7553–7568 di 72802 risultati

Tecniche Hacker – Volume 4

Questo volume si occupa interamente della parte pratica. A fronte di una lettura dei precedenti volumi, verranno messe in pratica le principali tecniche e verrà spiegato di volta in volta il codice utilizzato.

Tecniche Hacker – Volume 2

Il secondo volume sviluppa le tecniche hacker di base, quelle più semplici da eseguire e imparare e da portare a termine **
### Sinossi
Il secondo volume sviluppa le tecniche hacker di base, quelle più semplici da eseguire e imparare e da portare a termine

Stupidario medico

Dall’aspirina somministrata in “supposte effervescenti” alle “coliche al ginocchio” tutta la scienza dei medici italiani in un’antologia drammaticamente autentica. Una raccolta di “perle” che prende un po’ in giro quei signori che spadroneggiano sulla nostra salute. **

Strategie per scrivere bene a scuola e nella vita: Come ideare, sviluppare, arricchire, rivedere e abbellire i nostri scritti

Questo libro dimostra che si può imparare a scrivere bene e descrive un percorso di allenamento costituito da numerose strategie specifiche e da tecniche efficaci.
Insegna come ideare, sviluppare, arricchire, rivedere e abbellire i vari tipi di testi, dal tema, al saggio breve, all’articolo di giornale, al blog, alla tesi.
Offre numerosi suggerimenti per esprimere efficacemente le proprie idee, sentimenti e valori, per condividere con gli altri la propria esperienza in modo preciso, bello e piacevole.
Allevia la fatica degli studenti e fa emergere in loro il piacere di scrivere.
È un testo chiaro, essenziale, efficace, accompagnato da molti disegni dell’autore che consentono di assimilare facilmente le idee fondamentali.
**
### Sinossi
Questo libro dimostra che si può imparare a scrivere bene e descrive un percorso di allenamento costituito da numerose strategie specifiche e da tecniche efficaci.
Insegna come ideare, sviluppare, arricchire, rivedere e abbellire i vari tipi di testi, dal tema, al saggio breve, all’articolo di giornale, al blog, alla tesi.
Offre numerosi suggerimenti per esprimere efficacemente le proprie idee, sentimenti e valori, per condividere con gli altri la propria esperienza in modo preciso, bello e piacevole.
Allevia la fatica degli studenti e fa emergere in loro il piacere di scrivere.
È un testo chiaro, essenziale, efficace, accompagnato da molti disegni dell’autore che consentono di assimilare facilmente le idee fondamentali.

Storie della disperanza

Negli anni Ottanta Álvaro Mutis, dopo una lunga ricerca poetica apprezzata dai critici e dal pubblico, allunga il respiro della sua narrazione con le avventure di Maqroll il Gabbiere, protagonista di una serie di romanzi che aprono al loro autore le porte dei maggiori riconoscimenti internazionali (fra cui, nel 2001, il Premio Cervantes, il piú ambito per la letteratura in lingua spagnola).
Anche in questo inedito volume di racconti – scelti personalmente da Mutis – troviamo i personaggi e i temi a lui cari e tanto amati dei lettori: dall’ultima (per ora) avventura di Maqroll il Gabbiere di *Un Re Mago a Pollensa* , ai racconti del diplomatico portoghese di *I testi di Alvar de Mattos* , dalle immaginifiche avventure di Alar l’Illirico, stratega dell’imperatrice Irene di *La morte dello stratega* , al piranesiano *Diario di Lecumberri* , dal resoconto della presa di Costantinopoli da parte di Maometto II, alla «fotografia» dell’inizio della sfolgorante carriera del generale Bonaparte… Tutte storie, fra realtà e finzione, scritte con la passione e l’eleganza tipiche di Álvaro Mutis, e impregnate di quella «disperanza» che, eternamente, avvolge il destino degli uomini e il loro cammino.
A cura di Gaetano Longo.

