73873–73888 di 75864 risultati

Il Tao Del Dragone

Bruce Lee è conosciuto e ammirato in tutto il mondo per le sue straordinarie doti fisiche e per le tecniche di combattimento che ha messo a punto e insegnato.
Ma è stato molto di più, come rivelano questo suoi scritti, composti di getto negli ultimi mesi prima della morte e intesi come appunti per un saggio personale, un’autobiografia non destinata alla pubblicazione ma al proprio miglioramento spirituale.
In queste pagine Bruce Lee annotò sentimenti, emozioni, riflessioni sia sulle arti marziali sia sui molteplici aspetti dell’esistenza. Dal kung fu alla psicologia, dalla recitazione all’autoconoscenza, le sue parole svelano il mondo di un uomo che ha saputo essere allo stesso tempo, e in piena consapevolezza, poeta, filosofo, scienziato, attore, produttore, regista, autore, coreografo, combattente, marito, padre, amico: un vero ”artista della vita”.

(source: Bol.com)

IL TALENTO DI LYON

LA MOLTEPLICE MENTE FEMMINILE che guida la flotta degli invasori – la civiltà dell’Alveare – ha escogitato un nuovo crudele sistema di sopravvivenza.
GLI UOMINI DEVONO ORA MOBILITARSI. Tra loro ci sono gli eredi di Damia: Laria, Thian, Rojer e Zara, individui capaci di comunicare telepaticamente e guidare a distanza le astronavi da combattimento.
SONO LORO GLI ESSERI DOTATI DEL POTERE-PSI che darà alla razza umana l’ultima possibilità nella lotta contro gli invasori alieni.
**INDICE**

**ANNE MCCAFFREY – L’autore**
|
GIUSEPPE LIPPI
**IL PREMIO URANIA E IL NUOVO LOOK – Editoriale**
|
GIUSEPPE LIPPI
**NUOVA ONDATA DI FILM – Panorama**
|
**In libreria**
|
FRANCO FORTE

Il suono dolce della pioggia

”Rimasi perfettamente immobile mentre mi baciava – non ci volle molto – e feci un sacco di cose insieme: pensavo, ricordavo Thomas Hardy, notavo l’albero vestito di lucine, ascoltavo la musica. Poi il bacio finì e rientrammo, come se nulla fosse.” Innocenti, sfrontati, teneri o disillusi, i racconti inediti di Diana Athill brillano della stessa arguta intelligenza che anima i suoi memoir, un inconfondibile sguardo sul mondo che l’ha resa, a oltre novant’anni, una delle più apprezzate voci della letteratura inglese. C’è chi insegue un amore ideale e chi il sesso, ci sono donne capaci di affrontare il ”pasticcio dell’essere in due”, e altre che mal si rassegnano a quella gabbia. Un’avventura extraconiugale riporta il brivido dell’eccitazione nella vita di una casalinga, ma è solo la preziosa illusione di un momento. Una sedicenne romantica riceve il suo primo bacio e non è affatto come se lo aspettava. Un incidente d’auto nella campagna inglese spinge una quarantenne e suo fratello a rivivere la profonda complicità che li legava da bambini. Una coppia condivide un’intensa passione, ma c’è ben poco che li unisca fuori dal letto. Comuni e insieme uniche, cesellate in una prosa misurata e affascinante, queste storie raccontano di noi, di ciò che significa essere imperfetti – e fragili – e ciononostante amare la vita.

(source: Bol.com)

Il Suo Focolare

***Un libro della serie I Guardiani Degli Abissi***
Julian Nash dovrebbe essere eccitato: ha appena ottenuto un’importante promozione al lavoro e sta andando a festeggiare. La sua felicità svanisce quando scopre che il ragazzo che sta frequentando lo ha tradito un’ora prima. Si ritrova solo all’improvviso, quando tutti pensano che si presenti accompagnato da qualcuno; Julian si sta preparando ad affrontare una lunga serata, quando compare una sua vecchia conoscenza, Ryan Dean, che lo aiuta ad uscire dall’imbarazzo della situazione.
Durante la cena scoprono che tra di loro c’è più di una semplice amicizia: c’è un’ammirazione reciproca e una forte attrazione fisica. Conoscere meglio Ryan Dean – e trovare un posto nella sua vita – porterà Julian a fronteggiare spaventose sorprese e pericoli paranormali, che non avrebbe mai previsto o non avrebbe mai pensato potessero esistere.

