinossi
Eleonora non vede Corinne da quattro anni. Cosí, quando la sua amica d’infanzia la invita nella meravigliosa tenuta toscana di Bruges, dove vive insieme al suo compagno Alessandro, brillante uomo d’affari con la passione per il teatro, lei la raggiunge. Alessandro ha un fratello, Emanuele, molto diverso da lui. Uno è gentile e premuroso, l’altro è selvaggio e irruento, ma entrambi la catturano in un gioco ambiguo. Anche se desidera Alessandro, Eleonora rinuncia a lui per proteggere Corinne, come fa sin da quand’era piccola. Non riesce invece a sottrarsi alla violenta bellezza di Emanuele, che le rivela quanto possa essere eccitante perdere il controllo e lasciarsi sottomettere. Presto intuisce che i due uomini nascondono un segreto e decide di scoprirlo. Capire che cosa è successo nel loro passato è l’unico modo per curare la propria personale ferita.

Ogni tuo desiderio

***The Bridge Series*
Dall’autrice della *Hacker Series*
Numero 1 del New York Times**
Maya Jacobs ha detto di no. Quando Cameron le ha chiesto di sposarlo, lei ha scelto di rinunciare all’amore per prendersi cura della sua famiglia. Per anni ha rimpianto quella decisione, ma ora la sua vita è tutta incentrata sulla carriera. Non soffrirà mai più per un uomo. Cameron Bridge ha trascorso gli ultimi cinque anni nell’esercito, lottando contro il dolore che il ricordo di Maya gli provocava. Ma dopo aver combattuto la sua guerra personale nel deserto, è pronto a cominciare una nuova vita a New York. Quando il destino li farà incontrare nel cuore della città che custodisce le loro speranze e i fantasmi del passato, Cameron saprà riconoscere la ragazza che ha amato nella donna che Maya è diventata? 
**Un’autrice da 2 milioni di copie vendute
Tradotta in 22 lingue**
«Il romanzo erotico ha una nuova regina. Si chiama Meredith Wild.»
**La Repubblica**
**Meredith Wild**
è un’autrice bestseller del «New York Times» e di «USA Today», tradotta in molti Paesi. Vive a Boston con il marito e i loro tre figli. Ha esordito nel self-publishing prima di firmare un importante contratto. Nel 2015 ha fondato la Waterhouse Press. Torna a pubblicare con la Newton Compton, dopo il successo mondiale della *Hacker Series* ( *Senza difese* , *Senza colpa* , *Senza pentimento* , *Senza controllo* e *Senza rimpianto* ), portando in Italia la *Bridge Series*. **
### Sinossi
***The Bridge Series*
Dall’autrice della *Hacker Series*
Numero 1 del New York Times**
Maya Jacobs ha detto di no. Quando Cameron le ha chiesto di sposarlo, lei ha scelto di rinunciare all’amore per prendersi cura della sua famiglia. Per anni ha rimpianto quella decisione, ma ora la sua vita è tutta incentrata sulla carriera. Non soffrirà mai più per un uomo. Cameron Bridge ha trascorso gli ultimi cinque anni nell’esercito, lottando contro il dolore che il ricordo di Maya gli provocava. Ma dopo aver combattuto la sua guerra personale nel deserto, è pronto a cominciare una nuova vita a New York. Quando il destino li farà incontrare nel cuore della città che custodisce le loro speranze e i fantasmi del passato, Cameron saprà riconoscere la ragazza che ha amato nella donna che Maya è diventata? 
**Un’autrice da 2 milioni di copie vendute
Tradotta in 22 lingue**
«Il romanzo erotico ha una nuova regina. Si chiama Meredith Wild.»
**La Repubblica**
**Meredith Wild**
è un’autrice bestseller del «New York Times» e di «USA Today», tradotta in molti Paesi. Vive a Boston con il marito e i loro tre figli. Ha esordito nel self-publishing prima di firmare un importante contratto. Nel 2015 ha fondato la Waterhouse Press. Torna a pubblicare con la Newton Compton, dopo il successo mondiale della *Hacker Series* ( *Senza difese* , *Senza colpa* , *Senza pentimento* , *Senza controllo* e *Senza rimpianto* ), portando in Italia la *Bridge Series*.

