73985–74000 di 75864 risultati

Il rapimento di Eva

La chiamano “la banda mistero”, i suoi componenti mettono a segno un colpo dopo l’altro, e la polizia non riesce a catturarli. Ma incrociano un altro criminale sulla loro strada, ben più temibile di loro: Diabolik!

Il ramo d’oro

Studio sulla magia e sulla religioneIntroduzione di Alfonso M. di NolaEdizione integraleQuest’opera, pubblicata per la prima volta nel 1890 in due volumi, si andò progressivamente sviluppando nelle mani dell’autore, venendo a costituire, nell’edizione definitiva del 1911-15, una monumentale raccolta di studi in dodici volumi sulle culture primitive. Qui ne proponiamo il compendio, concepito dall’autore stesso per una più agevole divulgazione del suo complesso pensiero, motivato fondamentalmente da una teoria evoluzionistica della storia. Un’antica leggenda italica – in ricordo del famoso ramo d’oro che Enea colse prima di entrare nel regno dell’Ade – voleva ‘re del bosco’ colui il quale si fosse dimostrato capace di uccidere il sacerdote del santuario di Diana a Nemi e di strappare un ramo dall’albero che si trovava nel recinto. Frazer fu particolarmente incuriosito dal racconto e volle indagarne le origini, prendendo in esame miti, pratiche religiose e magiche, e riti di ogni tempo e luogo. James G. Frazernacque nel 1854 a Glasgow. Considerato tra i fondatori della moderna antropologia e al tempo stesso scrittore di riconosciuto talento, si dedicò allo studio delle culture più diverse, da quelle primitive a quelle classiche. Nel 1908 gli fu assegnata la prima cattedra mondiale di antropologia sociale. Dopo Il ramo d’oro scrisse Totemism and Exogamy (1910), FolkLore in the Old Testament (1918) e The Magical Origin of Kings (1920). Morì a Cambridge nel 1941.

(source: Bol.com)

Il ragazzo selvatico

Paolo ha trent’anni e si sente senza forze, sperduto, sfiduciato: gli sembra di non andare da nessuna parte. Così lascia la città dov’è nato e cresciuto e se ne va a stare in montagna, in una baita a duemila metri. Qui, nella solitudine quasi totale, riscopre una vita più essenziale e rapporti umani sinceri con gli unici due vicini di casa. La storia vera di una fuga e di un viaggio per ritrovare se stessi, per fare i conti con il passato, una lotta a mani nude contro il dolore. Un libro forte e commovente da una delle migliori voci della narrativa italiana.
**
### Sinossi
Paolo ha trent’anni e si sente senza forze, sperduto, sfiduciato: gli sembra di non andare da nessuna parte. Così lascia la città dov’è nato e cresciuto e se ne va a stare in montagna, in una baita a duemila metri. Qui, nella solitudine quasi totale, riscopre una vita più essenziale e rapporti umani sinceri con gli unici due vicini di casa. La storia vera di una fuga e di un viaggio per ritrovare se stessi, per fare i conti con il passato, una lotta a mani nude contro il dolore. Un libro forte e commovente da una delle migliori voci della narrativa italiana.

Il ragazzo di Auschwitz

Il 29 ottobre 1939 la vita di Szmulek Rozental cambia per sempre. I nazisti marciano sul villaggio dove abita, in Polonia, distruggendo le sinagoghe e cacciando i rabbini. Due persone muoiono durante quel primo giorno di saccheggio, ma il peggio deve ancora arrivare. Molto presto tutta la sua famiglia sarà uccisa, e Szmulek, a soli otto anni, è costretto ad affrontare l’incubo dell’Olocausto. Con tenacia e determinazione e grazie all’aiuto di altri prigionieri, sopravvive ad alcuni tra i più letali campi dí concentramento, tra cui Dachau, Auschwitz, Bergen Belsen. Stuprato, picchiato, sottoposto per sei anni a ogni genere di privazione, vede la sua famiglia e i suoi amici morire. Ma essere riuscito a sopravvivere a questo inferno lo ha spinto a combattere per raccontare alle generazioni future gli errori che non dovranno mai più essere commessi. Dopo la liberazione da parte degli americani, si è trasferito a Boston dove, sotto il nome di Steve Ross, ha cominciato una nuova vita, lavorando costantemente per tenere viva la memoria degli orrori delle persecuzioni. Questo libro è la sua testimonianza.
**

