Visualizzazione di 87721-87732 di 90860 risultati

L’Attore Nel Cinema Italiano Contemporaneo

In che modo gli attori italiani di oggi definiscono le caratteristiche del nostro cinema? Quali modelli di recitazione propongono? Quali tipologie sociali o stili di vita rappresentano? Quanto orientano le scelte del pubblico? Che rapporto c’è tra l’idea di “nuovo cinema” e gli attori? Il volume analizza le performance di alcuni dei più significativi interpreti della scena contemporanea (Valeria Bruni Tedeschi, Margherita Buy, Pierfrancesco Favino, Fabrizio Gifuni, Valeria Golino, Valerio Mastandrea, Giovanna Mezzogiorno, Isabella Ragonese, Toni Servillo, Filippo Timi) e la costruzione dell’immagine divistica o antidivistica (Kim Rossi Stuart, Elio Germano, Riccardo Scamarcio, Luca Marinelli). Nell’ambito dei film studies italiani e della critica più sofisticata esiste ancora una forte sproporzione tra l’enorme mole di studi dedicati a registi, stili, generi, tendenze, e le ricerche che si concentrano sulla componente attoriale. Attraverso lo studio dell’attore e della sua immagine è possibile ridiscutere alcuni nodi decisivi della storia del cinema italiano: dalla definizione di uno star system domestico al rifiuto dei modelli divistici messo in atto dal neorealismo, dalla creazione di icone nazional-popolari (come gli attori della commedia all’italiana) alla cifra poetico-politica di antidivi come Anna Magnani e Gian Maria Volonté, fino ai significati contrastanti che assume l’attore nel cinema italiano contemporaneo. Saggi e contributi di: Pedro Armocida, Luca Barra, Francesca Cantore, Paola Casella, Valerio Coladonato, Marco Cucco, Piera Detassis, Giulia Fanara, Massimo Galimberti, Damiano Garofalo, Marco Giusti, Luca Mastrantonio, Raffaele Meale, Andrea Minuz, Fabrizio Natalini, Giona A. Nazzaro, Catherine O’Rawe, Cristiana Paternò, Federico Pedroni, Mariapaola Pierini, Marco Pistoia, Gabriele Rigola, Alberto Scandola, Mario Sesti, Boris Sollazzo, Antonio Valerio Spera.

L’Ascesa Di Adolf Hitler

**Come nacque e si affermò il nazismo in Germania nel primo trentennio del Novecento
Come e perché il Führer scosse le fondamenta della società tedesca**
Alla fine degli anni Venti, dopo dieci anni di invettive ed esortazioni, Hitler era riuscito a persuadere solo il 2,6% dell’elettorato tedesco a votare per lui, mentre il 97% continuava a ignorarlo o a respingerlo. Poi, nello spazio di due anni, la percentuale di uomini e donne che lo volevano cancelliere del Reich arrivò al 18% e due anni dopo al 37%. Eppure non c’era nulla di diverso nella sua irruente dottrina. Hitler continuava a ripetere le stesse cose e a fare le stesse promesse. Neanche lo stile era mutato. La voce roca, le pose patetiche, i modi che sembravano così assurdi agli osservatori esterni, il flusso oratorio erano esattamente gli stessi. Ma se all’inizio Hitler parlava a se stesso e a pochi, indefiniti discepoli, ora a un terzo del popolo tedesco. L’uomo che ad alcuni era sembrato un “cacciatore di dote”, un paparazzo da spiaggia di una malandata stazione balneare ora appariva come un cavaliere in splendida armatura, il vero Führer. Sotto molti aspetti il nazismo era antitetico a quello che la grande massa dei tedeschi diceva di ammirare: era turbolento, indisciplinato, vanaglorioso, il leader uno straniero semianalfabeta, feroce, fanatico e amorale. Tuttavia, dal 1930 in poi, Hitler fece proseliti nelle grandi imprese, negli ambienti bancari, nell’industria e un po’ alla volta in tutti gli strati sociali. Come poté conquistare la nazione? Cosa accadde nello spazio di tre-quattro anni? Eugene Davidson analizza con estremo rigore la situazione della Germania nei primi trent’anni del Novecento e ci spiega come l’ascesa al potere di Hitler non vada attribuita ad un unico fattore, ma considerata parte di una serie di eventi che scossero tutte le fondamenta della società tedesca.
**In questo volume:**
Germania: la terra promessa
La guerra e il caporale
Il vuoto dopo la sconfitta
Il nemico è a destra
Scie d’argento all’orizzonte
L’epoca della croce uncinata
La presa del potere… e molto altro!
«Lo scrittore e storico Eugene Davidson ha realizzato un lavoro di grande qualità, una gemma rara che contrasta nettamente con gli standard spesso superficiali di oggi.»
**Washington Star**
«Un’analisi complessa e profondamente sentita che prende in considerazione trent’anni di storia della Germania prima dell’ascesa al potere del nazismo.»
**Kirkus Reviews**
**Eugene Davidson**
Autore di numerosi libri sul regime nazista, tra i quali *The Nuremberg Fallacy* , è stato Presidente Emerito del Congresso sui problemi dell’Europa e Presidente della Fondazione per gli Affari Esteri. È scomparso nel 2002. La Newton Compton ha pubblicato *L’ascesa di Adolf Hitler,* *La disfatta di Adolf Hitler* e *Gli imputati di Norimberga*.