Il successo, il denaro o la felicità?

Roma Termini. In un caldo pomeriggio estivo, un ragazzo di trent’anni prende all’ultimo minuto un Frecciarossa che lo porterà nella afosa e frenetica Milano, la città dove vive e lavora ormai da qualche anno. È Marco, avvocato siciliano che esercita la sua professione in un importante studio legale del capoluogo lombardo, dove è riuscito a farsi strada nonostante i molti neolaureati bocconiani e i pregiudizi del Settentrione. Animato da forte dedizione professionale e coscienziosità, il protagonista si trova davanti a un’opportunità unica: quella di rappresentare legalmente un’azienda bresciana nel tentativo di acquisizione del suo più grande competitor francese. Marco conosce così il presidente e fondatore dell’impresa, il Cavalier Franco Brugnatelli, e questo incontro segnerà per entrambi l’inizio di un’importante avventura finanziaria e, soprattutto, il consolidamento di un legame inestimabile. Sullo sfondo, una Sicilia luminosa e incantevole, dove Marco torna quando si sente perduto e necessita di ritrovare la strada. Lì si lascia abbracciare dall’affetto della sua famiglia, dal calore della terra, dal gusto della cucina. E lì ritroverà l’amico Rosario, accanto a lui fin dall’infanzia, ricostruendo il profondo rapporto fra loro che il trasferimento a Milano aveva indebolito. Fortificato dalle esperienze che la vita gli ha riservato e affidandosi, nel momento del bisogno, alle persone a lui vicine, Marco dovrà prendere la decisione più importante: scegliere quale, tra i tanti possibili, sarà il suo futuro.
**

Il sorriso di Jackrabbit. Un’indagine di Hap & Leonard

Nel giorno delle nozze con la sua amata Brett, mentre arrostisce hot dog per gli ospiti, Hap si vede piombare nel giardino di casa due pentecostali da manuale. Il ragazzo, tatuato, indossa un paio di jeans neri e una maglietta con lo slogan: «Bianco è giusto». La donna porta i capelli raccolti in una crocchia così alta da poterci nascondere dentro un frullatore. Sono la madre e il fratello della giovane Jackie Mulhaney, detta Jackrabbit, che da qualche mese sembra scomparsa nel nulla. Nessuno, tanto meno la polizia, vuole cercarla. Gli unici a raccogliere la sfida sono Hap e Leonard, senza immaginare che l’indagine arriverà a condurli nelle stanze segrete di una setta capace di adorare fantomatici uomini lucertola. E di infrangere senza rimorsi il quinto comandamento.
**