Il Ragazzo Della Porta Accanto

**«Un esordio straordinario.» Alexandra Burt autrice di *Giovane ragazza scomparsa*
Aveva una vita perfetta e lui non ne faceva parte**
Cecilia Wilborg vive insieme al marito affettuoso e alle due bellissime figlie nella cittadina norvegese di Sandefjord. Sa bene che deve stare molto attenta, perché un errore commesso in passato potrebbe mandare in frantumi in un solo istante la sua esistenza così serena. Annika Lucasson si arrangia come può. La vita per lei è tutt’altro che tranquilla: il compagno è uno spacciatore e un uomo violento. Annika conosce il segreto di Cecilia e non dubita che una come lei sia disposta a fare qualunque cosa perché rimanga sepolto. Il mondo di Cecilia comincia a scricchiolare quando qualcuno dimentica di andare a prendere un bambino alla piscina locale. Cecilia si offre di riaccompagnarlo, ma quando arriva a casa sua quel che trova è un posto vuoto e abbandonato. Tobias è davvero un ragazzino fragile e innocente come appare? E perché la vita di Cecilia rischia di scontrarsi pericolosamente con quella di Annika?
**Una famiglia serena e rispettabile.
Una tranquilla cittadina scandinava, dove non è mai successo niente di male.
Una rete di bugie densa e quasi impenetrabile.**
«Una trama intricata, con una magistrale costruzione che soddisferà sicuramente i lettori di thriller.»
**Booklist**
«Questo romanzo è un esordio straordinario. L’autrice ha escogitato una trama favolosa, piena di intrighi, colpi di scena e segreti oscuri che emergono in ogni pagina.»
**Alexandra Burt, autrice del bestseller *Giovane ragazza scomparsa***
**Alex Dahl**
è di origine americana e norvegese. È nata a Oslo, si è laureata in lingua russa e tedesca  all’università di Bath ed è autrice di numerosi racconti pubblicati nel Regno Unito e negli Stati Uniti.* Il ragazzo della porta accanto* è il suo thriller d’esordio, venduto in sei Paesi.
**
### Sinossi
**«Un esordio straordinario.» Alexandra Burt autrice di *Giovane ragazza scomparsa*
Aveva una vita perfetta e lui non ne faceva parte**
Cecilia Wilborg vive insieme al marito affettuoso e alle due bellissime figlie nella cittadina norvegese di Sandefjord. Sa bene che deve stare molto attenta, perché un errore commesso in passato potrebbe mandare in frantumi in un solo istante la sua esistenza così serena. Annika Lucasson si arrangia come può. La vita per lei è tutt’altro che tranquilla: il compagno è uno spacciatore e un uomo violento. Annika conosce il segreto di Cecilia e non dubita che una come lei sia disposta a fare qualunque cosa perché rimanga sepolto. Il mondo di Cecilia comincia a scricchiolare quando qualcuno dimentica di andare a prendere un bambino alla piscina locale. Cecilia si offre di riaccompagnarlo, ma quando arriva a casa sua quel che trova è un posto vuoto e abbandonato. Tobias è davvero un ragazzino fragile e innocente come appare? E perché la vita di Cecilia rischia di scontrarsi pericolosamente con quella di Annika?
**Una famiglia serena e rispettabile.
Una tranquilla cittadina scandinava, dove non è mai successo niente di male.
Una rete di bugie densa e quasi impenetrabile.**
«Una trama intricata, con una magistrale costruzione che soddisferà sicuramente i lettori di thriller.»
**Booklist**
«Questo romanzo è un esordio straordinario. L’autrice ha escogitato una trama favolosa, piena di intrighi, colpi di scena e segreti oscuri che emergono in ogni pagina.»
**Alexandra Burt, autrice del bestseller *Giovane ragazza scomparsa***
**Alex Dahl**
è di origine americana e norvegese. È nata a Oslo, si è laureata in lingua russa e tedesca  all’università di Bath ed è autrice di numerosi racconti pubblicati nel Regno Unito e negli Stati Uniti.* Il ragazzo della porta accanto* è il suo thriller d’esordio, venduto in sei Paesi.

