10849–10864 di 72034 risultati

21 Lessons for the 21st Century

****THE NUMBER ONE BESTSELLER*** * **Sapiens showed us where we came from. Homo Deus looked to the future. 21 Lessons for the 21st Century explores the present.** How can we protect ourselves from nuclear war, ecological cataclysms and technological disruptions? What can we do about the epidemic of fake news or the threat of terrorism? What should we teach our children? Yuval Noah Harari takes us on a thrilling journey through today’s most urgent issues. The golden thread running through his exhilarating new book is the challenge of maintaining our collective and individual focus in the face of constant and disorienting change. Are we still capable of understanding the world we have created? **‘** **Fascinating** … **compelling** … **[Harari] has teed up a crucial global conversation about how to take on the problems of the 21st century** **’ Bill Gates, *New York Times ** ***‘Truly mind-expanding… Ultra-topical’* Guardian*** **
### Recensione
” **Fascinating** … **compelling** … **[Harari] has teed up a crucial global conversation about how to take on the problems of the 21st century**.” (Bill Gates *New York Times* )
” **The great thinker of our age.** ” ( *The Times* )
” **Truly mind-expanding** … **Ultra-topical** … Harari’s big selling point [is] the ambition and breadth of his work, **smashing together unexpected ideas into dazzling observations**.” ( *Guardian* )
” **Erudite, illuminating, vivid**. [Harari’s] lessons suggest new ways of thinking about current problems… **a splendid, sobering, stirring call to arms.** ” ( *Sunday Times* )
” **There is surely no one alive who is better at explaining our world** than Yuval Noah Harari – he is the lecturer we all wish we’d had at university. Reading this book, I must have interrupted my partner a hundred times to pass on fascinating things I’d just read. **Harari has done it again** \- ***21 Lessons* is, simply put, a crucial book.** ” (Adam Kay)
“More comprehensible [than *Sapiens* and *Homo Deus* ]… showing you things you thought you knew about in a completely new way… **I find Harari’s writing exhilarating.** ” ( *Radio Times* )
” **Harari thrills his readers because he addresses the biggest possible topics with confidence and brio**. Compared with the subjects he tackles, anything else we might read looks piffling and parochial.” ( *Evening Standard* )
“Harari’s **genius** at weaving together insights from different disciplines, ranging from ancient history to neuroscience to philosophy to artificial intelligence, has enabled him to respond to the clamour to understand where we have come from and where we might be heading… ***21 Lessons* is lit up by flashes of intellectual adventure and literary verve.** ” ( *Financial Times* )
“Written in the author’s trademark lucid prose, the book makes difficult concept comprehensible, and is very much a work for our times… ***21 Lessons* absorbs from start to finish.** ” (Ian Thomson *Tablet* )
” **A terrific primer on where we are now and where we might be heading** … Harari is a **superb** global cartographer, and ***21 Lessons for the 21st Century* is a lucid and essential read.** ” (Marina Vaizey *Arts Desk* )
### Sinossi
****THE NUMBER ONE BESTSELLER*** ***Sapiens showed us where we came from. Homo Deus looked to the future. 21 Lessons for the 21st Century explores the present.** How can we protect ourselves from nuclear war, ecological cataclysms and technological disruptions? What can we do about the epidemic of fake news or the threat of terrorism? What should we teach our children? Yuval Noah Harari takes us on a thrilling journey through today’s most urgent issues. The golden thread running through his exhilarating new book is the challenge of maintaining our collective and individual focus in the face of constant and disorienting change. Are we still capable of understanding the world we have created? **‘** **Fascinating** … **compelling** … **[Harari] has teed up a crucial global conversation about how to take on the problems of the 21st century** **’ Bill Gates,* New York Times ** ***‘Truly mind-expanding… Ultra-topical’* Guardian***

The 100 Thing Challenge

The author tells the intriguing story of his attempt to whittle down all his possessions to only 100 things, discusses lessons learned and offers ways for readers to take on the challenge. Original. 40,000 first printing.
**Recensie(s)**

