7665–7680 di 72802 risultati

Lasciati Amare

Nuova Versione 2018
Arya Duport è una ragazza tosta. Proviene da una famiglia molto numerosa e molto unita, dove i soldi hanno sempre scarseggiato.
Ha dovuto lottare e darsi da fare per arrivare al college, e deve comunque lavorare ogni santo giorno per pagarsi tutto quello che la borsa di studio non include.
Arya ha anche un tremendo peso sulla coscienza, che non la fa dormire bene la notte e che le impedisce di aprirsi totalmente agli altri, specie con i ragazzi. . . dai quali si tiene completamente alla larga.
Colin Downey è il classico bel ragazzo che ha avuto tutto dalla vita.
Soldi, amici, tante belle ragazze,divertimenti a non finire. è bravo nello studio e nello sport e si potrebbe dire che non gli manchi proprio nulla!
La sua famiglia però non è per niente il classico esempio di famiglia unita ed amorevole, e lui ha un carattere spigoloso e molto ruvido, facile all’ira, per niente facile da trattare.
Arya e Colin provengono da due mondi diversi, e dopo uno spiacevole incidente, dove volano insulti e parole grosse, il quale costa anche il lavoro alla ragazza, e una camicia nuova a Colin, si ritrovano costretti a passare insieme sei settimane, trascinati in un’isolata casa al lago dai loro rispettivi migliori amici.
Riusciranno a non uccidersi per tutte e sei le settimane?
Ce la faranno a sopportarsi ed a convivere per tutti quei giorni, e magari riuscire a conoscersi e fare amicizia?
Riuscirà Colin a buttare giù quella barriera che Arya si è costruita per proteggersi dal mondo e che sembra indistruttibile, e permetterle di tornare ad aprirsi e fidarsi degli altri?
E riuscirà Colin a capire che a volte ci sono cose per le quali vale decisamente la pena lottare?
**
### Sinossi
Nuova Versione 2018
Arya Duport è una ragazza tosta. Proviene da una famiglia molto numerosa e molto unita, dove i soldi hanno sempre scarseggiato.
Ha dovuto lottare e darsi da fare per arrivare al college, e deve comunque lavorare ogni santo giorno per pagarsi tutto quello che la borsa di studio non include.
Arya ha anche un tremendo peso sulla coscienza, che non la fa dormire bene la notte e che le impedisce di aprirsi totalmente agli altri, specie con i ragazzi. . . dai quali si tiene completamente alla larga.
Colin Downey è il classico bel ragazzo che ha avuto tutto dalla vita.
Soldi, amici, tante belle ragazze,divertimenti a non finire. è bravo nello studio e nello sport e si potrebbe dire che non gli manchi proprio nulla!
La sua famiglia però non è per niente il classico esempio di famiglia unita ed amorevole, e lui ha un carattere spigoloso e molto ruvido, facile all’ira, per niente facile da trattare.
Arya e Colin provengono da due mondi diversi, e dopo uno spiacevole incidente, dove volano insulti e parole grosse, il quale costa anche il lavoro alla ragazza, e una camicia nuova a Colin, si ritrovano costretti a passare insieme sei settimane, trascinati in un’isolata casa al lago dai loro rispettivi migliori amici.
Riusciranno a non uccidersi per tutte e sei le settimane?
Ce la faranno a sopportarsi ed a convivere per tutti quei giorni, e magari riuscire a conoscersi e fare amicizia?
Riuscirà Colin a buttare giù quella barriera che Arya si è costruita per proteggersi dal mondo e che sembra indistruttibile, e permetterle di tornare ad aprirsi e fidarsi degli altri?
E riuscirà Colin a capire che a volte ci sono cose per le quali vale decisamente la pena lottare?

