8097–8112 di 72802 risultati

L’ossessione del miliardario – Simon: Un romanzo sull’ossessione di un miliardario

Grazie a un colpo di fortuna, la studentessa di infermieristica e cameriera a tempo pieno Kara Foster infligge un duro colpo alla sua già disperata situazione finanziaria, che sicuramente la condurrà a vivere per le strade. Non avendo bisogno di altro che un autentico miracolo per salvarsi, Kara ottiene l’aiuto da una fonte sconosciuta, improbabile e travolgente. Il miliardario Simon Hudson le fa un’offerta impossibile da rifiutare, ma terrificante, provenendo da un uomo che lei non conosce. Il bel milionario alpha sarà davvero una soluzione ai problemi o finirà per essere una complicazione maggiore e un pericolo per la sua sanità mentale?
Il solitario miliardario Simon Hudson preferirebbe stare dietro a un computer a creare giochi piuttosto che stare gomito a gomito con l’élite, e sa esattamente che cosa vuole… fin quando non incontra Kara Foster. Qualcosa di Kara colpisce Simon in un modo che non aveva mai sperimentato, e questo sicuramente non gli piace. Per oltre un anno, Simon tiene d’occhio Kara, ma rifiuta ostinatamente di ammettere il desiderio di possederla, addirittura a se stesso. Ma quando lei finisce in una situazione che potrebbe benissimo essere la sua distruzione, Simon si fa avanti per aiutarla, senza rendersi conto che nel salvare Kara, potrebbe benissimo salvare la sua stessa anima.
**
### Sinossi
Grazie a un colpo di fortuna, la studentessa di infermieristica e cameriera a tempo pieno Kara Foster infligge un duro colpo alla sua già disperata situazione finanziaria, che sicuramente la condurrà a vivere per le strade. Non avendo bisogno di altro che un autentico miracolo per salvarsi, Kara ottiene l’aiuto da una fonte sconosciuta, improbabile e travolgente. Il miliardario Simon Hudson le fa un’offerta impossibile da rifiutare, ma terrificante, provenendo da un uomo che lei non conosce. Il bel milionario alpha sarà davvero una soluzione ai problemi o finirà per essere una complicazione maggiore e un pericolo per la sua sanità mentale?
Il solitario miliardario Simon Hudson preferirebbe stare dietro a un computer a creare giochi piuttosto che stare gomito a gomito con l’élite, e sa esattamente che cosa vuole… fin quando non incontra Kara Foster. Qualcosa di Kara colpisce Simon in un modo che non aveva mai sperimentato, e questo sicuramente non gli piace. Per oltre un anno, Simon tiene d’occhio Kara, ma rifiuta ostinatamente di ammettere il desiderio di possederla, addirittura a se stesso. Ma quando lei finisce in una situazione che potrebbe benissimo essere la sua distruzione, Simon si fa avanti per aiutarla, senza rendersi conto che nel salvare Kara, potrebbe benissimo salvare la sua stessa anima.

L’inverno Del Profeta

Un hotel di lusso a Sarajevo. Una missione di pace e una cena di gala. Una relazione clandestina, come tante altre, tra due diplomatici svedesi. Un attentato nella hall dell’albergo.
Tra le vittime c’è il padre di Elias, studente svedese di ventiquattro anni. Nel giro di pochi giorni tutto il suo mondo crolla: non solo il padre è morto, ma deve anche convivere con la terribile possibilità di un tumore al cervello. È in questo frangente drammatico che il giovane conosce Ylva, capo nonché amante di suo padre, decisa tanto quanto lui a far luce sui misteri di quella morte violenta. Così i due uniscono le loro forze per scoprire i responsabili, e si ritrovano in mezzo a un intrigo internazionale che coinvolge partiti politici, forze diplomatiche e ricche aziende private in un vortice di interessi personali e sete di potere. Un thriller carico di suspense, che contraddice l’immagine tradizionale della Svezia come paese “virtuoso”, mostrando che lo scandalo e la corruzione esistono, spesso celati e protetti anche dal governo.
Håkan Östlundh immerge i suoi lettori nel vivo dell’azione e li accompagna fra colpi di scena e rivelazioni, proiettili e codici cifrati, mantenendo alta la tensione con la sua abilità di scrittore affilata come un coltello. **
### Sinossi
Un hotel di lusso a Sarajevo. Una missione di pace e una cena di gala. Una relazione clandestina, come tante altre, tra due diplomatici svedesi. Un attentato nella hall dell’albergo.
Tra le vittime c’è il padre di Elias, studente svedese di ventiquattro anni. Nel giro di pochi giorni tutto il suo mondo crolla: non solo il padre è morto, ma deve anche convivere con la terribile possibilità di un tumore al cervello. È in questo frangente drammatico che il giovane conosce Ylva, capo nonché amante di suo padre, decisa tanto quanto lui a far luce sui misteri di quella morte violenta. Così i due uniscono le loro forze per scoprire i responsabili, e si ritrovano in mezzo a un intrigo internazionale che coinvolge partiti politici, forze diplomatiche e ricche aziende private in un vortice di interessi personali e sete di potere. Un thriller carico di suspense, che contraddice l’immagine tradizionale della Svezia come paese “virtuoso”, mostrando che lo scandalo e la corruzione esistono, spesso celati e protetti anche dal governo.
Håkan Östlundh immerge i suoi lettori nel vivo dell’azione e li accompagna fra colpi di scena e rivelazioni, proiettili e codici cifrati, mantenendo alta la tensione con la sua abilità di scrittore affilata come un coltello.

