Visualizzazione di 79621-79632 di 90860 risultati

Infiammazioni – I Killer Nascosti

Molti disturbi e patologie anche gravi sono accomunati dal fatto di avere all’origine un’infiammazione.Gli stati infiammatori trascurati e trascinati nel tempo sono molto nocivi per l’organismo perché provocano una degenerazione cellulare.Tra l’altro lo stile di vita odierno – alimentazione errata o carente, mancanza di esercizio fisico, stress psicofisico e assunzione di sostanze tossiche e inquinanti (radicali liberi) – favorisce lo sviluppo di queste patologie.Ma curare le infiammazioni oggi è possibile grazie a numerosi rimedi naturali di comprovata efficacia.Sostanze e alimenti d’uso comune e facili da procurarsi, come il resveratrolo, la vitamina E, le alghe, la rosa canina, gli oligoelementi, gli omega-3, gli enzimi e alcune piante medicinali contribuiscono in maniera determinante sia a mantenere la salute che, se necessario, a riconquistarla.In quest’opera unica per la sua completezza, l’autrice presenta soluzioni per curare e prevenire in modo naturale un ampio spettro di patologie come malattie cardiovascolari, ictus, cancro, diabete, artrosi, disturbi allo stomaco, reflusso gastroesofageo, obesità, ipercolesterolemia e gengiviti.

Inferno: Canti delle Terre Divise

Se sei nato a Europa, la grande città nazione del prossimo futuro, hai due sole possibilità: arrangiarti con lavori rischiosi o umili, oppure riuscire a trovare un impiego a Paradiso, la zona dove i ricchi vivono nel lusso più sfrenato e possono godere di una natura incontaminata. Ma se rubi o uccidi o solo metti in discussione l’autorità, quello che ti aspetta è la prigione definitiva, che sorge su un’isola vulcanica lontana dal mondo civile: Inferno. Costruita in modo da ricalcare l’inferno che Dante ha immaginato nella Divina Commedia, qui ogni reato ha il suo contrappasso. Piogge di fuoco, fiumi di lava, gelo, animali mostruosi rendono la vita difficile ai prigionieri che spesso muoiono prima di terminare la pena. Nessuno sceglierebbe di andare volontariamente a Inferno, tranne Alec, un giovane cresciuto nella parte sbagliata del mondo, quando scopre che la ragazza che ama, Maj, vi è stata mandata con una falsa accusa. Alec dovrà compiere l’impresa mai riuscita a nessuno, quella di scappare con lei dall’Inferno, combattendo per sopravvivere prima che chi ha complottato per uccidere entrambi riesca a trovarli…
Il primo romanzo di una trilogia fantasy di grandissima potenza, scritta da uno degli autori italiani young adult più amati. **

Indagine di mezzanotte

Per Lauren Dare e Jacko Jackman la vita sembra scorrere al meglio. Il lavoro di illustratrice di Lauren va a gonfie vele e il suo rapporto con Jacko, ex Seal al servizio dell’ASI, è costellato da continue richieste di matrimonio alle quali, però, la ragazza si sottrae con scuse piuttosto vaghe. Ma quando Lauren scopre di essere incinta e glielo rivela, la reazione del fidanzato è altrettanto imprevista: sopraffatto dai ricordi della sua triste infanzia, Jacko scompare misteriosamente. Se ad alleviare i dubbi di Lauren accorrono le amiche di sempre, solo una piena immersione nel passato riuscirà a dissipare le ombre che ossessionano l’animo di lui e a rinvigorire la passione che incendia i loro intrepidi cuori… **
### Sinossi
Per Lauren Dare e Jacko Jackman la vita sembra scorrere al meglio. Il lavoro di illustratrice di Lauren va a gonfie vele e il suo rapporto con Jacko, ex Seal al servizio dell’ASI, è costellato da continue richieste di matrimonio alle quali, però, la ragazza si sottrae con scuse piuttosto vaghe. Ma quando Lauren scopre di essere incinta e glielo rivela, la reazione del fidanzato è altrettanto imprevista: sopraffatto dai ricordi della sua triste infanzia, Jacko scompare misteriosamente. Se ad alleviare i dubbi di Lauren accorrono le amiche di sempre, solo una piena immersione nel passato riuscirà a dissipare le ombre che ossessionano l’animo di lui e a rinvigorire la passione che incendia i loro intrepidi cuori…

