7617–7632 di 72034 risultati

Moltitudine. Guerra e democrazia nel nuovo ordine imperiale

Se “Impero” analizzava la nascita del potere sovranazionale che ha sottratto l’egemonia agli stati-nazione, questo saggio mostra come gli individui che vivono nel mercato globale e ne subiscono le ineguaglianze possono trarre vantaggio dalle trasformazioni apportate dall’Impero per sovvertire l’Impero stesso. Tra “Impero” e “Moltitudine” c’è stato l’11 settembre e le guerre in Afghanistan e in Iraq. Per questo Hardt e Negri dedicano la prima sezione del libro alla guerra e alle sue nuove forme, mentre l’ultima, che sconfina intenzionalmente nell’utopia e nell’immaginazione di un futuro possibile, si occupa della crisi della democrazia e della sua radicale trasformazione nello strumento di una vera liberazione dell’umanità.

Mobilitazione totale

La profonda riflessione di Ferraris ruota tutta intorno a una semplice, inquietante, ironica domanda: chi ce lo fa fare ad essere sempre connessi? Nell’era della sorveglianza digitale di massa ragionare sulla radice del problema significa mettere a fuoco, identificare, dare un nome al problema stesso. Per Maurizio Ferraris il problema si chiama mobilitazione totale. Fabio Chiusi, “la Repubblica” Con penna divertita, sgombrando la strada da banalità e frasi fatte, Maurizio Ferraris continua ad aggiornare la filosofia. ‘Connessa’, l’umanità non è semplicemente ‘alienata’, come pretende il filosofo benpensante, ma è ‘mobilitata’. Il web è l”alienazione 2.0′: panopticon diffuso, macchina bellica e burocratica estesa sull’intero pianeta che non schiaccia ma esalta la natura umana. “Sette – Corriere della Sera” Tutti sappiamo cosa significhi ricevere una notifica email in piena notte: quel trillo non è solo una comunicazione, è un invito individuale all’azione che non riusciamo a lasciare inevaso. Il risultato è una condizione di militarizzazione della vita di milioni di mobilitati, un’incessante certificazione di ordini cui ognuno si sottopone senza difendersi. Anna Li Vigni, “Il Sole 24 Ore”

Manuale pratico di psicomagia: Consigli per guarire la tua vita

In questo Manuale pratico di psicomagia l’autore analizza in ottanta punti le possibili criticità nella vita di un individuo e mette insieme oltre trecento consigli o azioni psicomagiche in grado di aiutare tutti coloro che desiderano curarsi o liberarsi. È un processo di guarigione che avviene attraverso atti simbolici di grande impatto. Aiutano a risolvere problemi di lavoro, di salute, di sesso, della vita di coppia e insegnano a gestire sentimenti come l’odio, la gelosia, l’insicurezza, il senso di fallimento o di inferiorità, il pessimismo, l’abbandono e molti altri ostacoli che possono affliggere la vita. **
### Sinossi
In questo Manuale pratico di psicomagia l’autore analizza in ottanta punti le possibili criticità nella vita di un individuo e mette insieme oltre trecento consigli o azioni psicomagiche in grado di aiutare tutti coloro che desiderano curarsi o liberarsi. È un processo di guarigione che avviene attraverso atti simbolici di grande impatto. Aiutano a risolvere problemi di lavoro, di salute, di sesso, della vita di coppia e insegnano a gestire sentimenti come l’odio, la gelosia, l’insicurezza, il senso di fallimento o di inferiorità, il pessimismo, l’abbandono e molti altri ostacoli che possono affliggere la vita.