L’uovo

Sherwood Anderson (Camden, Ohio, 1876 – Panama, 1941) è indiscutibilmente uno dei migliori autori americani di racconti della prima metà del Novecento. La sua produzione più significativa si situa negli anni 1916-24 e comprende i romanzi Poor white (1920), Many marriages (1923), l’autobiografico A story teller’s story (1924) e le raccolte di racconti Winesburg, Ohio (1919, senza dubbio la sua opera più apprezzata), The triumph of the egg (1921) e Horses and men (1923). L’uovo (The egg), la storia degli sforzi di una coppia di lavoratori agricoli di sfuggire alla miseria raccontata a distanza di anni dal loro ironico e disincantato figlio, è tratto da The triumph of the egg, ed è forse il suo racconto più famoso.

L’uomo eterno

La guerra fra Terrestri e Laagi dura ormai da varie generazioni: un conflitto assurdo quanto logorante, senza vinti né vincitori, di cui pochi rammentano l’inizio e che sembra non avere fine. Ed è singolare che la razza umana ignori pressoché tutto dei Laagi, a parte lo spirito bellicoso e la forma minacciosa delle loro astronavi. Da dove provengono, e qual è la loro vera natura fisica e mentale? Nessuna astronave Laagi si è mai arresa, ed ogni sforzo di spingersi oltre la Frontiera che separa le due zone d’influenza è risultato vano. Ma l’equilibrio viene ora spezzato dalla scoperta del relitto di un’antica astronave terrestre, La Chasse Gallerie, scomparsa da oltre un secolo. Il suo ritorno è un mistero e. soprattutto, come è possibile che dopo tanto tempo si possa udire ancora, forte e chiara, la voce del suo pilota. Raoul Renard? In qualche modo inesplicabile, la sua mente è sopravvissuta e si è fusa con la struttura stessa dell’astronave. Chi può aver realizzato un simile prodigio? E da dove proviene realmente La Chasse Gallerie? Dal cuore del territorio Laagi o da qualche zona ancor più remota? Sarà Jim Wander a cercare una risposta a questi interrogativi, spingendosi al di là della Frontiera a bordo della sua astronave AndFriend, nel tentativo di ripercorrere l’itinerario di Renard. Un’impresa eroica che può finalmente rivelare i misteri che circondano la razza Laagi, e forse gettare un ponte fra le due civiltà, ma dove lo attende soprattutto l’incontro con un’altra razza che rappresenta un enigma per gli stessi Laagi. Una grande avventura spaziale nella migliore tradizione dell’autore del Ciclo dei Dorsai.

