9857–9872 di 74503 risultati

Il Guanto Di Velluto

Prima traduzione integrale italiana. All’apice della gloria letteraria per il suo ultimo successo teatrale, lo scrittore americano John Berridge incontra a un ricevimento mondano a Parigi una bellissima principessa inglese, che gli confessa di essere una sua entusiasta ammiratrice. Agli occhi e all’immaginazione di Berridge quella dichiarazione sembra far da preludio a una meravigliosa e inaspettata avventura, ma la faccenda prende una piega del tutto inattesa. Pubblicato nel 1910, «Il guanto di velluto» è una delle ultime opere scritte da Henry James (1843-1916), costituendo quasi una sua ultima riflessione finale sull’arte dello scrivere e sul suo rapporto con la vita reale. Completano il volume una breve nota critica e degli apparati.

Il Gioco Di Louise

Louise non è nessuno. Si barcamena tra vari lavori e vive in un appartamentino a Brooklyn. Lavinia invece ha tutto: bellezza, soldi, le conoscenze giuste e una casa da sogno a Manhattan. Si incontrano per caso, eppure scivolano subito in un’amicizia malsana, quasi tossica. Con l’aiuto di Lavinia, Louise ha finalmente accesso alla New York glamour e sofisticata che ha sempre ammirato nei profili Instagram degli altri. Ma quando le porte di quel mondo rischiano di chiudersi, Louise sarà costretta a spingersi oltre ogni ragione per non restarne esclusa.
«Burton ci conquista grazie a un meraviglioso controllo della materia narrata, e alla nostra fascinazione per le incredibili feste di Manhattan».
**The Guardian**
«Un primo romanzo assurdamente ben riuscito, raccontato con una voce estremamente originale».
**The Observer**
«Un Mr. Ripley al tempo dei social network».
**New York Post**

IL FIORE DELLE PERLE. Racconto.

Scampata miracolosamente alla morte, Than-Kiù il Fiore delle Perle, vive una sofferta guarigione nel ricordo del fratello Hang-Tu caduto per la libertà e del mancato amore di Romero che ha seguito Teresita. Inutilmente consolata dai fedeli Pram-Li e Sheu-Kin, riceve la visita di Hong, valoroso capo degli insorti. Dallo stesso apprende che la nave su cui erano imbarcati Romero e la bella rivale, preda dei pirati, risulta arenata sulle coste di Mindanao. Forte di un debito di gratitudine verso colui che non era mai riuscita a distogliere da Teresita, Than-Kiù decide di portare loro aiuto. Dopo inutili tentativi di dissuasione, Hong e i due fedeli decidono di seguirla. Il viaggio, in incognito verso Mindanao, non è scevro di di pericoli e oltre gli spagnoli di cui devono eludere la sorveglianza dovranno scontrarsi coi terribili pirati malesi ed i ferocissimi tagliatori di teste. Fra mille pericoli e difficoltà, Il Fiore delle Perle avrà modo di apprezzare il valore e l’abnegazione di Hong che non nasconde la sua passione per lei. Liberati Romero e Teresita, Than-Kiù nel congedarsi da loro confesserà apertamente il suo amore per Hong.