L’arte della ricchezza

Un manuale per imparare a smettere di dipendere dallo stipendio, acquisire la mentalità dei ricchi, sviluppare conoscenze che faranno la differenza nel rapporto con il denaro in tutte le sue forme. Con un linguaggio essenziale Alfio Bardolla accompagna il lettore attraverso un viaggio alla scoperta delle abitudini che influenzano così tanto tutti i risultati legati al denaro. In questo volume si scopre come crearlo, gestirlo e proteggerlo e soprattutto si impara come fare in modo che siano i soldi a lavorare per noi e non noi per loro.

L’amore ha il tuo sorriso

** *Vicious Cycle Series*
Dall’autrice bestseller del New York Times e USA Today**
Annabel Percy è la figlia di un potente politico in cerca di trasgressione, e inizia a frequentare un motociclista pur sapendo che è la persona sbagliata per lei. Ma si ritrova a vivere un incubo quando viene rapita e trasportata in un inferno che non avrebbe mai immaginato. Nato e cresciuto nel club di motociclisti Hell’s Raiders, Nathaniel “Rev” Malloy darebbe la vita per i suoi compagni. Ma quando diventa l’inaspettato salvatore della prigioniera di un club rivale, Rev accetta la missione di prendersi cura della guarigione di Annabel e di proteggerla dagli incubi che la tormentano. Quando Annabel guarisce, si accorge con sorpresa che si sta innamorando dell’uomo affascinante che l’ha salvata. Di fronte alla loro impossibile attrazione, riuscirà ad accettare il suo stile di vita, o Rev si allontanerà dalla vita che ha sempre conosciuto per la donna che non avrebbe mai dovuto amare?
«Un biker bad boy con i fiocchi! Wow!»
**Katie Ashley**
è autrice bestseller di «New York Times», «USA Today» e Amazon. Vive vicino Atlanta, Georgia, con la figlia Olivia e due cani molto viziati. Ha insegnato inglese per anni e ha smesso nel 2012 per dedicarsi alla scrittura. Con la Newton Compton ha pubblicato *L’amore ha il tuo sorriso* , *L’amore ha i tuoi occhi* e, in ebook, *Vorrei averti qui per sempre*.

L’amore altrove

Non sempre le famiglie che agli occhi degli altri sembrano normali lo sono davvero. Licia ha diciassette anni e una profonda rabbia che sfoga concedendosi agli uomini sbagliati. Il suo è un segreto che tiene gelosamente chiuso dentro di sé, sorvegliando che almeno a Giada, la sorellina, non capiti nulla. La loro madre, Amanda, è “strana”: ogni tanto sparisce di casa e quando rientra, sempre stanchissima, porta con sé giocattoli rotti che sostiene di dover “curare”. È una donna enorme, alta e grossa, ma anche una creatura fragile, incapace di usare la forza persino per difendersi dall’uomo che ha sposato: Luca, il padre delle due ragazze. Questi è un essere minuto, un ometto addirittura ridicolo che passa il tempo libero al bar ma che a casa sa perfettamente come incutere paura, inveendo contro la sorte che gli ha dato in moglie una donna “così tonta”. La stessa che, anziché reagire alla violenza, lo accudisce e protegge come un bambino, sotto gli occhi stupefatti delle figlie. Poi, un giorno, qualcuno scioglie alcune pastiglie di un medicinale nel bicchiere di vino dell’uomo… Con una scrittura unica e potente, in cui ogni parola è calibrata al millimetro, Cynthia Collu ha costruito un romanzo di emozioni feroci, che non ha paura di essere crudo come lo è la vita reale, e che allo stesso tempo non smette mai di indagare l’animo umano in cerca di una luce. Perché la luce va inseguita, sempre, con ostinazione, in ogni cosa.

L’Amicizia

A cura di Emma Maria GigliozziTesto latino a fronteL’amicizia, dopo la sapienza, è per Cicerone il più prezioso tra i beni umani. Quel sentimento limpido e disinteressato che non nasce dalla ricerca dell’utile, ma da un’inclinazione assolutamente naturale che unisce due o più uomini, diviene la più nobile delle coesioni quando si allarga alla sfera pubblica e favorisce così il bene dello Stato. La sua più autentica e felice manifestazione è proprio in quella concordia sociale e civile che è alla base della moralità della cittadinanza e della forza di una repubblica. A distanza di duemila anni, un testo di sorprendente attualità. Marco Tullio Ciceronenacque ad Arpino nel 106 a.C. da una ricca famiglia di cavalieri. Venuto a Roma per completare gli studi, ebbe come padrini del suo battesimo culturale Muzio Scevola l’Augure e Crasso, che lo avviarono alla conoscenza del diritto e alla pratica del Foro. Divenne presto un personaggio pubblico molto popolare e raggiunse la carica di console. Ma nel 50 si alleò con Pompeo contro Cesare e, quando Cesare morì, fu giustiziato dai sicari di Antonio presso la sua villa di Formia, il 7 dicembre del 43. Scrisse di tutto: orazioni (le Catilinarie, le Verrine, le Filippiche), opere retoriche (fra cui l’Orator e il De oratore), politiche (De Republica, De legibus), filosofiche (De officiis, De finibus bonorum et malorum) e anche poesie.