L’uomo delle castagne

Troppe cornacchie dietro il trattore. Saltellano freneticamente intorno a qualcosa di bianco, pallido e informe. Un maiale. Gli occhi spenti, il corpo che freme e si agita, come se provasse a spaventare le cornacchie, appollaiate a mangiare da un grosso foro di arma da fuoco sulla sua nuca. Un navigato agente di polizia, a una settimana dalla pensione, si ferma davanti alla fattoria di un vecchio conoscente, nei dintorni di Copenaghen. Qualcosa non va. Un maiale morto lasciato lì. Non si fa così, in campagna. Apre la porta d’ingresso, socchiusa, con due dita, come nei film. Per vedere una cosa che non avrebbe mai voluto vedere: sangue, un cadavere mutilato, altri corpi da scavalcare. Cammina fino all’ultima stanza, dove centinaia di omini fatti di castagne e fiammiferi – infantili, incompleti, deformi – lo guardano ciechi. Stravolto, si chiude la porta alle spalle, senza sapere che l’assassino lo sta fissando. Così si annuncia, spaventosa, la storia dell’Uomo delle castagne, un thriller di grande livello, il primo romanzo di Søren Sveistrup, autore della serie tv The Killing – il cult mondiale che ha appassionato milioni di spettatori – e sceneggiatore dell’Uomo di neve, il film tratto dal romanzo di Jo Nesbø. Un’invenzione narrativa complessa, un assassino disumano che si muove nel fondo di questo libro con una cupezza senza eguali, un’indagine condotta con angosciata bravura da due detective – uomo e donna, lui e lei – costretti a scendere mille gradini per comprendere come un’ossessione perfetta può deviare la mente di un individuo. Nemmeno Hitchcock. Perché poi un grande thriller nasce soltanto da un magnete, un chiavistello del male che attira, che vi attira inesorabilmente là, nella stanza degli omini che dondolano. Un capitolo vi lascerà il gusto di essere su una pista possibile e il seguente vi dirà di cambiare strada. Perché l’Uomo delle castagne ha pensato a tutto e ricorda ogni cosa. Gli altri, finti innocenti, hanno dimenticato.

L’università di Rebibbia

“L’arte della gioia” dev’essere un romanzo maledetto. Per esso Goliarda si ridusse in assoluta povertà e andò persino in galera per aver rubato una manciata di gioielli. E quel fremito letterario per il quale era disposta a un gesto disperato si mantiene in queste pagine, in cui racconta la sua detenzione a Rebibbia, scuola di vita, vera e propria università che insegna, senza le illusioni e le ipocrisie della vita ordinaria, la dura e autentica dimensione della convivenza umana. Ma in quell’universo freddo e spietato, Goliarda scopre anche cosa vuol dire solidarietà, calore, amicizia, spontaneità, impossibili nel mondo di fuori dove si è meno liberi e sicuri. Intellettuale libera e anticonformista, Goliarda Sapienza ci offre, con sguardo lucido e penetrante, uno spaccato sorprendente che rovescia tutti i nostri stereotipi su una realtà sconosciuta e per questo tanto piú rivelatrice. **

L’ultimo segreto di Botticelli

**UN DIPINTO IMMORTALE**
**UN CELEBRE CONDOTTIERO**
**UN AMORE CHE NON CONOSCE** **OSTACOLI**
**1482** **Botticelli** sta terminando la ***Primavera*** , un dipinto che sarà celebrato come una vetta assoluta dell’arte. Ma anche un enigma, forse impossibile da sciogliere. È una metafora dell’amore platonico? O il suggello di un patto segreto, sottoscritto da **Caterina Sforza** , che mira a unire Milano, Roma e Firenze sotto un’unica bandiera, per liberare l’Italia?
**1526** La giovane **Luce** , esperta di erbe e ricette curative, viene trascinata al cospetto della marchesa **Bianca Riario Sforza** , la potente figlia di Caterina. La ragazza è convinta che Bianca la voglia denunciare all’Inquisizione per la sua attività di guaritrice, ma la marchesa, appassionata alchimista, la prende sotto la sua protezione.
L’abilità di Luce è tale che, quando il fratello di Bianca, **Giovanni dalle Bande Nere** , viene ferito in battaglia, la marchesa chiede proprio a lei di curarlo. Ma Bianca non può prevedere la passione che nasce tra la giovane donna e il celebre condottiero. Un sentimento che rischia di stravolgere i suoi veri piani, infinitamente più diabolici di quelli che Luce ha immaginato.
Bianca fa allora in modo che il fratello parta per la battaglia decisiva, e manda Luce a Mantova, con la scusa di proteggerla. Sarà lì che Luce apprenderà il reale significato della *Primavera*. E dovrà comunicarlo a Giovanni, prima che sia troppo tardi…
**
### Sinossi
**UN DIPINTO IMMORTALE**
**UN CELEBRE CONDOTTIERO**
**UN AMORE CHE NON CONOSCE** **OSTACOLI**
**1482** **Botticelli** sta terminando la ***Primavera*** , un dipinto che sarà celebrato come una vetta assoluta dell’arte. Ma anche un enigma, forse impossibile da sciogliere. È una metafora dell’amore platonico? O il suggello di un patto segreto, sottoscritto da **Caterina Sforza** , che mira a unire Milano, Roma e Firenze sotto un’unica bandiera, per liberare l’Italia?
**1526** La giovane **Luce** , esperta di erbe e ricette curative, viene trascinata al cospetto della marchesa **Bianca Riario Sforza** , la potente figlia di Caterina. La ragazza è convinta che Bianca la voglia denunciare all’Inquisizione per la sua attività di guaritrice, ma la marchesa, appassionata alchimista, la prende sotto la sua protezione.
L’abilità di Luce è tale che, quando il fratello di Bianca, **Giovanni dalle Bande Nere** , viene ferito in battaglia, la marchesa chiede proprio a lei di curarlo. Ma Bianca non può prevedere la passione che nasce tra la giovane donna e il celebre condottiero. Un sentimento che rischia di stravolgere i suoi veri piani, infinitamente più diabolici di quelli che Luce ha immaginato.
Bianca fa allora in modo che il fratello parta per la battaglia decisiva, e manda Luce a Mantova, con la scusa di proteggerla. Sarà lì che Luce apprenderà il reale significato della *Primavera*. E dovrà comunicarlo a Giovanni, prima che sia troppo tardi…

