7889–7904 di 74503 risultati

Fiabe irlandesi

Racconti popolari con fate, folletti, streghe e sirene raccolti dal grande poeta
Cura e traduzione di Pietro Meneghelli
Edizioni integrali
Poco più di un secolo fa Yeats, la maggiore voce poetica di lingua inglese del Novecento, riuniva per la prima volta nelle raccolte Fiabe e racconti delle campagne irlandesi (1888) e Fiabe irlandesi (1892) le favole e i racconti dei più grandi scrittori del suo Paese, tra cui Thomas Crofton Crocker, Lady Wilde (madre di Oscar), William Carleton, Douglas Hyde. Grazie agli scritti di questi autori, che seppero ben interpretare e rivendicare la validità di una tradizione narrativa popolare autonoma e vivace, Yeats realizzò una splendida panoramica del folclore irlandese, popolato da spettri, folletti, diavoli, giganti, streghe, druidi…
«La luna spuntò improvvisamente da dietro una nuvola e ci consentì di vedere, con la chiarezza con cui ora vedo il foglio che ho davanti, la figura di una donna alta e magra, a capo scoperto, con lunghi capelli che le si muovevano attorno alle spalle.»
William Butler Yeats
(1865-1939), poeta e drammaturgo irlandese, proveniva da un ambiente protestante colto e raffinato. Autore di moltissime opere teatrali, contribuì enormemente alla nascita di quel sentimento e di quella cultura nazionale che dovevano portare l’Irlanda a liberarsi della sottomissione all’Inghilterra. Alla nascita del libero Stato irlandese fu nominato senatore. Nel 1923 ricevette il premio Nobel. Tra le tante opere poetiche che lo hanno reso celebre ricordiamo The Wild Swans at Coole (1917), The Tower (1928) e The Winding Stairs (1933).

Ferro

Ferruccio Camerano, detto Ferro, è uno scrittore di gialli che non ha mai realmente sfondato e vivacchia tra Bologna, dove ha studiato, e Cisternino di Puglia, suo paese natale. A legarlo al paese è soprattutto la presenza del fratello gemello Cesare, rimasto disabile in seguito a un incidente capitatogli da ragazzino.
Vittima dello strozzino Dragan Arsic, il terrore balcanico dell’alto Salento, Cesare si ritrova con una gamba amputata e in pericolo di vita. Proprio per salvare il fratello, Ferro finisce a sua volta nelle mani di Dragan. Dando per scontate le sue abilità investigative, vista la professione di giallista, e per via della sua fama di ragazzo fortunato, il boss slavo gli affida una missione: andare a Milano, scovare il suo nemico giurato, Zoran Baycusa, mozzargli la testa e riportargliela. Arrivato a Milano, gli indizi che Ferro trova nell’appartamento che il boss gli ha messo a disposizione lo portano subito al Cigno Nero, squallido strip club di periferia dove la star indiscussa è la bellissima Jadranka, per la quale Ferro perde irrimediabilmente la testa e che gli propone di aiutarlo. Tra sparatorie, tradimenti, falsi amici e veri nemici, Ferro si troverà molto vicino alla soluzione del caso. Dovrà solo decidere, almeno per una volta, da che parte stare.
Un thriller con venature pulp, un romanzo dal ritmo serratissimo che ci porta a scoprire il nero che alberga in ogni cuore, anche quello più insospettabile.

Farfui

Excerpt from Farfu: Romanzo
Poi la casa sorgeva fuori di Milano, oltre il da zio di Porta Ticinese, in una zona occupata quasi interamente da vasti magazzini di formaggio e di burro, e da depositi di legname; quartiere di popolo e di lavoratori, di operai e di gente arrie chita, quartiere classicamente milanese per l’at tivit�, il frastuono, l’uso d’un dialetto pi� aper to e pi� tipico.
Lorenzo Moro aveva appunto in quel quartiere i suoi magazzini e lo studio, e non desiderava aver vi anche la casa; ci� avrebbe mutato le abitudini della sua vita operosa, togliendogli la ragione del le lunghe passeggiate tra casa e studio, ch’egli faceva la mattina ed il pomeriggio fin che abi tava in via Bigli.
About the Publisher
Forgotten Books publishes hundreds of thousands of rare and classic books. Find more at [www.forgottenbooks.com](http://www.forgottenbooks.com)
This book is a reproduction of an important historical work. Forgotten Books uses state-of-the-art technology to digitally reconstruct the work, preserving the original format whilst repairing imperfections present in the aged copy. In rare cases, an imperfection in the original, such as a blemish or missing page, may be replicated in our edition. We do, however, repair the vast majority of imperfections successfully; any imperfections that remain are intentionally left to preserve the state of such historical works.