Living simply is only an ideal until someone like Bruno gets particular. The way he got particular should make everyone think–hard, which is a very good thing. — Mark Noll, Francis A. McAnaney Professor of History, University of Notre Dame In a loving, wise, sometimes hilarious manner, Dave Bruno holds a mirror up to us and says to take a closer look at how we’re living. Reading this will lead you to a better life. — Dean Nelson, Author of God Hides in Plain Sight and director of the journalism program at Point Loma Nazarene University [Bruno’s] musings about his slow and steady purge have developed a cult following online, inspiring others [toward] clutter-free living. — Time magazine
(source: Bol.com)

Liar’s Poker

**The time was the 1980s. The place was Wall Street. The game was called Liar’s Poker.**
Michael Lewis was fresh out of Princeton and the London School of Economics when he landed a job at Salomon Brothers, one of Wall Street’s premier investment firms. During the next three years, Lewis rose from callow trainee to bond salesman, raking in millions for the firm and cashing in on a modern-day gold rush. *Liar’s Poker* is the culmination of those heady, frenzied years—a behind-the-scenes look at a unique and turbulent time in American business. From the frat-boy camaraderie of the forty-first-floor trading room to the killer instinct that made ambitious young men gamble everything on a high-stakes game of bluffing and deception, here is Michael Lewis’s knowing and hilarious insider’s account of an unprecedented era of greed, gluttony, and outrageous fortune. .

Zefira

Chi sono i buoni? Chi sono i cattivi? A leggere i dossier, custoditi in un archivio segreto del commissariato di Zefira, c’è da restare impietriti. I ruoli si ribaltano e prende forma quella zona d’ombra che sta intorno e sopra la ’ndrangheta. Il vero sistema di potere, che tiene in pugno la Calabria, emerge in tutta la sua dimensione; escono dal buio i volti dei presunti eroi, strateghi di luttuose trame. Ogni morte e ogni crimine nascondono una verità diversa da quella che appare, poiché a quelle latitudini nulla è come sembra. A percorrere i viali di Zefira, colmi di sole e di oleandri, si avverte il peso di un destino nero forgiato da una stirpe antica che incombe sulla città. Ma dopo l’ultimo agguato si apprende con sorpresa, fuori dal cimitero, che a Zefira, la vita ha sempre il sopravvento. Un sindaco assassinato, un vecchio soldato nazista vissuto in Aspromonte e un latitante mafioso porteranno il commissario Luca Rustici a un passo dalla verità. O forse soltanto davanti a una scelta.

Volevo tanto che fossi tu

A trent’anni anni Marta Rodriguez può dire di aver raggiunto l’equilibrio che cercava, sebbene si sia ritrovata a crescere una figlia da sola e abbia avuto un passato tutt’altro che facile. Insieme a Patricia e Adrian, i suoi amici inseparabili, lavora da Lola Herrera, l’atelier di abiti da flamenco più famoso di Madrid. Marta vive da sola con la figlia Vanesa, ha appena chiuso una relazione tormentata e di uomini non ne vuole proprio sapere. Ma non ha fatto i conti con l’arrivo di Philip Martínez, un uomo d’affari inglese, biondo e con l’aria da bravo ragazzo: esattamente l’opposto del tipo di uomo da cui Marta si sente attratta… Per questo è certa di non correre il rischio di innamorarsi di lui. Eppure Philip è l’uomo più attento e gentile che lei abbia mai conosciuto, e il suo sorriso è davvero irresistibile. Se soltanto Vanesa non lo trovasse insopportabile, e lui non fosse il figlio del cliente più importante dell’atelier…

Vivere o morire. Dialogo sul senso dell’esistenza tra Platone e Nietzsche

Giovanissimo talento innamorato della filosofia classica (Carmelo Vigna), “pensatore a suo modo classico” (Mario Vegetti), “rondine di una nuova auspicabile primavera filosofica” (Costanzo Preve), Luca Grecchi lascia qui sullo sfondo i suoi consueti studi sulla filosofia greca antica e sull’umanesimo metafisico, per impegnarsi in un’opera di fantasia, di contenuto indubbiamente filosofico, ma che possiamo definire letteraria. Questo libro propone infatti un immaginario incontro fra Platone e Nietzsche, reso possibile dal terzo personaggio sulla scena: il tempo. L’incontro – che ha come tema di fondo, appunto, la ricerca del senso della esistenza umana – si svolge in cinque giorni. Platone e Nietzsche parlano di temi biografici, dell’amore, di metafisica, di politica e della morte. Un testo, dunque, che – pur se iscritto nel genere divertissement – sollecita a riflettere in modo appassionato sui contenuti eterni della condizione umana.