Il sorriso di don Giovanni

“Io so che vivendo di libri e per i libri navigo su una zattera che non affonderà mai”
Una donna: Adele. Una passione prorompente, insopprimibile: i libri, i fantasmi che popolano l’universo della grande letteratura: Emma Bovary, il principe Myškin, il capitano Achab, don Giovanni… Adele brucia come un giovane ceppo in un camino, conversa con i personaggi, li contraddice. Ma non c’è traccia di delirio in questo, semmai una magica capacità di immedesimazione. Siamo negli opachi, anzi rischiosi, anni settanta, in una cittadina dell’entroterra campano dove tutto sembra addormentato. E invece… Adele ha soltanto quattordici anni quando si innamora di Fausto, lettore accanito a sua volta nonché fervido militante del Partito comunista. Amori e divergenze bruciano la loro giovinezza. Finché Adele, inquieta e delusa, abbandona la sua “Macondo” per Napoli, dove si fa “maestra di strada” in uno dei quartieri più degradati della città. Ora Adele vive isolata nell’appartamento ereditato dalla nonna, trasformato in una vera e propria biblioteca pubblica, tra migliaia di libri rari, una sorta di sacrario all’interno del quale lei si muove come una vestale, raffinata e sensuale. Un intenso ritratto di donna, dunque, per mezzo del quale l’orizzonte visionario del romanzo si allarga a dismisura, per accarezzare la domanda sul futuro di quell’ineffabile oggetto dei nostri desideri che si chiama libro.
**
### Sinossi
“Io so che vivendo di libri e per i libri navigo su una zattera che non affonderà mai”
Una donna: Adele. Una passione prorompente, insopprimibile: i libri, i fantasmi che popolano l’universo della grande letteratura: Emma Bovary, il principe Myškin, il capitano Achab, don Giovanni… Adele brucia come un giovane ceppo in un camino, conversa con i personaggi, li contraddice. Ma non c’è traccia di delirio in questo, semmai una magica capacità di immedesimazione. Siamo negli opachi, anzi rischiosi, anni settanta, in una cittadina dell’entroterra campano dove tutto sembra addormentato. E invece… Adele ha soltanto quattordici anni quando si innamora di Fausto, lettore accanito a sua volta nonché fervido militante del Partito comunista. Amori e divergenze bruciano la loro giovinezza. Finché Adele, inquieta e delusa, abbandona la sua “Macondo” per Napoli, dove si fa “maestra di strada” in uno dei quartieri più degradati della città. Ora Adele vive isolata nell’appartamento ereditato dalla nonna, trasformato in una vera e propria biblioteca pubblica, tra migliaia di libri rari, una sorta di sacrario all’interno del quale lei si muove come una vestale, raffinata e sensuale. Un intenso ritratto di donna, dunque, per mezzo del quale l’orizzonte visionario del romanzo si allarga a dismisura, per accarezzare la domanda sul futuro di quell’ineffabile oggetto dei nostri desideri che si chiama libro.
### Dalla seconda/terza di copertina
Una donna: Adele. Una passione prorompente, insopprimibile, quasi gesto d’obbedienza a un comando biologico: i libri, la lettura, i fantasmi che popolano l’universo della grande invenzione letteraria universale, Emma Bovary, Madame Chauchat, il principe Myskin, il capitano Achab, Henry Esmond, don Giovanni. Siamo negli opachi, anzi rischiosi, anni settanta, in una cittadina dell’entroterra campano dove tutto sembra fermo e addormentato. E invece… Adele ha soltanto quattordici anni quando si innamora di Fausto, lettore accanito a sua volta nonché fervido militante del Partito comunista. Amori e divergenze bruciano la loro giovinezza. Finché Adele, inquieta e delusa, abbandona la sua “Macondo” per Napoli, dove si fa “maestra di strada” in uno dei quartieri più degradati della città. I libri insomma continuano a essere la sua ossessione. La sua ragione di vita. A scandire, come un tempo le speranze, adesso le delusioni. Tra cui la più grande di tutte: l’irrimediabile perdita dell’uomo amato. Ora Adele vive isolata nell’appartamento ereditato dalla nonna, trasformato in una vera e propria biblioteca pubblica, tra migliaia di libri rari, pregiati, antichi e moderni, una sorta di sacrario all’interno del quale si muove come una vestale e si intrattiene con gli interlocutori di sempre: caro don Chisciotte, caro Renzo, caro don Giovanni… Adele brucia sino alla fine, ma il suo amore per la letteratura non ha nulla di cerebrale, anzi in esso si consuma la sua irresistibile sensualità.