Laëtitia o la fine degli uomini

La notte tra il 18 e il 19 di gennaio del 2011 Laëtitia Perrais viene rapita, accoltellata e strangolata in un sobborgo del nord della Francia. Due giorni dopo viene arrestato un uomo con diversi precedenti penali a carico: Tony Meilhon. Ma il corpo della ragazza non si trova e non si troverà per più di dieci giorni. I grandi giornali nazionali danno la notizia, seguono il caso con clamore morboso e costruiscono «il mostro». Le televisioni prendono d’assalto amici e parenti alla ricerca di uno scoop. I politici invocano una stretta sul crimine e pene più severe. Ovunque si parla di lei ma nessuno ne parla veramente. Il suo nome è sulla bocca di tutti ma ciascuno lo usa per i propri fini. Laëtitia però, oltre alla sua morte orrenda, ha avuto una vita che non è mai interessata a nessun giornalista, nessun politico, nessuno studioso. Ivan Jablonka, con gli strumenti dello storico e la passione del narratore, quella vita la ricostruisce. Perché un fatto di cronaca nera non è mai un semplice fatto e non ha nulla di cronachistico, ma nasconde sempre una dimensione sociale e soprattutto umana. L’indagine minuziosa dell’accademico lascia cosí lentamente spazio, pagina dopo pagina, alla storia intima e toccante di un’infanzia fragile, di una bambina cresciuta troppo in fretta, di una madre depressa e un padre violento, di istituti e affidi. Una storia fatta però anche di cose belle, di sensazioni che si provano cosí forti e pure solo da adolescenti, di piccole vittorie contro il mondo. Una storia finita troppo presto. Laëtitia ha passato la vita ostaggio dell’ingiustizia, della violenza degli ambienti e di quella degli uomini. Persino dopo la morte del suo corpo di donna si è continuato ad abusare, trasformandolo in uno spettacolo macabro. Jablonka con questo libro la libera dalle catene del potere, che prima l’ha ignorata e poi l’ha trasformata in vittima sacrificale. E le restituisce, servendosi delle armi a disposizione della scrittura, la dignità e la dolcezza che dovrebbero spettare a ogni essere umano.

La Vita Tra Reale E Virtuale

“Lo sviluppo della cultura si basa sull’apprendimento di nuove conoscenze e l’oblio di quelle vecchie. Immaginate di dover accendere un fuoco solo con della paglia e una pietra focaia. Non lo sappiamo fare.” (Zygmunt Bauman) **

