753–768 di 66541 risultati

Trilogia Dello Sprawl

2035, o giù di lì. Un mondo popolato da avventurieri e lottatrici, prostitute e mercenari, schiavi della società di massa e delle droghe; soprattutto, un mondo dominato dalla tecnocrazia e dalla corruzione. È l’universo narrativo immaginato da William Gibson nella sua Trilogia dello Sprawl . In questo futuro non così lontano dal nostro presente, gli unici a opporsi allo strapotere delle multinazionali e della Yakuza sono i “cowboy della tastiera”, anarchici e solitari, geni ribelli dell’informatica che passano la loro esistenza nella realtà virtuale del cyberspazio, intenti a carpire i segreti della matrice. **

Tossico

Michael è il figlio perfetto del pastore Carson: attivo nella comunità, altruista, dedito ai più sfortunati. Quando trova Jude, un giovane senzatetto che vive in un vicolo, sa che deve aiutarlo. Anche contro il volere di Jude stesso.
Jude vive una vita allo sbando: senza una casa, si prostituisce per potersi procurare le pillole a cui è assuefatto. Eppure trova difficile accettare l’aiuto di quel bel ragazzo, tanto devoto alla propria religione quanto attratto da Jude.
Due vite impossibili da conciliare, bloccate da ostacoli che neanche l’amore sembra poter superare. Come si può amare, quando sarà proprio l’amore a condannarli all’inferno?
**
### Sinossi
Michael è il figlio perfetto del pastore Carson: attivo nella comunità, altruista, dedito ai più sfortunati. Quando trova Jude, un giovane senzatetto che vive in un vicolo, sa che deve aiutarlo. Anche contro il volere di Jude stesso.
Jude vive una vita allo sbando: senza una casa, si prostituisce per potersi procurare le pillole a cui è assuefatto. Eppure trova difficile accettare l’aiuto di quel bel ragazzo, tanto devoto alla propria religione quanto attratto da Jude.
Due vite impossibili da conciliare, bloccate da ostacoli che neanche l’amore sembra poter superare. Come si può amare, quando sarà proprio l’amore a condannarli all’inferno?

Time out: Ascesa e caduta della Mens Sana o dello sport professionistico in Italia

La Mens Sana Siena ha dominato gli anni Duemila del basket italiano, periodo in cui ha vinto scudetti, coppe Italia, supercoppe, una coppa europea e ha partecipato a quattro final four di EuroLega. A capo di questa potente macchina c’era Ferdinando Minucci, prima esperto di marketing e di comunicazione, poi general manager e presidente della corazzata senese.Nel maggio del 2014, in procinto di diventare presidente della Lega di Serie A, nell’ambito dell’operazione Time-out un’ordinanza lo costringe agli arresti domiciliari. Due mesi dopo, su istanza della Procura, verrà dichiarato il fallimento della società che, nel frattempo, era andata vicina a un altro miracoloso scudetto. Negli anni dello scandalo Monte Paschi (banca legata a filo diretto con la squadra), le indagini scavano nel giro di denaro che ruotava attorno al basket, sullo sfondo di un sistema fatto di politica, poteri forti e finanza. Flavio Tranquillo racconta questa storia mettendo insieme gli avvenimenti, gli atti e le parole dei protagonisti, per dare a tutti la possibilità di costruirsi un’opinione. Dal campo e dalle magie dei campioni, il libro arriva alle aule dei tribunali, ai bilanci non veritieri, alle responsabilità di media e istituzioni sportive. Senza fermarsi a Siena, ma aprendo uno squarcio sullo sport professionistico in Italia. “A un certo punto vi verrà voglia di rifugiarvi sotto canestro, ma purtroppo non si può: sarebbe un tradimento nei confronti del Gioco, perché ricostruire il passato è l’unica maniera per cambiare il futuro.” **
### Sinossi
La Mens Sana Siena ha dominato gli anni Duemila del basket italiano, periodo in cui ha vinto scudetti, coppe Italia, supercoppe, una coppa europea e ha partecipato a quattro final four di EuroLega. A capo di questa potente macchina c’era Ferdinando Minucci, prima esperto di marketing e di comunicazione, poi general manager e presidente della corazzata senese.Nel maggio del 2014, in procinto di diventare presidente della Lega di Serie A, nell’ambito dell’operazione Time-out un’ordinanza lo costringe agli arresti domiciliari. Due mesi dopo, su istanza della Procura, verrà dichiarato il fallimento della società che, nel frattempo, era andata vicina a un altro miracoloso scudetto. Negli anni dello scandalo Monte Paschi (banca legata a filo diretto con la squadra), le indagini scavano nel giro di denaro che ruotava attorno al basket, sullo sfondo di un sistema fatto di politica, poteri forti e finanza. Flavio Tranquillo racconta questa storia mettendo insieme gli avvenimenti, gli atti e le parole dei protagonisti, per dare a tutti la possibilità di costruirsi un’opinione. Dal campo e dalle magie dei campioni, il libro arriva alle aule dei tribunali, ai bilanci non veritieri, alle responsabilità di media e istituzioni sportive. Senza fermarsi a Siena, ma aprendo uno squarcio sullo sport professionistico in Italia. “A un certo punto vi verrà voglia di rifugiarvi sotto canestro, ma purtroppo non si può: sarebbe un tradimento nei confronti del Gioco, perché ricostruire il passato è l’unica maniera per cambiare il futuro.”

