Visualizzazione di 64633-64644 di 90860 risultati

Internet È Il Nemico

“Tanti autori si sono interrogati su quello che significa Internet per la civiltà globale, ma si sbagliano. Si sbagliano perché non hanno la giusta prospettiva frutto dell’esperienza diretta. Si sbagliano perché non hanno mai conosciuto il nemico. Nessuna descrizione del mondo sopravvive al primo contatto con il nemico. Noi abbiamo conosciuto il nemico.“

Incubi e miracoli: draghi, streghe e cavalieri erranti all’allegra invasione del nostro mondo

Non succede tutti i giorni di imbattersi, lungo un’autostrada, in un cavaliere della corte di Re Artù, con tanto di armatura, di destriero e di lancia. E pure non è frequente, per un allevatore di polli, ricevere in dono dal mago Merlino un uovo lungo novanta centimetri e dover affrontare tutti i problemi relativi alla crescita di un giovane drago. In quanto poi all’essere assunto come cameriere tuttofare da un eccentrico gentiluomo che colleziona vampiri, licantropi, amadriadi (in giardino, naturalmente), centauri, sirene (nella vasca da bagno) e altri umanissimi incubi visualizzati, è cosa che capita a pochi e ben raramente. Eppure nella vita tutto è possibile, almeno in due casi: se si prende una colossale sbronza (e i narratori in prima persona di questi racconti non sempre sono astemi) e se uno scrittore specialista in storie dell’orrore decide improvvisamente di passare dal serio al faceto.

In amore vince chi ama

C’è un libro di Osho che più di tutti gli altri ha conquistato i lettori italiani: *Con te e senza di te* , le riflessioni del mistico indiano sulle relazioni umane. A quasi dieci anni di distanza, *In amore vince chi ama* è il seguito ideale di questo testo nonché il suo completamento, per cogliere nella totalità il messaggio di Osho sui temi dell’amore.
Trasformare il sesso in un’esperienza sacra, guarire la malattia dell’ego e uscire dall’isolamento e dalla solitudine, distinguere tra dipendenza, indipendenza e interdipendenza, superare la gelosia e la routine…
Illuminante, spiazzante, a volte quasi disturbante come lo sono le parole che colgono nel segno, questo libro può essere letto come una vera e propria terapia (d’urto) per il mal d’amore.

Imprevedibili sprazzi di paternità

L’anno prima di pubblicare il suo romanzo d’esordio, il futuro premio Pulitzer Michael Chabon si ritrova a parlare, a una festa, con uno scrittore affermato, che gli somministra senza mezzi termini un consiglio non richiesto: “Non fare figli” dice. “Ecco quanto. Non ne fare. È tutta qui la legge della vita.” A vent’anni di distanza, dopo quattro figli fatti e numerosi libri pubblicati, è a questo scambio di battute che Chabon affida l’apertura della raccolta che avete in mano, pensata per essere una meditazione estrosa ed elegante – niente di meno rispetto a quanto ci ha abituati il suo sguardo obliquo e sempre centratissimo – su cosa significhi essere genitori oggi. C’è, in questa sottile e impagabile collezione di pensieri, che prende spunto da episodi autobiografici, un tentativo sincero e meditato di mettersi in ascolto dei propri figli, di guardarli e capire quale sia il limite dell’intervento, delle parole da usare, della libertà da dare. Che poi, forse, è proprio lo stesso atteggiamento dello scrittore davanti a una nuova storia.

Impatto Fatale

Solo Riordan Malone può salvarla. Di questo Amara è pienamente persuasa. È lui che ha già messo a rischio la sua vita per lei qualche mese prima. Nonostante le amnesie per le quali nemmeno suo padre Ivan riesce ad aiutarla, Amara sa che qualcosa di speciale la lega a Riordan e nei suoi sogni ricorrenti è lui il padrone di ogni sua fantasia. E certo non sospetta che è stato proprio Ivan Resnova, geloso e iperprotettivo nei confronti della figlia, ad allontanare Riordan con la scusa di una missione. Lui ha tentato di contattarla senza riuscirci. Ma nessuna ferita può scalfire un amore capace di sfidare ogni rischio e al desiderio non si può mai resistere… **
### Sinossi
Solo Riordan Malone può salvarla. Di questo Amara è pienamente persuasa. È lui che ha già messo a rischio la sua vita per lei qualche mese prima. Nonostante le amnesie per le quali nemmeno suo padre Ivan riesce ad aiutarla, Amara sa che qualcosa di speciale la lega a Riordan e nei suoi sogni ricorrenti è lui il padrone di ogni sua fantasia. E certo non sospetta che è stato proprio Ivan Resnova, geloso e iperprotettivo nei confronti della figlia, ad allontanare Riordan con la scusa di una missione. Lui ha tentato di contattarla senza riuscirci. Ma nessuna ferita può scalfire un amore capace di sfidare ogni rischio e al desiderio non si può mai resistere…