Excel 2016. Impara a lavorare con i fogli di calcolo

L’ambiente di lavoro di Excel 2016, struttura di un foglio di calcolo, gestione di celle, righe e colonne, inserimento, modifica e formattazione dei dati, aggiunta di formule e funzioni, utilizzo di ordinamenti, filtri e ricerche, elaborazione di grafici, opzioni di salvataggio e stampa, impiego di macro e tabelle pivot. **

Esche vive

Fiorenzo vive a Muglione, profonda provincia toscana fatta di disoccupazione e fossi stagnanti, e non lo si può considerare un ragazzo fortunato: oltre al nome che gli hanno affibbiato, dei due genitori gli resta solo il padre, lunatico proprietario del negozio Magic Pesca ma soprattutto allenatore dell’Unione Ciclistica Muglionese, nel cui vivaio si ostina a cercare un grande campione del futuro. Ma soprattutto, a quattordici anni Fiorenzo ha perso la mano destra per colpa di un petardo, e nonostante abbia saputo reagire con intraprendenza e fantasia, dedicandosi alla musica heavy metal con il forsennato entusiasmo dell’adolescenza, ha dovuto scoprire presto che nella vita “quello che manca conta molto di più di quel che c’è”. Tiziana invece ha trent’anni, e in comune con Fiorenzo ha solo di essere nata a Muglione. Da dove è scappata dopo il liceo, per laurearsi e frequentare un master all’estero che le ha aperto sfolgoranti possibilità di lavoro. Ma Tiziana ha preso una decisione improvvisa e coraggiosa: tornare a casa, mettere le proprie competenze al servizio della comunità. Il paese di Muglione, in segno di gratitudine, le affida la gestione del locale Informagiovani, che però diventa subito il ritrovo di un gruppo di anziani giocatori di carte, costringendo Tiziana a fare i conti con il proprio senso di inadeguatezza, mentre un amore complicato e dolcissimo arriva a stravolgerle la vita.
E poi c’è Mirko, il Campioncino, il ragazzino prodigio che il padre di Fiorenzo ha scovato per caso in Molise e si è portato a casa perché il suo assoluto talento ciclistico lascia sperare grandi cose. Mirko è un mistero totale, una contraddizione vivente: intelligentissimo ma ingenuo, potenza imbattibile in sella a una bici ma goffo e inerme nel quotidiano, idolo degli appassionati di ciclismo e insieme bersaglio perfetto dei crudeli compagni di scuola. Fiorenzo, Tiziana e il Campioncino, tre mondi lontanissimi che si incontrano per caso in un luogo desolato e improbabile, tre anime che intrecciando i loro destini danno vita a un corto circuito struggente e divertentissimo, amaro e poetico. **
### Sinossi
Fiorenzo vive a Muglione, profonda provincia toscana fatta di disoccupazione e fossi stagnanti, e non lo si può considerare un ragazzo fortunato: oltre al nome che gli hanno affibbiato, dei due genitori gli resta solo il padre, lunatico proprietario del negozio Magic Pesca ma soprattutto allenatore dell’Unione Ciclistica Muglionese, nel cui vivaio si ostina a cercare un grande campione del futuro. Ma soprattutto, a quattordici anni Fiorenzo ha perso la mano destra per colpa di un petardo, e nonostante abbia saputo reagire con intraprendenza e fantasia, dedicandosi alla musica heavy metal con il forsennato entusiasmo dell’adolescenza, ha dovuto scoprire presto che nella vita “quello che manca conta molto di più di quel che c’è”. Tiziana invece ha trent’anni, e in comune con Fiorenzo ha solo di essere nata a Muglione. Da dove è scappata dopo il liceo, per laurearsi e frequentare un master all’estero che le ha aperto sfolgoranti possibilità di lavoro. Ma Tiziana ha preso una decisione improvvisa e coraggiosa: tornare a casa, mettere le proprie competenze al servizio della comunità. Il paese di Muglione, in segno di gratitudine, le affida la gestione del locale Informagiovani, che però diventa subito il ritrovo di un gruppo di anziani giocatori di carte, costringendo Tiziana a fare i conti con il proprio senso di inadeguatezza, mentre un amore complicato e dolcissimo arriva a stravolgerle la vita.
E poi c’è Mirko, il Campioncino, il ragazzino prodigio che il padre di Fiorenzo ha scovato per caso in Molise e si è portato a casa perché il suo assoluto talento ciclistico lascia sperare grandi cose. Mirko è un mistero totale, una contraddizione vivente: intelligentissimo ma ingenuo, potenza imbattibile in sella a una bici ma goffo e inerme nel quotidiano, idolo degli appassionati di ciclismo e insieme bersaglio perfetto dei crudeli compagni di scuola. Fiorenzo, Tiziana e il Campioncino, tre mondi lontanissimi che si incontrano per caso in un luogo desolato e improbabile, tre anime che intrecciando i loro destini danno vita a un corto circuito struggente e divertentissimo, amaro e poetico.