La Vita inizia da Vegano: In 3 mesi risolti i problemi di oltre 30 anni

“Ho letto il libro già preparato sull’argomento, sono anni che studio cosa vuol dire essere animal free e forse un giorno lo diventerò. Il libro affronta tutti gli argomenti e smonta tutte le obiezioni possibili per chi vuole avvicinarsi a questo mondo. Bravo!”
Di Marcello Rando – Acquisto verificato
“È un libro scritto davvero in modo semplice ma che allo stesso tempo fa capire i veri motivi che spingono una persona a diventare vegana. Motivi di salute .. .. .. motivi etici. Sarebbe bello se tutti capissero che mangiare animali non fa bene né a noi esseri umani, né agli animali e tanto meno all’ambiente in cui viviamo. Sarebbe bello se i medici la smettessero di prescrivere medicinali inutili. sarebbe bello se la TV la smettesse di bombardarci di scemenze e di cose sbagliate.
Complimenti all’autore e consiglio questa lettura a tutti coloro che ancora vivono nel dubbio se fare o no il giustissimo passo di diventare vegan.”
Di Mikka – Acquisto verificato
\- – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
Inizio del percorso vegano in varie fasi, il cambio alimentare da onnivoro a vegano tendenziale crudista, tutti vantaggi e benefici dell’alimentazione vegan …
IL PERCORSO VEGANO SENZA RIMPIANTI
Questo libro vuole essere un piccolo contributo a quanti non sanno i vantaggi e benefici di un’alimentazione vegana, quanti vorrebbero cambiare per stare bene, risolvere problemi di salute, scoprire com’è facile recuperare una salute precaria e mantenerla sempre al meglio con semplici ma efficaci cambiamenti del nostro stile di vita, allo stesso tempo contribuire a migliorare la società.
La società moderna fondata sul consumismo, non ha alcun interesse affinché la verità sia di dominio pubblico, interessi economici molto forti in grado di condizionare le politiche d’interi paesi, quindi influenzare la salute di milioni di persone, sono il male assoluto della società moderna, fondata prima di tutto sul profitto. Purtroppo con la salute il giro di affari è miliardario, una società sana non rende nulla, mentre una società tenuta costantemente malata rende moltissimo a tutto l’apparato medico e farmaceutico, contribuisce alla crescita economica del PIL nazionale e soprattutto arricchisce i gruppi di potere che controllano le multinazionali del farmaco.
Non c’è nulla di empatico in una medicina, nulla di miracoloso che il nostro organismo non sia in grado di fare, tutte le malattie hanno una causa, nel 90% sono legate a comportamenti malsani e un’alimentazione totalmente errata, tossica e viziata al punto che non riusciamo più a distinguere ciò che è sano da ciò che non lo è. Abbiamo perso anche il nostro istinto immersi nel profondo di una cultura che non va da nessuna parte se non alla tribolazione quotidiana, che oggi diamo completamente per scontata come se fosse la sola e unica condizione possibile, non è così.
Nell’ultimo secolo la crescita della chimica industriale, della tecnologia e dell’elettronica ha fatto scoperte di grande rilievo, ma tutta questa evoluzione ha portato con sé anche il lato negativo di questi progressi, dandoci modernità e arretratezza allo stesso tempo. Oggi possediamo le auto per muoverci velocemente, queste inquinano e ci fanno ammalare, abbiamo le medicine per ogni male, ma queste poi sono più dannose che benefiche, nei supermercati troviamo cibi da preparare in pochi minuti, ma questi sono privi di nutrienti e pieni di sostanze chimiche tossiche, un’evoluzione poco sostenibile tanto per noi quanto per l’intero ecosistema.
La negazione del sapere ed essere informati ha condizionato le nostre menti, i nutrizionisti sfornati dalle università finanziate dalle case farmaceutiche non sanno nulla di alimentazione, si attengono a protocolli generici che non prendono minimamente in considerazione la relazione stretta che c’è tra alimentazione e salute. **
### Sinossi
“Ho letto il libro già preparato sull’argomento, sono anni che studio cosa vuol dire essere animal free e forse un giorno lo diventerò. Il libro affronta tutti gli argomenti e smonta tutte le obiezioni possibili per chi vuole avvicinarsi a questo mondo. Bravo!”
Di Marcello Rando – Acquisto verificato
“È un libro scritto davvero in modo semplice ma che allo stesso tempo fa capire i veri motivi che spingono una persona a diventare vegana. Motivi di salute .. .. .. motivi etici. Sarebbe bello se tutti capissero che mangiare animali non fa bene né a noi esseri umani, né agli animali e tanto meno all’ambiente in cui viviamo. Sarebbe bello se i medici la smettessero di prescrivere medicinali inutili. sarebbe bello se la TV la smettesse di bombardarci di scemenze e di cose sbagliate.
Complimenti all’autore e consiglio questa lettura a tutti coloro che ancora vivono nel dubbio se fare o no il giustissimo passo di diventare vegan.”
Di Mikka – Acquisto verificato
\- – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –
Inizio del percorso vegano in varie fasi, il cambio alimentare da onnivoro a vegano tendenziale crudista, tutti vantaggi e benefici dell’alimentazione vegan …
IL PERCORSO VEGANO SENZA RIMPIANTI
Questo libro vuole essere un piccolo contributo a quanti non sanno i vantaggi e benefici di un’alimentazione vegana, quanti vorrebbero cambiare per stare bene, risolvere problemi di salute, scoprire com’è facile recuperare una salute precaria e mantenerla sempre al meglio con semplici ma efficaci cambiamenti del nostro stile di vita, allo stesso tempo contribuire a migliorare la società.
La società moderna fondata sul consumismo, non ha alcun interesse affinché la verità sia di dominio pubblico, interessi economici molto forti in grado di condizionare le politiche d’interi paesi, quindi influenzare la salute di milioni di persone, sono il male assoluto della società moderna, fondata prima di tutto sul profitto. Purtroppo con la salute il giro di affari è miliardario, una società sana non rende nulla, mentre una società tenuta costantemente malata rende moltissimo a tutto l’apparato medico e farmaceutico, contribuisce alla crescita economica del PIL nazionale e soprattutto arricchisce i gruppi di potere che controllano le multinazionali del farmaco.
Non c’è nulla di empatico in una medicina, nulla di miracoloso che il nostro organismo non sia in grado di fare, tutte le malattie hanno una causa, nel 90% sono legate a comportamenti malsani e un’alimentazione totalmente errata, tossica e viziata al punto che non riusciamo più a distinguere ciò che è sano da ciò che non lo è. Abbiamo perso anche il nostro istinto immersi nel profondo di una cultura che non va da nessuna parte se non alla tribolazione quotidiana, che oggi diamo completamente per scontata come se fosse la sola e unica condizione possibile, non è così.
Nell’ultimo secolo la crescita della chimica industriale, della tecnologia e dell’elettronica ha fatto scoperte di grande rilievo, ma tutta questa evoluzione ha portato con sé anche il lato negativo di questi progressi, dandoci modernità e arretratezza allo stesso tempo. Oggi possediamo le auto per muoverci velocemente, queste inquinano e ci fanno ammalare, abbiamo le medicine per ogni male, ma queste poi sono più dannose che benefiche, nei supermercati troviamo cibi da preparare in pochi minuti, ma questi sono privi di nutrienti e pieni di sostanze chimiche tossiche, un’evoluzione poco sostenibile tanto per noi quanto per l’intero ecosistema.
La negazione del sapere ed essere informati ha condizionato le nostre menti, i nutrizionisti sfornati dalle università finanziate dalle case farmaceutiche non sanno nulla di alimentazione, si attengono a protocolli generici che non prendono minimamente in considerazione la relazione stretta che c’è tra alimentazione e salute.

