97–112 di 65579 risultati

La Vita in Novanta Minuti

Sogni realizzati o infranti per una questione di dettagli. Risultati già scritti ribaltati in un attimo da errori clamorosi o intuizioni improvvise. Imprese impossibili portate a termine contro ogni logica. Il calcio è un gioco, certo, eppure ogni appassionato sa che in quei novanta minuti c’è molto di più: ogni volta che l’arbitro fischia l’inizio della partita e il pallone inizia la sua corsa, sul campo si inseguono speranze, paure, gioie, delusioni, errori, sorprese che, come per magia, diventano specchi delle emozioni, delle scelte, delle situazioni che viviamo ogni giorno. Proprio da questa corrispondenza è partito Walter Veltroni, che in questo libro incontra grandi campioni di ieri e di oggi per ripercorrere con loro le storie sportive che hanno fatto sognare tutti noi e andare in cerca del lato più profondo, e spesso nascosto, del mondo del calcio: da Rivera a Tardelli, da Zoff a Buffon, da Paolo Rossi a Ibrahimovic ́, scorrono attraverso i ricordi dei protagonisti partite entusiasmanti, gol straordinari, retroscena inediti, episodi che hanno deciso vittorie (e sconfitte) indelebili e formato il carattere dei campioni. Tra colpi di genio irripetibili, trionfi indimenticabili e sfide leggendarie, tutta la meraviglia del calcio, e della vita, nelle parole dei suoi fuoriclasse.

La vita è bella

“La vita è bella. Possano le generazioni future liberarla da ogni male, oppressione e violenza, per goderla in tutto il suo splendore.” (Leon Trotsky) Gli scritti contenuti in questo libro sono tratti da volumi da tempo introvabili come Rivoluzione e vita quotidiana oppure le Lettere d’amore alla moglie che lo aveva abbandonato dopo aver scoperto la relazione con Frida Kahlo. **

La via dello zucchero

È l’ultimo romanzo della “Trilogia del Cairo”, opera principale di Nagib Mahfuz, lo scrittore egiziano premio Nobel nel 1988. Si conclude con questo volume un affascinante trittico che è possibile comprendere e ammirare nelle sue parti singole ma che, nella complessiva grandiosità, esprime ancor meglio l’ispirazione e il talento dello scrittore egiziano. Il tema del romanzo è la città del Cairo: attraverso le sue strade più antiche e le sue nuove lusinghe da metropoli s’intrecciano sogni e nostalgie, fedi religiose e utopie politiche di vecchi e di giovani in un movimento di vita incessante che rende denso e struggente lo scorrere del tempo.

La Strada Per La Francia

Il primo romanzo descrive il rientro in Francia dalla Prussia, di alcuni francesi dopo gli avvenimenti del 1972. Jean Keller e Marhe de Lauranay, di famiglie protestanti stabilitesi in Prussia in seguito all’edito di Nantes, si amano e devono spposarsi ma la guerra li separa e solo alla fine del lungo viaggio potranno riabbracciarsi. Il secondo romanzo, Il mondo sottosopraa, narra una nuova avventura degli eroi del Gun-Club. Non paghi di aver fatto «il periplo della Luna», Barbicane, Ardan e compagnia si propongono ora di raddrizzare l’asse terrestre! Come? Con una cannonata! Il progetto va però in fumo, per un banale… errore di calcolo. Il mondo resta com’è.

La strabiliante avventura della missione Barsac

Postumo e incompiuto, terminato e pubblicato dal figlio Michel, *La strabiliante avventura della Missione Barsac* inizia con una rocambolesca rapina alla Central Bank di Londra e si sposta nell’Africa Occidentale Francese, dove una missione governativa, la Missione Barsac appunto, deve appurare sul campo la possibilità di concedere il voto agli indigeni. Ma strani eventi ne intralciano il cammino. Avvincente e fantastico, secondo la migliore tradizione narrativa di Jules Verne, questo gioiello imperdibile aggiunge fra gli altri ingredienti anche una ambientazione suggestiva, onirica, quella delle avventurose esplorazioni in luoghi esotici alla fine dell’Ottocento. Questo romanzo ha ispirato il film *Sahara* , con Penelope Cruz.