Mantieni Il Bacio

L’amore dura solo il tempo di un bacio? La sua promessa è destinata fatalmente a dissolversi? La fiamma che brucia può durare eternamente? Oppure ogni amore finisce inevitabilmente in merda? Il desiderio per esistere non ha forse sempre bisogno del Nuovo? Il matrimonio è allora condannato a essere solo il cimitero del desiderio? E il lessico famigliare a esaurire il lessico amoroso? Può veramente esistere un amore che dura nel tempo mentre continua a bruciare? E poi ancora: l’erotismo può integrarsi all’amore o lo esclude necessariamente? La spinta appropriativa e i fantasmi della gelosia caratterizzano ogni amore o sono solo i sintomi di una malattia inestirpabile? Cosa accade quando uno dei due tradisce la promessa? Cosa è un tradimento e quali sono le ferite che apre? È davvero possibile il perdono nella vita amorosa? E la violenza? È una parte ineliminabile dell’amore o la sua profanazione più estrema? Cosa accade quando un amore finisce, quando dell’estasi del primo incontro e della luce del “per sempre” non resta che cenere? È possibile sopravvivere alla morte di un amore che voleva essere per sempre? E qual è il mistero che accompagna gli amori che sanno durare senza rassegnarsi alla morte del desiderio, quegli amori che conoscono la meraviglia di una “quiete accesa”, come la definiva poeticamente Ungaretti? In sette brevi lezioni Massimo Recalcati scandaglia tutti questi interrogativi e offre ai suoi lettori i testi inediti del fortunato programma televisivo titolato “Lessico amoroso”.

Maledetta felicità

**La storia vera di una donna che ha deciso di sfidare l’universo self-help per scoprire se esiste davvero una ricetta per la felicità. Emozionante, ironico, profondo e tremendamente divertente.**
36 anni, sorridente e solare, un ottimo lavoro come giornalista freelance, una famiglia e pochi, buoni, amici che le vogliono bene. Ecco, questa è Marianne Power. Peccato che lei non si veda così e che abbia un debole per i superalcolici, Netflix e i libri self-help.
Una domenica al risveglio da un’allegra sbornia del sabato sera, Marianne si guarda intorno: la camera è in disordine, ci sono abiti e bicchieri ovunque, è andata a letto vestita e non si è nemmeno struccata. Single da anni, sempre in lotta con la bilancia e con i suoi capelli, vive in affitto in un seminterrato e ha il conto perennemente in rosso; che disastro…
Com’è possibile che tutti quei libri self-help che ha lì sullo scaffale, letti e riletti e sottolineati, non abbiano avuto alcun effetto sulla sua vita? E che cosa succederebbe se mettesse davvero in pratica quello che dicono?
E quindi ecco la soluzione: 12 libri self-help e un anno di tempo per cancellare qualsiasi problema e diventare *Perfetta*.

Mai più sola

**Ti mentirò per proteggerti**
Delia Effington si è sposata contro il parere della famiglia, che perciò l’ha punita isolandola. Solitudine che si fa subito più dolorosa qualche giorno dopo il matrimonio, quando perde il marito, vittima di un naufragio. Per fortuna a confortarla ci sono un valletto, una governante e soprattutto un maggiordomo, Anthony Artemis Gordon. L’uomo è in realtà visconte di St. Stephen e agente della Corona, travestito da anziano domestico per indagare su Delia. Pronto a svolgere il proprio lavoro sfruttando la doppia identità, Gordon non ha però previsto di potersi innamorare…

Lui Dentro Di Me

EVIE
Sono innamorata di chi mi ha aiutato, salvato, protetto.
Sono innamorata di chi mi ha stretto promettendomi di non lasciarmi mai.
Sono innamorata di chi mi ha mentito.
E poi se n’è andato.
Voglio la sua bocca, le sue mani, il suo corpo.
Non voglio più sentirmi spezzata senza di lui.
Non voglio più sentirmi perduta perché lo desidero.
Sono innamorata del mio migliore amico.
E lo odio con tutta me stessa perché adesso è troppo tardi.
AJAY
Ho passato l’inferno e nella testa avevo solo il suo nome.
Ma lei non deve saperlo.
L’ultima volta che l’ho vista, i suoi occhi delusi mi hanno squarciato l’anima.
Sono un reietto, l’uomo sbagliato.
Devo starle lontano.
Lo farò, giuro che lo farò.
Ma prima voglio sentire cosa si prova a farla mia.
Solo una volta.
Una dannata volta.
Io dentro di lei.
E lei contro di me.
Romanzo rosa conclusivo.