La via del ritorno

Quattro anni trascorsi in trincea, in un inferno di orrori, in un lembo di terra tutta buchi e distruzione, tra brandelli di divise, lampi dartiglieria e missili che solcano il cielo come fiori colorati e argentei e poi in un giorno del 1918 ecco, improvvisa, la pace. Niente più mitragliatrici, niente più spari, nessun sibilo di granate. Comincia la ritirata e il ritorno in Germania per Ernst e la sua compagnia. Trentadue uomini, su più di cinquecento fanti partiti allinizio della Grande guerra. Attraversano la Francia camminando lentamente,con le loro divise stinte e sudicie, i volti irsuti sotto gli elmetti dacciaio. Magri e scavati dalla fame, dalla miseria, dagli stenti. Anziani con la barba e compagni smilzi non ancora ventenni, coi lineamenti che segnano lorrore, il coraggio e la fine, con occhi che ancora non riescono a capire: sfuggiti al regno della morte, ritornano davvero alla vita? Lungo la strada incontrano i nemici, gli americani. Indossano divise e mantelli nuovi, scarpe impermeabili e della misura giusta. Hanno armi nuove e tasche piene di munizioni. Sono tutti in ordine. Al loro confronto Ernst e i suoi hanno laspetto di una vera banda di predoni. Eppure, una sola parola sgarbata e si lancerebbero allassalto, selvaggi e sfiatati, pazzi e perduti. Arrivano in Germania di sera, in un grosso villaggio. Qualche festone appassito pende sopra la strada. Dei manifesti stinti dalla pioggia danno il benvenuto. Ma nessuno li accoglie. Nessuna ragazza li saluta lungo la via, soltanto qualche bambino affamato corre loro accanto. Tutti sembrano tornati a occuparsi di se stessi, la vita continua come se loro fossero degli accessori. È quella davvero la patria, quella la casa? Oppure il fronte, quellinferno di orrore e distruzione è penetrato così a fondo nei loro cuori che il lembo di terra della trincea è diventato la loro vera patria, terribile e straziante? Pubblicato per la prima volta a puntate sulla Vossische Zeitung e poi in volume nel 1931, La via del ritorno, riproposto qui in una nuova traduzione, fa parte, insieme con Niente di nuovo sul fronte occidentale e Tre camerati, della trilogia di Erich Maria Remarque dedicata alla Grande guerra. È uno dei libri più riusciti dello scrittore messo al bando dai nazisti, unopera in cui la potenza delle immagini e delle parole si coniuga perfettamente con la storia narrata di un giovane reduce della Grande guerra. La prosa lieve e malinconica di Remarque raggiunge in queste pagine la sua più compiuta espressione, indugiando con maestria sui desolati paesaggi del terribile conflitto e restituendo al lettore lanima di un personaggio che è il simbolo di unintera generazione: una generazione che ha creduto di tornare a casa e dimenticare linferno delle trincee, e che invece ne è rimasta sopraffatta. «Commuovere il lettore con la forza delle parole, e destarne insieme cuore e mente, è il dono straordinario di Remarque». The New York Times

La Vera Storia Dei Templari

Le vicende del potente e controverso ordine di monaci guerrieri in un’avvincente narrazione basata sulle più recenti ricerche storiche
Dai misteriosi guardiani del Santo Graal del Parsifal di Wagner a Brian di Bois Guilbert, il diabolico antieroe dell’Ivanhoe di Walter Scott, i Templari, ovvero i Cavalieri del Tempio di Salomone, hanno affascinato l’immaginario occidentale. Ma chi erano davvero? Chi, o cosa, si celava dietro il loro potere? Quali eventi ne determinarono la caduta?
A queste domande risponde lo straordinario volume di Piers Paul Read, in un racconto piacevolissimo che ripercorre, distinguendo tra storia e leggenda, le vicende del più celebre ordine cavalleresco. Dopo aver tracciato a grandi linee la storia del Tempio di Gerusalemme e delle tre religioni che da secoli se ne contendono il possesso – l’Ebraismo, il Cristianesimo e l’Islam – Read ricostruisce dettagliatamente la vicenda di quest’ordine di monaci guerrieri, unico nella storia delle istituzioni cristiane, che costituì il primo esempio di esercito permanente nel mondo occidentale. Basando la sua indagine sulle più recenti ricerche storiche, l’autore ci mostra come la forza militare dei Templari fosse sostenuta da una corporazione che oggi definiremmo “multinazionale”, che traeva la propria ricchezza dall’efficiente gestione di vaste proprietà terriere e da una pionieristica attività bancaria. Espropriato dal re di Francia Filippo IV nel 1307, messo sotto accusa dopo che molti suoi membri avevano confessato sotto tortura atti blasfemi o eresie, l’Ordine venne infine soppresso nel 1312 da papa Clemente V.
Ma i Templari erano davvero colpevoli di ciò di cui li si accusava? Quale fu in realtà il loro ruolo e la loro importanza? Le loro vicende influenzano ancora il nostro tempo? Il volume risponde a questi interrogativi, e a molti altri ancora, attraverso una narrazione avvincente, che racchiude la straordinaria storia delle crociate e di coloro che vi presero parte.
Piers Paul Read
professore di storia a Cambridge, è autore di dodici acclamati romanzi e di tre testi non letterari, compreso il best-seller internazionale Alive. Ha vinto i premi Hawthornden e Geoffrey Faber, Somerset Maugham e James Tait Black.

