73953–73968 di 75864 risultati

Il rumore del Natale

«Papà, che rumore ha il Natale?» La domanda apparentemente ingenua di un bambino sollecita ricordi e nostalgie.

Il rubino d’oriente

Un anziano lupo di mare ha deciso di ritirarsi in pensione, ed ha scelto come abitazione, tanto per rimanere in carattere, un antico ed elegante veliero placidamente ancorato in un tranquillo porticciolo. Ma pare che qualcuno abbia giurato di disturbare il meritato riposo del vecchio capitano, e non si perita di salire a bordo nel cuore della notte per dedicarsi alla ricerca di qualcosa che solo lui conosce. Va, viene, fruga come gli pare: e sembra anche che possieda il dono dell’ubiquità, perché malgrado gli appostamenti e le ricerche non solo nessuno riesce a sorprenderlo, ma nemmeno arriva a scorgerlo da vicino. Che si tratta di un fantasma? E se non lo è cosa mai può attirare un comune delinquente a bordo di un vecchio veliero? Ancora una volta sarà Nancy Drew a rispondere a queste domande, nel corso di un’emozionante avventura che la vedrà impegnata con le amiche a rintracciare una vecchia e tarlata polena che custodisce da tempi lontani un gioiello di favolosa bellezza.

Il Ronin e la Volpe: M/M Yaoi Romance

Nel Giappone feudale, Kaede Hajime vive da ronin vagabondo, un samurai senza un signore. Quando passa la notte in una locanda, il proprietario lo implora di aiutarlo a fermare una pericolosa kitsune, uno spirito volpe, che tormenta il villaggio. Ma, quando cattura lo spirito, che ha la forma di un bellissimo ragazzo, Hajime scopre che anche la kitsune ha dei problemi. La perla che contiene l’anima dello spirito è stata rubata, rendendolo schiavo del suo nuovo padrone, che lo obbliga ad attaccare il villaggio.
Hajime accetta di aiutare la volpe a recuperare il gioiello, ma vivere con uno spirito volpe non è facile, e la fiducia che sta nascendo fra loro è continuamente messa alla prova. Le kitsune sono prima di tutto imbroglione, e Hajime deve capire quanto di ciò che la volpe gli dice sia la verità. A peggiorare le cose, un vecchio compagno di Hajime è in città, portando con sé gli amari ricordi dei suoi giorni da samurai. Hajime deve trovare un modo per recuperare il gioiello prima che il ladro scateni contro di lui i notevoli poteri della kitsune… e cercare di non rimetterci il cuore.
Novella. Contenuti maturi.
**
### Sinossi
Nel Giappone feudale, Kaede Hajime vive da ronin vagabondo, un samurai senza un signore. Quando passa la notte in una locanda, il proprietario lo implora di aiutarlo a fermare una pericolosa kitsune, uno spirito volpe, che tormenta il villaggio. Ma, quando cattura lo spirito, che ha la forma di un bellissimo ragazzo, Hajime scopre che anche la kitsune ha dei problemi. La perla che contiene l’anima dello spirito è stata rubata, rendendolo schiavo del suo nuovo padrone, che lo obbliga ad attaccare il villaggio.
Hajime accetta di aiutare la volpe a recuperare il gioiello, ma vivere con uno spirito volpe non è facile, e la fiducia che sta nascendo fra loro è continuamente messa alla prova. Le kitsune sono prima di tutto imbroglione, e Hajime deve capire quanto di ciò che la volpe gli dice sia la verità. A peggiorare le cose, un vecchio compagno di Hajime è in città, portando con sé gli amari ricordi dei suoi giorni da samurai. Hajime deve trovare un modo per recuperare il gioiello prima che il ladro scateni contro di lui i notevoli poteri della kitsune… e cercare di non rimetterci il cuore.
Novella. Contenuti maturi.
### L’autore
Cornelia Grey è una studentessa di dottorato in scrittura creativa, con un debole per lo steampunk e il rock classico. Nata e cresciuta nelle colline del nord Italia, dove ha vinto diversi premi di poesia e narrativa, ha vissuto e lavorato a Londra, in Giappone, in Spagna e in Germania. Lavora anche come traduttrice freelance. Le piacciono i gatti, lavorare a maglia, recitare a teatro, visitare musei, collezionare tazze e chiacchierare con sua nonna. Quando scrive, preferisce storie curiose e surreali, lo steampunk e il paranormale. I suoi protagonisti sono sempre eroi un po’ per caso, e ci è affezionata proprio per questo.

