7777–7792 di 72034 risultati

Di[zion]ario Erotico

A metà tra il sillabario divagante e la confessione personale, il volume esplora più di centocinquanta voci inerenti l’universo erotico femminile così come lo vedono gli uomini A come «Atto sessuale» B come «Bocca» C come «Culo» Scorrendo l’indice delle voci di questo audace dizionario-diario, che vanno dai prevedibili «Viagra», «Vibratore», a meno prevedibili spunti filosofici (vedi alla voce «Kant») o neologismi come «Fica Power», si potrebbe pensare a un’opera di machismo impunito, un trattato per lemmi che esalta la donna-oggetto, una lode alla femmina da letto. Ma questa guida alla libido femminile rigorosamente osservata dal maschio riserva più di una sorpresa, e la conclusione non è affatto scontata. Con uno stile crudo, che non si nega nulla ma non è mai volgare, spesso sarcastico, talvolta persino tenero, il Di(zion)ario è anche una provocatoria analisi del costume che, in qualche modo, ci mostra una delle tante prospettive con cui possono essere osservati, e vissuti, i rapporti uomo-donna.

Di fronte alla bandiera

Ante la bandera es una novela donde se narran las peripecias de un cientifico que crea una poderosisima arma: el fulgurador Roch, en una clara alusion a la bomba atomica. Esta novela es un claro exponente de la mentalidad de Verne con respecto a las armas, el creciente poderio y militarismo de Alemania y el papel que la ciencia puede representar como creadora de monstruos en la figura de un cientifico loco que posee un invento capaz de los mayores beneficios o de las mayores desgracias.

Democrazia: cosa può fare uno scrittore?

La parola, veicolo di conoscenza e informazione, sembra oggi aver perso il proprio potenziale critico e analitico, e la sua fondamentale funzione di sprone e stimolo. Negli ultimi vent’anni l’informazione giornalistica e la televisione l’hanno ridotta a puro strumento retorico, volto a creare consenso oppure a offrire slogan consolatori e di facile presa. Lo scrittore – sia egli letterato, giornalista o divulgatore – può ancora contribuire alla crescita di una coscienza democratica diffusa e matura? O siamo condannati a subire questo svuotamento di significato, e a rinunciare ad ogni desiderio di sapere? Antonio Pascale e Luca Rastello affrontano il difficile rapporto tra intellettuale e società, partendo da un assunto di base: l’impegno oggi più urgente è quello di allontanare la parola dalla retorica e dalla spettacolarizzazione, per fare in modo che si riappropri della propria natura di strumento descrittivo e conoscitivo. **

del buon uso della religione

Mondo religioso e mondo secolare sono davvero così distanti e inconciliabili? La fede deve per forza rimanere relegata in ambiti dell’esperienza preclusi ai non credenti? Alain de Botton è sicuro di no. Secondo l’autore, infatti, “si può rimanere atei convinti riuscendo, almeno sporadicamente, a trovare nella religione una qualche utilità, un qualche motivo di interesse o fonte di conforto, e prendendo in considerazione l’ipotesi di adattare alla vita laica alcune norme e consuetudini religiose”. Osservando senza pregiudizi l’ascendente che le istituzioni religiose esercitano sui fedeli, De Botton si interroga sull’opportunità di sfruttare certi meccanismi – spogliati del loro lato trascendente – per contrastare la disgregazione del senso di comunità nella società laica moderna, e per far fronte alle fragilità che minano l’equilibrio di tutti gli esseri umani. La complessità liturgica della messa, per esempio, con le sue norme ben definite a regolare le interazioni tra sconosciuti, può aiutare a cementare lo spirito di gruppo, mentre festività come lo Yom Kippur dimostrano che l’elaborazione istituzionalizzata di sentimenti negativi come la rabbia è un espediente efficacissimo per la risoluzione dei conflitti sociali. È anche nel campo dell’istruzione, quale potenziale dirompente avrebbe un corso universitario che insegnasse a leggere i classici per rispondere ai bisogni dell’anima, adottando Madame Bovary e Anna Karenina come libri di testo sulle difficoltà del matrimonio? **