La Vendetta Di Oreste

Il vecchio Oreste ha un segreto. Poco prima di morire, costretto in un letto d’ospedale, chiede di poter parlare con un amico di famiglia, il commissario Ponzetti. Ma è troppo tardi, e così l’uomo porta via con sé un’oscura verità. Dieci anni dopo, Marco, il figlio di Oreste, invita Ponzetti nell’appartamento dei suoi genitori per mostrargli gli oggetti che ha rinvenuto in una cassaforte e di cui nessuno era al corrente: una pistola risalente alla seconda guerra mondiale e una lettera indirizzata a un misterioso Ulisse da parte di una donna. La scoperta, insieme ad altri dettagli, getta un’ombra sul passato di Oreste, esule istriano giunto a Roma nel 1954, in fuga dalle terre passate alla Jugoslavia all’indomani della guerra e da un clima di intimidazione e violenza.
Da qui parte l’indagine non ufficiale di Ponzetti, che si svolgerà tra Roma, Trieste e la Slovenia, intorno all’enigmatica storia di Oreste: un caso in cui, come sempre, vengono coinvolti il fidato ispettore Iannotta e i familiari del commissario. Una storia che porterà tutti a confrontarsi con il dramma, a lungo taciuto, dell’esodo istriano e dei profughi giuliano-dalmati.
In un giallo denso di indizi e interrogativi da sciogliere, a metà tra l’indagine poliziesca e la ricostruzione storica, Ottavio Ponzetti darà finalmente voce al destino taciuto di un uomo, vittima di una tragedia collettiva, che per tutta la vita è rimasto legato a un passato lontano che lo ha persino privato del diritto alla memoria.
**«C’è una Roma per turisti e c’è la Roma che vive, quella vera. Il modo migliore per capirla è seguire il commissario Ponzetti nelle sue passeggiate del corpo e dello spirito».
Marco Malvaldi
«Vien voglia di stringere la mano a Giovanni Ricciardi, e ringraziarlo per aver dato volto e fisionomia a un personaggio così».
Marco Lodoli
«Roma sta a Ponzetti come Parigi a Maigret e New York a Nero Wolfe. Dopo la Sicilia di Montalbano, anche Roma ha trovato il suo eroe».
Antonia Arslan ****
### Sinossi
Il vecchio Oreste ha un segreto. Poco prima di morire, costretto in un letto d’ospedale, chiede di poter parlare con un amico di famiglia, il commissario Ponzetti. Ma è troppo tardi, e così l’uomo porta via con sé un’oscura verità. Dieci anni dopo, Marco, il figlio di Oreste, invita Ponzetti nell’appartamento dei suoi genitori per mostrargli gli oggetti che ha rinvenuto in una cassaforte e di cui nessuno era al corrente: una pistola risalente alla seconda guerra mondiale e una lettera indirizzata a un misterioso Ulisse da parte di una donna. La scoperta, insieme ad altri dettagli, getta un’ombra sul passato di Oreste, esule istriano giunto a Roma nel 1954, in fuga dalle terre passate alla Jugoslavia all’indomani della guerra e da un clima di intimidazione e violenza.
Da qui parte l’indagine non ufficiale di Ponzetti, che si svolgerà tra Roma, Trieste e la Slovenia, intorno all’enigmatica storia di Oreste: un caso in cui, come sempre, vengono coinvolti il fidato ispettore Iannotta e i familiari del commissario. Una storia che porterà tutti a confrontarsi con il dramma, a lungo taciuto, dell’esodo istriano e dei profughi giuliano-dalmati.
In un giallo denso di indizi e interrogativi da sciogliere, a metà tra l’indagine poliziesca e la ricostruzione storica, Ottavio Ponzetti darà finalmente voce al destino taciuto di un uomo, vittima di una tragedia collettiva, che per tutta la vita è rimasto legato a un passato lontano che lo ha persino privato del diritto alla memoria.
**«C’è una Roma per turisti e c’è la Roma che vive, quella vera. Il modo migliore per capirla è seguire il commissario Ponzetti nelle sue passeggiate del corpo e dello spirito».
Marco Malvaldi
«Vien voglia di stringere la mano a Giovanni Ricciardi, e ringraziarlo per aver dato volto e fisionomia a un personaggio così».
Marco Lodoli
«Roma sta a Ponzetti come Parigi a Maigret e New York a Nero Wolfe. Dopo la Sicilia di Montalbano, anche Roma ha trovato il suo eroe».
Antonia Arslan**