La stanza vuota

Otto tra le più inquietanti, sconcertanti storie di tutta la fantascienza concludono la grande antologia dei racconti di Disch iniziata in Urania n. 750 con *”La signora degli scarafaggi”*. La copertina di Karel Thole è dedicata come la precedente alla “Metamorfosi” di Franz Kafka e ne illustra l’orrendo finale.

Indice

Apollo
*(Apollo)*
Riva d’Asia
*( The Asian Shore)*
Gli uccelli
*( The Birds)*
La morte e la ragazza sola
*( Death And The Single Girl)*
Piume dalle ali di un angelo
*( Feathers From The Wings Of An Angel)*
Affrettiamoci alla porta d’avorio
*( Let Us Quickly Hasten To The Gate Of Ivory)*
X Yes
*(X Yes)*
La stanza vuota
*( The Empty Room)*

Urania n. 752 del 02-07-1978
*Getting Into Death And Other Stories* , 1968-1976

La sposa delle tenebre: Il bacio della morte

Honey ha diciassette anni, ma di una ragazza comune non ha nulla. Bionda e con occhi chiari, di un viola che ricorda i lillà, è cresciuta con la sola consapevolezza di essere orfana di madre, cagionevole di salute e con una forte fede religiosa.
Tutto nella sua vita scorre serenamente fino a quando, dopo la premiazione di un concorso letterario che si tiene a Whitby, la sua vita viene stravolta.
Nel paese che le è sempre stato caro il sangue scorre a fiumi e, dopo la scomparsa della sua migliore amica Ellie, i suoi incubi iniziano a essere veri squarci sul futuro.
Suo padre, il reverendo del paese, preoccupato la affida a Michael, spacciandolo per un amico di famiglia, e la manda a Londra, lontano dalla ferocia di un serial killer che si aggira indisturbato.
La realtà invece è tutt’altra e sconvolgerà la vita di Honey per sempre.
La leggenda della sposa delle tenebre le farà scegliere da che parte stare e dovrà decidere se assecondare il cuore oppure la ragione per mantenere un equilibrio ormai sull’orlo del precipizio.
**
### Sinossi
Honey ha diciassette anni, ma di una ragazza comune non ha nulla. Bionda e con occhi chiari, di un viola che ricorda i lillà, è cresciuta con la sola consapevolezza di essere orfana di madre, cagionevole di salute e con una forte fede religiosa.
Tutto nella sua vita scorre serenamente fino a quando, dopo la premiazione di un concorso letterario che si tiene a Whitby, la sua vita viene stravolta.
Nel paese che le è sempre stato caro il sangue scorre a fiumi e, dopo la scomparsa della sua migliore amica Ellie, i suoi incubi iniziano a essere veri squarci sul futuro.
Suo padre, il reverendo del paese, preoccupato la affida a Michael, spacciandolo per un amico di famiglia, e la manda a Londra, lontano dalla ferocia di un serial killer che si aggira indisturbato.
La realtà invece è tutt’altra e sconvolgerà la vita di Honey per sempre.
La leggenda della sposa delle tenebre le farà scegliere da che parte stare e dovrà decidere se assecondare il cuore oppure la ragione per mantenere un equilibrio ormai sull’orlo del precipizio.