Gli occhi di un Dio in calore

Nova SF n. 51 (seconda serie).
Rivista di Fantascienza diretta da Ugo Malaguti. (Di questa seconda serie sono stati pubblicati dalla Perseo Libri 76 numeri dal 1985 sino al 2006)

In questo numero:

– Gli occhi di un dio in calore (romanzo di Carlos Gardini)
– Potere assoluto (romanzo breve di J.T.McIntosh)
– racconti di Robert Sheckley, Jerome Bixby, Subodh Jawadekar, Anthony Boucher, Edmond Hamilton.

– Saggistica e informazione a cura di Ugo Malaguti, Mauro Cesari, Claudia Mongini, Renato Pestriniero, luigi Cozzi, V. Curtoni e G.Mongini, Gianni Ursini e Lino Aldani.

Nuove avventure nell’ignoto

Nota: seconda parte di “The Fantasy Hall of Fame”, la prima è in “[Avventure nell’ignoto](https://www.goodreads.com/book/show/15697898.Avventure_nell_ignoto “Avventure nell’ignoto”)”
Celebri racconti del mistero scelti dall’Associazione degli scittori americani di sf e fantasy (SFWA) – a cura di Robert Silverberg.
Lettore, benvenuto. Eccoti l’antologia che, in coppia con AVVENTURE NELL’IGNOTO (da noi pubblicato lo scorso anno), completa la rassegna dedicata al senso del mistero nella fantascienza. Insieme al “sense of wonder”, infatti, c’è sempre stata un’altra componente fondamentale della sf: il gusto di ciò che è radicalmente nuovo, ai confini tra i mondi della scienza e quelli dell’ignoto. Questa antologia dimostra che tutti i più grandi autori di fantascienza ne hanno subito il fascino, producendo racconti e romanzi ricchi di enigmi che sfuggono a qualsiasi classificazione. Oggi, Robert Silverberg ha raccolto gli esempi più appassionanti di questa produzione, e il presente volume ti offre altri 16 capolavori dal 1939 ai giorni nostri. Spazia anche tu nell’altrove, in tempi antichissimi e dimenticati o in strani universi paralleli, insieme ai perfetti racconti di:
Indice:
Robert Bloch – Quel treno per l’inferno (That Hell-Bound Train, 1958)
Fritz Leiber – Il bazaar del bizzarro (Bazaar of the Bizarre, 1963)
Peter S. Beagle – Venite, Lady Morte (Come Lady Death, 1963)
J.G. Ballard – Il gigante annegato (The Drowned Giant, 1964)
Raphael Aloysius Lafferty – Valle stretta (Narrow Valley, 1966)
Philip K. Dick – Fede dei nostri padri (Faith of Our Fathers, 1967)
Clifford D. Simak – Il fantasma di una modello T (The Ghost of a Model T, 1975)
Tanith Lee – La demone (The Demoness, 1976)
Harlan Ellison – Jeffty ha cinque anni (Jeffty Is Five, 1977)
Gene Wolfe – L’indagatore dei sogni (The Detective of Dreams, 1980)
Roger Zelazny – La variante dell’unicorno (Unicorn Variation, 1981)
Robert Silverberg – Basileo (Basileus, 1983)
Lucius Shepard – Il cacciatore di giaguari (The Jaguar Hunter, 1985)
Ursula K. Le Guin – Le ragazze bufalo (Buffalo Gals, Won’t You Come Out Tonight, 1987)
Terry Bisson – Gli orsi scoprono il fuoco (Bears Discover Fire, 1990)
Ted Chiang – La torre di Babilonia (Tower of Babylon, 1990)
Copertina di Franco Brambilla