La Vana Fuga Dagli Dei

«Gli Dei sono diventati malattie» scrisse una volta C.G. Jung. Elaborando questa frase, Hillman si pone la questione più immediata per ogni psicologia: che cos’è la normalità psichica? A partire da quale soglia entriamo nel regno incontrollabile dell’anormalità? Nei due saggi qui per la prima volta raccolti in volume troveremo al centro, da una parte, la figura di Atena, giudice supremo della norma ateniese, modello di ogni concezione della normalità; dall’altra, la figura del paranoico, esemplificata soprattutto nella storia di Perceval e in quella del presidente Schreber, quale teologo del delirio. E, in tutti e due i casi, con un’analisi stringente e acutissima, Hillman ci mostrerà come la partita si giochi fra potenze che un tempo furono chiamate divine, prima di perdere ogni nome, e una struttura mentale, la nostra, che con esse è costretta ad avere a che fare, in ogni atto della vita, anche quando persegue, come l’intera civiltà occidentale, una «vana fuga dagli Dei».

La trama segreta del mondo. La magia nell’antichità

È dall’epoca delle pitture rupestri del Paleolitico che l’umanità convive con riti, parole e pratiche magiche. I personaggi e i fenomeni che popolano il mondo della magia sono così diversi che essa appare come una camera delle meraviglie in cui trovano posto le illusioni e le paure millenarie della specie umana. E la magia accompagna persino l’illuministica cultura greca, dove affianca le origini della filosofia e della scienza, e le forme più alte della poesia e del pensiero, da Omero, ai tragici, ai medici e a Platone. Raffinato studioso e raccontatore della cultura antica, Guidorizzi guida il lettore alla scoperta di questo versante occulto dell’antichità, partendo dalle forme universali del pensiero magico, per arrivare a una sorta di antropologia della magia nel mondo antico: legamenti, incantesimi, magie d’amore, necromanzia, ma anche modi di intendere e controllare il reale. **

La tela di Penelope: Storia della Seconda Repubblica

Governo dopo governo, si è andata tessendo nel nostro paese una tela rimasta ogni volta incompiuta: il resoconto della trama politica durata (almeno) vent’anni, la storia del nostro passato prossimo.
Da Tangentopoli alle elezioni politiche del 1994, dalla stagione dei movimenti iniziata poco prima del 2000 all’entrata in scena dell’antipolitica alcuni anni dopo, dal bipolarismo all’implosione dei partiti: Simona Colarizi e Marco Gervasoni ricostruiscono con gli strumenti della ricerca storica un breve ma intenso periodo della storia d’Italia, quello che inizia nel 1992 con il crollo della Prima Repubblica e finisce con il passaggio dall’epoca berlusconiana a quella dei tecnici.
L’Italia è così entrata in una fase nuova. La caduta del muro di Berlino ha distrutto Dc e Pci, i due pilastri portanti della Repubblica costruita tra il 1946 e il 1948; il percorso verso la moneta unica, che prepara l’Unione Europea alla sfida del mondo globale, ha sottratto una parte consistente della sovranità allo Stato-nazione; nello stesso tempo la globalizzazione ha investito settori sempre più ampi dei ceti produttivi. Una vera rivoluzione, dunque, si è abbattuta sui cittadini e sui loro rappresentanti per lo più inconsapevoli, malgrado i segnali del mutamento apparissero evidenti da tempo. Nel momento in cui ha cominciato a percepirlo, la politica è rimasta paralizzata, non ha trovato risposte adeguate e convincenti alla questione di fondo che questo processo rivoluzionario, sempre più accelerato, pone con urgenza: come governare la nuova società ‘liquida’ del XXI secolo?

La strada che va in città

Uscito nel 1942 sotto lo pseudonimo di Alessandra Tornimparte, La strada che va in città è la storia di una ragazza che sceglie di fare un matrimonio d’interesse, di prendere la strada che va in città. Per poi accorgersi che il vero amore è altrove. Passioni senza via di uscita, vite alla deriva, anime alla ricerca di un approdo sicuro dove lenire le proprie delusioni: con uno sguardo impietoso ma distaccato, Natalia Ginzburg, in questo suo primo romanzo, descrive la solitudine di un’esistenza che nel gioco della memoria rievoca ciò che le è passato accanto come un mistero incomprensibile e inafferrabile. *** «Aspro, pungente, pieno di sapori nuovi come un frutto appena un po’ acerbo, La strada che va in città è uno dei libri piú belli di Natalia Ginzburg». Cesare Garboli