Immortalis: La figlia del Meriggio

L’immortalità può essere noiosa, soprattutto se sei la principessa del regno dell’Alba. Da più di un secolo a Elbereth la vita di corte va stretta, tra l’etichetta che sua madre le vuole imporre e le fughe per allenarsi con i soldati. La situazione precipita quando suo padre, in missione diplomatica, svanisce nel nulla e i suoi fratelli vengono assassinati. Messa di fronte a un matrimonio combinato per salvare la successione, Elbereth fugge nei recessi delle segrete di Porta del Meriggio, dove le ombre paiono prendere vita e la conducono a una scoperta leggendaria: i pugnali perduti dei primi immortali che le donano il potere di dominare buio e luce e grazie ai quali scopre la verità. C’è un complotto a palazzo che minaccia di distruggere il regno della sua famiglia e l’unico modo per sventarlo è trovare suo padre, sparito nel regno del Tramonto. Per raggiungerlo deve però superare le Terre Senzanome. La patria dei ribelli umani che da sempre sono in guerra con gli immortali.

Il vero amore del conte

Hessian Kettering, conte di Grampion, ha provato a sposarsi in giovanissima età, in fretta e furia, e ne ha ricavato anni di drammi coniugali e una quantità infinita di rimpianti. Ora è più maturo e più saggio, nonché responsabile di una bambina orfana che ha bisogno di una figura materna. Hessian è deciso a far sì che la sua prossima contessa sia una donna affidabile e dall’animo pratico, con una reputazione immacolata. Lily Ferugson sembra rispettare alla perfezione questi requisiti e, se anche bacia come nei sogni più intimi di Hessian, questo non è certo un motivo per dubitare della scelta. Ma cosa dovrà dire Hessian quando scoprirà che Lily non è l’impeccabile ereditiera che la buona società si aspetta lei sia?

Il Trono Di Spade – XII. La Danza Dei Draghi

Non c’è fine alla Guerra dei Cinque Re: alimentato dall’infinita sete di potere di troppi condottieri e pretendenti, un insensato bagno di sangue continua a sconvolgere il cuore dei Sette Regni. Victarion Greyjoy, brutale e sanguinario, sta facendo rotta verso la Baia degli Schiavisti per conquistare la mano di Daenerys Targaryen, Madre dei Draghi. Nella città di Meereen, sotto assedio, un principe dorniano si lancia in un’impresa suicida. E tra le linee dell’assedio yunkai, Tyrion Lannister studia una strategia per creare una nuova, inaspettata forza d’invasione con la quale riconquistare i Sette Regni. Tutto questo però potrebbe rivelarsi disperatamente inutile. Perché ora, veramente… l’inverno sta arrivando.

Il Tridente Maledetto: Cronache Dell’Ammazzavampiri Bisex (Vol.5) (Cronache Dell’Ammazzavampiri Bisex)

Da qualche tempo gli umani di New York dormono sonni tranquilli. Le aggressioni da parte di vampiri si sono ridotte drasticamente, la setta che minacciava la città è come sparita nel nulla. Derek Sweet, investigatore dell’occulto, si domanda con apprensione se la tregua apparente non sia foriera di guai.
Nel frattempo, Lockheart agisce nell’ombra per impadronirsi di una sacra reliquia, che nelle mani sbagliate, diventa un’arma dall’immenso potere distruttivo.
Nessuno conosce la vera identità del succhiasangue senza scrupoli, nemmeno il Concilio delle famiglie sovrannaturali, che si riunirà a breve per tentare di contrastare il suo intervento malvagio.
Derek non è invitato ma viene assunto come guardia del corpo e finirà per parteciparvi comunque; un lavoro che non avrebbe mai accettato, se avesse saputo in anticipo che al castello incontrerà una sua vecchia conoscenza.
Romeo, ormai quasi mummificato dalla maledizione di Java, e scoraggiato perché da un mese non riceve più notizie da parte di Derek, desidera soltanto porre fine alla propria esistenza infelice. Quale modo migliore di andarsene sceglie il rituale dell’esposizione al sole che si esegue da secoli nel cortile del castello dove, fra l’altro, è in sessione la seduta straordinaria dell’assemblea da cui dipenderanno le sorti dell’umanità.
E il cane? Beh, Shiggy è in villeggiatura…

