7313–7328 di 72034 risultati

La Forza Della Resilienza

**La chiave per trasformare le esperienze effimere in risorse interiori durature è già custodita dentro di noi ed è la nostra forza.**
La vera capacità di adattarsi a un mondo in continuo cambiamento scaturisce da forze interne come la grinta, la gratitudine e la compassione. Questa è la resilienza, quella dote di cui abbiamo bisogno ogni giorno per crescere una famiglia, lavorare insieme ad altri, affrontare lo stress, i problemi di salute, le divergenze, il dolore o semplicemente i momenti di difficoltà. Con la sua caratteristica miscela di neuroscienza, mindfulness e psicologia positiva, il dottor Rick Hanson ci mostra come sviluppare dodici forze interiori vitali legate al nostro sistema nervoso.
Attraverso una guida pratica, piena di suggerimenti concreti, esercizi, esempi personali e informazioni preziose su come funziona il nostro cervello, ci offre gli strumenti per affrontare le sfide della vita con meno ansia, più ottimismo, fiducia in noi stessi, calma e concentrazione.
Caloroso, incoraggiante ed efficace, l’approccio passo-passo del dottor Hanson insegna come allenare il nostro cervello ai pensieri positivi, come liberarsi dai sentimenti dolorosi e sostituirli con autocompassione, autostima, gioia e pace interiore.

La fine della fine della terra

La fine del mondo? Jonathan Franzen non cede alla tentazione di nascondersi dietro giudizi universali e profezie maya. Perché, afferma, lo scrittore è come un pompiere «il cui compito è tuffarsi in mezzo alle fiamme della vergogna mentre tutti gli altri scappano». Dal cambiamento climatico ai social network, da Trump al birdwatching, dalla New York dei primi anni Ottanta agli eventi traumatici dell’11 settembre 2001, dall’Africa orientale all’Antartide: Franzen si confronta con la complessità del presente a colpi di riflessioni acute e spietata ironia, disposto a mettere in discussione tutto – compreso se stesso – per interpretare la realtà. E magari provare a cambiarla.
Che differenza c’è fra un tweet dell’«attuale presidente degli Stati Uniti» e un saggio come quelli cui da sempre Jonathan Franzen si dedica fra l’uno e l’altro dei suoi romanzi? Si tratta in entrambi i casi di «micronarrazioni personali e soggettive», eppure puntano in direzioni diametralmente opposte. Se i 280 caratteri con cui Trump bombarda a ogni piè sospinto i suoi follower mirano a semplificare la realtà nel modo piú brutale possibile, il saggio letterario produce, o dovrebbe produrre, l’effetto contrario: esplorare, comprendere e illustrare la complessità. È il risultato che, grazie alla sua magistrale scrittura, Franzen ottiene in ognuno dei sedici testi raccolti in questo libro. Testi che, pur toccando una molteplicità di argomenti, sono legati da un evidente filo rosso. Chiunque abbia letto *Le correzioni* , *Libertà* o *Purity* ritroverà in queste pagine la vivace intelligenza dell’autore, la sua volontà di mettersi continuamente in discussione, il suo ostinato desiderio non solo di capire il mondo che lo circonda, ma di cambiarlo per il meglio, anche quando tutto parrebbe indicare che quel mondo stia correndo verso l’apocalisse. E cosí, col suo stile sempre pacato e meditato, col suo approccio sempre schivo e trattenuto, Franzen finisce per spingersi «alla fine della fine della terra», ad esempio stringendo amicizia con uno degli scrittori americani piú radicali e intrattabili degli ultimi decenni, William Vollmann, di cui in queste pagine viene fornito un indimenticabile ritratto, oppure piazzandosi sul ponte di una nave diretta verso l’Antartide, «esposto al vento pungente e agli spruzzi salmastri, lo sguardo fisso nella nebbia o nella luce abbagliante», nella speranza di intravedere un pinguino imperatore. Perché, come recita il titolo di uno dei piú accorati fra questi saggi, «gli uccelli sono importanti». Gli uccelli infatti, che si tratti di un colibrí che attraversa in volo il Golfo del Messico, di un falco pellegrino che si tuffa in picchiata a trecentosessanta chilometri all’ora o di un albatro che si libra solitario a centinaia di miglia da qualunque altro membro della sua specie, fanno «quello che tutti vorremmo saper fare, ma che ci riesce solo in sogno». Un po’ come la letteratura.
«In questa raccolta c’è quell’equilibrio perfetto tra forma, contenuto e voce di cui solo un grande scrittore è capace».
**«The Guardian»**