The Royal Trials

***Tre prove. Tre settimane. Tre Principi Reali.***
Doveva essere un compito facile per un’abile ladra come Rybet Waise, irrompere nel palazzo reale e salvare il suo amico destinato al patibolo. Ma quando Rybet, si qualifica per sbaglio al Torneo, non ha altra scelta se non quella di andare fino in fondo.
Un sottile velo di glamour ed eleganza dettati dall’etichetta, nasconde la vera natura del Torneo. A porte chiuse le prove sono brutali e sanguinose.
Sotto le luci della ribalta e obbligata a competere con le favorite del regno, Rybet si ritroverà a stringere strani legami con alleati improbabili.
Ma c’è qualcuno che non si fermerà finché non la vedrà fallire, dopotutto lei è soltanto una stracciona dello Stagno.
I Principi possono anche andare al diavolo: Rybet farà tutto ciò che è in suo potere per sopravvivere e arrivare illesa al Golden Ball.
**Tate James** *è una scrittrice USA Today bestseller di Fantasy, Paranormal Romance, Urban Fantasy e a volte si diletta in Romantic Suspense. È nata e cresciuta nella terra della Long White Cloud (Nuova Zelanda), ma ora vive in Australia con il marito, i suoi figli, e un animaletto peloso.*

The Learning Hours

Lui non è uno stronzo, ma questo non impedisce ai suoi amici di provare a farlo diventare tale.

I MIEI AMICI VOGLIONO CHE IO FACCIA SESSO.
Al punto da tappezzare l’intero campus con la mia brutta faccia e la scritta a caratteri cubitali:
“Sei tu la donna fortunata che sverginerà il nostro coinquilino? Lui: un uomo socialmente impedito con un pene di medie dimensioni che cerca una partner sessuale consenziente. Tu: basta che respiri. Riccambierrà con sesso orale.
Messaggiatelo al: 555-254-5551”

Quegli idioti non sanno neanche scrivere. E i messaggi che sto ricevendo sono materiale per sogni erotici. Ma io non sono come quegli stronzi, non importa quanto si sforzino di farmi diventare come loro.
NON E’ QUESTO IL GENERE DI ATTENZIONI CHE VOGLIO!
Un messaggio spicca tra centinaia di altri. Un numero che non riesco a convincermi a bloccare. Lei sembra diversa. Più sexy, perfino in bianco e nero.
Tuttavia, dopo averla incontrata di persona, so che non è la ragazza per me. Ma i miei amici non la smettono… proprio non ci arrivano.
Stronzi o no, c’è una cosa che non capiranno mai: le ragazze non mi vogliono.
Soprattutto lei. **
### Sinossi
Lui non è uno stronzo, ma questo non impedisce ai suoi amici di provare a farlo diventare tale.

I MIEI AMICI VOGLIONO CHE IO FACCIA SESSO.
Al punto da tappezzare l’intero campus con la mia brutta faccia e la scritta a caratteri cubitali:
“Sei tu la donna fortunata che sverginerà il nostro coinquilino? Lui: un uomo socialmente impedito con un pene di medie dimensioni che cerca una partner sessuale consenziente. Tu: basta che respiri. Riccambierrà con sesso orale.
Messaggiatelo al: 555-254-5551”

Quegli idioti non sanno neanche scrivere. E i messaggi che sto ricevendo sono materiale per sogni erotici. Ma io non sono come quegli stronzi, non importa quanto si sforzino di farmi diventare come loro.
NON E’ QUESTO IL GENERE DI ATTENZIONI CHE VOGLIO!
Un messaggio spicca tra centinaia di altri. Un numero che non riesco a convincermi a bloccare. Lei sembra diversa. Più sexy, perfino in bianco e nero.
Tuttavia, dopo averla incontrata di persona, so che non è la ragazza per me. Ma i miei amici non la smettono… proprio non ci arrivano.
Stronzi o no, c’è una cosa che non capiranno mai: le ragazze non mi vogliono.
Soprattutto lei.

