11505–11520 di 72034 risultati

Summer and the city

Carrie Bradshow è arrivata a New York! Teoricamente per frequentare un corso estivo di scrittura creativa, in pratica per iniziare una storia d'amore che durerà tutta la vita: con la Grande Mela, con Big e con le scarpe costose. La giovane Carrie adora vivere in un posto dove le etichette sociali non contano e dove tutti possono essere protagonisti. Adora i vicini bizzarri, i negozi di abbigliamento vintage, le feste scatenate, gli uomini affascinanti e l'idea di diventare una vera scrittrice. Ma trasformarsi nella persona che ha sempre sognato di essere, anche con l'aiuto delle sue nuove e mitiche amiche, non sarà facile come sembra.

Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto

In ogni storia d’amore c’è qualcosa che avvicina i protagonisti all’eternità, ai misteri del divino, all’essenza della vita: in un sorriso, in una carezza, in uno sguardo o in una frase magari lasciata a metà, gli amanti sanno sempre cogliere i segnali che il cuore invia loro per dirigerne il cammino lungo il sentiero della perfezione; Ma che accade quando, nell’adolescenza, un grande amore viene sacrificato alla timidezza, allorché le parole si rifiutano di salire alle labbra e il futuro si perde nei colori autunnali di una quercia che domina una piazza? Cosa si prova quando, dopo undici anni, si ritrova l’innamorato e si scopre che sta percorrendo la via della santità ed è in grado di compiere miracoli? Quali sono i pensieri (e le speranze) che rimbombano nella mente e che fanno sussultare il corpo con singhiozzi o risa. Per Pilar, il sogno di un’esistenza al fianco dell’amato sembra dissolversi nelle gelide acque del fiume Piedra, ma talvolta anche i gorghi, le cascate e i ciottoli di un torrente – insieme a un rumore di passi alle spalle – possono rinventare il destino e far comprendere che “amare significa comunicare con l’altro e scoprire in lui una particella di Dio”.

Storie di politica sospetta

Il primo racconto vede Pepe Carvalho impegnato a ritrovare uno strano personaggio scomparso: si tratta di un vecchietto squinternato che si crede l’ultimo erede della casata reale di Castiglia e León: Federico III. Le indagini lo portano a investigare all’interno di un gruppo di giovani neofascisti, decisi a utilizzare il vecchio pazzo per attuare un piano criminale. Il secondo racconto è ambientato in un ricovero per vecchi bisognosi nel quale viene trovato morto soffocato un anziano ospite. Il prete del paese, amico e compagno politico di vecchia data di Carvalho, lo chiama per far luce su questa morte a partire da un libriccino rosso, il diario della vittima, che ha fatto parte di un gruppo segreto della guerriglia repubblicana. Nell’ultimo racconto la giovane e affascinante Teresa si reca da Carvalho per chiedergli d’indagare sulla morte del nonno. Apparentemente tutto fa pensare a un normale attacco di cuore, ma la giovane ha trovato in un orologio che ha ereditato un bigliettino in cui il nonno dice di essere in pericolo e che questa volta l’avranno vinta loro. Tre racconti che mostrano una Spagna dalla democrazia ancora fragilissima, minacciata da giovani e meno giovani fascisti e militari ancora profondamente legati a Franco e al regime. Tre piccoli gialli perfetti.

Stato d’assedio

In ricevimento ufficiale al Palazzo di Vetro a New York, alla presenza di tutte le più alte cariche delle N’azioni Unite, è bruscamente interrotto dall’irruzione di uomini armati e mascherati. Sono cinque ex militari, guidati dal colonnello Ivan Georgiev, uno spregiudicato individuo appartenuto in passato alle forze di pace dell’ONU. I malviventi prendono in ostaggio numerosi diplomatici internazionali e altri ospiti: tra questi c’è Harleigh, figlia di Paul Hood. direttore dimissionario dell’ Op-Center. In cambio della liberazione dei prigionieri i sequestratori esigono un elicottero e una esorbitante somma di denaro, da depositare su un conto di Zurigo, aperto sotto falso nome. Se le loro richieste non verranno subito soddisfatte, uccideranno un ostaggio ogni ora e useranno del gas asfissiante in risposta a qualsiasi azione che miri a liberare le persone nella sala. La notizia del drammatico sequestro raggiunge immediatamente tutti i paesi coinvolti, ma ogni tentativo di intavolare una trattativa e guadagnare tempo per procurarsi i soldi del riscatto fallisce miseramente. Intanto i minuti passano e tutti sanno che i criminali procederanno a esecuzioni sommarie senza esitare un istante. Solo un atto di forza è ormai possibile e per Paul Hood. questa volta, si tratta soprattutto di una questione personale. La controffensiva ha inizio, e dovrà essere metodica e scientifica perché anche un solo passo falso potrebbe costare un prezzo troppo alto.

