1009–1024 di 65579 risultati

Cecità Morale

Quando il dolore morale perde la salutare funzione di avvertimento, di allarme e di spinta ad aiutare il nostro simile, inizia il tempo della cecità morale.
La cultura consumistica trasforma qualsiasi negozio o agenzia di servizi in una farmacia dove rifornirsi di tranquillanti e analgesici per attenuare o placare dolori che in questo caso non sono fisici ma morali. Man mano che la negligenza morale si estende e si intensifica, aumenta a dismisura la domanda di antidolorifici e il ricorso a tranquillanti morali diventa assuefazione. Il risultato è che l’insensibilità morale artificialmente indotta tende a diventare compulsiva, una sorta di ‘seconda natura’. Il dolore morale viene soffocato prima che diventi davvero fastidioso e preoccupante, e la trama dei legami umani, intessuta di morale, si fa sempre più fragile e delicata, fino a lacerarsi. I cittadini vengono addestrati a cercare sui mercati, nel consumo, la salvezza dai propri guai, la soluzione ai propri problemi, e la politica si trova (anzi è pungolata, spinta, in ultima analisi costretta) a interpellare i propri governati come consumatori anziché come cittadini, facendo del consumo l’adempimento di un primario dovere civico…

Castigo

So che sono qui per un motivo.
Stonehart mi ha rapito, mi ha privato del cibo e mi ha lasciato al buio… tutto per un motivo.
È un uomo freddo, ma non irrazionale. Ha un suo obiettivo. Non ho ancora scoperto quale sia.
Dovrei disprezzarlo. Non dovrei provare nient’altro che disgusto pensando a lui. Eppure… eppure a volte non è così.
Perché esistono quei preziosi momenti in cui mi fa sentire straordinaria. Apprezzata. Come una persona vera. Qualcuno a cui tiene davvero.
Lo so che queste fuggevoli attestazioni d’affetto non dovrebbero condizionare i miei propositi. Ma non sono lui. Non possiedo il suo autocontrollo. Non riesco a restare impassibile per sempre.
Poco a poco, la mia resistenza mi sta logorando.
Voglio ancora una rivalsa? Voglio ancora vendetta?
Sì. Sì, ovviamente sì. Voglio vendetta. Voglio un castigo.
Ma anche Stonehart vuole qualcosa da me. E la domanda spaventosa che si agita dentro di me è: alla fine sarà un castigo per lui o per me?

Caliban – La guerra

Su Ganimede, il pianeta granaio dell’intero sistema gioviano e fonte di approvvigionamento per i pianeti più esterni, un marine dell’esercito di Marte assiste inerme allo sterminio del suo plotone, massacrato da un mostruoso supersoldato. Nel frattempo, Venere è stato invaso da una protomolecola aliena altamente infettiva che, dopo aver apportato misteriosi e catastrofici cambiamenti all’equilibrio del pianeta, minaccia di espandersi nell’intero sistema solare. Sulla Terra, un politico di alto rango lotta per evitare che si riaccenda la guerra interplanetaria.
È in questo scenario che James Holden e l’equipaggio della Rocinante provano a mantenere la pace all’interno dell’Alleanza dei Pianeti Esterni. Quando accettano di aiutare uno scienziato a ritrovare un bambino scomparso in una Ganimede devastata dalla guerra, comprenderanno che in gioco c’è molto più della sorte di un singolo. L’avvenire dell’umanità è nelle loro mani, ma riuscirà una sola navicella a impedire un’invasione aliena che forse è già cominciata?
Un’epopea visionaria e avveniristica, un viaggio in un futuro remoto ma al tempo stesso sorprendentemente tangibile. **
### Sinossi
Su Ganimede, il pianeta granaio dell’intero sistema gioviano e fonte di approvvigionamento per i pianeti più esterni, un marine dell’esercito di Marte assiste inerme allo sterminio del suo plotone, massacrato da un mostruoso supersoldato. Nel frattempo, Venere è stato invaso da una protomolecola aliena altamente infettiva che, dopo aver apportato misteriosi e catastrofici cambiamenti all’equilibrio del pianeta, minaccia di espandersi nell’intero sistema solare. Sulla Terra, un politico di alto rango lotta per evitare che si riaccenda la guerra interplanetaria.
È in questo scenario che James Holden e l’equipaggio della Rocinante provano a mantenere la pace all’interno dell’Alleanza dei Pianeti Esterni. Quando accettano di aiutare uno scienziato a ritrovare un bambino scomparso in una Ganimede devastata dalla guerra, comprenderanno che in gioco c’è molto più della sorte di un singolo. L’avvenire dell’umanità è nelle loro mani, ma riuscirà una sola navicella a impedire un’invasione aliena che forse è già cominciata?
Un’epopea visionaria e avveniristica, un viaggio in un futuro remoto ma al tempo stesso sorprendentemente tangibile.