In caduta libera come in un sogno

Stoccolma 28 febbraio 1986, ore 23.20: uno sconosciuto spara alle spalle del Primo ministro Olof Palme e lo uccide. Un omicidio che lascia la Svezia sgomenta e scuote profondamente il mondo politico europeo, e non solo. Il colpevole non è mai stato trovato. Molti anni dopo, il capo della polizia nazionale Lars Martin Johansson decide che è arrivato il momento di dare finalmente un nome all’assassino del Primo ministro e di riprendere in esame le centinaia di chili di carta raccolte su un caso «vivisezionato, smembrato e analizzato minuziosamente in tutti i suoi pezzi» per oltre vent’anni. Sostenuto dai suoi collaboratori più stretti, Lewin, Holt e Mattei, e nonostante il solito Bäckström, Johansson incredibilmente riuscirà a individuare una nuova pista, l’ennesima, ma alla fine della sua indagine avrà anche la conferma dell’inevitabile corruttibilità di chiunque si avvicina troppo al Potere. Paragonata all’opera di James Ellroy, la trilogia di Persson prende a spunto una delle più enigmatiche inchieste del dopoguerra, che ha coinvolto polizia e Servizi segreti di gran parte dei paesi occidentali e dell’ex Unione Sovietica, per sviscerare la rete di intrighi di un lungo periodo della nostra storia. Con l’indiscussa competenza e l’ironia che fanno di lui il maestro del giallo scandinavo, Persson tesse una trama dai risvolti sensazionali, fornendo una teoria che potrebbe decisamente avvicinarsi alla verità.

Imprevista seduzione

La giovane vedova Sara Lawrence ha un solo modo per evitare di sposare l’uomo noioso e morigerato che i suoi fratelli vogliono imporle: trovare al più presto un marito di proprio gusto. Quando Nick Montrose, l’affascinante e dissoluto conte di Bridgeton, fa il suo ingresso nella sala da ballo, Sara decide che è perfetto per lei, e gli si offre in moglie. Però Nick, tormentato da una dolorosa storia familiare, si è ripromesso di non sposarsi mai, e poiché Sara non accetta di diventare sua amante le propone di darle lezioni di seduzione per conquistare un altro uomo. Gli insegnamenti di Nick si rivelano preziosi, ma quando l’allieva inizierà ad applicarli con il maestro, le cose si complicheranno…

Imperfezione. Una storia naturale

Noi siamo il risultato di una serie di imperfezioni che hanno avuto successo. Il nostro cervello e il nostro genoma, due tra i sistemi più complessi che la natura abbia prodotto, sono pieni di imperfezioni. Sono le strutture imperfette a farci capire in che modo funziona l’evoluzione: non come un ingegnere che ottimizza sistematicamente le proprie invenzioni, ma come un artigiano che fa quel che può con il materiale a disposizione, trasformandolo con fantasia, arrangiandosi e rimaneggiando. Anche la storia naturale che ci ha condotto fin qui è un catalogo di imperfezioni che hanno funzionato, a partire da quella infinitesima deviazione nel vuoto quantistico primordiale da cui è nato l’universo. Il filosofo della scienza ed evoluzionista Telmo Pievani, tra i più affermati scrittori di scienza italiani, ritorna con un saggio in cui Lucrezio e la scienza del XXI secolo vanno a braccetto. Ripercorrere la storia dell’imperfezione è importante perché oggi una potentissima specie imperfetta domina il pianeta: dunque, comprereste un’auto usata da Homo sapiens?

L’immaginazione simbolica

Questo densissimo testo ha il grande merito di spiegare non solo cos’e il simbolo e l’immaginazione simbolica, ma di reclamarne la centralita per tutte le forme della creazione psichica. Occorre decostruire l’unilaterialita sia delle retoriche positive che delle ermeneutiche riduttive, chiedersi come la cognizione cartesiana ed empirista, la semiologia e l’involuzione dogmatica della religione abbiano operato un vero “iconoclasma” da parte dell’Occidente, facendoci smarrire l’orientamento simbolico. Una civilta siffatta ci ha portati a perdere quella sensibilita in grado di farci sperimentare l’interiorita del mondo, coglierne la risonanza molteplice di un organismo molteplice e animato, facendoci ripiegare su noi stessi, esiliati e autocentrati, convinti di poter disporre a nostro piacimento di qualsiasi manifestazione del reale: perdere il contatto con il mondo significa per l’uomo non rendersi conto di appartenere a questo stesso ambiente, in un movimento autodistruttivo. L’arte e la religione, cosi importanti per le nostre vite, possono condurci a riscoprire il valore salvifico dell’immaginazione creatrice.”