Il Falò Dell’autunno

**QUESTO LIBRO È A LAYOUT FISSO**
“La prendeva per mano e camminavano insieme attraverso grandi campi in cui ardevano dei falò. ‘Vedi’, le diceva ‘sono i falò dell’autunno; puri-ficano la terra, la preparano per nuove semine. Voi siete ancora giovani. Nella vostra vita, questi grandi falò non hanno ancora cominciato ad ardere. Si accenderanno. Devasteranno molte cose. Vedrete, vedrete…’”.
La vita di tre famiglie piccolo-borghesi, i Brun, i Jacquelain e gli Humbert, vennero sconvolte dallo scoppio della Prima guerra mondiale, che devastò intere nazioni, rendendo schiavi gli uomini dei propri sentimenti. Nel 1914 Martial Brun, giovane medico di sani principi, sposò sua cugina Thérèse, ma il matrimonio, a causa della morte prematura di Martial, caduto in guerra nel tentativo di salvare la vita a un ferito, ebbe breve durata. Anni dopo, la donna si innamorò di Bernard Jacquelain che, arruolatosi nell’esercito appena diciottenne con la speranza di combattere con virtù ed onore, ne era tornato profondamente deluso, privo di ideali e con l’ossessione di dover ad ogni costo riguadagnare il tempo perduto. Inesorabilmente attratto dal denaro e dalla bella vita, l’unione con Thérèse non era sufficiente a placare il suo animo e il loro rapporto si rivelò conflittuale e privo di quella sere-nità a lungo agognata dalla giovane donna. Finché lo scoppio di un nuovo conflitto intervenne a sconvolgere nuovamente la loro esistenza.
Irène Némirovsky (1903 – 1942) scrittrice francese di origine ebraica, deportata nel campo di sterminio di Auschwitz, dove morì di tifo, ha tra le sue opere più importanti: Suite francese, David Golder, I doni della vita, I cani e i lupi e Il ballo.

Il Duca Americano

**I duchi ribelli** 3
*Dalle sterminate pianure del Texas alla rigogliosa Scozia per liberarsi di un titolo… e trovare l’amore.*
*Scozia, 1869*
Tutto ciò che Connor McCraight conosce e ama sono le immense pianure del Texas, i cavalli e come prendersi cura delle mandrie di sua proprietà. Proprio non sa che farsene del titolo di Duca di Lothian appena ereditato, così come della tenuta di Bealadair e delle conseguenti responsabilità. Benché sia pieno inverno, decide quindi di affrontare il difficoltoso viaggio verso la Scozia per sbarazzarsi il prima possibile del problema. Tuttavia tra i suoi progetti non è contemplato l’inaspettato incontro con Elsbeth, pupilla del defunto duca, che lo tenta come nessun’altra donna ha mai fatto. Un motivo in più per tornare quanto prima a casa. Ma quando Connor è vittima di diversi attentati alla sua vita, la sola persona di cui si può fidare è proprio la stessa che gli sta indebitamente rubando il cuore!

Il Drago Di Ghiaccio (Edizione Illustrata)

Adara non ricordava quando aveva visto per la prima volta il drago di ghiaccio, sembrava avesse sempre fatto parte della sua vita. A quattro anni lo aveva visto da vicino, a cinque era salita per la prima volta sul suo possente dorso gelato. Era una bambina dell’inverno, nata durante la peggiore gelata che chiunque potesse ricordare e del drago non aveva paura.
In una quieta mattina estiva, i draghi che sputano fuoco, montati da cavalieri senza scrupoli, scendono in picchiata sulla fattoria dove Adara vive, dando sfogo alla loro furia sterminatrice. Solo una bambina dell’inverno, aiutata da un drago di ghiaccio, può salvare il mondo dalla distruzione.
«Il drago di ghiaccio la guardò per dieci lunghi battiti del cuore, prima di ripartire. L’aria scricchiolò attorno a lei e attraverso di lei quando batté le ali per librarsi in volo, ma Adara provò una strana felicità.»

Il Dolore Secondo Matteo

*Il dolore secondo Matteo* è un esordio fulminante, un concentrato di crudeltà e precisione linguistica, un romanzo erotico in cui anche le passioni più violente sembrano esplodere in un nitore da laboratorio scientifico – come a volerci dire che persino il nostro cuore di tenebra non è altro che un congegno a orologeria.
*Il dolore secondo Matteo* è la storia di un menage à trois fra il Matteo del titolo, un trentenne dai modi gentili che lavora in un’agenzia di pompe funebri, a cui sono sconosciuti il rimorso e il senso di colpa, Filippo, il giovane omosessuale figlio dei titolari della ditta, persuaso che si possa fare del quotidiano una rivoluzione permanente, e Claudia, bella e sofisticata terapeuta musicale, donna esageratamente convinta del proprio fascino. Aggiungeteci l’atmosfera dell’agenzia di pompe funebri, l’Italia di questi anni e la relazione erotica che presto si trasforma in un crudele gioco al massacro. Usate come collante una lingua veloce, nervosa, di abbacinante precisione e avrete l’affresco del primo grande triangolo amoroso del XXI secolo.