La figlia del silenzio

Nel cupo e soffocante clima della Seconda guerra mondiale, l'omicidio che compie la giovane Anna Albertini riporta alla luce i drammatici awenimenti che hanno segnato d'odio e rancore la sua fanciullezza e che sono stati occultati, per anni, dietro il pesante velo di omertà creato dalla sua famiglia e dall'intera comunità. Ma, come sempre in Morris West, maestro del grande romanzo che spesso si colora di giallo, questo è solo uno dei livelli e dei percorsi della trama, perché intorno ad Anna ruotano numerosi personaggi, tesi a riscattare il proprio passato per affermare la loro reale identità.
Carlo Bini, avvocato non troppo stimato che assume la difesa di Anna per vendicarsi delle innumerevoli umiliazioni subite; sua moglie Valeria, creatura affascinante e sfuggente, e il padre di lei, il potente e ammirato principe del foro Ascolini: uno strano triangolo in cui violente correnti d'amore si fondono con l'egoismo spietato, la bramosia del potere, il desiderio frenetico di passione. Inaspettatamente, allora, il crimine e la violenza diventano figli di amori deviati, incompresi: quello impossibile di Carlo per la moglie, quello possessivo di Ascolini per la figlia e quello irrequieto di Valeria, perennemente alla ricerca di un uomo che sappia dominarla. Tra l'amore e la morte, la legge e la violenza, la morale e il peccato, West magistralmente intreccia e scioglie il racconto, ambientandolo nella sua amata Italia: dopo Roma e il Vaticano, una quieta provincia senese, inedita anche per noi.