Sposa di maggio

La sposa, Amber, splendente, lo sposo, Jake, bellissimo, lo scenario da favola, in più la presenza del fior fiore della società scozzese: potrebbe trattarsi di un matrimonio perfetto se non fosse per qualche particolare non del tutto trascurabile come lo sposo geloso e la sposa incinta del bambino di un altro. Ma il meglio deve ancora arrivare: Jake sta per rivelare ad Amber qualcosa del suo passato, che potrebbe cambiare la vita di lei per sempre. Tutto ciò, alle nozze di Amber…

Spiriti del male

Una sonnolenta e morente cittadina del New Jersey, circondata da cupi boschi e sede di una base militare. Due omicidi inspiegabili, commessi a una settimana di distanza uno dall’altro e apparentemente senza alcun legame tra di loro, tranne il metodo usato dall’assassino: a entrambe le vittime é stata tagliata la gola con un’arma incredibilmente affilata. Nessun testimone affidabile. Un’anziana signora, forse un pó matta, che peró ha una bizzarra teoria su chi siano i responsabili. Un ospedale militare che funge come base di un misterioso progetto dell’Aeronautica degli Stati Uniti, sotto la direzione dell’ambiguo Maggiore Joseph Tonero, del tormentato Dr. Tymons e della fredda e colcolatrice Dottoressa Elkhart. Ecco gli elementi, assolutamente enigmatici, del caso che dovranno affrontare Fox Mulder e Dana Scully, gli Agenti dell’FBI responsabili della Sezione X-Files, che si occupa dei casi piú bizzarri e inquietanti.

Il sonno del demonio

Da un po’ di tempo nel deserto succedono cose strane. Battaglie a colpi di neve, un oceano abitato da sirene e, durante la notte, un aereo di cristallo si posa su una pista abbandonata per poi volare in un magico sogno. È solo un miraggio? Ma perché le persone spariscono veramente? Peggy Sue e il cane blu, cercando di fare chiarezza su questo mistero, atterrano in un mondo favoloso dove il mare è dolce, la neve profuma di menta e ogni desiderio diventa subito realtà. Ma dietro tanta felicità si nasconde un pericolo incombente. Nei giardini delle meraviglie i cactus sono allergici ai bambini, i frutti annebbiano la mente, le rose sono piene di vanità e tutti sembrano rimpicciolire a vista d’occhio.

Sonderkommando

Il “Sonderkommando”, la squadra speciale di detenuti ebrei obbligati a lavorare nelle camere a gas e nei crematori di Auschwitz-Birkenau, ha in Salmen Gradowski il suo maggiore testimone. Scritto molto probabilmente nella primavera del 1944, questo diario è a tutt’oggi l’unico documento che racconta il “cuore” della terribile esperienza dello sterminio degli ebrei all’interno dei “Vernichtungslager” tedeschi, destinati a distruggere l’intero popolo ebraico dell’Europa e coloro che all’interno del progetto nazista di Nuovo Ordine Europeo non avrebbero mai avuto il diritto alla vita. Gradowski, prima di essere assassinato, nasconde il manoscritto tra le ceneri di uno dei crematori. In seguito, nel marzo del 1945, Haim Wolnerman, un ebreo di Oswiecim sopravvissuto allo sterminio, ne viene in possesso e, dopo essersi trasferito in Israele, lo consegna allo Yad Vashem perché possa essere pubblicato, ma non si riesce a trovare un editore. In quegli anni, la storia dei “Sonderkommando” ebrei è guardata con sospetto, relegata al silenzio. «Di Auschwitz non si saprà mai tutto» scrisse Elie Wiesel, «perché alcuni accadimenti sembrano destinati a rimanere senza parole». Con il tempo, anche Primo Levi si convinse che la «voce dei sommersi» non avrebbe mai trovato il suo narratore. Quella parola, solitaria e inascoltata, disperata, offesa e resistente, per molti indicibile, dall’inferno dei crematori e delle camere a gas, testimonianza integrale della verità estrema, viene proposta al lettore di oggi nell’edizione a cura di Carlo Saletti e Philippe Mesnard cui va il merito di averla saputa consegnare al mondo presente con “religioso” rigore. Gradowski la scrisse con la morte addosso, per raccontarci di uomini che sono riusciti a resistere al male anche grazie al pensiero di potere consegnare ai vivi la loro storia disperata, vincendo per sempre l’oblio.