Cacciateli!: Quando i migranti eravamo noi

James Schwarzenbach, un editore colto e raffinato di Zurigo, rampollo di una delle famiglie industriali più ricche della Svizzera, cugino della scrittrice Anne Marie Schwarzenbach, a metà degli anni sessanta entra a sorpresa in Parlamento a Berna, unico deputato del partito di estrema destra Nationale Aktion, e come suo primo atto promuove un referendum per espellere dalla Svizzera trecentoquarantamila stranieri, perlopiù italiani. È l’inizio di una campagna di odio contro gli emigrati italiani che dura anni e che sfocerà nel referendum del 7 giugno 1970, quando Schwarzenbach, solo contro tutti (giornali, establishment, Confindustria sono schierati su posizioni opposte), perderà la sua sfida solitaria per un pelo.
Com’è stato possibile? Cosa ci dice del presente questa storia dimenticata? E come si spiega il successo della propaganda xenofoba, posto che la Svizzera avrà dal 1962 al 1974 un tasso di disoccupazione inesistente e sono stati proprio i lavoratori italiani, i Gastarbeiter richiamati in massa dal boom economico, a proiettare il paese in un benessere che non ha eguali nel mondo?
Eppure Schwarzenbach, a capo del primo partito antistranieri d’Europa, con toni e parole d’ordine che sembrano usciti dall’odierna retorica populista, fa presa su vasti strati della popolazione spaesata dalla modernizzazione, dalle trasformazioni economiche e sociali e dal ’68. Schwarzenbach fiuta le insicurezze identitarie e le esaspera. “Svizzeri svegliatevi! Prima gli svizzeri!” sono i suoi slogan, mentre compaiono le inserzioni “Non si affitta a cani e italiani”. **
### Sinossi
James Schwarzenbach, un editore colto e raffinato di Zurigo, rampollo di una delle famiglie industriali più ricche della Svizzera, cugino della scrittrice Anne Marie Schwarzenbach, a metà degli anni sessanta entra a sorpresa in Parlamento a Berna, unico deputato del partito di estrema destra Nationale Aktion, e come suo primo atto promuove un referendum per espellere dalla Svizzera trecentoquarantamila stranieri, perlopiù italiani. È l’inizio di una campagna di odio contro gli emigrati italiani che dura anni e che sfocerà nel referendum del 7 giugno 1970, quando Schwarzenbach, solo contro tutti (giornali, establishment, Confindustria sono schierati su posizioni opposte), perderà la sua sfida solitaria per un pelo.
Com’è stato possibile? Cosa ci dice del presente questa storia dimenticata? E come si spiega il successo della propaganda xenofoba, posto che la Svizzera avrà dal 1962 al 1974 un tasso di disoccupazione inesistente e sono stati proprio i lavoratori italiani, i Gastarbeiter richiamati in massa dal boom economico, a proiettare il paese in un benessere che non ha eguali nel mondo?
Eppure Schwarzenbach, a capo del primo partito antistranieri d’Europa, con toni e parole d’ordine che sembrano usciti dall’odierna retorica populista, fa presa su vasti strati della popolazione spaesata dalla modernizzazione, dalle trasformazioni economiche e sociali e dal ’68. Schwarzenbach fiuta le insicurezze identitarie e le esaspera. “Svizzeri svegliatevi! Prima gli svizzeri!” sono i suoi slogan, mentre compaiono le inserzioni “Non si affitta a cani e italiani”.