La Figlia Del Capo

Trevor Gallagher, appena laureato, non sa cosa fare della sua vita o meglio, non gli interessa saperlo. Passa la maggior parte del suo tempo a bighellonare con i suoi amici o a sbronzarsi, con la speranza che quelle cattive abitudini possano distrarlo dai ricordi che lo tormentano. Una sera, fuori a una discoteca, si imbatte in Amanda, una ragazza estremamente bella e interessante. Il loro è un breve incontro fatto di pungenti botta e risposta che non lasciano indifferente nessuno dei due, ma allo stesso tempo entrambi non immaginano di rincontrarsi nuovamente. E invece accade. Trevor, convinto dal suo migliore amico Jason, si presenta a un colloquio di lavoro presso una delle più importanti aziende di New York. Si fa notare per le sue doti e per il suo spiccato carisma e viene assunto da Amanda, rivelatasi la figlia del proprietario della Quality Imagine. I due, provenienti da due ambienti diversi, non vanno per niente d’accordo, si scontrano continuamente fino a quando la tensione si trasforma in passione. Trevor e Amanda si lasciano trasportare da emozioni inaspettate, fino a quando un segreto piomba su di loro…
ESTRATTO: (…)“Allora prima cosa togliti questo sorrisino dalla faccia che con me non attacca”.
“Di che sorrisino parli?” la guardo con un ghigno.
Alza gli occhi al cielo. “Dai lo stai facendo ancora, smettila sei ridicolo”.
Divertito, mi passo il pollice sul labbro inferiore. “Sono ridicolo, però, intanto, non hai il coraggio di guardarmi in faccia”.
Sbuffa, poi continua ignorando le mie provocazioni. “E comunque ci sarebbe qualcosa che potresti fare per me”.
Le prendo nuovamente la mano con fare melodrammatico. “Dimmi tutto, farei qualsiasi cosa per farmi perdonare”.
Il suo viso non riesce a nascondere la voglia di ridere. “Ma tu sei sempre così?”
“Così come?”, mi avvicino di un altro passo continuando la mia recita.
“Così coglione”, afferma senza esitare.
Ma sta scherzando, no? Mah, non l’ho ancora capito e intanto continuo a guardarla a bocca spalancata come… un coglione, ecco. Forse non ha torto…
Le lascio la mano e assumo un’espressione seria. “É quello che le ragazze vogliono, essere desiderate ma non troppo, com’è che dice il detto? Ah sì… il bastone e la carota”, le faccio l’occhiolino.
Amanda porta un palmo in alto in segno di resa. “Buon per chi apprezza, allora”. (…)
**
### Sinossi
Trevor Gallagher, appena laureato, non sa cosa fare della sua vita o meglio, non gli interessa saperlo. Passa la maggior parte del suo tempo a bighellonare con i suoi amici o a sbronzarsi, con la speranza che quelle cattive abitudini possano distrarlo dai ricordi che lo tormentano. Una sera, fuori a una discoteca, si imbatte in Amanda, una ragazza estremamente bella e interessante. Il loro è un breve incontro fatto di pungenti botta e risposta che non lasciano indifferente nessuno dei due, ma allo stesso tempo entrambi non immaginano di rincontrarsi nuovamente. E invece accade. Trevor, convinto dal suo migliore amico Jason, si presenta a un colloquio di lavoro presso una delle più importanti aziende di New York. Si fa notare per le sue doti e per il suo spiccato carisma e viene assunto da Amanda, rivelatasi la figlia del proprietario della Quality Imagine. I due, provenienti da due ambienti diversi, non vanno per niente d’accordo, si scontrano continuamente fino a quando la tensione si trasforma in passione. Trevor e Amanda si lasciano trasportare da emozioni inaspettate, fino a quando un segreto piomba su di loro…
ESTRATTO: (…)“Allora prima cosa togliti questo sorrisino dalla faccia che con me non attacca”.
“Di che sorrisino parli?” la guardo con un ghigno.
Alza gli occhi al cielo. “Dai lo stai facendo ancora, smettila sei ridicolo”.
Divertito, mi passo il pollice sul labbro inferiore. “Sono ridicolo, però, intanto, non hai il coraggio di guardarmi in faccia”.
Sbuffa, poi continua ignorando le mie provocazioni. “E comunque ci sarebbe qualcosa che potresti fare per me”.
Le prendo nuovamente la mano con fare melodrammatico. “Dimmi tutto, farei qualsiasi cosa per farmi perdonare”.
Il suo viso non riesce a nascondere la voglia di ridere. “Ma tu sei sempre così?”
“Così come?”, mi avvicino di un altro passo continuando la mia recita.
“Così coglione”, afferma senza esitare.
Ma sta scherzando, no? Mah, non l’ho ancora capito e intanto continuo a guardarla a bocca spalancata come… un coglione, ecco. Forse non ha torto…
Le lascio la mano e assumo un’espressione seria. “É quello che le ragazze vogliono, essere desiderate ma non troppo, com’è che dice il detto? Ah sì… il bastone e la carota”, le faccio l’occhiolino.
Amanda porta un palmo in alto in segno di resa. “Buon per chi apprezza, allora”. (…)

La fiamma del ghiaccio

Firenze, Berlino, Milano, Pomerania 1865-66
L’incontro con Fiammetta Dorini, l’irriverente e ribelle figlia del Presidente del Senato, è la miccia che infuoca il cuore del disciplinato e severo Capitano prussiano Alexander von Rosenfeld. In un clima di complotti, tradimenti e battaglie, Fiammetta e Alexander si amano, si allontanano, cambiano, lottano mentre la terza guerra d’indipendenza scurisce di cupi presagi il cielo di Firenze, capitale del neonato Regno d’Italia. I politici italiani sono disposti a qualsiasi sacrificio per ammantare di tricolore il leone della Serenissima, liberando così il Veneto dal giogo austriaco e i due innamorati si troveranno a mischiare le loro vite alla grande storia italiana.
**
### Sinossi
Firenze, Berlino, Milano, Pomerania 1865-66
L’incontro con Fiammetta Dorini, l’irriverente e ribelle figlia del Presidente del Senato, è la miccia che infuoca il cuore del disciplinato e severo Capitano prussiano Alexander von Rosenfeld. In un clima di complotti, tradimenti e battaglie, Fiammetta e Alexander si amano, si allontanano, cambiano, lottano mentre la terza guerra d’indipendenza scurisce di cupi presagi il cielo di Firenze, capitale del neonato Regno d’Italia. I politici italiani sono disposti a qualsiasi sacrificio per ammantare di tricolore il leone della Serenissima, liberando così il Veneto dal giogo austriaco e i due innamorati si troveranno a mischiare le loro vite alla grande storia italiana.