La signora degli scarafaggi

L’immondo e sventurato scarafaggio di copertina non è uno di quelli che danno il titolo al racconto di Disch. Si chiama Gregor Samsa, fa – o meglio faceva – il viaggiatore di commercio, ed è il protagonista dell’immortale “Metamorfosi” di Franz Kafka. L’americano Thomas M. Disch, del quale Urania ha già pubblicato il romanzo “Gomorra e dintorni”, è il massimo rappresentante di quella che J. Merril ha chiamato la “new wave”, la “nuova ondata” fantascientifica. I suoi racconti sono tra i più sconcertanti di tutta la fantascienza. Lasciamo al lettore di giudicare se l’accostamento con lo scrittore di Praga si giustifichi solo per una questione di scarafaggi, o non possa invece servire come chiave di lettura per l’intera e organica raccolta delle “short stories” di Disch di cui presentiamo la prima parte in questo numero.

Indice

La signora degli scarafaggi
*( The Roaches)*
La gabbia dello scoiattolo
*( The Squirrel Cage)*
Scendendo
*( Descending)*
Divertitevi con la nostra nuova testa
*( Fun With Your New Head)*
Nada
*(Nada)*
Il numero a cui siete arrivati
*( The Number You Have Reached)*
La gara
*( The Contest)*
Linda, Daniel e Spike
*( Linda And Daniel and Spike)*
1-A
*(1-A)*
Principio d’aprile o fine di marzo
*( The Beginning Of April Or The End Of March)*
La città della luce penetrante
*( The City Of Penetrating Light)*
Polvere di Luna, profumo di fieno e materialismo dialettico
*( Moondust, The Smell Of Hay, And Dialectical Materialism)*
Casablanca
*(Casablanca)*

Urania n. 750 del 04-06-1978
*Fun With Your New Head, 1968*

La Ragazza Con Le Pistole

Gli eventi sanguinosi della Rivoluzione francese hanno appena sconvolto il mondo quando in Inghilterra la diciassettenne Sovay, travestita da bandito, inizia a derubare le diligenze lungo le vie di campagna. Ruba solo alle persone più ricche, per il puro piacere di distribuire poi il bottino tra gli abitanti più poveri dei villaggi dei dintorni. Ma come mai una giovane aristocratica sente un bisogno così forte di trasgredire? È colpa del padre, simpatizzante della Rivoluzione che sta divampando in Francia? Mentre cresce la leggenda del misterioso brigante veloce come una saetta, il padre e il fratello di Sovay spariscono. La ragazza parte alla loro ricerca, in un viaggio che la porterà prima a Londra e poi in Francia, nella Parigi sconvolta dal Terrore. Dopo Il viaggio della strega bambina, Celia Rees torna al romanzo storico, con un’altra coraggiosa, indimenticabile protagonista femminile.

La Provincia Dell’uomo

Da quasi quarant’anni Elias Canetti tiene dei ‘quaderni di appunti’ che un giorno appariranno, si può supporre, come una delle opere più sorprendenti del nostro tempo. Ma già questa scelta, fatta da Canetti stesso, e che ora pubblichiamo, è un libro che lascia tracce indelebili su chiunque gli si avvicini. Qui abbiamo davanti a noi un pensiero e un’immaginazione incandescenti e ribollenti per l’intensità, e al tempo stesso soggetti a una disciplina che li obbliga a manifestarsi soltanto quando il loro materiale ha raggiunto la durezza e la lucentezza del diamante. Canetti, questo esemplare «nemico della morte», ha sempre posto esigenze assolute allo scrivere. Dal suo unico, e imponente romanzo, “Auto da fé”, alla sua opera centrale, “Massa e potere”, ogni libro di Canetti è una sfida gettata contro un avversario strapotente, che si insinua in ogni piega delle cose: la morte. E, intrecciata a essa, è l’immagine del potere, di cui Canetti ha saputo illuminare, come nessuno oggi, i terribili segreti. Così avviene anche nella “Provincia dell’uomo”: qui però vedremo Canetti non più costretto a fissarsi su un tema, ma abbandonato a tutte le onde della sua vita più segreta, che ci si manifesta con una lussureggiante abbondanza di idee, prospettive, miniature di romanzi, ritratti, aforismi, ipotesi, paradossi, giudizi, sempre con la massima asciuttezza e densità, toccando la letteratura e l’antropologia, i libri sacri e gli animali, le donne e l’antichità, la politica e la scienza, la psicologia e i viaggi, i sogni e la società – e dove, in ogni rigo, sentiamo l’avida attenzione e l’apertura di chi vuole pensare e vivere tutti gli infiniti mondi possibili, mentre sul fondo pulsa senza tregua il conflitto inesorabile con la morte. «La storia disprezza chi la ama» dice, ad esempio, un frammento di questo libro, e sentiamo subito che quelle poche parole penetrano in noi come una scheggia che non estrarremo mai più. Così ogni lettore troverà in queste pagine qualcosa che da sempre avrebbe voluto pensare o, altre volte, avrà l’impressione di cozzare contro un avversario, ma un avversario perfettamente definito e netto, a cui essere grati più che a un amico. E alla fine sarà costretto a riconoscere che in questo libro abita qualcosa di cui ormai molto di rado si sente il bisogno di pronunciare anche solo il nome: la grandezza.