L’ultimo battito del cuore

Nell’incantevole campagna del Kent, Penelope non arriva per caso. Dopo la tragica scomparsa di Adam, il suo unico amore, in un incidente d’auto a cui lei è miracolosamente scampata, si lascia convincere a trascorrere un periodo di tempo nella magnifica tenuta di sua sorella Addison. Ma a casa dei Walker la situazione è tutt’altro che tranquilla. Il matrimonio tra Addison e Ryan, costretto su una sedia a rotelle, peggiora di giorno in giorno, così come l’umore della sorella, sempre più fredda, tagliente e scontrosa. L’unica consolazione per Penelope è prendersi cura del giardino da troppo tempo trascurato. Con l’appoggio di Ryan e l’aiuto di Tristan, il taciturno vivaista del paese, quel rettangolo di terra infestato da erbacce si arricchisce di una grande varietà di piante e fiori colorati. Tuttavia i violenti litigi con Addison, il tormento del ricordo di Adam e una serata fatale trascorsa con Ryan fanno sentire Penelope sempre più sola e in balìa delle onde del destino. L’unica voce a raggiungerla nel profondo è quella di Tristan, il primo uomo dopo Adam ad attrarla misteriosamente… Valentina Cebeni ci regala una grande storia d’amore, gelosia, rancori e segreti mai confessati. La storia romantica e struggente di una donna in cerca della sua nuova strada.

L’ultima scena

In questo settimo volume della serie la bibliotecaria Aurora “Roe” Teagarden torna in forma dopo le devastanti vicende raccontate nel romanzo “Gioco di inganni”. Roe e il suo corteggiatore di un tempo, lo scrittore di gialli Robin Crusoe, uniscono le forze per districare le conseguenze della loro prima indagine in occasione della quale avevano catturato l’assassino che stava terrorizzando la città di Lawrenceton. Robin ha sfruttato quell’esperienza per scrivere un romanzo che è diventato un bestseller e che sarà trasformato in un film per la TV. Naturalmente, esso verrà girato a Lawrenceton, e tutta la città è entusiasta e impaziente di essere coinvolta nella cosa, tutti tranne Roe. Oh, certo, lei è felice di rivedere Robin dopo gli anni da lui vissuti a Hollywood, ma non è contenta che la stella del film sia Celia Shaw, la vincitrice di un premio Emmy, attuale compagna di Robin. La seconda mattina delle riprese, Celia viene trovata morta nel suo camper, con la statuetta del premio Emmy insanguinato al suolo accanto a lei. Poi Roe viene minacciata a sua volta, prima con una lettera velenosa, poi da un fan di Robin Crusoe che cerca di ucciderla.