La Felicità È Un Tè Con Te

Il giovane Atticus Craftsman, rampollo di una delle più importanti famiglie dell’industria editoriale inglese, è sparito. Suo padre lo aveva inviato in Spagna per rimediare alle perdite rovinose che la rivista *Librarte* stava causando al gruppo. Ma, a pochi giorni dal suo arrivo a Madrid, armato dell’inseparabile bollitore elettrico e ingenti quantità di tè, rigorosamente Earl Grey, di Atticus si è persa ogni traccia. Le ultime ad averlo visto in carne e ossa sono proprio le cinque donne impiegate nella rivista: la saggia e solitaria Berta, la dolce Gaby, la malinconica Asunción, l’irrequieta María e la bella Soleá. Su di loro comincia a indagare l’impacciato ispettore Manchego, che si trova costretto a fare i conti con cinque sospettate così diverse tra loro, ma disposte a far qualsiasi cosa pur di salvare il proprio posto di lavoro. Tra risate, azione e colpi di scena, il destino della rivista *Librarte* e delle sue cinque impiegate sarà quindi legato a doppio filo con quello del giovane Atticus. Un intricato garbuglio che attraverserà le strette vie di Madrid per arrivare giù fino al cuore bohémien dell’Andalusia, e che potrà risolversi solo grazie all’amore, all’amicizia e… al buon vecchio Hemingway. Tradotto in 10 Paesi, *La felicità è un tè con te* è un’irresistibile commedia romantica che con garbo e intelligenza si tinge, pagina dopo pagina, di mistero e travolgente ironia. **
### Sinossi
Il giovane Atticus Craftsman, rampollo di una delle più importanti famiglie dell’industria editoriale inglese, è sparito. Suo padre lo aveva inviato in Spagna per rimediare alle perdite rovinose che la rivista *Librarte* stava causando al gruppo. Ma, a pochi giorni dal suo arrivo a Madrid, armato dell’inseparabile bollitore elettrico e ingenti quantità di tè, rigorosamente Earl Grey, di Atticus si è persa ogni traccia. Le ultime ad averlo visto in carne e ossa sono proprio le cinque donne impiegate nella rivista: la saggia e solitaria Berta, la dolce Gaby, la malinconica Asunción, l’irrequieta María e la bella Soleá. Su di loro comincia a indagare l’impacciato ispettore Manchego, che si trova costretto a fare i conti con cinque sospettate così diverse tra loro, ma disposte a far qualsiasi cosa pur di salvare il proprio posto di lavoro. Tra risate, azione e colpi di scena, il destino della rivista *Librarte* e delle sue cinque impiegate sarà quindi legato a doppio filo con quello del giovane Atticus. Un intricato garbuglio che attraverserà le strette vie di Madrid per arrivare giù fino al cuore bohémien dell’Andalusia, e che potrà risolversi solo grazie all’amore, all’amicizia e… al buon vecchio Hemingway. Tradotto in 10 Paesi, *La felicità è un tè con te* è un’irresistibile commedia romantica che con garbo e intelligenza si tinge, pagina dopo pagina, di mistero e travolgente ironia.

