11969–11984 di 72802 risultati

L’incorruttibile

Insieme a L’uomo difficile, L’incorruttibile è il vertice della parabola drammaturgica di Hofmannsthal. In questa pièce del 1923 lo scrittore austriaco riesce a riprendere le forme della tradizione teatrale europea innovandole dall’interno, con una sensibilità tutta moderna. Gli intrighi adulterini del giovane barone Jaromir vengono contrastati dall’«incorruttibile» domestico Theodor, che si illude di essere il regista degli avvenimenti, se non un vero e proprio demiurgo. Ma fra intrighi e contro-intrighi,Theodor, invece di dominare il destino proprio e altrui, riesce soltanto a innescare una catena di conseguenze che gli sfuggiranno completamente di mano e che sfoceranno in una felice conclusione per gli imprevedibili intrecci delle scelte di tutti i personaggi in campo. Una commedia che indaga acutamente i meccanismi delle relazioni umane, in bilico tra volontà e caso, e svela egoismi e vanità a colpi di ironia.

Ignite Me

Niente sarà più come prima. Non si sa che fine abbia fatto il Punto Omega. Tutti i compagni di Juliette potrebbero essere morti. Forse la guerra è finita ancora prima di cominciare. Juliette comunque non si arrende: affronterà la Restaurazione. Se vuole sopravvivere, deve sconfiggerla. Ma per abbattere la Restaurazione e l’uomo che l’ha quasi uccisa, le servirà l’aiuto di qualcuno che non avrebbe mai pensato di avere al suo fianco: Warner. E mentre si preparano insieme ad affrontare il loro nemico comune, Juliette scoprirà che tutte le sue certezze – su Warner, sui propri poteri, e perfino su Adam – erano sbagliate.

Hypnotic

Estate 2019, agosto è appena cominciato. Ciro, un militare in ferie, vive la sua vita in base al sesso. È la sua unica priorità. Luglio ha fruttato tante tacche sul righello delle scappatelle. E agosto sta per cominciare alla grande. Giovanna è cresciuta al suo fianco, ma qualcosa li ha sempre tenuti a debita distanza. Forse perché lei è il suo clone al femminile e non ha mai avuto una storia d’amore. Le loro vite proseguono su due binari diversi ma paralleli, finché un giorno, in una calda mattina, la macchina di Giò si ferma a pochi metri dalla casa di Ciro. Da quel momento i binari delle loro vite si intrecceranno, innescando un meccanismo di desideri nascosti pronti a esplodere da un momento all’altro. Quarantotto ore di sesso, sono la proposta di lui che si ritrova a combattere contro una voglia indecente e fuori controllo. Lei è l’unica in grado di tenergli testa, una donna che non ha mai avuto una storia e non conosce la parola amore. La perfezione per lui che ha l’orticaria al solo pensiero di un rapporto. Giovanna accetterà? O riuscirà a rifiutare quell’uomo che ha sempre evitato per nascondere il suo più oscuro desiderio?
Questo libro è lo Spin off di Limitless può essere letto anche senza conoscere il primo. Entrambi auto conclusivi
Tutti i titoli pubblicati sono disponibili su Amazon. Di seguito l’elenco in ordine di pubblicazione.
Uno scatto che ti cambia la vita (romance autoconclusivo)
Follemente (romance autoconclusivo)
Non rinuncerei mai a te (erotic romance autoconclusivo)
Il tempo non conta (romance Serie Amore in Kilt vol 1 autoconclusivo)
Il tempo di guardare le stelle (romance Serie Amore in Kilt vol.2 autoconclusivo)
Al Primo sguardo (erotic romance Serie Ka’u Huna vol. 1)
Dallo sguardo al cuore (erotic romance Serie Ka’u huna vol.2)
Black Heart (dark romance vol.1)
Red Heart (dark romance vol.2)
Limitless (erotic romance autoconclusivo)
Hypnotic (spin off Limitless autoconclusivo)