Il Diritto Di Non Soffrire

La labilità dei confini tra le cure di fine vita («lasciar morire»), il suicidio assistito («aiutare a morire») e l¿eutanasia («provocare il morire») non ha permesso finora di affrontare in modo adeguato l¿enorme e delicatissimo problema ¿ irto di implicazioni etiche, giuridiche, umane e perfino religiose ¿ di come rispondere a quei pazienti che, affetti da una malattia inguaribile e irreversibile, invocano il «permesso » di morire, o meglio di interrompere una vita «torturata e non più voluta».
Umberto Veronesi tratta temi di bruciante attualità, come l¿eutanasia e il testamento biologico, presentando le diverse forme di «buona morte» attraverso il racconto di storie eloquenti e strazianti di malati terminali (alcuni molto noti, come Terri Schiavo, Giovanni Nuvoli, Piergiorgio Welby, Eluana Englaro) a cui è stato a lungo negato l¿aiuto che avrebbe consentito di risparmiare loro atroci sofferenze. Tali argomenti vengono analizzati alla luce delle differenti posizioni assunte dai vari paesi del mondo, sia i molti in cui l¿eutanasia non è permessa sia i pochi (Olanda, Belgio e Lussemburgo) in cui è stata di fatto depenalizzata, pur rimanendo un atto praticabile unicamente da personale medico e a condizione che si tratti di una richiesta motivata, reiterata e consapevole, ovvero dotata di tutti i requisiti che ne attestino la «legalità». In Italia, invece, non solo non è ancora stata varata alcuna legge in materia, ma il cammino verso tale traguardo si annuncia molto arduo e disseminato di ostacoli.
Oggi, quindi, la decisione relativa all¿assistenza di fine vita è pressoché ovunque esclusiva competenza dei medici. Tuttavia Veronesi, da medico, è convinto che sia inalienabile diritto di ogni cittadino decidere se avviare ¿ o quando interrompere ¿ il cosiddetto «trattamento di sostegno» (alimentazione e idratazione artificiali), poiché il prolungamento o l¿accorciamento della vita non sono valori in sé, ma solo in relazione al progetto di vita di ciascun individuo. Dunque, l¿eutanasia non va considerata nell¿impietosa accezione di «omicidio del consenziente», come recita il codice penale italiano, bensì come una delle possibili cure a disposizione del paziente terminale che, se non può più sperare di guarire, deve essere almeno libero di sottrarsi al terribile destino impostogli dalla malattia.
Quanto al testamento biologico, il cui progetto di legge è in discussione in Parlamento, l¿autore ha voluto in questo libro rendere pubblico il proprio, quasi per legittimarne il valore di strumento fondamentale che certifica preventivamente la vincolante volontà di una persona di esercitare il diritto di non soffrire e di scegliere come morire.