Luce rubata al giorno

**Alla sua prima prova, Emanuele Altissimo scrive un romanzo scabro eppure carico di emozione, e mette in scena personaggi in lentissima caduta libera, come fiocchi di neve.** Il vento, le radure, il profilo fiero di un daino, l’aria sottile delle vette: tutto in queste pagine è vasto e misterioso come l’animo umano, capace di salvare una scheggia di luce anche nella notte più buia.
Questa è la storia di due fratelli e dell’estate che segna per sempre le loro esistenze. Diego, Olmo e il nonno sono in montagna, nella baita comprata dai genitori prima di morire. La speranza è che quei luoghi portino serenità nell’animo di Diego, il fratello maggiore, eternamente irrequieto. Ma appena si alza il vento le seggiovie tremano e le nubi proiettano sui valloni ombre profonde.
Solo Olmo capisce che Diego sta scivolando in un universo dove non si può raggiungerlo, un delirio che sembra crescere fino a toccare il cielo. E darebbe tutto ciò che ha per salvarlo. In ingegneria si parla di tensione ammissibile: il punto massimo di sforzo a cui si può sottoporre un edificio prima che collassi. L’Empire State Building, per esempio, sopravvisse all’urto di un Bomber B-25.
Giorno dopo giorno, Olmo costruisce proprio il modellino dell’Empire State: con infinita pazienza, consapevole che la forza dell’edificio sta nella posa di ogni singolo mattoncino.Ma qual è la tensione ammissibile per una famiglia, per l’amore che tiene insieme le persone?
“I miei personaggi li ho immaginati come dei giganti” ha scritto l’autore. “Diego è un gigante incapace di farsi bastare il suo mondo, che sogna di scalare le montagne e prendersi il cielo. Ma soprattutto lo sono Olmo e il nonno. Giganti sono coloro che guardano in faccia il dolore senza più scuse. Che accettano dolori per i quali non c’è consolazione.”

Lo Stato innovatore

L’economia tradizionale continua a proporci modelli astratti, il discorso pubblico continua a ripetere che la salvezza è negli imprenditori privati. In questo libro Mariana Mazzucato ci mostra come la prima soluzione sia ormai inutile e la seconda approssimativa. Martin Wolf, “Financial Times” Per molti, lo Stato imprenditore è una contraddizione in termini. Per Mariana Mazzucato è una realtà e una condizione di prosperità futura. È arrivato il tempo di questo libro. Dani Rodrik, Harvard University Questo libro dovete leggerlo. Sfiderà il vostro modo di pensare. “Forbes” Mariana Mazzucato dimostra che tutte le ultime rivoluzioni tecnologiche hanno avuto all’origine la ricerca pura finanziata dallo Stato: senza uno sforzo finanziato dai contribuenti la ricchezza dei big della Silicon Valley semplicemente non esisterebbe. Federico Rampini Chi è l’imprenditore più audace, l’innovatore più prolifico? Chi finanzia la ricerca che produce le tecnologie più rivoluzionarie? Lo Stato. Ma se lo Stato è il maggior innovatore, perché allora tutti i profitti provenienti da un rischio collettivo finiscono ai privati?

Lo Spazio è la mia patria. [Rocket man. Traduzione di Gemma Bianchi.].

Satelliti artificiali, Sputnik, razzi a tre stadi… Definizioni nate in questa nostra epoca di progresso tecnico e scientifico. Red Stone, Atomgrad, Cape Canaveral, White Sands, Los Alamos… Nomi di località pressoché sconosciute e improvvisamente balzate alla ribalta della cronaca, e che evocano complesse attrezzature, lucenti e snelle sagome di missili, figure di uomini rivestiti e incappucciati di complicate combinazioni. Spettacolo da fantascienza, si è spinti a dire davanti a queste immagini. E ciò prova sino a che punto la fantascienza stia diventando realtà. L’autore del romanzo che vi presentiamo è uno dei più apprezzati tecnici della base sperimentale americana di White Sands, nel Nuovo Messico, ed è quindi con profonda conoscenza di causa che ci racconta la storia del giovane Tim Layard e dei suoi compagni. Ci viene persino l’idea, che ci sia un pizzico di autobiografia nel racconto di Lee Correy, perlomeno nella parte iniziale. Alla luce degli ultimi avvenimenti in campo astronautico, la grande avventura che gli allievi della Scuola Superiore di Ingegneria di Las Cruces sono chiamati a vivere, assume un tono quasi documentario, anche per gli episodi decisamente avveniristici i quali si inseriscono, ben dosati, negli elementi reali del racconto, così da dare al tutto un sapore di affascinante verità. Sulla conquista dello spazio, l’autore scrive: «… ormai non si tratta più di se o di come, ma è solo questione di quando».