Dal Diario Di Una Signora Di New York

Scoprire Dorothy Parker è un piacere: ha raccontato con folgorante ironia le debolezze umane e lo snobismo conformista.
Scoprire o riscoprire Dorothy Parker è un grande piacere: ha raccontato con folgorante ironia e inimitabile acutezza le debolezze umane, le vanità, lo snobismo conformista, le fobie, la rabbia, i tentativi di non mostrare la disperazione e la disperazione stessa della borghesia americana tra le due guerre. Undici racconti brevi, compiuti, senza fili sospesi, introvabili ormai da anni – tra cui “La signora della lampada”, impietoso sguardo sull’amicizia, il fulminante “Da New York a Detroit”, rozza chiusura di una storia d’amore, e “Alla luce del giorno”, sulla vacuità della fama – che, unitamente a quelli contenuti nella raccolta “Eccoci qui” (astoria 2013), danno pienamente idea della grandezza dell’autrice.

Cuore Rubato

*Questo romanzo è legato alla saga The Season Trilogy e After The Season Trilogy, quindi, anche se si tratta di un racconto a sé e autoconclusivo, è consigliabile la lettura degli altri volumi per riuscire a capire la storia, i personaggi… e anche per evitarsi Spoiler!*
“Joh è un irriducibile Peter Pan. Ha più di trent’anni e ancora non riesce a impegnarsi davvero in nulla: né nel lavoro, né con le donne. Per lui è tutto un gioco. È tutto divertimento. Le cose serie e durature, sostiene, non sono nel suo DNA.
Almeno fino a quando, al matrimonio dei suoi amici, Devon e Tessa, non incontra gli occhi luminosi della timida e riservata Lorelay, la cuginetta della neo signora Walton. Una ragazza così diversa e lontana da lui e dal suo mondo, che lo porterà a pensare in una maniera completamente nuova. A comportarsi in un modo totalmente differente dal suo solito. A desiderare cose, che mai e poi mai, aveva pensato di poter desiderare, sognare, creando non pochi casini nel tentativo di farsi notare dalla bella Lorelay.
Cuore Rubato è la storia di un pasticcione che combinerà un disastro dietro l’altro, nel tentativo di crescere e maturare, ma lo farà in una maniera assolutamente adorabile.”
*I fatti narrati in Cuore Rubato, sono collegati agli avvenimenti della Novella -Fiori D’Arancio- nella raccolta -Merry Little Christmas-*
**
### Sinossi
*Questo romanzo è legato alla saga The Season Trilogy e After The Season Trilogy, quindi, anche se si tratta di un racconto a sé e autoconclusivo, è consigliabile la lettura degli altri volumi per riuscire a capire la storia, i personaggi… e anche per evitarsi Spoiler!*
“Joh è un irriducibile Peter Pan. Ha più di trent’anni e ancora non riesce a impegnarsi davvero in nulla: né nel lavoro, né con le donne. Per lui è tutto un gioco. È tutto divertimento. Le cose serie e durature, sostiene, non sono nel suo DNA.
Almeno fino a quando, al matrimonio dei suoi amici, Devon e Tessa, non incontra gli occhi luminosi della timida e riservata Lorelay, la cuginetta della neo signora Walton. Una ragazza così diversa e lontana da lui e dal suo mondo, che lo porterà a pensare in una maniera completamente nuova. A comportarsi in un modo totalmente differente dal suo solito. A desiderare cose, che mai e poi mai, aveva pensato di poter desiderare, sognare, creando non pochi casini nel tentativo di farsi notare dalla bella Lorelay.
Cuore Rubato è la storia di un pasticcione che combinerà un disastro dietro l’altro, nel tentativo di crescere e maturare, ma lo farà in una maniera assolutamente adorabile.”
*I fatti narrati in Cuore Rubato, sono collegati agli avvenimenti della Novella -Fiori D’Arancio- nella raccolta -Merry Little Christmas-*