Storia naturale della distruzione

Per molti anni, anzi quasi fino a oggi, vi è stato in Germania un argomento tabù per eccellenza: la distruzione senza precedenti causata nella seconda guerra mondiale da oltre un milione di tonnellate di bombe, che piovvero su centotrentuno città tedesche provocando seicentomila morti fra i civili e sette milioni di senzatetto. Poiché i tedeschi erano colpevoli e dovevano elaborare la loro colpa, ciò che un intero popolo aveva patito era destinato a passare sotto silenzio. Quando nel 1997 Sebald trattò questo tema in una serie di memorabili lezioni a Zurigo – ed erano lezioni, si badi bene, di poetica –, sapeva benissimo di toccare un nervo scoperto. E nessuno come lui si sarebbe rivelato capace di farlo.
Nel dar voce a testimonianze oculari di implacabile precisione, Sebald ci conduce nell’epicentro del fuoco distruttivo che incenerì, ad esempio, Amburgo, mettendo a protocollo quell’orrore in gran parte rifuggito dagli scrittori tedeschi: la madre con il cadavere carbonizzato del suo bambino dentro la valigia e la famiglia che sorseggia beatamente il caffè seduta al balcone in un sobborgo risparmiato dall’area bombing; il libraio che tiene sotto il banco e mostra ai clienti di fiducia le foto dei cadaveri accatastati in strada, delle case sventrate, dei cieli in fiamme, e la massaia che lava i vetri dell’unico edificio svettante in mezzo a un deserto di macerie. Il lettore ritrova qui la stessa tonalità dell’opera letteraria di Sebald, la stessa pietas verso uomini e oggetti che ispira tante pagine della sua narrativa.
Così questa cronaca di orrori diventa un contributo a una Storia naturale della distruzione (come avrebbe dovuto intitolarsi un saggio del britannico Solly Zuckerman sul bombardamento a tappeto che devastò Colonia): una storia naturale in cui hanno cessato di valere le categorie di libertà e scelta – e tutto si muove insieme come un efferato e inarrestabile meccanismo. Dopo le immani risorse profuse nella costruzione di aerei e ordigni non sarebbe stato infatti concepibile per gli Alleati scaricare le bombe in mezzo ai campi e impedire che cogliessero il loro «naturale» bersaglio: questo sostiene un generale americano a cui non sarebbe certo bastato che un’immane bandiera bianca venisse fatta sventolare sul campanile di una chiesa dagli abitanti di una città-bersaglio. E come immagine allegorica si staglia il bombardamento dello zoo di Berlino, con la visione apocalittica dei pachidermi che bruciano vivi, dei loro corpi smembrati, delle loro urla furiose.

Storia Di Un’anima

Un libro che non ha bisogno di descrizioni, uno tra i libri più letti al mondo. L’autobiografia di una grande Santa e dottore della chiesa

Storia della sessualità: L’uso dei piaceri: 2

“L’uso dei piaceri” è il secondo volume di quella “Storia della sessualità” di cui Michel Foucault aveva esposto ne “La volontà di sapere” il progetto iniziale: comprendere come, nelle società occidentali moderne, si era costituito qualcosa di simile a una “esperienza” della “sessualità”, nozione familiare e tuttavia apparsa solamente all’inizio del diciannovesimo secolo. Parlare di sessualità come di un’esperienza storicamente singolare ha richiesto di ricostruire i percorsi del “soggetto desiderante”, risalendo dall’epoca moderna fino all’Antichità classica. “L’uso dei piaceri”, appunto, entra nel vivo della rappresentazione delle pratiche e delle teorie sessuali nella città greca, e dà così concreto avvio a un’opera storiografica dall’ambizione assolutamente unica: non più indagine parziale o settoriale sui problemi della sessualità, essa presenta globalmente la genealogia dell’esperienza più ignota, anche quando più esibita, della nostra cultura e della nostra storia, offrendoci al contempo una sorta di specchio delle radici più remote e cancellate della logica degli odierni comportamenti sessuali. **

Storia della musica. Dall’antichità classica al Novecento

Nella civiltà occidentale, la musica è connessa con le arti, con le idee, con gli eventi politici e con le trasformazioni sociali: il suo linguaggio ne dipende strettamente. Su questo principio è fondata la presente sintesi di carattere storico e critico. Claudio Casini (1937-1994) è stato professore associato di Storia della musica alla seconda Università di Roma e ha collaborato alle trasmissioni radiofoniche della Rai e alla rubriche musicali del “Venerdì” del quotidiano “la Repubblica”. Ha pubblicato saggi critici e biografici su numerosi musicisti.

Storia Della Filosofia – Volume 7

L’affascinante cammino della conoscenza dalle sue origini all’epoca contemporanea. Una nuova edizione della “Storia della filosofia” di due dei più importanti studiosi del nostro tempo, Giovanni Reale e Dario Antiseri, arricchita con le biografie dei filosofi, brani antologici significativi, dettagliate appendici critiche e un denso apparato iconografico. Alla scoperta di autori e correnti che hanno determinato lo sviluppo del pensiero e la storia dell’umanità, con una particolare attenzione al pensiero contemporaneo. Storia della filosofia dal romanticismo all’idealismo. In questo volume Schleiermacher Hölderlin Goethe Humboldt Fichte Schelling Hegel Trendelenburg Herbart Feuerbach Schopenhauer Kierkegard

Storia Della Filosofia – Volume 5

L’affascinante cammino della conoscenza dalle sue origini all’epoca contemporanea. Una nuova edizione della “Storia della filosofia” di due dei più importanti studiosi del nostro tempo, Giovanni Reale e Dario Antiseri, arricchita con le biografie dei filosofi, brani antologici significativi, dettagliate appendici critiche e un denso apparato iconografico. Alla scoperta di autori e correnti che hanno determinato lo sviluppo del pensiero e la storia dell’umanità, con una particolare attenzione al pensiero contemporaneo. Storia della filosofia dall’empirismo al razionalismo, in questo volume: Bacone Cartesio Malebranche Spinoza Leibniz Hobbes Locke Berkeley Hume Gassendi Pascal Vico