Il ragazzo del milionario

*”William era piombato nella sua vita all’improvviso come un salvatore, ma Thomas non credeva più nel principe azzurro.”*
Dopo la morte della sorella, **Thomas De Marco** si è ritrovato a gestire da solo la sua attività. Costretto a malincuore a vendere il negozio, riceve un’offerta dal **milionario William Tate**, che è ripiombato nella sua vita dopo sette anni senza alcuna spiegazione. Unica condizione della proposta: **lavorare alle sue dipendenze**. Thomas accetta e i due si ritrovano insieme ancora una volta, e le scintille fra i due non tardano a riaccendersi. Ma **Thomas non può rischiare di fidarsi del milionario**, e **William deve prendere una decisione che potrebbe far crollare tutto** ciò per cui ha lavorato duramente. **Riusciranno i due a vincere le loro paure e accettare che non possono stare l’uno senza l’altro?**
***Il ragazzo del Milionario** è un racconto di circa 10500 parole che contiene tanto angst, una scena d’amore passionale non adatta ad un pubblico di minori, e un succulento lieto fine.*
**
### Sinossi
*”William era piombato nella sua vita all’improvviso come un salvatore, ma Thomas non credeva più nel principe azzurro.”*
Dopo la morte della sorella, **Thomas De Marco** si è ritrovato a gestire da solo la sua attività. Costretto a malincuore a vendere il negozio, riceve un’offerta dal **milionario William Tate**, che è ripiombato nella sua vita dopo sette anni senza alcuna spiegazione. Unica condizione della proposta: **lavorare alle sue dipendenze**. Thomas accetta e i due si ritrovano insieme ancora una volta, e le scintille fra i due non tardano a riaccendersi. Ma **Thomas non può rischiare di fidarsi del milionario**, e **William deve prendere una decisione che potrebbe far crollare tutto** ciò per cui ha lavorato duramente. **Riusciranno i due a vincere le loro paure e accettare che non possono stare l’uno senza l’altro?**
***Il ragazzo del Milionario** è un racconto di circa 10500 parole che contiene tanto angst, una scena d’amore passionale non adatta ad un pubblico di minori, e un succulento lieto fine.*

Il ragazzo che voleva dormire

Erwin ha diciassette anni. Alla fine della guerra si ritrova, dopo lunghe peregrinazioni per l’Europa, a Napoli, insieme a un gruppo di rifugiati come lui. Ha perso tutto: padre, madre, lingua, rapporti famigliari. L’unico modo per dimenticare l’orrore che ha vissuto, per lui, è dormire, rifugiarsi nel sonno. Dormire per Erwin non è una fuga, ma un tuffo nel cuore della verità. Nel sonno può ritrovare la famiglia che non c’è più, sognare di avere ancora una vita come prima che tutto crollasse… Eppure Erwin non è fragile. Riesce a seguire un durissimo allenamento fisico, quasi militare, sotto la guida del responsabile del campo, e a imparare l’ebraico. Erwin infatti, come gli altri ragazzi che sono con lui, verrà portato in Israele, per poter iniziare una nuova vita. E quando viene il momento, si imbarcano tutti clandestinamente (la Palestina è ancora sotto protettorato britannico). Erwin, come i suoi compagni, decide di cambiare nome, per segnare un nuovo inizio. Da questo momento si chiamerà Aharon…
**

Il raccoglitore d’anime

Deepgate, un’immensa città sospesa su un insondabile abisso grazie a un sistema di catene, cavi e reti. I suoi abitanti credono che nell’oscurità sottostante viva il dio Ulcis, il “Raccoglitore d’Anime”, sconfitto ed esiliato dalla madre Ayen, dea della luce. È per questo che i morti della città vengono gettati nell’abisso, dove Ulcis sta formando un esercito di anime per spodestare Ayen e riconquistare il paradiso per sé e per i suoi fedeli. Al centro di Deepgate si erge il Tempio, un labirinto di torri, edifici in pietra e sotterranei da dove i sacerdoti della Chiesa di Ulcis governano la città. E, in una cella alla sommità di una delle guglie, vive anche il giovane Dill, l’ultimo degli arconti, una stirpe di guerrieri cui Ulcis avrebbe assegnato la difesa della città. Ma Dill è soltanto un ragazzo di sedici anni, che ha trascorso una vita da recluso e al quale non è mai stato permesso di addestrarsi nelle arti del combattimento. Eppure toccherà proprio a lui affrontare il più grande nemico di Deepgate, un nemico invisibile ma onnipresente nelle menti e nei cuori degli abitanti della città: un nemico che si nasconde nelle profondità dell’abisso…
**