Il sorriso dell’ospite

È passato un anno da quando la vita di Joe Lucchesi, poliziotto del New York Police Department, e della sua famiglia è stata sconvolta dalla furia omicida di due serial killer, uno dei quali ancora in vita. Joe Lucchesi si sforza di tornare alla normalità. E la “normalità” nella squadra omicidi è l’indagine su un delitto particolarmente efferato: la morte di Ethen Lowry, rinvenuto sul pavimento di casa sua accanto a un telefono cellulare, con il volto massacrato a martellate, l’arco dentario sfondato e un proiettile calibro 22 nel cranio. È solo il primo di una serie di omicidi che condurranno Joe Lucchesi a confrontarsi con una folle mente criminale.
**

Il sorriso dell’Oscura Signora

Angel Claydon incarica Dylan Dog di indagare su suo padre Jarvis. La ragazza è infatti convinta che l’uomo, importante politico e uomo d’affari, si stia facendo plagiare nelle sue scelte da Loreen Dulak, una sedicente medium.

Il sole non tramonta

Kendall – Quarto pianeta di Gamma Legionis. È caratterizzato dalla mancanza di rotazione sul proprio asse, diviso quindi in un emisfero costantemente illuminato (Chon) e uno costantemente buio (Axari). Omnerstark – Terzo pianeta di Chaudunny, sede originaria della Compagnia. Pianeta tecnologico per eccellenza, è il vero centro politico ed economico del sistema. Sharraxy – Terzo pianeta di Psi Xamishi. Mondo di tipo terrestre, si sostituirà ad Omnerstark dopo la caduta della Compagnia. Gamma Alcyonis – Terzo pianeta delta stella omonima. Governato da Signorie feudali, è l’unico dei pianeti del Sistema completamente svincolato dalla Compagnia. Omman, Beta Shingtauri IV, Kishnore, Wonheim e Kanwa sono gli altri pianeti del Sistema. Su questa Confederazione sta per abbattersi una catastrofe, che provocherà II crollo del suo sistema economico-sociale. Contemporaneamente, su Kendall sta per cadere il buio: come avviene una volta ogni ottomila anni le due lune oscureranno il sole, nei temuto ed atteso Shamshal’Kile. E proprio su Kendall inizia e si conclude l’avventura di David Amshinygri Tschander, alle prese con il gelo di Axari, le sabbie di Chon e l’incombente, titanica eclissi. Ma soprattutto di fronte alla prospettiva di accettare o rifiutare la propria semi-divinità. «Il sole non tramonta» è un romanzo ambizioso, fantasioso e potente, nella migliore tradizione della fantascienza classica.

Il sole e i suoi fiori

OLTRE 1 MILIONE E MEZZO DI COPIE VENDUTE NEGLI USA.
IN CORSO DI PUBBLICAZIONE IN TUTTO IL MONDO.
SUBITO AL PRIMO POSTO DELLA CLASSIFICA DEL NEW YORK TIMES INSIEME A MILK AND HONEY

« *Rupi Kaur ha cominciato a scrivere poesie per guarire, per dare un nome a ciò che il corpo non dimentica, per accorgersi di essere ancora intera.* »
la Repubblica

« *Kaur è la più nota di una generazione di poeti che per esprimersi ha scelto i social media. Gli editori se li litigano. Perché nell’era in cui la poesia sembrava morta, portano in dote un seguito da star.* »
Corriere della Sera

« *Frasi brevi, che sono come un pugno nello stomaco, e in cui molte donne si sono riconosciute.* »
Donna Moderna

« *Questa è una poesia che aspira a essere un messaggio libero, intensamente diretto e femminista.* »
The Times

Il sole di Breda

Fiandre, 1625. Diego Alatriste ha raggiunto finalmente il vecchio battaglione di Cartagena, impegnato nel lungo ed estenuante assedio alla città di Breda. Attraverso l’umida bruma invernale il sole, freddo e calvinista, illumina le nervose giornate d’attesa, gli attacchi furiosi e brutali, le pericolose sortite di ricognizione. Ha gli stivali imbrattati di fango, il giubbetto sporco e lacero, i capelli arruffati sotto il cappello con l’immancabile penna rossa: Alatriste combatte con movimenti che sembrano trasmessi al suo corpo da mortali ingranaggi occulti. In un mondo devastato dall’inverno e dalla guerra, scontri, sfide, saccheggi e rivolte della fanteria scandiranno il cammino di Alatriste, di un soldato semplice che tutti chiamano «capitano».
**

Il Sole dell’Avvenire – vol. III

In questo terzo e ultimo volume de Il Sole dell’Avvenire, Valerio Evangelisti continua a seguire le vicende di alcune famiglie romagnole, attraverso i grandi cambiamenti politico-economici che investono la regione e l’Italia intera.