Nuova terra – Il sangue dell’erede – Seconda parte

La Terra come la conosciamo è cambiata, è cambiato il suo aspetto e la sua popolazione: a Nuova Eyropa, oltre alla Razza Umana, vivono la Razza dei Lupi Grigi e la Razza delle Tigri Bianche, uomini in grado di trasformarsi nei rispettivi animali e in conflitto tra loro da più di cento anni. Shayl’n Til Lech è stata rapita dalle Tigri Bianche e nel corso dell’ultimo anno ha scoperto il potere del suo sangue e della sua mente, insieme all’amore per Ahilan Dahaljer Aadre, ma ha anche scoperto l’ostilità e la crudeltà della guerra, del freddo e degli uomini. Tradita da un amico e allontanata dall’uomo che ama, verrà venduta al Sultano di Nayband, dove scoprirà altre culture, altri amici e un uomo che la vorrebbe per sé. Nel suo cuore, però, ci sono affetti indelebili e la volontà di porre fine a una guerra troppo lunga.”Dilhani Heemba ha attinto a un repertorio ampissimo, realizzando l’incontro tra cultura orientale e occidentale, senza attriti.” **
### Sinossi
La Terra come la conosciamo è cambiata, è cambiato il suo aspetto e la sua popolazione: a Nuova Eyropa, oltre alla Razza Umana, vivono la Razza dei Lupi Grigi e la Razza delle Tigri Bianche, uomini in grado di trasformarsi nei rispettivi animali e in conflitto tra loro da più di cento anni. Shayl’n Til Lech è stata rapita dalle Tigri Bianche e nel corso dell’ultimo anno ha scoperto il potere del suo sangue e della sua mente, insieme all’amore per Ahilan Dahaljer Aadre, ma ha anche scoperto l’ostilità e la crudeltà della guerra, del freddo e degli uomini. Tradita da un amico e allontanata dall’uomo che ama, verrà venduta al Sultano di Nayband, dove scoprirà altre culture, altri amici e un uomo che la vorrebbe per sé. Nel suo cuore, però, ci sono affetti indelebili e la volontà di porre fine a una guerra troppo lunga.”Dilhani Heemba ha attinto a un repertorio ampissimo, realizzando l’incontro tra cultura orientale e occidentale, senza attriti.”

Una notte per tutta la vita

Dillon Keck sa bene che il matrimonio a Las Vegas con Ashlyn Mayson è solo il frutto di una delirante nottata alcolica. Di sicuro a suggerire le nozze è stata l’euforia del momento, piuttosto che un ragionamento logico. Eppure la cosa sta cominciando a piacergli. Per lui la vera sfida è appena cominciata: sarà difficile convincere Ashlyn a non compilare le carte per l’annullamento, e rimanere felicemente sposati. 
Svegliarsi sposata a Las Vegas non è qualcosa a cui Ashlyn, in effetti, aveva mai pensato. Specialmente visto che Dillon, il suo capo, è un uomo odioso. Eppure perché ogni volta che lui la sfiora sente le farfalle nello stomaco? 
**Aurora Rose Reynolds**
è autrice bestseller di «New York Times», «Wall Street Journal» e «USA Today». Ha iniziato a scrivere perché i maschi alfa che vivevano nella sua testa la lasciassero un po’ in pace. La Newton Compton ha pubblicato anche in un unico volume la serie *Until Trilogy*. **
### Sinossi
Dillon Keck sa bene che il matrimonio a Las Vegas con Ashlyn Mayson è solo il frutto di una delirante nottata alcolica. Di sicuro a suggerire le nozze è stata l’euforia del momento, piuttosto che un ragionamento logico. Eppure la cosa sta cominciando a piacergli. Per lui la vera sfida è appena cominciata: sarà difficile convincere Ashlyn a non compilare le carte per l’annullamento, e rimanere felicemente sposati. 
Svegliarsi sposata a Las Vegas non è qualcosa a cui Ashlyn, in effetti, aveva mai pensato. Specialmente visto che Dillon, il suo capo, è un uomo odioso. Eppure perché ogni volta che lui la sfiora sente le farfalle nello stomaco? 
**Aurora Rose Reynolds**
è autrice bestseller di «New York Times», «Wall Street Journal» e «USA Today». Ha iniziato a scrivere perché i maschi alfa che vivevano nella sua testa la lasciassero un po’ in pace. La Newton Compton ha pubblicato anche in un unico volume la serie *Until Trilogy*.