Il quinto vangelo di Nietzsche. Sulla correzione delle buone notizie

Il 25 agosto del 1900 moriva Friedrich Nietzsche, alle porte di un nuovo secolo in cui lui, in fondo, viveva già. Peter Sloterdijk, in occasione del centenario della morte di Nietzsche, vuole restituirne un’immagine integrata. E questo è in sé un gesto provocatorio: si è visto un Nietzsche amato, un Nietzsche odiato, un Nietzsche frainteso, un Nietzsche censurato e un Nietzsche preso a modello. Ma l’uomo era uno solo, e il suo messaggio non era così frammentato e multiforme come potrebbe sembrare nel momento in cui ci si ostina a considerare unicamente le sue derivazioni. In questo breve saggio, Sloterdijk ricongiunge ciò che di Nietzsche si può dire, con ciò che è sconveniente dire, e ci restituisce un senso originario, un messaggio, un quinto “Vangelo”; come suo discepolo, raccoglie e veicola un dono alla portata di chi è disposto a correre il rischio di riceverlo. Queste poche pagine infatti, hanno la caratteristica peculiare di rappresentare il supporto di un contenuto super-massivo, dove un grande protagonista del dibattito filosofico contemporaneo mostra la tremenda attualità dell’autore Nietzsche e tenta di leggerlo come lui avrebbe voluto essere letto. Questo è l’omaggio offerto a Nietzsche nel centenario della sua scomparsa: riapparire sulla scena, di nuovo, con sembianze tanto simili a quelle originali da risultare ulteriormente innovative.
**

Il quidditch attraverso i secoli. Kennilworthy Whisp

Se vi siete mai domandati l’origine del Boccino d’Oro, da dove siano spuntati i Bolidi e perché i Wigtown Wanderers abbiano l’immagine di una mannaia d’argento sulla divisa, allora “Il Quidditch attraverso i secoli” è il libro che fa per voi. Questa edizione limitata è una copia del volume custodito nella Biblioteca di Hogwarts e consultato quasi quotidianamente dai giovani tifosi del Quidditch. Età di lettura: da 8 anni.
**

Il quadro maledetto

Avvincente come Ken Follett Enigmatico come Dan Brown Un grande thriller Può un viaggio di piacere trasformarsi in una pericolosa avventura? Theodor Klinsmann, un professore tedesco, è arrivato in Italia per far visita alla zia, che ormai da anni vive in Toscana. Ma quella che doveva essere una vacanza, si rivela presto ben altro. Theodor si trova infatti coinvolto in una vicenda che ruota attorno a un famigerato dipinto dai poteri occulti. Pare che il quadro, nel corso dei secoli, sia apparso e scomparso in luoghi sempre diversi, rendendo folli coloro che hanno avuto la sventura di ammirarlo. Messe da parte prudenza e razionalità, il professore si lancia alla ricerca del dipinto, deciso a svelarne una volta per tutte il segreto. Ad aiutarlo, un amico musicista, Riccardo, e Irene, una donna affascinante e misteriosa. I tre si trovano catapultati in una sorta di percorso iniziatico che li porta a esplorare i sotterranei di Roma, a fare i conti con gli adepti di una setta segreta, a chiedere l’aiuto di preti e bibliotecari esperti di antichità e reliquie. Qual è l’enigma che si nasconde dietro la storia di quel quadro? Chi lo ha dipinto? In una specie di caccia al tesoro, indizio dopo indizio, Theo scoprirà una verità che lo costringerà a mettere in discussione tutto ciò in cui crede… Un thriller senza precedenti Un esordio sorprendente Un quadro che ha reso folli i suoi possessori e coloro che lo hanno ammirato Un segreto taciuto da alcuni e rincorso da altri Avvincente come Ken Follett, enigmatico come Dan Brown Fabrizio SantiÈ nato e vive a Roma. È laureato in Lingue e letterature straniere e insegna inglese in un liceo scientifico romano. Il quadro maledetto è il suo primo romanzo.