Storia Della Filosofia – Volume 12

L’affascinante cammino della conoscenza dalle sue origini all’epoca contemporanea. Una nuova edizione della “Storia della filosofia” di due dei più importanti studiosi del nostro tempo, Giovanni Reale e Dario Antiseri, arricchita con le biografie dei filosofi, brani antologici significativi, dettagliate appendici critiche e un denso apparato iconografico. Alla scoperta di autori e correnti che hanno determinato lo sviluppo del pensiero e la storia dell’umanità, con una particolare attenzione al pensiero contemporaneo. Piano dell’opera: 1. Dai Presocratici ad Aristotele 2. Dal Cinismo al Neoplatonismo 3. Patristica e Scolastica 4. Umanesimo, Rinascimento e Rivoluzione scientifica 5. Empirismo e Razionalismo 6. Illuminismo e Kant 7. Romanticismo, Idealismo e suoi avversari 8. Marxismo, Postilluministi del primo Ottocento, Positivismo 9. Da Nietzsche al neoidealismo 10. fenomenologia, esistenzialismo, filosofia analitica e nuove teologie 11. Scienza, epistemologia e filosofi americani del XX secolo 12. Filosofi italiani del Novecento 13. Filosofi italiani contemporanei

Storia Della Filosofia – Volume 10

L’affascinante cammino della conoscenza dalle sue origini all’epoca contemporanea. Una nuova edizione della “Storia della filosofia” di due dei più importanti studiosi del nostro tempo, Giovanni Reale e Dario Antiseri, arricchita con le biografie dei filosofi, brani antologici significativi, dettagliate appendici critiche e un denso apparato iconografico. Alla scoperta di autori e correnti che hanno determinato lo sviluppo del pensiero e la storia dell’umanità, con una particolare attenzione al pensiero contemporaneo. In questo volume sono presenti: Husserl Heidegger Sartre Gadamer Russell Wittgenstein Ryle Bergson Mounier Barth Florenskij Jonas

Storia d’Europa dalle invasioni al XVI secolo

Introduzione di Ludovico Gatto
Traduzione di Cristiana Maria Carbone
Edizione integrale
Henri Pirenne scrisse quest’opera nel 1917, mentre si trovava prigioniero in Germania: per alleviare le sofferenze del carcere cominciò a tenere corsi di storia a un gruppo di detenuti russi che, in seguito, lo esortarono a mettere per iscritto quelle lezioni. L’opera ha inizio dalle invasioni barbariche che segnarono la fine del mondo romano e traccia un affresco di rara vivacità e freschezza della storia e della cultura europee, attraverso l’epoca carolingia, le crociate, la nascita degli Stati occidentali, per giungere infine al Rinascimento e alla Riforma.
«Anche se ogni proprietà cercava di produrre quanto le era necessario, era comunque impossibile fare del tutto a meno di importare qualcosa. Nei paesi del nord, il vino doveva essere portato necessariamente dalle regioni meridionali. Inoltre, spesso si verificavano carestie locali, e in questi casi la provincia affamata, faceva di tutto per procurarsi qualche risorsa dalle province vicine.»
Henri Pirenne
nacque a Vervies, in Belgio, nel 1862. A soli ventiquattro anni fu chiamato a ricoprire la cattedra di Storia medievale all’Università di Gand. Quando, durante la prima guerra mondiale, il Belgio venne occupato dai tedeschi, fu tra i più fermi sostenitori della necessità di ribellarsi all’invasione. Arrestato nel 1916, rimase prigioniero in Germania fino alla fine della guerra. Morì nel 1935. Di Henri Pirenne la Newton Compton ha pubblicato Storia d’Europa dalle invasioni al XVI secolo, Le città del Medioevo, Storia economica e sociale del Medioevo, Maometto e Carlomagno.

Storia culturale del clima. Dall’era glaciale al riscaldamento globale

Gli uomini sono figli dell’Era glaciale: solo quando il freddo intenso dell’ultima glaciazione cominciò a stemperarsi, oltre 10000 anni fa, apparve la coltivazione, e con questa l’urbanizzazione e l’inizio della storia. Può apparire paradossale, ma è stato il riscaldamento del clima a crearci. Nel corso di tutta la storia umana, d’altra parte, il clima non è certo rimasto stabile e i suoi effetti sulle culture sono stati enormi. Non si può prescindere dalle condizioni climatiche nello studio delle civiltà, dei popoli, delle guerre, delle migrazioni, delle carestie, delle religioni e persino dell’arte e della letteratura. Diventa sempre più chiaro che il clima della Terra è parte integrante e motore inconsapevole dello sviluppo storico, politico e culturale dell’uomo e Wolfgang Behringer lo dimostra per la prima volta in forma estesa, con chiarezza e abbondanza di esempi.