Book2 Italiano – Slovacco Per Principianti

book2 – è disponibile in varie lingue – è ideale per principianti – comprende 100 capitoli concisi e facili – corrisponde ai livelli europei A1 e A2 – non richiede nessuna preconoscenza grammaticale – copre tutto il vocabolario di base – grazie alla facilità delle strutture utilizzate è un vero aiuto nello studio di una lingua – in breve tempo si impara a formulare correttamente frasi complete – si avvale delle più moderne ricerche sulla memoria Accesso a tutto il materiale scaricabile su www.book2.de. I file audio sono a disposizione gratuitamente su www.book2.de. Un consiglio: studiare solo un capitolo al giorno! Ma ripetere regolarmente i capitoli precedenti. **

Blizzard: Un Romanzo Paranormale

**La sexy mutaforme leopardo, il mutaforme lupo che ha lasciato il branco e il Re Vampiro che devono fermare ad ogni costo.**
Val Masters
Chi non mi conosce vede solo l’immagine di una cattiva ragazza centaura, ma chi mi conosce davvero sa che niente mi fermerebbe per proteggere la mia famiglia. Sono il braccio destro del branco della Fratellanza Selvaggia, la mutaforme leopardo che può salvare la situazione ogni volta che un nuovo vampiro mette piede nel nostro territorio, finché uno sbirro traditore non inizia ad interferire…
Gabriel Cunningham
Dopo aver perso la mia occasione di diventare alfa, ho lasciato il mio branco per entrare nell’esercito. Ma sono tornato, lasciandomi alle spalle i giorni da mutaforme come Blizzard. Quando sono stato nominato nuovo sceriffo in città, ho deciso di fare un accordo con il branco… Loro proteggono la città e io chiudo un occhio. Finché non scopro i traffici di droga di Val sulle mie strade. Neanche le sue curve possono distrarmi dalla giustizia che ho promesso di salvaguardare in città.
Val può sopravvivere alle voci secondo le quali Gabriel sta osservando ogni sua mossa?
Gabriel sarà in grado di guardare oltre i fatti e vedere la vera Val nascosta dietro alla sua facciata rude?
Immergiti in un’appassionante avventura in cui Val tenta di fermare il Re Vampiro, mentre cerca di negare l’intensa attrazione che prova verso Gabriel.
NOTA DELL’AUTRICE: Questo è un romanzo paranormale unico con un lieto fine! La storia contiene temi e linguaggio per adulti, ed è rivolta solo a lettori di 18+ anni.
**Altri Libri in questa Serie:**
✦ Tornado (Libro 1)
✦ Blizzard (Libro 2)
✦ Thunder (Libro 3)
✦ Hurricane (Libro 4)
✦ Typhoon (Libro 5)
✦ Twister (Libro 6)
✦ Cyclone (Libro 7)
✦ Storm (Libro 8)
**
### Sinossi
**La sexy mutaforme leopardo, il mutaforme lupo che ha lasciato il branco e il Re Vampiro che devono fermare ad ogni costo.**
Val Masters
Chi non mi conosce vede solo l’immagine di una cattiva ragazza centaura, ma chi mi conosce davvero sa che niente mi fermerebbe per proteggere la mia famiglia. Sono il braccio destro del branco della Fratellanza Selvaggia, la mutaforme leopardo che può salvare la situazione ogni volta che un nuovo vampiro mette piede nel nostro territorio, finché uno sbirro traditore non inizia ad interferire…
Gabriel Cunningham
Dopo aver perso la mia occasione di diventare alfa, ho lasciato il mio branco per entrare nell’esercito. Ma sono tornato, lasciandomi alle spalle i giorni da mutaforme come Blizzard. Quando sono stato nominato nuovo sceriffo in città, ho deciso di fare un accordo con il branco… Loro proteggono la città e io chiudo un occhio. Finché non scopro i traffici di droga di Val sulle mie strade. Neanche le sue curve possono distrarmi dalla giustizia che ho promesso di salvaguardare in città.
Val può sopravvivere alle voci secondo le quali Gabriel sta osservando ogni sua mossa?
Gabriel sarà in grado di guardare oltre i fatti e vedere la vera Val nascosta dietro alla sua facciata rude?
Immergiti in un’appassionante avventura in cui Val tenta di fermare il Re Vampiro, mentre cerca di negare l’intensa attrazione che prova verso Gabriel.
NOTA DELL’AUTRICE: Questo è un romanzo paranormale unico con un lieto fine! La storia contiene temi e linguaggio per adulti, ed è rivolta solo a lettori di 18+ anni.
**Altri Libri in questa Serie:**
✦ Tornado (Libro 1)
✦ Blizzard (Libro 2)
✦ Thunder (Libro 3)
✦ Hurricane (Libro 4)
✦ Typhoon (Libro 5)
✦ Twister (Libro 6)
✦ Cyclone (Libro 7)
✦ Storm (Libro 8)