Il romanzo incompiuto di Sofia Stern

A chi appartengono i gioielli ritrovati nella vecchia banca di Amburgo? Cosa nasconde l’enigmatico libro di memorie di Sofia Stern, ebrea tedesca emigrata in Brasile settant’anni prima? Quanti dei protagonisti di questa storia sono ancora vivi per raccontare la verità?Con una trama che ha tutte le componenti di un noir, descrivendo in modo incisivo il clima di oppressione nella Germania nazista degli anni ’30, Ronaldo Wrobel costruisce un racconto intessuto di una serie di misteri, che svelati potrebbero portare al possesso di una fortuna dimenticata e a ricomporre il mosaico di una vicenda di amori e tradimenti sopita dai tempi della guerra e improvvisamente.

(source: Bol.com)

Il romanzo di Parmenion

Il mondo degli antichi Greci era fatto di tumulti e di guerre, di intrighi e di tradimenti. Non esisteva una nazione greca e la terra divisa era governata da decine di Città Stato che lottavano tra loro per ottenere il predominio. Nel tempo i Persiani divennero sempre più ricchi, il loro impero fiorì nell’Asia e nell’Egitto, il loro potere si fece sentire in ogni città del mondo civilizzato.Gli eventi descritti in questo libro (cioè la presa della Cadmea, le battaglie alle Termopili, a Leuctra e ad Heraclea Lincestis) hanno tutti fondamenti storici e i personaggi principali (Parmenion, Senofonte, Epaminonda e Filippo il Macedone) hanno tutti calpestato quelle antiche montagne e pianure, seguendo le rispettive strade fatte di onore, di lealtà e di dovere. La vicenda di Permenion è però stata creata da Gemmell, perché la storia ufficiale ha praticamente dimenticato Parmenion, tanto che nessuno è in grado di stabilire se sia stato il re dei Pelagoni, un avventuriero macedone o un mercenario della Tessaglia.

Il Ritorno Di Hornblower

Inghilterra e Francia sono in pace, ma tutti sanno che lo stallo non può durare e che Bonaparte sta preparando uno sbarco sulla costa inglese. Posta di fronte a questo pericolo micidiale, l’Inghilterra si affretta al riarmo della propria flotta. A Hornblower viene affidato un piccolo tre alberi, la Hotspur, e l’incarico di sorvegliare le forze marittime francesi radunate nel golfo di Brest, in attesa che arrivi la squadra navale inglese a bloccare la Manica. Prima da solo, e poi con tutta la flotta dell’ammiraglio Cornwallis alle spalle, Hornblower sarà sempre in prima linea, affrontando il nemico e ottenendo il rispetto del suo equipaggio, fino a guadagnarsi la nomina a capitano di vascello. Ma i francesi non saranno gli unici nemici: le durissime condizioni della vita di bordo e la rigidità della disciplina militare, che lo obbligherà a decisioni ingrate; le ansie per la moglie e per il figlio in arrivo e le incomprensioni di qualche superiore blasonato e protetto a corte saranno per lui un carico forse ancora più pesante dei pericoli della battaglia. In una storia fatta di cieli limpidi, albe ghiacciate e battaglie improvvise e violente, Il ritorno di Hornblower racconta la crescita personale di un eroe.