The Crazy Wolf 2

Io sono Conrad, il *Bastardo*.
Sono nato fuori dal matrimonio e non sono mai stato riconosciuto, ma ho vissuto un’infanzia felice e agiata.
Mio padre, Lord Owen Meyer, si è sempre preso cura di me e di mia madre. Non ci ha mai fatto mancare nulla, almeno finché non è stato ucciso.
Il *Macellaio* lo ha sbudellato, portandomi via tutto.
Per riuscire a racimolare qualche soldo, mia madre è stata costretta a tornare nel bordello di Mister Haki dal quale papà l’aveva salvata. Ma, dopo due anni di sofferenze, è venuta a mancare anche lei.
Non ho più niente, sono rimasto solo e con un cuore pieno di odio, che reclama vendetta.
Il *Macellaio* me la pagherà cara!
Lo farò soffrire nel modo peggiore: rapirò ciò che gli è più caro, suo figlio, e glielo restituirò un pezzetto alla volta.
**Genere:** Fantasy, MM, Romance, Lupi.
**Avvertenze:** violenza fisica di vario tipo.
La serie è completa e così composta:
\- The Crazy Wolf
\- The Crazy Wolf 2
**
### Sinossi
Io sono Conrad, il *Bastardo*.
Sono nato fuori dal matrimonio e non sono mai stato riconosciuto, ma ho vissuto un’infanzia felice e agiata.
Mio padre, Lord Owen Meyer, si è sempre preso cura di me e di mia madre. Non ci ha mai fatto mancare nulla, almeno finché non è stato ucciso.
Il *Macellaio* lo ha sbudellato, portandomi via tutto.
Per riuscire a racimolare qualche soldo, mia madre è stata costretta a tornare nel bordello di Mister Haki dal quale papà l’aveva salvata. Ma, dopo due anni di sofferenze, è venuta a mancare anche lei.
Non ho più niente, sono rimasto solo e con un cuore pieno di odio, che reclama vendetta.
Il *Macellaio* me la pagherà cara!
Lo farò soffrire nel modo peggiore: rapirò ciò che gli è più caro, suo figlio, e glielo restituirò un pezzetto alla volta.
**Genere:** Fantasy, MM, Romance, Lupi.
**Avvertenze:** violenza fisica di vario tipo.
La serie è completa e così composta:
\- The Crazy Wolf
\- The Crazy Wolf 2

Tanto amore per Glenda

*Una donna passa attraverso uno specchio e accede ad* *un’altra dimensione; un’altra donna assiste ad una scena di* *tortura a Parigi per poi scoprire che si è svolta a Buenos* *Aires; un uomo indaga sulla scomparsa di alcuni passeggeri* *sulla metropolitana; un banale rapporto di vicinato viene* *risucchiato in un vortice di ambigue simmetrie… Sono solo* *alcuni dei dieci racconti raccolti in “Tanto amore per* *Glenda”, testi nei quali compaiono temi e motivi tipici di* *Cortazar e che, di volta in volta, si configurano come scavo,* *indagine, svelamento delle pieghe oscure dell’essere e della* *realtà quotidiana.*