Sommergibile Squalus

23 maggio 1939. Hitler e Mussolini hanno stretto la loro alleanza a Berlino e l’Europa si trova ormai sul baratro della Seconda Guerra Mondiale. Durante un test di immersione nelle acque del New England, il sommergibile Squalus, fiore all’occhiello della marina americana, precipita sul fondo dell’Atlantico. Miracolosamente, 33 membri dell’equipaggio sono ancora vivi. E mentre a riva mogli e fidanzate vivono momenti di indicibile apprensione, il destino di quei marinai dipende unicamente da un uomo: il capitano Swede Momsen, pronto a sfidare i limiti della scienza e i regolamenti militari per costruire una speranza impossibile. Sono ore terribili quelle che scorrono dopo l’avaria, minuti scanditi uno a uno in una drammatica corsa contro il tempo: l’angoscia dei marinai e delle loro famiglie, gli sforzi di Momsen, il cinismo dei vertici militari, il panico che morde alla gola… Una storia vera, il resoconto documentato e coinvolgente di una vicenda che ha cambiato la storia della Marina.

Il signore della casa d’oro

“Nerone. Che cosa viene in mente a udire questo nome? Le persecuzioni dei Cristiani, gli spettacoli del circo, l’incendio di Roma. In tutto questo c’è molto di leggendario. Oltre a restituire allo sfortunato imperatore una dimensione più vera e più umana, “”Il Signore della Casa d’Oro”” è un utile strumento per conoscere la vita quotidiana degli antichi Romani.

Sezione suicidi

«Abbeveratosi alle migliori fonti del poliziesco, Antonin Varenne ha saputo comunque trovare una voce personale, firmando un libro al tempo stesso spiazzante e pieno di fascino, che evita abilmente i limiti del voyeurismo e della violenza gratuita grazie a una sincera empatia per i grandi esclusi dalla vita».
*Lire* «In questo libro c’è letteralmente tutto: un intreccio complesso ma perfettamente credibile che unisce complotto politico e perversione; un poliziotto disilluso che trascorre la vita in compagnia di un vecchio pappagallo depresso e tenta di salvare il suo onore in un contesto di corruzione assoluta; un’epidemia di suicidi particolarmente spettacolari che potrebbero nascondere una qualche manipolazione.
E un autore sconosciuto, ma destinato a non rimanerlo ancora per molto».
*Gérard Meudal, Le Monde des livres* «Ambienti in bianco e nero, superbi ritratti di personaggi un po’ ammaccati, dialoghi realistici e situazioni quantomeno curiose… non c’è dubbio, Antonin Varenne sa scrivere».
*Le Figaro* Il tenente Guérin è sempre stato un poliziotto un po’ speciale.
Misantropo, figlio di una prostituta, vive tutto solo in un appartamento immerso nel caos, con l’unica compagnia di un pappagallo che accoglie l’arrivo dei rari ospiti con vere e proprie esplosioni di turpiloquio.
Ma Guérin è anche uno sbirro di prim’ordine, onesto fino al midollo e poco incline ai compromessi. Proprio per questo è stato spedito a dirigere la Sezione Suicidi della Surété.
Un esilio ben poco dorato, nel quale sembra condannato all’inattività. Fino a quando Parigi viene sconvolta da una serie di suicidi spettacolari e sospetti.
Convinto che l’universo sia una sola, immensa rete di connessioni, e che dunque non esistano fatti isolati, ma solo concatenazioni, Guérin si avvia lentamente a scoprire la verità, tra mille ostacoli, con la coscienza che il caso non esiste e che dietro quelle morti c’è qualcuno pronto a muovere tutte le leve del potere, pur di non essere scoperto…