Il destino di Roma

«Scritto in modo stupendo, sontuoso e appassionato, davvero un gran libro di storia».
**Peter Brown**
«Colto, vivace e aggiornato, di gran lunga il miglior resoconto degli aspetti ecologici e ambientali della storia dell’Impero romano».
**J. R. McNeill**
«Kyle Harper è il Gibbon del XXI secolo. Un libro fondamentale».
**Ian Morris**
Intrecciando una solida narrazione storica con la scienza del clima e le scoperte della genetica, Kyle Harper evidenzia come il destino di Roma sia stato deciso non solo da imperatori, soldati e barbari, ma anche da eruzioni vulcaniche, cicli solari, instabilità climatica e virus e batteri devastanti. Il racconto prende le mosse dall’apogeo di Roma nel I secolo a.C., quando l’impero sembrava una superpotenza invincibile, fino alla sua completa disfatta nel VII d.C., quando Roma era ormai politicamente frammentata e impoverita. Harper descrive in che modo i Romani cercarono di resistere a un enorme stress ambientale, finché l’impero non fu piú in grado di sopportare le sfide combinate di una piccola era glaciale e ricorrenti focolai di peste bubbonica. Struggente riflessione sull’intima relazione dell’umanità con l’ambiente, *Il destino di Roma* offre al lettore una panoramica completa di come una delle piú grandi civiltà della storia si sia arresa al peso cumulativo della violenza della natura.

Il Cuore in Attesa

Il pericolo, che è parte del loro passato, ritorna a perseguitarli. Dane ha il compito di proteggerla. Con il passare dei giorni vecchie ferite si insinuano dentro di loro. Combattere per la sopravvivenza deve essere la loro priorità, ma è difficile ignorare la forza del cuore.
Reese Jackson ha cercato di soddisfare le aspettative che gli altri hanno stabilito per lei, ma non è un compito semplice. A volte sente come se il mondo la inghiottisse al suo interno e si sente mancare il respiro. Tutti gli errori che ha commesso tornano a tormentarla e trovare una via d’uscita sembra impossibile.
Il detective Dane Hunter ha amato Reese sin dal loro primo incontro, oltre dieci anni fa, ma lei non l’ha mai considerato. La sua rigida educazione non le avrebbe permesso di essere scortese con lui; tuttavia, quella stessa posizione sociale stabiliva che non sarebbe mai stato abbastanza per lei. Però, la desidera e il suo cuore continua a sperare che un giorno lei possa ricambiare il suo amore.
Il pericolo, che è parte del loro passato, ritorna a perseguitarli. Dane ha il compito di proteggerla. Con il passare dei giorni vecchie ferite si insinuano dentro di loro. Combattere per la sopravvivenza deve essere la loro priorità, ma è difficile ignorare la forza del cuore.

Il Cuore Dell’Attimo

I pronostici sono a sfavore di Jessica e Preston, troveranno un modo di sconfiggerli? Errori? Voi li chiamate così, Jessica Sousa li ha commessi e avere rimpianti non cambia affatto le cose. Mentre la sua vita inizia a crollarle intorno, lei mette in dubbio ogni decisione che ha preso. Arriva ad una conclusione- non merita di essere felice. Preston West pensa che Jessica vada bene così com`è. Lui la ama e vuole convincerla che si appartengono. Nessuna sfida lo ha mai fermato in passato e adesso non ha intenzione di lasciar perdere. Sfortunata,mente forse non avrà tutto il tempo che immagina per conquistare il suo cuore. Mentre il tempo scorre dovranno combattere non solo contro l`orgoglio testardo di Jessica, ma contro la sua cattiva salute e qualcuno deciso a distruggerla per sempre. I pronostici sono contro Jessica e Preston, ma troveranno un modo per sconfiggerli? PUBLISHER: TEKTIME

Il costruttore di barche

Il ventottenne Eli «Berg» Koenigsberg non aveva mai incontrato una sfida che non fosse riuscito ad affrontare. Poi l’incidente, il trauma cranico, il lancinante mal di testa cronico e la dipendenza dagli oppioidi che assume per alleviarlo. In cerca di pace e sollievo, e sperando che un lavoro fisico all’aria aperta possa aiutarlo, si trasferisce in una remota cittadina del nord della California, dove però inizia presto a intrufolarsi nelle case per rubare dagli armadietti dei medicinali. Sarà l’incontro con Alejandro, silenzioso ed enigmatico costruttore di barche, a cambiargli radicalmente la vita. Divenuto suo apprendista, nel lento scorrere del tempo a contatto con la natura, nel sostegno che riceve dalla comunità, e nella cura che dedica alla lavorazione del legno, Berg inizia a ritrovare sé stesso. Il costruttore di barche, l’esordio letterario di Daniel Gumbiner, è una storia che parla di amicizia, di resilienza, e della delicata arte di recuperare la propria anima. «Una meditazione sull’amore, sulla lealtà e sulle esperienze condivise che trasformano gli estranei in famiglia.» – Tayari Jones