Lì dove sbocciano i papaveri

Un paese sulla costa occidentale della Sicilia in una calda primavera dei primi anni ’60, è ancora l’epoca delle tonnare. Un giovane pescatore viene ucciso di sera fra le barche in secca sulla spiaggia. Tutti in paese sanno che si tratta di un delitto d’onore e sanno chi è il mandante, ma le indagini condotte dal commissario Andolfi sembrano arenarsi. Tanti indizi da soli non bastano a formulare accuse soprattutto quando manca il corpo del reato. Durante l’inchiesta, lo zelante commissario si convince che il parroco sappia più di quanto dice e che il pescatore sia sepolto nella chiesetta del paese, lì dove nessuno andrebbe mai a cercare. Proprio in questi luoghi sacri, simboli della cristianità, il lettore scoprirà la trama di un male ancora più grande. L’intera vicenda, personaggi, luoghi stessi tra luce abbagliante e penombre tenebrose, sono l’occasione per raccontare il Sud, la terra di Sicilia, dove violenza, cupidigia e delitto possono essere redenti solo dall’amore e dal perdono. **

Lezioni private: I casi di Elia Contini

L’investigatore Elia Contini è più abituato ai piccoli furti e agli animali smarriti che ai delitti da romanzo. Un giorno nel suo ufficio si presenta una gentile insegnante di scuola media. Il suo problema: ogni volta che esce da scuola si trova l’automobile con le gomme tagliate. Così Contini parte a caccia dei misteriosi vandali, ma non è tutto come sembra… Fra il sud della Svizzera e il nord dell’Italia, una storia ironica e tenera, con momenti di suspense e di introspezione psicologica.

Lezioni per giovani sposi

**“Una vera delizia!”
Stephanie Laurens**
Thomas Effington, marchese di Helmsley, ha la ferma intenzione di sposarsi per tramandare il titolo. Un amico cerca di convincerlo a scegliere una moglie fra le tre sorelle del cognato, ospiti in quei giorni nelle sue proprietà. Ma i matrimoni d’amore non avvengono così… ed è proprio Marianne, la maggiore delle tre sorelle, a insegnarlo al marchese. Che si rivelerà uno studente modello…

Lettere a Theo

“Caro Theo”: per molto tempo, dall’agosto 1872 fino al 27 luglio 1890, due giorni prima di morire dopo essersi sparato un colpo di rivoltella, Vincent Van Gogh scrisse al fratello Theo con una costanza che trova il solo termine di paragone nell’amore che egli nutriva per lui. Per molto tempo Theo fu il suo unico interlocutore; sempre fu quello privilegiato, il solo cui confidò le pene della mente e del cuore. Del resto, le lettere a Theo (qui presentate in una scelta che riprende, con qualche variante, la versione integrale apparsa in Italia nel 1959) costituiscono la gran parte dell’epistolario vangoghiano. Dalla giovinezza alla piena maturità, esse ci permettono di seguire, quasi quotidianamente, la vicenda artistica e umana del grande pittore. **

Le Storie Dei Longobardi

Quando, nel 774, Desiderio viene sconfitto da Carlomagno i Longobardi perdono la loro indipendenza ma non la loro storia. Dieci anni più tardi Paolo Diacono nella sua drammatica e autobiografica Historia Langobardorum, ne ripercorre le fasi, dalla mitica origine scandinava fino agli ultimi giorni gloriosi, in un sofferto racconto. La narrazione di Paolo, però, rappresenta solo un momento dell’evoluzione secolare della memoria etnica e storica dei Longobardi. Prima oralmente poi per iscritto essi avevano mutato e adattato la visione di se stessi e dei propri re alle diverse tappe del loro migrare, dal Nord della Germania fino alle sedi italiane, senza che la conquista franca avesse arrestato il processo di elaborazione e trasformazione delle loro Storie, oramai patrimonio del Regno d’Italia. L’analisi di tutte le fonti, dalle più antiche leggende alle tardive rielaborazioni trecentesche, suffragata dal continuo raffronto con altri popoli germanici, consente una inedita ricostruzione dei percorsi della memoria e della coscienza storica dei Longobardi. Su tutto si staglia la complessa e affascinante Historia di Paolo che, alla luce di una rinnovata lettura, si riconferma come uno dei capolavori della letteratura latina del Medioevo e uno dei testi chiave per capire come la cultura medievale di stampo classico-cristiano avesse potuto recepire ed esprimere una tematica eroica.