(source: Bol.com)

Il quaderno rosso

Leyli Maal è una bella donna maliana, madre di tre figli, che vive in un minuscolo appartamento della periferia di Marsiglia in compagnia di una collezione di civette e di una montagna di segreti. La sua vita tranquilla di immigrata ben integrata viene scossa all’improvviso da due delitti in cui sembra coinvolta la bellissima figlia maggiore Bamby. I due omicidi si rivelano ben presto essere parte di più complesse operazioni ascrivibili a un racket dell’immigrazione clandestina che coinvolge personaggi insospettabili e organizzazioni che lucrano sulla pelle dei più derelitti. A cercare di dirimere la matassa è Petar Velika, un commissario fin troppo navigato, coadiuvato dal tenente Flores, giovane poliziotto tecnologico, ma senza esperienza sul campo. In quattro giorni e tre notti è un susseguirsi pirotecnico di cacce all’uomo, omicidi sventati o eseguiti, dirottamenti di yacht, traversate del Sahara, naufragi. È il misterioso tesoro di Leyli quello che in realtà tutti stanno cercando? O il suo diario segreto, il famoso quaderno rosso che contiene troppi nomi perché ci si possa permettere che venga trovato? Spettacolare come tutti i romanzi di Bussi, dove i colpi di scena si susseguono con un ritmo incalzante, Il quaderno rosso dà una visione nuova e per certi versi illuminante di un problema di grande attualità com’è quello dell’immigrazione clandestina.

(source: Bol.com)

Il Pugnale e la Perla Nera

1849-1863 Firenze – Moravia – NapoliPer la piemontese Marchesina Giovanna della Spada di Monteverde e il napoletano Principe Filippo Vattilieri di San Garlizio innamorarsi è questione di un battito di ciglia. Ma la magnifica diciassettenne fedele ai Savoia non calcola che, cadendo ai piedi di un suddito del Re Borbone Ferdinando II, mette a rischio gli ideali risorgimentali per i quali la sua famiglia ha sempre combattuto. Intanto l’Europa è scossa da una Primavera dei popoli che vede trionfare l’Impero austriaco e la Penisola italiana è costretta a chinare la testa di fronte al colosso imperiale. Mentre quel fascinoso sbruffone di Filippo, portavoce del sovrano del Regno delle due Sicilie nel Granducato di Toscana, è pronto a mettersi contro i Marchesi della Spada per poter sposare la sua Ninetta, un potente Duca austriaco comincia a dettare legge sulle loro vite. Il Principe di San Garlizio si ritrova costretto a scegliere tra la fedeltà al suo Re e un amore che pare destinato a dissolversi nel nulla tra intrighi politici e allontanamenti forzati. Le loro speranze di felicità sembrano sfumare costringendoli a radicali cambiamenti.Sullo sfondo di un’Italia risorgimentale piena di contraddizioni, un romanzo che concede la parola a chi ha perso la guerra, a chi aveva un patriottismo differente da quello italiano, a chi non voleva abbandonare la propria identità.

Il pugnale cinese

Altea di Vallenberg è in un albergo di montagna assieme al suo nipotino. Una notte, un uomo dalla sagoma nera, inconfondibile, rapisce il piccolo, chiedendo un forte riscatto. Ginko, subito arrivato sul posto capisce che troppi elementi non quadrano…

Il Pugile Polacco

Nel libro L’angelo letterario, durante l’incontro con lo scrittore Andrés Trapiello, a Madrid, Eduardo Halfon accenna a un misterioso pugile polacco. ‘Il tuo cognome, Eduardo, da dove viene? Libano, risposi. Mio nonno era un ebreo libanese identico ad Alfred Hitchcock. E il tuo nonno materno? Polacco. Anche lui ebreo? Sì, anche lui ebreo e gli parlai un po’ di Lodz, di Sachsenhausen, di Auschwitz, del pugile. Guarda, amico, esclamò alzandosi per rispondere al telefono, tutto questo o lo scrivi tu o lo scrivo io. Spero che lo scriva lui.’ Da allora, e attraverso altri personaggi, come un filo ininterrotto si susseguono e si intrecciano altre storie. Quella di un poeta indigeno immerso in un mondo avulso; quella di un accademico nordamericano esperto di Mark Twain; quella di una hippie israeliana in viaggio per il Centroamerica; quella segreta, unta di jazz, di un pianista serbo; quella di un ragazzo imprigionato in una realtà che non lo comprende; quella di un regno sottomarino ormai privo di vita; quella di una madre che cerca di sopravvivere al suo dolore. Da tutte queste storie quella del pugile polacco inizia a germinare, a imporsi, a chiedere di essere scritta da un nipote che a sua volta vorrebbe non scriverla. E che però sa che dovrà farlo. ‘Voi ebrei, mi disse Andrés sedendosi, nascete con un romanzo già scritto sotto il braccio.’
(source: Bol.com)