Cuore D’inverno: How to Disappear Completely Series

“Sta chiedendo di guardarla, sta chiedendo di accettarla, e io non riesco a non farlo. Non potrei più tornare indietro, sono stregato da ogni cosa che la riguarda, bella o brutta, luce e ombra. Bacio delicatamente le sue lacrime salate, poi mi sposto sulle labbra schiuse. La guardo, come ha comandato di fare col suo silenzio, accarezzo ogni dettaglio del suo corpo, soffermandomi su quei traumi che ormai fanno parte di lei, come i rami fanno parte di un albero.”
Il sentimento forte e profondo tra due persone può risanare lo strappo di una vita spezzata? Sara, giovane punk dal trucco pesante e i piercing in faccia, non passa di certo inosservata a Sankt Jakob, un paesino nel Tirolo austriaco. Dopo che un tragico evento ha spezzato a metà il normale corso della sua vita e di quella dei suoi amici, Sara ha infatti deciso di abbandonare tutto e fuggire da Torino. È a un passo dal rinunciare per sempre alla propria felicità e a chiudersi in se stessa, quando incontra Isaak, ragazzo solare e caparbio che nasconde un vissuto familiare travagliato. Non potrebbero essere più diversi, eppure lui sembra in grado di comprenderla e di farle tornare la voglia di assaporare la vita in ogni sua sfumatura. Il giorno in cui il passato torna a bussare alla sua porta, Sara capisce di non poter scappare per sempre.
“Cuore d’inverno” è la nuova edizione self publishing, riveduta e corretta, di “Apri gli occhi e comincia ad amare”, primo volume AUTOCONCLUSIVO della quadrilogia “How to disappear completely”.
“Una storia d’amore non soltanto tra due esseri umani che hanno il privilegio di trovarsi, ma di amore verso la Vita stessa, quella vita che alimenta la speranza laddove la morte, invece, porta via tutto a parte i ricordi.” – recensione di Scarlett –

Cotta Innocente

### *Che devo fare? E se non mi volesse?*
*E se fosse stata solo l’avventura di una notte? E se fossi diventata solo un’altra tacca da aggiungere al suo letto?*
\—
“Sai una cosa, Angelo? Pensavo avessimo qualcosa… non qualcosa di romantico, ma un’amicizia. Credevo davvero che fossi un bravo ragazzo, ma ora capisco che sei gentile solo finché non te le porti a letto.”
\—
Quando Faye, studentessa al secondo anno di cinematografia, viene assunta per produrre video per il canale YouTube della squadra di calcio, pensa che sarebbe stato un lavoro semplice.
*Quanto può essere difficile riprendere una giornata della vita di un mucchio di ragazzi sexy e muscolosi?*
Soprattutto perché ha da sempre una cotta per uno di loro, Kevin. Sarebbe stata l’occasione perfetta per passare più… tempo *intimo* insieme a lui.
Ben presto, però, realizza che il lavoro sarebbe stato più difficile del previsto. Inoltre, è bloccata con un altro ragazzo, Angelo, e avrebbe dovuto seguirlo per un mese intero.
**Nonostante Angelo sia sexy, divertente e molto gentile con lei, è anche famoso per la sua reputazione da playboy, dato che è andato a letto con più della metà delle ragazze del campus…**
Alla fine, Faye si accorge ad avere una cotta anche per lui… e il suo cuore si ritrova dilaniato tra Angelo e Kevin.
**Ma può fidarsi dei suoi sentimenti? E se fosse tutto falso?**
**E se lei fosse stata solo un’altra tacca da aggiungere al letto?** **
### Sinossi
### *Che devo fare? E se non mi volesse?*
*E se fosse stata solo l’avventura di una notte? E se fossi diventata solo un’altra tacca da aggiungere al suo letto?*
\—
“Sai una cosa, Angelo? Pensavo avessimo qualcosa… non qualcosa di romantico, ma un’amicizia. Credevo davvero che fossi un bravo ragazzo, ma ora capisco che sei gentile solo finché non te le porti a letto.”
\—
Quando Faye, studentessa al secondo anno di cinematografia, viene assunta per produrre video per il canale YouTube della squadra di calcio, pensa che sarebbe stato un lavoro semplice.
*Quanto può essere difficile riprendere una giornata della vita di un mucchio di ragazzi sexy e muscolosi?*
Soprattutto perché ha da sempre una cotta per uno di loro, Kevin. Sarebbe stata l’occasione perfetta per passare più… tempo *intimo* insieme a lui.
Ben presto, però, realizza che il lavoro sarebbe stato più difficile del previsto. Inoltre, è bloccata con un altro ragazzo, Angelo, e avrebbe dovuto seguirlo per un mese intero.
**Nonostante Angelo sia sexy, divertente e molto gentile con lei, è anche famoso per la sua reputazione da playboy, dato che è andato a letto con più della metà delle ragazze del campus…**
Alla fine, Faye si accorge ad avere una cotta anche per lui… e il suo cuore si ritrova dilaniato tra Angelo e Kevin.
**Ma può fidarsi dei suoi sentimenti? E se fosse tutto falso?**
**E se lei fosse stata solo un’altra tacca da aggiungere al letto?**