Illuminismo estremo. Controstoria della filosofia: 4

In questo nuovo volume della sua Controstoria, Onfray demolisce il mito di un Illuminismo razionalista e materialista, denunciando il carattere assai moderato o persino retrivo di alcuni fra i suoi più celebrati esponenti, e tracciando inedite demarcazioni fra i “buoni” materialisti e edonisti e i “cattivi” idealisti del secolo dei Lumi. Anche se messi all’Indice dal Sant’Uffizio, Voltaire e in fondo anche Diderot rimangono infatti deisti e antiatei, vincolati in maniera ambigua ai ricatti della trascendenza. Kant? Misogino e per di più razzista, come Diderot e Buffon. Sade? Un protofascista, che predica la sopraffazione, lo sfruttamento e il disgusto del corpo. Rousseau poi, oltre che criptoidealista, è un reazionario luddista, contrario alla scienza e favorevole alla cieca obbedienza e all’ignoranza del popolo. Chi è da salvare sono invece gli esponenti di una corrente minore e storicamente perdente dell’Illuminismo “estremista”: pensatori come Meslier, La Mettrie, Maupertuis, Helvétius, d’Holbach, di cui Onfray scrive: “L’immanenza, la terra, l’aldiquà: l’ateismo; la materia, la scienza, il mondo sensibile, l’universo visibile: il materialismo; la felicità, la voluttà, il piacere, il corpo, la carne: l’edonismo; il bene pubblico, il comunitarismo, il comunismo, il socialismo: la rivoluzione. Ecco i mattoni con cui gli ultra dei Lumi costruiscono il loro edificio”. **

Illuminismo estremo: Controstoria della filosofia IV

In questo nuovo volume della sua Controstoria, Onfray demolisce il mito di un Illuminismo razionalista e materialista, denunciando il carattere assai moderato o persino retrivo di alcuni fra i suoi più celebrati esponenti, e tracciando inedite demarcazioni fra i «buoni» materialisti e edonisti e i «cattivi» idealisti del secolo dei Lumi. Anche se messi all’Indice dal Sant’Uffizio, Voltaire e in fondo anche Diderot rimangono infatti deisti e antiatei, vincolati in maniera ambigua ai ricatti della trascendenza. Kant? Misogino e per di più razzista, come Diderot e Buffon. Sade? Un protofascista, che predica la sopraffazione, lo sfruttamento e il disgusto del corpo. Rousseau poi, oltre che criptoidealista, è un reazionario luddista, contrario alla scienza e favorevole alla cieca obbedienza e all’ignoranza del popolo. Chi è da salvare sono invece gli esponenti di una corrente minore e storicamente perdente dell’Illuminismo “estremista”: pensatori come Meslier, La Mettrie, Maupertuis, Helvétius, d’Holbach, di cui Onfray scrive: «L’immanenza, la terra, l’aldiquà: l’ateismo; la materia, la scienza, il mondo sensibile, l’universo visibile: il materialismo; la felicità, la voluttà, il piacere, il corpo, la carne: l’edonismo; il bene pubblico, il comunitarismo, il comunismo, il socialismo: la rivoluzione. Ecco i mattoni con cui gli ultrà dei Lumi costruiscono il loro edificio».