La pietra dei sogni – Città senza tempo

La pietra dei sogni (The Dreamstone) è la storia di un mondo primevo in cui l’uomo porta per la prima volta il clangore del ferro e l’acre odore del fumo, una terra in cui in precedenza non si erano mai udite voci umane. Ma c’è ancora un luogo intatto, la piccola foresta di Ealdwood, dove abita Arafel il Sidhe, difensore di un mondo che sta per scomparire.
“Città senza tempo” è un romanzo composito, storia degli uomini che hanno raggiunto le stelle, ma che hanno serbato nel cuore il ricordo della Terra. Ma c’è chi non ha abbandonato la Terra per le stelle… e con l’uomo sono rimaste le città a sfidare il tramonto della Terra, città diverse da quelle di un tempo, ma ancora dotare ognuna di una propria individualità e degli antichi orgogli. Compongono il romanzo i seguenti racconti:
L’unica morte in città (Parigi) (The Only Death in the City (Paris), 1981)
La torre stregata (Londra) (The Haunted Tower (London), 1981)
Ghiaccio (Mosca) (Ice (Moscow), 1981)
Altitudinari (New York) (Highliner (New York), 1981)
Il generale (Pechino) (The General (Peking), 1981)

La Passione in Un Bacio

Nell’incantevole cittadina di Charlbury St Helens, la vita di tre ragazze sta per essere capovolta da tre dei più ricchi e attraenti uomini del Vecchio Continente. Alejandro Navarro Vasquez attende da tempo la propria vendetta. Sua moglie ha commesso un atto imperdonabile per il suo orgoglio spagnolo, e la fine del loro matrimonio è l’unico capitolo della sua vita che non si è concluso con un indiscutibile successo. L’occasione perfetta gli si presenta quando viene a sapere dove Jemima vive, nascondendosi da lui: non importa cosa abbia fatto in tutto quel tempo, Alejandro è deciso a regolare i conti con la sua moglie in fuga, qualunque cosa questo significhi.

La Parabola Dello Scriddore

Chi è lo Scriddore? È colui che aspira a scrivere romanzi ma a cui manca qualcosa per diventare scrittore a tutti gli effetti. E che sarà mai questo qualcosa? Non il talento. Quello, fingiamo ci sia.
Un giovane ambizioso partorisce un capolavoro letterario e va alla ricerca di un editore. Quando finalmente riesce a ottenere un colloquio col responsabile della Narrativa di una grossa casa editrice, scopre di essere uno scriddore…