Costi Quel Che Costi

Quando la testimonianza del detective della Omicidi Dexter J. Daley manda il suo partner in prigione per omicidio, le conseguenze – e la frenesia dei media – non si fanno attendere. Ben presto si ritrova senza fidanzato, senza amici e, dopo uno spiacevole incontro in un parcheggio al termine del processo, quasi senza denti.
Dex teme di essere trasferito dal Corpo di Polizia Umana o, peggio, di essere buttato fuori. Invece, suo padre adottivo, un sergente dello squadrone di Difesa, Ricognizione e Intelligence umano e teriano, meglio noto come THIRDS, fa in modo che Dex venga reclutato come agente della Difesa.
Dex è determinato a rimettere in sesto la propria vita ed è ansioso di iniziare il nuovo lavoro. Ma il suo primo incontro con il capo squadra, Sloane Brodie, che risulta poi anche essere il suo nuovo partner teriano giaguaro, si rivela un disastro.
Quando la squadra è chiamata a indagare sull’omicidio di tre attivisti UmanTeriani, diventa ben presto chiaro che Dex dovrà lottare duramente sia per essere accettato dal suo partner e dalla sua squadra, che per riuscire a prendere il killer.
*Nota dell’editore. Consigliamo a tutti coloro che hanno prenotato il libro qui su Amazon di aggiornarlo (se non avete quella funzione attiva in automatico), perché il giorno stesso dell’uscita è stato ricaricato il file in quanto il precedente presentava delle imperfezioni. Grazie.* **
### Sinossi
Quando la testimonianza del detective della Omicidi Dexter J. Daley manda il suo partner in prigione per omicidio, le conseguenze – e la frenesia dei media – non si fanno attendere. Ben presto si ritrova senza fidanzato, senza amici e, dopo uno spiacevole incontro in un parcheggio al termine del processo, quasi senza denti.
Dex teme di essere trasferito dal Corpo di Polizia Umana o, peggio, di essere buttato fuori. Invece, suo padre adottivo, un sergente dello squadrone di Difesa, Ricognizione e Intelligence umano e teriano, meglio noto come THIRDS, fa in modo che Dex venga reclutato come agente della Difesa.
Dex è determinato a rimettere in sesto la propria vita ed è ansioso di iniziare il nuovo lavoro. Ma il suo primo incontro con il capo squadra, Sloane Brodie, che risulta poi anche essere il suo nuovo partner teriano giaguaro, si rivela un disastro.
Quando la squadra è chiamata a indagare sull’omicidio di tre attivisti UmanTeriani, diventa ben presto chiaro che Dex dovrà lottare duramente sia per essere accettato dal suo partner e dalla sua squadra, che per riuscire a prendere il killer.
*Nota dell’editore. Consigliamo a tutti coloro che hanno prenotato il libro qui su Amazon di aggiornarlo (se non avete quella funzione attiva in automatico), perché il giorno stesso dell’uscita è stato ricaricato il file in quanto il precedente presentava delle imperfezioni. Grazie.*