Il Contratto

Quando mi sveglio in una stanza oscura ed estranea, non so che cosa mi attende nell’ombra. La mia fantasia produce demoni del peggior tipo.
La realtà è molto peggio:
Un collare senza guinzaglio. Una prigione senza muri. E una vita spogliata di significato.
Mi ha esibito un ripugnante contratto e mi ha chiesto di firmare. Delinea i termini della mia servitù. L’unica informazione che posseggo sul mio aguzzino è una sigla con due piccole lettere in fondo:
J.S.
Munita soltanto dei miei ricordi, devo fare qualunque cosa per evitare di rimanere intrappolata nei suoi giochi mentali contorti. In fondo, però, tutto si riduce a una sola scelta:
Resistere e morire.
Oppure sottomettermi e consegnargli la mia vita.

Il Club Bilderberg. La storia segreta dei padroni del mondo

*Il Club Bilderberg* presenta una delle più potenti e segrete organizzazioni del mondo. Dal 1954, una volta all’anno, questo gruppo ristretto di persone si ritrova per decidere segretamente il futuro politico ed economico dell’umanità. Nessun giornalista ha mai avuto accesso alle riunioni che fino a poco tempo fa si sono svolte presso l’Hotel Bilderberg, in una piccola cittadina olandese. Nessuna notizia è mai filtrata da quelle stanze, anche se – come dimostrano le pagine di questo libro – è durante questi incontri che vengono prese le decisioni più rilevanti per il futuro di tutti noi. Risultato di un’indagine serrata e pericolosa durata oltre 15 anni, l’impressionante inchiesta di Daniel Estulin svela per la prima volta quello che non era mai stato detto prima, rendendo noti i giochi di potere che si svolgono a nostra insaputa. Super protetta dalle forze di polizia, la classe dirigente globale detta legge su politica, economia e questioni militari. La dettagliata opera di Estulin dimostra come il Club Bilderberg sia stato coinvolto nei maggiori misteri della storia recente e come in questa élite emergano le figure chiave dello scacchiere internazionale – importanti politici e uomini d’affari italiani e europei, presidenti USA, direttori di agenzie come CIA o FBI, vertici delle maggiori testate giornalistiche – e come da questi incontri nascano le linee guida della globalizzazione.

Il cavaliere, la strega, la Morte e il diavolo

Il libro raccoglie undici racconti e un breve saggio sulla morte. Dà il titolo un fantasy ambientato in una Sicilia un po’ medievale e un po’ no (il suo riferimento è l’opera dei pupi), la cui protagonista è una Bradamante stracciona, alle prese con l’invasione musulmana. Il secondo racconto attraversa il Mediterraneo, il terzo parla di un’orrenda mutilazione. Il quarto e il quinto sono collegati tra di loro e sono trasposizioni reinventate di due morti vere, quella di Zi’ ‘Ngiulillo (zio Angelo De Mari) – sacerdote morto con i garibaldini sul Volturno – e quella del fratello di mio nonno, Enrico Ventrone – fucilato dai tedeschi per aver avvertito e fatto fuggire dei ricercati. Poi storie contemporanee, che parlano di libera scelta, e un lungo racconto forse di fantascienza, con il tema del sacrificio, sacrum facere. E, infine, un saggio sulla morte. Perché un saggio sulla morte? Perché tutte le storie raccontate dagli uomini, dalle donne o dai bambini, dall’inizio del mondo, parlano della morte, anche quelle dove la morte non compare, dove tutto va bene. Perché la nostra capacità di raccontare nasce per ingannare l’attesa della morte, la coscienza che siamo mortali. Questa coscienza l’abbiamo solo noi. Qualche volta ce ne dimentichiamo, ma in realtà essa è sempre con noi, come un avvoltoio sulla spalla. O forse come un angelo custode, perché, se ne fossimo privi, tutto sarebbe insulso, privo di senso. È questa la dannazione, ma anche la meraviglia, di essere uomo. O donna. O bambino. Sia i racconti che il saggio risalgono al mio lunghissimo periodo di ateismo, cominciato a undici anni e finito solo qualche anno fa: ci sono nei racconti toni e frasi che oggi non scriverei, ma che desidero lasciare, come un segno di come è stata la strada che ho percorso. – Silvana De Mari