Il ritorno della meteora

Questo è il terzo volume della strabiliante odissea della Meteora, la meravigliosa astronave costruita dal genio del professor Bénac, e noi siamo sicuri che i nostri lettori ritroveranno col piacere col quale si ritrovano i vecchi amici, Richard, il serio ingegnere, Jeff, il curioso e coraggioso giornalista, Mabel, la dolce inglesina, il misterioso Gonzales, lo scanzonato e ingegnosissimo monello parigino Spago. Con loro e col professor Bénac, sulla Meteora, i lettori scopriranno Saturno con le sue Amazzoni, i Centauri e i poveri uomini ridotti in schiavitù, e gli uomini, i cannibali, i nani di Urano; i microbi sviluppati come elefanti, che seminano il terrore fra gli uomini-anfibi di Mercurio, e i civilissimi, sapienti, statuari abitanti di Venere, minacciati da un asteroide che sta per abbattersi sul loro pianeta, segnandone la fine. E poi il sospirato ritorno verso la patria: la Terra. Fra grandi manifestazioni di amicizia de venusiani, la Meteora riparte. La Terra ormai dista soltanto un’ora di viaggio, un’ora alla velocità di 2000 chilometri al secondo, naturalmente. Ma che succede a bordo? Commossi, nostalgici, gli astronauti i mettono in contatto radio con la Terra. Una voce risuona nell’altoparlante di bordo. I nostri eroi ascoltano, e improvvisamente ciò che odono fa perdere la ragione al professor Bénac…

Il ritorno del vecchio sporcaccione

Nel 1967 Charles Bukowski ottenne finalmente la notorietà con la sua colonna settimanale “Taccuino di un vecchio sporcaccione”, seguito dall’omonimo libro uscito nel 1969. Continuò a tenere la rubrica per altri vent’anni, utilizzandola anche come palestra per sviluppare idee per i suoi libri successivi. Il ritorno del vecchio sporcaccione mette insieme molte di queste gemme rimaste inedite da allora. Ritroviamo le sue solite ossessioni – sesso, alcol e cavalli –, le sue incursioni nella letteratura o nella politica, le sue tormentate relazioni con le donne e le sue luride scappate nei giri della poesia. Seguendo l’intero arco della carriera dello scrittore, il libro fa luce su una parte della sua biografia e mette in risalto tutta la sua versatilità. “Poi un giorno dopo le corse dei cavalli mi misi a sedere e scrissi il titolo: taccuino di un vecchio sporcaccione, aprii una birra e il pezzo uscì da solo… non c’erano pressioni di nessun tipo, bastava semplicemente mettersi alla finestra, alzare la birra e lasciare che il pezzo uscisse da solo, tutto quel che voleva arrivare, arrivava…”

(source: Bol.com)

Il Ritorno Del Botticelli: Un Surreale Caso Per Gordon Spada

E’ una tranquilla giornata di lavoro quando Gordon Spada, un mercante d’arte fiorentino, riceve la visita di uno sconosciuto che gli chiede qualcosa che lui veramente non è in grado di dargli. In altri momenti il mercante non avrebbe problemi a rilasciare una semplice autentica sulla sua bella carta goffrata, ma quello che l’uomo pretende va oltre la sua più fervida immaginazione.
Sul momento Spada non da importanza al dipinto che questo uomo misterioso lascia abbandonato sulla soglia della sua porta, ma si accorgerà ben presto di avere commesso un errore fatale.
In questo caso inaspettato Gordon Spada sarà alle prese con un personaggio diabolico e con una serie di efferati delitti che sconvolgeranno la placida Firenze.
Senza volerlo il mercante si troverà imprigionato in una trama originale che coinvolgerà uno dei pittori fiorentini più famosi della storia dell’arte: Sandro Botticelli.
IL PROTAGONISTA
Gordon Spada non è un semplice mercante d’arte della piccola Firenze, ma qualcosa di più. Spada è un uomo strano, per certi versi inquietante. E’ un solitario, un esteta pieno di ossessioni, che alla compagnia degli esseri umani preferisce di gran lunga quella dei dipinti e delle opere antiche. Ma è anche un avventuriero. Da anni, infatti, va alla ricerca di preziose e perdute opere d’arte per soddisfare le brame dei facoltosi collezionisti che a lui si rivolgono. Non si arrende mai, sempre pronto a mettere a repentaglio ogni cosa pur di fare luce sui misteri che pretendono di restare nascosti ai suoi occhi e – soprattutto – pur di ottenere la ricompensa finale.
Dall’Autore de:
“L’abate e la Maddalena: un mistero per Gordon Spada” n.1 Best Seller Gratuiti Gialli e Thriller
“La dimora del Collezionista: un incubo per Gordon Spada” n.5 Best Seller Gratuiti Gialli e Thriller
“La ragazza che sfidò Napoleone” n.1 Best Seller Gratuiti Gialli e Thriller
visita il sito dell’Autore:
[www.maxfiorelli.com](http://www.maxfiorelli.com)
Questo ebook è realizzato con i migliori software disponibili sul mercato e le migliori procedure multimediali, tutto per offrire la migliore esperienza di lettura possibile.