Le Vichinghe Volanti

Camilleri è un cantastorie, nessuno come lui riesce ad ammaliare i lettori con i suoi racconti, narrazioni inesauribili come quelle delle Mille e una notte. Vigàta è il teatro dove abitano i suoi personaggi, borghesia benpensante, poveretti ingenui, uomini di rispetto. E soprattutto donne; in questa raccolta è infatti l’amore il tema dominante, declinato nelle sue innumerevoli varianti dalla passione all’erotismo, dal tradimento alle situazioni boccaccesche.

Viaggiatore del tempo

Il segreto di un “viaggiatore del tempo” custodito per un lungo secolo. Il ricordo inquietante di una lontana storia d’amore. Un anziano e inquieto fantasma che trova infine uno spazio per sé. La magia del circo. L’impalpabile sensazione di una magica notte d’estate, in cui tutto sembra possibile. Una misteriosa botola in un solaio da cui provengono strani rumori di creature troppo grosse per essere topi… Le ventidue storie di mistero e terrore contenute in questo volume ci rivelano tutto il genio di Bradbury e la versatilità della sua immaginazione. Spaziando dai più classici racconti di fantascienza fino a una vena quasi horror, l’autore ci dimostra come la sua formidabile ispirazione fantastica non abbia necessariamente bisogno di marziani e astronavi, ma possa iniziare anche tra le cianfrusaglie di una soffitta.

Via Monroe 66

Alice Comini è una ricercatrice universitaria che, dopo aver perso il suo posto in un Istituto fiorentino di Storia dell’Arte, è costretta a fare ritorno a Milano. Viene ospitata da una sua amica, Ebe, una modella bellissima e superba.Alice incontra così il ragazzo di lei, Fabio, e nasce subito qualcosa di speciale tra i due; tuttavia lei fa di tutto per non cadere in tentazione, temendo di mancare di rispetto all’amica.Quando finalmente la passione supera i sensi di colpa, un evento imprevisto entra nelle vite di Alice e Fabio, sconvolgendole. Ebe viene misteriosamente ferita da un colpo di arma da fuoco proprio davanti al pianerottolo di casa sua.Alice decide quindi di muoversi come una detective, per dare senso a un giallo intricatissimo.

Verso un’altra estate

Grace Cleave ha trent’anni, vive a Londra e, fatta eccezione per qualche mese di adulterio con un sedicente scrittore americano, non è mai stata sposata. I capelli, che un tempo le fiammeggiavano fulvi al sole dell’emisfero australe – Grace viene dalla Nuova Zelanda –, sono ora così sbiaditi da aver preso il colore della polvere. L’ispirazione anche sembra irrimediabilmente svanita. Il romanzo che stava scrivendo, interrotto com’è tra la seconda e la terza parte, rischia di diventare un vero e proprio «figlio adottivo del silenzio».
Il fatto è che qualcosa si è intromesso sul gozzo del romanzo e sulla sua vita. Qualcosa di minaccioso e allettante insieme, annunciato dalle soavi parole di una cartolina postale affrancata con cura: «Sig.na Grace Cleave: Sa che la temperatura qui a Relham è superiore di zero virgola quindici gradi rispetto a quella di Londra? Venga a scaldarsi! Philip Thirkettle».
Philip Thirkettle ha l’aspetto pulito, assorto, tipico degli intellettuali inglesi. Gesticola con prontezza, è entusiasta e vivace. È venuto a trovarla per un’intervista il giorno in cui Grace si è messa la gonna azzurra a quadri e il cardigan sintetico azzurro con la scollatura sul davanti e si è tirata via un paio di peli tra i seni, nel caso si vedessero quando si chinava. Philip, però, mirava alla sua mente. Non sapeva che nessuno, con la conversazione, può raggiungere la mente di Grace Cleave.
Influenze? Modo di lavorare? Ha rivolto le solite domande, poi con grazia e scioltezza ha lasciato cadere l’invito: «Ascolti, perché non viene su da noi una volta? Anne le piacerà, e anche suo padre, un tempo faceva l’allevatore di pecore, con lui potrà parlare di pecore, delle loro malattie, della fasciola, della zoppina…».
Philip non sa che a Grace serve coraggio per andare tra la gente, anche per soli cinque o dieci minuti. Un fine settimana a Relham, con lui, sua moglie Anne, il padre di lei, Reuben, e i figli sembra la promessa di un incubo per la scrittrice. Nessuna via di fuga. E poi il problema di quando alzarsi, andare a letto, cosa dire, dove andare e quando, problema che per Grace ha raggiunto i limiti dell’irresolubilità: sì, perché durante la notte Grace Cleave si trasforma in un uccello migratore…
Pubblicato a quasi cinquant’anni dalla sua stesura, Verso un’altra estate è il romanzo che Janet Frame vietò di rendere pubblico perché troppo personale. Con il suo stile denso di metafore e di bagliori ironici, l’autrice di Un angelo alla mia tavola regala ai suoi lettori un’altra toccante storia sospesa tra incubo e sogno.
Io non voglio abitare il mondo umano sotto mentite spoglie».
Janet Frame, Verso un’altra estate
«Con la sua scrittura intensamente personale Janet Frame è capace di afferrare il momento, e di raccontare ciò che sfugge al linguaggio normale attraverso la metafora e l’immaginazione».
The Guardian
«Una scrittura limpida, con metafore sorprendenti per la bellezza e la precisione, e un’introspezione che raggiunge profondità abissali».
Nathalie Crom