Ho Cambiato Idea, Seconda Parte

Se due settimane fa mi avessero detto che mi sarei innamorata del mio aspirante rapitore, gli avrei riso in faccia.
Eppure, eccomi qui oggi. Follemente, profondamente e perdutamente innamorata. Di Richard Blackthorne. Dell’uomo che mi aveva drogata e abbandonata… ma dello stesso uomo che poi era tornato per me.
Nella mia vita a nessuno è mai importato un cazzo di me. Sono sempre stata sola, prima di conoscere Rich.
Ora le cose stanno diversamente. Sono travolta da sentimenti che non avrei mai creduto possibili. Con Rich mi sento… viva. Viva e apprezzata.
Eppure, i dubbi avvelenano ancora i miei pensieri. Una relazione iniziata con una menzogna può portare alla felicità vera? Come faremo io e Rich a fuggire dai nostri inseguitori? Min sarà mai libera?
Mentre apro il mio cuore all’uomo che amo, il nostro reciproco affetto viene messo alla prova. In questo mondo torbido, gli amici diventano nemici ed i nemici amici. Ogni scelta che faccio comporta delle conseguenze per le persone che mi circondano. I segreti che nasconde Rich sono molto più profondi di quanto abbia mai lasciato intravedere. Quando nel nostro rapporto le incomprensioni iniziano ad affiorare, vengo messa di fronte alla domanda più importante di tutte: Rich ed io troveremo mai la pace che desidero così ardentemente?
\–
Ho Cambiato Idea, Seconda Parte conclude la storia di Rich e Penny. Riusciranno a vivere felici e contenti come meritano? C’è solo un modo per scoprirlo…
**
### Sinossi
Se due settimane fa mi avessero detto che mi sarei innamorata del mio aspirante rapitore, gli avrei riso in faccia.
Eppure, eccomi qui oggi. Follemente, profondamente e perdutamente innamorata. Di Richard Blackthorne. Dell’uomo che mi aveva drogata e abbandonata… ma dello stesso uomo che poi era tornato per me.
Nella mia vita a nessuno è mai importato un cazzo di me. Sono sempre stata sola, prima di conoscere Rich.
Ora le cose stanno diversamente. Sono travolta da sentimenti che non avrei mai creduto possibili. Con Rich mi sento… viva. Viva e apprezzata.
Eppure, i dubbi avvelenano ancora i miei pensieri. Una relazione iniziata con una menzogna può portare alla felicità vera? Come faremo io e Rich a fuggire dai nostri inseguitori? Min sarà mai libera?
Mentre apro il mio cuore all’uomo che amo, il nostro reciproco affetto viene messo alla prova. In questo mondo torbido, gli amici diventano nemici ed i nemici amici. Ogni scelta che faccio comporta delle conseguenze per le persone che mi circondano. I segreti che nasconde Rich sono molto più profondi di quanto abbia mai lasciato intravedere. Quando nel nostro rapporto le incomprensioni iniziano ad affiorare, vengo messa di fronte alla domanda più importante di tutte: Rich ed io troveremo mai la pace che desidero così ardentemente?
\–
Ho Cambiato Idea, Seconda Parte conclude la storia di Rich e Penny. Riusciranno a vivere felici e contenti come meritano? C’è solo un modo per scoprirlo…

Il guerriero di ghiaccio

Irlanda, 1172 – Da sempre emarginato e disprezzato dai membri della sua stessa tribù, Killian MacDubh è animato da una strenua volontà di rivalsa che in un primo momento lo porta a considerare Taryn Connelly, figlia del Re di Ossoria, soltanto un mezzo per raggiungere il proprio scopo: aiutare la sorellastra Carise a evitare un matrimonio che non desidera. Ma il fascino di quella fanciulla dall’aria fragile, che è pronta a qualunque sacrificio pur di salvare la vita del padre, accusato di aver cospirato contro il Re Supremo d’Irlanda, a poco a poco fa breccia nel suo cuore di ghiaccio. E in breve si trasforma nell’unica cosa per cui Killian sia disposto a lottare.