L’adorabile tenebroso

Uno sconosciuto aristocratico ed elegante, allacciato a lei in un magico valzer al chiaro di luna: così Hope Merridew, da ragazzina, sognava l’incontro con il suo principe azzurro. Ma quando una sera, a un ricevimento, Hope nota Sebastian Reyne, senza una goccia di sangue blu, goffo ed enigmatico, l’intensità bruciante dei suoi sguardi la fa fremere. Che sia costui, a dispetto di quei romantici sogni, l’uomo che infine le ruberà il cuore?

Kung-Fu E L’arte Di Stare Calmi

Osservare e governare le emozioni proprie e degli altri: a questo vi porterà Bernhard Moestl con le strategie di pensiero che ha appreso direttamente dai monaci del monastero Shaolin, noti per la loro capacità di vincere senza combattere. Condensandola in sette passi essenziali, Moestl mostra una via da seguire a quanti vorrebbero avere il controllo della propria vita, non essere dominati e manipolati nella propria quotidianità da sentimenti come la paura, la frustrazione o la rabbia, raggiungere i propri obiettivi con equilibrio e chiarezza di pensiero. In modo lucido, sereno e vincente, senza perdere la testa.

Jungle Guide

Avete investito e, alla fine dei conti, non sapete davvero perché avete perso o guadagnato. Nulla, al mondo, è più emotivo del denaro; nulla è più irrazionale. Ecco perché vi serve una guida. Ecco perché vi serve ***Jungle Guide***
I mercati finanziari sono una giungla in cui non basta avere fiuto per trovare il sentiero giusto senza essere sbranati. Alessandro Parravicini, che conosce bene questa selva oscura, offre al lettore una mappa per attraversarla e uscirne con successo.
***Jungle Guide*** non è solo un prontuario di nozioni economico-finanziarie: offre soprattutto consigli pratici su come investire, riconoscendo le motivazioni spesso inconsce – e quasi sempre irrazionali, emotive e psicologiche – che muovono gli attori sui mercati. Non conta tanto essere – secondo il gergo di Wall Street – Tori (rialzisti) o Orsi (ribassisti): conta possedere e allenare un’intelligenza sensibile alle logiche spietate del mercato. Questo libro aiuterà professionisti e dilettanti a sviluppare una coscienza finanziaria critica: a definire il proprio traguardo e la propria strategia per perseguirlo senza condizionamenti, a comprendere i meccanismi dialettici fra acquirenti e compratori, a vagliare con attenzione le fonti e gestire gli errori. Perché investire è soprattutto speculare: cioè “guardare oltre”.

Jorian di Iraz

Era l’Ora della Capra, il tredicesimo giorno del Mese dell’Unicorno, nella città di Orynx, nella taverna del Mammut Scarlatto. Un giovanotto magro, vestito con frivolezza, era fermo al bancone e teneva d’occhio la porta. Dall’altra parte del locale, un uomo robusto, vestito sobriamente di nero, teneva d’occhio il giovanotto. Poi la porta si spalancò ed entrò un uomo alto, dalla faccia segnata da un colpo di spada. Indossava abiti da sterratore, ma il suo portamento era quello di un guerriero. Il giovanotto azzimato e l’uomo robusto, entrambi nello stesso istante, riconobbero il famoso Jorian: Il Re fuggiasco la cui vita era legata a un filo… e alla forza sottile di un’antica profezia.

Jay-Z. La vita, le canzoni, gli amori

Jay-Z è universalmente riconosciuto come uno dei rapper più importanti al mondo: i numeri da record dei suoi dischi (oltre 100 milioni di copie vendute solo negli USA, 22 Grammy Awards, 3 album nella lista dei 500 migliori album di sempre secondo Rolling Stone) sono superati solo dalla sua celebrità. Questa biografia, scritta con il beneplacito di Jay-Z e frutto di oltre dieci anni di studio da parte di Michael Eric Dyson, affronta i temi più rilevanti della carriera e della complicata vita dell’artista, inclusi i momenti più scottanti, e racconta come Jay ha sempre utilizzato la musica per parlare di argomenti più grandi, come la politica, prendendo posizione su questioni come la razza, il sistema penale e l’ingiustizia sociale. Oggi, in occasione dei suoi cinquant’anni e per celebrare trent’anni di carriera, è il momento giusto per rileggere la strada che il rapper ha percorso fino ad ora e per capire il suo ruolo fondamentale nella musica e nella cultura americana: perché Jay-Z ha dato al suo Paese una lingua con cui pensare e nuove parole con cui convivere.