Convalescenza

Una donna cerca risposta agli interrogativi che la morte della sorella ha lasciato insoluti: perché, senza un motivo apparente, aveva cominciato a detestarla? Perché, pur essendo in tutto più dotata, si sentiva inferiore a lei? Perché sembrava tenere la vita a distanza, «come se scansasse del cibo dall’odore nauseante»? E nel secondo pannello di questo dittico di racconti un’altra donna, per sfuggire a un’esistenza che la intossica, a poco a poco si trasforma in una pianta: la sua inquietudine si placa, il suo corpo sofferente fiorisce e dà frutti – prima di appassire, forse per sempre. Ci sembra di conoscerle, queste figure femminili che richiamano i motivi e l’aura della «Vegetariana», ma non cessano di stupirci per la loro straniata singolarità. Creature dolenti, sedotte dal richiamo dell’autoannientamento come unica forma di difesa dalla violenza insita nel nutrirsi, nel sentire, nel vivere. «Presto, lo so, perderò anche la capacità di pensare, ma sto bene. È da tanto tempo ormai che sognavo questo, poter vivere solo di vento, sole e acqua». Col suo tocco elusivo, la prosa scabra di Han Kang sfiora ancora una volta l’orrore senza spiegarlo e ci lascia, attoniti, a contemplare la disturbante malìa del rifiuto di sé. **
### Sinossi
Una donna cerca risposta agli interrogativi che la morte della sorella ha lasciato insoluti: perché, senza un motivo apparente, aveva cominciato a detestarla? Perché, pur essendo in tutto più dotata, si sentiva inferiore a lei? Perché sembrava tenere la vita a distanza, «come se scansasse del cibo dall’odore nauseante»? E nel secondo pannello di questo dittico di racconti un’altra donna, per sfuggire a un’esistenza che la intossica, a poco a poco si trasforma in una pianta: la sua inquietudine si placa, il suo corpo sofferente fiorisce e dà frutti – prima di appassire, forse per sempre. Ci sembra di conoscerle, queste figure femminili che richiamano i motivi e l’aura della «Vegetariana», ma non cessano di stupirci per la loro straniata singolarità. Creature dolenti, sedotte dal richiamo dell’autoannientamento come unica forma di difesa dalla violenza insita nel nutrirsi, nel sentire, nel vivere. «Presto, lo so, perderò anche la capacità di pensare, ma sto bene. È da tanto tempo ormai che sognavo questo, poter vivere solo di vento, sole e acqua». Col suo tocco elusivo, la prosa scabra di Han Kang sfiora ancora una volta l’orrore senza spiegarlo e ci lascia, attoniti, a contemplare la disturbante malìa del rifiuto di sé.

Contro La Meritocrazia (Paceinsieme)

“Questo nostro mestiere, che i grandi professori (non a caso chiamati maestri) hanno fatto con passione e rigore, è un compito sociale.Non siamo venditori della merce ‘sapere’ e neppure i fornitori di un servizio.Siamo, o dovremmo essere, parte di una comunità di liberi e uguali, che ha lo scopo, uno scopo che più degno e importante non si può: accompagnare giovani donne e giovani uomini a diventare cittadini colti e competenti, persone ‘verticali’, con la schiena dritta, capaci di pensare e di ribellarsi alle ingiustizie, e capaci di farlo perché competenti e istruiti, capaci di sviluppare le loro capacità, i loro talenti, di proteggere le differenze, le relazioni, la cura, e i cui risultati devono dipendere, in ultima istanza, dai loro meriti.”Con il Piccolo Dizionario disperato e demagogico dell’Università curato da Giovanni Azzena e Marco Rendeli e le illustrazioni di Vinicio Bonometto.