Higgs E Il Suo Bosone

Sono tutti lì, fuori dai cancelli del CERN, per farsi dire che è vero: il bosone di Higgs esiste. È il 4 luglio 2012. Sono trascorsi cinquant’anni da quando Peter Higgs abbozzava nel suo taccuino la possibilità di una nuova particella; quattro da quando è entrata in funzione la più grande e sofisticata macchina che l’uomo abbia mai concepito e costruito, un colossale anello sotterraneo di otto chilometri di diametro, il Large Hadron Collider. L’obiettivo è completare il Modello Standard, l’insieme delle leggi che governano tutte le particelle dell’universo. Per riuscirci, l’lhc deve catturare e osservare l’ultima di esse che ancora sfugge agli sforzi degli scienziati: il bosone di Higgs, la particella di Dio. In Higgs e il suo bosone, Ian Sample racconta l’epopea scientifica che ha appassionato il mondo intero. Intelligenza, tenacia, talento, scoramenti e coraggio. Big Bang, universo, velocità della luce, urti di particelle. Sperimentare. Caparbiamente. Sperimentare ancora. Cercare l’inesistente per dimostrare che esiste. Oltre dieci anni di lavoro, venti nazioni coinvolte, miliardi di dollari investiti e diecimila scienziati impegnati in tutto il mondo per rispondere a un’unica domanda: perché gli elementi dell’universo hanno assunto una massa? Perché si è passati dal turbine di particelle prive di massa e vaganti alla velocità della luce alle forme conosciute? E che parte ha il bosone in tutto questo?

Heidegger

«La mia attività si è sviluppata soprattutto in tre ambiti. C’è innanzitutto quello delle interpretazioni tragiche dell’uomo e dei suoi rapporti con lo Stato, che ha la sua duplice fonte nella tragedia greca e nell’episodio emblematico della morte di Socrate. Il secondo ambito è costituito da complesso problema della natura e dello sviluppo del linguaggio, e in particolare delle possibilità e delle costrizioni presenti della traduzione sia all’interno della propria lingua che fra le lingue dell’umanità. Infine, nel terzo ambito, ho cercato di analizzare i nessi tra le interpretazioni di opere artistiche, filosofiche e scientifiche da un lato, e il totalitarismo politico del XX secolo dall’altro. Porre queste domande significa ritornare, forse ossessivamente, ai rapporti tra la cultura tedesca e il nazismo, un intreccio in cui la lingua tedesca – che Goethe e Kant, ma anche Hitler hanno usato da maestri – ha giocato un ruolo determinante. In ognuno di questi tre ambiti, ho trovato Heidegger presente in modo massiccio e rivolto a un ulteriore sviluppo della riflessione.» (George Steiner)

Hacklog, Volume 2: Web Hacking: Manuale sulla Sicurezza Informatica e Hacking Etico

Hacklog, Volume 2: Web Hacking è il secondo volume pensato per l’apprendimento della Sicurezza Informatica ed Ethical Hacking. È stato ideato per far in modo che tutti, sia i professionisti che i principianti, riescano ad apprendere i meccanismi e i metodi che stanno alla base degli attacchi ad Infrastrutture e Applicazioni nel World Wide Web.Hacklog, Volume 2: Web Hacking è un volume stand-alone: non è necessario aver letto il Volume 1, sebbene possa essere molto d’aiuto nelle fasi ritenute ormai consolidate (come l’uso di strumenti di anonimizzazione che precedono un attacco informatico). Non richiede particolari abilità o conoscenze e può essere letto da tutti, sia dall’appassionato che dall’esperto.In questo corso imparerai ad analizzare un’infrastruttura Web, a conoscerne le debolezze che si celano dietro errate configurazioni e a trovare e sfruttare vulnerabilità presenti nelle Web App di ogni giorno, esponendosi giornalmente al cyber-crimine della rete. Sarai in grado di creare un ambiente di test personalizzato in cui effettuare attacchi in tutta sicurezza e studiarne le caratteristiche, scrivere brevi exploit e infettare macchine; quindi, ti verrà insegnato come difenderti da questi attacchi, mitigando le vulnerabilità più comuni, e sanificare l’ambiente infetto.Hacklog, Volume 2: Web Hacking è un progetto rilasciato in Creative Commons 4.0 Italia, volto all’apprendimento e alla comunicazione libera per tutti. La versione cartacea è disponibile con fini promozionali e non ha nulla di diverso da quella presente in formato digitale, distribuita gratuitamente in rete.– IMPORTANTE –Leggi prima di acquistare: questo libro è disponibile gratuitamente in rete. La versione qui presente fa riferimento solo alla versione Kindle (obbligatoriamente imposto da Amazon a pagamento) e alla versione cartacea. Se vuoi puoi scaricare gratuitamente questo ebook direttamente sul nostro sito ufficiale.Attenzione: il corso Hacklog, Volume 2: Web Hacking prevede l’uso del Sistema Operativo Debian GNU/Linux. Se non hai mai utilizzato questo Sistema Operativo, ti consigliamo caldamente di seguire il breve corso introduttivo che lo riguarda scaricabile sul sito ufficiale www.hacklog.net. Gratuito, ovviamente.

