Visualizzazione di 68197-68208 di 90860 risultati

Amico mio, amore mio

John e Madeline erano stati buoni amici per anni.
Ad un tratto lei si accorse di desiderare la sua compagnia in modo diverso. E quando intervenne il chiarimento, la passione scoppiò improvvisa e folgorante.
Ora Madeline temeva di non essere per John che un’amante. E John si tormentava per i dubbi che gli erano nati circa l’amore che Madeline diceva di nutrire per lui.
L’amicizia era compromessa? E l’amore sarebbe stato sufficiente a condurre i due attraverso il difficile, sensuale cammino che avrebbe fatto di due amici due amanti?

American Psycho

Un’opera che come nessun’altra ha saputo fotografare un decennio violento e amorale, e che ancora oggi continua a suscitare scandalo e ammirazione.
Il libro che ha creato un caso letterario internazionale.
Patrick Bateman, brillante operatore finanziario di Wall Street, ventisei anni, lussuoso appartamento nel cuore di Manhattan. Il suo film preferito: Omicidio a luci rosse di Brian de Palma. La sua preoccupazione principale: possedere un biglietto da visita perfetto. La sua passione: armi da taglio, oggetti contundenti, acidi in grado di sfigurare la più bianca delle pelli, con i quali Patrick uccide in maniera efferata e crudele. Passanti, prostitute, bambini, anche un amico. E intorno a lui, accanto a lui, la città continua a vivere tranquilla, come se il Male non esistesse, come se non potesse nascondersi dietro il sorriso di un professionista di successo che beve acqua minerale e ha come vicino di casa Tom Cruise.
Pubblicato per la prima volta nel 1991, e subito al centro di un clamoroso caso internazionale per la violenza dei suoi contenuti e la lucida spietatezza del suo stile, tacciato di sadismo e misoginia, American Psycho è uno di quei rari romanzi che a ragione si definiscono epocali. Nella figura di Patrick Bateman Bret Easton Ellis, autore del recente romanzo Glamorama. riesce nell’irripetibile risultato di incarnare tutta l’ambivalenza, il cinismo, ma anche il bisogno di affetto di un’intera generazione. E la sua violenza ci terrorizza e ci disturba quanto più ne avvertiamo la pericolosa vicinanza, quanto più ci accorgiamo che la soglia della follia che Patrick ha già varcato si spalanca ogni giorno, ogni ora davanti ai nostri occhi.

Amado mio-Atti impuri

Due romanzi brevi, “Atti impuri” e “Amado mio”, entrambi autobiografici, della prima giovinezza friulana; il secondo è già un racconto compiuto, chiuso nella vicenda di un incontro estivo, un amore scandaloso e apparentemente fallito, tra i balli pomeridiani, le spiagge selvatiche e gli ambienti de “Il sogno di una cosa”. Il primo – che dello stesso tema è una variante sofferta – si presenta come testo restaurato, ricavato da tormentate stesure dattiloscritte, che rivelano un assillo più profondo, una scelta difficile di natura non soltanto personale ma ideologica. Con uno scritto di Attilio Bertolucci. **

Alle periferie dell’impero

I genitori di Joseph sono africani, ma lui, diciannovenne nato a Corsico, periferia sud-ovest di Milano, in Africa non c’è mai stato. È cresciuto lì, tra le case popolari di Piazza Europa – dove i pomeriggi trascorrono tutti uguali tra spacciatori, camionette dell’esercito e vasche al centro commerciale – e nella vita ha poche certezze: il rap e i suoi due migliori amici, Argenti e Zorba. Joseph però è diverso dai suoi amici sfaccendati: a lui piace la biologia ed è iscritto all’ultimo anno del liceo scientifico, dove stanno per iniziare gli esami di maturità, l’ultimo scoglio da superare prima della libertà di cercare un futuro altrove. Ma proprio alla vigilia degli esami le cose si complicano: Giuseppe, un quindicenne cui Joseph dà ripetizioni, gli chiede di aiutarlo a scappare di casa, per sfuggire a una situazione familiare pericolosa, a dir poco. Una storia di formazione capace di dare voce alla voglia di riscatto della Generazione Z. Età di lettura: da 13 anni. **

Allarme Sulla Terra

Robert Bloch è il celebre autore di Psycho e di altri romanzi che non ci hanno fatto dormire, ma oggi si presenta ai lettori di URANIA con due purissimi romanzi di fantascienza "futuribile", due classiche incognite nella miglior tradizione del genere. L'uno ci catapulta, non senza divertimento, in un incubo sociale e sessuale che maliziosamente si intitola Donne di tutto il mondo…L'altro, Non c'è più posto per noi, è uno sguardo su una società perfetta che rischia di far impazzire anche l'uomo ideale. Ma esistono ideali nella Terra di domani? La risposta di Bloch potrà sembrarvi crudele, ma è certo assolutamente realistica.