Il Prossimo Delitto

**«Un thriller cupo e sorprendente.»
The Guardian
Ha visto l’assassino in faccia, ma anche lui ha visto lei
Nella campagna vicino al confine con la Scozia un uomo aggredisce una donna, uccidendola. **Proprio durante quei tragici attimi una mongolfiera sorvola la scena del crimine, così l’assassino spara all’uomo che la guida, uccidendolo e facendo sì che essa precipiti al suolo. Jessie è l’unica sopravvissuta, e l’unica ad averlo visto in faccia. Ma anche l’assassino ha visto lei, e dal momento in cui i loro sguardi si sono incrociati, Jessie è diventata un bersaglio. Perché il killer non si fermerà fino a che non avrà messo a tacere per sempre l’unica testimone dell’efferato omicidio. Sola, spaventata, senza nessuno di cui fidarsi, Jessie dovrà fuggire alla ricerca di un posto sicuro dove nascondersi. Quello che non sa è che potrebbe arrivare direttamente nella tana del lupo…
**Un’autrice pluripremiata
Tradotta in 20 lingue
Oltre 1 milione di copie vendute
Bestseller del Sunday Times**
«Per una volta la descrizione “impossibile da mettere giù” è ampiamente meritata: questo è davvero un libro che non si riesce a smettere di leggere.»
**Daily Mail**
«Un thriller sorprendente.»
**The Guardian**
«Sharon Bolton ha davvero superato se stessa. *Il prossimo delitto* ti prende fin dalla prima riga e ti tiene con il fiato sospeso fino alla fine. La trama è costruita con estrema abilità, con dei colpi di scena davvero sorprendenti.»
**The Times**
**Sharon Bolton**
È un’autrice vincitrice di numerosi premi, tra cui il Mary Higgins Clark Award e l’ITW Thriller Award. Vive vicino Londra e i suoi thriller sono amati da oltre un milione di lettori. Ama il jazz, la danza e prima di dedicarsi completamente alla scrittura si occupava di marketing.* Il prossimo delitto* è il primo romanzo pubblicato con la Newton Compton.
**
### Sinossi
**«Un thriller cupo e sorprendente.»
The Guardian
Ha visto l’assassino in faccia, ma anche lui ha visto lei
Nella campagna vicino al confine con la Scozia un uomo aggredisce una donna, uccidendola. **Proprio durante quei tragici attimi una mongolfiera sorvola la scena del crimine, così l’assassino spara all’uomo che la guida, uccidendolo e facendo sì che essa precipiti al suolo. Jessie è l’unica sopravvissuta, e l’unica ad averlo visto in faccia. Ma anche l’assassino ha visto lei, e dal momento in cui i loro sguardi si sono incrociati, Jessie è diventata un bersaglio. Perché il killer non si fermerà fino a che non avrà messo a tacere per sempre l’unica testimone dell’efferato omicidio. Sola, spaventata, senza nessuno di cui fidarsi, Jessie dovrà fuggire alla ricerca di un posto sicuro dove nascondersi. Quello che non sa è che potrebbe arrivare direttamente nella tana del lupo…
**Un’autrice pluripremiata
Tradotta in 20 lingue
Oltre 1 milione di copie vendute
Bestseller del Sunday Times**
«Per una volta la descrizione “impossibile da mettere giù” è ampiamente meritata: questo è davvero un libro che non si riesce a smettere di leggere.»
**Daily Mail**
«Un thriller sorprendente.»
**The Guardian**
«Sharon Bolton ha davvero superato se stessa. *Il prossimo delitto* ti prende fin dalla prima riga e ti tiene con il fiato sospeso fino alla fine. La trama è costruita con estrema abilità, con dei colpi di scena davvero sorprendenti.»
**The Times**
**Sharon Bolton**
È un’autrice vincitrice di numerosi premi, tra cui il Mary Higgins Clark Award e l’ITW Thriller Award. Vive vicino Londra e i suoi thriller sono amati da oltre un milione di lettori. Ama il jazz, la danza e prima di dedicarsi completamente alla scrittura si occupava di marketing.* Il prossimo delitto* è il primo romanzo pubblicato con la Newton Compton.