Gulaschkanone

“Ormai l’avrete intuito, ne sono certo. Questo non è uno spettacolo. Se lo fosse avremmo spento le luci in platea. Avrete anche capito che questa non è una commemorazione; non so voi, ma io personalmente ho le scatole piene di commemorazioni a orologeria, di anniversari dovuti che svuotano di senso la memoria. A maggior ragione non mi si parli di celebrazione. Mia nonna diceva che non si può celebrare un massacro. Ma soprattutto questa nostra cosa non è il riassunto di un libro, anche se è nata da un libro. Ma allora cos’è?”
Tre personaggi si muovono su un palcoscenico. Insieme a loro le ombre dei ragazzi che un secolo fa partirono per essere inghiottiti dalla morte anonima e di massa della Grande Guerra. Una morte che risuona nel cigolìo del gulaschkanone, la cucina da campo austroungarica su ruote che inghiottiva carne animale per sputare spezzatino.
Gli studi e le interviste per scrivere Come cavalli che dormono in piedi, hanno ispirato Paolo Rumiz a realizzare anche questo dolente e immaginifico testo, la cui messa in scena è a cura del Teatro stabile del Friuli-Venezia Giulia (Trieste 2016).
Numero di caratteri: 100.000 **
### Sinossi
“Ormai l’avrete intuito, ne sono certo. Questo non è uno spettacolo. Se lo fosse avremmo spento le luci in platea. Avrete anche capito che questa non è una commemorazione; non so voi, ma io personalmente ho le scatole piene di commemorazioni a orologeria, di anniversari dovuti che svuotano di senso la memoria. A maggior ragione non mi si parli di celebrazione. Mia nonna diceva che non si può celebrare un massacro. Ma soprattutto questa nostra cosa non è il riassunto di un libro, anche se è nata da un libro. Ma allora cos’è?”
Tre personaggi si muovono su un palcoscenico. Insieme a loro le ombre dei ragazzi che un secolo fa partirono per essere inghiottiti dalla morte anonima e di massa della Grande Guerra. Una morte che risuona nel cigolìo del gulaschkanone, la cucina da campo austroungarica su ruote che inghiottiva carne animale per sputare spezzatino.
Gli studi e le interviste per scrivere Come cavalli che dormono in piedi, hanno ispirato Paolo Rumiz a realizzare anche questo dolente e immaginifico testo, la cui messa in scena è a cura del Teatro stabile del Friuli-Venezia Giulia (Trieste 2016).
Numero di caratteri: 100.000

La Guerriera Vichinga

*Inghilterra-Scandinavia, fine IX secolo* Cresciuta dalla madre e addestrata per essere una formidabile guerriera, la bellissima Dagmar sa che nella sua vita non ci sarà mai posto per l’amore e il conforto di una famiglia. Ma a lei non importa: la sua fama di combattente è ormai leggendaria e il suo destino scritto. Per questo da anni respinge i numerosi tentativi del padre lontano di stabilire un contatto con lei al fine di trovarle un compagno. Almeno sino a quando della missione viene incaricato il condottiero celtico Aedan mac Connall. Questi non solo riesce a rapire Dagmar per condurla dal genitore, ma durante il loro lungo e difficoltoso viaggio lentamente demolisce le ferree certezze dell’indomita ragazza. Lei, infatti, comincia a vedere nel valoroso guerriero un uomo leale, fiero e forse persino un compagno con cui condividere il futuro.