Bittersweet Love: Racconto breve

Sono quasi due anni che Samantha non vede Ashley, la sua migliore amica sin dai tempi dell’asilo. Pensa che quella rimpatriata porterà unicamente a risate, divertimento, segreti inconfessati e bei ricordi, ma in realtà riaccende la scintilla di qualcosa di ben più radicato e potente.
ATTENZIONE: racconto breve, anzi brevissimo!! A tematica Gay-Lesbian.
Dolce quel tanto che basta a farvi sospirare un “Aaaw” alla fine della lettura e con un pizzico, poco, di erotismo.
Lasciatevi cullare dai batticuori di Ash e SammySam! **
### Sinossi
Sono quasi due anni che Samantha non vede Ashley, la sua migliore amica sin dai tempi dell’asilo. Pensa che quella rimpatriata porterà unicamente a risate, divertimento, segreti inconfessati e bei ricordi, ma in realtà riaccende la scintilla di qualcosa di ben più radicato e potente.
ATTENZIONE: racconto breve, anzi brevissimo!! A tematica Gay-Lesbian.
Dolce quel tanto che basta a farvi sospirare un “Aaaw” alla fine della lettura e con un pizzico, poco, di erotismo.
Lasciatevi cullare dai batticuori di Ash e SammySam!

Biglietto di sola andata per l’amore

Amelia è una ragazza dolce e gentile, abita a Firenze dove lavora come pasticcera. Le sue origini però sono emiliane. A Bologna infatti vive sua nonna ed è proprio grazie a lei che incontra Josh, un bel ragazzo di origini italo americane e che assomiglia al suo attore preferito.
Tra i due è subito un colpo di fulmine ma quella che stava diventando una bellissima e serena storia d’amore viene messa a dura prova dal nonno di lui che lo vuole a New York a lavorare per la sua importante casa editrice, da un mistero irrisolto nella vita di Amelia e da una scrittrice americana che farà di tutto per accaparrarsi il sexy scapolo.
Riuscirà il sentimento che li unisce a crescere nonostante tutte queste avversità? **
### Sinossi
Amelia è una ragazza dolce e gentile, abita a Firenze dove lavora come pasticcera. Le sue origini però sono emiliane. A Bologna infatti vive sua nonna ed è proprio grazie a lei che incontra Josh, un bel ragazzo di origini italo americane e che assomiglia al suo attore preferito.
Tra i due è subito un colpo di fulmine ma quella che stava diventando una bellissima e serena storia d’amore viene messa a dura prova dal nonno di lui che lo vuole a New York a lavorare per la sua importante casa editrice, da un mistero irrisolto nella vita di Amelia e da una scrittrice americana che farà di tutto per accaparrarsi il sexy scapolo.
Riuscirà il sentimento che li unisce a crescere nonostante tutte queste avversità?

Beyond Temptation: Serie Forbidden Love Vol. 2

Andrew è l’insegnante di letteratura inglese di Angel alla Columbia University. È innamorato di lei, ma il loro legame deve restare segreto. Quando dal suo passato ricompare la moglie, decisa a riprenderselo, le cose si complicano.
Angel è devastata. Tutto avrebbe pensato fuorché innamorarsi di un uomo sposato, irraggiungibile. Cerca in ogni modo di tenersi lontana da lui, di evitarlo.
Ma si può allontanare la tentazione?
Quella forza invincibile e devastante che li attira l’uno verso l’altro?
«Amore, odio… Non so cosa provo per te. Forse entrambe le cose. Ma il desiderio… è quello che mi divora l’anima quando ti guardo. Non ti basta?».
ATTENZIONE: il romanzo contiene scene di sesso esplicite, è pertanto adatto a un pubblico adulto. **
### Sinossi
Andrew è l’insegnante di letteratura inglese di Angel alla Columbia University. È innamorato di lei, ma il loro legame deve restare segreto. Quando dal suo passato ricompare la moglie, decisa a riprenderselo, le cose si complicano.
Angel è devastata. Tutto avrebbe pensato fuorché innamorarsi di un uomo sposato, irraggiungibile. Cerca in ogni modo di tenersi lontana da lui, di evitarlo.
Ma si può allontanare la tentazione?
Quella forza invincibile e devastante che li attira l’uno verso l’altro?
«Amore, odio… Non so cosa provo per te. Forse entrambe le cose. Ma il desiderio… è quello che mi divora l’anima quando ti guardo. Non ti basta?».
ATTENZIONE: il romanzo contiene scene di sesso esplicite, è pertanto adatto a un pubblico adulto.