Il ritorno

Anni Cinquanta del XXI secolo. Il pianeta Terra è iper-popolato e iper-inquinato, la natura esiste solo in qualche vecchio documentario, una terribile malattia ha spopolato l’intero continente australiano. Daniel Dyson potrebbe vivere in tutta tranquillità come programmatore al livello 31 della Microcore. Ma l’incontro con la bella e misteriosa Raven scatena la sua inquietudine e lo spinge a tentare l’avventura più estrema: una strana agenzia di viaggi offre immersioni in un ambiente totalmente selvaggio. Niente a che fare con i soliti “viaggi di avventura”, ma un deserto-prigione dove è possibile incontrare la natura e sfidare la morte.

Il risveglio dei maiali. PIIGS

Questo è un pamphlet sulla crisi attuale dell’economia capitalistica: la sua origine nel 1971, a partire dagli usa, la recente storia dell’economia europea e italiana, la situazione dei piigs (Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna) e la possibilità per i piigs e per il nostro paese di trasformare la crisi in opportunità. Si tratta di una critica radicale a come è stata condotta l’Unione Economica e Monetaria (uem) e di un monito alle conseguenze infinite negative di chi volesse seguitare ad ammansire la crisi con un keynesismo di guerra. Una proposta, infine, per quanto riguarda il nostro paese, su come si possa evitare la dialettica tra un’economia dei famigli di stampo berlusconiano e un’economia dei manager del grande capitale di stampo prodiano e bersaniano. Una reale opportunità che espande le sue possibilità per il fatto di trovarsi assieme con altri paesi in analoga situazione socio-economico-culturale: piigs. piigs sono le iniziali di Portogallo, Irlanda, Italia, Grecia e Spagna; in inglese piigs si pronuncia pigs e significa maiali. Questo è l’epiteto che i grandi finanzieri europei danno nelle riunioni strategiche dell’Unione Economica e Monetaria ai paesi del Sud Europa e all’Irlanda (da sempre, colonia britannica sfruttata). L’analisi del presente pamphlet riprende i fondamentali dell’economia e le sue proposte allargano il respiro economico all’antropologico, mostrando che è possibile trovare nella crisi l’opportunità di un diverso modo di concepire la stessa ricchezza di un paese e di un gruppo di paesi. C’è una corsa alla ricchezza che crea miseria e c’è una ricchezza in forme di vita che non perseguono obiettivi di sviluppo impossibile. Nel leggere le proposte finali – distaccarsi dall’area dell’euro, distaccarsi da eccessivi legami con l’azienda mondo e con istituzioni che difendono la mondializzazione di un liberismo sfrenato e apprensivo, ridurre la massa di merce importata, ritrovare nelle proprie risorse una messa in valore del lavoro interno, nazionalizzazione delle banche, di fonti energetiche e di servizi, apertura di uno scambio paritetico tra i piigs, un alias che imiti l’alba dell’America centro-meridionale – occorrerà fare lo sforzo di non credere di sapere come finisce la pellicola. Se avessero fatto così, paesi come Kerala, Bolivia ed Ecuador oggi non sarebbero lì a dirci esperienze economico-sociali utili per l’umanità.

