Visualizzazione di 73933-73944 di 90860 risultati

Dylan Dog n. 386: Hyppolita

Un serial killer denominato “il Giardiniere” sparge la morte nelle strade di Londra, seppellendo cadaveri fino al collo e piantandogli nel cervello, dopo avergli scoperchiato la nuca, un’orchidea. Una donna si rivolge a Dylan dicendosi certa che l’assassino è il figlio, di cui ha perso le tracce molti anni prima. Come lo sa? Soltanto grazie all’istinto materno come apprende ben presto, in preda a un comprensibile stupore, l’Inquilino di Craven Road.

Dylan Dog n. 381: Tripofobia

Considerato alla stregua di un nuovo Timothy Leary (celebre attivista nel caldeggiare l’uso di sostanze stupefacenti psichedeliche), il Vee-jay David Stephenson dà vita a uno sbalorditivo spettacolo che provoca in Lydia, nuova fiamma di Dylan, un attacco di tripofobia, una psicosi legata alla ripetizione di elementi modulari tondeggianti. E il caos è pronto a riversarsi su Londra!

Dylan Dog n. 380: Nessuno è innocente

Che cos’ha a che fare l’arresto dell’Indagatore dell’Incubo con un incidente automobilistico durante il quale l’ispettore Carpenter ha perso la vista? È veramente Dylan il colpevole, come sembra? E qual è stato il ruolo di Bloch, anch’egli sotto accusa per gli anni trascorsi a passare nascostamente all’Old Boy dati sensibili e giudiziari riservati?

Dylan Dog n. 372: Il Bianco e il Nero

Qualcosa non va nella vista di Dylan: davanti ai suoi occhi, cominciano ad apparire, sempre più insistentemente, strane macchie nere. Ma, in realtà dietro il curioso fenomeno si cela una figura che, a partire dai giorni dell’infanzia, da sempre regna sovrana nelle profondità più recondite delle regioni dell’Incubo: L’Uomo Nero.

Dylan Dog n. 371: Arriva il Dampyr

Dylan Dog incrocia la sua pista con quella di Harlan Draka, il Dampyr, in una Londra precipitata nel terrore dalle mortali creature agli ordini di Lodbrok, il Maestro della Notte. Nel frattempo, John Ghost torna a tessere la sua oscura, imprescrutabile trama alle spalle dell’Inquilino di Craven Road, nella prima parte di una lunga vicenda che continuerà, trovando il suo epilogo, sulle pagine dell’albo di Dampyr n. 209, intitolato “L’Indagatore dell’Incubo”.

Dylan Dog n. 347: Gli abbandonati

Indagando su una donna svanita in circostanze misteriose, Dylan e Bloch giungono nella cittadina di Wynbring, nei pressi dell’aeroporto di Southend, dove l’Inquilino di Craven Road sparisce a sua volta, all’improvviso, davanti agli occhi dell’ex-ispettore. Per venire a capo di queste e di altre scomparse avvenute enigmaticamente in precedenza, bisognerà risalire a una terribile vicenda legata al passato, che ha lasciato un segno indelebile nella storia di quei luoghi.

Dylan Dog n. 345: Gli spiriti custodi

Sal ha un vizio, quello del gioco… Un vizio particolarmente brutto se ci si è indebitati con una bisca gestita dalla mafia russa. L’uomo ha un piede nella fossa anche per aver tradito la moglie, Teresa, esponente di una delle più illustri casate dell’aristocrazia inglese, con la donna di un boss. E, finalmente, Teresa sta per ottenere il divorzio dallo scellerato marito. Gli spiriti degli antenati che aleggiano nell’antica magione di famiglia non vogliono, però, che Sal venga ucciso prima di aver divorziato, per non dover convivere per l’eternità con quell’animaccia nera. Spetterà a Dylan il compito di salvargli la pelle.

Dylan Dog n. 339: Anarchia nel Regno Unito

Dopo il pensionamento di Bloch, nuovi eventi intervengono a cambiare l’assetto di Scotland Yard e la vita dell’Indagatore dell’Incubo. Entra in scena l’ispettore Carpenter e, su suo ordine, a Dylan viene ritirato, una volta per tutte, il vecchio tesserino di poliziotto. Come se non bastasse, inoltre, l’Indagatore dell’Incubo viene portato in manette alla centrale di Polizia, mentre, nelle strade di Londra, esplode la rivolta!

Dylan Dog n. 333: I raminghi dell’autunno

Come tutti gli anni, alla fine dell’estate, col ritorno dell’autunno, ricompare il Circo. Dylan odia i circhi e ha paura dei sinistri freak costretti a esibirsi per strappare una risata al pubblico. E tra loro c’è anche Groucho, andatosene un paio d’anni prima per infoltire la schiera degli artisti destinati a vagare raminghi, senza sosta, di città in città. Per rivedere l’amico, all’Indagatore dell’Incubo non resta che attendere che il coloratissimo tendone accenda le sue luci e che lo spettacolo abbia inizio. Ma perché non riesce a scorgere Groucho durante lo show? Dietro quali sembianze si nasconde?

Dylan Dog n. 331: La morte non basta

Gloria, la fidanzata di Dylan non è che la prima. Poi, le fa seguito una schiera di altre persone decedute, denominate i Ritornati. Uccidono senza preavviso, senza curarsi di essere visti. Ricompaiono all’improvviso, tornando in vita brevemente, per portare con sé, nella tomba, qualcun altro. E altrettanto improvvisamente si riabbandonano nelle braccia della morte, afflosciandosi sulle loro gambe. A Bloch non resta che ricorrere all’aiuto di Dylan per far luce su questo terribile enigma.

Dylan Dog n. 297: Il sortilegio

La movimentata esistenza dell’Old Boy è resa ancora più complicata da una serie di improvvisi e inspiegabili malanni. Secondo i medici si tratta solo di un po’ di stress, ma ben presto diventa chiaro che a tramare nell’ombra c’è una mano misteriosa: animata da un feroce sentimento di vendetta, si diverte a conficcare micidiali spilloni all’interno di una bambolina di cera che riproduce fedelmente l’aspetto dell’Indagatore dell’Incubo…

Dylan Dog n. 286: Programma di rieducazione

Uno spietato assassino, catturato da Dylan Dog quando era ancora un agente di polizia, è ora nuovamente a piede libero grazie a un fantascientifico programma in grado di entrare nel cervello dei criminali e cancellare il male che vi risiede. Un esperimento che sembra fallire quando l’omicida scompare e i delitti con la sua firma ricominciano a spargere sangue tra le strade di Londra. Una macabra scia di morte che solo l’Indagatore dell’Incubo pare in grado di fermare.