Balla con me

Cosa fareste voi se vi svegliaste in un letto, a Las Vegas, ammanettati a un bellissimo uomo seminudo, a quindici giorni dal vostro matrimonio? Sicuramente tante domande e avreste un bel problema da risolvere. Questo è ciò che accade a Maya, terzogenita degli Stone, ricca e potente famiglia di San Francisco. Il suo è indubbiamente un problema e diventa un incubo perché l’uomo in questione non è uno sconosciuto ma Andrés Herrera, il ragazzo che l’ha abbandonata tanti anni prima.
Il tempo torna improvvisamente indietro e porta con sé tante domande, ma una è inaccettabile per lei: perché lui la odia più di quanto lei odi lui? Trovare la risposta a questa domanda significherà riaprire vecchie ferite; intraprendere un viaggio nella propria anima, tra un passato doloroso, un presente pieno di dubbi e un futuro tutto da scrivere.
La verità sarà crudele, ma andrà accettata. Guardare avanti, sembra essere l’unico modo per tornare a vivere e trovare finalmente il proprio posto nel grande ballo che la vita rappresenta.
Il problema è avere sempre il coraggio di ballare.
ROMANZO AUTOCONCLUSIVO
NOTA DELL’AUTRICE: Battiti, Io scelgo te e Balla con me sono tutti romanzi autoconclusivi che hanno in comune la parentela tra i protagonisti: Liam Stone, Michael Stone e Maya Stone sono fratelli. I riferimenti ai romanzi precedenti non pregiudicano la lettura di Balla con me come stand alone.
Della stessa autrice:
PIECES Frammenti di un’anima
PIECES Il pezzo mancante
PIECES Simon
BATTITI
IO SCELGO TE
**
### Sinossi
Cosa fareste voi se vi svegliaste in un letto, a Las Vegas, ammanettati a un bellissimo uomo seminudo, a quindici giorni dal vostro matrimonio? Sicuramente tante domande e avreste un bel problema da risolvere. Questo è ciò che accade a Maya, terzogenita degli Stone, ricca e potente famiglia di San Francisco. Il suo è indubbiamente un problema e diventa un incubo perché l’uomo in questione non è uno sconosciuto ma Andrés Herrera, il ragazzo che l’ha abbandonata tanti anni prima.
Il tempo torna improvvisamente indietro e porta con sé tante domande, ma una è inaccettabile per lei: perché lui la odia più di quanto lei odi lui? Trovare la risposta a questa domanda significherà riaprire vecchie ferite; intraprendere un viaggio nella propria anima, tra un passato doloroso, un presente pieno di dubbi e un futuro tutto da scrivere.
La verità sarà crudele, ma andrà accettata. Guardare avanti, sembra essere l’unico modo per tornare a vivere e trovare finalmente il proprio posto nel grande ballo che la vita rappresenta.
Il problema è avere sempre il coraggio di ballare.
ROMANZO AUTOCONCLUSIVO
NOTA DELL’AUTRICE: Battiti, Io scelgo te e Balla con me sono tutti romanzi autoconclusivi che hanno in comune la parentela tra i protagonisti: Liam Stone, Michael Stone e Maya Stone sono fratelli. I riferimenti ai romanzi precedenti non pregiudicano la lettura di Balla con me come stand alone.
Della stessa autrice:
PIECES Frammenti di un’anima
PIECES Il pezzo mancante
PIECES Simon
BATTITI
IO SCELGO TE