Il ristorante degli chef innamorati

“Jacques è uno dei migliori cuochi di Francia. Il ristorante che gestisce insieme alla moglie Elli è immerso nell’incantevole paesaggio della Normandia, fatto di ampi spazi verdi che si affacciano sul mare. Prenotare un tavolo è difficile come preparare il boeuf bouguignon perfetto. Ma alla morte improvvisa di Elli, Jacques perde ogni ispirazione, il suo talento è soffocato da una cupa disperazione e la sua cucina è vuota, lontana dai profumi paradisiaci e dai sapori straordinari che l’hanno reso famoso. Jacques sopravvive, ma il ristorante rischia la bancarotta ed è noto ormai soltanto per il pessimo servizio.
Ellie riuscirà però a cambiargli la vita per la seconda volta. Quando Jacques trova in soffitta un piccolo ricettario rosso scritto dalla molgie, ricomincia a cucinare per amor suo e, lentamente, si apre a un nuovo inizio. Grazie al suo talento e a due donne innamorate, Jacques riesce ad abbandonare il suo mondo fatto di ricordi e rimpianti e ritorna ad assaporare la vita, con un pizzico di fiducia, molto amore e un po’ di magia”.

Il Risorgimento italiano

Scrivere una storia del Risorgimento, inteso nel suo significato di movimento politico-culturale centrale dell’Italia contemporanea, è un’opera importante. Che è riuscita splendidamente ad Alberto Mario Banti in questo libro.Roberto Coaloa, “Il Sole 24 Ore”Nel 1861 si forma il Regno d’Italia: dopo molti secoli di frammentazione statale la Penisola è così riunita in un’unica compagine, i cui territori vengono completati nei dieci anni seguenti. È un evento rivoluzionario, vissuto in questi termini dai contemporanei, in Italia e fuori d’Italia. In questo libro, il lungo processo di formazione del movimento nazionale dai primi slanci patriottici di fine Settecento alle organizzazioni insurrezionali, ai tentativi rivoluzionari della prima metà dell’Ottocento, fino all’anno cruciale del Regno.
(source: Bol.com)

Il risolutore

Col tempo sarebbe giunto a pensare di poter fare tutto ciò che voleva senza doverne rispondere a nessuno, e avrebbe finito col prenderci gusto.

Due vite. Più nomi di quanti un uomo possa ricordare. Un bagaglio pieno di segreti inconfessabili. Per oltre vent’anni, la storia di Gian Ruggero Manzoni – pronipote di Alessandro e cugino dell’irriverente Piero – è stata una messinscena dai toni tragici, un buco nero da cui nessuno sarebbe potuto uscire vivo. Figuriamoci raccontarla. Fino all’incontro con Pier Paolo Giannubilo, un’onda d’urto da cui è nato questo romanzo, il ritratto impietoso e intimo di un uomo qualunque con un cognome fatale che ha saputo fare di sé, del bambino Palla di grasso bullizzato dai coetanei a Lugo di Romagna, un’inspiegabile leggenda. Dalla militanza nella Bologna del ’77, segnata dall’amicizia con Tondelli e Pazienza e dal clima libertino del Dams, al reclutamento nei Servizi, dalle missioni under cover in Libano a quelle nei Balcani in fiamme, passando per ingaggi da killer, prodezze erotiche e sogni d’artista affascinato dalle avanguardie degli anni Ottanta: Ruggero firma ogni suo gesto con l’inchiostro dell’eccesso, dannato e insieme eroe, fuori da ogni schema e per questo irresistibile, sempre disposto a tutto pur di restare umano. Con struggente lucidità Giannubilo ci racconta ciò che dell’altro gli fa più paura come se si stesse guardando allo specchio, mettendo a nudo le contraddizioni che rendono unica una vita. Nelle sue pagine la grande Storia abbraccia la vicenda avventurosa di un irregolare fino a rendere impossibile riconoscere dove finisca l’una e inizi l’altra. Ed è questo il punto esatto dove si fa letteratura.

(source: Bol.com)