La Sostituta

**Lei vuole prendere il tuo posto. Per sempre…**
« *Geniale, angosciante, magnetico, condito con spiazzanti colpi di scena.* »
**Sunday Mirror**
Carrie ha tutto ciò che potrebbe desiderare. È una produttrice televisiva al culmine della carriera ed è felicemente sposata con Adrian, un attraente e brillante sceneggiatore. Non ha mai voluto figli eppure, quando scopre di essere incinta, si rende conto che quel bambino è la chiave di volta che completerà la sua vita perfetta. L’unica preoccupazione di Carrie è doversi assentare dal lavoro. Per fortuna, però, ha trovato la sostituta ideale. Emma è giovane, intraprendente, volenterosa… forse fin troppo. In men che non si dica, s’installa nel suo ufficio e inizia a prendere decisioni in totale autonomia. Ma non è tutto. Con la scusa di voler diventare una sceneggiatrice, Emma passa moltissimo tempo sola con Adrian, approfittandone per chiedergli consigli di scrittura. E Adrian sembra più che felice di farle da mentore, al punto da concentrare ogni attenzione su di lei. Pian piano, in Carrie s’insinua il dubbio che Emma stia mirando a sostituirla in tutti i sensi. E il sospetto si trasforma in inquietante certezza quando scopre che Emma è stata licenziata dal suo incarico precedente perché aveva raccolto in segreto informazioni su Adrian. Ma Carrie non ha nessuna intenzione di permettere a quell’arrampicatrice sociale di rubarle ciò che ha costruito in anni di sacrifici. E, quando scopre Emma a frugare tra le carte del marito, per Carrie è l’ultima goccia…
**
### Sinossi
**Lei vuole prendere il tuo posto. Per sempre…**
« *Geniale, angosciante, magnetico, condito con spiazzanti colpi di scena.* »
**Sunday Mirror**
Carrie ha tutto ciò che potrebbe desiderare. È una produttrice televisiva al culmine della carriera ed è felicemente sposata con Adrian, un attraente e brillante sceneggiatore. Non ha mai voluto figli eppure, quando scopre di essere incinta, si rende conto che quel bambino è la chiave di volta che completerà la sua vita perfetta. L’unica preoccupazione di Carrie è doversi assentare dal lavoro. Per fortuna, però, ha trovato la sostituta ideale. Emma è giovane, intraprendente, volenterosa… forse fin troppo. In men che non si dica, s’installa nel suo ufficio e inizia a prendere decisioni in totale autonomia. Ma non è tutto. Con la scusa di voler diventare una sceneggiatrice, Emma passa moltissimo tempo sola con Adrian, approfittandone per chiedergli consigli di scrittura. E Adrian sembra più che felice di farle da mentore, al punto da concentrare ogni attenzione su di lei. Pian piano, in Carrie s’insinua il dubbio che Emma stia mirando a sostituirla in tutti i sensi. E il sospetto si trasforma in inquietante certezza quando scopre che Emma è stata licenziata dal suo incarico precedente perché aveva raccolto in segreto informazioni su Adrian. Ma Carrie non ha nessuna intenzione di permettere a quell’arrampicatrice sociale di rubarle ciò che ha costruito in anni di sacrifici. E, quando scopre Emma a frugare tra le carte del marito, per Carrie è l’ultima goccia…

La Società Aperta E I Suoi Nemici Vol. II

“La società aperta e i suoi nemici” è uno dei grandi libri di questo secolo, un classico della democrazia. È una difesa della democrazia dai suoi nemici quali Platone, Hegel o Marx. Nei confronti di Marx, nonostante parecchi sinceri apprezzamenti, Popper è stato forse il più acuto e tenace critico contemporaneo. Le sue argomentazioni hanno devastato il materialismo storico e quello dialettico, ed hanno inoltre mostrato che il pensiero Marxista è un pensiero che contraddice “il canone principale della ricerca scientifica”, che è quello di accettare le confutazioni.

La seducente sedotta

«Sposami!», ripetè con insistenza Josh Long alla misteriosa e sfuggente Raven Anderson. Ma lei si ostina a negare l’attrazione che prova nei confronti dell’affascinante miliardario. Seducente, ma mai veramente sedotta, Raven sa come accendere il fuoco della passione. Non si è mai scottata, però, fino a quando Josh non l’ha presa tra le sue braccia.
Ammaliato dall’enigmatica donna, l’uomo capisce che i suoi giorni da scapestrato playboy sono finiti. In una ricerca disperata cerca di scoprire i segreti della donna che ama. Utilizza i suoi soldi, il suo potere, il suo… amore. Ma tutto questo basterà a difendere la vita di Raven dalle oscure ombre chela minacciano?