Autunno dalla mia finestra

L’ autunno convertito in metafora, amore, silenzio, dolore fatto parola, una madre, sua figlia. “Una finestra può essere lo scenario più bello o il più triste; può essere un inno alla vita o alla morte; può essere un luogo senza ritorno, una tana, o forse solo un punto di partenza per continuare a vivere. “Non si può più tornare indietro! Mentre precipito nel vuoto, mi rendo conto di quanto sia stata stupida. Voglio tornare indietro e cerco di farlo, ma il mio corpo segue la legge più brutale della natura, e cade, senza pietà, rapidamente, molto rapidamente, verso il basso. Che velocità acquista la morte nella sua pazza strada verso la fine! Quasi non dà il tempo di pensare, di respirare, rimembrare un ricordo.È la vita! La vita interrotta in un istante. Julia! Julia! Ricordi come ti piaceva l’autunno? L’autunno! L’autunno dalla mia finestra| E oggi? Cosa ci rimane oggi? Julia, perché mi hai lasciato sena storia! Nella mia tristezza accarezzo l’idea che soffrire sia una forma di amore, dev’esserlo per forza! Perché, altrimenti, chi sopporterebbe una tale disgrazia? Ho sempre amato toccare l’animo di coloro che hanno scelto la morte per continuare a vivere, ed è per questo che ho scritto questa storia, per avvicinarmi a loro. Tuttavia, nel riprendere quell’ultimo sospiro dall’alta finestra della mia infanzia, mi sono incrociata con l’altro mio io, con la madre che ora sono, e ho pensato che forse era più giusto parlare dei vivi che hanno scelto di continuare a morire. E allora la trama è cambiata ed è diventata un doppio cadavere, madre e figlia, figlia e madre. Un prima e un dopo. Emozionante, dura, imprescindibile. Una storia che potrebbe essere quella di ognuno di noi.

Attraverso L’Atlantico in Pallone

La fervida immaginazione di Salgàri non si ferma alle avventure di Sandokan o del Corsaro nero, ma va decisamente oltre. Una prova tangibile di ciò è senz’altro Attraverso l’Atlantico in pallone, breve ma appassionante romanzo pubblicato nel 1896. Sorta di versione italiana de Il Giro del mondo in ottanta giorni di Jules Verne, il libro ha per protagonista Mister Ned Kelly, miliardario americano e ingegnere di talento. Quest’ultimo raccoglie la difficile sfida di raggiungere, a bordo di un pallone aerostatico (il “Washington”) da lui stesso ideato, l’Africa. L’impresa prende avvio dall’America e consiste nell’attraversare l’immenso oceano Atlantico. Sul “Washington” salgono pure Simone, aiutante di Mr. Kelly, e Harry O’Donnell, leader dei ribelli irlandesi e ricercato dalla polizia inglese. Imprevisti di ogni genere, calamità naturali (un uragano), incontri/scontri con mostri marini (un polpo gigante) e pescecani, rendono il testo veramente godibile.
Emilio Carlo Giuseppe Maria Salgàri nasce a Verona il 21 agosto 1862. Scrittore incredibilmente prolifico è, senz’altro, ancora oggi il più popolare autore italiano di romanzi d’avventura. Personaggi come Sandokan, Yanez de Gomera e il Corsaro Nero fanno tuttora parte, grazie anche alle numerose trasposizione cinematografiche e televisive delle sue opere, dell’immaginario collettivo. La mole della sua produzione romanzesca è impressionante (200 opere se si considerano anche i racconti) ed è il frutto di tempi di lavoro massacranti. Egli è anche considerato uno dei precursori della fantascienza in Italia. L’eccessivo lavoro, una situazione familiare difficile e i numerosi debiti lo portano al suicidio, avvenuto a Torino il 25 aprile del 1911.