Il Caso Dreyse

PREZZO SPECIALE PER IL PERIODO DI PREVENDITA
Patrick Claes, guru del mercato azionario e appassionato collezionista di armi antiche, viene tramortito con il calcio di una Dreyse nel suo cottage. La prima a dare l’allarme è la sua giovane e intrigante moglie Judith, che lo crede morto. Quando Claes si riprende, scopre che l’aggressore gli ha portato via la sua pregiatissima collezione di pistole.
Il commissario Pieter Van In, aiutato dal fido Versavel, sta indagando sul caso, in parallelo alla moglie Hannelore, che nel frattempo è stata promossa giudice istruttore. E ora che finalmente Van In sembra aver messo la testa a posto, e si tiene lontano dalle belle donne e dalle scappatelle, è Hannelore a mettersi nei guai, per il capriccio di dimostrare a Pieter di essere più brava di lui. La trama si infittisce tra maggiordomi che cambiano identità, donne che spariscono e una serie di omicidi che, come in un effetto domino, fa cadere a uno a uno ogni indiziato. Tutti questi fili portano ad Asselberghs, un giallista best seller che ha nello studio una foto di Judith nuda e qualcosa da nascondere.
In questo nuovo episodio della saga di Pieter Aspe politici corrotti, broker insicuri e mafia russa desteranno Bruges dal suo torpore borghese, mentre Van In e Hannelore, tra sgambetti, rappacificazioni e club per scambisti, si riscopriranno più innamorati che mai. **
### Sinossi
PREZZO SPECIALE PER IL PERIODO DI PREVENDITA
Patrick Claes, guru del mercato azionario e appassionato collezionista di armi antiche, viene tramortito con il calcio di una Dreyse nel suo cottage. La prima a dare l’allarme è la sua giovane e intrigante moglie Judith, che lo crede morto. Quando Claes si riprende, scopre che l’aggressore gli ha portato via la sua pregiatissima collezione di pistole.
Il commissario Pieter Van In, aiutato dal fido Versavel, sta indagando sul caso, in parallelo alla moglie Hannelore, che nel frattempo è stata promossa giudice istruttore. E ora che finalmente Van In sembra aver messo la testa a posto, e si tiene lontano dalle belle donne e dalle scappatelle, è Hannelore a mettersi nei guai, per il capriccio di dimostrare a Pieter di essere più brava di lui. La trama si infittisce tra maggiordomi che cambiano identità, donne che spariscono e una serie di omicidi che, come in un effetto domino, fa cadere a uno a uno ogni indiziato. Tutti questi fili portano ad Asselberghs, un giallista best seller che ha nello studio una foto di Judith nuda e qualcosa da nascondere.
In questo nuovo episodio della saga di Pieter Aspe politici corrotti, broker insicuri e mafia russa desteranno Bruges dal suo torpore borghese, mentre Van In e Hannelore, tra sgambetti, rappacificazioni e club per scambisti, si riscopriranno più innamorati che mai.