La Favola Che Non Ti Aspetti

* *Autrice del bestseller* Un giorno da favola ** *
Adam è il principe reggente del principato di Elnovia, un’isola nel mare Adriatico. Sua moglie è morta da quattro anni, lasciando un figlio dalla salute molto cagionevole. Tutti lo incalzano perché si sposi di nuovo, ma Adam è troppo legato al ricordo della moglie per pensare di innamorarsi ancora. Così accetta di farsi aiutare da un team di psicologi a trovare la principessa perfetta. Melissa ha trentacinque anni, ama mangiare e non nasconde le sue forme gentili. È un’insegnante e, avendo alle spalle due relazioni disastrose, è convinta di non essere in grado di scegliere da sola l’uomo che potrà renderla felice. Su suggerimento di un’amica, decide quindi di iscriversi al programma “Matrimonio al buio”: si tratta di un esperimento che prevede che sia un gruppo di psicologi a selezionare per i partecipanti il consorte ideale. Se dopo una frequentazione di poco più di un mese i due candidati risultano compatibili, si pronuncia il fatidico sì. Qualcosa, però, va storto e Melissa si troverà a dover fare i conti con qualcuno con cui non è in buoni rapporti. Ma si sa, l’odio e l’amore sono due facce della stessa medaglia e spesso il più agguerrito dei rapporti può trasformarsi in una bellissima favola.
* *Un principe, una storia burrascosa e uno scenario da favola:
ecco gli ingredienti perfetti per un romanzo che vi toccherà il cuore
I suoi romanzi sono un concentrato di emozioni**
«Una storia divertente e commovente allo stesso tempo.»
«Se amate leggere le storie d’amore ecco la favola che fa per voi!»
«Segreti, passione, litigi, amore, odio e molto altro: Fabiola ha creato un mix fantastico che fa sognare, ma allo stesso tempo è reale, perché l’amore può tutto, anche quando la vita ci mette lo zampino!»
**Fabiola D’Amico**
è cresciuta ad Aspra, in provincia di Palermo, e vive a Bagheria. Il lavoro occupa gran parte del suo tempo ma appena può s’immerge nella lettura o nella scrittura. Con la Newton Compton ha pubblicato *Un giorno da favola* , *Un matrimonio da favola* , *Amore per tre* , *Io lo chiamo amore* e *Scommettiamo che è amore?* **
### Sinossi
* *Autrice del bestseller* Un giorno da favola ** *
Adam è il principe reggente del principato di Elnovia, un’isola nel mare Adriatico. Sua moglie è morta da quattro anni, lasciando un figlio dalla salute molto cagionevole. Tutti lo incalzano perché si sposi di nuovo, ma Adam è troppo legato al ricordo della moglie per pensare di innamorarsi ancora. Così accetta di farsi aiutare da un team di psicologi a trovare la principessa perfetta. Melissa ha trentacinque anni, ama mangiare e non nasconde le sue forme gentili. È un’insegnante e, avendo alle spalle due relazioni disastrose, è convinta di non essere in grado di scegliere da sola l’uomo che potrà renderla felice. Su suggerimento di un’amica, decide quindi di iscriversi al programma “Matrimonio al buio”: si tratta di un esperimento che prevede che sia un gruppo di psicologi a selezionare per i partecipanti il consorte ideale. Se dopo una frequentazione di poco più di un mese i due candidati risultano compatibili, si pronuncia il fatidico sì. Qualcosa, però, va storto e Melissa si troverà a dover fare i conti con qualcuno con cui non è in buoni rapporti. Ma si sa, l’odio e l’amore sono due facce della stessa medaglia e spesso il più agguerrito dei rapporti può trasformarsi in una bellissima favola.
* *Un principe, una storia burrascosa e uno scenario da favola:
ecco gli ingredienti perfetti per un romanzo che vi toccherà il cuore
I suoi romanzi sono un concentrato di emozioni**
«Una storia divertente e commovente allo stesso tempo.»
«Se amate leggere le storie d’amore ecco la favola che fa per voi!»
«Segreti, passione, litigi, amore, odio e molto altro: Fabiola ha creato un mix fantastico che fa sognare, ma allo stesso tempo è reale, perché l’amore può tutto, anche quando la vita ci mette lo zampino!»
**Fabiola D’Amico**
è cresciuta ad Aspra, in provincia di Palermo, e vive a Bagheria. Il lavoro occupa gran parte del suo tempo ma appena può s’immerge nella lettura o nella scrittura. Con la Newton Compton ha pubblicato *Un giorno da favola* , *Un matrimonio da favola* , *Amore per tre* , *Io lo chiamo amore* e *Scommettiamo che è amore?*