Variazioni in rosso

«Conoscere Rodolfo Walsh», scrive Massimo Carlotto nella prefazione, «è, per un lettore, un’avventura straordinaria. E questi tre racconti sono il miglior modo per entrare in sintonia con il suo universo narrativo». Tre storie poliziesche, con lo stesso protagonista: Daniel Hernández, un semplice correttore di bozze che si improvvisa detective e, grazie alla meticolosità e alla precisione che caratterizzano il suo lavoro, riesce a risolvere tutti gli enigmi nei quali si trova coinvolto. Hernández è una di quelle figure marginali amate da Walsh, che incarnano l’aspirazione alla verità. Variazioni in rosso è un piccolo gioiello stilistico: animato da una scrittura coinvolgente e godibile, racchiude l’elemento chiave dell’intera opera – e vita – dell’autore: la difesa della giustizia a ogni costo. Prefazione di Massimo Carlotto.

Il Vangelo secondo Pilato

Un giovane ebreo si scopre capace di parole profonde e ispiratrici, tanto che qualcuno arriva a considerarlo il Messia. Egli non crede nella sua stessa grandezza ma sarà pronto scommettere su di sé fino all’estremo e doloroso sacrificio. Un procuratore romano condanna alla crocifissione un uomo che sa innocente. Il cadavere scompare; nasce una furibonda ricerca che lo costringerà a confrontarsi con ipotesi sempre più sconvolgenti. Éric-Emmanuel Schmitt propone un romanzo a due voci, capace di ripercorrere con profondità e leggerezza le vicende centrali del Nuovo Testamento, mettendo in luce le caratteristiche più umane dei suoi protagonisti e restituendo al lettore la meraviglia per una storia fatta di incertezza e fede. Questa edizione del romanzo comprende un’appendice dell’autore sulle circostanze in cui il testo è stato scritto: “Sette anni di lavoro sono appena scomparsi fra le mani degli svaligiatori. L’allarme è riecheggiato per strada, senza allertare né far muovere nessuno. È il 4 gennaio del 2000 e mi è stato strappato tutto in pochi secondi”. Così scrive Schmitt nel “Diario di un romanzo rubato”, testo che arricchisce l’edizione italiana del Vangelo secondo Pilato e racconta le vicissitudini che hanno accompagnato la stesura di un romanzo che rischiava di andar perduto.