La Notte Di San Silvestro

ABBRACCI A CAPODANNO – VOL. 2. È un Capodanno galeotto per Bailey e Cole che, dopo aver condiviso un’amicizia profonda per lungo tempo, decidono di rivedersi e festeggiare insieme questa notte speciale. Non tutto fila però liscio, perché Bailey deve ancora superare i traumi del passato. I romanzi della serie: 1) Tutta colpa della neve 2) La notte di San Silvestro 3) Anno nuovo… 4) Il cavaliere di Capodanno 5) Brindisi seducente 6) Capodanno con il dottore **
### Sinossi
ABBRACCI A CAPODANNO – VOL. 2. È un Capodanno galeotto per Bailey e Cole che, dopo aver condiviso un’amicizia profonda per lungo tempo, decidono di rivedersi e festeggiare insieme questa notte speciale. Non tutto fila però liscio, perché Bailey deve ancora superare i traumi del passato. I romanzi della serie: 1) Tutta colpa della neve 2) La notte di San Silvestro 3) Anno nuovo… 4) Il cavaliere di Capodanno 5) Brindisi seducente 6) Capodanno con il dottore

Non Ti Appartengo

Carcere di Los Angeles.
Il primo giorno da guardia penitenziaria è molto difficile per Khyla. Di colpo si trova proiettata in una realtà piena di lati oscuri, che neanche poteva immaginare. Eppure questo luogo così triste e deprimente le fa dono di qualcosa di inaspettato. Basta un incontro di pochi attimi per cambiarle la vita.
Ci si può innamorare a prima vista di due occhi grigi come una giornata di nebbia, freddi come il ghiaccio?
Questo si chiede Khyla, ma nulla può contro il sentimento che le provoca Matthew, giovane detenuto ricco di fascino. Attratta dal vortice di sensualità che lui le propone, non può fare a meno di gettarsi a capofitto in un amore a senso unico, in una storia destinata a finire male.
E quando Matthew le chiede di aiutarlo a evadere dal carcere, lei accetta senza preoccuparsi troppo delle conseguenze.
Inizia così un viaggio rocambolesco tra le vie della California, dove amore e dolore, paura e speranza si mischiano in una storia da lasciare senza fiato.

Non spegnere la luce

Stefano Tura ritorna con un thriller mozzafiato dal ritmo e dalla tensione ancora più forti rispetto al suo fortunato romanzo d’esordio.
Il cadavere di una giovane donna, incatenata e seviziata in una torre della campagna toscana tra Arezzo e Cortona, viene casualmente scoperto dall’ispettore Alvaro Gerace, che trascorreva le vacanze da quelle parti.
Uno dei protagonisti de Il killer delle ballerine, il precedente romanzo dell’autore, si ritrova così, suo malgrado, a indagare sul delitto, insieme a Meri D’Angelo, tenace e affascinante ispettrice della squadra mobile di Arezzo.
Ma nel frattempo, a Bologna, il corpo mutilato e sfigurato di una donna viene rinvenuto in un cassonetto della spazzatura. Esiste un collegamento tra i due efferati delitti? Un nuovo serial killer è tornato a colpire? Il ritrovamento di un terzo cadavere di donna non lascerà più dubbi.
Nelle pieghe segrete di una Bologna umida e pericolosa, Gerace non potrà fare altro che mettersi in gioco e accettare la sfida: ma sarà una lotta contro il tempo e contro un killer disumano che sembra impossibile fermare. Fino allo scioglimento di una verità inimmaginabile. **
### Sinossi
Stefano Tura ritorna con un thriller mozzafiato dal ritmo e dalla tensione ancora più forti rispetto al suo fortunato romanzo d’esordio.
Il cadavere di una giovane donna, incatenata e seviziata in una torre della campagna toscana tra Arezzo e Cortona, viene casualmente scoperto dall’ispettore Alvaro Gerace, che trascorreva le vacanze da quelle parti.
Uno dei protagonisti de Il killer delle ballerine, il precedente romanzo dell’autore, si ritrova così, suo malgrado, a indagare sul delitto, insieme a Meri D’Angelo, tenace e affascinante ispettrice della squadra mobile di Arezzo.
Ma nel frattempo, a Bologna, il corpo mutilato e sfigurato di una donna viene rinvenuto in un cassonetto della spazzatura. Esiste un collegamento tra i due efferati delitti? Un nuovo serial killer è tornato a colpire? Il ritrovamento di un terzo cadavere di donna non lascerà più dubbi.
Nelle pieghe segrete di una Bologna umida e pericolosa, Gerace non potrà fare altro che mettersi in gioco e accettare la sfida: ma sarà una lotta contro il tempo e contro un killer disumano che sembra impossibile fermare. Fino allo scioglimento di una verità inimmaginabile.
### Descrizione
Il cadavere di una giovane donna, incatenata e seviziata in una torre della campagna toscana tra Arezzo e Cortona, viene casualmente scoperto dall’ispettore Alvaro Gerace, che trascorreva le vacanze da quelle parti. Gerace si ritrova a indagare sul delitto insieme a Meri D’Angelo, tenace e affascinante ispettrice della squadra mobile di Arezzo. Ma nel frattempo, a Bologna, il corpo mutilato e sfigurato di una donna viene rinvenuto in un cassonetto della spazzatura. Esiste un collegamento tra i due efferati delitti? Un nuovo serial killer è tornato a colpire? Il ritrovamento di un terzo cadavere di donna non lascerà più dubbi.