Il tramonto dell’Occidente nella lettura di Heidegger e Jaspers

‟Sta forse giungendo a compimento il senso espresso dalla nostra cultura che, come dice il nome, è ‘occidentale’, cioè ‘serale’, avviata a un ‘tramonto’, a una ‘fine’. L’evento occidentale è sempre stato presso la sua fine, ma solo ora comincia a prenderne coscienza. Ma che cosa finisce, oggi che l’Occidente è sulla via di occidentalizzare il mondo e, quindi, di annullare la propria specificità che l’ha reso finora riconoscibile? Finisce la fiducia che l’Occidente aveva riposto nel progressivo dominio da parte dell’uomo sugli enti di natura, oggi divenuti, al pari dell’uomo, materiali della tecnica. Ma la tecnica non ha alcun fine da raggiungere né alcuno scopo da realizzare, non apre scenari di salvezza, non redime, non svela la verità, la tecnica ‘funziona’ secondo quelle procedure che, pur nel loro rigore e nella loro efficacia, si rivelano incapaci di promuovere un orizzonte di senso. E sulle ceneri della categoria del ‘senso’, che dell’Occidente è sempre stata l’idea guida, si affacciano le figure del nichilismo, le quali, nel proiettare le loro ombre sulla ‘terra della sera’, indicano, a ben guardare, la direzione del tramonto. Un tramonto già iscritto nell’alba di quel giorno in cui l’Occidente ha preso a interpretare se stesso come cultura del dominio dell’uomo sulle cose.”

Il Tesoro Dei Fin Gall

Anno domini 852. Da secoli i vichinghi partono dalle coste norrene e calano sull’Inghilterra, sull’Irlanda, su ogni terra raggiungibile con le loro imbarcazioni dai lunghi scafi. Dapprima era solo per saccheggiare e depredare, poi iniziarono a creare insediamenti. Nonostante la feroce opposizione che si leva in ogni territorio, in pochi riescono a resistere ai loro assalti. È quello che accade anche lungo le coste meridionali dell’Irlanda, dove i vichinghi hanno costruito un avamposto che chiamano Dubh-Linn. Ed è proprio mentre si dirigono lì che Ornolf l’Instancabile e Thorgrim Lupo notturno si imbattono in una nave irlandese che trasporta un unico oggetto: una corona. Ignari del significato di quel manufatto e del potere che è in grado di conferire, i fieri uomini del Nord si troveranno invischiati negli intrighi dell’Irlanda medievale. Circondato da nemici, tra alleanze più mutevoli del clima dell’isola, Throgrim dovrà guidare i suoi uomini, gli invasori bianchi, i fin gall, nella dura lotta per la sopravvivenza…

Il tempo della decrescita

Da due secoli abbiamo sviluppato una civiltà materiale e una potenza produttiva mai prima conosciute. Questa civiltà si scontra oggi con i limiti al suo sviluppo: sono i limiti del pianeta stesso messo al servizio della nostra frenesia consumistica. Il pianeta è in pericolo e gli scenari più pessimistici sembrano superati da processi irreversibili di distruzione dell’ambiente. L’emergenza ecologica esige trasformazioni radicali dei nostri modi di vita, ma questi mutamenti non possono concepirsi che in un nuovo rapporto con il tempo. Reintrodurre la vicinanza e la lentezza nei processi di produzione e di consumo, ridurre i tempi di lavoro, riapprendere a occuparci dei nostri familiari e dei nostri amici, disalienarci dalla nostra con­dizione di lavoratori e consumatori forsennati queste sono le poste in gioco essenziali. Bisogna trasformare i nostri ritmi sociali per ritrovare il tempo di vivere.