L’uso sapiente delle buone maniere

« *Con Il Club dei filosofi dilettanti McCall Smith compie un salto di qualità narrativa, avvicinandosi allo spessore di Agatha Christie.* »
**Il Sole 24 Ore**
« *Uno scrittore meraviglioso, da leggere assolutamente.* »
**The Guardian**
« *Un indiscusso maestro del romanzo.* »
**Publishers Weekly**
Isabel Dalhousie, riflessiva ma tutt’altro che prudente direttrice della «Rivista di etica applicata», non rinuncia a intervenire nella vita degli altri anche ora che è diventata madre del piccolo Charlie. Da esponente di una fetta della società edimburghese benestante, le sue avventure hanno come teatro per lo più magioni secolari di ricchi possidenti o, come stavolta, gallerie d’arte, frequentate da collezionisti e pittori. Capita infatti che, durante un’asta per l’acquisto di un dipinto, Isabel fiuti odor di bruciato. Prima un collezionista le strappa l’oggetto del desiderio a suon di quattrini, poi decide di cederglielo senza colpo ferire. Strano quel quadro non rifinito, ancor più strano il soggetto: raffigura il punto in cui pare che un gorgo spaventoso abbia ingoiato il suo autore. O forse si è trattato di suicidio? E poi quel suo giovane fidanzato, bello come un adone, amabilmente gentile, nonché padre amorevole di Charlie, sarà ancora nel cuore della bella nipote di Isabel, la gastronoma Cat, o quest’ultima avrà perdonato l’evoluta zia?

L’uomo che fu Giovedì

In un piccolo giardino londinese, sotto un cielo dal tramonto infuocato, comincia l’avventura del poeta Gabriel Syme, che, da quel momento, attraversa una notte dell’anima, un vero e proprio incubo popolato di colpi di scena, figure inquietanti, duelli e fughe rocambolesche. Anche nelle storie poliziesche più geniali e ardite c’è uno sfondo solido su cui s’innestano enigmi e incidenti; in questo caso Chesterton ha osato portare l’enigma a tutto campo. Chi c’è dietro il Grande Consiglio Anarchico e chi è a capo di Scotland Yard? Chi è l’alleato e chi è il nemico? Qual è il volto dietro la maschera? Impugnando la spada del coraggio, della ragione e dell’affetto va combattuta la più vitale delle battaglie, quella di chi è pronto a mettere sottosopra cielo e terra per guardare negli occhi il mistero originale del mondo. «Il male è così malvagio da farci pensare che il bene sia solo un caso; ma il bene è così buono da darci la certezza che dev’esserci una spiegazione per il male.» G. K. Chesterton

Ultime notizie di una fuga

Rocchetta e il suo piano, la sua straordinaria strategia, si stagliavano sempre più limpidi nella mente di Soneri. Tutti i giorni, ripercorrendone passo dopo passo le mosse, ne scopriva le qualità, l’attenzione per i particolari, con l’occhio sensibile dell’investigatore. E la sua ammirazione cresceva di pari passo con l’indagine. Parma, estate del 1989: le prime pagine dei giornali sono riempite dal caso di un’intera famiglia, i Rocchetta, inghiottita nel nulla. Unica traccia, un camper abbandonato alla periferia di Milano. Uno dei figli è un ex tossico, e la polizia comincia a indagare nel mondo della droga. Ma il commissario Franco Soneri, schivo, taciturno, segnato dalla vita, batte da subito una pista diversa. Chi è il capofamiglia, il grigio e anonimo ragionier Rocchetta? Si è davvero limitato a contare per anni i soldi del padrone nella ricca azienda di provincia? E soprattutto: come ha fatto a sparire senza lasciare traccia, insieme alla moglie e ai due figli? Con uno stile asciutto ed essenziale Varesi ci guida in un labirinto di intrighi, ricatti, silenzi omertosi, dove i protagonisti tentano di affrancarsi dal grigiore quotidiano per ritrovarsi comunque in un meccanismo più grande di loro, fino a rimanerne stritolati. Ispirato a un fatto di cronaca, Ultime notizie di una fuga è la geniale ricostruzione di una scomparsa rimasta misteriosa. Ed è anche il primo giallo di Valerio Varesi, che sancisce la nascita di un grande personaggio, il commissario Soneri: inarrestabile indagatore delle verità nascoste.

L’ultima lezione: la solitudine di Federico Caffé scomparso e mai più ritrovato

15 aprile 1987: Federico Caffè, giornalista ed economista scomodo, esce di casa all’alba. Di lui non si saprà più nulla, nonostante le minuziose ricerche di parenti e amici. Suicidio, fuga, cos’altro? E innanzitutto: chi era Federico Caffè? Ermanno Rea, ricostruisce non solo il contesto di una vicenda personale avvolta nel mistero, ma anche un brano della storia recente d’Italia, anni in cui l’economia ha provato a pensare un Paese diverso e più giusto.