Non sono venuto qui per essere felice. Corrispondenza

Vol. I 1870-1886; vol. II 1887-1891
Dopo aver dato prova di essere un grande poeta, a soli vent’anni Rimbaud gira le spalle alla letteratura per farsi prima avventuriero di lunghe erranze e poi trafficante di ogni cosa sulle rive del Mar Rosso. Questo abbandono della poesia per molti è rimasto un vero mistero. Un mistero che diventa scandalo quando si scopre ciò che Rimbaud della poesia voleva fare: un’esperienza fondamentale che implicava la totalità della vita e la totalità dell’essere. Rinunciare alla poesia quando si è intravista in essa la possibilità di superare ogni limite, di andare all’estremo, di vedere oltre, di conoscere l’inconoscibile, vuol dire rinunciare alla possibilità di cambiare la vita e condannarsi alla banalità e alla mediocrità di una vita comune, limitando la vita alle sue immediate necessità. Ma questa rinuncia, e il silenzio che ne deriva, affascina per la sua ambiguità. Se per un verso essa appare come un tradimento, un’infedeltà alla possibilità intravista, dall’altro si annuncia come momento superiore in cui la poesia si annette la sua assenza e si stabilisce sul suo rifiuto. Possiamo allora dire che il Rimbaud africano, esploratore avventizio e trafficante d’armi, non fa che perseguire, con altri mezzi e sotto altra forma, la stessa ricerca dell’ignoto del tempo degli splendori poetici. E la corrispondenza africana rivela a volte, sul piano della banalità della vita ordinaria, lo stesso tono secco, perentorio, ostinato, furioso della *Saison en enfer* o delle *Illuminations*.

Nietzsche. Introduzione alla comprensione del suo filosofare

Jaspers affronta in quest’opera i “pensieri fondamentali” di Nietzsche (superuomo, eterno ritorno, volontà di potenza); i nodi problematici del rapporto negazione-affermazione, immanenza-trascendenza, ateismo-ricerca di Dio; e, in via preliminare, alcuni aspetti metodologico-interpretativi, a cominciare dal rapporto aforisma-sistema. Al centro dell’interpretazione jaspersiana – in antitesi a quella heideggeriana – vi è l’idea dell’indissolubile legame di pensiero e vita: bisogna partecipare intimamente al continuo “movimento” del pensiero nietzschiano nel suo concreto farsi, alla sua filosofia sperimentale, che è ad un tempo “pensata e vissuta”. Solo così si può pervenire a una vera e propria “assimilazione” di Nietzsche, cioè a un’autentica comprensione del suo filosofare, che implica al tempo stesso una sua appropriazione e rielaborazione personale. In tal senso Jaspers getta luce non solo sulla filosofia di Nietzsche, ma anche sulle idee centrali della propria filosofia: quelle di “situazioni-limite”, di “origine”, di “trascendenza”. **