Sunfall

« *Una trama forte… una catastrofe talmente verosimile da risultare agghiacciante.* »
**The Financial Times**
« *Con un cast spettacolare di personaggi, il romanzo di Al-Khalili dimostra che l’umanità ha bisogno di esperti come lui, se speriamo di sopravvivere. Al-Khalili è il Carl Sagan della nostra generazione.* »
**Marcus du Sautoy, autore di Come contare fino a infinito**
« *Un romanzo emozionante che ti tiene incollato alla pagina, dove il futuro della scienza, e la tecnologia che ne è alla base, è altrettanto avvincente della trama.* »
**Mark Miodownik, autore di La sostanza delle cose**
« *Questo thriller frenetico ambientato in un futuro prossimo è l’impressionante esordio di uno dei nostri migliori divulgatori scientifici.* »
**Ian Stewart, autore di Domare l’infinito**
**2041.** Pericolo dal Sole: entro poche ore, emissioni straordinarie di massa coronale colpiranno la Terra, già a rischio per l’indebolimento del campo magnetico che protegge il pianeta. In Nuova Zelanda un’aurora australe, che dovrebbe essere rivolta a sud, appare invece a nord. Un aereo in atterraggio a Nuova Delhi si schianta al suolo per il danneggiamento dei satelliti di comunicazione dovuto a una raffica di particelle ad alta energia provenienti dallo spazio. Su un’isola delle Bahamas si scatena un uragano di violenza inaudita.
La Terra è fuori controllo e le autorità mondiali stanno nascondendo la verità sulla catastrofe imminente per non seminare il panico. Toccherà a quattro scienziati, due uomini e due donne, far ricorso a tutto il proprio sapere, al proprio coraggio e alla propria inventiva per salvare il pianeta. Ma c’è chi è convinto che l’estinzione dell’umanità sia l’unica soluzione possibile…
Dal notissimo fisico quantistico **Jim Al-Khalili** , un romanzo scientificamente plausibile che ci proietta nel futuro, un thriller dal ritmo serrato che svela chi saremo e come vivremo tra non molti anni e, soprattutto, ci ricorda che in un mondo di raffinate tecnologie – a partire dai droni e dalle intelligenze artificiali, così simili a quelle che già conosciamo – la variabile umana e la conoscenza rimangono le nostre principali alleate.
**Con grande accuratezza scientifica, Jim Al-Khalili conduce il lettore in un futuro agghiacciante e ma allo stesso tempo più vicino a noi di quello che possiamo pensare.**

Stupidità

La stupidità vince. Bisogna farsene una ragione. Gli imbecilli ci sono sempre stati, si sa. Eppure, nell’attuale società dei media e dei consumi sono diventati una folla cianciante che dichiara bellamente la propria deficienza intellettiva e sentimentale, esibendola come un valore. Il cretino è cool, più volente che nolente: ce lo dicono la tv, la stampa, i brand, la rete; ce lo ribadiscono i colleghi d’ufficio, i vicini di casa, i compagni di merende, gli amici al bar. Ecco un’indagine semiseria sulla stupidità contemporanea, alla ricerca delle radici filosofiche, letterarie e antropologiche di quest’inquietante fenomeno del nostro tempo. Vagabondando fra le pagine dei più vari pensatori e scrittori (Flaubert, Musil, Adorno, Deleuze, Barthes, Sciascia, Eco…), l’autore conduce una riflessione sul senso della stupidità, sullo spazio che ha nella vita di ognuno, sulle ambiguità di cui si nutre, proponendone una piccola fenomenologia sociale. Antidoti? Qualcuno sicuramente sì. Prima regola: non sentirsi troppo intelligenti.

Storie di pirati

Chi l’avrebbe mai detto che tra le primissime storie di pirati saccheggiate a piene mani dalle sceneggiature di tanti colossal ambientati nei Caraibi ci fossero quelle firmate dall’inventore di Sherlock Holmes? La serie di storie dedicate da Conan Doyle allo spietato capitano Sharkey e alle sue scorrerie nei mari dei Caraibi e delle Antille, è un vero forziere di trame avventurose, colpi di scena, travestimenti, ammutinamenti, battaglie all’ultimo sangue e inseguimenti in tempesta. Per non parlare dei personaggi – da Sharkey e la sua marmaglia di ribaldi avidi e ubriaconi, pronti a tutto pur di mettere le mani sul bottino, ai capitani coraggiosi di mercantili e ai balenieri che solcano gli oceani, pur consapevoli di essere ghiotte prede per quegli insaziabili lestofanti. Non c’è dettaglio del nostro attuale immaginario piratesco che non sembri uscito in prima istanza dalla penna di Arthur Conan Doyle, e dal ciclo di avventure che qui si presenta. Ad accrescere l’ebbrezza di questa epopea, il lettore scoprirà tra le pagine del volume un altro autentico tesoro: i disegni e le illustrazioni di Howard Pyle, l’artista americano cui dobbiamo lo stereotipo moderno dell’immagine del pirata. Talento contemporaneo a Conan Doyle, attivo sull’altra sponda dell’Atlantico, Pyle fu uno dei più apprezzati e influenti maestri dell’illustrazione americana. **