È proprio la fine del mondo

Ogni romanzo di Damon Knight è un po’ la “fine del mondo”, se i nostri lettori (abituati a confrontarsi con questa evenienza più spesso di quanto non si creda) ci permettono di ricorrere a un termine tanto abusato in fantascienza. Eppure, possiamo assicurare loro che: a) in questo caso, l’affermazione è perfettamente giustificata; b) nessuno esagera se proclama questo romanzo come uno dei più riusciti e brillanti scritti da Knight da diversi anni a questa parte; e c), infine, che le sorprese in serbo anche per il più smaliziato lettore non sono davvero poche. Compresa la particolare evenienza di cui accennavamo all’inizio di questo blurb.
Copertina: Oscar CHICONI

È lui o non è lui

Il bersaglio della satira di Greggio, questa volta, sono tutti quelli che ci “attapirano”, in primo luogo politici, conduttori e giornalisti televisivi, facce note della vita mondana. Insieme a una serie di aneddoti esilaranti sui retroscena di trasmissioni come “Striscia la notizia” e su tutta la gente pazza e squinternata che popola il mondo dello spettacolo e la vita politica. **

Dylan Dog: Esistenza, orrore, filosofia

Nevrotico, ex-alcolista, vegetariano, Dylan Dog è senz’altro il detective privato più in controtendenza del panorama fumettistico e letterario. “L’Indagatore dell’Incubo” deve però il suo grandissimo successo e la sua fama imperitura a ben più che all’intreccio delle sue storie, ai variegati mostri che affronta o alle battute del suo folle assistente Groucho. Il geniale e vulcanico padre di Dylan Dog, Tiziano Sclavi, è riuscito infatti a infondere al suo personaggio un ingrediente segreto, ossia una sensibilità poetica e filosofica di tipo esistenzialista, che gli ha permesso di parlare della condizione umana attraverso i mostri che l’Indagatore dell’Incubo affronta per sbarcare il lunario. Accompagnati da Dylan e dalla filosofia contemporanea, affronteremo un percorso fumettistico e filosofico attraverso tutte le situazioni “estreme” dell’esistenza, dall’assurdità della vita all’illusione dell’amore, dall’angoscia di fronte alla morte all’affannosa ricerca della verità, fino a guardare nietzscheanamente nell’Abisso, con la speranza che quest’ultimo, in un momento di distrazione, non si accorga di noi.

Due corpi nel naviglio

Nel giro di pochi giorni due corpi vengono ripescati nel naviglio di Milano. Il colonnello Valerio Maffi De Valera indaga. E più o meno identifica i responsabili.
Un racconto poliziesco di un autore che ama l’ironia.

Duchessa d’Autunno

Una bella duchessa in lutto per il suo amatissimo consorte. Un mercante abbronzato torna a rivendicare i suoi diritti di nascita. Due anime in cerca di amore e rinascita. Le loro strade si incontrano e il viaggio comincia… Ambientata nell’Hampshire nel 1777 questa è la storia di Antonia, Duchessa Vedova di Roxton e di come riemerge dalla disperazione più profonda dopo la morte di suo marito, la sua anima gemella, e inaspettatamente trova di nuovo l’amore.

Dorian & Sophie

Sophie e Mike stanno insieme da cinque anni, ma più che l’amore a tenerli legati è l’abitudine. Le continue mancanze di Mike, passate e presenti, minano il loro rapporto fino a giungere ad una rottura che potrebbe essere insanabile. In tutto questo si insinua Dorian, un vecchio amico di Mike, un uomo gentile dagli intensi occhi azzurri, così diverso da Mike da esserne l’opposto. Tornato in città dopo una lunga assenza, la sua vita si intreccerà con quella di Sophie, di cui si innamorerà perdutamente. Ma certi legami sono difficili da spezzare e Sophie, incastrata tra un vecchio amore oramai logoro e uno nuovo che la spaventa, sarà costretta a fare una scelta.