L’ospite crudele

**Fai attenzione a chi lasci entrare in casa tua.**
Quando Caroline riceve la proposta di partecipare a uno scambio-case tra il suo appartamento di Leeds e una villetta in un bel quartiere residenziale di Londra, accetta senza riserve. Non la preoccupa affatto l’idea di lasciare che uno sconosciuto entri in casa sua: per lei è più importante allontanarsi per un po’ da tutto e tutti, compreso il figlio piccolo, e compiere quell’ultimo tentativo di salvare il proprio matrimonio con Francis.
Ma le cose non vanno come si aspettava. E non soltanto perché tutti i problemi che sperava di lasciarsi dietro in realtà la inseguono… C’è qualcosa di strano, di inquietante in quella casa. C’è una vicina che all’inizio sembra amichevole ma presto si rivela fin troppo curiosa e ossessiva. E dentro quell’abitazione che dovrebbe esserle sconosciuta compaiono poco a poco segnali precisi che terrorizzano Caroline. I fiori in bagno, la musica che proviene dallo stereo, la fotografia appesa in corridoio… Potranno sembrare innocui a chiunque altro, ma non a Caroline. Perché parlano di lei, del suo passato e di un segreto tragico e fatale che soltanto lei dovrebbe conoscere. Quando capisce di essere caduta suo malgrado in una trappola e di non poterne parlare con nessuno per paura di perdere tutto ciò che ha e per cui lotta, c’è una domanda che la assilla. Chi è davvero lo sconosciuto con cui ha fatto lo scambio? Chi c’è in quel momento dentro casa sua, a Londra? **
### Sinossi
**Fai attenzione a chi lasci entrare in casa tua.**
Quando Caroline riceve la proposta di partecipare a uno scambio-case tra il suo appartamento di Leeds e una villetta in un bel quartiere residenziale di Londra, accetta senza riserve. Non la preoccupa affatto l’idea di lasciare che uno sconosciuto entri in casa sua: per lei è più importante allontanarsi per un po’ da tutto e tutti, compreso il figlio piccolo, e compiere quell’ultimo tentativo di salvare il proprio matrimonio con Francis.
Ma le cose non vanno come si aspettava. E non soltanto perché tutti i problemi che sperava di lasciarsi dietro in realtà la inseguono… C’è qualcosa di strano, di inquietante in quella casa. C’è una vicina che all’inizio sembra amichevole ma presto si rivela fin troppo curiosa e ossessiva. E dentro quell’abitazione che dovrebbe esserle sconosciuta compaiono poco a poco segnali precisi che terrorizzano Caroline. I fiori in bagno, la musica che proviene dallo stereo, la fotografia appesa in corridoio… Potranno sembrare innocui a chiunque altro, ma non a Caroline. Perché parlano di lei, del suo passato e di un segreto tragico e fatale che soltanto lei dovrebbe conoscere. Quando capisce di essere caduta suo malgrado in una trappola e di non poterne parlare con nessuno per paura di perdere tutto ciò che ha e per cui lotta, c’è una domanda che la assilla. Chi è davvero lo sconosciuto con cui ha fatto lo scambio? Chi c’è in quel momento dentro casa sua, a Londra?

L’Oceano Di Mezzo

«Nella mia vita di nomade non ho mai smesso la ricerca di radici. Immaginarie, costruite, conquistate. Ma indispensabili.» Le austere memorie di Genova, le atmosfere nordiche di Bruxelles e le sorprese di Parigi, l’iniziazione all’Oriente in Indonesia, poi verso Ovest a respirare l’aria decadente di New York, lo spaesamento di San Francisco, a riscoprire un’armonia celeste di Pechino, i bambini del Sichuan, le case a fior d’acqua del Kerala, il destino marittimo di Tokyo, le sorgenti del Nilo… Tre oceani e quattro continenti. Federico Rampini ci racconta grande storia e vita quotidiana di tanti luoghi e personaggi indimenticabili. E forse qualche lezione appresa.