La Donna Allo Specchio

Anne, Hanna, Anny: tre ragazze, tre spiriti liberi che si scontrano con le chiusure dell’epoca in cui vivono. Le loro storie si intersecano nonostante i secoli che le dividono, un intreccio all’inizio curioso, poi sempre più appassionante, fino a che un crescendo di rivelazioni porta le tre vicende a una conclusione congiunta. Anne, nelle Fiandre del XVI secolo, è una mistica che parla con gli animali come San Francesco, fa il bene perché non concepisce altra forma di agire, percepisce Dio nella natura e non comprende la necessità dei riti religiosi. Ma è fuori tempo rispetto al periodo della Controriforma e dell’Inquisizione: la sua estatica serenità, unita alle maldicenze della gente “normale”, viene presto tacciata di eresia. Hanna, nella Vienna d’inizio Novecento, è una giovane aristocratica alla ricerca di se stessa, insoddisfatta delle convenzioni borghesi. Dopo molta infelicità riuscirà a individuare nella psicoanalisi, nuova strabiliante cura appena inventata dal dottor Freud, il modo per raggiungere le radici del suo malessere. Anny è una star di Hollywood dei nostri tempi, drogata di celebrità e di sostanze stupefacenti, che cerca con l’abbrutimento di dare un senso a una vita in cui l’unico valore è il denaro; ci riuscirà invece attraverso la recitazione, e nel suo travagliato percorso esistenziale troverà l’amore. Tre donne che esprimono la loro sensazione di differenza rispetto al mondo e la volontà di sentirsi libere rifugiandosi in uno spazio di silenzio interiore nel quale svaniscono tutti i limiti e i confini.

La corona di fuoco. Il trono di ghiaccio

«Era passata una settimana da quel giorno orribile in cui le era crollato il mondo addosso. Tutto a un tratto il mondo era sparito, inghiottito dall’abisso che regnava dentro di lei». Celaena Sardothien è sopravvissuta a combattimenti mortali e a orribili sofferenze, ma di fronte all’assassinio della sua più cara amica è sconvolta e annientata. Consumata dal senso di colpa e dalla rabbia, vuole passare al contrattacco, e mettere in atto così la sua vendetta nei confronti del responsabile dell’atroce delitto, il re di Adarlan. Ogni speranza per distruggere il tiranno, però, giace nelle risposte che potrà darle Maeve, la regina dei Fae, a Wendlyn. Sacrificando il suo stesso futuro, Chaol, il Capitano della Guardia Reale, l’ha mandata laggiù con l’idea di proteggerla, senza sapere che questo viaggio potrebbe invece costarle la vita. In quella terra lontana, infatti, Celaena dovrà confrontarsi con un’oscura verità relativa alla propria origine, ma soprattutto affrontare creature brutali e mostruose che intendono conquistare il mondo intero. Per sconfiggerle, però, dovrà prima di tutto accettare la sua vera natura e far pace con i propri demoni interiori, accogliendo finalmente il suo destino. **

La Conclusione

Si dice che l’amore trionfa su tutto. So che la vendetta distrugge.
Jeremy mi ha messo la pistola in mano e mi ha detto di sparare. Ho deciso di lasciarlo vivere.
Ora, le ripercussioni di tale scelta sono di fronte a me. Rose, Hugh e Charles, tutti sprofondati nel sotterraneo, sono bloccati con i collari.
Mio Dio, che cos’ho fatto?
Include Alla Tua Scoperta 11: Il Capitolo Fantasma

La Chimica Del Cancro: Perchè Gli Umani Non Dovrebbero Mangiare Carne

Qui consideriamo come il cancro ha origine da un punto di vista organico. Il che significa che questa è un’affettazione che creiamo da soli, dal momento in cui cominciamo a consumare carni di qualsiasi tipo. A causa delle cellule di origine animale si genera l’acido urico consumato, che acidifica il nostro sangue, mentre le proteine della carne ingerita producono un effetto metilazione, che lascia un eccesso di omocisteina nelle nostre cellule sane, costringendole a mutare. **

La chiave dei portali

Mi chiamo Anna e, da quattro anni, vivo nel villaggio di Sona, probabilmente il più calmo e tranquillo del mondo dall’apertura dei portali. O almeno, lo era fino a quando Vlad, un maledetto cavaliere – sì, non li sopporto – non ha deciso di venire a morire proprio sulla porta di casa mia. Ovviamente non ho potuto lasciare che esalasse l’ultimo respiro. Ma forse sarebbe stato meglio così? È a causa sua se sono cominciati i guai: oltre ad avere i mercenari alle calcagna, Ersera, la serva degli dèi, non mi molla più. Non ho scelta, devo ritornare a Washington. Se il giorno in cui sono fuggita avessi saputo che dieci anni dopo quella città mi avrebbe riportata da lei…
Maledetto karma.
Maledetto passato.
**