Grandi e piccoli eroi che hanno cambiato la storia

**Le battaglie, i segreti, le imprese di uomini straordinari
Il termine eroe, seppur di etimologia incerta, deriva dal greco e significa “signore” e “principe”, ma nel suo significato più generale indica chi, con le proprie opere, si staglia al di sopra degli altri.**
Nella figura dell’eroe si concretano dunque tutti gli attributi e le aspirazioni morali, sociali e culturali del gruppo umano che l’ha forgiato, tanto da farne quasi il punto di incontro tra l’umano e il divino. Per queste sue peculiarità, l’eroe diviene un modello di riferimento, soprattutto per le future generazioni. La Storia ci fornisce un’ampia galleria di eroi, che con le loro opere, le loro imprese hanno concorso in maniera determinante al progresso civile, sociale e culturale dell’umanità. Questo libro intende riportarne alla luce le gesta e ricostruirne così la giusta dimensione storica, allo scopo di comprendere meglio i valori di cui essi furono portatori. Partendo dai più noti a tutti, Cesare, Alessandro Magno, Napoleone, ma parlando anche dei meno conosciuti, Galla Placidia, Carlo Pisacane, Oskar Schindler, che la Storia ha l’obbligo di ricordare. 
**Personaggi, noti e meno noti, autori di grandi imprese e azioni di immenso coraggio
Tra gli eroi presenti nel libro:**
• PERICLE. Un politico al servizio della democrazia
• ALESSANDRO MAGNO. Il più grande conquistatore
• ARCHIMEDE. Il più grande genio dell’antichità
• QUINTO SERTORIO. Il valoroso comandante romano che lottò contro Roma
• GAIO GIULIO CESARE. Il più grande generale dell’antica Roma
• VERCINGETORIGE. Il grande nemico di Cesare
• OTTAVIANO AUGUSTO. L’inventore del principato
• BOUDICCA. La donna che sfidò l’Impero romano
• IPAZIA. La prima donna di scienza dell’antichità
• CARLO MAGNO. Il creatore del Sacro Romano Impero
• GIORDANO BRUNO. Un martire della libertà di pensiero
• PIETRO MICCA. Il soldato che si immolò per la patria
• GIOVANNA D’ARCO. La Pulzella d’Orléans
• NAPOLEONE BONAPARTE. Il più grande generale dell’età moderna
• CARLO PISACANE. L’eroe di Sapri
• GIORGIO PERLASCA. Un eroe normale
• MARTIN LUTHER KING. Il pastore che lottò contro la segregazione dei neri
• NELSON MANDELA. L’uomo che lottò per la fine dell’apartheid in Sudafrica
**Livio Zerbini**
ha insegnato in diverse università europee, tra cui la Sorbona di Parigi; attualmente insegna all’Università di Ferrara, dove dirige il Laboratorio di studi e ricerche sulle Antiche province danubiane, centro di riferimento internazionale per lo studio del mondo balcano-danubiano nell’antichità. È inoltre direttore del Black Sea International Centre, con sede a Batumi, in Georgia. Al proprio attivo ha numerose pubblicazioni scientifiche e 21 libri, di cui alcuni tradotti in diverse lingue. Con la Newton Compton ha pubblicato *I personaggi che hanno fatto grande Roma antica* e *Grandi e piccoli eroi che hanno cambiato la storia*. **
### Sinossi
**Le battaglie, i segreti, le imprese di uomini straordinari
Il termine eroe, seppur di etimologia incerta, deriva dal greco e significa “signore” e “principe”, ma nel suo significato più generale indica chi, con le proprie opere, si staglia al di sopra degli altri.**
Nella figura dell’eroe si concretano dunque tutti gli attributi e le aspirazioni morali, sociali e culturali del gruppo umano che l’ha forgiato, tanto da farne quasi il punto di incontro tra l’umano e il divino. Per queste sue peculiarità, l’eroe diviene un modello di riferimento, soprattutto per le future generazioni. La Storia ci fornisce un’ampia galleria di eroi, che con le loro opere, le loro imprese hanno concorso in maniera determinante al progresso civile, sociale e culturale dell’umanità. Questo libro intende riportarne alla luce le gesta e ricostruirne così la giusta dimensione storica, allo scopo di comprendere meglio i valori di cui essi furono portatori. Partendo dai più noti a tutti, Cesare, Alessandro Magno, Napoleone, ma parlando anche dei meno conosciuti, Galla Placidia, Carlo Pisacane, Oskar Schindler, che la Storia ha l’obbligo di ricordare. 
**Personaggi, noti e meno noti, autori di grandi imprese e azioni di immenso coraggio
Tra gli eroi presenti nel libro:**
• PERICLE. Un politico al servizio della democrazia
• ALESSANDRO MAGNO. Il più grande conquistatore
• ARCHIMEDE. Il più grande genio dell’antichità
• QUINTO SERTORIO. Il valoroso comandante romano che lottò contro Roma
• GAIO GIULIO CESARE. Il più grande generale dell’antica Roma
• VERCINGETORIGE. Il grande nemico di Cesare
• OTTAVIANO AUGUSTO. L’inventore del principato
• BOUDICCA. La donna che sfidò l’Impero romano
• IPAZIA. La prima donna di scienza dell’antichità
• CARLO MAGNO. Il creatore del Sacro Romano Impero
• GIORDANO BRUNO. Un martire della libertà di pensiero
• PIETRO MICCA. Il soldato che si immolò per la patria
• GIOVANNA D’ARCO. La Pulzella d’Orléans
• NAPOLEONE BONAPARTE. Il più grande generale dell’età moderna
• CARLO PISACANE. L’eroe di Sapri
• GIORGIO PERLASCA. Un eroe normale
• MARTIN LUTHER KING. Il pastore che lottò contro la segregazione dei neri
• NELSON MANDELA. L’uomo che lottò per la fine dell’apartheid in Sudafrica
**Livio Zerbini**
ha insegnato in diverse università europee, tra cui la Sorbona di Parigi; attualmente insegna all’Università di Ferrara, dove dirige il Laboratorio di studi e ricerche sulle Antiche province danubiane, centro di riferimento internazionale per lo studio del mondo balcano-danubiano nell’antichità. È inoltre direttore del Black Sea International Centre, con sede a Batumi, in Georgia. Al proprio attivo ha numerose pubblicazioni scientifiche e 21 libri, di cui alcuni tradotti in diverse lingue. Con la Newton Compton ha pubblicato *I personaggi che hanno fatto grande Roma antica* e *Grandi e piccoli eroi che hanno cambiato la storia*.