Nel tormentato periodo che va dagli anni Venti alle soglie degli anni Cinquanta, il fascismo si afferma ed esplode, dissolvendo, tra l’altro, la compattezza dei nuclei familiari.

Spartaco, ”Tito”, Verardi diviene squadrista e architetto della distruzione delle conquiste del movimento operaio. Destino Minguzzi è assorbito, quasi suo malgrado, dal mondo dei clandestini e degli esuli antifascisti, e dalle sue lacerazioni a volte drammatiche. Soviettina, ”Tina”, Merighi si trova a partecipare alla guerra di liberazione nella più anticonformista e ”romagnola” delle formazioni partigiane. Nessuno di costoro ”fa la storia”, ma tutti, a loro modo, vi partecipano. Non senza chiedersi, alla nascita di una nuova Italia, se la realtà corrisponda davvero ai loro auspici.

Su questo interrogativo si chiude una grande saga popolare, un’opera unica nel panorama letterario italiano.

(source: Bol.com)

Il Sole dell’Avvenire – vol. I: Vivere lavorando o morire combattendo

Valerio Evangelisti, distaccandosi dai temi narrativi che lo hanno reso noto come scrittore, racconta in questo romanzo di ampio respiro le vicende di alcune famiglie di braccianti e contadini romagnoli, dall’epoca post-risorgimentale alle soglie del 1900. Sono storie minute, in cui si intrecciano momenti ora drammatici ora briosi. Assieme disegnano un quadro ben più grande, esteso a tutta l’Emilia Romagna e all’Italia. La trasformazione agricola di una regione, la bonifica di territori malsani, l’affermarsi del movimento cooperativo e di quello socialista, con le sue varie anime spesso conflittuali, la lenta e sanguinosa conquista della democrazia.
Ciò è visto con gli occhi di protagonisti solo in parte consapevoli dello scenario grandioso in cui si muovono. Attilio, l’ex garibaldino che sperimenta tutte le forme e le miserie del precariato; Rosa, vittima predestinata ma non docile dello sfruttamento e dell’arroganza di chi comanda; Canzio, il ribelle per indole, refrattario all’ideologia e attratto dall’azione.
Assieme a costoro una folla colorita di personaggi turbolenti e litigiosi, spesso realmente esistiti; trascinati in vicende politiche e umane che li porteranno dalle pianure e dai colli di Romagna alle paludi dell’Agro romano, fino ai campi di battaglia in Grecia. Umili costruttori di un Sole dell’Avvenire che non sorgerà mai, quanto meno nelle forme che speravano. Nel comporre forse il più ambizioso dei suoi romanzi, inizio di una trilogia estesa per un settantennio, Evangelisti si è tenuto lontano dalle opere, letterarie e cinematografiche, che hanno trattato lo stesso tema.
Nessuna retorica, nessun miserabilismo, nessuna esaltazione della civiltà rurale. Solo la cronaca, secca e a volte spiazzante, di piccola gente partecipe di un’impresa immensa. Un’epopea, sì, ma narrata rifiutando gli stereotipi dell’epica a sfondo sociale.
**
### Sinossi
Valerio Evangelisti, distaccandosi dai temi narrativi che lo hanno reso noto come scrittore, racconta in questo romanzo di ampio respiro le vicende di alcune famiglie di braccianti e contadini romagnoli, dall’epoca post-risorgimentale alle soglie del 1900. Sono storie minute, in cui si intrecciano momenti ora drammatici ora briosi. Assieme disegnano un quadro ben più grande, esteso a tutta l’Emilia Romagna e all’Italia. La trasformazione agricola di una regione, la bonifica di territori malsani, l’affermarsi del movimento cooperativo e di quello socialista, con le sue varie anime spesso conflittuali, la lenta e sanguinosa conquista della democrazia.
Ciò è visto con gli occhi di protagonisti solo in parte consapevoli dello scenario grandioso in cui si muovono. Attilio, l’ex garibaldino che sperimenta tutte le forme e le miserie del precariato; Rosa, vittima predestinata ma non docile dello sfruttamento e dell’arroganza di chi comanda; Canzio, il ribelle per indole, refrattario all’ideologia e attratto dall’azione.
Assieme a costoro una folla colorita di personaggi turbolenti e litigiosi, spesso realmente esistiti; trascinati in vicende politiche e umane che li porteranno dalle pianure e dai colli di Romagna alle paludi dell’Agro romano, fino ai campi di battaglia in Grecia. Umili costruttori di un Sole dell’Avvenire che non sorgerà mai, quanto meno nelle forme che speravano. Nel comporre forse il più ambizioso dei suoi romanzi, inizio di una trilogia estesa per un settantennio, Evangelisti si è tenuto lontano dalle opere, letterarie e cinematografiche, che hanno trattato lo stesso tema.
Nessuna retorica, nessun miserabilismo, nessuna esaltazione della civiltà rurale. Solo la cronaca, secca e a volte spiazzante, di piccola gente partecipe di un’impresa immensa. Un’epopea, sì, ma narrata rifiutando gli stereotipi dell’epica a sfondo sociale.