La Cattedrale Del Peccato

Cancellati dalla storia
Condannati all’oscurità
La loro opera è un sacrilegio
Un grande thriller storico
Adorano una macabra reliquia
Sono cresciuti all’ombra della storia
Chi sono gli eredi di Giovanni?
Nella Milano del 1500, il prefetto Vittore ha finalmente deciso di abbandonare il celibato e cercare moglie. Ma i suoi piani vengono stravolti da un delitto brutale: una testa umana, poggiata su un piatto d’argento con incisa la frase latina Venit sol iustitiae, “Il sole della giustizia ha brillato”, viene ritrovata nel battistero della basilica di Sant’Ambrogio. Vittore, soprannominato da tutti Granchio Nero e noto per le sue eccezionali doti investigative, mette così da parte i suoi desideri e si butta a capofitto nelle indagini. Le sue attente e intelligenti ricerche lo porteranno in breve tempo a conoscere un’affascinante nobildonna e i più famosi personaggi dell’epoca – tutti coinvolti nella macabra vicenda – tra cui Michelangelo Buonarroti e Giulio II. E, soprattutto, lo porteranno ad avvicinarsi pericolosamente ai membri di una setta religiosa, gli Eredi di Giovanni, che adorano la testa imbalsamata del Battista. Una setta le cui origini risalgono ai tempi di Erode e Salomè e del loro Banchetto maledetto da Dio…
Una setta religiosa dalle antiche origini
Una macabra vicenda macchiata di sangue
Quale terribile segreto minaccia di far tremare il Vaticano?
«Didier Convard propone una storia ricca di personaggi scolpiti a tutto tondo, dando vita a un intrigo fitto di riferimenti esoterici.»
lelitteraire.com
Didier Convard
Ha iniziato la sua carriera come sceneggiatore e disegnatore di fumetti, collaborando alla rivista «Tintin». Ha curato molte serie per la casa editrice Glénat, di cui oggi è direttore editoriale e per cui segue l’adattamento a fumetti del Piccolo Principe. Didier è stato molto attivo anche come sceneggiatore per la TV e il cinema. Fra le sue numerose pubblicazioni, la serie a fumetti Il triangolo segreto, in sette volumi, bestseller in Francia, e il romanzo Vinci et l’ange brisé, prima indagine del prefetto Vittore. **
### Sinossi
Cancellati dalla storia
Condannati all’oscurità
La loro opera è un sacrilegio
Un grande thriller storico
Adorano una macabra reliquia
Sono cresciuti all’ombra della storia
Chi sono gli eredi di Giovanni?
Nella Milano del 1500, il prefetto Vittore ha finalmente deciso di abbandonare il celibato e cercare moglie. Ma i suoi piani vengono stravolti da un delitto brutale: una testa umana, poggiata su un piatto d’argento con incisa la frase latina Venit sol iustitiae, “Il sole della giustizia ha brillato”, viene ritrovata nel battistero della basilica di Sant’Ambrogio. Vittore, soprannominato da tutti Granchio Nero e noto per le sue eccezionali doti investigative, mette così da parte i suoi desideri e si butta a capofitto nelle indagini. Le sue attente e intelligenti ricerche lo porteranno in breve tempo a conoscere un’affascinante nobildonna e i più famosi personaggi dell’epoca – tutti coinvolti nella macabra vicenda – tra cui Michelangelo Buonarroti e Giulio II. E, soprattutto, lo porteranno ad avvicinarsi pericolosamente ai membri di una setta religiosa, gli Eredi di Giovanni, che adorano la testa imbalsamata del Battista. Una setta le cui origini risalgono ai tempi di Erode e Salomè e del loro Banchetto maledetto da Dio…
Una setta religiosa dalle antiche origini
Una macabra vicenda macchiata di sangue
Quale terribile segreto minaccia di far tremare il Vaticano?
«Didier Convard propone una storia ricca di personaggi scolpiti a tutto tondo, dando vita a un intrigo fitto di riferimenti esoterici.»
lelitteraire.com
Didier Convard
Ha iniziato la sua carriera come sceneggiatore e disegnatore di fumetti, collaborando alla rivista «Tintin». Ha curato molte serie per la casa editrice Glénat, di cui oggi è direttore editoriale e per cui segue l’adattamento a fumetti del Piccolo Principe. Didier è stato molto attivo anche come sceneggiatore per la TV e il cinema. Fra le sue numerose pubblicazioni, la serie a fumetti Il triangolo segreto, in sette volumi, bestseller in Francia, e il romanzo Vinci et l’ange brisé, prima indagine del prefetto Vittore.