Gratitudine

I quattro scritti qui raccolti sono la lettera di congedo che Oliver Sacks ha voluto indirizzare ai suoi lettori, dapprima rendendoli partecipi delle proprie sensazioni di fronte alla soglia degli ottant’anni, e più tardi informandoli, con perfetta sobrietà, di essere affetto da un male incurabile. Ma non ci si inganni: sono pagine vibranti di contagiosa vitalità quelle che Sacks ci regala, dove più che mai si respirano freschezza, passione, urgenza espressiva. Come quando, riflettendo sulla vecchiaia, rivela di percepire «non una riduzione ma un ampliamento della vita mentale e della prospettiva»; o quando si ripromette, nel breve tempo che gli resta, di «vivere nel modo più ricco, più intenso e più produttivo possibile»; o quando racconta di aver visitato, fra una terapia e l’altra, il centro di ricerca sui lemuri della Duke University: «… mi piace pensare che, cinquanta milioni di anni fa, uno dei miei antenati fosse una piccola creatura arboricola non troppo dissimile dai lemuri odierni»; o quando, pochi giorni prima della morte, contemplando la sua vita dall’alto «quasi che fosse una sorta di paesaggio», ne rievoca i momenti essenziali: del tutto simile, in questo, a un filosofo da lui molto amato, David Hume, il quale, appreso di avere una malattia mortale, scriveva nella sua breve autobiografia: «È difficile essere più distaccati dalla vita di quanto lo sia io adesso».

La grande storia del tempo

Che cosa sappiamo realmente dell’universo? Qual è la sua natura? Da dove è venuto e dove sta andando? Le nostre conoscenze sono fondate? E su cosa si basano? Stephen Hawking torna a occuparsi dei misteri del cosmo, e lo fa senza rinunciare al suo stile diretto e comunicativo. Aggiornandoci sulle recenti scoperte sia sul piano teorico che su quello delle osservazioni empiriche, Hawking descrive gli ultimi progressi compiuti nella ricerca di una teoria unificata di tutte le forze della fisica: la teoria delle “superstringhe” e le “dualità” tra modelli apparentemente diversi; i tunnel spazio-temporali e l’affascinante questione dei viaggi nel tempo. Questi alcuni degli argomenti di un saggio che riproduce il quadro di una realtà in continua evoluzione e che ci aiuta a compiere un ulteriore passo nella comprensione della natura dell’universo.

Il grado zero della scrittura-Nuovi saggi critici

In questo libro Barthes intende affermare l’esistenza di una realtà della forma indipendente dalla lingua e dallo stile, cercare di mostrare come questa terza dimensione formale leghi lo scrittore alla sua società e di far risaltare che non vi è letteratura senza morale del linguaggio. Al fine di individuare questi aspetti, egli studia le trasformazioni del linguaggio letterario lungo un percorso che muove dalla scrittura trasparente dei classici, passa per quella sempre piú torbida del XIX secolo sino a giungere alla scrittura d’oggi, priva di qualsiasi segno. Ed è appunto questa scrittura neutra, quella bianca di Camus e di Blanchot o quella parlata di Queneau, a essere definita «grado zero della scrittura».
Completano il volume gli otto Nuovi saggi critici, raccolti da Roland Barthes in volume nel 1972.

Gioventù che muore

Adele ha quasi trent’anni, una vita benestante e borghese ai margini della noia di una giovinezza che sembra già sfiorita. Quando Guido la incontra su una pista da sci nell’altopiano di Asiago, tutta la differenza d’età – lui ha appena vent’anni, irrequieti e incalzanti – e quella fra le loro famiglie sembrano non contare nulla davanti a quella donna bionda dal maglione rosso che lo soccorre dopo un piccolo incidente. Iniziano giorni appassionati e colmi, fra le discese notturne sulla neve, Venezia, il mare di Chioggia, i bagni nel fiume, le feste contadine. L’amore di Adele è saldo e ostinato, anche quando Guido si fa sfuggente e inquieto, anche quando fra loro, con l’arrivo della guerra nel 1943, si insinua la paura di perdersi. Iniziano i bombardamenti mentre le strade vedono susseguirsi fascisti e tedeschi, alleati e partigiani. Guido decide di scappare per le colline di Treviso per evitare di essere arruolato ma la distanza da Adele diventa la distanza esatta dalla sua gioventù che brucia in fretta e da quella di un mondo che accanto a lui, giorno dopo giorno, muore. A 70 anni dalla prima edizione, torna in libreria uno dei romanzi più potenti di Giovanni Comisso che segna l’inizio della ripubblicazione della sua opera per La nave di Teseo, a cura di Paolo Di Paolo. “Una prosa tersa e luminosa, inconfondibile, sconosciuta alle odierne scuole di scrittura creativa.” Guido Piovene