LA MIA ELLEN: Una Fantasia D’Altri Tempi

Romanzo rosa storico autoconclusivo
Sinossi: “1856 Londra
Ellen, una gentildonna della buona società è a un ballo come tanti. È serena, il suo piano per trascorrere una vita agiata e tranquilla si sta compiendo. Sposerà il cugino Edward e questo le permetterà di allontanarsi dall’oppressiva e soffocante madre.
Improvvisamente un uomo, il duca Phillip Persival, le si avvicina e si presenta dichiarandosi suo promesso sposo.
Lei non può credere a quelle parole.
Tutto risale ai loro tris-nonni e a una promessa che si sono scambiati anni fa: unire i loro casati.
Ellen desidera rifiutare questa costrizione e inizierà una vera e propria battaglia, soprattutto con se stessa. Si impedirà di lasciarsi incantare da lui, dalla sua splendida galanteria, dalla sua meravigliosa madre, dai suoi amici gentili, dai suoi luoghi incantevoli… Insomma, dal suo mondo fatato che ha tutte le caratteristiche e i presupposti per piacerle. Ellen di imporrà di rimane risoluta e determinata nel suo piano, si sentirà di dovere fare per il suo adorato cugino Edward, per la sua amica Alice e soprattutto per la sua stessa tranquillità d’animo.
Oppure la sua è solo paura di affrontare il vero amore? ”
Per conoscere meglio l’autrice, ecco i contatti:
Blog:

Pagina facebook: [https://www.facebook.com/LeggimiScriv…](https://www.facebook.com/LeggimiScrivimi-by-Sara-Tricoli-1448437965370257/)
Twitter:
Instagram: 

La lotta

Due vampiri fratelli, avvolti nell’ombra di un mistero millenario, si contendono l’amore della giovane Elena. Damon è determinato a fare di lei la regina delle tenebre, ed è pronto anche ad uccidere suo fratello per riuscirci. Stefan è alla ricerca di un potere più grande, che gli consenta di eliminare il suo odiato rivale, ma non ha intenzione di cedere alla sete di sangue umano che lo assale. Elena sa che deve prendere una decisione fatale: deve scegliere tra la fedeltà a Stefan e la tenace attrazione per Damon. Nel buio, dentro di lei, è battaglia tra sentimenti contrastanti. Fuori, infuria una lotta senza esclusione di colpi.

La logica della libertà

*The Logic of Liberty* , pubblicato nel 1951, ma nel quale rifluiscono studi del decennio precedente, rappresenta un momento essenziale della nascente riflessione epistemologica polanyiana organizzatasi, in quegli anni, attorno a problematiche di sociologia della ricerca ma soprattutto attorno a problematiche economiche e politiche. Centrale, nel testo, risulta allora la discussione volta ad illustrare la superiorità di ogni ordine economico e politico, non organizzato secondo i rigidi canoni di una pianificazione e di una organizzazione diretta centralmente da un’unica autorità, ma lasciato alla libertà e creatività di iniziative spontanee policentriche. Nella critica ad ogni totalitarismo, sia esso di matrice nazi-fascista che socialista, nel delineare gli stessi caratteri della nozione di “ordine spontaneo”, insomma nella difesa del liberalismo in campo economico e politico, Polanyi partecipa attivamente a quel dibattito, insieme appassionato e drammatico, che vede tra i principali protagonisti gli esponenti della “scuola austriaca”, come von Mises, von Hayek e lo stesso Popper. Ma vi partecipa, come risulta evidente sin dalle prime pagine del testo, e da qualche accento cautamente polemico nei confronti di alcune tesi dei pensatori appena citati, in modo originale e personale, prospettando l’idea di un liberalismo moderato, rispettoso degli inalienabili diritti individuali ma attento anche al peso della tradizione e dei valori morali e religiosi in essa presenti. Nell’ampia e informata introduzione alla presente traduzione, Carlo Vinti cerca di mettere a fuoco le problematiche del testo nelle direzioni sopra indicate, cercando soprattutto di illustrare i rapporti di Polanyi con gli esponenti della “scuola austriaca”, con von Hayek e Popper in modo particolare.