L’Italia È Un Sentiero

Il racconto appassionato dell’Italia vista da quota zero: tra incantevoli sentieri di montagna e tratturi che rievocano pratiche antichissime, tra vie sacre di pellegrinaggio e percorsi che conservano memoria di scenari di guerra, questo libro è un invito irresistibile a uscire di casa e mettersi in cammino.
Per centinaia di migliaia di anni noi umani abbiamo conosciuto solo un modo per muoverci: mettere un passo davanti all’altro. In qualche caso muli e cavalli hanno aiutato, ma per spostarci abbiamo sempre dovuto affrontare lunghe scarpinate. Agli inizi del secolo scorso automobili, treni e aerei hanno sconvolto quest’abitudine, condizionando il nostro corpo e anche il nostro modo di pensare. Camminando ci accorgiamo di riuscire a osservare i luoghi sotto una prospettiva diversa, ci sembra di entrarci meglio, di viverli più in profondità. In queste pagine ritroveremo il piacere di uno sguardo nuovo a partire da luoghi vicini e accessibili: ripercorreremo i passi di Giustino Fortunato sui monti Lattari, quelli dell’inglese Edward Lear in Aspromonte e il cammino degli anarchici nei monti del Matese. Andremo sulla via Vandelli in Toscana e nelle trincee della Grande Guerra. Senza trascurare gli itinerari religiosi, dalle vie francigene ai cammini di Francesco d’Assisi. E ancora, i percorsi classici di escursionismo e trekking, fino al grande sogno del Sentiero Italia: seimila chilometri e più di 380 tappe attraverso tutta la penisola.

L’isola delle maschere

Jason, Julia e Rick sono pronti per un altro viaggio: Peter Dedalus, l’unico che può aiutarli a trovare la Prima Chiave, ha oltrepassato la Porta del Tempo e si nasconde a Venezia, nel Settecento. La perfida Oblivia Newton è già sulle sue tracce e i ragazzi devono agire in fretta. Per prima cosa dovranno scoprire chi è il misterioso Gondoliere Nero, ma nessuno sembra averlo mai sentito nominare… Età di lettura: da 10 anni.

L’Irriducibile Inconciliabilità dell’Essere

Tony Pagùroni: (sost.) animale da discoteca della specie millennials, figlio di papà, dal sogno di diventare influencer. Può un individuo simile essere scambiato per un raffinato poeta contemporaneo? Secondo i social network, sì. Scopri questa pungente satira sulla società dell’apparire mentre segui la storia dell’autoproclamato “vate” Tony Paguroni e della frase che lo renderà famoso. Attorno a lui una famiglia teledipendente, insegnanti bipolari, invidiosi compagni di classe, presentatori tv in disperata crisi di mezza età e un mentore dalle dubbie doti intellettive. Una briosa farsa sul “dire tutto senza dire niente”, sugli abbagli della società contemporanea e sul fittizio mondo dei social network. Riuscirà Tony a realizzare il suo sogno? O le sue frasi vacue verranno scoperte per quello che sono? **

L’inconsistente. Un amore zoppo

Filippo è un uomo di trentadue anni, ma vive in un paese che negandogli autonomia e sicurezza economica lo intrappola in un’eterna adolescenza.
La quotidianità di Filippo è una continua riflessione sull’inconsistenza del proprio esistere. È un italiano che spiega la propria percezione della situazione politica italiana e il proprio rapporto con una cultura in apparenza evoluta che promuove narcisismo ed egoismo e che venera e premia ogni forma di “bullismo”.

L’imprevedibile movimento dei sogni

*L’indimenticabile storia di tre ragazze che muoiono dalla voglia di vivere. Un romanzo straordinario che parla di identità, libertà e sogni. E del prezzo che a volte bisogna pagare per realizzarli.* Basta un attimo per cambiare tutto. Basta un attimo perché Isabella, diciassette anni, si schianti sulla terra rossa di un campo da tennis e si risvegli sotto le luci al neon del pronto soccorso. Non è la prima volta che sviene così, all’improvviso, e quindi non può essere dimessa. Per Isabella il ricovero nel reparto di pediatria è peggio di un incubo: gli esami continui, gli infermieri opprimenti e poi quella silenziosa compagna di stanza che passa il tempo a leggere libri. Eleonora è abituata ai ritmi dell’ospedale: è sempre stata malata, fin da quando ha la possibilità di ricordare. Conosce tutto e tutti lì dentro, conosce anche Daniela, una strana ragazza con un tatuaggio sul collo che se ne va in giro per il reparto canticchiando sempre la stessa canzone. Tra Isabella, Eleonora e Daniela nasce un’improbabile amicizia. Una simbiosi capace di valicare persino il confine tra la vita e la morte. Un’alleanza che le porterà a una scelta dura ed estrema e a scoprire la verità su loro stesse e sul proprio destino. Apprenderanno quanto crudele e meraviglioso sia crescere, in un viaggio visionario che in pochi, intensissimi giorni le renderà adulte. Tra fantastico e reale, epifanie e rivelazioni, atti temerari e addii, una corsa a perdifiato inaspettata, spaventosa e straordinaria. Come inaspettata, spaventosa e straordinaria può essere la vita stessa.