La Battaglia Di Bretton Woods

Quando i mercati monetari e finanziari del mondo sono in tempesta, gli addetti ai lavori generalmente invocano «una nuova Bretton Woods», per prevenire il disordine economico ed evitare conflitti politici. Nella remota cittadina del New Hampshire si riunirono nel luglio del 1944, ben prima della fine della seconda guerra mondiale, i rappresentanti di 44 paesi. Gli accordi che furono raggiunti in quella storica conferenza hanno fatto sì che il suo nome evochi gli anni di stabilità e progresso seguiti alla guerra. La storia di quegli accordi, però, è costellata di drammi, intrighi e rivalità che poco si conoscono, e che Benn Steil fa rivivere in modo straordinariamente vivido in questo libro. Accantonata l’immagine convenzionale secondo cui Bretton Woods fu il risultato di un’amabile collaborazione tra inglesi e americani, Steil mostra invece come la conferenza sia stata l’anello decisivo di un ben più ambizioso progetto geopolitico, messo a punto dal ministero del Tesoro degli Stati Uniti – presidente Roosevelt – e teso a ridimensionare drasticamente il Regno Unito, considerato come un rivale economico e politico. Al centro della vicenda si situano le due figure antitetiche di John Maynard Keynes, il grande economista inglese, e di Harry Dexter White, il tenace tecnocrate americano, ispirato al modello del self-made man. Utilizzando una massa impressionante di documenti d’archivio, Steil offre un appassionante ritratto della controversa figura di White, vero artefice della centralità del dollaro nel sistema monetario mondiale, che venne appunto sancita dagli accordi di Bretton Woods. Si scopre così che White fu – privatamente – un ammiratore dell’economia pianificata, e che aveva intrattenuto per molti anni rapporti clandestini con esponenti dello spionaggio sovietico. Costruito su un impianto narrativo di grande respiro e di piacevolissima lettura, La battaglia di Bretton Woods è destinato a diventare un classico della storia economica e politica contemporanea.

La banda dei cinque – 9. Mistero in spiaggia

È arrivata l’estate e i fratelli Julian, Dick e Anne non vedono l’ora di raggiungere Kirrin Cottage per trascorrere due settimane in libertà, senza i genitori, insieme alla cugina Georgina, che si fa chiamare George. Un giorno, mentre sono in spiaggia con il loro inseparabile cane Timmy, incontrano Jo, una strana ragazza che vive in una roulotte con il padre e che da quel momento comincia a seguirli. È allora che iniziano i problemi: una sera, mentre sono tutti a casa addormentati, qualcuno si introduce nello studio dello zio Quentin e, dopo aver narcotizzato Timmy, ruba degli importanti documenti; l’indomani, Timmy e George escono per fare una passeggiata e non fanno più ritorno. E Julian e gli altri ricevono una inquietante richiesta di riscatto. Cosa ha a che fare Jo con tutti questi avvenimenti? Riuscirà la banda dei cinque a liberare George e Timmy e a catturare i rapitori?I

La banda dei cinque – 7. Avventura in campeggio

Julian, Dick, Anne e la cugina Georgina, che si fa chiamare George, con l’inseparabile cane Tim sono in vacanza in campeggio. I misteri però sembrano seguirli ovunque: questa volta la banda dei cinque dovrà investigare su treni che paiono svanire nel nulla.
Riuscirà la banda dei cinque a scoprire cosa si nasconde dietro il segreto dei treni fantasma?