Asso di cuori

RACCONTO (20 pagine) – ROMANCE – 1868, Far West. Nick e Hope, avventurieri al seguito della ferrovia e complici ai tavoli da gioco, si amano. Ma sapranno andare oltre l’adrenalina dalla pura avventura?Territorio del Wyoming, 1868. Avventurieri al seguito della ferrovia, complici ai tavoli da gioco e amanti: questo erano stati Hope e Nick, per tre anni. Finché per lei non era più stato abbastanza. Voleva il suo amore, essere sua moglie, creare quella famiglia che non aveva mai avuto, ma Nick, il giocatore d’azzardo, non aveva voluto rischiare il suo cuore. Adesso il destino offre loro una seconda possibilità: Hope e Nick sapranno coglierla? Sapranno dimenticare per ricominciare insieme? Patrizia Ines Roggero nasce a Genova nel 1979. Coltiva la passione per la scrittura fin dall’adolescenza, ma è solo nel 2008 che pubblica il suo primo romanzo “Sono solo un marinaio” (Boopen editore). Nello stesso anno esce “Parola di Suocera e parenti vari” (Boopen editore) edito poi nel 2013 da Galassia Arte Edizioni. Nel 2010 il suo racconto “Angela e Gigi” viene inserito nel volume “La parola possibile – Voci della narrativa in provincia di Alessandria” (Puntoacapo edizioni). Nel 2013 il suo racconto “Una pallina natalizia… scorbutica” viene inserito nell’antologia “365 racconti di Natale” (Delos Books) e nel 2014 il suo racconto “Lucciole” viene inserito nell’antologia “365 racconti sotto l’ombrellone” (Delos Books). Sposata e mamma di una bambina, l’autrice è appassionata di storia americana, soprattutto per quanto riguarda l’epopea western e la cultura dei Nativi Americani. **
### Sinossi
RACCONTO (20 pagine) – ROMANCE – 1868, Far West. Nick e Hope, avventurieri al seguito della ferrovia e complici ai tavoli da gioco, si amano. Ma sapranno andare oltre l’adrenalina dalla pura avventura?Territorio del Wyoming, 1868. Avventurieri al seguito della ferrovia, complici ai tavoli da gioco e amanti: questo erano stati Hope e Nick, per tre anni. Finché per lei non era più stato abbastanza. Voleva il suo amore, essere sua moglie, creare quella famiglia che non aveva mai avuto, ma Nick, il giocatore d’azzardo, non aveva voluto rischiare il suo cuore. Adesso il destino offre loro una seconda possibilità: Hope e Nick sapranno coglierla? Sapranno dimenticare per ricominciare insieme? Patrizia Ines Roggero nasce a Genova nel 1979. Coltiva la passione per la scrittura fin dall’adolescenza, ma è solo nel 2008 che pubblica il suo primo romanzo “Sono solo un marinaio” (Boopen editore). Nello stesso anno esce “Parola di Suocera e parenti vari” (Boopen editore) edito poi nel 2013 da Galassia Arte Edizioni. Nel 2010 il suo racconto “Angela e Gigi” viene inserito nel volume “La parola possibile – Voci della narrativa in provincia di Alessandria” (Puntoacapo edizioni). Nel 2013 il suo racconto “Una pallina natalizia… scorbutica” viene inserito nell’antologia “365 racconti di Natale” (Delos Books) e nel 2014 il suo racconto “Lucciole” viene inserito nell’antologia “365 racconti sotto l’ombrellone” (Delos Books). Sposata e mamma di una bambina, l’autrice è appassionata di storia americana, soprattutto per quanto riguarda l’epopea western e la cultura dei Nativi Americani.