Giornale Di Viaggio in Calabria

Nel pieno della tempesta scatenata dalla rivoluzione francese, mentre tra Napoli e le province si orchestra un piano per sovvertire le istituzioni dello Stato, il governo assegna a uno dei suoi uomini migliori, Giuseppe M. Galanti, la missione di visitare la regione dove l’eco delle suggestioni rivoluzionarie sembra sia più clamorosa: la Calabria inizia così un viaggio che porta uno dei maggiori illuministi italiani di fronte alla desolazione di una terra devastata dalla natura, ma ancor più dai suoi abitanti e da un governo incapace di rispondere con riforme efficaci al disfacimento del tessuto politico e sociale. Galanti incontra molti di quelli che saranno i protagonisti della rivoluzione del 1799 e resta affascinato dalla modernità di quei «gran talenti» veri autori dell’opera che gli descrivono le piaghe di una terra martoriata e pronta a esplodere. Autentica opera collettiva, Il giornale di viaggio è una straordinaria testimonianza sulla percezione che della Calabria avevano i suoi abitanti più critici e consapevoli, di lì a poco coinvolti nell’incendio rivoluzionario. Un quadro a tinte forti, che mostra gli enormi progressi compiuti dalla Calabria in oltre due secoli, ma che svela anche molteplici e inquietanti tracce di un gravido passato ancora troppo attuale.

Ginnastica Intima Per Donne

Vuoi migliorare la tua vita sessuale? Desideri guarire i disturbi ginecologici ed eliminare i disagi della menopausa?
Ti piacerebbe avere un ciclo mestruale senza problemi? Vuoi una ginnastica che ti accompagni nella gravidanza, nel parto e nella maternità? Vorresti rafforzare gli organi pelvici e risolvere problemi quali la debolezza della vescica o il prolasso? Sogni di ridurre la pancia? Vorresti imparare degli esercizi che puoi fare ovunque, anche mentre fai altro, senza che nessuno ti veda? Vuoi sentirti più femminile, con un corpo più armonioso?
Con il metodo Gymintima® puoi! Ma che cos’è la ginnastica intima?
È un metodo speciale, dedicato alle donne: si indirizza alle parti più nascoste del corpo femminile, non visibili ma percepibili da ogni donna. È un insieme di tecniche piacevoli e rilassanti, e anche divertenti. Richiedono poco tempo. Alcuni esercizi, detti “invisibili”, puoi addirittura eseguirli mentre stai facendo altro, ovunque sei. Concepito dalla dottoressa Simona Oberhammer, il programma è stato elaborato attraverso la sua esperienza di naturopata e ricercatrice ed stato sperimentato con tantissime donne che hanno imparato il metodo.
Il libro è rivolto sia al pubblico che ai professionisti: è comprensibile da tutti grazie a spiegazioni chiare e facili ma è anche ricco di particolari e dettagli scientifici, quindi adatto per medici, in particolare ginecologi, infermieri, ostetriche, naturopati, fisioterapisti, insegnanti di attività motoria, yoga e altri specialisti della salute.

Gina

**** « *Una storia di quotidiano, meraviglioso e normalissimo amore.* »
**ttl-La Stampa** **Gina** è madre e nonna, è stata moglie, figlia e sorella; adesso ha ottant’anni, la sua storia è quella di una **vita tra sacrifici e lavoro** , la **famiglia** , la **casa**. Un giorno telefona a uno dei suoi figli e gli dice di essere in un posto dove invece non è, in una casa che non riconosce, e che invece è proprio casa sua. Per Gina ha inizio un’altra storia che lei non sarà mai in grado di raccontare e di cui non rimarrà traccia tra le foto di famiglia. I capitoli di questa storia sono quelli noti ai parenti delle persone colpite da demenza senile, impietosamente registrati dai referti medici e indagati dalle pubblicazioni scientifiche: resoconti di una progressiva sparizione, come se la malattia prendesse il posto della persona, divorandola. E invece no, la persona non sparisce: nel racconto di **Marco Aime** , Gina – sua madre – è presente più che mai, non è l’ombra o la nostalgia di quella che era, e la sua nuova storia può e merita di essere raccontata. Aime lo fa per Gina, per sé, per noi, con uno sguardo che osserva senza giudicare, un’attitudine vicina alla contemplazione e quindi a una più alta dimensione di consapevolezza, con il rispetto, la pietas antica e nello stesso tempo modernissima dell’accettazione. Solo a poche pagine dall’epilogo, quando la tenerezza del corpo, di un abbraccio, fa scattare un’ultima volta la scintilla del contatto con sua madre, la voce del figlio affiora per dire che «è solo un attimo, però ti riempie il cuore». Un attimo e Gina è di nuovo lontana, «un fiocco leggero che il vento accompagna». «Un figlio raccoglie la memoria della madre mentre si sbriciola e si ritrova tra le mani l’indimenticabile pienezza della vita».  ****
**Enzo Bianchi**