Contro Il Metodo: Abbozzo Di Una Teoria Anarchica Della Conoscenza

Modern philosophy of science has paid great attention to the understanding of scientific “practice,” in contrast to the earlier concentration on scientific “method.” Paul Feyerabend’s acclaimed work, which has contributed greatly to this new emphasis, shows the deficiencies of some widespread ideas about the nature of knowledge. He argues that the only feasible explanations of scientific successes are historical explanations, and that anarchism must now replace rationalism in the theory of knowledge.
The third edition of this classic text contains a new preface and additional reflections at various points in which the author takes account both of recent debates on science and on the impact of scientific products and practices on the human community. While disavowing populism or relativism, Feyerabend continues to insist that the voice of the inexpert must be heard. Thus many environmental perils were first identified by nonexperts against prevailing assumptions in the scientific community. Feyerabend’s challenging reassessment of scientific claims and understandings are as pungent and timely as ever.

Contro il colonialismo digitale: Istruzioni per continuare a leggere

Un libro fondamentale per capire che il libro di carta non è affatto morto, ma piuttosto che la lettura ci è stata rubata. Giuseppe Culicchia, “La Stampa” Roberto Casati non è affatto contro le tecnologie digitali. Piuttosto, è per una resistenza della scuola alle nuove tecnologie distraenti: una scuola che faccia valere l’immenso vantaggio, anche grazie alle sue inerzie, di essere uno spazio protetto in cui lo zapping è vietato per definizione. E che riesca così a incubare il vero cambiamento, cioè lo sviluppo morale e intellettuale delle persone. Paolo Di Stefano, “Corriere della Sera” Più che un attacco al libro elettronico il saggio di Casati è una accorata difesa della scuola e della lettura dei libri, dei tempi lenti, di uno spazio protetto dalla continua distrazione che ci consegna l’incessante innovazione tecnologica. Al contrario del tablet, il libro di carta è insostituibile dal punto di vista cognitivo, perché protegge la nostra risorsa mentale più preziosa: l’attenzione. Robert Castrucci, “il manifesto” Una riflessione sull’uso delle nuove tecnologie di provocatoria intelligenza. Matteo Di Gesù, “Il Sole 24 Ore”

Condominium

CONDOMINIO – spiega il dizionario – è “la coesistenza di più proprietari in una stessa casa d’abitazione: ognuno è proprietario singolo del suo appartamento, e proprietario comune di scale, ingresso, tetto, tubature, fognature, eccetera”. Ciò che il dizionario non spiega è come sia possibile questa coesistenza, ma ognuno sa che le cose non vanno lisce neanche quando il condominio sia limitato a una ventina di appartamenti. Nel gigantesco CONDOMINIUM londinese in cui si svolge il romanzo di Ballard gli appartamenti sono un migliaio. Che cosa ne risulterà? Chi ha letto VENTO DAL NULLA, o DESERTO D’ACQUA, o TERRA BRUCIATA, sa che J. G. Ballard è uno specialista di orrende catastrofi naturali. Qui il tipo di catastrofe sarà naturalmente diverso. Ma non meno orribile.

Con gli alberi contro

“Raccontare un solo anno del mio paese, uno qualunque, diciamo il 1957, o anche un solo suo mese, luglio, per esempio, o un solo suo giorno, diciamo il 6. Impossibile. E, tuttavia, quel giorno, quel mese e quell’anno dentro di noi esistono, devono esistere: c’eravamo, camminavamo per la strada, scavavamo carbone, tagliavamo boschi, camminavamo per la strada, come descrivere la strada di una città (per esempio Cracovia) in modo che chi ascolta ne percepisca il traffico, l’atmosfera, la sua natura perdurante e insieme mutevole, il suo odore e il suo frastuono, come descriverla in modo che la vedano?” Tratto da “Giungla polacca” pubblicato da Feltrinelli. Numero di caratteri: 36333.