Il sole a mezzanotte (Life)

Katie Price ha diciassette anni e una rara malattia che le impedisce di rimanere anche un solo secondo sotto la luce diretta del sole. Farlo le costerebbe la vita. Solo al tramonto il mondo di Katie le si dischiude davanti: con la sua chitarra esce da casa e si mette a suonare ovunque, a cantare le sue canzoni negli angoli della città, anche alla stazione dei treni, per tutti i viaggiatori che vanno e vengono. E lì una sera Charlie Reed incrocia la sua strada, proprio lui, la sua “cotta tremenda”, l’ex atleta del liceo di cui Katie è innamorata da dieci anni in gran segreto, senza mai aver avuto l’occasione di poterlo incontrare e frequentare. Perché tutto nella vita, per chiunque tranne che per lei, succede al calore del sole. Ma questo incontro cambierà il destino di Katie, di Charlie e quello delle persone attorno a loro, per sempre. Perché per innamorarsi bisogna essere avventati, ma per lasciarsi amare ci vuole coraggio. Una storia romantica e fresca, due giovani e indimenticabili protagonisti che ci trascinano in un’avventura del cuore dolcissima e piena di attese.
**
### Sinossi
Katie Price ha diciassette anni e una rara malattia che le impedisce di rimanere anche un solo secondo sotto la luce diretta del sole. Farlo le costerebbe la vita. Solo al tramonto il mondo di Katie le si dischiude davanti: con la sua chitarra esce da casa e si mette a suonare ovunque, a cantare le sue canzoni negli angoli della città, anche alla stazione dei treni, per tutti i viaggiatori che vanno e vengono. E lì una sera Charlie Reed incrocia la sua strada, proprio lui, la sua “cotta tremenda”, l’ex atleta del liceo di cui Katie è innamorata da dieci anni in gran segreto, senza mai aver avuto l’occasione di poterlo incontrare e frequentare. Perché tutto nella vita, per chiunque tranne che per lei, succede al calore del sole. Ma questo incontro cambierà il destino di Katie, di Charlie e quello delle persone attorno a loro, per sempre. Perché per innamorarsi bisogna essere avventati, ma per lasciarsi amare ci vuole coraggio. Una storia romantica e fresca, due giovani e indimenticabili protagonisti che ci trascinano in un’avventura del cuore dolcissima e piena di attese.