La Gemma Azzurra: Serie – La Casa Delle Streghe 2

ATTENZIONE- Prezzo € 1,49 in offerta a 99 cent fino al 30 aprile!
**Un romanzo della serie: “La Casa delle Streghe” – autoconclusivo**
Ciao, mi chiamo Fiordaliso, oppure Fiò, se preferite. Vivo alla Casa del Faggio, nel bosco, insieme a mia nonna Ginestra.
Sono nata e cresciuta qui, solo con lei, la mamma non l’ho mai conosciuta, è morta quando ero piccola ed è un argomento tabù.
Adoro vivere qui, immersa nella natura, ma a volte mi sento un po’ sola, per fortuna ci sono Cucciolo e Cip, i nostri famigli.
Eh, sì, noi siamo Streghe.
Un’antica leggenda delle Streghe narra di un medaglione chiamato “Il Pentacolo della Vita” che esiste solo nella dimensione magica. La Sacra Magia Naturale lo dona alla Strega prescelta che dovrà combattere per mantenere l’equilibrio.
Un Cristallo di Luce per combattere l’Oscurità,
uno Azzurro per proteggere la Congrega,
uno Rosso per rafforzare il potere,
uno Viola per il dono della guarigione,
uno Verde per infondere coraggio.
Fiordaliso partecipa alla sua prima festa, il compleanno di Melissa, ma, quando cerca di attraversare il portale nell’albero cavo per tornare a Casa, non riesce a passare. Qualcosa sta facendo ammalare gli amati alberi del suo bosco.
Chi sarà il responsabile della diffusione di quel terribile morbo inquinante? Sarà un nemico magico o umano? E la Sacra Magia Naturale aiuterà le Streghe a proteggere i loro alberi?
La Serie “La Casa delle Streghe” è composta da cinque romanzi indipendenti che raccontano le storie di diverse Streghe e comprende:
Il Cristallo della Luce
La Gemma Azzurra
Il Rubino di Fuoco (in uscita il 2 agosto 2019)
visita il mio sito: claudia-piano-autrice.webnode.it **
### Sinossi
ATTENZIONE- Prezzo € 1,49 in offerta a 99 cent fino al 30 aprile!
**Un romanzo della serie: “La Casa delle Streghe” – autoconclusivo**
Ciao, mi chiamo Fiordaliso, oppure Fiò, se preferite. Vivo alla Casa del Faggio, nel bosco, insieme a mia nonna Ginestra.
Sono nata e cresciuta qui, solo con lei, la mamma non l’ho mai conosciuta, è morta quando ero piccola ed è un argomento tabù.
Adoro vivere qui, immersa nella natura, ma a volte mi sento un po’ sola, per fortuna ci sono Cucciolo e Cip, i nostri famigli.
Eh, sì, noi siamo Streghe.
Un’antica leggenda delle Streghe narra di un medaglione chiamato “Il Pentacolo della Vita” che esiste solo nella dimensione magica. La Sacra Magia Naturale lo dona alla Strega prescelta che dovrà combattere per mantenere l’equilibrio.
Un Cristallo di Luce per combattere l’Oscurità,
uno Azzurro per proteggere la Congrega,
uno Rosso per rafforzare il potere,
uno Viola per il dono della guarigione,
uno Verde per infondere coraggio.
Fiordaliso partecipa alla sua prima festa, il compleanno di Melissa, ma, quando cerca di attraversare il portale nell’albero cavo per tornare a Casa, non riesce a passare. Qualcosa sta facendo ammalare gli amati alberi del suo bosco.
Chi sarà il responsabile della diffusione di quel terribile morbo inquinante? Sarà un nemico magico o umano? E la Sacra Magia Naturale aiuterà le Streghe a proteggere i loro alberi?
La Serie “La Casa delle Streghe” è composta da cinque romanzi indipendenti che raccontano le storie di diverse Streghe e comprende:
Il Cristallo della Luce
La Gemma Azzurra
Il Rubino di Fuoco (in uscita il 2 agosto 2019)
visita il mio sito: claudia-piano-autrice.webnode.it