STORIA VERA DI PIERO D’ANGERA, CHE ALLA CROCIATA NON C’ERA

Riuscirò un giorno a metterlo in scena ‘sto testo! Quando l’ho pensato, ormai un sacco d’anni fa, ero all’Odeon di Milano e dovetti soprassedere alla messa in scena per il fatto che quel teatro manca di soffitto quindi, a incominciare dal gioco del volo di Piero, non si potevano realizzare un infinito numero di situazioni sceniche.
In più mi servivano almeno dieci attori oltre a quelli, tredici, che eravamo, senza contare i pupazzi, i mascheroni e le macchine per i trucchi. Noi eravamo una compagnia senza sovvenzioni, come ancora oggi del resto, per realizzare un allestimento del genere. Di certo, rileggendolo dopo tanti anni, questo è il testo che più mi sollecita ad inventare soluzioni e ritmi nuovi, giochi di pantomima e tante altre movimentate situazioni. Credo che una volta sul palco, in prova, con attori svelti ed agili, disposti a spaccarsi testa e gambe, e anche il sedere, dentro questo spettacolo ci si potrebbe divertire moltissimo… e scusate se è poco.

Storia Di Un Ristorante Italiano in Cina

Le tragicomiche avventure di un imprenditore italiano in Cina alle prese con l’apertura di un ristorante.
Dal disbrigo di tutte le formalità necessarie all’avvio dell’attività al ristorante in funzione, con il protagonista di volta in volta alle prese con burocrazia, corruzione, uffici di cui non si capiscono le mansioni, ditte e fornitori tutt’altro che irreprensibili e costumi spesso difficili da decifrare.
Un susseguirsi di situazioni surreali e una galleria di personaggi esilaranti nella Cina del grande cambiamento.
Indice
Prologo
Parte prima: I preparativi
Investire in Cina?; L’argent; La ditta fantasma… e le altre; Il diavolo cinese; La Cina che corre; Confuciani e taoisti; Lumanesimo! ; Gli ingegneri; Gli avvocati;
Notai e altri professionisti; Misteri del proletariato cinese; La festa nazionale; Moon Cake; Le peripezie del forno; Il cliente pollo; L’insegna; Secondo le leggi della Cina…; Il libero arbitrio dell’operaio cinese; Il made in China.
Parte seconda: L’attività
Il colore della rivoluzione; Lo Schumacher della pizza; Coscienza di classe; La triste parabola delle lasagne; JF; Dream team; L’inaugurazione; Amatriciana e musulmani; Lotta politica nel ristorante; I parvenu cinesi; La sindrome cinese;
La lista dei partenti; La marmitta mongola; Pollo-Chaplin; Cu di sceccu ò fa mulu…; Il direttore del ristorante; L’aventure c’est l’aventure; La vita privata di Gérard; La flessibilità della manodopera cinese; Il giro del mondo dentro al ristorante; Slow food; I lavori non finiscono mai; I turisti cinesi; Il Natale in Cina.
Epilogo
Anteprima sul sito dell’autore giovannimessina.eu

Storia Di Un Dio Da Marciapiede

Méndez è un poliziotto che ama ancora fare servizio in strada e passare le notti nei quartieri malfamati di Barcellona, dove soltanto i cani possono tenergli compagnia. E, anche se è una vecchia carogna, i cani randagi, coi loro occhi umidi e imploranti nella notte, lo commuovono ancora. Non è strano, perciò, che si avventuri un giorno dalle parti del Cimitero Nuovo di Barcellona per una missione che nessuno gli ha ordinato: trovare e soccorrere un cucciolo che si è smarrito da quando al canile municipale hanno deciso di ammazzare la madre, una cagnolina coraggiosa e intraprendente. Su indicazione di un gruppo di ragazzi, Méndez si spinge nel luogo in cui si è rintanato il cucciolo, una specie di magazzino con le pareti sul punto di crollare, in mezzo ai calcinacci, nel buio più pesto e col miagolio dei gatti a mo’ di colonna sonora. Nel magazzino cade e inciampa più volte, bestemmia e maledice i ragazzi e persino la cagna che ha messo al mondo il cucciolo, poi urta col piede un muretto e precipita in una specie di buca. Tira precipitosamente fuori l’accendino e, al chiarore rosato della fiamma, scorge dapprima gli occhi spaventati del cucciolo e poi quelli opachi di una bambina. Morta. Méndez non è che l’ultimo commissario di quartiere di Barcellona. Un uomo da pensioni da due soldi, da negozi di preservativi, da portoni pieni di siringhe che puzzano di piscio, da marciapiedi con le gatte in calore. Davanti agli occhi di quella bambina, però, in cui sembra sia entrato il cielo, comprende subito che nessuno gli toglierà il caso, nessuno lo costringerà questa volta in un angolo. Romanzo in cui un vecchio ispettore, per il quale il cinismo è una virtù cardinale, una regola di vita intangibile, scopre l’evidenza di ciò che sospettava da tempo: che il mondo, cioè, è ormai insensibile al male e la virtù è solo un pallido ricordo del passato, Storia di un dio da marciapiede è una splendida conferma del talento di Francisco González Ledesma, «uno dei grandi padri del noir spagnolo» (El Pais). «Il più grande scrittore contemporaneo di romanzi criminali si chiama Francisco González Ledesma». Concita De Gregorio «Maestro di scrittura, Ledesma è un virtuoso del sarcasmo, un acrobata dell’ironia disincantata». la Repubblica «Un grande narratore che riesce a trasmetterci il palpito di una città misteriosa e attraente come Barcellona». El Diario Vasco «Una scrittura precisa, quasi chirurgica, dotata di un’ironia suprema». La Opinion