Sex and the Physics

Un mito greco racconta che l’indovino Tiresia, passeggiando su un sentiero di montagna, vide due serpenti attorcigliati nell’atto della copula e, infastidito dalla scena, uccise il serpente femmina, trasformandosi all’istante in donna. Per sette anni Tiresia vagò per il mondo, provando tutte le emozioni di un corpo femminile (compreso il piacere sessuale), finché un giorno si ritrovò di fronte alla stessa scena, uccise il serpente maschio e tornò a essere uomo. Molto tempo dopo, interrogato da Zeus ed Era su chi, fra uomo e donna, provasse maggiore soddisfazione nell’atto sessuale, l’indovino affermò che il piacere era un cerchio composto di dieci parti. L’uomo poteva gustare solo la prima, mentre era la donna ad avere il privilegio di sentire un piacere nove volte più intenso. Il cerchio del piacere raccontato da Tiresia è ancor oggi avvolto nel mistero, ma nel frattempo la Fisica ci ha permesso di scoprire molte cose che i nostri antenati ignoravano. Questo libro racconta il sesso come nessuno ha mai fatto prima: alternando divertenti aneddoti e curiosità scientifiche, Monica Marelli e Emiliano Ricci ci svelano cosa succede nei nostri corpi e nelle nostre menti quando il sangue viene dirottato dal cervello ai “paesi bassi”, aiutandoci a trarre il massimo dai nostri convegni amorosi e a fare “gol” in entrambe le reti

Serene Cruz o la vera giustizia

Scrivo questo breve libro perché sia ricordata la storia di Serena Cruz, a tutti quelli che ieri la leggevano sui giornali, e perché ne sia data notizia a quelli che non ne sanno nulla. Poi lo scrivo perché siano ricordati altri fatti, che riguardano le adozioni e i bambini, altri fatti che sul momento hanno suscitato scalpore e che sono stati rapidamente dimenticati. Abbiamo tutti la memoria corta. E infine lo scrivo per testimoniare solidarietà alle persone a cui sono stati strappati i bambini, che esse avevano fino a quel giorno amato e accudito. Per testimoniare solidarietà alle persone, genitori e bambini, che hanno visto, come Serena Cruz e i suoi primi genitori adottivi, distrutta in un attimo la tranquillità famigliare, traditi e calpestati gli affetti, e che acerbamente hanno sofferto devastazioni, separazioni e perdite

Il senso di Smilla per la neve

Nata in Groenlandia, la giovane Smilla Jasperson, attiva e indipendente, oggi vive e lavora a Copenaghen, sentendosi ancora molto legata alla propria cultura d’origine. Un giorno, sul tetto del palazzo dove abita, viene trovato morto a faccia in già sulla neve Isaiah, un bambino di sei anni, figlio di un’alcoolizzata groenlandese rimasta vedova, che era da tempo l’unico vero amico di Smilla. La polizia liquida subito il caso come un semplice incidente, ma Smilla, osservando le tracce sulla neve del bambino, capisce che sono state lasciate sotto l’effetto della paura e non del gioco. Comincia allora ad indagare personalmente e subito scopre che Juliane, la madre groenlandese di Isaiah, in seguito alla morte del marito avvenuta per una misteriosa esplosione durante un viaggio esplorativo in Groenlandia, riceve una pensione di vedova stranamente alta da parte dei datori di lavoro del marito, che fanno capo ad una potente società…

Segreti fatali

La contessa Beatrix Lisse è un vampiro, con un tenebroso passato che si perde nel Medioevo, ad Amsterdam. John Staunton, conte di Langley, è una spia al servizio della Corona britannica, attivo sul fronte napoleonico. Due mondi senza punti di contatto, entrambi popolati di inconfessabili segreti. Eppure quando John e Beatrix si incontrano, la scintilla della passione scocca inevitabile: lui non è il vanesio seduttore che sembrava, lei si rivela ben più interessante di una fascinosa cortigiana. Ma la minaccia di uno spietato vampiro incombe, e solo Beatrix ha la chiave per salvare le loro esistenze. E il loro amore.

Sciacalli

Inizialmente il colonnello Gurov non voleva occuparsi del caso del banchiere Gorstkov. Proteggere la figlia del magnate non era certo un compito che necessitasse dell’intervento di un asso delle polizia moscovita come il leggendario Gurov. Ma quello che sembrava un affare banale conduce il colonnello fino ai piani più alti del potere dove la corruzione, gli interessi dei clan, smisurate ambizioni politiche e il freddo calcolo stanno preparando il terreno a un crimine di altra levatura: un attentato al presidente del paese. Ma i cospiratori non hanno fatto i conti con Lev Gurov…