La sconfitta di Dio

Questo libro pone, con una durezza che la brevità rende flagrante, la domanda essenziale, quella che non può essere evitata da chiunque affronti la Scrittura con l’intenzione di prendere sul serio, di accettarla nella sua interezza e nella sua letteralità. La domanda riguarda le promesse chiare di Dio, di cui il testo biblico gronda. Sono promesse di felicità, di ricchezza, di pienezza di vita, di pronta giustizia. Che ne è stato di quelle promesse? Sulla risposta non ci possono essere dubbi: non sono state mantenute. La Bibbia – questo «testo poco comprensibile, che suscita orrore in chi tenta di leggerlo» – racconta una sequela di «vicende fallimentari» non solo «per gli uomini», ma «anzitutto per Dio». Un Dio sconfitto, un Dio senza onnipotenza, ma di cui siamo condannati a parlare, se non altro «perché non è facile nemmeno non parlarne più»; e in questo parlare della sconfitta di Dio, in questo farla entrare «nelle nostre equazioni», chi crede e chi non crede possono incontrarsi. Questo piccolo libro violento è destinato a turbare la tranquillità di coloro per cui fede e non fede sono modi diversi di archiviare il problema.

La rivoglio Indietro

### ***Va bene, è intelligente. È il dannatissimo presidente di una compagnia che fattura miliardi di dollari, dev’essere per forza intelligente. Ed è anche sexy. Non che abbia la minima importanza…***
“Sei bellissima,” le disse di nuovo.
Lei si ritrovò ad arrossire, sorridendo.
“Sarei troppo diretto, se volessi baciarti?”
La ragazza lo prese un po’ in giro. “Considerando quello che abbiamo già fatto, non credo proprio.” Nonostante quella frase audace e gli occhi brillanti, il rossore sul viso aumentò.
Lui le sorrise. “Hai ragione, ma preferisco comunque chiedere.”
\—
Durante il primo giorno del nuovo lavoro di Ella Drives, la ragazza era certa di essere in procinto di cominciare una nuova vita.
Nuovo appartamento, nuova città. Persino un nuovo colore di capelli.
Voleva assolutamente dimenticare tutte le ombre del suo passato.
Era determinata a non farsi più rovinare la vita da un uomo.
Ma la sua determinazione viene messa alla prova quando incontra il suo nuovo capo, il freddo ed affascinante Leon Montgomery.
**Di sicuro è l’uomo più sensuale che abbia mai incontrato. Forte. Arrogante. Esigente.**
Non può certo invaghirsi di una persona del genere.
Quando però la figlia di Leon, la tenera ed energica Molly, arriva in ufficio, Ella è stupita nell’osservare un nuovo lato del carattere di Leon.
Il suo capo è improvvisamente diventato gentile ed amorevole. Divertente. Premuroso.
Adesso, Ella si sente improvvisamente ed intensamente attratta da lui.
**Può davvero permettersi di innamorarsi del suo nuovo capo?**
**E quando l’uomo che le ha rovinato l’esistenza riappare nella sua vita, Leon sarà in grado di salvarla?**
*Oppure la loro relazione verrà distrutta per sempre?* **
### Sinossi
### ***Va bene, è intelligente. È il dannatissimo presidente di una compagnia che fattura miliardi di dollari, dev’essere per forza intelligente. Ed è anche sexy. Non che abbia la minima importanza…***
“Sei bellissima,” le disse di nuovo.
Lei si ritrovò ad arrossire, sorridendo.
“Sarei troppo diretto, se volessi baciarti?”
La ragazza lo prese un po’ in giro. “Considerando quello che abbiamo già fatto, non credo proprio.” Nonostante quella frase audace e gli occhi brillanti, il rossore sul viso aumentò.
Lui le sorrise. “Hai ragione, ma preferisco comunque chiedere.”
\—
Durante il primo giorno del nuovo lavoro di Ella Drives, la ragazza era certa di essere in procinto di cominciare una nuova vita.
Nuovo appartamento, nuova città. Persino un nuovo colore di capelli.
Voleva assolutamente dimenticare tutte le ombre del suo passato.
Era determinata a non farsi più rovinare la vita da un uomo.
Ma la sua determinazione viene messa alla prova quando incontra il suo nuovo capo, il freddo ed affascinante Leon Montgomery.
**Di sicuro è l’uomo più sensuale che abbia mai incontrato. Forte. Arrogante. Esigente.**
Non può certo invaghirsi di una persona del genere.
Quando però la figlia di Leon, la tenera ed energica Molly, arriva in ufficio, Ella è stupita nell’osservare un nuovo lato del carattere di Leon.
Il suo capo è improvvisamente diventato gentile ed amorevole. Divertente. Premuroso.
Adesso, Ella si sente improvvisamente ed intensamente attratta da lui.
**Può davvero permettersi di innamorarsi del suo nuovo capo?**
**E quando l’uomo che le ha rovinato l’esistenza riappare nella sua vita, Leon sarà in grado di salvarla?**
*Oppure la loro relazione verrà distrutta per sempre?*