Storia del fascismo

Le vicende che hanno segnato la vita di tanti italianiChe cosa è stato il fascismo? Che cosa ha rappresentato nella storia d’Italia? Chi era Mussolini: un volgare avventuriero o un grande statista? Sono domande che le polemiche politiche dei nostri giorni rendono di una attualità bruciante. Il presente volume vuole rispondere a queste domande, sforzandosi però di non cedere alle suggestioni del dibattito politico, che si prestano magari a battute brillanti ma che renderebbero inevitabilmente le risposte condizionate a motivi contingenti. L’autore, pur non nascondendo un preciso punto di vista etico-politico, ha voluto che le risposte a quegli interrogativi fossero di carattere rigorosamente storico.Giampiero Caroccilibero docente di storia moderna, è membro della Commissione per la pubblicazione dei documenti diplomatici. Tra le sue opere: Agostino Depretis e la politica interna italiana 1876- 1887; Giolitti e l’età giolittiana; Storia d’Italia dall’Unità; L’età dell’imperialismo; Destra e sinistra nella storia d’Italia. Con la Newton Compton ha pubblicato: Il Risorgimento, Storia del fascismo; Storia della guerra civile americana; Storia dell’Italia moderna dal 1861 ai nostri giorni e Storia degli ebrei in Italia.

Storia Criminale

La storia criminale di mafia, ‘ndrangheta e camorra costituisce un fenomeno unitario finora mai raccontato. Il libro mette in luce somiglianze e differenze tra le tre organizzazioni, nonché il ruolo da esse svolto in determinati momenti della storia d’Italia. Particolare attenzione è dedicata alle origini delle mafie e alle loro successive trasformazioni, all’importanza delle gerarchie, delle cerimonie di affiliazione e dei regolamenti interni. Vengono passate in rassegna e analizzate le attività criminali; dai traffici internazionali di droga ai sequestri di persona, dai rapporti con la politica a quelli con il mondo dell’economia e dell’industria. L’autore spiega infine le ragioni del successo di questo modello di organizzazione mafiosa su tutti gli altri e della sua eccezionale capacità di resistere alle trasformazioni sociali e all’azione di contrasto delle forze dell’ordine e della magistratura.

Stagione di caccia

Come guardia di palazzo e sicario per i fae oscuri, Xanthe ha sempre indossato una maschera, per nascondere le sue emozioni e fare il suo dovere. Quando la sua identità viene compromessa, ottiene un lavoro sotto copertura per proteggere la regina Niniane – una posizione che spesso la porta a contatto con il cancelliere Aubrey Riordan.La fiducia di Aubrey è in frantumi. Un anno prima sua moglie ha cercato di assassinare la loro nuova regina, tradendo tutto ciò in cui credeva. E ora un attentato alla sua vita gli dà la prova che l’oscura cospirazione non è ancora finita. Anche se ferito e debole, Aubrey non può fare a meno di essere attratto da quella timida assassina e leale protettrice. Xanthe è tutto ciò che Naida non era, e la passione che suscita in lui è qualcosa che Aubrey non pensava di poter mai provare.Avvertenza: prendi un uomo che si sta riprendendo da un tentativo di omicidio, un’assassina che ha giurato di proteggerlo, aggiungi un mazzo di tarocchi magici e un cottage isolato, e guarda scoppiare le scintille!