All’insegna del Cervo Bianco

Un iceberg che galleggia nel tiepido mare della Florida, un giocattolo che minaccia di far saltare una stazione televisiva, un’orchidea che rifiuta di commettere il delitto perfetto, un vecchio che insegna alle termiti ad accendere il fuoco, un cervello elettronico che risponde parolacce ai generali: siamo, non c’è bisogno di dirlo, in piena fantascienza. Ma la cornice, questa volta, è insolita: un’osteria della vecchia Londra, un tipico può di Fleet Street, la famosa strada dei giornali. È dunque sul contrasto tra questo ambiente vecchiotto, quotidiano, tradizionale, e le storie mirabolanti che i suoi frequentatori si raccontano, che Arthur C. Clarke, con umorismo tutto britannico, ha voluto mettere l’accento. Forse per suggerirci che nella fantascienza non c’è solo terrore dell’ignoto e dell’inumano, che anche le ricerche più stupefacenti si possono guardare con tranquillo divertimento e con un boccale di birra in mano.
Indice:
Silenzio, prego (Silence, Please, 1950)
Caccia grossa (Big Game Hunt, 1957)
Corsa agli armamenti (Armaments Race, 1954)
Massa critica (Critical Mass, 1949)
Il pacifista (The Pacifist, 1956)
I prossimi inquilini (The Next Tenants, 1957)
Spirito esplosivo (Moving Spirit, 1957)
L’uomo che arava il mare (The Man Who Ploughed the Sea, 1957)
L’orchidea recalcitrante (The Reluctant Orchid, 1956)
Guerra fredda (Cold War, 1957)
Cose che succedono (What Goes Up…, 1956)
La defenestrazione di Ermintrude (The Defenestration of Ermintrude Inch, 1957)
Copertina di Karel Thole

Al di là del tempo e dello spazio

Fughe nel futuro, transiti nel passato più remoto dell’umanità, avventure allucinanti, personaggi arcani e misteriosi, maledizioni ed incantesimi: ecco solo alcuni degli ingredienti più avvincenti di questa serie impareggiabile di racconti firmati da uno dei più grandi geni della Weird Fantasy.
* * *
Indice:
p. 7 – La fine della Storia
p. 23 – Un rendez-vous in Averoigne
p. 36 – Una notte a Malneant
p. 42 – La città della fiamma musicale
p. 78 – L’isola senza nome
p. 88 – La seconda sepoltura
p. 98 – La doppia ombra
p. 109 – La catena di Aforgomon
p. 125 – Sadastor
p. 129 – Il ritorno dello stregone
p. 144 – Il testamento di Athammaus
p. 161 – Il destino di Avoosl Wuthoqquan
p. 170 – Ubbo-Sathla
p. 178 – Il racconto di Satampra Zeiros
p. 191 – Il mostro della profezia
p. 223 – La porta di Saturno
p. 241 – Le cripte di Yoh-Vombis
p. 255 – Dalle cripte della memoria
p. 257 – Le ombre

Adesso basta: Lasciare il lavoro e cambiare vita. Filosofia e strategia di chi ce l’ha fatta

Ne abbiamo abbastanza. Lavorare per consumare non rende felici. Lo sappiamo tutti, ma come uscirne? Cambiare vita da soli sembra una scelta troppo faticosa. Addirittura impossibile. Invece no. Il downshifting (“scalare marcia, rallentare il ritmo”) è un fenomeno sociale che interessa milioni di persone nel mondo (complice anche la crisi). Ma non si tratta solo di ridurre il salario per avere più tempo libero. Simone Perotti propone qui un cambio di vita netto, verso se stessi, il mondo che ci circonda, le abitudini, gli obblighi, il consumo. La rivoluzione dobbiamo farla a partire da noi, riprendendoci la nostra vita per essere finalmente liberi. Come ha fatto l’autore, che racconta la sua esperienza entrando nel merito delle conseguenze economiche, psicologiche, esistenziali, logistiche. Dire no non basta per essere felici. L’insicurezza economica cui andiamo incontro è anche un’occasione per ripensarci.