Ascolto il tuo cuore, città

In margine a questo libro, Savinio avverte il lettore che si tratta di «un libro discorsivo: un *entretenimiento* ». E subito aggiunge che questa forma di «lungo e tranquillo conversare» è per lui la più ambiziosa, in quanto sottintende tutta la civiltà: qui «la fase cosmogonica della poesia – e del pensiero – è superata, sottintesa, e “taciuta”; per quel pudore che è regola rigorosa sul piano di questa superiore civiltà. Ormai non si opera più, non si cede più alla bassa ambizione di *mettere le mani in pasta*. Si rievoca soltanto. Si passa tranquilli, indifferenti, fra i ricordi che il dramma ha lasciato dietro di sé. E solo c’è voce per un discorso calmo. Poi, più oltre, più su, luogo non ci sarà nemmeno per un discorso; ma solo per il silenzio». Una volta decifrato tale impeccabile cartiglio, che illustra non solo questo libro ma tutta l’opera di Savinio, siamo pronti a seguire questo «lungo conversare» che – ci accorgeremo presto – è anche un *passeggiare* : passeggiare per Milano, scoprendo in questa città (che Savinio si azzarda a definire «dotta e meditativa: la più romantica delle città italiane») una selva di associazioni, di figure, di fantasmi, di fatti. Per lo scrittore, Milano è una robusta, onesta stoffa su cui ricamare divagazioni. E la divagazione è per lui anche il pretesto per contrabbandare i frammenti di una sottile confessione autobiografica. Ovunque si spinga in questo suo urbano girovagare, Savinio è assistito dalla sua amica più fedele, l’ironia, intesa come «maniera sottile d’insinuarsi nel segreto delle cose», virtù tanto più necessaria a Milano, che si presenta come «città tutta pietra in apparenza e dura», mentre è «morbida di giardini “interni”». E, a fianco di Savinio, quale perenne compagno di conversazione riconosciamo un’ombra, il milanese Henri Beyle. Da lui, solo da lui, Savinio ha derivato un certo sguardo amoroso che si posa sui dettagli della città – e persino un gesto che ormai è una sfida dell’immaginazione, respirare «a pieni polmoni l’odore della sua cara città, ch’è l’odore di legno bruciato esalato dai camini e custodito dalla nebbia». Savinio stava licenziando questo libro nell’estate 1943, quando i bombardamenti dell’agosto «mutarono la faccia di Milano». Volle allora aggiungere alcune pagine, che parlano di Milano colpita dalla guerra. Il libro fu poi pubblicato nel febbraio 1944.

Arkansas

«Gli scrittori spesso travestono la loro vita in forma di romanzo. Quello che non fanno quasi mai è tramutare il romanzo nella loro vita» dice il protagonista della prima storia di Arkansas, un personaggio che non a caso si chiama David Leavitt. Ribaltando le convenzioni, infatti, l’autore di Ballo di famiglia ha qui inserito se medesimo in un contesto immaginario. Ed è l’indicazione più forte e sorprendente che esce da questo libro, segno di un cambiamento di rotta con cui Leavitt ci conduce verso nuove direzioni. Che racconti di uno scrittore affermato e in crisi che in cambio di sesso scrive tesi per universitari, con un successo dagli esiti inaspettati, o di un giovane che consegna pasti a domicilio a malati di Aids costretti nelle loro case di Los Angeles, è della tensione fra desiderio di fuga e bisogno di accettazione che Leavitt ci parla, di ciò che si oppone alla libertà intellettuale e affettiva, della sessualità come demone sempre sconosciuto. E della nostra condizione di eterni “esiliati”, che proprio nel loro stile trovano un’emozionante forza espressiva.

Antropologia strutturale

Opera decisiva nello sviluppo della cultura occidentale del secondo Novecento, Antropologia strutturale causò, al suo apparire nel 1958, una rivoluzione copernicana nel campo delle scienze sociali, e ancora oggi rappresenta uno spartiacque evidente nella riflessione sul linguaggio, la religione e il mito, l’arte, e soprattutto sul concetto di struttura: nella certezza che anche tra gli uomini esistano costanti universali, compito dell’antropologia è non solo ricercare la ragione di queste costanti, ma soprattutto sondare il sistema di regole inconsce che condizionano tutti i comportamenti umani. L’antropologo può essere allora accostato, come scrive Lévi-Strauss in una pagina rimasta celebre, a un astronomo, cui spetta di trovare un senso unico a configurazioni molto diverse, per ordine di grandezza e lontananza, da quelle immediatamente vicine all’osservatore. Esercizio di convinto, radicale prospettivismo, la ricerca antropologica – nel suo aspetto tanto di elaborazione teorica, quanto di indagine sul campo – sussume in sé linguistica, sociologia, etnologia, e analizza la vita sociale come un sistema in cui tutti gli aspetti sono organicamente connessi. A quasi cinquant’anni dalla prima pubblicazione italiana, il Saggiatore ripropone quest’opera capitale in cui Lévi-Strauss ha saputo coniugare la chiarezza di intenti e la forza affabulatoria dei grandi etnologi e mitografi del passato – James Frazer su tutti – con un rigore scientifico insuperato. Nel riunire atteggiamenti e metodi prima considerati appannaggio di discipline inconciliabili, Antropologia strutturale indica una nuova traiettoria nello studio del mondo e, nel rilevare gli schemi generali sottesi alle più diverse civiltà, non smette di meravigliare per l’inesauribile varietà delle soluzioni umane.